Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume III - capitolo 12 (54)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice

Volume III - Chapter 12 (54)

As soon as they were gone, Elizabeth walked out to recover her spirits; or in other words, to dwell without interruption on those subjects that must deaden them more. Mr. Darcy's behaviour astonished and vexed her.

"Why, if he came only to be silent, grave, and indifferent," said she, "did he come at all?"

She could settle it in no way that gave her pleasure.

"He could be still amiable, still pleasing, to my uncle and aunt, when he was in town; and why not to me? If he fears me, why come hither? If he no longer cares for me, why silent? Teazing, teazing, man! I will think no more about him."

Her resolution was for a short time involuntarily kept by the approach of her sister, who joined her with a cheerful look, which shewed her better satisfied with their visitors, than Elizabeth.

"Now," said she, "that this first meeting is over, I feel perfectly easy. I know my own strength, and I shall never be embarrassed again by his coming. I am glad he dines here on Tuesday. It will then be publicly seen, that on both sides, we meet only as common and indifferent acquaintance."

"Yes, very indifferent indeed," said Elizabeth, laughingly. "Oh, Jane, take care."

"My dear Lizzy, you cannot think me so weak, as to be in danger now?"

"I think you are in very great danger of making him as much in love with you as ever."

They did not see the gentlemen again till Tuesday; and Mrs. Bennet, in the meanwhile, was giving way to all the happy schemes, which the good humour, and common politeness of Bingley, in half an hour's visit, had revived.

On Tuesday there was a large party assembled at Longbourn; and the two, who were most anxiously expected, to the credit of their punctuality as sportsmen, were in very good time. When they repaired to the dining-room, Elizabeth eagerly watched to see whether Bingley would take the place, which, in all their former parties, had belonged to him, by her sister. Her prudent mother, occupied by the same ideas, forbore to invite him to sit by herself. On entering the room, he seemed to hesitate; but Jane happened to look round, and happened to smile: it was decided. He placed himself by her.

Elizabeth, with a triumphant sensation, looked towards his friend. He bore it with noble indifference, and she would have imagined that Bingley had received his sanction to be happy, had she not seen his eyes likewise turned towards Mr. Darcy, with an expression of half-laughing alarm.

His behaviour to her sister was such, during dinner time, as shewed an admiration of her, which, though more guarded than formerly, persuaded Elizabeth, that if left wholly to himself, Jane's happiness, and his own, would be speedily secured. Though she dared not depend upon the consequence, she yet received pleasure from observing his behaviour. It gave her all the animation that her spirits could boast; for she was in no cheerful humour. Mr. Darcy was almost as far from her as the table could divide them. He was on one side of her mother. She knew how little such a situation would give pleasure to either, or make either appear to advantage. She was not near enough to hear any of their discourse, but she could see how seldom they spoke to each other, and how formal and cold was their manner, whenever they did. Her mother's ungraciousness, made the sense of what they owed him more painful to Elizabeth's mind; and she would, at times, have given any thing to be privileged to tell him, that his kindness was neither unknown nor unfelt by the whole of the family.

She was in hopes that the evening would afford some opportunity of bringing them together; that the whole of the visit would not pass away without enabling them to enter into something more of conversation, than the mere ceremonious salutation attending his entrance. Anxious and uneasy, the period which passed in the drawing-room, before the gentlemen came, was wearisome and dull to a degree, that almost made her uncivil. She looked forward to their entrance, as the point on which all her chance of pleasure for the evening must depend.

"If he does not come to me, then," said she, "I shall give him up for ever."

The gentlemen came; and she thought he looked as if he would have answered her hopes; but, alas! the ladies had crowded round the table, where Miss Bennet was making tea, and Elizabeth pouring out the coffee, in so close a confederacy, that there was not a single vacancy near her, which would admit of a chair. And on the gentlemen's approaching, one of the girls moved closer to her than ever, and said, in a whisper,

"The men shan't come and part us, I am determined. We want none of them; do we?"

Darcy had walked away to another part of the room. She followed him with her eyes, envied everyone to whom he spoke, had scarcely patience enough to help anybody to coffee; and then was enraged against herself for being so silly!

"A man who has once been refused! How could I ever be foolish enough to expect a renewal of his love? Is there one among the sex, who would not protest against such a weakness as a second proposal to the same woman? There is no indignity so abhorrent to their feelings!"

She was a little revived, however, by his bringing back his coffee cup himself; and she seized the opportunity of saying,

"Is your sister at Pemberley still?"

"Yes, she will remain there till Christmas."

