Jane Austen

Lord Edward Brabourne
Lettere di Jane Austen (1796)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     i memoir familiari     |     home page     |     

Letters of Jane Austen


LETTERS.
1796


The first two letters which I am able to present to my readers were written from Steventon to Jane Austen's sister Cassandra in January 1796. The most interesting allusion, perhaps, is to her 'young Irish friend,' who would seem by the context to have been the late Lord Chief Justice of Ireland, though at the time of writing only 'Mr. Tom Lefroy.' I have no means of knowing how serious the 'flirtation' between the two may have been, or whether it was to this that Mr. Austen Leigh refers when he tells us that 'in her youth she had declined the addresses of a gentleman who had the recommendations of good character and connections, and position in life, of everything, in fact, except the subtle power of touching her heart.' I am inclined, however, upon the whole, to think, from the tone of the letters, as well as from some passages in later letters, that this little affair had nothing to do with the 'addresses' referred to, any more than with that 'passage of romance in her history' with which Mr. Austen Leigh was himself so 'imperfectly acquainted' that he can only tell us that there was a gentleman whom the sisters met 'whilst staying at some seaside place,' whom Cassandra Austen thought worthy of her sister Jane, and likely to gain her affection, but who very provokingly died suddenly after having expressed his 'intention of soon seeing them again.' Mr. Austen Leigh thinks that, 'if Jane ever loved, it was this unnamed gentleman; ' but I have never met with any evidence upon the subject, and from all I have heard of 'Aunt Jane,' I strongly incline to the opinion that, whatever passing inclination she may have felt for anyone during her younger days (and that there was once such an inclination is, I believe, certain), she was too fond of home, and too happy among her own relations, to have sought other ties, unless her heart had been really won, and that this was a thing which never actually happened. Her allusion (letter two) to the day on which 'I am to flirt my last with Tom Lefroy' rather negatives the idea that there was anything serious between the two, whilst a later reference (letter ten) to Mrs. Lefroy's 'friend' seems to intimate that, whoever the latter may have been, any attachment which existed was rather on the side of the gentleman than of the lady, and was not recognized by her as being of a permanent nature.

The first letter is written on her sister Cassandra's birthday, and is directed to her at Kintbury, where she seems to have been staying with her friend Elizabeth Fowle (often referred to in these letters as 'Eliza'), née Lloyd, whose sister was the 'Mary' who 'would never have guessed' the 'tall clergyman's' name, and who afterwards married the 'James' (Jane's brother) who was taken into the carriage as an encouragement to his improved dancing. Elizabeth Lloyd married the Rev. Fulwar Craven Fowle, who was the Vicar of Kintbury, near Newbury. Mr. Fowle was, I have always heard, a good sportsman, a good preacher, and a man of some humour. He had a hunter at one time which he named 'Biscay,' because it was 'a great roaring bay.' He commanded a troop of Volunteers in the war-time, and King George the Third is reported to have said of him that he was 'the best preacher, rider to hounds, and cavalry officer in Berks.'

The Harwoods of Deane were country neighbours of whom we shall find frequent mention. They were a very old Hampshire family, living upon their own property, which was formerly much larger than at the date of our letters, and which, I believe, has now passed away altogether from its former possessors. Close to Deane is Ashe, of which Mr. Lefroy was rector, and Ashe Parke, now occupied by Col. E. Portal, and in 1796 belonging to Mr. Portal, of Laverstoke, was at that time occupied by the family of St. John. The Rivers family lived, I believe, at Worthy Park, Kingsworthy, and I imagine the Miss Deanes to have been of the family of that name living in Winchester. One member of this family has since held the neighbouring living of Bighton. The Lyfords were medical men, father and son, living at Basingstoke. It will be noted that one of them attended Mrs. George Austen in the illness mentioned in the earlier letters, and it was one of the same family who was Jane Austen's doctor in her last illness at Winchester. In a little volume concerning the 'Vine hunt ' which he printed privately in 1865, Mr. Austen Leigh tells a good story of the grandfather of the 'John Lyford' here mentioned, 'a fine tall man, with such a flaxen wig as is not to be seen or conceived by this generation.' He knew nothing about fox-hunting, but had a due and proper regard for those who indulged in it, and it is recorded of him that upon one occasion, having accidentally fallen in with Mr. Chute's hounds when checked, he caused great confusion by galloping up in a very excited state, waving his hat, and exclaiming 'Tally-ho! Mr. Chute. Tally-ho! Mr. Chute.' Not that he had seen the fox, but because he imagined that 'Tally-ho!' was the word with which fox-hunters ordinarily greeted each other in the field.

