Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume III - capitolo 13 (55)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice

Volume III - Chapter 13 (55)

A few days after this visit, Mr. Bingley called again, and alone. His friend had left him that morning for London, but was to return home in ten days time. He sat with them above an hour, and was in remarkably good spirits. Mrs. Bennet invited him to dine with them; but, with many expressions of concern, he confessed himself engaged elsewhere.

"Next time you call," said she, "I hope we shall be more lucky."

He should be particularly happy at any time, &c. &c.; and if she would give him leave, would take an early opportunity of waiting on them.

"Can you come to-morrow?"

Yes, he had no engagement at all for to-morrow; and her invitation was accepted with alacrity.

He came, and in such very good time, that the ladies were none of them dressed. In ran Mrs. Bennet to her daughter's room, in her dressing gown, and with her hair half finished, crying out,

"My dear Jane, make haste and hurry down. He is come - Mr. Bingley is come. - He is, indeed. Make haste, make haste. Here, Sarah, come to Miss Bennet this moment, and help her on with her gown. Never mind Miss Lizzy's hair."

"We will be down as soon as we can," said Jane; "but I dare say Kitty is forwarder than either of us, for she went up stairs half an hour ago."

"Oh! hang Kitty! what has she to do with it? Come be quick, be quick! where is your sash my dear?"

But when her mother was gone, Jane would not be prevailed on to go down without one of her sisters.

The same anxiety to get them by themselves, was visible again in the evening. After tea, Mr. Bennet retired to the library, as was his custom, and Mary went up stairs to her instrument. Two obstacles of the five being thus removed, Mrs. Bennet sat looking and winking at Elizabeth and Catherine for a considerable time, without making any impression on them. Elizabeth would not observe her; and when at last Kitty did, she very innocently said, "What is the matter mamma? What do you keep winking at me for? What am I to do?"

"Nothing child, nothing. I did not wink at you." She then sat still five minutes longer; but unable to waste such a precious occasion, she suddenly got up, and saying to Kitty,

"Come here, my love, I want to speak to you," took her out of the room. Jane instantly gave a look at Elizabeth, which spoke her distress at such premeditation, and her entreaty that she would not give into it. In a few minutes, Mrs. Bennet half-opened the door and called out,

"Lizzy, my dear, I want to speak with you."

Elizabeth was forced to go.

"We may as well leave them by themselves you know;" said her mother as soon as she was in the hall. "Kitty and I are going up stairs to sit in my dressing room."

Elizabeth made no attempt to reason with her mother, but remained quietly in the hall, till she and Kitty were out of sight, then returned into the drawing room.

Mrs. Bennet's schemes for this day were ineffectual. Bingley was every thing that was charming, except the professed lover of her daughter. His ease and cheerfulness rendered him a most agreeable addition to their evening party; and he bore with the ill-judged officiousness of the mother, and heard all her silly remarks with a forbearance and command of countenance, particularly grateful to the daughter.

He scarcely needed an invitation to stay supper; and before he went away, an engagement was formed, chiefly through his own and Mrs. Bennet's means, for his coming next morning to shoot with her husband.

After this day, Jane said no more of her indifference. Not a word passed between the sisters concerning Bingley; but Elizabeth went to bed in the happy belief that all must speedily be concluded, unless Mr. Darcy returned within the stated time. Seriously, however, she felt tolerably persuaded that all this must have taken place with that gentleman's concurrence.

Bingley was punctual to his appointment; and he and Mr. Bennet spent the morning together, as had been agreed on. The latter was much more agreeable than his companion expected. There was nothing of presumption or folly in Bingley, that could provoke his ridicule, or disgust him into silence; and he was more communicative, and less eccentric, than the other had ever seen him. Bingley of course returned with him to dinner; and in the evening Mrs. Bennet's invention was again at work to get every body away from him and her daughter. Elizabeth, who had a letter to write, went into the breakfast room for that purpose soon after tea; for as the others were all going to sit down to cards, she could not be wanted to counteract her mother's schemes.

But on returning to the drawing room, when her letter was finished, she saw, to her infinite surprise, there was reason to fear that her mother had been too ingenious for her. On opening the door, she perceived her sister and Bingley standing together over the hearth, as if engaged in earnest conversation; and had this led to no suspicion, the faces of both, as they hastily turned round, and moved away from each other, would have told it all. Their situation was awkward enough; but her's she thought was still worse. Not a syllable was uttered by either; and Elizabeth was on the point of going away again, when Bingley, who as well as the other had sat down, suddenly rose, and whispering a few words to her sister, ran out of the room.

