Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume II - capitolo 4 (27)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice


Volume II - Chapter 4 (27)


With no greater events than these in the Longbourn family, and otherwise diversified by little beyond the walks to Meryton, sometimes dirty and sometimes cold, did January and February pass away. March was to take Elizabeth to Hunsford. She had not at first thought very seriously of going thither; but Charlotte, she soon found, was depending on the plan, and she gradually learned to consider it herself with greater pleasure as well as greater certainty. Absence had increased her desire of seeing Charlotte again, and weakened her disgust of Mr. Collins. There was novelty in the scheme, and as, with such a mother and such uncompanionable sisters, home could not be faultless, a little change was not unwelcome for its own sake. The journey would moreover give her a peep at Jane; and, in short, as the time drew near, she would have been very sorry for any delay. Every thing, however, went on smoothly, and was finally settled according to Charlotte's first sketch. She was to accompany Sir William and his second daughter. The improvement of spending a night in London was added in time, and the plan became perfect as plan could be.

The only pain was in leaving her father, who would certainly miss her, and who, when it came to the point, so little liked her going, that he told her to write to him, and almost promised to answer her letter.

The farewell between herself and Mr. Wickham was perfectly friendly; on his side even more. His present pursuit could not make him forget that Elizabeth had been the first to excite and to deserve his attention, the first to listen and to pity, the first to be admired; and in his manner of bidding her adieu, wishing her every enjoyment, reminding her of what she was to expect in Lady Catherine de Bourgh, and trusting their opinion of her - their opinion of every body - would always coincide, there was a solicitude, an interest which she felt must ever attach her to him with a most sincere regard; and she parted from him convinced, that whether married or single, he must always be her model of the amiable and pleasing.

Her fellow-travellers the next day, were not of a kind to make her think him less agreeable. Sir William Lucas, and his daughter Maria, a good humoured girl, but as empty-headed as himself, had nothing to say that could be worth hearing, and were listened to with about as much delight as the rattle of the chaise. Elizabeth loved absurdities, but she had known Sir William's too long. He could tell her nothing new of the wonders of his presentation and knighthood; and his civilities were worn out like his information.

It was a journey of only twenty-four miles, and they began it so early as to be in Gracechurch-street by noon. As they drove to Mr. Gardiner's door, Jane was at a drawing-room window watching their arrival; when they entered the passage she was there to welcome them, and Elizabeth, looking earnestly in her face, was pleased to see it healthful and lovely as ever. On the stairs were a troop of little boys and girls, whose eagerness for their cousin's appearance would not allow them to wait in the drawing-room, and whose shyness, as they had not seen her for a twelvemonth, prevented their coming lower. All was joy and kindness. The day passed most pleasantly away; the morning in bustle and shopping, and the evening at one of the theatres.

Elizabeth then contrived to sit by her aunt. Their first subject was her sister; and she was more grieved than astonished to hear, in reply to her minute enquiries, that though Jane always struggled to support her spirits, there were periods of dejection. It was reasonable, however, to hope that they would not continue long. Mrs. Gardiner gave her the particulars also of Miss Bingley's visit in Gracechurch-street, and repeated conversations occurring at different times between Jane and herself, which proved that the former had, from her heart, given up the acquaintance.

Mrs. Gardiner then rallied her niece on Wickham's desertion, and complimented her on bearing it so well.

"But, my dear Elizabeth," she added, "what sort of girl is Miss King? I should be sorry to think our friend mercenary."

"Pray, my dear aunt, what is the difference in matrimonial affairs, between the mercenary and the prudent motive? Where does discretion end, and avarice begin? Last Christmas you were afraid of his marrying me, because it would be imprudent; and now, because he is trying to get a girl with only ten thousand pounds, you want to find out that he is mercenary."

"If you will only tell me what sort of girl Miss King is, I shall know what to think."

"She is a very good kind of girl, I believe. I know no harm of her."

"But he paid her not the smallest attention, till her grandfather's death made her mistress of this fortune."

"No - why should he? If it was not allowable for him to gain my affections, because I had no money, what occasion could there be for making love to a girl whom he did not care about, and who was equally poor?"

"But there seems indelicacy in directing his attentions towards her, so soon after this event."

"A man in distressed circumstances has not time for all those elegant decorums which other people may observe. If she does not object to it, why should we?"

"Her not objecting, does not justify him. It only shews her being deficient in something herself - sense or feeling."

"Well," cried Elizabeth, "have it as you choose. He shall be mercenary, and she shall be foolish."

"No, Lizzy, that is what I do not choose. I should be sorry, you know, to think ill of a young man who has lived so long in Derbyshire."

"Oh! if that is all, I have a very poor opinion of young men who live in Derbyshire; and their intimate friends who live in Hertfordshire are not much better. I am sick of them all. Thank Heaven! I am going to-morrow where I shall find a man who has not one agreeable quality, who has neither manner nor sense to recommend him. Stupid men are the only ones worth knowing, after all."