Among the people mentioned as having been at 'the Harwoods' ball' were several who deserve notice. 'Mr. Heathcote' was William, the brother of Sir Thomas, the fourth Baronet of Hursley. Two years after the date of this letter, viz. in 1798, he married Elizabeth, daughter of Lovelace Bigg Wither, Esq., of Manydown; he was Prebendary of Winchester, and pre-deceasing his brother, his son William succeeded the latter as fifth baronet in 1825, sat for Hants in five Parliaments, and afterwards for Oxford University for fourteen years. He was made a Privy Councillor in 1870, and lived till 1881, very greatly respected and beloved by a large circle of friends. In 1796 the Heathcotes lived at Worting, a house in a village of the same name, situate about five or six miles from Steventon. Mr. J. Portal was Mr. Portal, of Freefolk House, near Overton. He married twice, and, living till 1848, was succeeded by the eldest son of his second wife, Melville Portal, who was afterwards for a short time member for North Hants. Mr. John Portal's eldest daughter by his first marriage was Caroline, who married Edward Austen's fourth son William. Adela, one of his daughters by his second wife, became the second wife of the 'little Edward' mentioned in the letters, who was the eldest son of the same Edward Austen, Jane's brother, the owner of Godmersham and Chawton. She died in 1870. Mr. Portal's brother William lived at Laverstoke, which, as well as Ashe Park, belonged to him. Mr. Bigg Wither, of Manydown, had two other daughters besides Mrs. Heathcote, namely, Alithea, with whom 'James danced,' and Catherine, who afterwards married the Rev. Herbert Hill, who enjoyed the double distinction of being Southey's uncle and (at one time) chaplain to the British factory at Lisbon. 'Ibthorp' was a house near Lord Portsmouth's place, Hurstbourne, where lived as a widow Mrs. Lloyd, the mother of Eliza, Martha, and Mary. Her husband, the Rev. Nowys Lloyd, had held the two livings of Enbourne near Newbury and Bishopston, Wilts, and at the latter place fell in love with 'Martha Craven,' who was living there with an 'Aunt Willoughby,' having run away from a mother whom family tradition alleges to have treated her badly. Mrs. Lloyd died in April 1805, when the Austens were at Bath. The Coopers, whose arrival is expected in the first, and announced in the second letter, were Dr. Cooper, already mentioned as having married Jane Austen's aunt, Jane Leigh, with his wife and their two children, Edward and Jane, of whom we shall frequently hear. I have no means of knowing who is referred to as 'Warren,' but there was, and is, a Hampshire family of that name, of Worting House, Basingstoke, and it may very likely be one of them, since they were of course near neighbours, and likely to be intimate at Steventon. Neither can I bring proof positive as to the identity of Mr. Benjamin Portal, which is the more to be regretted because a person with such 'handsome' eyes deserves to be identified. There was, however, a certain clergyman, the Rev. William Portal, a member of the Freefolk and Laverstoke family, who had a wife, seven sons, and the Rectory of Stoke Charity in Hants. None of these sons married, but, judging by dates, some of them must have been living about 1796, and probably Benjamin was one of them.

