Jane Austen
L'abbazia di Northanger
Volume I - capitolo 4 (4)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Northanger Abbey


Volume I - Chapter 4 (4)


With more than usual eagerness did Catherine hasten to the Pump-room the next day, secure within herself of seeing Mr. Tilney there before the morning were over, and ready to meet him with a smile: - but no smile was demanded - Mr. Tilney did not appear. Every creature in Bath, except himself, was to be seen in the room at different periods of the fashionable hours; crowds of people were every moment passing in and out, up the steps and down; people whom nobody cared about, and nobody wanted to see; and he only was absent. "What a delightful place Bath is," said Mrs. Allen as they sat down near the great clock, after parading the room till they were tired; "and how pleasant it would be if we had any acquaintance here."

This sentiment had been uttered so often in vain, that Mrs. Allen had no particular reason to hope it would be followed with more advantage now; but we are told to "despair of nothing we would attain," as "unwearied diligence our point would gain"; and the unwearied diligence with which she had every day wished for the same thing was at length to have its just reward, for hardly had she been seated ten minutes before a lady of about her own age, who was sitting by her, and had been looking at her attentively for several minutes, addressed her with great complaisance in these words: - "I think, madam, I cannot be mistaken; it is a long time since I had the pleasure of seeing you, but is not your name Allen?" This question answered, as it readily was, the stranger pronounced hers to be Thorpe; and Mrs. Allen immediately recognized the features of a former schoolfellow and intimate, whom she had seen only once since their respective marriages, and that many years ago. Their joy on this meeting was very great, as well it might, since they had been contented to know nothing of each other for the last fifteen years. Compliments on good looks now passed; and, after observing how time had slipped away since they were last together, how little they had thought of meeting in Bath, and what a pleasure it was to see an old friend, they proceeded to make inquiries and give intelligence as to their families, sisters, and cousins, talking both together, far more ready to give than to receive information, and each hearing very little of what the other said. Mrs. Thorpe, however, had one great advantage as a talker, over Mrs. Allen, in a family of children; and when she expatiated on the talents of her sons, and the beauty of her daughters, - when she related their different situations and views, - that John was at Oxford, Edward at Merchant-Taylors', and William at sea, - and all of them more beloved and respected in their different station than any other three beings ever were, Mrs. Allen had no similar information to give, no similar triumphs to press on the unwilling and unbelieving ear of her friend, and was forced to sit and appear to listen to all these maternal effusions, consoling herself, however, with the discovery, which her keen eye soon made, that the lace on Mrs. Thorpe's pelisse was not half so handsome as that on her own.

"Here come my dear girls," cried Mrs. Thorpe, pointing at three smart looking females who, arm in arm, were then moving towards her. "My dear Mrs. Allen, I long to introduce them; they will be so delighted to see you: the tallest is Isabella, my eldest; is not she a fine young woman? The others are very much admired too, but I believe Isabella is the handsomest."

The Miss Thorpes were introduced; and Miss Morland, who had been for a short time forgotten, was introduced likewise. The name seemed to strike them all; and, after speaking to her with great civility, the eldest young lady observed aloud to the rest, "How excessively like her brother Miss Morland is!"

"The very picture of him indeed!" cried the mother - and "I should have known her any where for his sister!" was repeated by them all, two or three times over. For a moment Catherine was surprized; but Mrs. Thorpe and her daughters had scarcely begun the history of their acquaintance with Mr. James Morland, before she remembered that her eldest brother had lately formed an intimacy with a young man of his own college, of the name of Thorpe; and that he had spent the last week of the Christmas vacation with his family, near London.

The whole being explained, many obliging things were said by the Miss Thorpes of their wish of being better acquainted with her; of being considered as already friends, through the friendship of their brothers, &c. which Catherine heard with pleasure, and answered with all the pretty expressions she could command; and, as the first proof of amity, she was soon invited to accept an arm of the eldest Miss Thorpe, and take a turn with her about the room. Catherine was delighted with this extension of her Bath acquaintance, and almost forgot Mr. Tilney while she talked to Miss Thorpe. Friendship is certainly the finest balm for the pangs of disappointed love.

