Jane Austen

Lettere 101-110
traduzione di Giuseppe Ierolli

  91-100      |     indice lettere     |     home page     |      111-120 

101
(Tuesday 14 June 1814)
Cassandra Austen, London


Chawton Tuesday June 13. [sic]

My dearest Cassandra

Fanny takes my Mother to Alton this morng which gives me an opportunity of sending you a few lines, without any other trouble than that of writing them. This is a delightful day in the Country, & I hope not much too hot for Town. - Well, you had a good Journey I trust & all that; - & not rain enough to spoil your Bonnet. - It appeared so likely to be a wet eveng that I went up to the Gt House between 3 & 4, & dawdled away an hour very comfortably, tho' Edwd was not very brisk. The air was clearer in the Eveng & he was better. - We all five walked together into the Kitchen Garden & along the Gosport Road, & they drank tea with us. - You will be glad to hear that G. Turner has another situation - something in the Cow Line, near Rumsey, & he wishes to move immediately, which is not likely to be inconvenient to anybody. The new Nursery Man at Alton comes this morng, to value the Crops in the Garden. -

The only Letter to day is from Mrs Cooke to me. They do not leave home till July & want me to come to them according to my promise. - And, after considering everything, I have resolved on going. My companions promote it. - I will not go however till after Edward is gone, that he may feel he has a somebody to give Memorandums to, to the last; - I must give up all help from his Carriage of course. - And at any rate it must be such an Excess of Expense that I have quite made up my mind to it, & do not mean to care. I have been thinking of Triggs & the Chair you may be sure, but I know it will end in Posting. They will meet me at Guildford. - In addition to their standing claims on me, they admire Mansfield Park exceedingly. Mr Cooke says "it is the most sensible Novel he ever read" - and the manner in which I treat the Clergy delights them very much. - Altogether I must go - & I want you to join me there when your visit in Henrietta St is over. Put this, into your capacious Head.

Take care of yourself, & do not be trampled to death in running after the Emperor. The report in Alton yesterday was that they wd certainly travel this road either to, or from Portsmouth. - I long to know what this Bow of the Prince's will produce. -

I saw Mrs Andrews yesterday. Mrs Browning had seen her before. She is very glad to send an Elizabeth. -

Miss Benn continues the same. - Mr Curtis however saw her yesterday & said her hand was going on as well as possible. - Accept our best Love.

Yours very affec:ly
J. Austen

Miss Austen
10, Henrietta Street
By favour of
Mr Gray -

101
(martedì 14 giugno 1814)
Cassandra Austen, Londra


Chawton martedì 13 giugno. [sic]

Mia carissima Cassandra

Stamattina Fanny porta la Mamma a Alton il che mi dà la possibilità di mandarti qualche rigo, visto che non ho altri impegni se non quello di scriverti. Qui in Campagna la giornata è deliziosa, e spero che in Città non sia troppo calda. - Allora, hai fatto un buon Viaggio e tutto il resto spero; - senza pioggia sufficiente a rovinarti la Cuffia. - Sembrava talmente probabile che sarebbe stato un pomeriggio piovoso che sono andata alla Great House fra le 3 e le 4, e mi sono comodamente trastullata per un'ora, anche se Edward non era molto vivace. In Serata il tempo si è schiarito e lui stava meglio. - Abbiamo passeggiato tutti e cinque nell'Orto e lungo Gosport Road, e hanno preso il tè con noi. - Sarai contenta di sapere che G. Turner ha un'altra occupazione - qualcosa nell'allevamento delle Mucche, vicino Rumsey, e vuole trasferirsi immediatamente, il che probabilmente non creerà inconvenienti a nessuno. Il nuovo Vivaista di Alton viene stamattina, per valutare il Raccolto del Giardino.

Oggi l'unica Lettera è di Mrs Cooke a me. Non partiranno fino a luglio e mi vogliono da loro come avevo promesso. - E, tutto considerato, ho deciso di andare. Le mie compagne mi spingono a farlo. - Comunque non andrò fino a quando Edward non sarà partito, affinché abbia fino all'ultimo qualcuno a cui lasciare le Istruzioni; - naturalmente non potrò contare sulla sua Carrozza. - E in ogni caso sarebbe un tale Eccesso di Spesa che non ci penso proprio, e non ho intenzione di preoccuparmene. Ti assicuro che mi sono ricordata di Triggs e della Poltrona, ma so che finirà con lo spedirla. Mi verranno a prendere a Guildford. - In aggiunta all'invito, ammirano moltissimo Mansfield Park. Mr Cooke dice che è il Romanzo più assennato che abbia mai letto - e il modo in cui tratto il Clero li soddisfa moltissimo. - Tutto considerato devo andare - e voglio che tu mi raggiunga là quando sarà terminata la tua visita a Henrietta Street. Mettitelo bene in Testa.

Abbi cura di te, e non farti calpestare a morte per correre dietro all'Imperatore. Ieri a Alton la notizia era che sarebbero certamente passati di qui sia per, che da Portsmouth. - Vorrei tanto sapere a che servirà questo Inchino del Principe. -

Ieri ho visto Mrs Andrews. Mrs Browning l'aveva vista l'altro ieri. È molto contenta di mandare Elizabeth. -

Miss Benn va avanti come al solito. - Comunque Mr Curtis l'ha visitata ieri e ha detto che la mano sta andando abbastanza bene. - I nostri più cari saluti.

Con tanto affetto, tua
J. Austen

102
(Thursday 23 June 1814)
Cassandra Austen, London


Thursday June 23.

Dearest Cassandra

I received your pretty Letter while the Children were drinking tea with us, as Mr Louch was so obliging as to walk over with it. Your good account of everybody made us very happy. - I heard yesterday from Frank; when he began his Letter he hoped to be here on Monday, but before it was ended he had been told that the Naval Review wd not take place till Friday, which wd probably occasion him some delay, as he cannot get some necessary business of his own attended to while Portsmouth is in such a bustle. I hope Fanny has seen the Emperor, and then I may fairly wish them all away. - I go tomorrow, & hope for some delays & adventures. - My Mother's Wood is brought in - but by some mistake, no Bavins. She must therefore buy some. -

Henry at Whites! - Oh, what a Henry. - I do not know what to wish as to Miss B, so I will hold my tongue & my wishes.

Sackree & the Children set off yesterday & have not been returned back upon us. They were all very well the Evening before. - We had handsome presents from the Gt House yesterday, a Ham & the 4 Leeches. - Sackree has left some shirts of her Master's at the School, which finished or unfinished she begs to have sent by Henry & Wm. - Mr Hinton is expected home soon, which is a good thing for the Shirts. - We have called upon Miss Dusautoy & Miss Papillon & been very pretty. - Miss D. has a great idea of being Fanny Price, she & her youngest sister together, who is named Fanny. - Miss Benn has drunk tea with the Prowtings, & I beleive comes to us this eveng. She has still a swelling about the fore-finger, & a little discharge, & does not seem to be on the point of a perfect cure, but her Spirits are good - & she will be most happy I beleive, to accept any Invitation. - The Clements are gone to Petersfield, to look. -

Only think of the Marquis of Granby being dead. I hope, if it please Heaven there should be another Son, they will have better Sponsors & less Parade.

I certainly do not wish that Henry should think again of getting me to Town. I would rather return straight from Bookham; but, if he really does propose it, I cannot say No, to what will be so kindly intended. It could be but for a few days however, as my Mother would be quite disappointed by my exceeding the fortnight which I now talk of as the outside; - at least, we could not both remain longer away comfortably. - The middle of July is Martha's time, as far as she has any time. She has left it to Mrs Craven to fix the day. - I wish she could get her Money paid, for I fear her going at all, depends upon that. - Instead of Bath, the Deans Dundases have taken a House at Clifton, - Richmond Terrace - & she is as glad of the change as even You & I should be - or almost. - She will now be able to go on from Berks & visit them, without any fears from Heat. - This Post has brought me a Letter from Miss Sharpe. Poor thing! she has been suffering indeed! but is now in a comparative state of comfort. She is at Sir W. P.'s, in Yorkshire, with the Children, & there is no appearance of her quitting them. - Of course, we lose the pleasure of seeing her here. She writes highly of Sir Wm - I do so want him to marry her! - There is a Dow: Lady P. presiding there, to make it all right. - The Man is the same; but she does not mention what he is by Profession or Trade. - She does not think Lady P. was privy to his Scheme on her; but, on being in his power, yielded. - Oh, Sir Wm - Sir Wm - how I will love you, if you will love Miss Sharp! - Mrs Driver &c. are off by Collier, but so near being too late that she had not time to call & leave the Keys herself. - I have them however; - I suppose, one is the Key of the Linen Press - but I do not [know] what to guess the other. -

The Coach was stopt at the Blacksmith's, & they came running down, with Triggs & Browning, & Trunks & Bird cages. Quite amusing!

My Mother desires her Love & hopes to hear from you.

Yours very affec:ly
J. Austen

Frank & Mary are to have Mary Goodchild to help as Under, till they can get a Cook. She is delighted to go. -

Best love at Streatham.

Miss Austen
Henrietta St
By favour of
Mr Gray

102
(giovedì 23 giugno 1814)
Cassandra Austen, Londra


Giovedì 23 giugno.

Carissima Cassandra

Ho ricevuto la tua bella Lettera mentre i Bambini stavano prendendo il tè con noi, dato che Mr Louch è stato così cortese da portarlo. Le buone nuove che ci dai di tutti ci hanno fatto felici. - Ieri ho avuto notizie da Frank; quando ha iniziato la Lettera sperava di essere qui lunedì, ma prima di finirla ha saputo che la Rassegna Navale non ci sarà fino a venerdì, (1) il che probabilmente lo farà tardare un po', dato che non si potrà occupare di alcuni affari che lo riguardano mentre Portsmouth è in un tale trambusto. Spero che Fanny abbia visto l'Imperatore, e in questo caso posso legittimamente desiderare che se ne vadano tutti. - Io vado domani, e spero in qualche ritardo e in qualche avventura. - La Legna della Mamma è arrivata - ma per qualche errore, niente Fascine. Perciò dovrà comprarne un po'. -

Henry al White! (2) - Oh, Henry. - Non so che cosa desiderare riguardo a Miss B, perciò terrò a freno la lingua e i desideri.

Sackree e i Bambini sono partiti ieri e non sono tornati da noi. La Sera prima stavano tutti bene. - Ieri abbiamo ricevuto dei bei regali dalla Great House, un Prosciutto e le 4 Sanguisughe. - Sackree ha lasciato alcune Camicie del suo Padrone alla Scuola, che finite o non finite prega che siano mandate tramite Henry e William. - Mr Hinton è atteso a breve a casa, il che è una buona cosa per le Camicie. - Abbiamo fatto visita a Miss Dusautoy e a Miss Papillon e siamo state molto bene. - Miss D. è convinta di essere Fanny Price, (3) lei insieme alla sorella minore, che si chiama Fanny. - Miss Benn ha preso il tè dai Prowting, e credo che stasera verrà da noi. Ha ancora un gonfiore all'indice, e le butta un po', e non sembra che la cura sia molto indicata, ma il Morale è buono - e sarebbe molto contenta, credo, di accettare qualsiasi Invito. - I Clement sono andati a Petersfield, a dare un'occhiata. -

Solo a pensare che il Marchese di Granby è morto. Spero, se piace al Cielo che se dovessero avere un altro Figlio, abbiano Padrini migliori e meno Sfarzo. (4)

Di certo non desidero che a Henry venga di nuovo in mente di portarmi a Londra. Preferirei tornare direttamente da Bookham; ma, se davvero lo propone, non posso dire di No, a qualcosa che ha intenzioni così gentili. Però non potrà essere che per pochi giorni, poiché la Mamma rimarrebbe molto delusa se stessi fuori di più rispetto alle due settimane di cui ho parlato; - perlomeno, non possiamo entrambe rimanere tranquillamente lontane più a lungo. - Il periodo di Martha sarà a metà luglio, fino a quel momento sarà libera. Ha lasciato che sia Mrs Craven a fissare la data. - Mi auguro che possa avere i suoi Soldi, perché temo che la sua partenza dipenda da questo. - Invece di Bath i Deans Dundas hanno preso Casa a Clifton; - Richmond Terrace - e lei è così contenta del cambio come nemmeno Tu e io potremmo essere - o quasi. - Ora sarà in grado di passare dal Berkshire e far loro visita, senza nessun timore per il Caldo. - Questo giro di posta mi ha portato una Lettera di Miss Sharp. Poverina! ha davvero sofferto! ma ora sta relativamente bene. Sta da Sir W. P., nello Yorkshire, con le Bambine, e non sembra che debba lasciarli. - Naturalmente, non avremo il piacere di vederla qui. È entusiasta di Sir William - e così vorrei che la sposasse! - C'è una Vedova, Lady P. a controllare che sia fatto tutto nel modo giusto. - Il Fortunato è lui stesso; ma lei non dice se ha una Professione o un Commercio. - Non pensa che Lady P. fosse al corrente del Progetto che la riguardava; ma, dato che è lui il padrone, si è sottomessa. - Oh, Sir William - Sir William - quanto vi amerò, se amerete Miss Sharp! - Mrs Driver ecc. sono partiti con Collier, ma erano così in ritardo che non ha fatto in tempo a venire a portare lei stessa le Chiavi. - Comunque ce l'ho io; - presumo che una sia la Chiave della Stireria - ma non ho idea dell'altra. -

La Carrozza si era fermata dal Maniscalco, e sono arrivati di corsa, con Triggs e Browning, e Bauli e Gabbie degli uccelli. Un vero spasso!