The third letter of 1796 is dated from London, where the writer had evidently stopped for a night on her way from Steventon to Rowling, a journey which in those days was a much more serious affair than at present, when a few hours of railroad take us comfortably from one place to the other. Rowling was and is a small place belonging to the Bridges family, being about a mile distant from Goodnestone. Edward Austen, Jane's brother, lived there at this time, though whether his brother-in-law, Sir Brook, let it or lent it to him I cannot say. Probably the former; at any rate, here he lived, and here were his three eldest children born. The subsequent letters (four to seven inclusive) were written whilst Jane was visiting her brother, and are full of touches of her own quaint humour. Mrs. Knight had not left Godmershani at this time, but was about to do so, and my grandfather and grandmother were going to take possession. The 'Mr. and Mrs. Cage ' were Lewis Cage and his wife, Fanny Bridges. Harriet and Louisa were the two unmarried sisters of the latter; Edward, their brother, and the 'Mr. and Mrs. Bridges' must have been Henry Bridges, next brother to Sir Brook (fourth baronet), who was Rector of Danbury and Woodham Ferrers, in Essex, who had married Jane Hales the year before this letter was written. Sir Thomas Hales, his father-in-law, was M.P. for Dover, and had four daughters besides Jane, of whom the two youngest, Harriet and Caroline, are here mentioned. Harriet died unmarried, Caroline married Mr. Gore in 1798. Sir Thomas had died in 1773, and was succeeded by his son of the same name, who dying in 1824, and having only one daughter, the baronetcy became extinct. The allusion to 'Camilla in Mr. Dabster's summer-house' (to whom Jane likens herself when her brother's absence obliged her to stay at Rowling till he should return to escort her home) will be understood by those who have perused Miss Burney's novel of that name, and to those who have not will, I hope, be an inducement to do so, as it will certainly repay the perusal. Lady Waltham was the wife of Lord Waltham, and a great friend of Lady Bridges.

There are other allusions to things and people scattered throughout these letters, to understand which it is necessary to bear in mind that they are often made in the purest spirit of playful nonsense, and are by no means to be taken as grave and serious expressions of opinion or statement of facts. When, for instance, speaking of Mrs. Knight, the widow of Godmersham, she says 'it is imagined that she will shortly be married again,' and in the next letter speaks of her brother Edward as intending to get some of a vacant farm into his occupation, 'if he can cheat Sir Brook enough in the agreement,' she is writing in the same spirit of fun as when she presently tells us that her brother had thoughts of 'taking the name of Claringbould,' that 'Mr. Richard Harvey's match is put off till he has got a better Christian name,' and that two gentlemen about to marry 'are to have one wife between them.' Mrs. Knight was advanced in years at the time, and her marrying a second time a very unlikely thing to occur; and I suppose no man ever lived who was less likely to 'cheat' or take advantage of another than my grandfather, Edward Austen. It is in the same vein of fun, or of originality, if the phrase be better, that she speaks (letter seven) of 'the Captain John Gore, commanded by the "Triton," 'instead of ' the "Triton," commanded by Captain John Gore,' and, in the postscript to the same letter, of her brother Frank being 'much pleased with the prospect of having Captain Gore under his command,' when of course the relative position of the two was precisely the reverse. Many people will think this explanation superfluous, but I have so often met with matter-of-fact individuals who persist in taking everything in its plain and literal sense, that I think it well to make it. It is to this day a peculiarity of some of the Austens (and doubtless not confined to them) to talk and write nonsense to each other which, easily understood between themselves at the time, might have a curious appearance if published a hundred years hence. Such expressions as 'a chutton mop' for 'a mutton chop,' to 'clerge' (i.e. to perform the duties of a clergyman), and to 'ronge'—i.e. 'to affect with a pleasing melancholy'—are well enough when used and appreciated in family letters and conversations, but might give rise to curious dissertations upon the different use of particular English words at different times, if given without comment or explanation to the public, whilst the literal interpretation of things said in jest to those who understood the jest at the time would cause the most serious mistakes as to the real meaning of the writer and the spirit in which she wrote.

