Jane Austen
Emma
Volume II - capitolo 14 (32)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Emma


Volume II - Chapter 14 (32)


Mrs. Elton was first seen at church: but though devotion might be interrupted, curiosity could not be satisfied by a bride in a pew, and it must be left for the visits in form which were then to be paid, to settle whether she were very pretty indeed, or only rather pretty, or not pretty at all.

Emma had feelings, less of curiosity than of pride or propriety, to make her resolve on not being the last to pay her respects; and she made a point of Harriet's going with her, that the worst of the business might be gone through as soon as possible.

She could not enter the house again, could not be in the same room to which she had with such vain artifice retreated three months ago, to lace up her boot, without recollecting. A thousand vexatious thoughts would recur. Compliments, charades, and horrible blunders; and it was not to be supposed that poor Harriet should not be recollecting too; but she behaved very well, and was only rather pale and silent. The visit was of course short; and there was so much embarrassment and occupation of mind to shorten it, that Emma would not allow herself entirely to form an opinion of the lady, and on no account to give one, beyond the nothing-meaning terms of being "elegantly dressed, and very pleasing."

She did not really like her. She would not be in a hurry to find fault, but she suspected that there was no elegance; - ease, but not elegance. - She was almost sure that for a young woman, a stranger, a bride, there was too much ease. Her person was rather good; her face not unpretty; but neither feature, nor air, nor voice, nor manner, were elegant. Emma thought at least it would turn out so.

As for Mr. Elton, his manners did not appear - but no, she would not permit a hasty or a witty word from herself about his manners. It was an awkward ceremony at any time to be receiving wedding-visits, and a man had need be all grace to acquit himself well through it. The woman was better off; she might have the assistance of fine clothes, and the privilege of bashfulness, but the man had only his own good sense to depend on; and when she considered how peculiarly unlucky poor Mr. Elton was in being in the same room at once with the woman he had just married, the woman he had wanted to marry, and the woman whom he had been expected to marry, she must allow him to have the right to look as little wise, and to be as much affectedly, and as little really easy as could be.

"Well, Miss Woodhouse," said Harriet, when they had quitted the house, and after waiting in vain for her friend to begin; "Well, Miss Woodhouse, (with a gentle sigh,) what do you think of her? - Is not she very charming?"

There was a little hesitation in Emma's answer.

"Oh! yes - very - a very pleasing young woman."

"I think her beautiful, quite beautiful."

"Very nicely dressed, indeed; a remarkably elegant gown."

"I am not at all surprized that he should have fallen in love."

"Oh! no - there is nothing to surprize one at all. - A pretty fortune; and she came in his way."

"I dare say," returned Harriet, sighing again, "I dare say she was very much attached to him."

"Perhaps she might; but it is not every man's fate to marry the woman who loves him best. Miss Hawkins perhaps wanted a home, and thought this the best offer she was likely to have."

"Yes," said Harriet earnestly, "and well she might, nobody could ever have a better. Well, I wish them happy with all my heart. And now, Miss Woodhouse, I do not think I shall mind seeing them again. He is just as superior as ever; - but being married, you know, it is quite a different thing. No, indeed, Miss Woodhouse; you need not be afraid; I can sit and admire him now without any great misery. To know that he has not thrown himself away, is such a comfort! - She does seem a charming young woman, just what he deserves. Happy creature! He called her 'Augusta.' How delightful!"

When the visit was returned, Emma made up her mind. She could then see more and judge better. From Harriet's happening not to be at Hartfield, and her father's being present to engage Mr. Elton, she had a quarter of an hour of the lady's conversation to herself, and could composedly attend to her; and the quarter of an hour quite convinced her that Mrs. Elton was a vain woman, extremely well satisfied with herself, and thinking much of her own importance; that she meant to shine and be very superior, but with manners which had been formed in a bad school, pert and familiar; that all her notions were drawn from one set of people, and one style of living; that if not foolish she was ignorant, and that her society would certainly do Mr. Elton no good.

Harriet would have been a better match. If not wise or refined herself, she would have connected him with those who were; but Miss Hawkins, it might be fairly supposed from her easy conceit, had been the best of her own set. The rich brother-in-law near Bristol was the pride of the alliance, and his place and his carriages were the pride of him.

The very first subject after being seated was Maple Grove, "My brother Mr. Suckling's seat;" - a comparison of Hartfield to Maple Grove. The grounds of Hartfield were small, but neat and pretty; and the house was modern and well-built. Mrs. Elton seemed most favourably impressed by the size of the room, the entrance, and all that she could see or imagine. "Very like Maple Grove indeed! - She was quite struck by the likeness! - That room was the very shape and size of the morning-room at Maple Grove; her sister's favourite room." - Mr. Elton was appealed to. - "Was not it astonishingly like? - She could really almost fancy herself at Maple Grove."

"And the staircase - You know, as I came in, I observed how very like the staircase was; placed exactly in the same part of the house. I really could not help exclaiming! I assure you, Miss Woodhouse, it is very delightful to me, to be reminded of a place I am so extremely partial to as Maple Grove. I have spent so many happy months there! (with a little sigh of sentiment). A charming place, undoubtedly. Every body who sees it is struck by its beauty; but to me, it has been quite a home. Whenever you are transplanted, like me, Miss Woodhouse, you will understand how very delightful it is to meet with any thing at all like what one has left behind. I always say this is quite one of the evils of matrimony."