Jane could have no reserves from Elizabeth, where confidence would give pleasure; and instantly embracing her, acknowledged, with the liveliest emotion, that she was the happiest creature in the world.

"'Tis too much!" she added, "by far too much. I do not deserve it. Oh! why is not every body as happy?"

Elizabeth's congratulations were given with a sincerity, a warmth, a delight, which words could but poorly express. Every sentence of kindness was a fresh source of happiness to Jane. But she would not allow herself to stay with her sister, or say half that remained to be said, for the present.

"I must go instantly to my mother;" she cried. "I would not on any account trifle with her affectionate solicitude; or allow her to hear it from any one but myself. He is gone to my father already. Oh! Lizzy, to know that what I have to relate will give such pleasure to all my dear family! how shall I bear so much happiness!"

She then hastened away to her mother, who had purposely broken up the card party, and was sitting up stairs with Kitty.

Elizabeth, who was left by herself, now smiled at the rapidity and ease with which an affair was finally settled, that had given them so many previous months of suspense and vexation.

"And this," said she, "is the end of all his friend's anxious circumspection! of all his sister's falsehood and contrivance! the happiest, wisest, most reasonable end!"

In a few minutes she was joined by Bingley, whose conference with her father had been short and to the purpose.

"Where is your sister?" said he hastily, as he opened the door.

"With my mother up stairs. She will be down in a moment I dare say."

He then shut the door, and coming up to her, claimed the good wishes and affection of a sister. Elizabeth honestly and heartily expressed her delight in the prospect of their relationship. They shook hands with great cordiality; and then till her sister came down, she had to listen to all he had to say, of his own happiness, and of Jane's perfections; and in spite of his being a lover, Elizabeth really believed all his expectations of felicity, to be rationally founded, because they had for basis the excellent understanding, and super-excellent disposition of Jane, and a general similarity of feeling and taste between her and himself.

It was an evening of no common delight to them all; the satisfaction of Miss Bennet's mind gave a glow of such sweet animation to her face, as made her look handsomer than ever. Kitty simpered and smiled, and hoped her turn was coming soon. Mrs. Bennet could not give her consent, or speak her approbation in terms warm enough to satisfy her feelings, though she talked to Bingley of nothing else, for half an hour; and when Mr. Bennet joined them at supper, his voice and manner plainly shewed how really happy he was.

Not a word, however, passed his lips in allusion to it, till their visitor took his leave for the night; but as soon as he was gone, he turned to his daughter, and said,

"Jane, I congratulate you. You will be a very happy woman."

Jane went to him instantly, kissed him, and thanked him for his goodness.

"You are a good girl;" he replied, "and I have great pleasure in thinking you will be so happily settled. I have not a doubt of your doing very well together. Your tempers are by no means unlike. You are each of you so complying, that nothing will ever be resolved on; so easy, that every servant will cheat you; and so generous, that you will always exceed your income."

"I hope not so. Imprudence or thoughtlessness in money matters would be unpardonable in me."

"Exceed their income! My dear Mr. Bennet," cried his wife, "what are you talking of? Why, he has four or five thousand a-year, and very likely more." Then addressing her daughter, "Oh! my dear, dear Jane, I am so happy! I am sure I shan't get a wink of sleep all night. I knew how it would be. I always said it must be so, at last. I was sure you could not be so beautiful for nothing! I remember, as soon as ever I saw him, when he first came into Hertfordshire last year, I thought how likely it was that you should come together. Oh! he is the handsomest young man that ever was seen!"

Wickham, Lydia, were all forgotten. Jane was beyond competition her favourite child. At that moment, she cared for no other. Her younger sisters soon began to make interest with her for objects of happiness which she might in future be able to dispense.

Mary petitioned for the use of the library at Netherfield; and Kitty begged very hard for a few balls there every winter.

Bingley, from this time, was of course a daily visitor at Longbourn; coming frequently before breakfast, and always remaining till after supper; unless when some barbarous neighbour, who could not be enough detested, had given him an invitation to dinner, which he thought himself obliged to accept.