The sixth and seventh letters are full of local and personal allusions of more or less interest. The dinner-party at Nackington is pleasantly described, and the wealth of Mr. Milles referred to in the pretended expectation expressed that he would have advanced money to a person with whom he had no relationship which might have induced such generosity. It was natural that Lady Sondes' picture should be found in her father's house, for in that relationship stood Mr. Milles to her. She was at this time living at Lees Court with her husband, who did not die until ten years later. Bifrons was at this time in the possession of the Taylor family, from whom it afterwards passed to the Conynghams; but I do not know to whom Jane refers as the individual upon whom she once fondly doated, although the 'once' could not have been very long before, as at this time she had not yet completed her twenty-first year. Mrs. Joan Knatchbull lived in Canterbury. She was the only sister of Sir Wyndham Knatchbull, who died in 1763, when the title and estates went to his uncle. The other people referred to in these letters are either dealt with in the preliminary chapters, or do not appear to require further notice, having little to do with Jane or her family.

I
(1 - 9/10 January 1796)

II
(2 - 14/15 January 1796)

III
(3 - 23 August 1796)

IV
(4 - 1 September 1796)

V
(5 - 5 September 1796)

VI
(6 - 15/16 September 1796)

VII
(7 - 18 September 1796)

Lettere di Jane Austen


LETTERE
1796


Le prime due lettere che sono in grado di presentare ai miei lettori furono scritte da Steventon alla sorella di Jane Austen, Cassandra, nel gennaio 1796. L'accenno più interessante è forse quello al suo "giovane amico irlandese", che dal contesto sembra essere stato colui che diventerà il Presidente della Corte Suprema d'Irlanda, anche se a quel tempo era soltanto "Mr. Tom Lefroy". Non ho modo di sapere quanto possa essere stato serio quel "flirt" tra i due, o se era a lui che si riferisce Mr. Austen Leigh quando ci dice che "In gioventù rifiutò la proposta di un gentiluomo che si raccomandava per il buon carattere, le parentele e la posizione sociale, per tutto, in definitiva, salvo per il sottile potere di toccarle il cuore." (1) Sono comunque, tutto sommato, incline a ritenere, dal tono delle lettere, così come da altri passaggi in lettere successive, che questo breve affare di cuore non abbia nulla a che vedere con la "proposta" citata sopra, e nemmeno con quel "momento romantico nella sua vita" che lo stesso Mr. Austen Leigh "conosceva solo parzialmente", tanto che può solo dirci che era esistito un gentiluomo incontrato dalle sorelle "mentre stavano in un qualche posto di mare", ritenuto da Cassandra Austen degno della sorella Jane e in grado di conquistarne l'affetto, che però per somma sfortuna morì improvvisamente subito dopo aver espresso "l'intenzione di rivederle presto." Mr. Austen Leigh ritiene che "se mai Jane si innamorò di qualcuno, fu di questo gentiluomo senza nome", ma non mi sono mai imbattuto in un qualche documento circa queste faccende, (2) e, da quanto ho saputo circa "zia Jane", sono fortemente incline a pensare che, quale che possa essere stata una qualche passeggera preferenza per qualcuno durante la sua giovinezza (e che almeno una volta ci sia stata ne sono certo), lei era troppo amante della sua famiglia, e troppo felice di vivere con i suoi congiunti, per cercare altri legami, a meno che il suo cuore non fosse stato davvero conquistato, e questo non accadde mai. La sua allusione (seconda lettera) al giorno in cui "flirterò per l'ultima volta con Tom Lefroy" ha più l'aria di confutare l'idea che tra i due ci fosse qualcosa di serio, mentre un riferimento successivo (decima lettera) "all'amico" di Mrs. Lefroy sembra lasciar intendere che, chiunque fosse quest'ultimo, un qualche sentimento esistesse più da parte del gentiluomo che della lady, e che lei non lo considerasse di natura permanente. (3)

