Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume III - capitolo 11 (53)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice

Volume III - Chapter 11 (53)

Mr. Wickham was so perfectly satisfied with this conversation, that he never again distressed himself, or provoked his dear sister Elizabeth, by introducing the subject of it; and she was pleased to find that she had said enough to keep him quiet.

The day of his and Lydia's departure soon came, and Mrs. Bennet was forced to submit to a separation, which, as her husband by no means entered into her scheme of their all going to Newcastle, was likely to continue at least a twelvemonth.

"Oh! my dear Lydia," she cried, "when shall we meet again?"

"Oh, lord! I don't know. Not these two or three years perhaps."

"Write to me very often, my dear."

"As often as I can. But you know married women have never much time for writing. My sisters may write to me. They will have nothing else to do."

Mr. Wickham's adieus were much more affectionate than his wife's. He smiled, looked handsome, and said many pretty things.

"He is as fine a fellow," said Mr. Bennet, as soon as they were out of the house, "as ever I saw. He simpers, and smirks, and makes love to us all. I am prodigiously proud of him. I defy even Sir William Lucas himself, to produce a more valuable son-in-law."

The loss of her daughter made Mrs. Bennet very dull for several days.

"I often think," said she, "that there is nothing so bad as parting with one's friends. One seems so forlorn without them."

"This is the consequence you see, Madam, of marrying a daughter," said Elizabeth. "It must make you better satisfied that your other four are single."

"It is no such thing. Lydia does not leave me because she is married; but only because her husband's regiment happens to be so far off. If that had been nearer, she would not have gone so soon."

But the spiritless condition which this event threw her into, was shortly relieved, and her mind opened again to the agitation of hope, by an article of news, which then began to be in circulation. The housekeeper at Netherfield had received orders to prepare for the arrival of her master, who was coming down in a day or two, to shoot there for several weeks. Mrs. Bennet was quite in the fidgets. She looked at Jane, and smiled, and shook her head by turns.

"Well, well, and so Mr. Bingley is coming down, sister," (for Mrs. Phillips first brought her the news). "Well, so much the better. Not that I care about it, though. He is nothing to us, you know, and I am sure I never want to see him again. But, however, he is very welcome to come to Netherfield, if he likes it. And who knows what may happen? But that is nothing to us. You know, sister, we agreed long ago never to mention a word about it. And so, is it quite certain he is coming?"

"You may depend on it," replied the other, "for Mrs. Nicholls was in Meryton last night; I saw her passing by, and went out myself on purpose to know the truth of it; and she told me that it was certain true. He comes down on Thursday at the latest, very likely on Wednesday. She was going to the butcher's, she told me, on purpose to order in some meat on Wednesday, and she has got three couple of ducks just fit to be killed."

Miss Bennet had not been able to hear of his coming, without changing colour. It was many months since she had mentioned his name to Elizabeth; but now, as soon as they were alone together, she said,

"I saw you look at me to day, Lizzy, when my aunt told us of the present report; and I know I appeared distressed. But don't imagine it was from any silly cause. I was only confused for the moment, because I felt that I should be looked at. I do assure you, that the news does not affect me either with pleasure or pain. I am glad of one thing, that he comes alone; because we shall see the less of him. Not that I am afraid of myself, but I dread other people's remarks."

Elizabeth did not know what to make of it. Had she not seen him in Derbyshire, she might have supposed him capable of coming there, with no other view than what was acknowledged; but she still thought him partial to Jane, and she wavered as to the greater probability of his coming there with his friend's permission, or being bold enough to come without it.

"Yet it is hard," she sometimes thought, "that this poor man cannot come to a house, which he has legally hired, without raising all this speculation! I will leave him to himself."

In spite of what her sister declared, and really believed to be her feelings, in the expectation of his arrival, Elizabeth could easily perceive that her spirits were affected by it. They were more disturbed, more unequal, than she had often seen them.

The subject which had been so warmly canvassed between their parents, about a twelvemonth ago, was now brought forward again.