La Mamma ti manda saluti affettuosi e spera di avere notizie da te.

Con tanto affetto, tua
J. Austen

Frank e Mary avranno Mary Goodchild per dare una mano come Aiutante, fino a quando non potranno prendere un Cuoca. Lei è contentissima di andare. -

I saluti più affettuosi a Streatham.



(1) Dopo la pace temporanea che seguì l'abdicazione di Napoleone e l'esilio all'isola d'Elba, ci fu la visita in Inghilterra dell'Imperatore di Russia e del re di Prussia. In questa occasione era stata organizzata un'imponente rassegna navale a Spithead, al largo di Portsmouth, che si doveva tenere il 21 giugno; il corteo reale fu però ritardato e arrivò a Portsmouth solo il 23, per cui la rassegna ebbe luogo, come dice JA, venerdì 24 giugno.

(2) Sempre in occasione delle visite reali, il 20 giugno si tenne una festa di gala uno dei più antichi ed esclusivi club di Londra, il White's. Il principe reggente, membro del club, partecipò insieme ai due ospiti reali. Il club prendeva il nome dal suo fondatore: Francesco Bianco, un emigrato italiano conosciuto come "Francis White", e all'inizio (1693) era nato come "Chocolat House" ("Mrs. White's Chocolat House").

(3) La protagonista di Mansfield Park.

(4) Il 4 febbraio 1814 era stato battezzato George-John-Frederick Manners, erede del duca di Rutland. I padrini e la madrina erano stati il principe reggente, il duca di York e la regina, rappresentata dalla duchessa di Rutland. La cerimonia era stata officiata dall'arcivescovo di Canterbury ed erano state sparate quindici salve di cannone per annunciare l'evento, oltre a diverse feste celebrative. Il bambino però morì pochi mesi dopo, il 15 giugno.

103
(?mid-July 1814)
Anna Austen, Steventon


. . . I am pretty well in health and work a good deal in the Garden, but for these last 3 or 4 weeks have had weakness in my Eyes; it was well for you it did not come sooner, for I could not now make petticoats, Pockets & dressing Gowns for any Bride expectant - I can not wear my spectacles, and therefore can do hardly any work but knitting white yarn and platting white willow. I write & read without spectacles, and therefore do but little of either - We have a good appearance of Flowers in the Shrubbery and borders, & what is still better, a very good crop of small Fruit, even your Goosberry Tree does better than heretofore, when the Gooseberries are ripe I shall sit upon my Bench, eat them & think of you, tho I can do that without the assistance of ripe gooseberries; indeed, my dear Anna, there is nobody I think of oftener, very few I love better, - My Eyes are tired so I must quit you - Farewell.

Yr affect. G: M:
C. Austen

My dear Anna - I am very much obliged to you for sending your MS. It has entertained me extremely, all of us indeed; I read it aloud to your G. M. - & At C. - and we were all very much pleased. - The Spirit does not droop at all. Sir Tho: - Lady Helena, & St Julian are very well done - & Cecilia continues to be interesting inspite of her being so amiable. - It was very fit that you should advance her age. I like the beginning of D. Forester very much - a great deal better than if he had been very Good or very Bad. - A few verbal corrections were all that I felt tempted to make - the principal of them is a speech of St Julians to Lady Helena - which you see I have presumed to alter. - As Lady H. is Cecilia's superior, it wd not be correct to talk of her being introduced; Cecilia must be the person introduced - And I do not like a Lover's speaking in the 3d person; - it is too much like the formal part of Lord Orville, & I think is not natural. If you think differently however, you need not mind me. - I am impatient for more - & only wait for a safe conveyance to return this Book.- Yours affecly, J. A.

Miss Austen
Steventon

103
(metà luglio? 1814) (1)
Anna Austen, Steventon


[...] (2) Io sto abbastanza bene in salute e lavoro un bel po' in Giardino, ma nelle ultime 3 o 4 settimane ho avuto un affaticamento agli Occhi; per te è stato un bene che non mi sia venuto prima, poiché ora non avrei potuto fare sottovesti, Borsellini e vestaglie per nessuna Promessa sposa (3) - Non posso mettermi gli occhiali, e quindi non posso fare altro che lavorare a maglia col filo bianco e intrecciare il salice (4) bianco. Scrivo e leggo senza occhiali, e perciò posso fare poco di entrambe le cose - C'è un bello spettacolo di Fiori tra gli Arbusti e nel recinto e, ancora meglio, un ottimo raccolto di Frutti di bosco, persino il tuo Albero di Uva spina fino adesso va meglio, quando l'Uva spina sarà matura mi siederò sulla mia Panchina, la mangerò e penserò a te, anche se posso farlo anche senza l'aiuto dell'uva spina: in verità, mia cara Anna, non c'è nulla a cui pensi più spesso, pochi sono quelli che amo di più - Ho gli Occhi stanchi e così devo lasciarti - Addio.

La tua affezionata Nonna
C. Austen

Mia cara Anna - ti sono molto obbligata per avermi mandato il manoscritto. (5) Mi ha divertita moltissimo, a tutti noi in verità; l'ho letto ad alta voce a tua Nonna - e a Zia C. - ed è piaciuto moltissimo a tutte noi. - Ha una Forza che non ha mai cedimenti. Sir Thomas - Lady Helena, e St Julian sono molto ben fatti - e Cecilia continua a essere interessante nonostante sia così amabile. - Hai fatto una cosa molto giusta ad aumentarle l'età. Mi piace moltissimo come introduci D. Forrester - molto meglio che se fosse stato Buonissimo o Cattivissimo. - Tutto ciò che mi sono sentita di tentare è qualche correzione testuale - la principale riguarda un discorso di St Julian a Lady Helena - che come vedrai mi sono permessa di modificare. - Dato che Lady H. è di rango superiore a Cecilia, non sarebbe corretto dire che è lei a essere presentata; è Cecilia a dover essere presentata - E non mi piace un Innamorato che parla in 3ª persona; - è troppo simile all'eloquio formale di Lord Orville, (6) e credo che non sia naturale. Tuttavia se tu la pensi in modo diverso, non badare a me. - Sono impaziente del seguito - e aspetto solo un mezzo di trasporto sicuro per restituirti il Quaderno. - Con affetto, tua J. A.



(1) Nell'edizione Chapman (dove c'è solo la parte scritta da JA) la lettera è datata "May or June 1814"; Le Faye sposta la data un po' più avanti. Vedi: Deirdre Le Faye, "Jane Austen: Some letters Redated", in "Notes and Queries", n. 34(4), dic. 1987, pagg. 478-81.

(2) La lettera comprendeva due fogli per complessive quattro pagine, ma resta solo il secondo foglio (pagg. 3 e 4). Visto che la pag. 3 è scritta da Mrs. Austen si presume che lo fossero anche le prime due, mentre la quarta è scritta da JA.

(3) Anna Austen si sposerà l'8 novembre 1814 con Benjamin Lefroy.

(4) Vedi la nota 8 della lettera 97.

(5) Anna stava scrivendo un romanzo che rimarrà incompiuto (vedi anche la lettera successiva).

(6) Personaggio di Evelina di Fanny Burney.

104
(Wednesday 10 - Thursday 18 August 1814)
Anna Austen, Steventon


Chawton Wednesday Aug: 10.

My dear Anna

I am quite ashamed to find that I have never answered some questions of yours in a former note. - I kept the note on purpose to refer to it at a proper time, & then forgot it. - I like the name "Which is the Heroine?" very well, & I dare say shall grow to like it very much in time - but "Enthusiasm" was something so very superior that every common Title must appear to disadvantage. - I am not sensible of any Blunders about Dawlish. The Library was particularly pitiful & wretched 12 years ago, & not likely to have anybody's publication. - There is no such Title as Desborough - either among the Dukes, Marquisses, Earls, Viscounts or Barons. - These were your enquiries. - I will now thank you for your Envelope, received this morning. - I hope Mr W. D. will come. - I can readily imagine Mrs H. D. may be very like a profligate Young Lord - I dare say the likeness will be "beyond every thing." - Your Aunt Cass: - is as well pleased with St Julian as ever. I am delighted with the idea of seeing Progillian again.

Wednesday 17. - We have just finished the 1st of the 3 Books I had the pleasure of receiving yesterday; I read it aloud - & we are all very much amused, & like the work quite as well as ever. - I depend upon getting through another book before dinner, but there is really a great deal of respectable reading in your 48 Pages. I was an hour about it. - I have no doubt that 6 will make a very good sized volume. - You must be quite pleased to have accomplished so much. - I like Lord P. - & his Brother very much; - I am only afraid that Lord P.-'s good nature will make most people like him better than he deserves. - The whole Portman Family are very good - & Lady Anne, who was your great dread, you have succeeded particularly well with. - Bell Griffin is just what she should be. - My Corrections have not been more important than before; - here & there, we have thought the sense might be expressed in fewer words - and I have scratched out Sir Tho: from walking with the other Men to the Stables &c the very day after his breaking his arm - for though I find your Papa did walk out immediately after his arm was set, I think it can be so little usual as to appear unnatural in a book - & it does not seem to be material that Sir Tho: should go with them. - Lyme will not do. Lyme is towards 40 miles distance from Dawlish & would not be talked of there. - I have put Starcross indeed. If you prefer Exeter, that must be always safe. - I have also scratched out the Introduction between Lord P. & his Brother, & Mr Griffin. A Country Surgeon (dont tell Mr C. Lyford) would not be introduced to Men of their rank. - And when Mr Portman is first brought in, he wd not be introduced as the Honble - That distinction is never mentioned at such times; - at least I beleive not. - Now, we have finished the 2d book - or rather the 5th - I do think you had better omit Lady Helena's postscript; - to those who are acquainted with P. & P it will seem an Imitation. - And your Aunt C. & I both recommend your making a little alteration in the last scene between Devereux F. and Lady Clanmurray & her Daughter. We think they press him too much - more than sensible Women or well-bred Women would do. Lady C. at least, should have discretion enough to be sooner satisfied with his determination of not going with them. - I am very much pleased with Egerton as yet. - I did not expect to like him, but I do; & Susan is a very nice little animated Creature - but St Julian is the delight of one's Life. He is quite interesting. - The whole of his Break-off with Lady H. is very well done. -

Yes - Russel Square is a very proper distance from Berkeley St. - We are reading the last book. - They must be two days going from Dawlish to Bath; They are nearly 100 miles apart.

Thursday. We finished it last night, after our return from drinking tea at the Gt House. - The last Chapter does not please us quite so well, we do not thoroughly like the Play; perhaps from having had too much of Plays in that way lately. - And we think you had better not leave England. Let the Portmans go to Ireland, but as you know nothing of the Manners there, you had better not go with them. You will be in danger of giving false representations. Stick to Bath & the Foresters. There you will be quite at home. - Your Aunt C. does not like desultory novels, & is rather fearful yours will be too much so, that there will be too frequent a change from one set of people to another, & that circumstances will be sometimes introduced of apparent consequence, which will lead to nothing. - It will not be so great an objection to me, if it does. I allow much more Latitude than She does - & think Nature and Spirit cover many sins of a wandering story - and People in general do not care so much about it - for your comfort. I should like to have had more of Devereux. I do not feel enough acquainted with him. - You were afraid of meddling with him I dare say. - I like your sketch of Lord Clanmurray, and your picture of the two poor young girls enjoyments is very good. - I have not yet noticed St Julian's serious conversation with Cecilia, but I liked it exceedingly; - what he says about the madness of otherwise sensible Women, on the subject of their Daughters coming out, is worth its' weight in gold. - I do not see that the language sinks. Pray go on.

Yours very affec:ly J. Austen

Twice you have put Dorsetshire for Devonshire. I have altered it. - Mr Griffin must have lived in Devonshire; Dawlish is half way down the County. -

These bits of Irish belong to you. - They have been in my work bag ever since You were here, & I think they may as well go to their right owner.

Miss Austen

104
(mercoledì 10 - giovedì 18 agosto 1814)
Anna Austen, Steventon


Chawton mercoledì 10 agosto.