"And quite alone? Have all her friends left her?"

"Mrs. Annesley is with her. The others have been gone on to Scarborough, these three weeks."

She could think of nothing more to say; but if he wished to converse with her, he might have better success. He stood by her, however, for some minutes, in silence; and, at last, on the young lady's whispering to Elizabeth again, he walked away.

When the tea-things were removed, and the card tables placed, the ladies all rose, and Elizabeth was then hoping to be soon joined by him, when all her views were overthrown, by seeing him fall a victim to her mother's rapacity for whist players, and in a few moments after seated with the rest of the party. She now lost every expectation of pleasure. They were confined for the evening at different tables, and she had nothing to hope, but that his eyes were so often turned towards her side of the room, as to make him play as unsuccessfully as herself.

Mrs. Bennet had designed to keep the two Netherfield gentlemen to supper; but their carriage was unluckily ordered before any of the others, and she had no opportunity of detaining them.

"Well girls," said she, as soon as they were left to themselves, "What say you to the day? I think every thing has passed off uncommonly well, I assure you. The dinner was as well dressed as any I ever saw. The venison was roasted to a turn - and everybody said, they never saw so fat a haunch. The soup was fifty times better than what we had at the Lucas's last week; and even Mr. Darcy acknowledged, that the partridges were remarkably well done; and I suppose he has two or three French cooks at least. And, my dear Jane, I never saw you look in greater beauty. Mrs. Long said so too, for I asked her whether you did not. And what do you think she said besides? 'Ah! Mrs. Bennet, we shall have her at Netherfield at last.' She did indeed. I do think Mrs. Long is as good a creature as ever lived - and her nieces are very pretty behaved girls, and not at all handsome: I like them prodigiously."

Mrs. Bennet, in short, was in very great spirits; she had seen enough of Bingley's behaviour to Jane, to be convinced that she would get him at last; and her expectations of advantage to her family, when in a happy humour, were so far beyond reason, that she was quite disappointed at not seeing him there again the next day, to make his proposals.

"It has been a very agreeable day," said Miss Bennet to Elizabeth. "The party seemed so well selected, so suitable one with the other. I hope we may often meet again."

Elizabeth smiled.

"Lizzy, you must not do so. You must not suspect me. It mortifies me. I assure you that I have now learnt to enjoy his conversation as an agreeable and sensible young man, without having a wish beyond it. I am perfectly satisfied from what his manners now are, that he never had any design of engaging my affection. It is only that he is blessed with greater sweetness of address, and a stronger desire of generally pleasing than any other man."

"You are very cruel," said her sister, "you will not let me smile, and are provoking me to it every moment."

"How hard it is in some cases to be believed!"

"And how impossible in others!"

"But why should you wish to persuade me that I feel more than I acknowledge?"

"That is a question which I hardly know how to answer. We all love to instruct, though we can teach only what is not worth knowing. Forgive me; and if you persist in indifference, do not make me your confidante."

Orgoglio e pregiudizio

Volume III - capitolo 12 (54)

Non appena se ne furono andati, Elizabeth uscì per risollevare il proprio umore; o, in altre parole, per dedicarsi senza interruzioni a quegli argomenti che l'avrebbero di certo abbattuto ancora di più. Il comportamento di Mr. Darcy l'aveva stupita e irritata.

"Perché mai è venuto", si disse, "se l'ha fatto solo per restare muto, serio e indifferente?"

Non riusciva a pensare a nulla che la soddisfacesse.

"Ha continuato a essere amabile, a essere simpatico, con i miei zii, quando era a Londra; perché con me no? Se ha paura di me, perché viene qui? Se non gliene importa più nulla di me, perché restare muto? Che uomo irritante, proprio irritante! Non voglio più pensare a lui."

La sua decisione fu involontariamente mantenuta per un po' per l'avvicinarsi della sorella, che si unì a lei con un'aria allegra che dimostrava come fosse più soddisfatta di Elizabeth dei due visitatori.

"Ora che si è concluso il primo incontro", disse, "mi sento perfettamente serena. So quanto sono forte, e non mi sentirò più in imbarazzo nel vederlo arrivare. Sono lieta che pranzi qui martedì. Così diventerà di dominio pubblico che, da entrambe le parti, ci incontriamo con indifferenza, solo come semplici conoscenti.

"Sì, proprio con molta indifferenza", disse Elizabeth, ridendo. "Oh, Jane, stai attenta."

"Mia cara Lizzy, mi credi davvero talmente debole da correre ancora qualche pericolo?"

