Jane Austen

Samuel Richardson
The History of Sir Charles Grandison

indice letture JA     |     home page

Samuel Richardson

The History of Sir Charles Grandison
in a Series of Letters

(La storia Sir Charles Grandison
in una serie di lettere)



Samuel Richardson, 1689-1761




Indice

Introduzione

VOLUME I
Prefazione
Personaggi principali

 1- 2- 3- 4- 5- 6- 7- 8- 9-10
11-12-13-14-15-16-17-18-19-20
21-22-23-24-25-26-27-28-29-30
31-32-33-34-35




Le lettere

Il testo dei brevi riassunti delle lettere è tratto, con alcune licenze, da: The History of Sir Charles Grandison, by Mr. Samuel Richardson, With an Introduction by William Lyon Phelps, Professor of English Literature at Yale College, Croscup & Sterling Company, New York, 1901.

VOLUME I

I-1 - Miss Lucy Selby a Miss Harriet Byron, Ashby-Canons, 10 gennaio
Caratteri di Mr. Greville, Mr. Fenwick e Mr. Orme, i tre ammiratori di Miss Byron. Il loro allarme nel venire a sapere che Miss Byron ha deciso di recarsi a Londra con Mrs. Reeves, e le loro conseguenti determinazioni. L'appassionato comportamento di Mr. Greville durante una visita dai Selby.

I-2 - Mr. Greville a Lady Frampton, Northampton, 6 gennaio (acclusa alla precedente)
In questa lettera Mr. Greville fornisce una vivace descrizione delle qualità personali di Miss Byron, ne esalta la dolcezza del carattere descrivendone anche la situazione sociale e le circostanze della sua vita. Ammette di essere molto innamorato di quell'amabile giovane donna, e dichiara che, sebbene il suo comportamento modesto e virtuoso, in aggiunta al fascino personale, abbia attirato così tanti ammiratori, lui non dispera di assicurarsi la sua stima a dispetto di tutti i concorrenti. Esprime tuttavia i propri timori circa il fatto che il previsto viaggio di Miss Byron a Londra aumenterà moltissimo il numero dei suoi rivali.

I-3 - Miss Harriet Byron a Miss Lucy Selby, Selby House, 16 gen.
Le sensazioni che Mr. Greville suscita in Miss Byron, che esprime la sua totale indifferenza verso tutti i suoi ammiratori e spiega le sue ragioni per non avere intenzione di sposarsi prematuramente.

I-4 - Miss Byron a Miss Selby, Grosvenor-Street, martedì 24 gen.
L'arrivo di Miss Byron a Londra. Il comportamento di Mr. Greville e di Mr. Fenwick alla partenza e il genuino dolore di Mr. Orme nel dirle addio. Descrizione della casa e della sistemazione da Mr. Reeves.

I-5 - Miss Byron a Miss Selby, 25 gen.
Le tre cose che sono state ingiunte a Miss Byron dalla zia Selby quando è partita. Le prudenti avvertenze da parte dello zio Selby. Descrizione e carattere delle persone che hanno fatto una visita di cortesia a casa di Mr. Reeves. La gentilezza e l'attenzione di Lady Betty Williams nei confronti di Miss Byron; particolari riguardanti la signora e il suo carattere. Lady Betty promette di introdurre Miss Byron agli svaghi della città. Miss Byron evidenzia come sia difficile trovare un domestico fidato.

I-6 - Miss Byron a Miss Selby, Sabato 28 gen.
Miss Byron chiarisce le sue ragioni per rifiutare gli approcci di Mr. Greville; evidenzia come abbia i princìpi di un libertino, e si dilunga nell'analisi del suo vero carattere; poi menziona la pericolosa tendenza di una donna virtuosa a unirsi a un uomo di princìpi immorali con l'intento di redimerlo dalla cattiva strada. Quindi parla delle sue obiezioni verso Mr. Fenwick, che descrive come un uomo dal cuore maligno, anche se non così apertamente un dissoluto come Mr. Greville. La sua ottima opinione di Mr. Orme e la sua stima per la sorella.