Emma made as slight a reply as she could; but it was fully sufficient for Mrs. Elton, who only wanted to be talking herself.

"So extremely like Maple Grove! And it is not merely the house - the grounds, I assure you, as far as I could observe, are strikingly like. The laurels at Maple Grove are in the same profusion as here, and stand very much in the same way - just across the lawn; and I had a glimpse of a fine large tree, with a bench round it, which put me so exactly in mind! My brother and sister will be enchanted with this place. People who have extensive grounds themselves are always pleased with any thing in the same style."

Emma doubted the truth of this sentiment. She had a great idea that people who had extensive grounds themselves cared very little for the extensive grounds of any body else; but it was not worth while to attack an error so double-dyed, and therefore only said in reply,

"When you have seen more of this country, I am afraid you will think you have over-rated Hartfield. Surry is full of beauties."

"Oh! yes, I am quite aware of that. It is the garden of England, you know. Surry is the garden of England."

"Yes; but we must not rest our claims on that distinction. Many counties, I believe, are called the garden of England, as well as Surry."

"No, I fancy not," replied Mrs. Elton, with a most satisfied smile." I never heard any county but Surry called so."

Emma was silenced.

"My brother and sister have promised us a visit in the spring, or summer at farthest," continued Mrs. Elton; "and that will be our time for exploring. While they are with us, we shall explore a great deal, I dare say. They will have their barouche-landau, of course, which holds four perfectly; and therefore, without saying any thing of our carriage, we should be able to explore the different beauties extremely well. They would hardly come in their chaise, I think, at that season of the year. Indeed, when the time draws on, I shall decidedly recommend their bringing the barouche-landau; it will be so very much preferable. When people come into a beautiful country of this sort, you know, Miss Woodhouse, one naturally wishes them to see as much as possible; and Mr. Suckling is extremely fond of exploring. We explored to King's-Weston twice last summer, in that way, most delightfully, just after their first having the barouche-landau. You have many parties of that kind here, I suppose, Miss Woodhouse, every summer?"

"No; not immediately here. We are rather out of distance of the very striking beauties which attract the sort of parties you speak of; and we are a very quiet set of people, I believe; more disposed to stay at home than engage in schemes of pleasure."

"Ah! there is nothing like staying at home for real comfort. Nobody can be more devoted to home than I am. I was quite a proverb for it at Maple Grove. Many a time has Selina said, when she has been going to Bristol, 'I really cannot get this girl to move from the house. I absolutely must go in by myself, though I hate being stuck up in the barouche-landau without a companion; but Augusta, I believe, with her own good will, would never stir beyond the park paling.' Many a time has she said so; and yet I am no advocate for entire seclusion. I think, on the contrary, when people shut themselves up entirely from society, it is a very bad thing; and that it is much more advisable to mix in the world in a proper degree, without living in it either too much or too little. I perfectly understand your situation, however, Miss Woodhouse - (looking towards Mr. Woodhouse) - Your father's state of health must be a great drawback. Why does not he try Bath? - Indeed he should. Let me recommend Bath to you. I assure you I have no doubt of its doing Mr. Woodhouse good."

"My father tried it more than once, formerly; but without receiving any benefit; and Mr. Perry, whose name, I dare say, is not unknown to you, does not conceive it would be at all more likely to be useful now."

"Ah! that's a great pity; for I assure you, Miss Woodhouse, where the waters do agree, it is quite wonderful the relief they give. In my Bath life, I have seen such instances of it! And it is so cheerful a place, that it could not fail of being of use to Mr. Woodhouse's spirits, which, I understand, are sometimes much depressed. And as to its recommendations to you, I fancy I need not take much pains to dwell on them. The advantages of Bath to the young are pretty generally understood. It would be a charming introduction for you, who have lived so secluded a life; and I could immediately secure you some of the best society in the place. A line from me would bring you a little host of acquaintance; and my particular friend, Mrs. Partridge, the lady I have always resided with when in Bath, would be most happy to shew you any attentions, and would be the very person for you to go into public with."

It was as much as Emma could bear, without being impolite. The idea of her being indebted to Mrs. Elton for what was called an introduction - of her going into public under the auspices of a friend of Mrs. Elton's - probably some vulgar, dashing widow, who, with the help of a boarder, just made a shift to live! - The dignity of Miss Woodhouse, of Hartfield, was sunk indeed!

She restrained herself, however, from any of the reproofs she could have given, and only thanked Mrs. Elton coolly; "but their going to Bath was quite out of the question; and she was not perfectly convinced that the place might suit her better than her father." And then, to prevent farther outrage and indignation, changed the subject directly.

"I do not ask whether you are musical, Mrs. Elton. Upon these occasions, a lady's character generally precedes her; and Highbury has long known that you are a superior performer."