Mia cara Anna

Mi sono proprio vergognata nello scoprire di non aver mai risposto a diverse tue domande di un biglietto precedente. - Mi ero tenuta il biglietto per parlarne nel momento più opportuno, e poi l'ho dimenticato. - Mi piace molto il titolo "Which is the Heroine?", e credo proprio che col tempo mi piacerà moltissimo - ma "Enthusiasm" (1) era qualcosa di talmente superiore che qualsiasi titolo più comune non può non sembrare svantaggiato. - Non mi sono accorta di nessun Errore riguardo a Dawlish. La Biblioteca era particolarmente misera e squallida 12 anni fa, (2) ed era poco probabile riuscire a trovare qualche pubblicazione. - Non esiste un Titolo nobiliare col nome Desborough - sia tra Duchi che tra Marchesi, Conti, Visconti o Baroni. - Queste erano le tue richieste. - E ora ti ringrazio per il Plico, ricevuto stamattina. Spero che Mr W. D. venga. - Posso facilmente immaginare come Mrs H. D. possa essere molto simile a un Giovane Lord dissoluto - credo proprio che la somiglianza vada "al di là di ogni immaginazione". A tua Zia Cass. - St Julian piace come prima. Io sono deliziata all'idea di incontrare di nuovo Progillian.

Mercoledì 17. - Abbiamo appena finito il 1° dei 3 Quaderni che avevo avuto il piacere di ricevere ieri; l'ho letto io ad alta voce - ci siamo tutte divertite moltissimo, e il lavoro ci piace tanto quanto prima. - Conto di terminare un altro quaderno prima di pranzo, ma c'è davvero molto di buono da leggere nelle tue 48 Pagine. Ci sono rimasta per un'ora. - Non ho dubbi che 6 siano sufficienti per un volume di dimensioni ottimali. - Devi essere proprio soddisfatta di aver realizzato tanto. - Mi piace Lord P. - e molto suo Fratello; - temo solo che la simpatia di Lord P. porterà molti ad apprezzarlo più di quanto meriti. - Tutta la famiglia Portman è perfetta - e con Lady Anne, che ti faceva tanta paura, te la sei cavata particolarmente bene. Bell Griffin è proprio come dovrebbe essere. - Le mie Correzioni non sono più significative di quelle precedenti; - qua e là, abbiamo pensato che il senso potesse essere espresso con meno parole - e ho cancellato Sir Thomas che va con gli altri alla Scuderia ecc. proprio il giorno seguente a quello in cui si era rotto il braccio - perché anche se il tuo Papà è uscito immediatamente dopo che il suo braccio era stato sistemato, credo che sia una cosa talmente poco usuale da apparire innaturale in un libro - e non sembra essenziale che Sir Thomas vada con gli altri. - Lyme non va bene. Lyme è a circa 40 miglia da Dawlish e là non se ne parlerebbe. - Ci ho messo Starcross. Se preferisci Exeter, va comunque bene. - Ho anche cancellato la presentazione tra Lord P. e suo Fratello, con Mr Griffin. Un Medico di Campagna (non dirlo a Mr C. Lyford) non verrebbe presentato a Persone del loro rango. - E quando Mr Portman fa la sua apparizione per la prima volta, non andrebbe presentato come il Nobiluomo - È un appellativo che non è mai usato in momenti del genere; - almeno non credo. - Ora, abbiamo finito il 2° quaderno - o piuttosto il 5° - e ritengo che faresti meglio a omettere il poscritto di Lady Helena; a quelli che conoscono P. & P sembrerebbe un'Imitazione. (3) - E tua Zia C. e io ti raccomandiamo entrambe di modificare un po' l'ultima scena tra Devereux F. e Lady Clanmurray e sua Figlia. Riteniamo che insistano troppo con lui - più di quanto farebbero Donne assennate o Donne beneducate. Lady C. almeno, dovrebbe avere abbastanza giudizio da sentirsi soddisfatta prima di quanto faccia della sua decisione di non andare con loro. - Finora sono molto contenta di Egerton. - Non me lo aspettavo, ma mi piace; e Susan è una Creaturina molto simpatica e vivace - ma St Julian è una vera e propria delizia. È davvero interessante. - Tutta la parte della sua rottura con Lady H. è assai ben fatta. -

Sì - Russel Square è alla distanza giusta da Berkeley Street. (4) - Stiamo leggendo l'ultimo quaderno. - Devono metterci due giorni per andare da Dawlish a Bath; Sono a quasi 100 miglia di distanza.

Giovedì. Abbiamo finito ieri sera, dopo essere tornate dal tè alla Great House. - L'ultimo Capitolo non ci piace troppo, non ci convince completamente la Commedia; forse perché ultimamente abbiamo avuto troppe Commedie simili. (5) - E riteniamo che faresti meglio a non lasciare l'Inghilterra. Lascia che i Portman vadano in Irlanda, ma dato che tu non sai nulla delle Usanze di laggiù, faresti meglio a non andare con loro. Correresti il pericolo di fare descrizioni inesatte. Resta fedele a Bath e ai Forrester. Là sarai a casa tua. - A tua Zia C. non piacciono i romanzi disordinati, e teme alquanto che il tuo sia troppo di questo tipo, che ci siano scambi troppo frequenti da un gruppo di persone a un altro, e che talvolta siano introdotti avvenimenti apparentemente importanti, che non porteranno a nulla. - Anche se fosse, per me non è un'obiezione particolarmente significativa. Io sono per una Libertà molto maggiore di quanta ne ammetta Lei - e credo che Naturalezza e Vivacità mettano in secondo piano molti peccati di una storia contorta - e generalmente la gente non ci fa troppo caso - questo a tua consolazione. Mi sarebbe piaciuto sapere di più di Devereux. Sento di non conoscerlo abbastanza. - Credo proprio che tu abbia avuto paura di metterci mano. - Mi piace lo schizzo di Lord Clanmurray, e il tuo ritratto degli svaghi delle due povere giovinette è ottimo. - Non ho ancora commentato la solenne conversazione di St Julian con Cecilia, ma mi è piaciuta enormemente; - ciò che dice circa la pazzia di Donne altrimenti assennate, in occasione del debutto delle Figlie, vale tanto oro quanto pesa. (6) - Non vedo cadute nel linguaggio. Continua pure così.

Con tanto affetto, tua J. Austen

Hai scritto due volte Dorsetshire per Devonshire. L'ho corretto. Mr Griffin deve essere vissuto nel Devonshire; Dawlish è in mezzo nella parte bassa della Contea. -

Questi ritagli di Lino irlandese appartengono a te. - Sono rimasti nel mio cestino da lavoro da quando sei stata qui, e credo che possano anche tornare alla legittima proprietaria.



(1) Probabilmente Anna aveva cambiato il primo titolo (Entusiasmo) con il nuovo (Chi è l'eroina?) perché aveva scoperto che era una parola già usata in un altro libro. Chapman ritiene che si tratti di Le Voeux Temeraires ou l'Enthousiasme, di Madame de Genlis (1746-1830), pubblicato in Inghilterra nel 1799 con il titolo Rash Vows, or, the Effects of Enthusiasm. Vivien Jones (curatrice di Jane Austen: Selected Letters, Oxford University Press, Oxford, 2004) segnala anche un libro più recente, un romanzo epistolare di un autore americano: Charles Brockden Brown (1771-1810), Philip Stanley: or, the Enthusiasm of Love (1807; il titolo originale dell'edizione americana - 1801 - era Jane Talbot).

(2) Gli Austen erano stati, almeno una volta come si capisce da questo riferimento, a Dawlish, nel Devonshire, per le vacanze estive durante gli anni di Bath. Un "progetto di Dawlish" è citato nella lettera 25 del novembre 1800 (vedi la nota 6 a quella lettera).

(3) In Orgoglio e pregiudizio ci sono due lettere con un poscritto; una è solo citata: la lettera di risposta di Mrs Bennet alle figlie a Netherfield (vol I cap. 12), l'altra è la seconda lettera di Jane a Elizabeth, con l'annuncio della fuga di Lydia con Wickham (vol. III cap. 4 [46]). Visto che il romanzo di Anna è perduto, non è possibile stabilire a quale delle due alludesse JA.

(4) Due indirizzi di Londra (al primo manca un "l": è "Russell Square") distanti circa un miglio (poco più di un chilometro e mezzo). Berkeley Street è l'indirizzo della casa di Londra di Mrs. Jennings in Ragione e sentimento, ma era stata anche, nel 1801, una delle case di Londra di Henry Austen e della moglie Eliza de Feuillide.

(5) Molto probabilmente JA si riferisce alla lunga parte di Mansfield Park dedicata alla recita familiare di Lover's Vow in casa Bertram. Il romanzo era stato pubblicato da poco (9 maggio 1814).

(6) Forse JA si ricordava di un brano dei suoi "Juvenilia", la prima della Raccolta di lettere dedicata alla cugina Jane Cooper, dove chi scrive è appunto una madre che deve presentare in società le sue due figlie di sedici e diciassette anni.

105
(Tuesday 23 - Wednesday 24 August 1814)
Cassandra Austen, Chawton


23 Hans Place, Tuesday Morng

My dear Cassandra

I had a very good Journey, not crouded, two of the three taken up at Bentley being Children, the others of a reasonable size; & they were all very quiet & civil. - We were late in London, from being a great Load & from changing Coaches at Farnham, it was nearly 4 I beleive when we reached Sloane St; Henry himself met me, & as soon as my Trunk & Basket could be routed out from all the other Trunks & Baskets in the World, we were on our way to Hans Place in the Luxury of a nice large cool dirty Hackney Coach. There were 4 in the Kitchen part of Yalden - & I was told 15 at top, among them Percy Benn; we met in the same room at Egham, but poor Percy was not in his usual Spirits. He would be more chatty I dare say in his way from Woolwich. We took up a young Gibson at Holybourn; & in short everybody either did come up by Yalden yesterday, or wanted to come up. It put me in mind of my own Coach between Edinburgh & Sterling. - Henry is very well, & has given me an account of the Canterbury Races, which seem to have been as pleasant as one could wish. Everything went well. Fanny had good Partners, Mr J. P. was her 2d on Thursday, but he did not dance with her any more. - This will content you for the present. I must just add however that there were no Lady Charlottes, they were gone off to Kirby - & that Mary Oxenden, instead of dieing, is going to marry Wm Hammond. -

No James & Edward yet. - Our evening yesterday was perfectly quiet; we only talked a little to Mr Tilson across the intermediate Gardens; she was gone out airing with Miss Burdett. - It is a delightful Place - more than answers my expectation. Having got rid of my unreasonable ideas, I find more space & comfort in the rooms than I had supposed, & the Garden is quite a Love. I am in the front Attic, which is the Bedchamber to be preferred. Henry wants you to see it all, & asked whether you wd return with him from Hampshire; I encouraged him to think you would. He breakfasts here, early, & then rides to Henrietta St - If it continues fine, John is to drive me there by & bye, & we shall take an Airing together; & I do not mean to take any other exercise, for I feel a little tired after my long Jumble. - I live in his room downstairs, it is particularly pleasant, from opening upon the garden. I go & refresh myself every now & then, and then come back to Solitary Coolness. - There is one maid servant only, a very creditable, cleanlooking young Woman. Richard remains for the present. -

Wednesday Morng - My Brother and Edwd arrived last night. - They cd not get Places the day before. Their business is about Teeth & Wigs, & they are going after breakfast to Scarman's & Tavistock St - and they are to return, to go with me afterwards in the Barouche. I hope to do some of my errands today. I got the Willow yesterday, as Henry was not quite ready when I reached Hena St - I saw Mr Hampson there for a moment. He dines here tomorrow & proposed bringing his son; so I must submit to seeing George Hampson, though I had hoped to go through Life without it. - It was one of my vanities, like your not reading Patronage. - After leaving H. St - we drove to Mrs Latouches, they are always at home - & they are to dine here on friday. - We could do no more, as it began to rain. - We dine at ½ past 4 today, that our Visitors may go to the Play, and Henry & I are to spend the eveng with the Tilsons, to meet Miss Burdett, who leaves Town tomorrow. - Mrs T. called on me yesterday. - Is not this all that can have happened, or been arranged? - Not quite. - Henry wants me to see more of his Hanwell favourite, & has written to invite her to spend a day or two here with me. His scheme is to fetch her on Saturday. I am more & more convinced that he will marry again soon, & like the idea of her better than of anybody else at hand.

Now, I have breakfasted & have the room to myself again. - It is likely to be a fine day. - How do you all do? - Henry talks of being at Chawton about the 1st of Septr. - He has once mentioned a scheme, which I should rather like - calling on the Birches & the Crutchleys in our way. It may never come to anything, but I must provide for the possibility, by troubling you to send up my Silk Pelisse by Collier on Saturday. - I feel it would be necessary on such an occasion; - and be so good as to put up a clean Dressing gown which will come from the Wash on friday. - You need not direct it to be left anywhere. It may take its' chance. - We are to call for Henry between 3 & 4 - & I must finish this & carry it with me, as he is not always there in the morng before the Parcel is made up. - And before I set off, I must return Mrs Tilson's visit. - I hear nothing of the Hoblyns & abstain from all enquiry. -

I hope Mary Jane & Frank's Gardens go on well. - Give my Love to them all - Nunna Hat's Love to George. - A great many People wanted to mo up in the Poach as well as me. - The wheat looked very well all the way, & James says the same of his road. - The same good account of Mrs C.'s health continues, & her circumstances mend. She gets farther & farther from Poverty. What a comfort! Good bye to You. - Yours very truly & affecly

Jane.