I-7 - Mr. Selby a Miss Byron, Selby-house, 30 gen.
Critiche alla vanità femminile. Mette in guardia Miss Byron contro il dare troppo facilmente ascolto alle lusinghe degli uomini alla moda, che si dichiarano suoi ammiratori. Mette in luce i lati deboli della giovane donna con una sorta di amabile severità, scusandosi nel contempo per la franchezza. Conclude la lettera rammaricandosi per l'assenza della nipote, e, nonostante la bonaria ironia, ammette di desiderare che torni a Selby House.

I-8 - Miss Byron a Miss Selby, Martedì, 31 gen.
Mr. Fowler, nipote di Sir Rowland Meredith, si dichiara ammiratore di Miss Byron. Quest'ultima ne descrive la persona e il carattere, insieme a quelli dello zio Sir Rowland.

I-9 - Miss Byron. Continua, Giovedì, 2 feb.
Sir Rowland Meredith fa visita a Mr. Reeves. Spiega a Miss Byron il grande interesse che il nipote nutre per lei; sollecita il permesso di presentarglielo; mette in evidenza la sincerità delle sue motivazioni; promette di concedere una notevole rendita al nipote; la prega con fervore di permettere al giovanotto di farle visita, dopo aver appreso direttamente dalle labbra di lei che i suoi sentimenti non sono impegnati. Questa notizia rafforza le speranze di Sir Rowland, e, sebbene non ottenga una risposta definitiva dalla signorina in occasione di quella prima visita, spera in una riuscita migliore nella successiva, che preannuncia con fervore. Miss Byron, in questa lettera, fornisce una descrizione molto spiritosa della conversazione avuta con Sir Rowland in quella occasione; del calore del degno cavaliere nel sostenere la causa del nipote; del suo timore di offenderla; della generosa promessa a favore del giovanotto e della semplicità e franchezza dei modi di lui.

I-10 - Miss Byron. Continua, Venerdì sera
Miss Byron pranza da Lady Betty Williams, in compagnia di numerosi ospiti. Descrizione delle persone e dei loro caratteri.

I-11 - Miss Byron. Continua
Ulteriore resoconto sulla visita a Lady Betty e sugli ospiti incontrati. Sir Hargrave Pollexfen, un nuovo ammiratore di Miss Byron; descrizione della persona e del suo comportamento. Conversazione tra Sir Hargrave e Mr. Waldem

I-12 - Miss Byron. Continua
Proseguono la conversazione e le continue frecciate tra Sir Hargrave Pollexfen e Mr. Walden. Quest'ultimo cerca di coinvolgere il più possibile Miss Byron sul tema dell'erudizione e dei confronti tra antichi e moderni, mentre la sua interlocutrice non riesce a sottrarsi quanto vorrebbe alle sue domande.

I-13 - Miss Byron. Continua
Prosegue il resoconto della conversazione da Lady Betty, in particolare sull'importanza della conoscenza delle lingue classiche.

I-14 - Miss Byron. Continua
Conclusione della conversazione e della visita da Lady Betty. Miss Byron si dichiara nauseata da Sir Hargrave Pellexfen, e menziona alcuni esempi della sua immoralità.

I-15 - Miss Byron. Continua, Lunedì 6 febbraio
Obbedendo allo zio Selby, Miss Byron riprende la penna per fornirgli brevi descrizioni del suo carattere e delle varie opinioni che lei suppone siano state elaborate da ciascuno degli ospiti di Lady Betty. Lo fa facendoli parlare in prima persona, fingendo comunicazioni epistolari con dei loro amici o parenti con i quali intrattengono una corrispondenza, scritte imitando il loro stile e il loro modo di pensare.