"Oh! no, indeed; I must protest against any such idea. A superior performer! - very far from it, I assure you. Consider from how partial a quarter your information came. I am doatingly fond of music - passionately fond; - and my friends say I am not entirely devoid of taste; but as to any thing else, upon my honour my performance is mediocre to the last degree. You, Miss Woodhouse, I well know, play delightfully. I assure you it has been the greatest satisfaction, comfort, and delight to me, to hear what a musical society I am got into. I absolutely cannot do without music. It is a necessary of life to me; and having always been used to a very musical society, both at Maple Grove and in Bath, it would have been a most serious sacrifice. I honestly said as much to Mr. E. when he was speaking of my future home, and expressing his fears lest the retirement of it should be disagreeable; and the inferiority of the house too - knowing what I had been accustomed to - of course he was not wholly without apprehension. When he was speaking of it in that way, I honestly said that the world I could give up - parties, balls, plays - for I had no fear of retirement. Blessed with so many resources within myself, the world was not necessary to me. I could do very well without it. To those who had no resources it was a different thing; but my resources made me quite independent. And as to smaller-sized rooms than I had been used to, I really could not give it a thought. I hoped I was perfectly equal to any sacrifice of that description. Certainly I had been accustomed to every luxury at Maple Grove; but I did assure him that two carriages were not necessary to my happiness, nor were spacious apartments. 'But,' said I, 'to be quite honest, I do not think I can live without something of a musical society. I condition for nothing else; but without music, life would be a blank to me.'"

"We cannot suppose," said Emma, smiling, "that Mr. Elton would hesitate to assure you of there being a very musical society in Highbury; and I hope you will not find he has out-stepped the truth more than may be pardoned, in consideration of the motive."

"No, indeed, I have no doubts at all on that head. I am delighted to find myself in such a circle. I hope we shall have many sweet little concerts together. I think, Miss Woodhouse, you and I must establish a musical club, and have regular weekly meetings at your house, or ours. Will not it be a good plan? If we exert ourselves, I think we shall not be long in want of allies. Something of that nature would be particularly desirable for me, as an inducement to keep me in practice; for married women, you know - there is a sad story against them, in general. They are but too apt to give up music."

"But you, who are so extremely fond of it - there can be no danger, surely."

"I should hope not; but really when I look around among my acquaintance, I tremble. Selina has entirely given up music - never touches the instrument - though she played sweetly. And the same may be said of Mrs. Jeffereys - Clara Partridge, that was - and of the two Milmans, now Mrs. Bird and Mrs. James Cooper; and of more than I can enumerate. Upon my word it is enough to put one in a fright. I used to be quite angry with Selina; but really I begin now to comprehend that a married woman has many things to call her attention. I believe I was half an hour this morning shut up with my housekeeper."

"But every thing of that kind," said Emma, "will soon be in so regular a train -"

"Well," said Mrs. Elton, laughing, "we shall see."

Emma, finding her so determined upon neglecting her music, had nothing more to say; and, after a moment's pause, Mrs. Elton chose another subject.

"We have been calling at Randalls," said she, "and found them both at home; and very pleasant people they seem to be. I like them extremely. Mr. Weston seems an excellent creature - quite a first-rate favourite with me already, I assure you. And she appears so truly good - there is something so motherly and kind-hearted about her, that it wins upon one directly. She was your governess, I think?"

Emma was almost too much astonished to answer; but Mrs. Elton hardly waited for the affirmative before she went on.

"Having understood as much, I was rather astonished to find her so very lady-like! But she is really quite the gentlewoman."

"Mrs. Weston's manners," said Emma, "were always particularly good. Their propriety, simplicity, and elegance, would make them the safest model for any young woman."

"And who do you think came in while we were there?"

Emma was quite at a loss. The tone implied some old acquaintance - and how could she possibly guess?

"Knightley!" continued Mrs. Elton; - "Knightley himself! - Was not it lucky? - for, not being within when he called the other day, I had never seen him before; and of course, as so particular a friend of Mr. E.'s, I had a great curiosity. 'My friend Knightley' had been so often mentioned, that I was really impatient to see him; and I must do my cara sposo the justice to say that he need not be ashamed of his friend. Knightley is quite the gentleman. I like him very much. Decidedly, I think, a very gentleman-like man."

Happily, it was now time to be gone. They were off; and Emma could breathe.

"Insufferable woman!" was her immediate exclamation. "Worse than I had supposed. Absolutely insufferable! Knightley! - I could not have believed it. Knightley! - never seen him in her life before, and call him Knightley! - and discover that he is a gentleman! A little upstart, vulgar being, with her Mr. E., and her cara sposo, and her resources, and all her airs of pert pretension and under-bred finery. Actually to discover that Mr. Knightley is a gentleman! I doubt whether he will return the compliment, and discover her to be a lady. I could not have believed it! And to propose that she and I should unite to form a musical club! One would fancy we were bosom friends! And Mrs. Weston! - Astonished that the person who had brought me up should be a gentlewoman! Worse and worse. I never met with her equal. Much beyond my hopes. Harriet is disgraced by any comparison. Oh! what would Frank Churchill say to her, if he were here? How angry and how diverted he would be! Ah! there I am - thinking of him directly. Always the first person to be thought of! How I catch myself out! Frank Churchill comes as regularly into my mind!" -

All this ran so glibly through her thoughts, that by the time her father had arranged himself, after the bustle of the Eltons' departure, and was ready to speak, she was very tolerably capable of attending.