All well at Steventon. I hear nothing particular of Ben, except that Edward is to get him some pencils. -

Miss Austen
Chawton
By favour of
Mr Gray

105
(martedì 23 - mercoledì 24 agosto 1814)
Cassandra Austen, Chawton


23 Hans Place, martedì mattina

Mia cara Cassandra

Il viaggio è andato benissimo, non siamo stati stipati, dato che due dei tre saliti a Bentley erano Bambini, e l'altro di una taglia ragionevole; e sono stati tutti molto tranquilli ed educati. - A Londra siamo arrivati sul tardi, perché essendo a pieno Carico e avendo cambiato carrozza a Farnham, erano quasi le 4 quando siamo giunti a Sloane Street; sono stata accolta da Henry in persona, e non appena siamo riusciti a districare il mio Baule e la mia Sporta da tutti gli altri Bauli e Sporte del Mondo, ci siamo avviati a Hans Place nel Lusso di una Carrozza a Nolo graziosa, grande, fresca e sporca. Nella zona Cucina di Yalden ce n'erano 4 - e mi hanno detto 15 sopra, tra i quali Percy Benn; ci siamo trovati nella stessa sala a Egham, ma il povero Percy non era del suo solito Umore. Credo che sarebbe stato più ciarliero sulla strada da Woolwich. A Holybourn abbiamo raccolto un giovane Gibson; e in breve ieri tutti in un modo o nell'altro hanno viaggiato con Yalden, o volevano viaggiarci. Mi ha fatto venire in mente la mia Carrozza tra Edimburgo e Sterling. (1) - Henry sta benissimo, e mi ha fatto un resoconto delle Corse di Canterbury, che sembra siano state piacevoli quanto si potesse desiderare. Tutto procede bene. Fanny ha avuto ottimi Cavalieri, giovedì Mr J. P. è stato il 2°, ma non ha più ballato con lei. - Per il momento ti devi accontentare di questo. Comunque posso solo aggiungere che non c'era nessuna Lady Charlotte, erano partite per Kirby (2) - e che Mary Oxenden, invece di morire, sta per sposare William Hammond. -

Ancora niente JamesEdward. - Ieri la serata è stata perfettamente tranquilla; abbiamo solo chiacchierato un po' con Mr Tilson passeggiando nei Giardini di mezzo; lei era andata a prendere un po' d'aria con Miss Burdett. - Qui il posto è delizioso - più di quanto mi aspettavo. Essendomi sbarazzata delle idee irragionevoli che avevo, ho trovato le stanze più comode e spaziose di quanto avevo immaginato, e il Giardino è proprio un Amore. Io sto nell'Attico sul davanti, che è la Camera da letto da preferire. Henry vuole che tu veda tutto, e si chiede se torneresti con lui dall'Hampshire; l'ho incoraggiato a ritenere che dirai di sì. Fa colazione qui, di buonora, e poi va a Henrietta Street - Se regge il bel tempo, tra poco John mi porterà lì, e prenderemo un po' d'aria insieme; e non ho intenzione di fare altro, perché mi sento un po' stanca dopo tanta Confusione. - Alloggio nella sua stanza al piano di sopra, che mi piace in modo particolare, dato che si apre sul giardino. Di tanto in tanto vado a prendere un po' di fresco, e poi torno alla Frescura Solitaria. - C'è solo una domestica, una ragazza molto a modo e attenta alla pulizia. Per il momento Richard resta. -

Mercoledì Mattina - Ieri sera sono arrivati nostro Fratello e Edward. - Il giorno prima non avevano trovato i Posti. - Hanno da fare con Denti e Parrucche, e dopo la colazione andranno da Scarman e a Tavistock Street - e dopo saranno di ritorno per venire con me in Calesse. Oggi spero di poter fare qualcuna delle mie commissioni. Ieri ho preso il Salice (3), dato che Henry non era ancora pronto quando sono arrivata a Henrietta Street - là ho visto per un momento Mr Hampson. Domani pranzerà qui e si propone di portare suo figlio; così dovrò rassegnarmi a conoscere George Hampson, benché avessi sperato di passare la Vita senza farlo. - Era uno dei miei capricci, come il tuo di non leggere Patronage. (4) - Dopo aver lasciato H. Street - ci siamo recati da Mrs Latouche, loro sono sempre in casa - e pranzeranno da noi venerdì. - Non abbiamo potuto fare di più, dato che aveva cominciato a piovere. - Oggi pranziamo alle 4 e ½, affinché i nostri Ospiti possano andare a Teatro, e Henry e io passeremo la serata con i Tilson, per salutare Miss Burdett, che lascia Londra domani. - Ieri mi ha fatto visita Mrs T. - È tutto ciò che è successo, o è stato programmato? - Non completamente. - Henry vuole che conosca meglio la sua Hanwell preferita, e le ha scritto per invitarla a passare un giorno o due qui con me. I suoi piani sono di andarla a prendere sabato. Sono sempre più convinta che si risposerà presto, e lei mi piace più di chiunque altra a portata di mano. (5)

In questo momento, ho fatto colazione e ho la stanza di nuovo tutta per me. - Probabilmente sarà una bella giornata. - Come state tutte voi? - Henry parla di essere a Chawton all'incirca il 1° di settembre. - Una volta ha accennato a un programma, che mi piacerebbe alquanto - far visita ai Birch e ai Crutchley durante il viaggio. Potrebbe non servire a nulla, ma debbo premunirmi per questa possibilità, disturbandoti per farmi avere sabato la mia Mantella di Seta tramite Collier. - Penso che sarà necessaria in tale occasione; - e sii così buona da metterci una Vestaglia pulita del Bucato di venerdì. - Non c'è bisogno che tu metta l'indirizzo per far sì che sia lasciata da qualche parte. Potrà fare da sola. - Andremo da Henry fra le 3 e le 4 - e devo finire la lettera e portarla con me, dato che lui non è sempre presente là in mattinata prima che venga confezionato il Plico. (6) - E prima di uscire, devo ricambiare la visita di Mrs Tilson. - Non ho saputo nulla degli Hoblyn e mi astengo dal chiedere qualsiasi informazione. -

Spero che il Giardino di Mary Jane e Frank vada avanti bene. - Salutali tutti con affetto da parte mia - Saluti affettuosi a George da Nunna Hat. (7) - Molta Gente voleva spostarsi all'interno come me. - Il grano mi è sembrato ottimo per tutta la strada, e James dice lo stesso del suo tragitto. - Proseguono le buone notizie circa la salute di Mrs. C., e le sue condizioni migliorano. Si sta sempre più allontanando dalla Povertà. (8) Che consolazione! Arrivederci. - Con tanto affetto, tua

Jane.

A Steventon tutto bene. Non ho saputo nulla di particolare di Ben, salvo che Edward gli porterà qualche matita. -



(1) La carrozza descritta nella lettera 14 di Love and Freindship (Amore e amicizia).

(2) Kirby era la residenza di Lord Winchilsea, cugino dei Finch-Hatton. Visto che non sembra ci fossero altre Lady Charlotte nella famiglia Finch-Hatton, è probabile che JA abbia usato il plurale per gioco.

(3) Vedi la nota 8 alla lettera 97.

(4) Romanzo di Maria Edgeworth pubblicato nel 1814.

(5) Henry Austen si risposerà, ma solo nel 1820, dopo la morte di JA, e non con Harriet Moore ma con Eleanor Jackson.

(6) Il plico che veniva inviato dalla sede di Londra a quella di Alton della banca di Henry, del quale si serviva JA per le lettere alla sorella, che venivano poi inviate a Chawton da Edward-William Gray, socio di Henry a Alton.

(7) Chapman annota: "Senza dubbio si tratta di JA, ma l'origine del nomignolo è sconosciuta."

(8) Probabilmente si tratta di Mrs Cooke o di Mrs Craven, dato che le notizie si riferiscono a Steventon. «sempre più allontanando dalla Povertà» può essere inteso in senso ironico.

106
(Friday 2 September 1814)
Martha Lloyd, Bath


23 Hans Place Friday Sepr 2d

My dear Martha

The prospect of a long quiet morning determines me to write to you; I have been often thinking of it before, but without being quite able to do it - and You are too busy, too happy & too rich I hope, to care much for Letters. - It gave me very great pleasure to hear that your Money was paid, it must have been a circumstance to increase every enjoyment you can have had with your friends - and altogether I think you must be spending your time most comfortably. The weather can hardly have incommoded you by its' heat. - We have had many evenings here so cold, that I was sure there must be fires in the Country. - How many alterations you must perceive in Bath! & how many People & Things gone by, must be recurring to you! - I hope you will see Clifton. Henry takes me home tomorrow; I rather expect at least to be at Chawton before night, tho' it may not be till early on Sunday, as we shall lengthen the Journey by going round by Sunning Hill; - his favourite Mrs Crutchley lives there, & he wants to introduce me to her. - We offered a visit in our way, to the Birches, but they cannot receive us, which is a disappointment. - He comes back again on Wednesday, & perhaps brings James with him; so it was settled, when James was here; - he wants to see Scarman again, as his Gums last week were not in a proper state for Scarman's operations. I cannot tell how much of all this may be known to you already. - I shall have spent my 12 days here very pleasantly, but with not much to tell of them; two or three very little Dinner-parties at home, some delightful Drives in the Curricle, & quiet Tea-drinkings with the Tilsons, has been the sum of my doings. I have seen no old acquaintances I think, but Mr Hampson. Henry met with Sir Brook & Lady Bridges by chance, & they were to have dined with us yesterday, had they remained in Town. I am amused by the present style of female dress; - the coloured petticoats with braces over the white Spencers & enormous Bonnets upon the full stretch, are quite entertaining. It seems to me a more marked change than one has lately seen. - Long sleeves appear universal, even as Dress, the Waists short, and as far as I have been able to judge, the Bosom covered. - I was at a little party last night at Mrs Latouche's, where dress is a good deal attended to, & these are my observations from it. - Petticoats short, & generally, tho' not always, flounced. - The broad-straps belonging to the Gown or Boddice, which cross the front of the Waist, over white, have a very pretty effect I think. - I have seen West's famous Painting, & prefer it to anything of the kind I ever saw before. I do not know that it is reckoned superior to his "Healing in the Temple", but it has gratified me much more, & indeed is the first representation of our Saviour which ever at all contented me. "His Rejection by the Elders", is the subject. - I want to have You & Cassandra see it. - I am extremely pleased with this new House of Henry's, it is everything that could be wished for him, & I have only to hope he will continue to like it as well as he does now, and not be looking out for anything better. - He is in very comfortable health; - he has not been so well, he says, for a twelvemonth. - His veiw, & the veiw of those he mixes with, of Politics, is not chearful - with regard to an American war I mean; - they consider it as certain, & as what is to ruin us. The [?Americans] cannot be conquered, & we shall only be teaching them the skill in War which they may now want. We are to make them good Sailors & Soldiers, & g[?ain] nothing ourselves. - If we are to be ruined, it cannot be helped - but I place my hope of better things on a claim to the protection of Heaven, as a Religious Nation, a Nation in spite of much Evil improving in Religion, which I cannot beleive the Americans to possess. - However this may be, Mr Barlowe is to dine with us today, & I am in some hope of getting Egerton's account before I go away - so we will enjoy ourselves as long as we can. My Aunt does not seem pleased with Capt. & Mrs D. D. for taking a House in Bath, I was afraid she would not like it, but I ho[pe ?they] do. - When I get home, I shall hear [about five words missing] . . . [?shall be very happy to] find myself at [nearly all the next line missing] . . . Miss Benn [nearly all the bottom line missing] . . . to hear Mrs Digweed's goodhumoured communications. The language of London is flat; it wants her phrase. - Dear me! - I wonder whether you have seen Miss Irvine! - At this time of year, she is more likely to be out of Bath than in.

One of our afternoon drives was to Streatham, where I had the pleasure of seeing Mrs Hill as well & comfortable as usual; - but there is a melancholy disproportion between the Papa & the little Children. - She told me that the Awdrys have taken that sweet St Bo[niface that we] passed by [three or four words missing] & Ventnor; [approximately two lines missing, with the conclusion].

Pray give my best [com]pts to your Friends. I have not forgotten their parti[cular] claim to my Gratitude as an Author. - We have j[ust hea]rd that Mrs C. Austen is safe in her bed with a Girl. It happened on board, a fortnig[ht] before it was expected.