I-16 - Miss Byron a Miss Selby, Lunedì sera, martedì mattina, 6 e 7 feb.
Sir Rowland Meredith, accompagnato dal nipote, Mr. Fowler, fa di nuovo visita a Miss Byron dai Reeves. Descrizione della conversazione avvenuta in tale occasione. La giovane è colpita dalle generose proposte di Sir Rowland, e dichiara la propria stima per lui e per il nipote, ma, dopo aver resistito alle insistenze di entrambi, appoggiati dai Reeves, congeda i due gentiluomini senza concedere loro speranze di successo.

I-17 - Miss Byron. Continua, Mercoledì sera
Sir Hargrave Pollexfen fa visita a Miss Byron e le chiede di sposarlo; lei rifiuta con decisione e lui sembra non accettare quel rifiuto, si comporta in modo sgarbato e supponente e se ne va pieno di collera.

I-18 - Miss Byron. Continua, Venerdì 10 feb. - Sab. matt. 11 feb.
Mr. Greville arriva in città, e manda un suo servitore a rendere omaggio a Miss Byron, che ne è molto infastidita. In mattinata visite di Sir Rowland Meredith, Sir Hargrave Pollexfen e Mr. Greville, tutti dai Reeves alla stessa ora per vedere Miss Byron. Sir Rowland, prima dell'arrivo degli altri due, chiede e ottiene dalla giovane donna un breve colloquio privato, e, tra le lacrime, implora i suoi favori a nome del nipote; lei conferma l'impossibilità di fornire al giovanotto la sia pur minima speranza di potere col tempo ricambiare il suo amore.

I-19 - Miss Byron. Continua
Ulteriore descrizione delle visite a Miss Byron. Sir Hargrave e Mr. Greville arrivano da Mr. Reeves subito dopo il colloquio della giovane con Sir Rowland Meredith. Una lunga descrizione della condotta dei due gentiluomini all'arrivo e della successiva conversazione. Vanno via prima Sir Rowland e poi Mr. Greville, e alla fine Sir Hargrave se ne va in collera per la franchezza di Miss Byron nel dichiarare la propria disapprovazione per le sue qualità morali. Miss Byron conclude la lettera lodando le superiori virtù di Mr. Fowler, di Sir Rowland e di Mr. Orme, se messi a confronto con Sir Hargrave.

I-20 - Miss Byron. Continua, Lunedì 13 febbraio - Lunedì sera
Sir Hargrave Pollexfen ripete la sua visita a Mr. Reeves, ma Miss Byron si rifiuta risolutamente di vederlo; lui se ne va in collera, giurando che lei sarà sua a dispetto di qualsiasi opposizione. Anche Mr. Greville fa di nuovo visita a Miss Byron, e insiste con lei perché gli assicuri che Sir Hargrave non sarà l'uomo prescelto. Viene descritto il suo focoso comportamento insieme al fastidio provato da Miss Byron.

I-21 - Miss Byron. Continua, Martedì mattina, 14 feb.
La visita di Miss Byron a Miss Clements; qualità e caratteristiche di quest'ultima. Sir Hargrave Pollexfen continua a importunare in casa di Mr. Reeves.

I-22 - Miss Byron. Continua, Mercoledì mattina, 15 feb. - Mercoledì pomeriggio
Mr. Greville torna in campagna; descrizione del suo congedo da Miss Byron. Un'altra visita da parte di Sir Hargrave Pollexfen; il suo indegno comportamento; Miss Byron gli proibisce ulteriori visite, e lui la lascia molto indignato, con imprecazioni e accuse. Essendosi così liberata di quell'irritante visitatore, Miss Byron racconta all'amica che il giorno dopo andrà con Lady Betty Williams a un ballo in maschera, in veste di principessa dell'Arcadia. Poi descrive nei minimi particolari il costume che indosserà, ed esprime dubbi sulla sua capacità di sostenere quella parte.