"Well, my dear," he deliberately began, "considering we never saw her before, she seems a very pretty sort of young lady; and I dare say she was very much pleased with you. She speaks a little too quick. A little quickness of voice there is which rather hurts the ear. But I believe I am nice; I do not like strange voices; and nobody speaks like you and poor Miss Taylor. However, she seems a very obliging, pretty-behaved young lady, and no doubt will make him a very good wife. Though I think he had better not have married. I made the best excuses I could for not having been able to wait on him and Mrs. Elton on this happy occasion; I said that I hoped I should in the course of the summer. But I ought to have gone before. Not to wait upon a bride is very remiss. Ah! it shews what a sad invalid I am! But I do not like the corner into Vicarage-lane."

"I dare say your apologies were accepted, sir. Mr. Elton knows you."

"Yes: but a young lady - a bride - I ought to have paid my respects to her if possible. It was being very deficient."

"But, my dear papa, you are no friend to matrimony; and therefore why should you be so anxious to pay your respects to a bride? It ought to be no recommendation to you. It is encouraging people to marry if you make so much of them."

"No, my dear, I never encouraged any body to marry, but I would always wish to pay every proper attention to a lady - and a bride, especially, is never to be neglected. More is avowedly due to her. A bride, you know, my dear, is always the first in company, let the others be who they may."

"Well, papa, if this is not encouragement to marry, I do not know what is. And I should never have expected you to be lending your sanction to such vanity-baits for poor young ladies."

"My dear, you do not understand me. This is a matter of mere common politeness and good-breeding, and has nothing to do with any encouragement to people to marry."

Emma had done. Her father was growing nervous, and could not understand her. Her mind returned to Mrs. Elton's offences, and long, very long, did they occupy her.

Emma


Volume II - capitolo 14 (32)


Mrs. Elton fu vista per la prima volta in chiesa, ma anche se era possibile interrompere la devozione, la curiosità non poteva ritenersi soddisfatta da una sposa novella in un banco, e doveva essere lasciato alle visite formali da fare in seguito stabilire se fosse davvero molto graziosa, solo piuttosto graziosa o per nulla graziosa.

I sentimenti di Emma, più di orgoglio e dignità che di curiosità, le fecero decidere di non essere l'ultima a porgere i propri omaggi, e insistette per portare Harriet con sé, affinché la faccenda potesse concludersi nel più breve tempo possibile.

Non poteva entrare di nuovo in quella casa, non poteva stare nella stessa stanza dalla quale si era allontanata tre mesi prima con l'inutile stratagemma di allacciarsi lo stivaletto, senza ricordare. Le sarebbero venuti in mente mille pensieri molesti. Complimenti, sciarade e terribili equivoci; e non si poteva certo immaginare che anche la povera Harriet non se ne ricordasse; ma l'amica si comportò benissimo, e apparve solo piuttosto pallida e silenziosa. La visita fu ovviamente breve, e c'era un tale imbarazzo, e la mente era talmente occupata a renderla più breve, che Emma non volle formarsi un'opinione precisa sulla signora, e a nessun costo esprimerne una, al di là di termini insignificanti come "vestita con eleganza e molto piacevole."

In realtà non le piacque. Non voleva avere fretta nel trovarle dei difetti, ma sospettava che non ci fosse nessuna eleganza... disinvoltura, ma non eleganza. Era quasi certa che per una giovane donna, un'estranea, una sposa novella, ci fosse un po' troppa disinvoltura. Il personale non era male, il viso non era affatto brutto, ma nei lineamenti, nell'aria, nella voce, nei modi, non c'era eleganza. Quanto meno, Emma pensava che così sarebbe risultato.

Quanto a Mr. Elton, i suoi modi non sembravano... ma no, non si sarebbe permessa di pronunciare parole affrettate o pungenti circa i suoi modi. In ogni caso ricevere visite per le nozze era una cerimonia imbarazzante, e un uomo avrebbe avuto bisogno di essere tutta grazia per esserne completamente all'altezza. La donna stava messa meglio; era aiutata da bei vestiti, e dal privilegio della ritrosia, ma l'uomo poteva contare solo sul proprio buonsenso; e quando considerò com'era particolarmente infelice la posizione del povero Mr. Elton, nella stessa stanza con la donna che aveva appena sposato, la donna che aveva voluto sposare e la donna che ci si era aspettati che sposasse, poté concedergli il diritto di sembrare così poco intelligente, e di ostentare una disinvoltura che non aveva affatto.

"Be', Miss Woodhouse", disse Harriet, una volta lasciata la casa e dopo aver aspettato invano che fosse l'amica a cominciare, "Be', Miss Woodhouse (con un tenero sospiro), che cosa ne pensate di lei? Non è davvero incantevole?"

Nella riposta di Emma ci fu una lieve esitazione.

"Oh! sì, una giovane donna molto... molto piacevole."

"A me sembra bella, davvero bella."

"Davvero vestita bene; un abito notevolmente elegante."

"Non mi stupisce affatto che lui si sia innamorato."

"Oh! no, non c'è proprio nulla di cui stupirsi. Una bella dote; e lui se l'è trovata proprio davanti."

"Credo proprio", replicò Harriet, sempre sospirando, "credo proprio che lei sia molto innamorata."

"Forse sì; ma non a tutti gli uomini capita in sorte di sposare la donna che lo ama di più. Forse Miss Hawkins voleva una casa, e ha pensato che quella fosse l'offerta migliore che fosse possibile avere."