Their conversation turned upon those subjects, of which the free discussion has generally much to do in perfecting a sudden intimacy between two young ladies; such as dress, balls, flirtations, and quizzes. Miss Thorpe, however, being four years older than Miss Morland, and at least four years better informed, had a very decided advantage in discussing such points; she could compare the balls of Bath with those of Tunbridge, its fashions with the fashions of London; could rectify the opinions of her new friend in many articles of tasteful attire; could discover a flirtation between any gentleman and lady who only smiled on each other; and point out a quiz through the thickness of a crowd. These powers received due admiration from Catherine, to whom they were entirely new; and the respect which they naturally inspired might have been too great for familiarity, had not the easy gaiety of Miss Thorpe's manners, and her frequent expressions of delight on this acquaintance with her, softened down every feeling of awe, and left nothing but tender affection. Their increasing attachment was not to be satisfied with half a dozen turns in the Pump-room, but required, when they all quitted it together, that Miss Thorpe should accompany Miss Morland to the very door of Mr. Allen's house; and that they should there part with a most affectionate and lengthened shake of hands, after learning, to their mutual relief, that they should see each other across the theatre at night, and say their prayers in the same chapel the next morning. Catherine then ran directly up stairs, and watched Miss Thorpe's progress down the street from the drawing-room window; admired the graceful spirit of her walk, the fashionable air of her figure and dress; and felt grateful, as well she might, for the chance which had procured her such a friend.

Mrs. Thorpe was a widow, and not a very rich one; she was a good-humoured, well-meaning woman, and a very indulgent mother. Her eldest daughter had great personal beauty, and the younger ones, by pretending to be as handsome as their sister, imitating her air, and dressing in the same style, did very well.

This brief account of the family is intended to supersede the necessity of a long and minute detail from Mrs. Thorpe herself, of her past adventures and sufferings, which might otherwise be expected to occupy the three or four following chapters; in which the worthlessness of lords and attornies might be set forth, and conversations, which had passed twenty years before, be minutely repeated.

L'abbazia di Northanger


Volume I - capitolo 4 (4)


Il giorno dopo Catherine si affrettò verso la Pump Room con più impazienza del solito, sicura di vedere Mr. Tilney prima della fine della mattinata, e pronta ad accoglierlo con un sorriso; ma non fu necessario nessun sorriso. Mr. Tilney non apparve. Tutti gli esseri umani a Bath, eccetto lui, si fecero prima o poi vedere in sala nelle ore di maggiore afflusso; per tutto il tempo una folla di gente andò avanti e indietro, su e giù per le scale; gente che non interessava a nessuno, e che nessuno voleva vedere; e solo lui era assente. "Che posto delizioso è Bath", disse Mrs. Allen mentre erano sedute accanto al grande orologio, dopo aver percorso la sala in lungo e in largo fino a stancarsi, "e come sarebbe bello se conoscessimo qualcuno."