Elizabeth had now but little time for conversation with her sister; for while he was present, Jane had no attention to bestow on any one else; but she found herself considerably useful to both of them, in those hours of separation that must sometimes occur. In the absence of Jane, he always attached himself to Elizabeth, for the pleasure of talking of her; and when Bingley was gone, Jane constantly sought the same means of relief.

"He has made me so happy," said she, one evening, "by telling me, that he was totally ignorant of my being in town last spring! I had not believed it possible."

"I suspected as much," replied Elizabeth. "But how did he account for it?"

"It must have been his sister's doing. They were certainly no friends to his acquaintance with me, which I cannot wonder at, since he might have chosen so much more advantageously in many respects. But when they see, as I trust they will, that their brother is happy with me, they will learn to be contented, and we shall be on good terms again; though we can never be what we once were to each other."

"That is the most unforgiving speech," said Elizabeth, "that I ever heard you utter. Good girl! It would vex me, indeed, to see you again the dupe of Miss Bingley's pretended regard."

"Would you believe it, Lizzy, that when he went to town last November, he really loved me, and nothing but a persuasion of my being indifferent, would have prevented his coming down again!"

"He made a little mistake to be sure; but it is to the credit of his modesty."

This naturally introduced a panegyric from Jane on his diffidence, and the little value he put on his own good qualities. Elizabeth was pleased to find, that he had not betrayed the interference of his friend, for, though Jane had the most generous and forgiving heart in the world, she knew it was a circumstance which must prejudice her against him.

"I am certainly the most fortunate creature that ever existed!" cried Jane. "Oh! Lizzy, why am I thus singled from my family, and blessed above them all! If I could but see you as happy! If there were but such another man for you!"

"If you were to give me forty such men, I never could be so happy as you. Till I have your disposition, your goodness, I never can have your happiness. No, no, let me shift for myself; and, perhaps, if I have very good luck, I may meet with another Mr. Collins in time."

The situation of affairs in the Longbourn family could not be long a secret. Mrs. Bennet was privileged to whisper it to Mrs. Phillips, and she ventured, without any permission, to do the same by all her neighbours in Meryton.

The Bennets were speedily pronounced to be the luckiest family in the world, though only a few weeks before, when Lydia had first run away, they had been generally proved to be marked out for misfortune.

Orgoglio e pregiudizio

Volume III - capitolo 13 (55)

Qualche giorno dopo quella visita, Mr. Bingley tornò a trovarli, e da solo. Il suo amico era partito il mattino per Londra, ma sarebbe tornato nel giro di dieci giorni. Si fermò per più di un'ora, ed era di ottimo umore. Mrs. Bennet lo invitò a pranzo, ma, con molte espressioni di rammarico, lui dichiarò di essere già impegnato altrove.

"La prossima volta che verrete", disse lei, "spero che saremo più fortunati."

Lui ne sarebbe stato felice in qualsiasi momento, ecc. ecc.; e se gli fosse stato permesso, avrebbe colto la prima occasione per far loro visita.

"Domani potete venire?"

Sì, non aveva nessun impegno per l'indomani, e l'invito fu accettato molto volentieri.

Venne, e così di buonora che nessuna delle signore era vestita. Precipitandosi nella camera della figlia, in vestaglia e con i capelli mezzo spettinati, Mrs. Bennet gridò,

"Mia cara Jane, sbrigati a scendere. È arrivato... è arrivato Mr. Bingley. È proprio lui. Sbrigati, sbrigati. Sarah, vieni immediatamente da Miss Bennet, e aiutala a vestirsi. Non preoccuparti dei capelli di Miss Lizzy."

"Scenderemo non appena possibile", disse Jane, "ma credo che Kitty sia più avanti di noi due, visto che è salita mezzora fa."

"Oh! lascia perdere Kitty! che c'entra lei? Fai in fretta, in fretta! dov'è la tua cintura mia cara?"

Ma una volta uscita la madre, Jane non si lasciò convincere a scendere senza una delle sorelle.

Lo stesso desiderio di lasciarli da soli emerse di nuovo nel pomeriggio. Dopo il tè, Mr. Bennet si ritirò in biblioteca, com'era suo solito, e Mary salì al piano di sopra dal suo strumento. Essendo così rimossi due ostacoli, Mrs. Bennet rimase seduta lanciando sguardi e facendo l'occhiolino a Elizabeth e Catherine per un bel po', senza che le due se ne accorgessero. Elizabeth non la stava a guardare, e alla fine, quando lo fece Kitty, quest'ultima disse con molta ingenuità. "Che c'è, mamma? Perché continuate a farmi l'occhiolino? Che cosa devo fare?"