"Sì", disse Harriet con fervore, "e a ragione; nessuno avrebbe mai potuto averne una migliore. Be', mi auguro con tutto il cuore che siano felici. E ora, Miss Woodhouse, non credo che mi turberà vederli di nuovo. Lui è un essere superiore come è sempre stato, ma è ovvio che, essendo sposato, è tutt'altra cosa. No, davvero, Miss Woodhouse, non dovete avere timori; ora posso starmene lì ad ammirarlo senza affliggermi troppo. Sapere che non si è buttato via è un tale conforto! Sembra proprio una giovane incantevole, proprio quello che lui meritava! Creatura beata! L'ha chiamata «Augusta». Che bello!"

Quando la visita fu ricambiata Emma si fece un'opinione precisa. Fu in grado di vedere di più e di giudicare meglio. Dato che Harriet non era a Hartfield, e c'era il padre a intrattenere Mr. Elton, ebbe un quarto d'ora della conversazione della signora tutta per sé, e fu in grado di dedicarsi a lei in tutta tranquillità; e quel quarto d'ora la convinse pienamente che Mrs. Elton era una donna vanitosa, estremamente piena di sé e con un'alta considerazione della propria importanza; che aveva intenzione di brillare e di mostrarsi molto superiore, ma con modi formatisi in una cattiva scuola, insolenti e troppo confidenziali; che tutto ciò che sapeva proveniva da un'unica cerchia di persone, e da un solo ambiente sociale; che se non era sciocca era ignorante, e che la sua compagnia non avrebbe di certo portato nulla di buono a Mr. Elton.

Harriet sarebbe stato un partito migliore. Anche se non era né intelligente né raffinata, l'avrebbe fatto entrare in contatto con persone che lo erano; invece Miss Hawkins, come si poteva facilmente supporre dalla sua disinvolta presunzione, era la migliore del suo ambiente. Il ricco cognato dei dintorni di Bristol era l'orgoglio del parentado, e lui era orgoglioso del posto in cui viveva e delle sue carrozze.

Il primissimo argomento dopo essersi sedute fu Maple Grove, "La residenza di mio cognato Mr. Suckling"; un paragone tra Hartfield e Maple Grove. Il parco di Hartfield era piccolo, ma grazioso e ben tenuto, e la casa era moderna e solida. Mrs. Elton sembrava molto favorevolmente impressionata dalla dimensione della stanza, dall'ingresso, e da tutto quello che riuscì a vedere o a immaginare. "Davvero molto simile a Maple Grove! Era rimasta proprio colpita dalla somiglianza. Quella stanza aveva proprio forma e dimensioni identiche al soggiorno di Maple Grove, la stanza prediletta dalla sorella." Mr. Elton fu chiamato in causa. "Non è straordinariamente simile? Poteva davvero quasi immaginare di essere a Maple Grove."

"E la scala. Sapete, quando sono entrata, ho notato com'era simile la scala; messa esattamente nella stessa parte della casa. Non ho potuto davvero trattenere un'esclamazione di sorpresa! Vi assicuro, Miss Woodhouse, che per me è una vera gioia rammentarmi di un posto al quale sono così tanto affezionata come Maple Grove. Là ho trascorso talmente tanti mesi felici! (con un lieve palpito di emozione). Un posto incantevole, senza dubbio. Tutti quelli che lo vedono rimangono colpiti dalla sua bellezza; ma per me, è stata come casa mia. Quando vi dovrete trasferire, come me, Miss Woodhouse, capirete con quanta gioia ci si imbatta in qualcosa di tanto simile a ciò che ci si è lasciati alle spalle. Ho sempre detto che questo è uno dei mali del matrimonio."

Emma rispose nel modo più insignificante possibile; ma fu comunque sufficiente per Mrs. Elton, che voleva essere la sola a parlare.

"Così estremamente simile a Maple Grove! E non è solo la casa; il parco, ve l'assicuro, per quanto abbia potuto vedere, è straordinariamente simile. La profusione di alloro a Maple Grove è la stessa di qui, ed è praticamente disposto allo stesso modo, proprio accanto al prato; e ho intravisto un bell'albero grande, con una panca intorno, che mi ha suscitato un ricordo talmente preciso! Mio cognato e mia sorella rimarranno incantati da questo posto. Alla gente che ha un grande parco fa sempre piacere vedere qualcosa nello stesso stile."

Emma dubitava della sincerità di quel sentimento. Era convinta che la gente con un grande parco facesse ben poco caso ai grandi parchi di chiunque altro; ma non valeva la pena di attaccarsi a un errore così grossolano, e quindi rispose soltanto,

"Quando conoscerete meglio questa regione, temo che penserete di aver sopravvalutato Hartfield. Il Surry è pieno di bellezze."

"Oh! sì, ne sono perfettamente consapevole. È il giardino dell'Inghilterra, certo. Il Surry è il giardino dell'Inghilterra."

"Sì, ma non dobbiamo basare i nostri diritti su questo particolare. Molte contee, credo, sono chiamate, come il Surry, il giardino dell'Inghilterra."

"No, credo proprio di no", replicò Mrs. Elton, con un sorriso molto soddisfatto. "Non ho mai sentito nessuna contea chiamata così oltre al Surry."

Emma rimase in silenzio.