"As soon as ever Mr. Bingley comes, my dear," said Mrs. Bennet, "you will wait on him of course."

"No, no. You forced me into visiting him last year, and promised if I went to see him, he should marry one of my daughters. But it ended in nothing, and I will not be sent on a fool's errand again."

His wife represented to him how absolutely necessary such an attention would be from all the neighbouring gentlemen, on his returning to Netherfield.

"'Tis an etiquette I despise," said he. "If he wants our society, let him seek it. He knows where we live. I will not spend my hours in running after my neighbours every time they go away, and come back again."

"Well, all I know is, that it will be abominably rude if you do not wait on him. But, however, that shan't prevent my asking him to dine here, I am determined. We must have Mrs. Long and the Gouldings soon. That will make thirteen with ourselves, so there will be just room at table for him."

Consoled by this resolution, she was the better able to bear her husband's incivility; though it was very mortifying to know that her neighbours might all see Mr. Bingley in consequence of it, before they did. As the day of his arrival drew near,

"I begin to be sorry that he comes at all," said Jane to her sister. "It would be nothing; I could see him with perfect indifference, but I can hardly bear to hear it thus perpetually talked of. My mother means well; but she does not know, no one can know how much I suffer from what she says. Happy shall I be, when his stay at Netherfield is over!"

"I wish I could say any thing to comfort you," replied Elizabeth; "but it is wholly out of my power. You must feel it; and the usual satisfaction of preaching patience to a sufferer is denied me, because you have always so much."

Mr. Bingley arrived. Mrs. Bennet, through the assistance of servants, contrived to have the earliest tidings of it, that the period of anxiety and fretfulness on her side, might be as long as it could. She counted the days that must intervene before their invitation could be sent; hopeless of seeing him before. But on the third morning after his arrival in Hertfordshire, she saw him from her dressing-room window, enter the paddock, and ride towards the house.

Her daughters were eagerly called to partake of her joy. Jane resolutely kept her place at the table; but Elizabeth, to satisfy her mother, went to the window - she looked, - she saw Mr. Darcy with him, and sat down again by her sister.

"There is a gentleman with him, mamma," said Kitty; "who can it be?"

"Some acquaintance or other, my dear, I suppose; I am sure I do not know."

"La!" replied Kitty, "it looks just like that man that used to be with him before. Mr. what's his name. That tall, proud man."

"Good gracious! Mr. Darcy! - and so it does I vow. Well, any friend of Mr. Bingley's will always be welcome here to be sure; but else I must say that I hate the very sight of him."

Jane looked at Elizabeth with surprise and concern. She knew but little of their meeting in Derbyshire, and therefore felt for the awkwardness which must attend her sister, in seeing him almost for the first time after receiving his explanatory letter. Both sisters were uncomfortable enough. Each felt for the other, and of course for themselves; and their mother talked on, of her dislike of Mr. Darcy, and her resolution to be civil to him only as Mr. Bingley's friend, without being heard by either of them. But Elizabeth had sources of uneasiness which could not be suspected by Jane, to whom she had never yet had courage to shew Mrs. Gardiner's letter, or to relate her own change of sentiment towards him. To Jane, he could be only a man whose proposals she had refused, and whose merit she had undervalued; but to her own more extensive information, he was the person, to whom the whole family were indebted for the first of benefits, and whom she regarded herself with an interest, if not quite so tender, at least as reasonable and just, as what Jane felt for Bingley. Her astonishment at his coming - at his coming to Netherfield, to Longbourn, and voluntarily seeking her again, was almost equal to what she had known on first witnessing his altered behaviour in Derbyshire.

The colour which had been driven from her face, returned for half a minute with an additional glow, and a smile of delight added lustre to her eyes, as she thought for that space of time, that his affection and wishes must still be unshaken. But she would not be secure.

"Let me first see how he behaves," said she; "it will then be early enough for expectation."