I-23 - Mr. Selby a Archibald Reeves, Esq., Venerdì, 17 feb.
Dopo un addolorato preambolo, Mr. Reeves rivela la spiacevole notizia riguardante Miss Byron, ovvero che la ragazza, dopo essere stata con i suoi amici nel corso del ballo in maschera, era poi stata condotta via in circostanze sconosciute; né, dopo accurate ricerche, si era riusciti ad avere il minimo indizio per risolvere il mistero di chi fosse stato a portarla via. Poi fornisce i dettagli dei movimenti di Miss Byron prima di sparire, e fa i nomi delle persone che con più probabilità potrebbero essere gli esecutori di quella scellerata operazione: Mr. Greville o Sir Hargrave Pollexfen.

I-24 - Mr. Selby a Archibald Reeves, Esq., Sabato, 18 feb.
Mr. Selby esprime il proprio dolore per la triste notizia comunicata da Mr. Reeves relativa alla nipote, si produce in una invettiva contro i balli in maschera e praticamente scagiona Mr. Greville dall'accusa di poter essere il rapitore di Miss Byron.

I-25 - Mr. Reeves a George Selby, Esq., Prosegue la lettera 23
Si è tentato di scoprire i farabutti che hanno portato via Miss Byron; dettagli sulle informazioni ottenute; forti sospetti sul suo domestico, Wilson. Buone nuove! Una lettera di Miss Charlotte Grandison a Mr. Reeves comunica che Miss Byron è in salvo, e in mani sicure. Sir Charles Grandison, l'eroe della vicenda, è qui presentato per la prima volta al lettore; egli ha coraggiosamente messo a repentaglio la propria vita per salvare l'onore della giovane signora, e, per sottrarla allo spietato farabutto, si è esposto alla furia del rapitore deluso, che ha ferito il valoroso eroe, ma non è rimasto indenne, e, per giunta, è stato costretto a rinunciare all'amabile premio proprio nel momento in cui era certo di averlo in suo possesso. Il rapitore si rivela essere Sir Hargrave Pollexfen.

I-26 - Mr. Reeves a George Selby, Esq., Sab. 18 feb.
Mr. Reeves fa visita a Miss Byron a casa del cognato di Sir Charles Grandison. Descrive la cortese accoglienza da parte di Miss Grandison, e apprende da lei alcune ulteriori informazioni relative al salvataggio. Poi, con grande cautela, viene condotto nella stanza di Miss Byron, che trova molto debole, anche se felicissima di vederlo. Riporta la conversazione che c'era stata e l'ulteriore colloquio con Miss Grandison mentre si era recato con lei in un'altra stanza per dar modo a Miss Byron di cambiarsi e alzarsi.

I-27 - Mr. Reeves a George Selby, Esq., Sabato sera
Mr. Reeves riprende gli argomenti trattati nella lettera precedente. Riporta che, nel periodo in cui era rimasto da solo con Miss Grandison, Miss Byron si era alzata dal letto, ma, incapace di restare alzata, era stata costretta a sdraiarsi di nuovo. Mr. Reeves, impaziente di tornare a casa con le notizie circa Miss Byron, è costretto da Miss Grandison ad aspettare l'arrivo del fratello e a pranzare con loro. Arriva Sir Charles Grandison; Mr. Reeves è molto colpito dal suo cortese comportamento, e dal cordiale benvenuto con il quale viene salutato, e descrive la sua persona. Sir Charles racconta a Mr. Reeves ciò che era successo tra lui e Sir Hargrave Pollexfen, durante il salvataggio di Miss Byron. Il reciproco affetto tra Sir Charles Grandison e la sorella è davvero esemplare. Miss Byron ha più successo nel suo secondo tentativo di alzarsi, e, sebbene non senza difficoltà, è in grado di restare a tavola per una mezzora, ed esprime la sua gratitudine a Sir Charles Grandison e alla sorella per il loro comportamento verso di lei.

I-28 - Mr. Reeves. Continua, Lunedì sera, 20 feb.
Mr. Reeves fa di nuovo visita a Miss Byron da Sir Charles Grandison, e la trova ristabilita al di là delle sue speranze. Caratteri di Sir Charles e della sorella. Miss Byron è riportata a Londra nella carrozza di Sir Charles; lui e la sorella la accompagnano, mentre Mr. Reeves va a cavallo. Arrivo a casa di Mr. Reeves. Gioioso incontro con Mrs. Reeves e con due affezionate amiche. Dettagli relativi alla situazione di Sir Hargrave Pollexfen.