"Credo che tu stia correndo il serissimo pericolo di farlo innamorare di te com'è sempre stato."

Non rividero i due signori fino al martedì, e, nel frattempo, Mrs. Bennet si abbandonò a tutte le rosee aspettative che il buonumore e la consueta cortesia di Bingley avevano riacceso in quella visita di mezzora.

Il martedì c'era un gruppo numeroso riunito a Longbourn, e i due che erano più attesi arrivarono, facendo onore alla loro puntualità di cacciatori, in perfetto orario. Quando si recarono in sala da pranzo, Elizabeth stette ansiosamente attenta, per vedere se Bingley avrebbe preso il posto accanto alla sorella che, in tutti i pranzi precedenti, gli era appartenuto. La madre, occupata con la stessa idea, evitò con cura di invitarlo a sedere accanto a lei. Entrando nella stanza, lui sembrò esitare; ma a Jane capitò di guardarsi intorno, e capitò di sorridere: la decisione fu presa. Si mise accanto a lei.

Elizabeth, con un senso di trionfo, guardò verso il suo amico. Sembrava sopportare la cosa con nobile indifferenza, e lei avrebbe immaginato che Bingley avesse ricevuto il permesso di essere felice, se non avesse visto anche lui dirigere lo sguardo verso Mr. Darcy, con un'espressione mezzo allarmata e mezzo divertita.

Il suo comportamento con la sorella fu tale, durante il pranzo, da rivelare un'ammirazione che, sebbene più cauta di prima, convinse Elizabeth che, se lasciato interamente a se stesso, la felicità di Jane, e quella di lui, sarebbe stata presto assicurata. Anche se non osava avere certezze sulla conclusione, le fece piacere osservare il comportamento di lui. Le diede tutta l'eccitazione che le fosse possibile provare, poiché non era certo di ottimo umore. Mr. Darcy era lontano da lei quanto tutta la lunghezza del tavolo. Era seduto in uno dei due posti di fianco alla madre. Sapeva bene quanto poco una situazione del genere facesse piacere a entrambi, o potesse farli apparire nella luce migliore l'uno con l'altra. Non era abbastanza vicina da poter sentire i loro discorsi, ma poteva vedere quanto raramente si rivolgessero la parola, e quanto i loro modi fossero freddi e formali, ogni volta che lo facevano. La scortesia della madre le rese più penosa la consapevolezza di ciò che gli dovevano, e, a volte, avrebbe dato chissà che per avere il privilegio di dirgli che non tutta la famiglia ignorava o non apprezzava la sua generosità.

Sperava che in serata avrebbe potuto cogliere qualche occasione per stare insieme; che non tutta la visita trascorresse senza dar loro modo di intavolare una conversazione che andasse almeno un po' al di là dei cerimoniosi convenevoli che avevano accompagnato il suo arrivo. Ansiosa e agitata com'era, il periodo trascorso in salotto, prima dell'arrivo dei signori, fu talmente pesante e noioso da renderla quasi scortese. Aspettava impaziente il suo ingresso, come il momento dal quale dipendessero tutte le sue possibilità di gioia della serata.

"Se nemmeno allora verrà da me", si disse, "rinuncerò a lui per sempre."

I signori arrivarono, e le sembrò che lui stesse esaudendo le sue speranze, ma, ahimè! le signore si affollarono così fitte intorno al tavolo, dove Miss Bennet stava preparando il tè, ed Elizabeth versando il caffè, che vicino a lei non rimase un solo posto libero, idoneo a far spazio a una sedia. E, all'avvicinarsi dei signori, una delle ragazze si strinse più che mai accanto a lei, dicendo, in un bisbiglio,

"Ho deciso che gli uomini non devono riuscire a dividerci. Non abbiamo bisogno di nessuno di loro, non è vero?"

Darcy si era spostato in un altro lato della stanza. Lei lo seguì con lo sguardo; invidiava tutti quelli a cui rivolgeva la parola, non aveva nessuna voglia di servire il caffè, e poi si arrabbiò con se stessa per essere così sciocca!

"Un uomo che è stato rifiutato già una volta! Come potrei mai essere così stupida da aspettarmi un ritorno del suo amore? Può esserci anche solo uno del suo sesso che non si opponga alla debolezza di una seconda proposta alla stessa donna? Non c'è nessun disonore così ripugnante per i loro sentimenti!"

Si rianimò un pochino, tuttavia, quando riportò lui stesso la tazza del caffè, e lei colse l'occasione per dire,

"Vostra sorella è ancora a Pemberley?"