"Take care, Lizzy; that speech savours strongly of disappointment."

Before they were separated by the conclusion of the play, she had the unexpected happiness of an invitation to accompany her uncle and aunt in a tour of pleasure which they proposed taking in the summer.

"We have not quite determined how far it shall carry us," said Mrs. Gardiner, "but perhaps to the Lakes."

No scheme could have been more agreeable to Elizabeth, and her acceptance of the invitation was most ready and grateful. "Oh, my dear, dear aunt," she rapturously cried, "what delight! what felicity! You give me fresh life and vigour. Adieu to disappointment and spleen. What are men to rocks and mountains? Oh! what hours of transport we shall spend! And when we do return, it shall not be like other travellers, without being able to give one accurate idea of any thing. We will know where we have gone - we will recollect what we have seen. Lakes, mountains, and rivers, shall not be jumbled together in our imaginations; nor, when we attempt to describe any particular scene, will we begin quarrelling about its relative situation. Let our first effusions be less insupportable than those of the generality of travellers."

Orgoglio e pregiudizio


Volume II - capitolo 4 (27)


Con avvenimenti non più significativi di questi, e con non maggiori diversivi delle passeggiate a Meryton, a volte nel fango e a volte nel gelo, la famiglia di Longbourn passò i mesi di gennaio e febbraio. Marzo doveva condurre Elizabeth a Hunsford. Dapprima non aveva pensato seriamente di andarci, ma Charlotte, scoprì presto, ci teneva molto, e lei stessa cominciò gradualmente a considerare la cosa con maggiore piacere e maggiore certezza. La separazione aveva accresciuto il desiderio di rivedere Charlotte, e attenuato l'avversione per Mr. Collins. Il progetto prometteva novità, e dato che, con una madre del genere e sorelle di così poca compagnia, in famiglia non mancavano certo i difetti, un piccolo cambiamento non le era di per sé sgradito. Il viaggio, inoltre, le avrebbe permesso di fare una capatina da Jane e, in breve, all'avvicinarsi di quel momento, un eventuale ritardo le sarebbe dispiaciuto molto. Tutto, comunque, andò per il verso giusto, e il viaggio fu stabilito secondo il piano iniziale di Charlotte. Lei avrebbe accompagnato Sir William e la sua seconda figlia. La brillante idea di passare una notte a Londra fu aggiunta per tempo, e così il progetto divenne perfetto quanto può esserlo un progetto.

L'unica pena era quella di lasciare il padre, al quale sarebbe certamente mancata, e che, quando venne il momento, era così dispiaciuto di quella partenza da chiederle di scrivergli, e fece quasi la promessa di rispondere alle sue lettere.

Il congedo tra lei e Mr. Wickham fu assolutamente amichevole, specialmente da parte di lui. Il suo attuale obiettivo non poteva fargli dimenticare che era stata Elizabeth la prima a suscitare e a meritare le sue attenzioni, la prima a sapere e a compatire, la prima a essere ammirata; e nel modo di dirle addio, augurandole di divertirsi, rammentandole cosa dovesse aspettarsi da Lady Catherine de Bourgh e confidando che il loro giudizio su di lei - il loro giudizio su chiunque - sarebbe stato coincidente, c'era una sollecitudine, un interesse, che le fece capire come gli sarebbe stata sempre legata da una stima sincera, e si separò da lui convinta che, sposato o celibe che fosse, sarebbe sempre rimasto il suo ideale di uomo amabile e piacevole.

Il giorno successivo, i suoi compagni di viaggio non erano del tipo da farle ritenere lui meno gradevole. Sir William Lucas, e la figlia Maria, una ragazza cordiale ma con la testa vuota come il padre, non avevano nulla da dire che fosse degno di ascoltare, e lei li stava a sentire più o meno con lo stesso piacere del rumore della carrozza. Elizabeth amava le assurdità, ma conosceva Sir William da troppo tempo. Non avrebbe potuto dirle nulla di nuovo sulla sua presentazione a corte e sul cavalierato, e le sue gentilezze era consunte quanto i suoi argomenti.

Era un viaggio di sole ventiquattro miglia, e partirono così presto da essere a Gracechurch Street per mezzogiorno. Mentre si avvicinavano a casa di Mr. Gardiner, Jane era alla finestra del salotto in attesa del loro arrivo; quando entrarono nel corridoio era là a dar loro il benvenuto, ed Elizabeth, scrutandola ansiosamente in volto, fu contenta di vederla sana e bella come sempre. Sulle scale c'era una truppa di ragazzini e ragazzine, che erano troppo impazienti di vedere la cugina per starsene ad aspettare in salotto, e troppo timidi, dato che non la vedevano da un anno, per scendere più in basso. Tutto era gioia e tenerezza. La giornata trascorse molto piacevolmente; il mattino tra andirivieni e spese, e la sera in uno dei teatri.