"Mio cognato e mia sorella hanno promesso di venirci a trovare in primavera, o al più tardi in estate", proseguì Mrs. Elton, "e allora per noi sarà tempo di esplorare. Quando staranno da noi, credo proprio che faremo un bel po' di esplorazioni. Avranno il loro landò, ovviamente, in cui c'è posto abbondante per quattro, e quindi, senza contare la nostra carrozza, saremo in grado di esplorare estremamente bene le diverse bellezze. Non verranno certo con la carrozza, credo, in quella stagione dell'anno. In effetti, quando arriverà il momento, li consiglierò senz'altro di portare il landò; sarà di gran lunga meglio. Quando la gente viene in una contea bella come questa, lo sapete, Miss Woodhouse, ovviamente ci si augura che vedano il più possibile; e Mr. Suckling ama moltissimo le esplorazioni. L'estate scorsa ne abbiamo fatte due a King's Weston, (1) in quel modo, davvero deliziose, proprio quando avevano appena comprato il landò. Suppongo che in estate ci siano molte gite del genere qui, no, Miss Woodhouse?"

"No, non proprio qui. Siamo piuttosto lontani dalle bellezze maggiori, che attraggono i gitanti di cui parlate voi; e siamo gente molto tranquilla, credo; più disposta a starsene in casa che a fare progetti per divertirsi."

"Ah! non c'è nulla come lo starsene a casa per un vero benessere. Nessuno è più amante di me di casa propria. A Maple Grove ero proverbiale per questo. Spesso Selina diceva, quando andava a Bristol, «Non riesco proprio a smuovere da casa questa ragazza. Devo sempre andare da sola, anche se detesto starmene rintanata nel landò senza compagnia; ma credo che Augusta, con tutta la sua buona volontà, non uscirebbe mai dal recinto del parco.» Lo diceva spesso, eppure non sono portata a un completo isolamento. Credo, al contrario, che quando la gente si esclude totalmente dalla società sia una gran brutta cosa, e che è molto più consigliabile mescolarsi al mondo nel modo giusto, senza frequentarlo né troppo né troppo poco. Comunque, capisco perfettamente la vostra situazione, Miss Woodhouse (guardando verso Mr. Woodhouse). Lo stato di salute di vostro padre dev'essere un notevole impedimento. Perché non prova Bath? Dovrebbe, davvero. Permettetemi di raccomandarvi Bath. Vi assicuro di non avere alcun dubbio che farebbe bene a Mr. Woodhouse."

"Mio padre ha provato più di una volta, in passato, ma senza nessun beneficio; e Mr. Perry, il cui nome credo proprio che non vi sia sconosciuto, non ritiene molto probabile che possa essergli utile ora."

"Ah! è un gran peccato; perché, ve l'assicuro, Miss Woodhouse, quando le acque giovano danno un sollievo assolutamente straordinario. Vivendo a Bath ne ho visti tanti di esempi! Ed è un posto così allegro, che non potrebbe non essere utile all'umore di Mr. Woodhouse, che, da quanto so, talvolta è molto depresso. E quanto possa essere raccomandabile per voi, immagino che non sia necessario sforzarsi troppo per dimostrarlo. I vantaggi di Bath per i giovani sono ben conosciuti da tutti. Sarebbe una magnifica introduzione in società, per voi che avete condotto una vita così isolata; e io potrei immediatamente procurarvi la migliore società del posto. Un rigo da parte mia vi porterebbe una piccola schiera di conoscenze, e la mia amica intima, Mrs. Partridge, la signora presso la quale ho sempre abitato quando ero a Bath, sarebbe felicissima di concedervi ogni premura possibile, e sarebbe la persona adatta per accompagnarvi in pubblico."

Era il massimo che Emma potesse sopportare senza essere scortese. L'idea di essere in debito con Mrs. Elton per quella che aveva chiamato introduzione in società, di mostrarsi in pubblico sotto gli auspici di un'amica di Mrs. Elton, probabilmente qualche vedova volgare e appariscente che, con l'aiuto di una pensionante, riusciva appena a mantenersi! La dignità di Miss Woodhouse, di Hartfield, era davvero caduta in basso!

Si trattenne, comunque, dal controbattere come avrebbe potuto, e si limitò a ringraziare freddamente Mrs. Elton; "ma per loro andare a Bath era del tutto fuori questione; e non era proprio convinta che il posto potesse essere adatto a lei più di quanto lo fosse per il padre." E poi, per prevenire altre offese e altra indignazione, cambiò subito argomento.

"Non vi chiedo se siete amante della musica, Mrs. Elton. In queste occasioni, la reputazione di una signora in genere la precede, e Highbury sa da tempo che siete un'eccellente esecutrice."