Miss Lloyd
Captn Deans Dundas' RN
Pulteney Street
Bath

106
(venerdì 2 settembre 1814)
Martha Lloyd, Bath


23 Hans Place venerdì 2 set.

Mia cara Martha

La prospettiva di una lunga e tranquilla mattinata mi ha fatto decidere a scriverti; ci avevo pensato spesso in precedenza, ma non sono stata in grado di farlo - e Tu sei troppo occupata, troppo felice e troppo ricca spero, per badare troppo alle Lettere. - Mi ha fatto davvero molto piacere sapere che hai avuto il tuo Denaro, dev'essere stata una circostanza che ha accresciuto tutti i momenti gioiosi che hai avuto con i tuoi amici - e tutto sommato credo che tu stia passando il tuo tempo in modo molto piacevole. Difficile che il tempo possa averti dato fastidio per il caldo. - Qui ci sono state molte serate così fredde, che ero certa ci fossero i camini accesi in Campagna. - Quanti cambiamenti avrai notato a Bath! e quanta Gente e Cose passate, devono tornarti in mente! - Spero che andrai a Clifton. Henry mi porta a casa domani; mi aspetterei di essere a Chawton perlomeno prima di sera, anche se potremmo non arrivare fino a domenica mattina presto, dato che allungheremo il Viaggio per fare una deviazione a Sunning Hill; - la sua beneamata Mrs Crutchley vive lì, e lui vuole presentarmela. (1) - Volevamo far visita ai Birch lungo la strada, ma non possono riceverci, il che è stata una delusione. - Lui tornerà indietro mercoledì, e forse porterà James con sé; così era stato stabilito, quando James era qui; - vuole riandare da Scarman, dato che la settimana scorsa le sue Gengive non erano nelle condizioni adatte per gli interventi di Scarman. Non so quanto tu già sappia di tutto questo. - I miei 12 giorni li avrò passati molto piacevolmente, ma non avrò molto da raccontarti al riguardo; due o tre Pranzi molto ristretti a casa, qualche delizioso Giro in Calesse, e qualche tranquillo Tè con i Tilson, sono stati l'insieme dei miei impegni. Credo di non aver visto nessuna vecchia conoscenza, tranne Mr Hampson. Henry ha incontrato per caso Sir Brook e Lady Bridges, e ieri avrebbero dovuto pranzare da noi, se fossero rimasti in Città. Mi sono divertita a vedere lo stile alla moda dell'abbigliamento femminile; - le gonne colorate con bretelle su Giacchette bianche sormontate da enormi Cappelli, sono proprio uno spasso. Mi sembra un cambiamento più marcato di quelli visti ultimamente. - Le maniche lunghe sembrano generalizzate, persino negli Abiti da sera, La Vita bassa, e per quanto ho potuto giudicare, il Petto coperto. Ieri sera sono stata a un piccolo ricevimento da Mrs Latouche, dove si bada moltissimo all'abbigliamento, e queste sono le osservazioni che ne ho ricavato. - Gonne corte, e generalmente, anche se non sempre, con le balze. - Gli ampi nastri inglobati nel Vestito o nel Corpetto, che s'incrociano davanti alla Vita, su fondo bianco, credo che abbiano un effetto molto grazioso. - Ho visto il famoso Dipinto di West, e lo preferisco a qualsiasi altro dello stesso genere che abbia mai visto prima. Non so se sia ritenuto superiore al suo "La guarigione nel tempio", ma io l'ho apprezzato molto di più, ed è in effetti la prima rappresentazione del nostro Salvatore che mi abbia mai soddisfatto. Il soggetto è "Il rifiuto degli anziani". (2) - Voglio che Tu e Cassandra lo vediate. - Sono estremamente soddisfatta di questa nuova Casa di Henry, (3) è tutto ciò che avrei potuto desiderare per lui, e spero soltanto che continui a piacergli come adesso, e non si metta a cercare nulla di meglio. - È in ottima salute; - dice di non essere mai stato così bene da un anno a questa parte. - Sulla situazione politica, il suo punto di vista, e il punto di vista di quelli che frequenta, non è confortante - riguardo a una guerra in America, voglio dire; - ritengono che sia certa, e che ci porterà alla rovina. (4). Gli [americani?] (5) non possono essere conquistati, e insegneremo loro solo l'arte della Guerra di cui ora hanno bisogno. Faremo di loro dei buoni Marinai e Soldati, e noi non ci [guadagneremo?] nulla. - Se dobbiamo proprio andare in rovina, non ci si può far nulla - ma ripongo le mie speranze di un esito più positivo sul diritto alla protezione del Cielo, come Nazione Religiosa, una Nazione che nonostante molti Mali progredisce nel sentimento religioso, che non posso credere gli americani posseggano. - Comunque sia, oggi Mr Barlowe pranzerà da noi, e ho qualche speranza di ricevere l'acconto di Egerton prima di partire - così potremo divertirci finché possiamo. La Zia non sembra contenta del fatto che il Cap. e Mrs D. D. prendano una Casa a Bath, temevo che non le avrebbe fatto piacere, ma [spero che lo?] facciano. - Quando sarò a casa, ne saprò [mancano circa cinque parole] [sarò felicissima di?] ritrovarmi a [manca quasi tutta la riga seguente] Miss Benn [manca quasi tutta la riga in fondo] per sentire le bonarie comunicazioni di Mrs Digweed. La parlata di Londra è piatta; mancano le sue espressioni. - Povera me! Mi domando se hai visto Miss Irvine! - In questo momento dell'anno, è più probabile che sia fuori Bath piuttosto che a casa.

Una delle nostre scarrozzate pomeridiane è stata a Streatham, dove ho avuto il piacere di incontrare Mrs Hill in salute e serena come sempre; - ma c'è una malinconica sproporzione tra il Papà e i Bambini. - Mi ha detto che gli Awdry hanno preso quella dolce St Bo[niface da cui siamo] passati [mancano tre o quattro parole] e Ventnor; (6) [mancano all'incirca due righe e la conclusione].

Ti prego di porgere i miei oma[ggi] ai tuoi Amici, Non ho dimenticato il loro diritto alla mia parti[colare] Gratitudine come Autrice. (7) - Abbiamo a[ppena sap]uto che Mrs C. Austen è sana a salva e ha avuto una Bambina. È avvenuto a bordo, due settim[ane] prima del tempo. (8)



(1) Evidentemente anche Mrs Crutchley, come Harriet Moore (vedi la nota 5 alla lettera precedente), era nella rosa delle possibili mogli di Henry.

(2) Si tratta di due grandi quadri di Benjamin West, un pittore americano che si stabilì a Londra nel 1763: Christ Healing the Sick in the Temple (Cristo che guarisce i malati nel tempio) e Christ Rejected by the Elders (Cristo rifiutato dagli anziani), che JA vide a Londra rispettivamente nel 1811 e nel 1814.


Christ Healing the Sick in the Temple


Christ Rejected by the Elders

(3) Henry Austen si era trasferito dalla casa di Henrietta Street, a Covent Garden, a quella di Hans Place, a Chelsea, a poca distanza dalla casa di Sloane Street, l'ultima abitata con la moglie Eliza fino alla morte di quest'ultima.

(4) Le Faye annota: "Il riferimento è ambiguo: l'America aveva già dichiarato guerra alla Gran Bretagna il 17 giugno 1812, e il conflitto si concluderà con il trattato di Ghent del 24 dicembre 1814; la battaglia di New Orleans avvenne l'8 gennaio 1815 [nel testo è indicata erroneamente la data "8 June 1815"], dato che la notizia del trattato non aveva ancora raggiunto le truppe. Forse al tempo di questa lettera c'era stata una breve tregua nei combattimenti, e l'opinione pubblica riteneva che fosse più probabile una ripresa delle ostilità piuttosto che una pace definitiva."

(5) Nel manoscritto è stato strappato il sigillo, insieme ad alcune parti della lettera. Le Faye indica tra parentesi quadre le parti mancanti e, dove possibile, ricostruisce il testo o propone delle ipotesi.

(6) St Boniface Cottage e Ventnor sono due località nell'isola di Wight. Nella prima viveva una famiglia Hill, probabilmente imparentata con il rev. Herbert Hill.

(7) Le Faye annota: "Forse il cap. Deans Dundas aveva fornito a JA delle informazioni navali?"

(8) Il 31agosto, a bordo della "Namur", era nata Elizabeth, quarta figlia di Charles Austen e Fanny Palmer. Dopo pochi giorni, il 6 settembre, morirà la madre, e il 20 settembre anche la bambina.

107
(Friday 9 - Sunday 18 September 1814)
Anna Austen, Steventon


Chawton Sept: 9.

My dear Anna

We have been very much amused by your 3 books, but I have a good many criticisms to make - more than you will like. We are not satisfied with Mrs F.'s settling herself as Tenant & near Neighbour to such a Man as Sir T. H. without having some other inducement to go there; she ought to have some friend living thereabouts to tempt her. A woman, going with two girls just growing up, into a Neighbourhood where she knows nobody but one Man, of not very good character, is an awkwardness which so prudent a woman as Mrs F. would not be likely to fall into. Remember, she is very prudent; - you must not let her act inconsistently. - Give her a friend, & let that friend be invited to meet her at the Priory, & we shall have no objection to her dining there as she does; but otherwise, a woman in her situation would hardly go there, before she had been visited by other Families. - I like the scene itself, the Miss Lesleys, Lady Anne, & the Music, very much. - Lesley is a noble name. - Sir T. H. You always do very well; I have only taken the liberty of expunging one phrase of his, which would not be allowable. "Bless my Heart" - It is too familiar & inelegant. Your G. M. is more disturbed at Mrs F.'s not returning the Egertons visit sooner, than anything else. They ought to have called at the Parsonage before Sunday. -

You describe a sweet place, but your descriptions are often more minute than will be liked. You give too many particulars of right hand & left. -

Mrs F. is not careful enough of Susan's health; - Susan ought not to be walking out so soon after Heavy rains, taking long walks in the dirt. An anxious Mother would not suffer it. - I like your Susan very much indeed, she is a sweet Creature, her playfulness of fancy is very delightful. I like her as she is now exceedingly, but I am not so well satisfied with her behaviour to George R. At first she seemed all over attachment & feeling, & afterwards to have none at all; she is so extremely composed at the Ball, & so well-satisfied apparently with Mr Morgan. She seems to have changed her Character. - You are now collecting your People delightfully, getting them exactly into such a spot as is the delight of my life; - 3 or 4 Families in a Country Village is the very thing to work on - & I hope you will write a great deal more, & make full use of them while they are so very favourably arranged. You are but now coming to the heart & beauty of your book; till the heroine grows up, the fun must be imperfect - but I expect a great deal of entertainment from the next 3 or 4 books, & I hope you will not resent these remarks by sending me no more. - We like the Egertons very well, we see no Blue Pantaloons, or Cocks & Hens; - there is nothing to enchant one certainly in Mr L. L. - but we make no objection to him, & his inclination to like Susan is pleasing. - The Sister is a good contrast - but the name of Rachael is as much as I can bear. - They are not so much like the Papillons as I expected. Your last Chapter is very entertaining - the conversation on Genius &c. Mr St J. - & Susan both talk in character & very well. - In some former parts, Cecilia is perhaps a little too solemn & good, but upon the whole, her disposition is very well opposed to Susan's - her want of Imagination is very natural. - I wish you could make Mrs F. talk more, but she must be difficult to manage & make entertaining, because there is so much good common sence & propriety about her that nothing can be very broad. Her Economy and her Ambition must not be staring. - The Papers left by Mrs Fisher is very good. - Of course, one guesses something. - I hope when you have written a great deal more you will be equal to scratching out some of the past. - The scene with Mrs Mellish, I should condemn; it is prosy & nothing to the purpose - & indeed, the more you can find in your heart to curtail between Dawlish & Newton Priors, the better I think it will be. - One does not care for girls till they are grown up. - Your Aunt C. quite enters into the exquisiteness of that name. Newton Priors is really a Nonpareil. - Milton wd have given his eyes to have thought of it. - Is not the Cottage taken from Tollard Royal? -

Sunday 18th - I am very glad dear Anna, that I wrote as I did before this sad Event occurred. I have now only to add that your G. Mama does not seem the worse now for the Shock. - I shall be very happy to receive more of your work, if more is ready; & you write so fast, that I have great hopes Mr D. will come freighted back with such a Cargo as not all his Hops or his Sheep could equal the value of.

Your Grandmama desires me to say that she will have finished your Shoes tomorrow & thinks they will look very well; - and that she depends upon seeing you, as you promise, before you quit the Country, & hopes you will give her more than a day. - Yrs affec:ly

J. Austen

Miss Austen

107
(venerdì 9 - domenica 18 settembre 1814)
Anna Austen, Steventon


Chawton 9 set.