"Nulla, bambina mia. Non ti sto facendo l'occhiolino." Poi rimase seduta ancora per cinque minuti, ma, incapace di sprecare un'occasione del genere, si alzò improvvisamente e, dicendo a Kitty,

"Vieni, tesoro mio. Ti voglio parlare." la portò fuori della stanza. Jane lanciò subito un'occhiata a Elizabeth, che esprimeva il suo imbarazzo per una manovra così scoperta, e la sua preghiera affinché lei non cedesse. Dopo qualche minuto, Mrs. Bennet socchiuse la porta ed esclamò,

"Lizzy, mia cara. Ti voglio parlare."

Elizabeth fu costretta ad andare.

"Possiamo anche lasciarli soli, sai"; disse la madre non appena lei fu nell'atrio. "Kitty e io andremo di sopra nel mio spogliatoio."

Elizabeth non fece nessun tentativo di discutere con la madre; rimase tranquilla nell'atrio, fino a quando lei e Kitty non furono sparite, e poi tornò in salotto.

Per quel giorno i progetti di Mrs. Bennet non ebbero effetto. Bingley fu tutto ciò che si può chiamare incantevole, salvo dichiararsi innamorato della figlia. La sua disinvoltura e allegria lo resero un'aggiunta molto gradita alla serata; sopportò pazientemente l'inopportuna invadenza della madre, e ascoltò le sue sciocche osservazioni con un'indulgenza e un'impassibilità delle quali la figlia gli fu grata.

Non fu quasi necessario invitarlo, per farlo restare a cena, e prima che se andasse fu deciso, principalmente tra lui e Mrs. Bennet, che il mattino dopo sarebbe andato a caccia con il marito.

Dopo quella giornata, Jane non parlò più di indifferenza. Non una parola fu detta tra le sorelle riguardo a Bingley, ma Elizabeth andò a letto con la felice convinzione che tutto si sarebbe rapidamente concluso, a meno che Mr. Darcy non fosse tornato prima del previsto. In realtà, però, era quasi sicura che tutto ciò fosse avvenuto con l'assenso di quel gentiluomo.

Bingley fu puntuale al suo appuntamento, e lui e Mr. Bennet passarono la mattinata insieme, così come concordato. Quest'ultimo fu molto più gradevole di quanto si fosse aspettato il suo compagno. In Bingley non c'era nulla di presuntuoso o stravagante che potesse risvegliare il suo senso del ridicolo, o un disgusto che lo riducesse al silenzio; e così fu molto comunicativo, e meno eccentrico, di quanto l'altro l'avesse mai visto. Ovviamente Bingley tornò insieme a lui per pranzo, e nel pomeriggio l'inventiva di Mrs. Bennet si mise di nuovo all'opera per allontanare tutti da lui e dalla figlia. Elizabeth, che doveva scrivere una lettera, andò a farlo nella sala della colazione subito dopo il tè, poiché, dato che gli altri si sarebbero tutti dedicati alle carte, non c'era bisogno di lei per neutralizzare i progetti della madre.

Ma, tornando in salotto, una volta finita la lettera, vide, con sua infinita sorpresa, che vi era motivo di temere che la madre fosse stata troppo furba per lei. Aprendo la porta, si accorse che la sorella e Bingley erano in piedi appoggiati al caminetto, come se fossero impegnati in una seria conversazione; e anche se questo sarebbe potuto non bastare per insospettirla, le facce di entrambi, quando si girarono all'improvviso e si allontanarono l'uno dall'altra, avrebbero detto tutto. La loro situazione era abbastanza imbarazzante, ma lei pensò che la sua fosse ancora peggiore. Nessuno dei due disse una parola, ed Elizabeth era sul punto di andarsene, quando Bingley, che si era seduto insieme a Jane, si alzò improvvisamente, e sussurrando qualche parola alla sorella, corse fuori della stanza.

Jane non aveva segreti per Elizabeth, quando la confidenza sarebbe stata motivo di gioia, e l'abbracciò immediatamente, informandola, con fortissima emozione, che era la persona più felice al mondo.