La prima lettera è scritta il giorno del compleanno della sorella Cassandra, ed è indirizzata a Kintbury, dove quest'ultima era dall'amica Elizabeth Fowle (spesso citata in queste lettere come "Eliza"), nata Lloyd, la cui sorella era la "Mary" che "non avrebbe mai indovinato" il nome "dell'ecclesiastico alto" e che successivamente sposò il "James" (fratello di Jane) che era stato portato con loro in carrozza per incoraggiarlo dopo i miglioramenti nel suo modo di ballare. Elizabeth Lloyd sposò il reverendo Fulwar Craven Fowle, che era vicario di Kintbury, vicino a Newbury. Mr. Fowle era, come ho sempre sentito dire, un buon cacciatore, un buon predicatore e un uomo dotato di un certo umorismo. Un tempo aveva un cane da caccia che aveva chiamato "Biscay" perché era "un cane che abbaiava moltissimo". (4) Durante il periodo delle guerre napoleoniche comandava uno squadrone di volontari, e il re Giorgio III sembra avesse detto di lui che fosse "il miglior predicatore, cacciatore a cavallo e ufficiale di cavalleria del Berkshire."

Gli Harwood di Deane facavano parte del vicinato campagnolo, e li troveremo menzionati di frequente. Erano di un'antichissima famiglia dello Hampshire, abitavano nella loro proprietà, che in precedenza era molto più estesa rispetto a quella contemporanea alle nostre lettere, proprietà che attualmente credo sia completamente passata di mano. Vicino a Deane c'è Ashe, dove era rettore Mr. Lefroy, e Ashe Park, ora occupata dal colonnello E. Portal, e nel 1796 appartenente a Mr. Portal, di Laverstoke, era a quel tempo affittata alla famiglia St. John. La famiglia Rivers credo vivesse a Worthy Park, a Kingsworthy, e immagino che le signorine Deane facessero parte della famiglia di quel nome che viveva a Winchester. Un membro di questa famiglia è da quel tempo titolare del vicino beneficio ecclesiastico di Bighton. I Lyford erano medici, padre e figlio, e vivevano a Basingstoke, C'è da dire che uno di essi curava Mrs. George Austen per i disturbi menzionati nelle prime lettere, e fu un medico della stessa famiglia a occuparsi di Jane Austen a Winchester durante la sua ultima malattia. In un volumetto riguardante "Vine hunt", stampato privatamente nel 1865, Mr. Austen Leigh racconta una bella storia del nonno del "John Lyford" qui menzionato, "un bell'uomo alto, con una parrucca di un giallo paglierino così acceso come non se ne vedrebbe né se ne concepirebbe una simile oggigiorno". Non ne sapeva nulla di caccia alla volpe, ma provava il dovuto e appropriato rispetto per coloro che la praticavano, e di lui si ricorda che una volta, incontrati per caso i partecipanti a una battuta di caccia organizzata da Mr. Chute, causò una grande confusione mettendosi a galoppare con fare molto agitato, sventolando il cappello e gridando "Tally-ho! Mr. Chute. Tally-ho! Mr. Chute", non perché avesse visto al volpe, ma perché immaginava che "Tally-ho!" fosse il saluto in uso quando si incontrava qualche partecipante alla caccia alla volpe. (5)

