Jane Austen
Emma
Volume I - capitolo 9 (9)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Emma


Volume I - Chapter 9 (9)


Mr. Knightley might quarrel with her, but Emma could not quarrel with herself. He was so much displeased, that it was longer than usual before he came to Hartfield again; and when they did meet, his grave looks shewed that she was not forgiven. She was sorry, but could not repent. On the contrary, her plans and proceedings were more and more justified, and endeared to her by the general appearances of the next few days.

The Picture, elegantly framed, came safely to hand soon after Mr. Elton's return, and being hung over the mantlepiece of the common sitting-room, he got up to look at it, and sighed out his half sentences of admiration just as he ought; and as for Harriet's feelings, they were visibly forming themselves into as strong and steady an attachment as her youth and sort of mind admitted. Emma was soon perfectly satisfied of Mr. Martin's being no otherwise remembered, than as he furnished a contrast with Mr. Elton, of the utmost advantage to the latter.

Her views of improving her little friend's mind, by a great deal of useful reading and conversation, had never yet led to more than a few first chapters, and the intention of going on to-morrow. It was much easier to chat than to study; much pleasanter to let her imagination range and work at Harriet's fortune, than to be labouring to enlarge her comprehension or exercise it on sober facts; and the only literary pursuit which engaged Harriet at present, the only mental provision she was making for the evening of life, was the collecting and transcribing all the riddles of every sort that she could meet with, into a thin quarto of hot-pressed paper, made up by her friend, and ornamented with ciphers and trophies.

In this age of literature, such collections on a very grand scale are not uncommon. Miss Nash, head-teacher at Mrs. Goddard's, had written out at least three hundred; and Harriet, who had taken the first hint of it from her, hoped, with Miss Woodhouse's help, to get a great many more. Emma assisted with her invention, memory and taste; and as Harriet wrote a very pretty hand, it was likely to be an arrangement of the first order, in form as well as quantity.

Mr. Woodhouse was almost as much interested in the business as the girls, and tried very often to recollect something worth their putting in. "So many clever riddles as there used to be when he was young - he wondered he could not remember them! but he hoped he should in time." And it always ended in "Kitty, a fair but frozen maid."

His good friend Perry too, whom he had spoken to on the subject, did not at present recollect any thing of the riddle kind; but he had desired Perry to be upon the watch, and as he went about so much, something, he thought, might come from that quarter.

It was by no means his daughter's wish that the intellects of Highbury in general should be put under requisition. Mr. Elton was the only one whose assistance she asked. He was invited to contribute any really good enigmas, charades, or conundrums that he might recollect; and she had the pleasure of seeing him most intently at work with his recollections; and at the same time, as she could perceive, most earnestly careful that nothing ungallant, nothing that did not breathe a compliment to the sex should pass his lips. They owed to him their two or three politest puzzles; and the joy and exultation with which at last he recalled, and rather sentimentally recited, that well-known charade,

    My first doth affliction denote,
       Which my second is destin'd to feel;
    And my whole is the best antidote
       That affliction to soften and heal. -

made her quite sorry to acknowledge that they had transcribed it some pages ago already.

"Why will not you write one yourself for us, Mr. Elton?" said she; "that is the only security for its freshness; and nothing could be easier to you."

"Oh, no! he had never written, hardly ever, any thing of the kind in his life. The stupidest fellow! He was afraid not even Miss Woodhouse" - he stopt a moment - "or Miss Smith could inspire him."

The very next day however produced some proof of inspiration. He called for a few moments, just to leave a piece of paper on the table containing, as he said, a charade, which a friend of his had addressed to a young lady, the object of his admiration, but which, from his manner, Emma was immediately convinced must be his own.

"I do not offer it for Miss Smith's collection," said he. "Being my friend's, I have no right to expose it in any degree to the public eye, but perhaps you may not dislike looking at it."

The speech was more to Emma than to Harriet, which Emma could understand. There was deep consciousness about him, and he found it easier to meet her eye than her friend's. He was gone the next moment: - after another moment's pause,

"Take it," said Emma, smiling, and pushing the paper towards Harriet - "it is for you. Take your own."

But Harriet was in a tremor, and could not touch it; and Emma, never loth to be first, was obliged to examine it herself.

To Miss ----.