She sat intently at work, striving to be composed, and without daring to lift up her eyes, till anxious curiosity carried them to the face of her sister, as the servant was approaching the door. Jane looked a little paler than usual, but more sedate than Elizabeth had expected. On the gentlemen's appearing, her colour increased; yet she received them with tolerable ease, and with a propriety of behaviour equally free from any symptom of resentment, or any unnecessary complaisance.

Elizabeth said as little to either as civility would allow, and sat down again to her work, with an eagerness which it did not often command. She had ventured only one glance at Darcy. He looked serious as usual; and she thought, more as he had been used to look in Hertfordshire, than as she had seen him at Pemberley. But, perhaps he could not in her mother's presence be what he was before her uncle and aunt. It was a painful, but not an improbable, conjecture.

Bingley, she had likewise seen for an instant, and in that short period saw him looking both pleased and embarrassed. He was received by Mrs. Bennet with a degree of civility, which made her two daughters ashamed, especially when contrasted with the cold and ceremonious politeness of her curtsey and address to his friend.

Elizabeth particularly, who knew that her mother owed to the latter the preservation of her favourite daughter from irremediable infamy, was hurt and distressed to a most painful degree by a distinction so ill applied.

Darcy, after enquiring of her how Mr. and Mrs. Gardiner did, a question which she could not answer without confusion, said scarcely any thing. He was not seated by her; perhaps that was the reason of his silence; but it had not been so in Derbyshire. There he had talked to her friends, when he could not to herself. But now several minutes elapsed, without bringing the sound of his voice; and when occasionally, unable to resist the impulse of curiosity, she raised her eyes to his face, she as often found him looking at Jane, as at herself, and frequently on no object but the ground. More thoughtfulness, and less anxiety to please than when they last met, were plainly expressed. She was disappointed, and angry with herself for being so.

"Could I expect it to be otherwise!" said she. "Yet why did he come?"

She was in no humour for conversation with any one but himself; and to him she had hardly courage to speak.

She enquired after his sister, but could do no more.

"It is a long time, Mr. Bingley, since you went away," said Mrs. Bennet.

He readily agreed to it.

"I began to be afraid you would never come back again. People did say, you meant to quit the place entirely at Michaelmas; but, however, I hope it is not true. A great many changes have happened in the neighbourhood, since you went away. Miss Lucas is married and settled. And one of my own daughters. I suppose you have heard of it; indeed, you must have seen it in the papers. It was in the Times and the Courier, I know; though it was not put in as it ought to be. It was only said, 'Lately, George Wickham, Esq. to Miss Lydia Bennet,' without there being a syllable said of her father, or the place where she lived, or any thing. It was my brother Gardiner's drawing up too, and I wonder how he came to make such an awkward business of it. Did you see it?"

Bingley replied that he did, and made his congratulations. Elizabeth dared not lift up her eyes. How Mr. Darcy looked, therefore, she could not tell.

"It is a delightful thing, to be sure, to have a daughter well married," continued her mother, "but at the same time, Mr. Bingley, it is very hard to have her taken such a way from me. They are gone down to Newcastle, a place quite northward, it seems, and there they are to stay, I do not know how long. His regiment is there; for I suppose you have heard of his leaving the ----shire, and of his being gone into the regulars. Thank Heaven! he has some friends, though perhaps not so many as he deserves."

Elizabeth, who knew this to be levelled at Mr. Darcy, was in such misery of shame, that she could hardly keep her seat. It drew from her, however, the exertion of speaking, which nothing else had so effectually done before; and she asked Bingley, whether he meant to make any stay in the country at present. A few weeks, he believed.

"When you have killed all your own birds, Mr. Bingley," said her mother, "I beg you will come here, and shoot as many as you please, on Mr. Bennet's manor. I am sure he will be vastly happy to oblige you, and will save all the best of the covies for you."

Elizabeth's misery increased, at such unnecessary, such officious attention! Were the same fair prospect to arise at present, as had flattered them a year ago, every thing, she was persuaded, would be hastening to the same vexatious conclusion. At that instant she felt, that years of happiness could not make Jane or herself amends, for moments of such painful confusion.