Qui Elizabeth riuscì finalmente a sedersi accanto alla zia. Il primo argomento fu la sorella, e fu più addolorata che stupita nel sentire, in risposta alle sue dettagliate domande, che sebbene Jane si sforzasse sempre di farsi coraggio, c'erano periodi di depressione. Era tuttavia ragionevole sperare che non sarebbero continuati a lungo. Mrs. Gardiner le raccontò anche i particolari della visita di Miss Bingley a Gracechurch Street, e le riferì le conversazioni che c'erano state tra lei e Jane in tempi diversi, che dimostravano come quest'ultima avesse, in cuor suo, rinunciato a quell'amicizia.

Poi Mrs. Gardiner stuzzicò la nipote sulla diserzione di Wickham, e si complimentò con lei per averla presa così bene.

"Ma, mia cara Elizabeth", aggiunse, "che tipo di ragazza è Miss King? Mi dispiacerebbe pensare al nostro amico come a un mercenario."

"Potreste dirmi, mia cara zia, che differenza c'è, in ambito matrimoniale, tra motivi mercenari e prudenti? Dove finisce la cautela e inizia l'avidità? Lo scorso Natale avevate paura che sposasse me, poiché sarebbe stato imprudente; e ora, poiché sta cercando di prendersi una ragazza con sole diecimila sterline, trovate che sia un mercenario."

"Se solo mi dicessi che tipo di ragazza è Miss King, saprei che cosa pensare."

"È una bravissima ragazza, credo. Non so nulla di negativo su di lei."

"Ma lui non le ha prestato la minima attenzione, fino a quando la morte del nonno non l'ha resa padrona di quel patrimonio."

"No, perché avrebbe dovuto? Se non gli era permesso di conquistare il mio affetto, poiché non avevo denaro, che cosa avrebbe potuto farlo innamorare di una ragazza di cui non gli importava nulla, e che era ugualmente povera?"

"Ma mi sembra indelicato l'aver rivolto le sue attenzioni verso di lei, subito dopo l'accaduto."

"Un uomo messo alle strette non ha tempo per tutte quelle eleganti convenzioni che altri sono in grado di osservare. Se lei non ha nulla da obiettare, perché dovremmo farlo noi?"

"Il fatto che lei non abbia obiezioni non giustifica lui. Dimostra soltanto che le manca qualcosa in... buonsenso o sentimento."

"Be'", esclamò Elizabeth, "prendetela pure così. Lui è un mercenario, e lei una stupida."

"No, Lizzy, non è così che la prendo. Mi dispiacerebbe, lo sai, pensare male di un giovanotto vissuto così a lungo nel Derbyshire."

"Oh! se è solo per questo, io ho una pessima opinione dei giovanotti che vivono nel Derbyshire; e i loro amici intimi che vivono nell'Hertfordshire non sono molto meglio. Non ne posso più di tutti loro. Grazie al cielo, domani andrò in un posto dove troverò un uomo che non ha nessuna qualità gradevole, che non ha né modi né buonsenso che lo possano raccomandare. Dopo tutto, gli uomini stupidi sono i soli che valga la pena di conoscere."

"Stai attenta, Lizzy; queste parole sanno molto di delusione."

Prima di separarsi a conclusione dello spettacolo, Elizabeth ebbe l'inaspettata felicità di un invito ad accompagnare gli zii in un viaggio di piacere che avevano intenzione di fare in estate.

"Non abbiamo ancora deciso del tutto quanto ci porterà lontano, "disse Mrs. Gardiner, "ma forse fino alla regione dei laghi."

Nulla poteva essere più gradevole per Elizabeth, che accettò l'invito immediatamente e con molta gratitudine. "Oh, mia cara, carissima zia", esclamò rapita, "che delizia! che felicità! Mi ridate nuova vita e nuova forza. Addio alla delusione e alla malinconia. Che cosa sono gli uomini in confronto alle rocce e alle montagne? Oh! che momenti di estasi passeremo! E quando saremo di ritorno, non sarà come con gli altri viaggiatori, incapaci di fornire un resoconto accurato di alcunché. Noi sapremo dove siamo stati, rammenteremo quello che abbiamo visto. Laghi, montagne, fiumi, non saranno confusi nella nostra immaginazione; né, quando cercheremo di descrivere un qualche paesaggio particolare, ci metteremo a discutere su dove fosse situato. Sapremo esprimere le nostre emozioni in modo meno insopportabile di quanto faccia la maggior parte dei viaggiatori." (1)



(1) Quest'ultimo paragrafo è un chiaro riferimento ai libri di William Gilpin e alle sue teorie sul "pittoresco" e sull'importanza di saper "vedere" le bellezze naturali (vedi anche la nota 1 al cap. 10).

     |     romanzi canonici     |     home page     |