Mia cara Anna

Ci siamo divertite moltissimo con i tuoi 3 quaderni, (1) ma ho un bel po' di critiche da fare - più di quante ne gradirai. Non ci piace che Mrs F. si sistemi come Affittuaria e Vicina di casa di un Uomo come Sir T. H. senza avere altri stimoli per stabilirsi là; dovrebbe avere qualche amicizia da quelle parti per invogliarla. Una donna che, con due ragazze poco più che adolescenti, va in una Zona dove non conosce nessuno tranne un Uomo con una reputazione non molto buona, è una leggerezza che probabilmente una donna così prudente non commetterebbe mai. Ricordatelo, è molto prudente; - non devi farla agire in modo contraddittorio. - Dalle un'amica, e fa sì che quell'amica sia invitata a venirle incontro a Priors, e non avremo obiezioni a farla pranzare là; altrimenti, una donna nella sua situazione non ci sarebbe andata, non prima di aver ricevuto la visita di altre Famiglie. - Mi piace moltissimo la scena in sé, le signorine Lesley, Lady Anne, e la Musica. Lesley è un nome nobile. (2) - Sir T. H. lo rendi sempre molto bene: mi sono presa solo la libertà di espungere una sua frase, che non sarebbe ammissibile. "Dio me ne renda merito" - È troppo familiare e inelegante. Tua Nonna è rimasta più turbata dal fatto che Mrs. F. non ricambi più in fretta la visita degli Egerton, che da qualsiasi altra cosa. Avrebbero dovuto far visita alla Canonica prima di domenica. -

Il luogo che descrivi è ameno, ma le tue descrizioni sono spesso più minuziose di quanto possa piacere. Fornisci troppi particolari a destra e a manca. -

Mrs. F. non si preoccupa abbastanza della salute di Susan; - Susan non dovrebbe uscire così presto sotto una pioggia battente, facendo lunghe camminate in mezzo al fango. Una Madre premurosa non lo permetterebbe. - La tua Susan mi piace davvero moltissimo, è una Creatura dolce, la sua vivace fantasia è proprio deliziosa. Com'è ora mi piace tantissimo, ma non sono molto soddisfatta del suo comportamento con George R. Dapprima sembrava tutto affetto e sentimento, e dopo nulla di tutto questo; è così estremamente composta al Ballo, e così apparentemente soddisfatta di Mr Morgan. Sembra aver cambiato Carattere. - Ora stai radunando i tuoi Personaggi in modo delizioso, mettendoli esattamente in un posto che è la delizia della mia vita; - 3 o 4 Famiglie in un Villaggio di Campagna è la cosa migliore per lavorarci su - e spero che scriverai ancora moltissimo, e li sfrutterai pienamente ora che sono sistemati in modo così favorevole. Solo adesso stai arrivando al cuore e alla parte più bella del tuo libro; mentre l'eroina sta crescendo, è bene che il divertimento sia imperfetto - ma me ne aspetto un bel po' dai prossimi 3 o 4 quaderni, e spero che non ti risentirai per queste osservazioni tanto da non mandarmene più. - Ci piacciono moltissimo gli Egerton, non vediamo né Pantaloni Azzurri, né Galli e Galline; (3) - certo, non c'è nulla di incantevole in Mr L. L. - ma non abbiamo obiezioni su di lui, e il suo debole per Susan è piacevole. - La Sorella è un ottimo contraltare - ma il nome Rachael è il massimo che io possa sopportare. - Non sono così somiglianti ai Papillon come mi sarei aspettata. L'ultimo capitolo è molto divertente - la conversazione sul Genio ecc. Mr St G. - e Susan sono in carattere e parlano molto bene. - In alcune parti precedenti, forse Cecilia è un po' troppo solenne e buona, ma tutto sommato, il suo temperamento contrasta molto bene con quello di Susan - la sua mancanza di Immaginazione è molto naturale. - Vorrei che tu riuscissi a far parlare di più Mrs F., ma dev'essere difficile da gestire e da rendere divertente, perché in lei c'è così tanto buonsenso e decoro che nulla può essere molto palese. - La sua Parsimonia e la sua Ambizione non devono risaltare. - Il brano delle Carte lasciate da Mrs Fisher è molto buono. - Naturalmente qualcosa si indovina. - Spero che quando avrai scritto un bel po' di più sarai capace di tagliare qualcosa delle parti precedenti. - La scena con Mrs Mellish la taglierei; è banale e non c'entra niente - e, in verità, più troverai la forza di ridurre tra Dawlish e Newton Priors, meglio sarà. - Le ragazze non sono interessanti finché non sono cresciute. - Tua Zia C. è molto attirata dalla squisitezza di quel nome. Newton Priors è davvero senza pari. (4) - Milton avrebbe dato un occhio per averci pensato. Il Cottage non è preso da Tollard Royal? (5)

Domenica 18 - Sono molto contenta cara Anna di aver scritto prima che si verificasse questo triste Evento. (6) Ho solo da aggiungere che adesso tua Nonna non sembra risentire troppo del Colpo. - Sarò molto felice di ricevere altre parti del tuo lavoro, se ne hai pronte altre; e scrivi così rapidamente, che nutro grandi speranze di veder tornare Mr. D. appesantito da un Carico che nemmeno tutto il suo Luppolo e le sue Pecore potrebbero eguagliare.

Tua Nonna vuole che ti dica che domani finirà le tue Scarpe e pensa che verranno benissimo; - e che conta di rivederti, come hai promesso, prima di andartene, (7) e spera che le concederai più di una giornata. - Con affetto, tua

J. Austen



(1) Il manoscritto (perduto) del romanzo che stava scrivendo Anna Austen. Vedi le lettere 103 e 104.

(2) È probabile che JA si riferisca scherzosamente a uno dei suoi "Juvenilia": Lesley Castle.

(3) Non so a che cosa si riferisca esattamente JA con "Blue Pantaloons" e "Cocks & Hens". Dato però che i "pantaloni azzurri (o blu)" possono essere accostati a una divisa militare e "galli e galline" alla vita campestre, il senso potrebbe essere: "gli Egerton sono tratteggiati molto bene, senza eccedere in caratteristiche rigidamente disciplinate o ingenuamente campagnole". La frase "Cocks & Hens" è anche nella lettera 26, ed è riferita a un'amica di Martha Lloyd: "e Mrs Stent sparerà di tanto in tanto qualche meraviglia su Galli e Galline".

(4) Chapman ritiene che il nome derivi da due località vicino a Chawton: Newton Valence e Priors Dean.

(5) Un paese nel Wiltshire, vicino a Salisbury, dove aveva abitato la famiglia di Henry Rice.

(6) Il 6 settembre era morta Fanny Palmer, moglie di Charles Austen, pochi giorni dopo la nascita della figlia Elizabeth, che morirà il 20 settembre.

(7) Anna Austen era prossima a sposarsi con Benjamin Lefroy. Il matrimonio fu celebrato a Steventon due mesi dopo questa lettera, l'8 novembre, e la coppia andò a vivere fino all'anno successivo a Hendon, nel Middlesex.

108
(Wednesday 28 September 1814)
Anna Austen, Steventon


Chawton Wednesday Sept: 28.

My dear Anna

I hope you do not depend on having your book back again immediately. I keep it that your G:mama may hear it - for it has not been possible yet to have any public reading. I have read it to your Aunt Cassandra however - in our own room at night, while we undressed - and with a great deal of pleasure. We like the first chapter extremely - with only a little doubt whether Ly Helena is not almost too foolish. The matrimonial Dialogue is very good certainly. - I like Susan as well as ever - & begin now not to care at all about Cecilia - she may stay at Easton Court as long as she likes. - Henry Mellish I am afraid will be too much in the common Novel style - a handsome, amiable, unexceptionable Young Man (such as do not much abound in real Life) desperately in Love, & all in vain. But I have no business to judge him so early. - Jane Egerton is a very natural, comprehendable Girl - & the whole of her acquaintance with Susan, & Susan's Letter to Cecilia, very pleasing & quite in character. - But Miss Egerton does not entirely satisfy us. She is too formal & solemn, we think, in her advice to her Brother not to fall in love; & it is hardly like a sensible Woman; it is putting it into his head. - We should like a few hints from her better. - We feel really obliged to you for introducing a Lady Kenrick, it will remove the greatest fault in the work, & I give you credit for considerable forbearance as an Author in adopting so much of our opinion. - I expect high fun about Mrs Fisher & Sir Thomas. - You have been perfectly right in telling Ben of your work, & I am very glad to hear how much he likes it. His encouragement & approbation must be quite "beyond everything." - I do not at all wonder at his not expecting to like anybody so well as Cecilia at first, but shall be surprised if he does not become a Susan-ite in time. - Devereux Forester's being ruined by his Vanity is extremely good; but I wish you would not let him plunge into a "vortex of Dissipation." I do not object to the Thing, but I cannot bear the expression; - it is such thorough novel slang - and so old, that I dare say Adam met with it in the first novel he opened. - Indeed I did very much like to know Ben's opinion. - I hope he will continue to be pleased with it, I think he must - but I cannot flatter him with their being much Incident. We have no great right to wonder at his not valueing the name of Progillian. That is a source of delight which he hardly ever can be quite competent to. - Walter Scott has no business to write novels, especially good ones. - It is not fair. - He has Fame and Profit enough as a Poet, and should not be taking the bread out of other people's mouths. - I do not like him, & do not mean to like Waverley if I can help it - but fear I must. - I am quite determined however not to be pleased with Mrs West's Alicia de Lacy, should I ever meet with it, which I hope I may not. - I think I can be stout against any thing written by Mrs West. - I have made up my mind to like no Novels really, but Miss Edgeworth's, Yours & my own. -

What can you do with Egerton to increase the interest for him? I wish you cd contrive something, some family occurrence to draw out his good qualities more - some distress among Brothers or Sisters to releive by the sale of his Curacy - something to [take] him mysteriously away, & then heard of at York or Edinburgh - in an old great Coat. - I would not seriously recommend anything Improbable, but if you cd invent something spirited for him, it wd have a good effect. - He might lend all his Money to Captn Morris - but then He wd be a great fool if he did. Cannot the Morrises quarrel, & he reconcile them? - Excuse the liberty I take in these suggestions. -

Your Aunt Frank's Housemaid has just given her warning, but whether she is worth your having, or wd take your place I know not. - She was Mrs Webb's maid before she went to the Gt House. She leaves your Aunt, because she cannot agree with her fellow servants. She is in love with the Man - & her head seems rather turned; he returns her affection, but she fancies every body else is wanting to get him too, & envying her. Her previous service must have fitted her for such a place as yours, & she is very active and cleanly. - She is own Sister to the favourite Beatrice. The Webbs are really gone. When I saw the Waggons at the door, & thought of all the trouble they must have in moving, I began to reproach myself for not having liked them better - but since the Waggons have disappeared, my Conscience has been closed again - & I am excessively glad they are gone. -

I am very fond of Sherlock's Sermons, prefer them to almost any.

Your affecte Aunt
J. Austen

If you wish me to speak to the Maid, let me know. -

Miss Austen
Steventon

108
(mercoledì 28 settembre 1814)
Anna Austen, Steventon


Chawton mercoledì 28 set.