"The first wish of my heart," said she to herself, "is never more to be in company with either of them. Their society can afford no pleasure, that will atone for such wretchedness as this! Let me never see either one or the other again!"

Yet the misery, for which years of happiness were to offer no compensation, received soon afterwards material relief, from observing how much the beauty of her sister re-kindled the admiration of her former lover. When first he came in, he had spoken to her but little; but every five minutes seemed to be giving her more of his attention. He found her as handsome as she had been last year; as good natured, and as unaffected, though not quite so chatty. Jane was anxious that no difference should be perceived in her at all, and was really persuaded that she talked as much as ever. But her mind was so busily engaged, that she did not always know when she was silent.

When the gentlemen rose to go away, Mrs. Bennet was mindful of her intended civility, and they were invited and engaged to dine at Longbourn in a few days time.

"You are quite a visit in my debt, Mr. Bingley," she added, "for when you went to town last winter, you promised to take a family dinner with us, as soon as you returned. I have not forgot, you see; and I assure you, I was very much disappointed that you did not come back and keep your engagement."

Bingley looked a little silly at this reflection, and said something of his concern, at having been prevented by business. They then went away.

Mrs. Bennet had been strongly inclined to ask them to stay and dine there that day; but, though she always kept a very good table, she did not think any thing less than two courses, could be good enough for a man, on whom she had such anxious designs, or satisfy the appetite and pride of one who had ten thousand a year.

Orgoglio e pregiudizio

Volume III - capitolo 11 (53)

Mr. Wickham rimase così pienamente soddisfatto da quella conversazione, che non si afflisse più, né stimolò la cara cognata Elizabeth, riprendendo l'argomento; e lei fu lieta di scoprire che aveva detto abbastanza per farlo tacere.

Arrivò presto il giorno della partenza sua e di Lydia, e Mrs. Bennet fu costretta a subire una separazione che, visto l'assoluto diniego del marito ad accogliere il suo progetto di andare tutti a Newcastle, era probabile si protraesse almeno per un anno.

"Oh! mia cara Lydia", esclamò, "quando ci rivedremo?"

"O, signore! non lo so. Non per i prossimi due o tre anni forse."

"Scrivimi molto spesso, mia cara."

"Tanto spesso quanto potrò. Ma sai che una donna sposata non ha mai molto tempo per scrivere. Le mie sorelle potranno scrivermi. Non avranno altro da fare."

Gli addii di Mr. Wickham furono molto più affettuosi di quelli della moglie. Sorrise, mise in mostra la propria bellezza, e disse molte cose carine.

"È proprio un bel tipo", disse Mr. Bennet, non appena furono usciti, "com'è sempre stato. Fa sorrisetti, smorfie strane, ci fa la corte a tutti. Sono straordinariamente fiero di lui. Sfido persino lo stesso Sir William Lucas, a esibire un genero più apprezzabile."

La perdita della figlia rese Mrs. Bennet molto triste per diversi giorni.

"Penso spesso", disse, "che non c'è nulla di peggio di separarsi dai propri cari. Ci si sente così infelici senza di loro."

"Be', signora, è la conseguenza del matrimonio di una figlia", disse Elizabeth. "Dovreste essere ancora più soddisfatta che le altre quattro siano nubili."

"Non è così. Lydia non mi ha lasciata perché si è sposata, ma solo perché è capitato che il reggimento del marito fosse così lontano. Se fosse stato più vicino, non se ne sarebbe andata così presto."

Ma la condizione di avvilimento in cui era stata gettata da quell'evento fu in breve alleviata, e il suo animo si aprì di nuovo all'eccitazione della speranza, grazie a una notizia che iniziò allora a circolare. La governante di Netherfield aveva ricevuto l'ordine di prepararsi all'arrivo del suo padrone, che sarebbe giunto entro uno o due giorni per qualche settimana di caccia. Mrs. Bennet era sulle spine. Squadrava Jane, e a fasi alterne sorrideva e scuoteva la testa.