"Oh! no, per carità; devo oppormi a qualsiasi idea del genere. Un'eccellente esecutrice! lontanissima da ciò, ve l'assicuro. Considerate da quale fonte parziale provengono le vostre informazioni. Amo follemente la musica, l'amo appassionatamente; e i miei amici dicono che non sono completamente priva di gusto; ma per chiunque altro, sul mio onore, le mie esibizioni sono mediocri al massimo grado. Voi, Miss Woodhouse, lo so bene, suonate in modo delizioso. Vi assicuro che ho provato la soddisfazione, la consolazione e la gioia più grandi, nel sentire in che ambiente amante della musica stavo per entrare. Non posso assolutamente stare senza musica. Mi è necessaria per vivere; ed essendo sempre stata abituata a un ambiente molto amante della musica, sia a Maple Grove che a Bath, sarebbe stato un enorme sacrificio. L'ho detto onestamente a Mr. E., quando mi parlava della mia futura dimora, ed esprimeva i suoi timori sul fatto che l'isolamento della casa sarebbe stato spiacevole; e anche la modestia della casa, sapendo a che cosa ero abituata, non lo lasciava ovviamente tranquillo. Quando me ne ha parlato in questo modo, gli ho detto onestamente che al mondo avrei potuto rinunciare - ricevimenti, balli, teatro - perché non avevo nessun timore di una vita ritirata. Benedetta come sono da così tante risorse interiori, il mondo a me non è necessario. Potrei farne benissimo a meno. Per coloro che non hanno risorse è diverso; ma le mie risorse mi rendono del tutto indipendente. E quanto alle stanze più piccole di quelle a cui ero abituata, non ci pensavo affatto. Speravo di essere perfettamente all'altezza di qualsiasi sacrificio del genere. Certo, ero avvezza a ogni tipo di lusso a Maple Grove; ma gli ho assicurato che non erano necessarie due carrozze alla mia felicità, né camere spaziose. «Ma», ho detto, «per essere del tutto onesta, non credo che potrei vivere senza un ambiente in cui si ami la musica. Non pongo nessun'altra condizione; ma senza musica, la vita per me sarebbe vuota.»"

"Non si può certo pensare", disse Emma sorridendo, "che Mr. Elton abbia esitato nell'assicurarvi che a Highbury l'ambiente è molto amante della musica; e spero possiate scoprire che non ha forzato la verità più di quanto possa essere perdonabile, considerando la circostanza."

"No, certo, non ho alcun dubbio su questo. Sono felicissima di trovarmi in una cerchia del genere. Spero che terremo insieme molti piccoli deliziosi concerti. Penso, Miss Woodhouse, che voi e io dovremmo fondare un circolo musicale, e incontrarci settimanalmente a casa vostra, o da noi. Non è una buona idea? Se noi ci diamo da fare, credo che non staremo a lungo prive di alleate. Qualcosa del genere per me sarebbe oltremodo desiderabile, come stimolo a tenermi in esercizio, perché le donne sposate, sapete... si dicono cose tristi su di esse, in generale. Sono fin troppo pronte ad abbandonare la musica."

"Ma voi, che l'amate così tanto... non può certo esserci nessun pericolo."

"Spero di no; ma in realtà, quando mi guardo intorno tra le mie conoscenze, tremo. Selina ha completamente abbandonato la musica, non tocca mai lo strumento, anche se suona in modo delizioso. E lo stesso si può dire di Mrs. Jeffereys - Clara Partridge, da ragazza - e delle due Milman, ora Mrs. Bird e Mrs. James Cooper; e altre ancora, più di quante ne possa elencare. Parola mia, basta a mettere paura. Ero solita andare molto in collera con Selina, ma in effetti adesso comincio a capire che una donna sposata ha molte cose che richiedono la sua attenzione. Stamattina credo di essere stata mezzora chiusa con la mia governante."

"Ma tutto questo genere di cose", disse Emma, "prenderà presto un ritmo regolare..."

"Be'", disse Mrs. Elton ridendo, "vedremo."

Emma, trovandola così decisa a trascurare la musica, non ebbe altro da dire, e, dopo un istante di pausa, Mrs. Elton scelse un altro argomento.

"Siamo stati in visita a Randalls", disse, "e li abbiamo trovati entrambi a casa; e mi sono sembrate persone davvero a modo. Mi piacciono moltissimo. Mr. Weston sembra una creatura eccellente, è già il mio prediletto, ve l'assicuro. E lei pare così autenticamente buona, c'è qualcosa di così materno e generoso in lei, che conquista subito. Credo che fosse la vostra istitutrice, non è vero?"

Emma era quasi troppo stupefatta per rispondere; ma Mrs. Elton non aspettò neppure un cenno di assenso prima di proseguire.

"Sapendo tutto questo, sono rimasta piuttosto stupita nel trovarla così tanto distinta! È proprio una vera gentildonna."

"I modi di Mrs. Weston", disse Emma, "sono stati sempre eccellenti. Il suo senso del decoro, la sua semplicità e la sua eleganza ne farebbero il modello migliore per qualsiasi giovane donna."

"E chi pensate sia arrivato mentre eravamo lì?"

Emma rimase perplessa. Il tono implicava una qualche vecchia conoscenza, e come avrebbe potuto indovinare?

"Knightley!" proseguì Mrs. Elton; "Knightley in persona! Non è stata una fortuna? perché, dato che quando è venuto l'altro giorno non eravamo in casa, non l'avevo ancora mai visto, e naturalmente, come amico intimo di Mr. E., ero molto incuriosita. «Il mio amico Knightley» era stato menzionato talmente spesso che ero davvero impaziente di conoscerlo; e devo rendere giustizia al mio caro sposo, (2) dicendo che non deve certo vergognarsi del suo amico. Knightley è davvero un gentiluomo. Mi piace moltissimo. Indubbiamente, credo che sia un uomo molto signorile."

Fortunatamente era tempo di prendere congedo. Se ne andarono, ed Emma poté respirare.