"È troppo!" aggiunse, "davvero troppo. Non lo merito. Oh! perché non sono tutti così felici?"

Elizabeth le fece le sue congratulazioni con una sincerità, un calore, una gioia, che le parole potevano esprimere solo in minima parte. Ogni frase affettuosa era per Jane fonte di nuova felicità. Ma per il momento non voleva restare lì con la sorella, o dire la metà di ciò che doveva essere detto.

"Vado immediatamente dalla mamma", esclamò. "Non vorrei assolutamente prendermi gioco della sua affettuosa premura, o permettere che lo sappia da altri e non da me. Lui è già andato dal babbo. Oh! Lizzy, sapere che ciò che ho da dire darà così tanta gioia a tutta la mia cara famiglia! come farò a sopportare tanta felicità!"

Si affrettò quindi dalla madre, che aveva interrotto di proposito la partita a carte, ed era di sopra con Kitty.

Elizabeth, che era rimasta sola, sorrise per la rapidità e la facilità con cui si era finalmente risolta una faccenda che aveva provocato così tanti mesi di incertezza e malumore.

"E questa", si disse, "è la fine di tutta l'ansiosa cautela del suo amico! di tutte le bugie e gli stratagemmi delle sorelle! la conclusione più felice, più saggia e più giusta!"

Dopo qualche minuto fu raggiunta da Bingley, il cui colloquio con il padre era stato breve e fruttuoso.

"Dov'è vostra sorella?" disse con impazienza, non appena aperta la porta.

"Con mia madre di sopra. Credo proprio che scenderà a momenti."

Lui allora chiuse la porta, e le si avvicinò, richiedendo gli auguri e l'affetto di una cognata. Elizabeth espresse sinceramente e con tutto il cuore la sua gioia in vista di quella parentela. Si strinsero la mano con grande cordialità, e poi, fino a quando la sorella non scese, lei dovette ascoltare tutto ciò che lui aveva da dire della sua felicità e di tutte le perfezioni di Jane; e nonostante fosse un innamorato, Elizabeth credeva davvero che tutte le sue speranze di felicità fossero seriamente fondate, poiché avevano alla base l'eccellente giudizio, e l'ancora più eccellente indole di Jane, e una generale identità di sentimenti e di gusti tra i due.

Fu una serata di gioia non comune per tutti loro; la soddisfazione nell'animo di Miss Bennet donò una luce di così dolce vivacità al suo volto, da farla sembrare più bella che mai. Kitty sorrideva tutta contenta, e sperava che venisse presto il suo turno. Mrs. Bennet non sarebbe mai riuscita a dare il suo consenso, o a esprimere la propria approvazione, in termini sufficientemente calorosi da soddisfare i propri sentimenti, anche se con Bingley non parlò di altro per mezzora; e quando Mr. Bennet si unì a loro per la cena, la sua voce e i suoi modi dimostravano quanto fosse felice.

Non una parola, tuttavia, gli salì alle labbra riguardo alla faccenda, fino a quando il loro ospite non prese congedo per la notte; ma, non appena se ne fu andato, si rivolse alla figlia e disse,

"Jane, mi congratulo con te. Sarai una donna molto felice."

Jane corse da lui, lo baciò, e lo ringraziò per la sua bontà.

"Sei una brava ragazza", replicò lui, "e mi fa tanto piacere pensare che ti sistemerai così bene. Non ho dubbi sul fatto che insieme starete benissimo. Avete caratteri molto simili. Siete entrambi così accondiscendenti, che non prenderete mai una decisione; così indulgenti, che tutte le persone di servizio vi imbroglieranno; e così generosi, che spenderete sempre di più della vostre entrate."

"Spero di no. La leggerezza o la sbadataggine in materia di soldi sarebbero imperdonabili per me."

"Spendere di più delle loro entrate! Mio caro Mr. Bennet", esclamò la moglie, "ma di che stai parlando? Ma come, ha quattro o cinquemila sterline l'anno, e molto probabilmente ancora di più." Poi, rivolgendosi alla figlia, "Oh! mia cara Jane, sono così felice! Sono sicura che non chiuderò occhio tutta la notte. Lo sapevo come sarebbe andata. Ho sempre detto che doveva andare così, alla fine. Ero sicura che non potevi essere così bella per niente! Mi ricordo, non appena l'ho visto, quando è arrivato nell'Hertfordshire l'anno scorso, di aver pensato a come fosse probabile che sareste finiti insieme. Oh! il giovanotto più bello che sia mai esistito!"