"Bene, bene, e così Mr. Bingley sta arrivando, sorella" (poiché Mrs. Phillips era stata la prima a portarle la notizia). "Be', tanto meglio. Non che me ne importi, comunque. Sai che non ha nulla a che fare con noi, e puoi star certa che non ho nessuna voglia di rivederlo. Tuttavia, se vuole venire a Netherfield è il benvenuto. E chi lo sa quello che può succedere? Ma a noi non ci riguarda. Come sai, sorella, da tempo siamo d'accordo a non dirne mai più una parola. E così, è proprio sicuro che stia arrivando?"

"Ci puoi contare", rispose l'altra, "perché ieri sera Mrs. Nicholls era a Meryton; l'ho vista passare, e sono uscita di proposito per sapere se era vero; e lei mi ha detto che era sicuramente così. Arriverà al massimo giovedì, molto probabilmente mercoledì. Lei stava andando dal macellaio, così mi ha detto, per ordinare un po' di carne per mercoledì, e ha preso tre paia di anatre bell'e pronte per essere ammazzate."

Miss Bennet non era riuscita a sentire del suo arrivo senza cambiare di colore. Erano passati molti mesi da quando ne aveva menzionato il nome a Elizabeth; ma ora, non appena furono da sole, disse,

"L'ho visto che mi stavi guardando oggi, Lizzy, quando la zia ci diceva la notizia del giorno; e so che sembravo turbata. Ma non pensare che fosse per qualche strano motivo. È stato solo un momento di imbarazzo, perché sapevo che sarei stata osservata. Ti assicuro che la notizia non mi procura né gioia né pena. Di una cosa sono lieta, che viene da solo, poiché lo vedremo di meno. Non che tema per me stessa, ma ho paura dei commenti degli altri."

Elizabeth non sapeva che cosa pensare. Se non l'avesse visto nel Derbyshire, avrebbe potuto supporre che venisse con nessun altro scopo se non quello dichiarato; ma lo credeva ancora innamorato di Jane, ed era indecisa su quale fosse la probabilità maggiore tra il fatto che venisse con il permesso dell'amico, o fosse audace abbastanza da venire senza quel permesso.

"Eppure non è giusto", pensava talvolta, "che il pover'uomo non possa venire in una casa che ha regolarmente preso in affitto, senza far sorgere tutte queste ipotesi! Io voglio lasciarlo in pace."

Nonostante quanto affermava la sorella, sinceramente convinta che i propri sentimenti fossero quelli, in attesa del suo arrivo, Elizabeth poteva chiaramente percepire come ne fosse turbata. Era più confusa, più distratta, di quanto avesse spesso notato.

L'argomento che era stato con tanto fervore discusso tra i loro genitori, quasi un anno prima, fu sollevato di nuovo.

"Non appena arriva Mr. Bingley, mio caro", disse Mrs. Bennet, "andrai ovviamente a fargli visita."

"No, no. L'anno scorso mi hai costretto a quella visita, e mi avevi promesso che se fossi andato avrebbe sposato una delle mie figlie. Ma è finita con un nulla di fatto, e non accetterò di nuovo un incarico senza senso."

La moglie gli fece presente come un'attenzione del genere fosse assolutamente necessaria da parte di tutti i gentiluomini dei dintorni, al suo ritorno a Netherfield.

"È una formalità che detesto", disse lui. "Se sente il bisogno della nostra compagnia, che sia lui a cercarci. Sa dove abitiamo. Non sprecherò il mio tempo a correre dietro ai miei vicini ogni volta che se ne vanno e ritornano."

"Be', tutto quello che so è che sarà un'enorme scortesia se non lo vai a trovare. Tuttavia, questo non mi impedirà di invitarlo a pranzo, e sono decisa a farlo. Presto verranno Mrs. Long e i Goulding. Saremo in tredici, compresi noi, e così ci sarà giusto il posto a tavola per lui."