I-29 - Miss Byron a Miss Selby, Lunedì, 20 feb.
Riepilogo degli avvenimenti passati. Miss Byron, felice di essere in grado di riprendere la corrispondenza con sua cugina, la informa delle crudeltà che ha dovuto subire da Sir Hargrave Pollexfen, dopo essere stata separata a tradimento dai suoi amici al ballo in maschera, iniziando il racconto dove Mr. Reeves aveva concluso il suo. Descrive i suoi sentimenti una volta scoperto il tradimento, durante il tragitto in portantina: sviene, e, dopo aver ripreso i sensi, si ritrova sdraiata in un letto, in una stanza sconosciuta, con tre estranee intorno al letto che stavano cercando di farla rinvenire. Ha appena cominciato a fare domande alle donne sulla sua situazione, quando il traditore, Sir Hargrave, entra nella stanza. Lei lancia un urlo e quasi sviene alla vista di lui; lui si allontana vedendo la sua agitazione, ma poco dopo rientra, e, dopo aver ordinato alle donne di uscire, comincia a rimproverare alla giovane la sua passata indifferenza verso di lui, e gioisce della sua angoscia, respingendo le sue lacrime e le sue suppliche con malvagio disprezzo; le dice in modo ingiurioso che non ha possibilità di scampo, e che lui è determinato a farla sua, con o senza la sua volontà. Cerca di prendersi qualche indecente libertà, e le urla di lei fanno rientrare una delle donne, che protesta con lui per il comportamento che sta avendo (dato che, prima che la giovane venisse portata in casa loro, aveva assicurato che non le sarebbe stata fatta alcuna violenza), e ciò fornisce a Miss Byron una tregua momentanea da quell'odiosa persecuzione.

I-30 - Miss Byron. Continua
Continua il racconto di Miss Byron. Sir Hargrave Pollexfen è furibondo per l'interferenza delle donne, ma giudica utile placare i loro sospetti con una scusa plausibile di sua invenzione. Il suo infame progetto viene subito alla luce. Deciso a far sua Miss Byron, a dispetto di qualsiasi ostacolo, anche in presenza del totale rifiuto da parte di lei, ingaggia un prete spregevole (proveniente dalla prigione di Fleet, come si saprà dopo) per celebrare le nozze nella stessa casa dove è rinchiusa la giovane, e, avendo così convinto le donne, per assicurarsi il loro aiuto, fa entrare il prete, e, nonostante le lacrime e le suppliche della bella vittima, e i suoi giuramenti di non concedere mai il suo consenso, Sir Hargrave costringe quell'empio ministro di culto a dare inizio al solenne servizio religioso. Il turbamento di Miss Byron nel rammentare la terribile scena la costringe a quel punto a interrompere il racconto.

I-31 - Miss Byron. Continua
Ulteriore proseguimento del racconto di Miss Byron. La lettura del sacerdote corrotto viene interrotta dall'agitazione di Miss Byron; Sir Hargrave gli ingiunge di andare avanti, al che lui fa alcuni tentativi infruttuosi di obbedire. Le donne della casa cercano di convincere Miss Byron a cedere, mettendo in risalto le intenzioni onorevoli di Sir Hargrave, la sua ricchezza e l'avvenenza della persona, tutte considerazioni che Miss Byron respinge con disdegno, offrendo loro la metà del proprio patrimonio per aiutarla a tornare dai suoi parenti, cosa però che Sir Hargrave impedisce loro di fare. Nel tentativo di dividerla dalle donne chiudendo violentemente la porta, Sir Hargrave ferisce in modo serio Miss Byron, e, in qualche modo colpito dalla propria brutalità, non desiste tuttavia dalle sue intenzioni malvage. Miss Byron lo accusa di volerla uccidere e sviene.