CHARADE.

My first displays the wealth and pomp of kings,
   Lords of the earth! their luxury and ease.
Another view of man, my second brings,
   Behold him there, the monarch of the seas!

But ah! united, what reverse we have!
   Man's boasted power and freedom, all are flown;
Lord of the earth and sea, he bends a slave,
   And woman, lovely woman, reigns alone.

   Thy ready wit the word will soon supply,
   May its approval beam in that soft eye!

She cast her eye over it, pondered, caught the meaning, read it through again to be quite certain, and quite mistress of the lines, and then passing it to Harriet, sat happily smiling, and saying to herself, while Harriet was puzzling over the paper in all the confusion of hope and dulness, "Very well, Mr. Elton, very well indeed. I have read worse charades. Courtship - a very good hint. I give you credit for it. This is feeling your way. This is saying very plainly - 'Pray, Miss Smith, give me leave to pay my addresses to you. Approve my charade and my intentions in the same glance.'

May its approval beam in that soft eye!

Harriet exactly. Soft, is the very word for her eye - of all epithets, the justest that could be given.

Thy ready wit the word will soon supply.

Humph - Harriet's ready wit! All the better. A man must be very much in love indeed, to describe her so. Ah! Mr. Knightley, I wish you had the benefit of this; I think this would convince you. For once in your life you would be obliged to own yourself mistaken. An excellent charade indeed! and very much to the purpose. Things must come to a crisis soon now."

She was obliged to break off from these very pleasant observations, which were otherwise of a sort to run into great length, by the eagerness of Harriet's wondering questions.

"What can it be, Miss Woodhouse? - what can it be? I have not an idea - I cannot guess it in the least. What can it possibly be? Do try to find it out, Miss Woodhouse. Do help me. I never saw any thing so hard. Is it kingdom? I wonder who the friend was - and who could be the young lady! Do you think it is a good one? Can it be woman?

And woman, lovely woman, reigns alone.

Can it be Neptune?

Behold him there, the monarch of the seas!

Or a trident? or a mermaid? or a shark? Oh, no! shark is only one syllable. It must be very clever, or he would not have brought it. Oh! Miss Woodhouse, do you think we shall ever find it out?"

"Mermaids and sharks! Nonsense! My dear Harriet, what are you thinking of? Where would be the use of his bringing us a charade made by a friend upon a mermaid or a shark? Give me the paper and listen.

For Miss ----, read Miss Smith.

    My first displays the wealth and pomp of kings,
       Lords of the earth! their luxury and ease.

That is court.

    Another view of man, my second brings;
       Behold him there, the monarch of the seas!

That is ship; - plain as it can be. - Now for the cream.

  But ah! united, (courtship, you know,) what reverse we have!
     Man's boasted power and freedom, all are flown.
  Lord of the earth and sea, he bends a slave,
     And woman, lovely woman, reigns alone.

A very proper compliment! - and then follows the application, which I think, my dear Harriet, you cannot find much difficulty in comprehending. Read it in comfort to yourself. There can be no doubt of its being written for you and to you."

Harriet could not long resist so delightful a persuasion. She read the concluding lines, and was all flutter and happiness. She could not speak. But she was not wanted to speak. It was enough for her to feel. Emma spoke for her.

"There is so pointed, and so particular a meaning in this compliment," said she, "that I cannot have a moment's doubt as to Mr. Elton's intentions. You are his object - and you will soon receive the completest proof of it. I thought it must be so. I thought I could not be so deceived; but now, it is clear; the state of his mind is as clear and decided, as my wishes on the subject have been ever since I knew you. Yes, Harriet, just so long have I been wanting the very circumstance to happen what has happened. I could never tell whether an attachment between you and Mr. Elton were most desirable or most natural. Its probability and its eligibility have really so equalled each other! I am very happy. I congratulate you, my dear Harriet, with all my heart. This is an attachment which a woman may well feel pride in creating. This is a connection which offers nothing but good. It will give you every thing that you want - consideration, independence, a proper home - it will fix you in the centre of all your real friends, close to Hartfield and to me, and confirm our intimacy for ever. This, Harriet, is an alliance which can never raise a blush in either of us."