"Sì, ci resterà fino a Natale."

"E tutta sola? I suoi amici sono andati tutti via?"

"C'è Mrs. Annesley con lei. Gli altri sono andati a Scarborough tre settimane fa."

Non riuscì a trovare altro da dire; ma se lui avesse voluto conversare, avrebbe potuto avere più successo. Invece rimase in piedi accanto a lei solo per qualche minuto, in silenzio, e alla fine, quando la signorina bisbigliò ancora qualcosa a Elizabeth, si allontanò.

Una volta portato via il tè, e sistemati i tavoli da gioco, tutte le signore si alzarono, ed Elizabeth sperò di potersi presto unire a lui, ma tutte le sue speranze svanirono, vedendolo cadere vittima della rapacità della madre di formare un tavolo da whist, e dopo pochi istanti seduto con il resto del gruppo. In quel momento vide sfumare tutte le sue aspettative di felicità. Erano confinati per tutta la serata a tavoli diversi, e non aveva più nulla da sperare, se non che gli occhi di lui si rivolgessero spesso nella sua direzione, tanto da farlo giocare male come lei.

Mrs. Bennet aveva previsto di far restare a cena i due signori di Netherfield; ma la loro carrozza fu sfortunatamente ordinata prima di tutte le altre, e lei non ebbe modo di trattenerli.

"Be', ragazze", disse, non appena rimaste sole, "che ne dite della giornata? Credo che sia andato tutto straordinariamente bene, ve l'assicuro. Il pranzo è stato servito bene come non mi era mai capitato di vedere. Il cervo era cotto al punto giusto, e tutti hanno detto di non avere mai visto un cosciotto così grosso. La zuppa era cinquanta volte meglio di quella che abbiamo mangiato dai Lucas la settimana scorsa; persino Mr. Darcy ha riconosciuto che le pernici erano cucinate particolarmente bene, e immagino che abbia almeno due o tre cuoche francesi. Mia cara Jane, non ti ho mai vista più bella. L'ha detto anche Mrs. Long, perché le avevo chiesto se non fosse così. E che cosa credi che abbia detto? «Ah! Mrs. Bennet, alla fine la vedremo a Netherfield.» Ha detto proprio così. Credo che Mrs. Long sia la persona migliore al mondo, e le sue nipoti sono ragazze molto ammodo, e per niente belle. Mi piacciono da morire."

Mrs. Bennet, per farla breve, era eccitatissima; aveva visto abbastanza del comportamento di Bingley verso Jane per essersi convinta che alla fine l'avrebbe conquistato; e le sue aspettative per il bene della famiglia erano, quando era di buon umore, talmente lontane dalla ragionevolezza, che il giorno successivo rimase molto delusa nel non vederlo tornare per fare la sua dichiarazione.

"È stata una giornata molto gradevole", disse Miss Bennet a Elizabeth. "La comitiva sembrava così ben assortita, così affiatata. Spero che ci si possa ritrovare spesso."

Elizabeth sorrise.

"Lizzy, non devi fare così. Non devi sospettare di me. Mi mortifica. Ti assicuro di aver imparato a godere della sua conversazione come quella di un giovanotto simpatico e intelligente, senza desiderare altro. Sono perfettamente convinta, dai suoi modi attuali, che non abbia mai avuto in progetto di conquistare il mio affetto. È solo che è dotato di una grande dolcezza nel modo di comportarsi, e di un desiderio di rendersi gradito a tutti maggiore di qualsiasi altro uomo."

"Sei molto crudele", disse la sorella; "non vuoi che io sorrida, e mi provochi continuamente."

"Com'è difficile in certi casi essere creduti!"

"E com'è impossibile in altri!" (1)

"Ma perché vuoi convincermi che provo più di quanto ammetto?"

"Ecco una domanda alla quale non so rispondere. Tutti amiamo educare, anche se siamo in grado di insegnare solo ciò che non vale la pena di sapere. Perdonami, e se persisti nella tua indifferenza, non fare di me la tua confidente."

(1) Nella lettera 80 (del 4 febbraio 1813, alla sorella Cassandra), JA cita questo passo, dove aveva trovato un refuso nella prima edizione del romanzo, appena pubblicato: "L'errore di stampa più grossolano che ho trovato è a Pagina 220 - Vol. 3 - dove due battute diventano una." Nell'immagine sotto si vede infatti che le battute pronunciate dalle due sorelle, prima Jane e poi Elizabeth, erano state stampate come se fossero una sola (vedi la nota 1 alla lettera).

     |     romanzi canonici     |     home page     |