Mia cara Anna

Spero che non conti di riavere indietro il tuo quaderno immediatamente. (1) Lo tengo affinché tua Nonna possa ascoltarlo - perché non è stato ancora possibile fare una lettura pubblica. Tuttavia l'ho letto con tua Zia Cassandra - di sera in camera nostra, mentre ci spogliavamo - e con notevole piacere. Il primo capitolo ci piace moltissimo - con solo un piccolo dubbio sul fatto che Lady Helena non sia quasi troppo stupida. Il Dialogo coniugale è sicuramente molto buono. - Susan mi piace come sempre - e ora comincia a non importarmi più nulla di Cecilia - può restare a Easton Court quanto vuole. - Temo che Henry Mellish sia un po' troppo nell'usuale stile dei Romanzi - un Giovanotto bello, simpatico, ineccepibile (come non ne abbondano nella Vita reale) perdutamente innamorato, e senza speranza. Ma non è affar mio giudicarlo così presto. - Jane Egerton è una Ragazza molto spontanea e senza misteri - e tutta la parte della sua conoscenza con Susan, e della lettera di Susan a Cecilia, molto piacevole e assolutamente in carattere. - Ma Miss Egerton (2) non ci soddisfa del tutto. È troppo formale e solenne, secondo noi, quando consiglia al Fratello di non innamorarsi; e somiglia poco a una Donna di buonsenso; è lei che glielo ha messo in testa. - Da parte sua ci piacerebbe di più qualche allusione. - Dobbiamo davvero ringraziarti per aver introdotto una Lady Kenrick, eliminerà il maggior difetto dell'opera, e ti rendo merito per la considerevole tolleranza che hai avuto come Autrice nell'adottare in misura tale la nostra opinione. - Mi aspetto un bel divertimento da Mrs Fisher e da Sir Thomas. - Hai fatto benissimo a dire a Ben del tuo lavoro, e sono molto lieta di sentire quanto gli sia piaciuto. Il suo incoraggiamento e la sua approvazione devono essere proprio "al di sopra di tutto". - Non mi meraviglia affatto che all'inizio non si aspettasse che Cecilia gli sarebbe piaciuta più di tutti gli altri, ma sarei sorpresa se col tempo non diventasse Susaniano. - Che Devereux Forester vada in rovina a causa della sua Vanità va benissimo; ma vorrei che non lo facessi precipitare in un "vortice di Dissipazione". Non ho obiezioni sulla Cosa in sé, ma l'espressione non la sopporto; - è talmente in gergo romanzesco - e così vecchia, che immagino che Adamo vi si sia imbattuto nel primo romanzo che ha aperto. - Mi ha fatto davvero molto piacere conoscere l'opinione di Ben. Spero che continuerà a piacergli, credo sia suo dovere - ma non posso lusingarlo dicendo che c'è molto Movimento. Non abbiamo nessun diritto di meravigliarci se non apprezza il nome di Progillian. Quella è una fonte di delizie che lui non sarà mai in grado di comprendere. (3) Walter Scott non ha il diritto di scrivere romanzi, specialmente belli. - Non è giusto. - Ha abbastanza Fama e Profitti come Poeta, e non dovrebbe togliere il pane di bocca agli altri. - Non mi piace lui, e non intendo farmi piacere Waverley (4) se posso farne a meno - ma temo che dovrò. - Tuttavia sono assolutamente decisa a non farmi piacere Alicia de Lacy di Mrs West (5), se mi capitasse mai di incrociarlo, cosa che spero di evitare. - Credo di poter opporre una fiera resistenza a qualsiasi cosa scritta da Mrs West. - In realtà mi sono messa in testa di non farmi piacere nessun Romanzo, tranne quelli di Miss Edgeworth, i Tuoi e i miei. -

Che cosa puoi fare con Egerton per renderlo più interessante? Vorrei che tu potessi escogitare qualcosa, qualche avvenimento familiare per far risaltare meglio le sue buone qualità - un qualche problema per un Fratello o una Sorella da aiutare vendendo la sua Curazia - qualcosa che lo porti via misteriosamente, per poi venire a sapere che è a York o a Edimburgo, con un vecchio Cappotto. - Non ti raccomanderei seriamente qualcosa di Improbabile, ma se ti riuscisse di inventare qualcosa che lo vivacizzi, avrebbe un effetto positivo. - Potrebbe prestare tutti i suoi Soldi al Cap. Morris - ma in quel caso sarebbe uno sciocco se lo facesse. I Morris non potrebbero litigare, e lui farli riconciliare? - Scusami la libertà che mi prendo con questi suggerimenti. -

La Cameriera di tua Zia Frank ha appena dato il preavviso, ma se merita che tu la prenda, o se sia disposta a venire da te non lo so. - È stata la cameriera di Mrs Webb prima di andare alla Great House. (6) Ha lasciato tua Zia perché non riusciva ad andare d'accordo con le altre domestiche. È innamorata del domestico - e sembra che le abbia fatto girare la testa; lui ricambia il suo affetto, ma lei immagina che anche tutte le altre vogliano conquistarlo, e la invidino. L'esperienza precedente la rende adatta per un posto da te, ed è molto attiva e pulita. - È la Sorella della cara Beatrice. Le Webb se ne sono andate davvero. Quando ho visto i Carri alla porta, e ho pensato a tutti i fastidi che devono avere nel traslocare, ho cominciato a rimproverarmi per non essere stata più simpatica con loro - ma dopo che i Carri erano scomparsi, la mia Coscienza si è richiusa - e sono estremamente contenta che se ne siano andate. -

Sono affascinata dai Sermoni di Sherlock, (7) li preferisco a quasi tutti gli altri.

La tua affezionata Zia
J. Austen

Se vuoi che parli alla Cameriera, fammelo sapere. -



(1) Il manoscritto (perduto) del romanzo che stava scrivendo Anna Austen. Vedi le lettere 103, 104 e 107.

(2) Secondo l'uso dell'epoca "Miss" Egerton è da intendersi come la sorella maggiore di "Jane" Egerton.

(3) Nella lettera 104 JA aveva scritto: "Io sono deliziata all'idea di incontrare di nuovo Progillian." Probabile che fosse un nome usato da Anna in qualche suo scritto precedente, che poi, come il romanzo in questione, non aveva avuto seguito.

(4) Walter Scott, Waverley (1814).

(5) Jane West (1758-1852), Alicia de Lacy, an Historical Romance (1814).

(6) In quel periodo Frank Austen risiedeva con la famiglia nella Great House, la casa padronale della tenuta di Chawton, di proprietà di Edward Austen [Knight].

(7) Thomas Sherlock (1678-1761), Several Discourses preached at the Temple Church (1754-1797, nuova ediz. 1812).

109
(Friday 18 - Sunday 20 November 1814)
Fanny Knight, Goodnestone


Chawton Nov: 18. - Friday

I feel quite as doubtful as you could be my dearest Fanny as to when my Letter may be finished, for I can command very little quiet time at present, but yet I must begin, for I know you will be glad to hear as soon as possible, & I really am impatient myself to be writing something on so very interesting a subject, though I have no hope of writing anything to the purpose. - I shall do very little more I dare say than say over again, what you have said before. - I was certainly a good deal surprised at first - as I had no suspicion of any change in your feelings, and I have no scruple in saying that you cannot be in Love. My dear Fanny, I am ready to laugh at the idea - and yet it is no laughing matter to have had you so mistaken as to your own feelings - And with all my heart I wish I had cautioned you on that point when first you spoke to me; - but tho' I did not think you then so much in love as you thought yourself, I did consider you as being attached in a degree - quite sufficiently for happiness, as I had no doubt it would increase with opportunity. - And from the time of our being in London together, I thought you really very much in love - But you certainly are not at all - there is no concealing it. - What strange creatures we are! - It seems as if your being secure of him (as you say yourself) had made you Indifferent. - There was a little disgust I suspect, at the Races - & I do not wonder at it. His expressions then would not do for one who had rather more Acuteness, Penetration & Taste, than Love, which was your case. And yet, after all, I am surprised that the change in your feelings should be so great. - He is, just what he ever was, only more evidently & uniformly devoted to you. This is all the difference. - How shall we account for it? - My dearest Fanny, I am writing what will not be of the smallest use to you. I am feeling differently every moment, & shall not be able to suggest a single thing that can assist your Mind. - I could lament in one sentence & laugh in the next, but as to Opinion or Counsel I am sure none will [be] extracted worth having from this Letter. - I read yours through the very eveng I received it - getting away by myself - I could not bear to leave off, when I had once begun. - I was full of curiosity & concern. Luckily Your Aunt C. dined at the other house, therefore I had not to manoeuvre away from her; - & as to anybody else, I do not care. - Poor dear Mr J. P.! - Oh! dear Fanny, Your mistake has been one that thousands of women fall into. He was the first young Man who attached himself to you. That was the charm, & most powerful it is. - Among the multitudes however that make the same mistake with Yourself, there can be few indeed who have so little reason to regret it; - his Character and his attachment leave you nothing to be ashamed of. - Upon the whole, what is to be done? You certainly have encouraged him to such a point as to make him feel almost secure of you - you have no inclination for any other person - His situation in life, family, friends, & above all his Character - his uncommonly amiable mind, strict principles, just notions, good habits - all that you know so well how to value, All that really is of the first importance - everything of this nature pleads his cause most strongly. - You have no doubt of his having superior Abilities - he has proved it at the University - he is I dare say such a Scholar as your agreable, idle Brothers would ill bear a comparison with. - Oh! my dear Fanny, the more I write about him, the warmer my feelings become, the more strongly I feel the sterling worth of such a young Man & the desirableness of your growing in love with him again. I recommend this most thoroughly. - There are such beings in the World perhaps, one in a Thousand, as the Creature You and I should think perfection, where Grace & Spirit are united to Worth, where the Manners are equal to the Heart & Understanding, but such a person may not come in your way, or if he does, he may not be the eldest son of a Man of Fortune, the Brother of your particular friend, & belonging to your own County. - Think of all this Fanny. Mr J. P.- has advantages which do not often meet in one person. His only fault indeed seems Modesty. If he were less modest, he would be more agreable, speak louder & look Impudenter; - and is not it a fine Character, of which Modesty is the only defect? - I have no doubt that he will get more lively & more like yourselves as he is more with you; - he will catch your ways if he belongs to you. And as to there being any objection from his Goodness, from the danger of his becoming even Evangelical, I cannot admit that. I am by no means convinced that we ought not all to be Evangelicals, & am at least persuaded that they who are so from Reason and Feeling, must be happiest & safest. - Do not be frightened from the connection by your Brothers having most wit. Wisdom is better than Wit, & in the long run will certainly have the laugh on her side; & don't be frightened by the idea of his acting more strictly up to the precepts of the New Testament than others. - And now, my dear Fanny, having written so much on one side of the question, I shall turn round & entreat you not to commit yourself farther, & not to think of accepting him unless you really do like him. Anything is to be preferred or endured rather than marrying without Affection; and if his deficiencies of Manner &c &c strike you more than all his good qualities, if you continue to think strongly of them, give him up at once. - Things are now in such a state, that you must resolve upon one or the other, either to allow him to go on as he has done, or whenever you are together behave with a coldness which may convince him that he has been deceiving himself. - I have no doubt of his suffering a good deal for a time, a great deal, when he feels that he must give you up; - but it is no creed of mine, as you must be well aware, that such sort of Disappointments kill anybody. - Your sending the Music was an admirable device, it made everything easy, & I do not know how I could have accounted for the parcel otherwise; for tho' your dear Papa most conscientiously hunted about till he found me alone in the Ding-parlour, Your Aunt C. had seen that he had a parcel to deliver. - As it was however, I do not think anything was suspected. - We have heard nothing fresh from Anna. I trust she is very comfortable in her new home. Her Letters have been very sensible & satisfactory, with no parade of happiness, which I liked them the better for. - I have often known young married Women write in a way I did not like, in that respect.

You will be glad to hear that the first Edit: of M.P. is all sold. - Your Uncle Henry is rather wanting me to come to Town, to settle about a 2d Edit: - but as I could not very conveniently leave home now, I have written him my Will and pleasure, & unless he still urges it, shall not go. - I am very greedy & want to make the most of it; - but as you are much above caring about money, I shall not plague you with any particulars. - The pleasures of Vanity are more within your comprehension, & you will enter into mine, at receiving the praise which every now & then comes to me, through some channel or other. -

Saturday. - Mr Palmer spent yesterday with us, & is gone off with Cassy this morng. We have been expecting Miss Lloyd the last two days, & feel sure of her to day. - Mr Knight and Mr Edw: Knight are to dine with us. - And on Monday they are to dine with us again, accompanied by their respectable Host & Hostess. - Sunday. Your Papa had given me messages to you, but they are unnecessary, as he writes by this post to Aunt Louisa. We had a pleasant party yesterday, at least we found it so. - It is delightful to see him so chearful & confident. - Aunt Cass: & I dine at the Gt House to day. We shall be a snug half dozen. - Miss Lloyd came, as we expected, yesterday, & desires her Love. - She is very happy to hear of your learning the Harp. - I do not mean to send you what I owe Miss Hare, because I think you would rather not be paid beforehand. - Yours very affecly

J. Austen

Your trying to excite your own feelings by a visit to his room amused me excessively. - The dirty Shaving Rag was exquisite! - Such a circumstance ought to be in print. Much too good to be lost. -

Remember me particularly to Fanny C. - I thought you wd like to hear from me, while you were with her.