Consolata da questa decisione, riuscì a sopportare meglio la maleducazione del marito, anche se si sentiva molto mortificata sapendo che, a causa di ciò, tutti i suoi vicini avrebbero incontrato Mr. Bingley prima di loro. Quando il giorno del suo arrivo fu vicino,

"Comincio a essere dispiaciuta per il solo fatto che venga", disse Jane alla sorella. "Non sarebbe nulla, potrei rivederlo con perfetta indifferenza, ma non riesco a sopportare di sentirne continuamente parlare. La mamma ha intenzioni buone, ma non capisce, nessuno può capire quanto soffro per quello che dice. Come sarò felice, quando il suo soggiorno a Netherfield sarà finito!"

"Vorrei poter dire qualcosa per consolarti", rispose Elizabeth; "ma proprio non ci riesco. Devi capirmi; e mi è negata anche la solita soddisfazione di predicare la pazienza a chi soffre, poiché tu ne hai sempre così tanta."

Mr. Bingley arrivò. Mrs. Bennet, per mezzo della servitù, riuscì a essere la prima a saperlo, affinché il periodo di ansia e agitazione da parte sua fosse il più lungo possibile. Contava i giorni che dovevano passare prima di poter mandare l'invito; disperava di poterlo incontrare prima. Ma il terzo giorno dopo il suo arrivo nell'Hertfordshire lo vide, dalla finestra del suo spogliatoio, entrare dal cancello e cavalcare verso la casa.

Le figlie furono subito chiamate a condividere la sua gioia. Jane restò risolutamente seduta al suo posto, ma Elizabeth, per far piacere alla madre, andò alla finestra... guardò... vide Mr. Darcy con lui, e si sedette di nuovo vicino alla sorella.

"C'è un signore con lui, mamma", disse Kitty; "chi può essere?"

"Qualche amico suo immagino, mia cara; sono sicura di non conoscerlo."

"Oh!" replicò Kitty, "sembra proprio quello che di solito stava con lui, Mr. come si chiama. Quello alto, che si dava tante arie."

"Bontà divina! Mr. Darcy! è proprio così, lo giuro. Be', tutti gli amici di Mr. Bingley saranno sempre i benvenuti qui, statene certe, altrimenti direi che lo detesto solo a vederlo."

Jane guardò Elizabeth, sorpresa e preoccupata. Sapeva molto poco del loro incontro nel Derbyshire, e perciò era in ansia per l'imbarazzo che doveva provare la sorella nel vederlo quasi per la prima volta dopo aver ricevuto la sua lettera di spiegazioni. Entrambe le sorelle si sentivano notevolmente a disagio. Ognuna era in ansia per l'altra, e ovviamente per se stessa, e la madre continuava a parlare della propria antipatia per Mr. Darcy, e della sua decisione di essere cortese con lui solo perché amico di Mr. Bingley, senza che nessuna delle due la ascoltasse. Ma Elizabeth aveva una fonte di agitazione che non poteva essere sospettata da Jane, alla quale non aveva mai avuto il coraggio di mostrare la lettera di Mrs. Gardiner, né di riferire quanto fossero cambiati i suoi sentimenti nei confronti di lui. Per Jane, lui era solo un uomo la cui proposta di matrimonio era stata rifiutata, e i cui meriti erano stati sottovalutati; ma per lei, che era in possesso di molte più informazioni, era la persona verso la quale l'intera famiglia era debitrice del massimo dei favori, e alla quale lei guardava con un interesse, se non così tenero, almeno altrettanto ragionevole e giusto di quello della sorella per Bingley. Il suo stupore per la sua venuta... la sua venuta a Netherfield, a Longbourn, per averla di nuovo cercata di propria volontà, era quasi pari a quello che aveva provato quando si era trovata di fronte al suo comportamento così mutato nel Derbyshire.