Questo desiderio era stato espresso così spesso invano, che Mrs. Allen non aveva particolari motivi per sperare che stavolta avesse più successo; ma ci è stato detto "non disperar di nulla che ottener vorrai", perché "un'instancabile diligenza e il tuo scopo raggiungerai"; (1) e l'instancabile diligenza con la quale ogni giorno aveva desiderato la stessa cosa ebbe alla fine la giusta ricompensa, poiché non erano ancora passati dieci minuti da quando si era seduta quando una signora all'incirca della sua stessa età, che era seduta accanto a lei e l'aveva osservata attentamente per diversi minuti, le si rivolse con grande cortesia con queste parole: "Credo, signora, di non sbagliarmi; è passato molto tempo da quando ho avuto il piacere di vedervi, ma non vi chiamate Allen?" Dopo la risposta a questa domanda, fornita prontamente, la sconosciuta disse di chiamarsi Thorpe, e Mrs. Allen riconobbe immediatamente le fattezze di una vecchia compagna di scuola e amica intima, che aveva rivisto solo una volta dopo i rispettivi matrimoni, molti anni prima. La loro gioia per questo incontro fu grandissima, com'era giusto che fosse, dato che negli ultimi quindici anni nessuna delle due si era preoccupata di avere notizie dell'altra. A questo punto ci furono i complimenti sul bell'aspetto reciproco e, dopo i commenti su come fosse volato il tempo dall'ultima volta che si erano viste, su come fosse inaspettato quell'incontro a Bath, e su che piacere fosse vedere una vecchia amica, proseguirono facendo domande e fornendo notizie su famiglie, sorelle e cugini, parlando tutte e due insieme, molto più pronte a dare che a ricevere informazioni, e ognuna ascoltando molto poco di quello che diceva l'altra. Mrs. Thorpe, tuttavia, aveva un bel vantaggio su Mrs. Allen, in quanto poteva parlare dei figli; e una volta dilungatasi sui talenti dei figli maschi e sulla bellezza delle femmine, una volta raccontate le loro diverse posizioni e aspirazioni, che John era a Oxford, Edward alla Merchant-Taylors (2) e William in mare, tutti amati e rispettati nei diversi ruoli più di quanto lo fossero mai stati altri tre esseri viventi, Mrs. Allen, non avendo informazioni analoghe da fornire, né trionfi analoghi da imporre alle orecchie svogliate e incredule dell'amica, fu costretta a restarsene seduta e a far finta di ascoltare tutte quelle effusioni materne, consolandosi, tuttavia, con la scoperta, fatta subito dai suoi occhi acuti, che il merletto sul mantello di Mrs. Thorpe non era bello nemmeno la metà del suo.

"Ecco che arrivano le mie care ragazze", esclamò Mrs. Thorpe, indicando tre giovani donne dall'aspetto elegante che, sottobraccio, si stavano avvicinando a lei. "Mia cara Mrs. Allen, non vedo l'ora di presentarvele; saranno così contente di conoscervi; la più alta è Isabella, (3) la maggiore; non è una bella signorina? Anche le altre sono molto ammirate, ma credo che la più affascinante sia Isabella."

Le signorine Thorpe furono presentate, e Miss Morland, che per un po' era stata dimenticata, fu anche lei presentata. Il nome sembrò colpirle, e, dopo averle rivolto la parola con grande cortesia, la maggiore disse ad alta voce alle sorelle, "Quanto somiglia al fratello Miss Morland!"

"Davvero il suo ritratto!" esclamò la madre, e poi "l'avrei riconosciuta ovunque come sua sorella!" fu la frase ripetuta da tutte loro. Per un istante Catherine rimase sorpresa, ma non appena Mrs. Thorpe e le figlie cominciarono a raccontare come avevano conosciuto Mr. James Morland, si ricordò che il fratello maggiore era di recente diventato amico di un giovanotto del suo college, di nome Thorpe, e che aveva passato le tre settimane delle vacanze di Natale con loro, vicino a Londra.

Una volta spiegato tutto le signorine Morland dissero molte cose cortesi sul loro desiderio di conoscerla meglio, di essere subito considerate come delle amiche, per via dell'amicizia tra i loro fratelli ecc., parole che Catherine ascoltò con piacere, e ricambiò con le frasi più gentili che potesse trovare; come prima prova di amicizia, fu subito invitata ad accettare il braccio della maggiore delle signorine Thorpe, e a fare un giro in sala con lei. Catherine era felice di questo incremento delle sue conoscenze a Bath, e mentre chiacchierava con Miss Thorpe quasi dimenticò Mr. Tilney. L'amicizia è sicuramente il balsamo migliore per le pene di un amore deluso.