Miss Knight
Goodnestone Farm
Wingham
Kent

109
(venerdì 18 - domenica 20 novembre 1814)
Fanny Knight, Goodnestone


Chawton 18 nov. - venerdì

Mi sento incerta proprio come lo saresti tu mia carissima Fanny su quando riuscirò a finire questa Lettera, poiché al momento posso disporre di ben poco tempo libero, eppure devo cominciarla, perché so che sarai lieta di avere notizie il più presto possibile, e io stessa sono impaziente di scrivere qualcosa su un argomento così interessante, anche se non nutro alcuna speranza di scrivere qualcosa di rilevante. - Credo che farò ben poco di più che ripetere quello che hai già detto tu. - Di sicuro all'inizio sono rimasta molto sorpresa - dato che non sospettavo minimamente un cambiamento nei tuoi sentimenti, e non ho nessuno scrupolo nel dire che non puoi essere innamorata. Mia cara Fanny, mi viene da ridere all'idea - eppure non c'è niente da ridere sul fatto che tu ti sia talmente sbagliata riguardo ai tuoi sentimenti. - E vorrei con tutto il cuore averti messa in guardia su questo punto quando me ne hai parlato per la prima volta; - ma anche se non pensavo che allora tu fossi così tanto innamorata come pensavi, ti ritenevo attratta in una certa misura - sufficiente per la felicità, dato che non dubitavo che col tempo l'affetto si sarebbe rafforzato. - E quando siamo state insieme a Londra, ho creduto che tu fossi davvero molto innamorata. Ma di sicuro non lo sei affatto - inutile nasconderlo. - Che strane creature siamo! - Sembra come se il fatto di essere sicura di lui (come dici tu stessa) ti abbia reso Indifferente. - Sospetto che, alle Corse, ci sia stato un certo disappunto - e non me ne stupisco. Il suo modo di esprimersi in quell'occasione non era adatto a qualcuna che avesse più Acume, Perspicacia e Buongusto, che Amore, come era il tuo caso. Eppure, dopo tutto, sono sorpresa che il cambiamento nei tuoi sentimenti sia così vistoso. - Lui è, proprio come è sempre stato, solo con più evidenza e costanza devoto a te. La differenza è tutta qui. - Come possiamo spiegarcelo? - Mia carissima Fanny, ciò che sto scrivendo non ti sarà della minima utilità. I miei sentimenti cambiano a ogni istante, e non sarò capace di darti un solo suggerimento che possa aiutarti. - Potrei rammaricarmi in una frase e ridere in quella successiva, ma quanto a Opinioni o Consigli sono certa che da questa Lettera non se ne ricaverà nessuno che abbia un qualche valore. - Ho letto la tua la sera stessa in cui l'ho ricevuta - mettendomi in disparte - e non sono riuscita a fermarmi, una volta cominciata. - Ero piena di curiosità e di interesse. Per fortuna Tua Zia C. era a pranzo nell'altra casa, (1) perciò non ho dovuto destreggiarmi per tenerla lontana; - e di chiunque altro, non m'importa. - Povero caro Mr. J. P.! - Oh! cara Fanny, il Tuo errore è stato quello in cui cadono migliaia di donne. Lui è stato il primo Giovanotto a mostrarsi attratto da te. Era questo il fascino, ed è un fascino molto potente. - Tuttavia tra le moltitudini che commettono lo stesso Tuo errore, ce ne sono davvero poche che hanno così pochi motivi di rimpianto - il suo Carattere e il suo affetto non ti lasciano nulla di cui vergognarti. - Tutto sommato, che cosa si può fare? Tu di certo lo hai incoraggiato al punto di farlo sentire quasi sicuro di te - e non hai nessuna inclinazione verso qualcun altro - La sua posizione, la famiglia, gli amici, e soprattutto il suo Carattere - la sua non comune gentilezza d'animo, i rigidi principi, la correttezza delle idee, il giusto modo di fare - tutto ciò che tu sai così bene come valutare, Tutto ciò che è davvero della massima importanza - ogni particolare della sua natura depone decisamente a suo favore. - Non hai alcun dubbio sul fatto che abbia Qualità eccellenti - lo ha dimostrato all'Università - credo proprio che sia stato uno Studente tale da far sfigurare al confronto i tuoi simpatici e indolenti Fratelli. - Oh! mia cara Fanny, più ne parlo e più mi accaloro, più forte diventa la consapevolezza del grande valore di un Giovanotto simile e di quanto sia auspicabile che tu possa di nuovo innamorarti di lui. Te lo raccomando sotto tutti i punti di vista. - Ci sono forse esseri al Mondo, uno su Mille, che io e Te potremmo considerare Creature perfette, nelle quali la Grazia e lo Spirito si uniscono al Valore, nelle quali i Modi sono pari al Cuore e all'Intelletto, ma una persona simile può non imbattersi in noi, o se lo fa, può non essere il primogenito di un Uomo facoltoso, il Fratello di una tua intima amica, qualcuno nato nella tua stessa Contea. - Rifletti su tutto questo Fanny. Mr. J. P. gode di vantaggi che non si incontrano spesso in una sola persona. Il suo solo difetto in realtà sembra essere la Modestia. Se fosse meno modesto, sarebbe più simpatico, parlerebbe a voce più alta e apparirebbe più Sfacciato; - e non è un bel Carattere, quello in cui la Modestia è la sola imperfezione? - Non dubito che diventerebbe più vivace e più simile a te frequentandoti di più; - appartenendo a te assimilerà i tuoi modi di fare. E quanto alle obiezioni sulla sua Bontà, sul pericolo che diventi persino Evangelico, (2) questo non posso condividerlo. Nessuno riuscirebbe a convincermi che non dobbiamo essere tutti Evangelici, e in fin dei conti sono certa che coloro che lo sono Razionalmente o Istintivamente, siano più felici e più certi della salvezza. - Non aver paura di questo legame perché i tuoi Fratelli hanno più spirito. La Saggezza è meglio dello Spirito, e a lungo andare certamente vince; e non aver paura del fatto che agisca aderendo più strettamente ai precetti nel Nuovo Testamento rispetto ad altri. - E ora, mia cara Fanny, avendo scritto così tanto su un lato della questione, cambio direzione e ti supplico di non impegnarti oltre, e di non pensare di accettarlo a meno che non ti piaccia davvero. Qualsiasi cosa è preferibile o più tollerabile dello sposarsi senza Affetto; e se le mancanze del suo modo di fare ecc. ecc. ti colpiscono più di tutte le sue buone qualità, se continui a rimuginarci su, rinuncia subito a lui. - Le cose sono arrivate a un punto in cui devi deciderti in un senso o nell'altro, o gli permetti di proseguire allo stesso modo, oppure ogniqualvolta siete insieme comportati con una freddezza che possa fargli capire che si è ingannato. - Non c'è dubbio che per un po' soffrirà molto, moltissimo, quando si renderà conto che deve rinunciare; - ma non ho mai creduto, e tu ne sei perfettamente al corrente, che Delusioni simili possano uccidere qualcuno. - Mandare gli Spartiti è stato un eccellente stratagemma, ha reso tutto più facile, altrimenti non so come avrei potuto giustificare il pacco; perché anche se il tuo caro Papà mi ha dato molto coscienziosamente la caccia fino a quando non mi ha scovata da sola in salotto, Tua Zia C. aveva visto che aveva un pacco da consegnare. - Comunque, per come sono andate le cose, non credo che nessuno abbia avuto sospetti. - Non abbiamo notizie fresche da parte di Anna. Credo che si trovi perfettamente a suo agio nella nuova casa. (3) Le sue Lettere sono state molto giudiziose e convincenti, con nessuno sfoggio di felicità, e per questo mi sono piaciute moltissimo. - Spesso ho conosciuto giovani Donne sposate che scrivevano in un modo che non mi piace, da questo punto di vista.

Sarai lieta di sapere che la prima edizione di M. P. è esaurita. - Tuo Zio Henry vorrebbe che andassi a Londra, per mettere a punto una 2ª edizione - ma dato che questo non è un momento adatto per andarmene da casa, gli ho fatto sapere ciò che vorrei fosse fatto, e a meno che non insista ancora, non andrò. - Sono molto avida e voglio ricavarci il più possibile; - ma dato che tu sei così al di sopra dei problemi di soldi, non ti annoierò con i particolari. - Per te è più facile capire i piaceri della vanità, e ti immedesimerai nella mia, quando ricevo le lodi che ogni tanto mi giungono, da una fonte o dall'altra. -

Sabato. - Ieri è stato da noi Mr Palmer, e stamattina è uscito con Cassy. Sono due giorni che aspettiamo Miss Lloyd, e oggi verrà di sicuro. - Mr Knight e Mr Edward Knight pranzeranno con noi. - E lunedì pranzeranno di nuovo con noi, accompagnati dai loro rispettabili Padrone e Padrona di casa. (4) - Domenica. Il tuo Papà mi ha dato dei messaggi per te, ma sono inutili, dato che scriverà con questo giro di posta alla Zia Louisa. Ieri abbiamo avuto un piacevole ricevimento, almeno noi l'abbiamo trovato tale. - È una delizia vederlo così allegro e fiducioso. Oggi la Zia Cass. e io pranziamo alla Great House. Saremo una mezza dozzina di intimi. - Miss Lloyd, come ci aspettavamo, è arrivata ieri, e ti manda saluti affettuosi. - È molto contenta di sentire che stai imparando a suonare l'Arpa. - Non ho intenzione di mandarti quello che devo a Miss Hare, perché credo che tu preferisca non essere pagata in anticipo. - Con tanto affetto, tua

J. Austen

Il tentativo di stimolare i tuoi sentimenti con una visita in camera sua mi ha estremamente divertita. - Il Panno da Barba sporco era una squisitezza! - Una situazione del genere andrebbe data alle stampe. Troppo bella per andare perduta. - (5)

Un saluto particolare a Fanny C. - Ho pensato che ti avrebbe fatto piacere ricevere mie notizie, mentre eri con lei.



(1) La Great House, la casa padronale della tenuta di Chawton, di proprietà di Edward Austen.

(2) Gli evangelici erano i sostenitori di una corrente del protestantesimo che metteva un accento particolare sull'insegnamento biblico, in particolare il Nuovo Testamento - vedi il successivo accenno di JA -, e sul concetto di conversione personale (la cosiddetta "rinascita").

(3) Anna Austen, la figlia di primo letto di James, si era sposata l'8 novembre 1814 con Benjamin Lefroy, e la coppia era andata a vivere a Hendon, nel Middlesex.

(4) In quel periodo Frank Austen alloggiava con la famiglia nella Great House, e perciò JA chiama scherzosamente lui e la moglie i "padroni di casa" di Edward.

(5) Visto che in quel periodo JA stava scrivendo Emma, probabile che si sia ricordata di questo particolare, che fa venire in mente la scena in cui Harriet Smith confessa a Emma di aver conservato gelosamente due oggetti che le ricordavano Mr Elton, dei quali si era appropriata di nascosto: un pezzo di cerotto e un mozzicone di matita (Emma, vol. III, cap. 4 [40]).

110
(Tuesday 22 November 1814)
Anna Lefroy, Hendon


My dear Anna

I met Harriet Benn yesterday, she gave her congratulations & desired they might be forwarded to You, and there they are. - Your Father returned to dinner, Mr Wm Digweed who had business with your Uncle, rode with him. - The cheif news from their country is the death of old Mrs Dormer. - Your Cousin Edward goes to Winchester today to see his Brother & Cousins, & returns tomorrow. Mrs Clement walks about in a new Black velvet Pelisse lined with Yellow, & a white Bobbin-net-veil, & looks remarkably well in them. - I think I understand the Country about Hendon from your description. It must be very pretty in Summer. - Should you [?guess] that you were within a dozen miles of the We[n from] the atmosphere? - I shall break my he[art] if yo[u do] not go to Hadley. -

Make everybody at Hendon admire Mansfield Park. -

Your affec: Aunt
J. A.

Tuesday Nov: 22.

To
Mrs B. Lefroy
Hendon

110
(martedì 22 novembre 1814)
Anna Lefroy, Hendon


Mia cara Anna

Ieri ho incontrato Harriet Benn, mi ha fatto le sue congratulazioni e mi ha chiesto di inoltrartele, ed eccole qui. - Tuo Padre è tornato a pranzo, Mr W. Digweed che aveva degli affari da sbrigare con tuo Zio, ha viaggiato con lui. - La notizia principale dalle loro parti è la morte della vecchia Mrs Dormer. - Tuo Cugino Edward oggi va a Winchester a trovare il Fratello e i Cugini, e torna domani. Mrs Clement va in giro con un nuovo Mantello di velluto Nero bordato di Giallo, con una veletta bianca di cotone traforato, e ci sta benissimo. - Dalla tua descrizione credo di aver capito com'è la Campagna intorno a Hendon. In estate dev'essere molto bella. - L'avresti mai [immaginato] (1) che ti saresti trovata a una dozzina di miglia [dall']atmosfera della Metropoli? (2) - Mi spezzerai il cuo[re] se non andrai a Hadley. - (3)

Fa' sì che tutti a Hendon ammirino Mansfield Park. -

La tua affezionata Zia
J. A.

Martedì 22 nov.



(1) Nella parte finale del manoscritto c'è un buco e mancano alcune parole, ricostruite delle edizioni critiche.

(2) L'originale "Wen" (nel manoscritto è una delle parole parzialmente tagliate, e si legge "We" seguito dall'inizio della "n") è attestato nell'OED come riferibile a Londra dal 1821 (Cobbett, Rural Rides); dato che Hendon, dove Anna si era trasferita dopo il matrimonio con Benjamin Lefroy, era un paese nei dintorni di Londra, ora fa parte della "Grande Londra", a una distanza non lontana dalla dozzina di miglia citate da JA, credo che l'interpretazione non possa essere che questa.

(3) A Hadley, vicino a Londra e a Hendon, risiedeva Charles Cottrell (1765-1829), zio di Sophia Cottrell, che aveva sposato il rev. John-Henry-George Lefroy, fratello di Benjamin Lefroy.

  91-100      |     indice lettere     |     home page     |      111-120