Il colorito che le era scomparso dal volto, tornò per un istante a essere ancora più acceso, e un sorriso di gioia aggiunse lucentezza ai suoi occhi, mentre in quell'istante pensava che l'affetto e i desideri di lui fossero ancora inalterati. Ma non poteva esserne certa.

"Vediamo prima come si comporta", si disse; "poi ci sarà ancora tempo per sperare."

Si dedicò al suo lavoro, sforzandosi di apparire calma, e senza osare alzare gli occhi, finché un'ansiosa curiosità la spinse a guardare il volto della sorella, mentre un domestico si avvicinava alla porta. Jane sembrava un po' più pallida del solito, ma più tranquilla di quanto si fosse aspettata Elizabeth. Quando apparvero i gentiluomini, il colorito le si accese, ma li accolse con discreta disinvoltura, e con una proprietà di comportamento ugualmente priva di qualsiasi sintomo di risentimento o di superfluo compiacimento.

Elizabeth parlò con entrambi negli stretti limiti della buona educazione, e si mise nuovamente al lavoro con uno zelo che non le capitava spesso di dedicargli. Si era concessa solo un'occhiata a Darcy. Lui appariva serio come al solito, pensò, più come era solito apparire nell'Hertfordshire, che come l'aveva visto a Pemberley. Ma forse, in presenza della madre, non riusciva a essere lo stesso di quando era stato di fronte agli zii. Era una congettura penosa, ma non improbabile.

Anche Bingley lo aveva osservato solo per un istante, e in quel breve lasso di tempo l'aveva visto sia contento che imbarazzato. Mrs. Bennet l'aveva accolto con un grado di cortesia che aveva fatto vergognare le sue due figlie, specialmente se paragonato alla fredda e cerimoniosa educazione dell'inchino e delle frasi rivolte all'amico.

Elizabeth in particolare, consapevole che la madre dovesse proprio a quest'ultimo la salvezza della sua figlia prediletta da un irrimediabile disonore, fu ferita e angosciata al massimo grado da una discriminazione così male applicata.

Darcy, dopo averle chiesto come stavano Mr. e Mrs. Gardiner, una domanda a cui lei non poté rispondere senza imbarazzo, non disse praticamente altro. Non era seduto vicino a lei, e forse era questo il motivo del suo silenzio; ma non era stato così nel Derbyshire. Lì aveva chiacchierato con i suoi parenti, quando non poteva farlo con lei. Ma ora passarono diversi minuti senza che le giungesse il suono della sua voce; e quando, di tanto in tanto, incapace di resistere alla curiosità, aveva alzato gli occhi per guardarlo in volto, lo aveva visto osservare Jane quanto lei, e spesso null'altro che il pavimento. Era chiaramente più pensieroso e meno ansioso di piacere di quando lo aveva incontrato l'ultima volta. Era delusa, e in collera con se stessa per esserlo.

"Come avrei potuto aspettarmi altro!" si disse. "Ma allora, perché è venuto?"

Non aveva voglia di conversare con nessuno se non con lui; e non aveva il coraggio di parlargli.

Gli chiese della sorella, ma non riuscì a fare di più.

"È passato molto tempo, Mr. Bingley, da quando siete andato via", disse Mrs. Bennet.

Lui ne convenne subito.

"Cominciavo a temere che non sareste mai tornato. La gente diceva che avevate intenzione di lasciare definitivamente la casa a San Michele, ma spero che non sia vero. Da quando ve ne siete andato sono cambiate molte cose nel vicinato. Miss Lucas si è sposata e sistemata, e così una delle mie figlie. Immagino che ne abbiate sentito parlare; in effetti, dovreste averlo letto nei giornali. So che era nel Times e nel Courier, anche se non era riportato come dovuto. Si diceva solo che «Di recente, George Wickham, Esq., con Miss Lydia Bennet», senza che ci fosse una parola circa suo padre, o il luogo dove abitava, o altro. Eppure l'aveva redatto mio fratello, e mi chiedo come possa aver combinato un tale pasticcio. Lo avete letto?"