La conversazione si diresse su quegli argomenti la cui libera discussione generalmente favorisce molto il perfezionamento di una improvvisa intimità tra due giovani donne; cose come vestiti, balli, flirt e tipi buffi. Miss Thorpe, tuttavia, essendo di quattro anni maggiore di Miss Morland, e almeno di quattro anni meglio informata, aveva un indubbio vantaggio nel discutere di tali soggetti; poteva paragonare i balli di Bath con quelli di Tunbridge e la moda con quella di Londra; poteva correggere le opinioni della sua nuova amica sulla finezza di capi di abbigliamento; riusciva ad accorgersi di un flirt tra un gentiluomo e una signora che si sorridevano appena l'uno con l'altra; e individuava un tipo buffo anche nella folla più fitta. Queste capacità suscitarono la dovuta ammirazione da parte di Catherine, per la quale erano interamente nuove; e il rispetto che ispiravano in modo naturale avrebbe potuto essere troppo grande per favorire la familiarità, se la spontanea allegria dei modi di Miss Thorpe, e le sue frequenti espressioni di gioia per averla conosciuta, non avessero mitigato ogni sentimento di soggezione, lasciando il posto solo a un tenero affetto. Il loro crescente attaccamento non fu soddisfatto da una mezza dozzina di giri nella Pump Room, ma richiese, una volta lasciata la sala tutte insieme, che Miss Thorpe accompagnasse Miss Morland fin sulla porta della casa di Mr. Allen; e là si separarono con il massimo dell'affetto e con una prolungata stretta di mano, dopo aver appreso, con reciproco sollievo, che si sarebbero riviste la sera a teatro e avrebbero pregato nella stessa cappella il mattino dopo. Catherine poi corse subito al piano di sopra, e osservò Miss Thorpe allontanarsi lungo la strada dalla finestra del salotto; ammirò la grazia della sua andatura, l'aria elegante della figura e dell'abbigliamento, e si sentì enormemente grata per l'occasione che le aveva procurato un'amica del genere.

Mrs. Thorpe era vedova, e non molto ricca; era una donna di buon carattere e buoni sentimenti, e una madre molto indulgente. La figlia maggiore era molto bella, e le minori, illudendosi di essere belle quanto la sorella, imitando il suo portamento e vestendosi con lo stesso stile, facevano del loro meglio.

Questa breve descrizione della famiglia è volta a evitare la necessità di lunghi e minuziosi dettagli, da parte della stessa Mrs. Thorpe, sulle sue avventure e sofferenze passate, che altrimenti potrebbero riempire tre o quattro dei capitoli successivi, nei quali esporre l'indegnità di nobili e avvocati, e riferire minuziosamente conversazioni avvenute venti anni prima. (4)



(1) È lo stesso distico del cap. 2 (vedi la nota 2 a quel capitolo); qui, subito dopo, JA fa riferimento anche a un altro distico che segue: "Grande sollievo la virtù sempre ti porterà / E anche se in ritardo una sicura ricompensa ci sarà."

(2) Una scuola fondata da una delle gilde di mercanti di Londra nel 1561.

(3) È probabile che per il nome di Miss Thorpe JA si sia ispirata a quello della protagonista di The Castle of Otranto, A Gothic Story (1764) di Horace Walpole, il capostipite dei romanzi gotici.

(4) Questa parodia delle frequenti digressioni nei romanzi del Settecento, che spesso riguardavano anche personaggi minori, fa venire in mente un brano di una lettera di JA alla sorella Cassandra del 4 febbraio 1813 (lettera 80, scritta qualche giorno dopo la pubblicazione di Pride and Prejudice): "L'opera è un po' troppo leggera, brillante, frizzante; - le manca un po' d'ombra; - avrebbe bisogno di essere allungata qui e là con qualche lungo Capitolo - pieno di buonsenso se fosse possibile, o altrimenti di solenni e speciose sciocchezze - su qualcosa di scollegato alla trama; un Saggio sulla Scrittura, un'analisi critica su Walter Scott, o sulla storia di Bonaparte - o qualsiasi altra cosa che possa fare da contrasto e riportare il lettore con un piacere ancora maggiore al brio e allo stile Epigrammatico che la caratterizza."

     |     romanzi canonici     |     home page     |