"Che donna insopportabile!" fu la sua immediata esclamazione. "Peggio di quanto avessi immaginato. Assolutamente insopportabile! Knightley! Non potevo crederci. Knightley! mai visto in vita sua, e lo chiama Knightley! (3) e scopre che è un gentiluomo! Una piccola villana arricchita, con il suo Mr. E., e il suo caro sposo, e le sue risorse, e tutte le sue arie di sfacciata presunzione e di raffinatezza d'accatto. Ma guarda, scoprire che Mr. Knightley è un gentiluomo! Dubito che lui ricambi il complimento, e scopra che è una gentildonna. Non potevo crederci! E proporre che lei e io ci unissimo per creare un circolo musicale! Come se fossimo amiche per la pelle! E Mrs. Weston! Stupirsi che la persona che mi ha cresciuta sia una gentildonna! Di male in peggio. Non ho mai incontrato una persona simile. Molto al di là delle mie aspettative. Fare un paragone sarebbe un'onta per Harriet. Oh! che cosa avrebbe detto di lei Frank Churchill, se fosse stato qui? Come si sarebbe irritato e divertito! Ah! rieccoci... penso subito a lui. Sempre la prima persona a cui pensare! Come mi colgo in fallo! Mi viene sempre in mente Frank Churchill!"

Tutto questo si accavallò così rapidamente nei suoi pensieri, che, quando il padre si riprese dopo il trambusto della partenza degli Elton, e fu pronto a parlare, fu in grado di starlo a sentire in modo più che accettabile.

"Be', mia cara", cominciò lui con cautela, "considerando che non l'avevamo mai vista prima, sembra una giovane signora molto graziosa; e credo proprio che tu le sia molto piaciuta. Parla un po' troppo velocemente. C'è un po' di velocità nel tono della voce che è piuttosto fastidiosa alle orecchie. Ma credo di essere un po' difficile; non mi piacciono le voci estranee, e nessuno parla come te e la povera Miss Taylor. Comunque, sembra una giovane signora molto gentile e a modo, e non c'è dubbio che per lui sarà un'ottima moglie. Anche se credo che avrebbe fatto meglio a non sposarsi. Mi sono scusato molto per non essere stato in grado di far visita a lui e a Mrs. Elton in questa felice occasione; ho detto che speravo di poterlo fare nel corso dell'estate. Ma avrei dovuto andare prima. Non fare visita a una sposa novella è segno di grande negligenza. Ah! dimostra quanto io sia tristemente infermo! Ma la curva di Vicariage Lane non mi piace proprio."

"Credo proprio che le vostre scuse siano state accettate, signore. Mr. Elton vi conosce."

"Sì, ma una giovane signora... una sposa novella... avrei dovuto porgere i miei omaggi a lei, se possibile. È stata una grave mancanza."

"Ma, mio caro papà, voi non siete amico del matrimonio, e quindi perché dovreste essere così ansioso di porgere i vostri omaggi a una sposa novella? Non dovrebbe essere una raccomandazione da fare a voi. Tenerci tanto è un po' come incoraggiare la gente a sposarsi."

"No, mia cara, non ho mai incoraggiato nessuno a sposarsi, ma ho sempre desiderato mostrare le dovute attenzioni a una signora, e una sposa novella, in particolare, non dev'essere mai trascurata. A lei è chiaramente dovuto di più. Una sposa novella, come sai, mia cara, è sempre la prima in società, chiunque siano le altre."

"Be', papà, se questo non è un incoraggiamento a sposarsi, non so quale possa essere. E non mi sarei mai aspettata che foste propenso ad approvare lusinghe del genere nei confronti della vanità delle giovani signore."

"Mia cara, tu non mi capisci. È una questione di semplice cortesia ed educazione, e non ha niente a che fare con un qualsiasi incoraggiamento a sposarsi."

Emma si fermò, il padre stava diventando nervoso, e non poteva capirla. La sua mente tornò alle insolenze di Mrs. Elton, che la occuparono a lungo, molto a lungo.



(1) Kings Weston House è una villa georgiana, all'epoca vicina a Bristol e ora inclusa nella città. È citata anche nel cap 11 de L'abbazia di Northanger, quando John Thorpe propone una gita in calesse là e in altri luoghi nei dintorni.

(2) "Caro sposo", qui come in seguito, è in italiano nell'originale, ma, nella prima edizione, con un refuso nell'aggettivo; "cara" anziché "caro". Nelle edizioni moderne, a partire dalla prima edizione critica curata da Chapman, il refuso è corretto, ma nell'ultima edizione della Cambridge University, curata da Richard Cronin e Dorothy McMillan, si suggerisce l'ipotesi che l'errore possa essere intenzionale, come se JA avesse voluto rimarcare ulteriormente la falsa raffinatezza di Mrs. Elton. L'ipotesi è plausibile, anche se nel cap. 42 l'aggettivo diventa correttamente "caro"

(3) Nominare qualcuno senza anteporre l'appellativo era indice di una familiarità sicuramente inappropriata al rapporto tra Mrs. Elton e Mr. Knightley, e nel romanzo ci sono in seguito altri due casi simili: nel cap. 33, quando Emma ripensa alle parole di Mrs. Elton su Jane Fairfax, nominata con il nome e cognome, senza l'appellativo "Miss", e nel cap. 38, quando la cosa è notata da Frank Churchill, dopo che Mrs. Elton l'ha chiamata semplicemente "Jane".

     |     romanzi canonici     |     home page     |