Bingley rispose di sì, e fece le sue congratulazioni. Elizabeth non osava alzare gli occhi. Non era, perciò, in grado di dire che faccia avesse Darcy.

"È davvero una gran bella cosa avere una figlia ben maritata", proseguì la madre, "ma allo stesso tempo, Mr. Bingley, è una prova molto dura vederla andare così lontano. Sono andati a Newcastle, un posto molto a nord, sembra, e dovranno restarci non so quanto. È lì che sta il suo reggimento, perché immagino abbiate saputo che ha lasciato la milizia dello ----shire, e che si è arruolato nell'esercito regolare. Grazie al cielo, qualche amico ce l'ha, anche se forse non quanti ne meriterebbe."

Elizabeth, consapevole che questa era una stoccata a Mr. Darcy, si sentì talmente al colmo della vergogna che a stento riuscì a restare seduta. Questo la spinse, tuttavia, a fare uno sforzo per parlare, cosa che nient'altro l'aveva costretta a fare prima, e chiese a Bingley se al momento avesse intenzione di restare per un po' in campagna. Per qualche settimana, così riteneva lui.

"Quando avrete ammazzato tutti i vostri uccelli, Mr. Bingley", disse la madre, "vi prego di venire qui, e di sparare a quanti ve ne pare nella proprietà di Mr. Bennet. Sono certa che sarà felicissimo di farvi questa cortesia, e che lascerà a voi le migliori covate di pernici."

La sofferenza di Elizabeth cresceva di fronte ad attenzioni così superflue, così invadenti! Se si fossero ripresentate le stesse belle prospettive che le avevano illuse l'anno precedente, tutto, ne era convinta, avrebbe condotto alla stessa infelice conclusione. In quell'istante si rese conto che nemmeno anni di felicità avrebbero ripagato sia Jane che lei di momenti di così penoso imbarazzo.

"Il mio desiderio più vivo", si disse, "è di non ritrovarmi mai più con nessuno dei due. La loro compagnia non può offrire nessun piacere che possa compensare una tortura del genere! Spero proprio di non rivedere mai più né l'uno né l'altro!"

Eppure quella sofferenza, che anni di felicità non avrebbero compensato, ebbe subito dopo un concreto sollievo nell'osservare come la bellezza della sorella avesse riacceso l'ammirazione del suo antico innamorato. Appena entrato, le aveva rivolto poche parole, ma di minuto in minuto sembrava concederle più attenzione. La trovava bella quanto l'anno precedente; la stessa bontà, la stessa spontaneità, anche se meno loquace. Jane non voleva farsi vedere diversa in nulla, ed era davvero convinta di aver parlato come aveva sempre fatto. Ma il lavorio della sua mente la impegnava così tanto che non sempre si rendeva conto di restare in silenzio.

Quando i signori si alzarono per andarsene, Mrs. Bennet, memore dei suoi cortesi propositi, li invitò a pranzo a Longbourn di lì a qualche giorno, e loro accettarono.

"Siete in debito con me di una visita, Mr. Bingley", aggiunse lei, "poiché quando siete andato in città l'inverno scorso, avevate promesso di venire da noi per un pranzo in famiglia, non appena tornato. Come vedete, non l'ho dimenticato, e vi assicuro che ero rimasta molto delusa che non foste tornato per mantenere il vostro impegno."

Bingley sembrò un po' confuso da questa osservazione, e per scusarsi disse qualcosa su degli affari che glielo avevano impedito. Se ne andarono.

Mrs. Bennet era stata molto tentata di invitarli a restare a pranzo il giorno stesso, ma, anche se la sua tavola era sempre ottima, riteneva che non meno di due giri completi di portate potessero bastare per un uomo sul quale riponeva tante ansiose aspettative, o per soddisfare l'appetito e l'orgoglio di un altro che aveva diecimila sterline l'anno.

     |     romanzi canonici     |     home page     |