Wickham, Lydia, tutto era dimenticato. Jane era senza dubbio la figlia prediletta. In quel momento, non le importava di nessun'altra. Le figlie minori cominciarono subito a interessarsi a quegli obiettivi di felicità che in futuro lei sarebbe stata in grado di dispensare.

Mary fece formale istanza per usare la biblioteca di Netherfield; e Kitty chiese con grande energia qualche ballo ogni inverno.

Bingley, da quel momento, fu naturalmente tutti i giorni ospite a Longbourn; veniva spesso prima di colazione, e restava sempre fino alla cena, a meno che qualche barbaro vicino, che non poteva mai essere detestato troppo, non gli avesse mandato un invito a pranzo che lui si fosse sentito costretto ad accettare.

Elizabeth aveva ora pochissimo tempo a disposizione per conversare con la sorella, poiché, quando c'era lui, Jane non aveva attenzioni per nessun altro; ma si trovò a essere estremamente utile a entrambi, in quelle ore di separazione che talvolta capitavano. In assenza di Jane, lui stava sempre con Elizabeth, per il piacere di parlare di lei; e quando Bingley se ne andava, Jane cercava costantemente lo stesso tipo di sollievo.

"Mi ha resa così felice", disse, una sera, "dicendomi che ignorava totalmente il fatto che fossi a Londra la primavera scorsa! Non l'avevo creduto possibile."

"Io lo sospettavo alquanto", replicò Elizabeth. "Ma come lo ha spiegato?"

"Dev'essere stata opera delle sorelle. Non erano certamente benevole nei confronti della sua conoscenza con me, cosa che non mi meraviglia, dato che avrebbe potuto scegliere in modo più vantaggioso sotto molti aspetti. Ma quando vedranno, come confido che faranno, che il fratello è felice con me, impareranno a essere soddisfatte, e torneremo in buoni rapporti, anche se non potranno mai essere quelli di una volta."

"È il discorso più inflessibile che ti abbia mai sentita pronunciare", disse Elizabeth. "Brava! Mi seccherebbe davvero vederti credere ancora alle finte premure di Miss Bingley."

"Ci crederesti, Lizzy, che quando è andato a Londra lo scorso novembre mi amava davvero, e che nulla se non la convinzione che io fossi indifferente, gli avrebbe impedito di tornare?"

"Sicuramente ha fatto un piccolo sbaglio; ma fa onore alla sua modestia."

Questo naturalmente diede la stura a un panegirico da parte di Jane sulla sua insicurezza, e sullo scarso valore che lui dava alle sue buone qualità. A Elizabeth fece piacere che lui non avesse rivelato l'intromissione dell'amico, poiché, sebbene Jane avesse il cuore più generoso del mondo, e il più disposto al perdono, si rendeva conto di come fosse una circostanza che l'avrebbe certamente messa contro di lui.

"Sono sicuramente la creatura più fortunata mai esistita!" esclamò Jane. "Oh! Lizzy, perché sono stata proprio io a essere prescelta, e benedetta più di qualsiasi altro in tutta la famiglia! Se potessi vedere te altrettanto felice! Se solo ci fosse un altro uomo del genere per te!"

"Se anche ce ne fossero quaranta di uomini così, non potrei mai essere felice come te. Finché non avrò la tua indole, la tua bontà, non potrò mai provare la tua stessa felicità. No, no, lascia che me la sbrighi da sola, e, forse, se sarò molto fortunata, potrò incontrare in tempo un altro Mr. Collins."

Lo stato di cose nella famiglia di Longbourn non poteva certo restare a lungo un segreto. Mrs. Bennet ebbe il privilegio di sussurrarlo a Mrs. Phillips, e lei si azzardò, senza nessuna autorizzazione, a fare lo stesso con tutti i suoi vicini di Meryton.

I Bennet furono rapidamente proclamati la famiglia più fortunata del mondo, anche se poche settimane prima, quando Lydia era scappata, erano stati da tutti segnati a dito per la loro disgrazia.

     |     romanzi canonici     |     home page     |