Tra le persone menzionate come partecipanti al "ballo degli Harwood" ce ne sono diverse che meritano di essere notate. "Mr. Heathcote" era William, fratello di Sir Thomas, quarto baronetto di Hursley. Due anni dopo la data di questa lettera, ovvero nel 1798, sposò Elizabeth, figlia di Lovelace Bigg Wither, Esquire di Manydown; era prebendario di Winchester, ed essendo morto prima del fratello, il figlio William successe a quest'ultimo come quinto baronetto nel 1825, fu per cinque legislature in parlamento per lo Hampshire, e successivamente per l'Università di Oxford per quattordici anni. Nel 1870 fu nominato Consigliere Privato della Corona, e visse fino al 1881, molto rispettato e amato da una larga cerchia di amici. Nel 1796 gli Heathcote vivevano a Worting, una casa nel villaggio omonimo situata a cinque o sei miglia da Steventon. Mr. J. Portal era Mr. Portal di Freefolk House, vicino a Overton. Si sposò due volte, e, dopo essere vissuto fino al 1848, lasciò la proprietà al figlio maggiore avuto dalla seconda moglie, Melville Portal, che in seguito fu per breve tempo parlamentare per il Nord Hampshire. La figlia maggiore di Mr. John Portal, Caroline, avuta dal primo matrimonio, sposò il quarto figlio maschio di Edward Austen, William. Adela, una delle figlie avute dalla seconda moglie, divenne la seconda moglie del "piccolo Edward" menzionato nelle lettere, ovvero il primogenito maschio di Edward Austen fratello di Jane, il proprietario di Godmersham e Chawton. Adela morì nel 1870. Il fratello di Mr. Portal, William, viveva a Laverstoke, che gli apparteneva, così come Ashe Park. Mr. Bigg Wither, di Manydown, aveva due altre figlie oltre a Mrs. Heathcote, ovvero Alethea, con la quale "ballò James" e Catherine, che in seguito sposò il reverendo Herbert Hill, che godette del doppio privilegio di essere zio di Southey e (allo stesso tempo) cappellano dell'opificio britannico di Lisbona. "Ibthorp" era una casa vicino a quella di Lord Portsmouth, a Hurstbourne, dove viveva da vedova Mrs. Lloyd, la madre di Eliza, Martha e Mary. Il marito, il reverendo Nowys Lloyd, era stato titolare dei due benefici ecclesiastici di Enbourne , vicino a Newbury, e di Bishopston, nel Wiltshire, e in quest'ultimo luogo si innamorò di "Martha Craven", che viveva lì con una "zia Willoughby", dopo essere scappata da una madre che, come afferma la tradizione familiare, sembra che la trattasse piuttosto male. Mrs. Lloyd morì nel 1805, quando le Austen erano a Bath. I Cooper, il cui arrivo è atteso nella prima lettera, e annunciato nella seconda, erano il dr. Cooper, già menzionato come marito della zia di Jane Austen, Jane Leigh, con la moglie e i due figli, Edward e Jane, dei quali sentiremo parlare spesso. Non ho modo di sapere chi sia "Warren", ma c'era, e c'è, una famiglia con questo nome nello Hampshire, a Worting House, Basingstoke, e ed è molto probabile che si tratti di uno di loro, visto che erano ovviamente dei vicini e con tutta probabilità frequentavano Steventon. Né posso portare prove concrete circa l'identità di Mr. Benjamin Portal, cosa di cui c'è molto da rammaricarsi, poiché una persona con occhi così "belli" meriterebbe di essere identificata. (6) Comunque, esisteva un ecclesiastico, un certo reverendo William Portal, un membro delle famiglie Freefolk e Laverstoke, con una moglie, sette figli, e la rettoria di Stoke Charity nello Hampshire. Nessuno di questi figli si sposò, ma, a giudicare dalle date, alcuni di essi dovevano essere viventi nel 1796, e probabilmente Benjamin era uno di loro.

La terza lettera del 1796 è datata da Londra, dove la scrittrice si era evidentemente fermata una notte lungo la strada da Steventon a Rowling, un viaggio che a quei tempi era una faccenda molto più gravosa di adesso, quando qualche ora di treno ci porta comodamente da un posto all'altro. Rowling era ed è un paesino appartenente alla famiglia Bridges, a circa un miglio da Goodnestone. Edward Austen, fratello di Jane, a quel tempo viveva lì, e non saprei dire se il cognato, Sir Brook, gli avesse concesso o affittato l'alloggio. È più probabile la prima ipotesi, ma, in ogni caso, viveva lì, e lì nacquero i primi tre figli. Le lettere successive (dalla quarta alla settima inclusa) furono scritte quando Jane era in visita al fratello, e sono piene di echi del suo pittoresco umorismo. A quel tempo Mrs. Knight non aveva ancora lasciato Godmersham, ma era in procinto di farlo, e i miei nonni di prenderne possesso. "Mr. e Mrs. Cage" erano Lewis Cage e la moglie, Fanny Bridges. Harriet e Louisa erano le due sorelle nubili di quest'ultima, Edward il fratello e "Mr. e Mrs. Bridges" dovevano essere Henry Bridges, il fratello subito dopo Sir Brook (il quarto baronetto), che era rettore di Danbury e Woodham Ferrers, nell'Essex, e aveva sposato Jane Hales l'anno prima di quello in cui venne scritta questa lettera. Sir Thomas Hale, il suocero, era membro del parlamento per Dover, e aveva quattro figlie oltre a Jane, delle quali sono qui menzionate le due più giovani, Harriet e Caroline. Harriet morì nubile, Caroline sposò nel 1798 Mr. Gore. Sir Thomas era morto nel 1773, e a lui era succeduto il figlio con lo stesso nome, che morì nel 1824 lasciando solo una figlia, e quindi il titolo di baronetto si estinse. L'allusione a "Camilla nella casa di campagna di Mr Dubster" (alla quale Jane si paragona nei periodi in cui l'assenza del fratello la costringeva a restare a Rowling fino a quando lui non tornava per accompagnarla a Steventon) sarà compresa da chi ha letto il romanzo di Miss Burney con quel titolo, e per coloro che non lo hanno letto, spero serva da incitamento a farlo, cosa che sicuramente ripagherà la fatica. Lady Waltham era la moglie di Lord Waltham, e una grande amica di Lady Bridges.