I-32 - Miss Byron. Continua
Continua il racconto. Sir Hargrave, molto spaventato dai sintomi di Miss Byron, congeda il prete e cambia progetti; cerca di estorcerle la promessa di accettare la sua proposta di matrimonio; di fronte al suo rifiuto di accondiscendere ai suoi desideri si dimostra molto irritato; la forza a mettersi un mantello col cappuccio e le impedisce di parlare con le donne della casa; poi la porta via a forza in una carrozza scortata da diversi suoi servitori a cavallo.

I-33 - Miss Byron. Continua
Conclusione del racconto di Miss Byron, che descrive il crudele trattamento subito da parte di Sir Hargrave Pollexfen mentre viaggiava in carrozza con lui. La bocca chiusa da un fazzoletto, per impedire di gridare aiuto, minacciata di un trattamento ancora più rigido, a meno che non si fosse piegata ai desideri di lui, privata dell'aria, con lo sguardo impedito dallo stesso fazzoletto che le chiudeva la bocca, aveva viaggiato per un tempo considerevole nell'angoscia e nell'incertezza, finché un provvidenziale avvenimento, che aveva fermato il procedere della carrozza, le aveva dato modo di chiedere aiuto. Le sue grida erano arrivate all'orecchio di Sir Charles Grandison, e non aveva gridato invano; lui l'aveva salvata dal suo rapitore, e condotta sana e salva nella propria casa. E in questo modo, dopo un breve panegirico nei confronti del suo salvatore, Miss Byron conclude il suo racconto.

I-34 - Sir Cha. Grandison a Archib. Reeves, Esq., Canterbury, 22 feb.
Sir Charles informa Mr. Reeves di aver ricevuto una lunga lettera di discolpa da William Wilson, il servitore che aveva tradito Miss Byron mettendola nelle mani di Sir Hargrave Pollexfen. Ritiene che sarebbe preferibile accogliere il suo pentimento anziché cercare di punirlo, dimostrandogli clemenza e incoraggiandolo a intraprendere la via del bene.

I-35 - William Wilson all'Onorevole Sir Charles Grandison, Bart., Sabato, 18 feb.
Wilson riconosce ampiamente la propria colpa, e confessa di aver tradito Miss Byron a favore di Sir Hargrave Pollexfen; fornisce un resoconto della prima parte della propria vita, quando era al servizio di Bagenhall, un libertino, alla cui morte era stato assunto da Sir Christopher Lucas, un dissoluto simile al precedente in ogni specie di infamia; poi aveva anche conosciuto Mr. Merceda, amico e compagno di malefatte di Sir Hargrave Pollexfen. Ciascuno di quei gentiluomini si affidava a lui per esercitare i propri talenti nel combattere la virtù. Egli racconta il modo in cui era riuscito a essere presentato a Miss Byron e a essere assunto al suo servizio, lo stratagemma che aveva utilizzato per separare Miss Byron dai suoi amici la sera del ballo in maschera, insieme alla descrizione della famiglia a cui era stata portata da Sir Hargrave. Spiega alcune circostanze che la giovane non aveva menzionato nel suo racconto, e molti altri particolari che lei non conosceva circa i progetti rispettabili che Sir Hargrave aveva nei suoi confronti; aggiunge gli sviluppi di quei progetti, e gli ulteriori passi che lui aveva in mente di fare, prima che lei si imbattesse nel valoroso liberatore, che l'aveva salvata dal suo persecutore e da immeritate sofferenze. Wilson rinnovo le sue dichiarazioni di pentimento e promette di correggersi, se Sir Charles fosse intervenuto presso i parenti di Miss Byron per far cadere qualsiasi chiamata in giudizio nei suoi confronti, e infine informa Sir Charles che Sir Hargrave sta segretamente complottando per ucciderlo, e lo mette in guardia dalla segrete macchinazioni di quell'uomo disperato.


indice letture JA     |     home page