Sparse in queste lettere si sono altre allusioni a persone e a cose per le quali è necessario tenere presente che spesso erano fatte per puro spirito di scherzosa frivolezza, e non sono affatto da considerare come opinioni serie e solenni o dati di fatto concreti. Quando, per esempio, parlando di Mrs. Knight, la vedova di Godmersham, lei dice "si pensa che tra breve si risposerà" e nella lettera successiva parla dell'intenzione del fratello Edward di acquistare una fattoria in vendita "se riuscirà a imbrogliare a sufficienza Sir Brook nel corso delle trattative" sta scrivendo con lo stesso spirito scherzoso di quando afferma che il fratello pensava di "subentrare a Claringbould", che "le nozze di Mr Richard Harvey sono rimandate, fin quando non avrà un nome di battesimo migliore" e che due gentiluomini in procinto di sposarsi "avranno una moglie in comune". A quel tempo Mrs. Knight era avanti con gli anni, e un secondo matrimonio era qualcosa di altamente improbabile, e immagino che nessun essere vivente fosse meno adatto a "ingannare", o a trarre vantaggio da qualcun altro, di mio nonno Edward Austen. È la stessa vena scherzosa, o bizzarra se vogliamo, che le fa scrivere (settima lettera) del "capitano Gore, comandato dal «Triton»", invece di "il «Triton» comandato dal capitano Gore", e, nel poscritto della stessa lettera, che il fratello Frank era "molto soddisfatto dalla prospettiva di avere il Cap. Gore sotto il suo comando" quando ovviamente le rispettive posizioni dei due erano esattamente al contrario. Molti riterranno superflue queste spiegazioni, ma mi sono imbattuto talmente spesso in individui molto pratici che si ostinano a prendere tutto alla lettera, che ritengo sia meglio fare così. È anche adesso una caratteristica di alcuni degli Austen (e senza dubbio non limitata a loro) dirsi e scriversi l'uno con l'altro dei nonsense che se all'epoca erano facilmente comprensibili tra loro, una volta pubblicati un secolo dopo potrebbero apparire piuttosto strani. Espressioni come "montoletta di costone" al posto di "cotoletta di montone", "sacerdotare" (ovvero, adempiere i doveri di un sacerdote) o "commalinconire, ovvero "commuovere con una piacevole malinconia", vanno bene se sono usate in lettere familiari e in una conversazione, ma possono suscitare curiose riflessioni sui diversi usi nel tempo di particolari parole inglesi, se usate senza commenti e spiegazioni per il lettore, mentre l'interpretazione letterale di cose dette per scherzo a chi all'epoca ne comprendeva lo spirito, causerebbe gravi errori circa le reali intenzioni dello scrittore e il senso di ciò che scriveva.

La sesta e la settima lettera sono piene di allusioni locali e personali di più o meno interesse. Il pranzo a Nackington è descritto in modo spiritoso, e la ricchezza di Mr. Milles è accostata alla simulata speranza che avrebbe anticipato del denaro a una persona con la quale non aveva rapporti tali da indurlo a una simile generosità. Era normale che il ritratto di Lady Sondes si trovasse a casa del padre, poiché tale era la relazione tra lei e Mr. Milles. A quel tempo lei viveva a Lees Court con il marito, che morì dieci anni dopo. Bifrons era in quel periodo proprietà della famiglia Taylor, dalla quale passò poi ai Conyngham, ma non so a chi si riferisse Jane come la persona verso la quale una volta scioccamente stravedeva, anche se "una volta" non dovrebbe indicare un passato molto lontano, dato che a quel tempo non aveva ancora compiuto ventun anni. Mrs. Joan Knatchbull viveva a Canterbury. Era l'unica sorella di Sir Wyndham Knatchbull, che morì nel 1763, quando il titolo e le proprietà andarono allo zio. Le altre persone di cui si parla in queste lettere o sono state descritte nei primi capitoli o non richiedono ulteriori informazioni, visto che hanno poco a che fare con Jane o con la sua famiglia.

I
(1 - 9/10 gennaio 1796)

II
(2 - 14/15 gennaio 1796)

III
(3 - 23 agosto 1796)

IV
(4 - 1 settembre 1796)

V
(5 - 5 settembre 1796)

VI
(6 - 15/16 settembre 1796)

VII
(7 - 18 settembre 1796)



(1) Questo brano del "Memoir" (capitolo 2) si riferisce in realtà alla proposta di matrimonio di Harris Bigg-Wither, del 2 dicembre 1802, prima accettata e poi rifiutata da JA.

(2) Le citazioni sono sempre dal capitolo 2 del "Memoir", e la storia di questo innamorato misterioso non ha in effetti nulla a che vedere né con Lefroy né con la proposta di Bigg-Wither. La fonte della notizia è Caroline Austen, la sorella di James-Edward, che raccontò al fratello le confidenze fattele dalla zia Cassandra (vedi la pagina delle "FAQ").

(3) La frase a cui allude Brabourne è probabilmente la seguente: "Mi ha mostrato una lettera che aveva ricevuto dal suo amico qualche settimana fa (in risposta a una scritta da lei per raccomandare alla sua attenzione un nipote di Mrs Russell a Cambridge), verso la fine della quale c'era una frase di questo tenore: «Mi dispiace molto di sapere della malattia di Mrs Austen. Sarei particolarmente lieto di avere l'opportunità di approfondire la conoscenza di quella famiglia - con la speranza di suscitare in me un interesse più personale. Ma al momento non posso concedermi di farlo.»:; Ciò è sufficientemente razionale; c'è meno amore e più buonsenso in questo di quanto possa talvolta essere sembrato in precedenza, e io sono soddisfattissima.", anche se le parole di JA sembrano lasciar capire che di sentimenti amorosi non ce ne fossero da entrambe le parti. L'amico di cui si parla è il reverendo Samuel Blackall, riferimento che diventa chiaro tenendo conto di una frase precedente, in cui JA cita un nipote e un amico di Mrs. Lefroy: "ti dirò che non ha parlato affatto di suo nipote, e pochissimo del suo amico.", dove il nipote è Tom Lefroy e l'amico del quale si mostra la lettera è appunto il reverendo Blackall. (Lettera 11 del 17/18 novembre 1798, qui la numero X).

(4) Nell'originale "a great roaring bay" il termine "bay" ha anche il significato di "suono dell'abbaiare di una cane da caccia".

(5) Recollections of the Early Days of the Vine Hunt and of its Founder William John Chute, Esq. M.P. of the Vine together with Brief Notices of the Adjoining Hunts, by A Sexagenarian [James Edward Austen-Leigh], Spottiswood & Co., London, 1865, p. 66. "Tally-ho" era il grido che si usava lanciare una volta avvistata la volpe.

(6) I dubbi circa la corretta identificazione di alcune persone citate nelle lettere sono stati col tempo quasi tutti superati (vedi l'indice dei nomi nelle lettere)

     |     i memoir familiari     |     home page     |