"Dear Miss Woodhouse" - and "Dear Miss Woodhouse," was all that Harriet, with many tender embraces could articulate at first; but when they did arrive at something more like conversation, it was sufficiently clear to her friend that she saw, felt, anticipated, and remembered just as she ought. Mr. Elton's superiority had very ample acknowledgment.

"Whatever you say is always right," cried Harriet, "and therefore I suppose, and believe, and hope it must be so; but otherwise I could not have imagined it. It is so much beyond any thing I deserve. Mr. Elton, who might marry any body! There cannot be two opinions about him. He is so very superior. Only think of those sweet verses - 'To Miss -----.' Dear me, how clever! - Could it really be meant for me?"

"I cannot make a question, or listen to a question about that. It is a certainty. Receive it on my judgment. It is a sort of prologue to the play, a motto to the chapter; and will be soon followed by matter-of-fact prose."

"It is a sort of thing which nobody could have expected. I am sure, a month ago, I had no more idea myself! - The strangest things do take place!"

"When Miss Smiths and Mr. Eltons get acquainted - they do indeed - and really it is strange; it is out of the common course that what is so evidently, so palpably desirable - what courts the pre-arrangement of other people, should so immediately shape itself into the proper form. You and Mr. Elton are by situation called together; you belong to one another by every circumstance of your respective homes. Your marrying will be equal to the match at Randalls. There does seem to be a something in the air of Hartfield which gives love exactly the right direction, and sends it into the very channel where it ought to flow.

The course of true love never did run smooth -

A Hartfield edition of Shakespeare would have a long note on that passage."

"That Mr. Elton should really be in love with me, - me, of all people, who did not know him, to speak to him, at Michaelmas! And he, the very handsomest man that ever was, and a man that every body looks up to, quite like Mr. Knightley! His company so sought after, that every body says he need not eat a single meal by himself if he does not chuse it; that he has more invitations than there are days in the week. And so excellent in the Church! Miss Nash has put down all the texts he has ever preached from since he came to Highbury. Dear me! When I look back to the first time I saw him! How little did I think! - The two Abbots and I ran into the front room and peeped through the blind when we heard he was going by, and Miss Nash came and scolded us away, and staid to look through herself; however, she called me back presently, and let me look too, which was very good-natured. And how beautiful we thought he looked! He was arm-in-arm with Mr. Cole."

"This is an alliance which, whoever - whatever your friends may be, must be agreeable to them, provided at least they have common sense; and we are not to be addressing our conduct to fools. If they are anxious to see you happily married, here is a man whose amiable character gives every assurance of it; - if they wish to have you settled in the same country and circle which they have chosen to place you in, here it will be accomplished; and if their only object is that you should, in the common phrase, be well married, here is the comfortable fortune, the respectable establishment, the rise in the world which must satisfy them."

"Yes, very true. How nicely you talk; I love to hear you. You understand every thing. You and Mr. Elton are one as clever as the other. This charade! - If I had studied a twelvemonth, I could never have made any thing like it."

"I thought he meant to try his skill, by his manner of declining it yesterday."

"I do think it is, without exception, the best charade I ever read."

"I never read one more to the purpose, certainly."

"It is as long again as almost all we have had before."

"I do not consider its length as particularly in its favour. Such things in general cannot be too short."

Harriet was too intent on the lines to hear. The most satisfactory comparisons were rising in her mind.

"It is one thing," said she, presently - her cheeks in a glow - "to have very good sense in a common way, like every body else, and if there is any thing to say, to sit down and write a letter, and say just what you must, in a short way; and another, to write verses and charades like this."

Emma could not have desired a more spirited rejection of Mr. Martin's prose.

"Such sweet lines!" continued Harriet - "these two last! - But how shall I ever be able to return the paper, or say I have found it out? - Oh! Miss Woodhouse, what can we do about that?"

"Leave it to me. You do nothing. He will be here this evening, I dare say, and then I will give it him back, and some nonsense or other will pass between us, and you shall not be committed. - Your soft eyes shall chuse their own time for beaming. Trust to me."

"Oh! Miss Woodhouse, what a pity that I must not write this beautiful charade into my book! I am sure I have not got one half so good."

"Leave out the two last lines, and there is no reason why you should not write it into your book."

"Oh! but those two lines are" -

" - The best of all. Granted; - for private enjoyment; and for private enjoyment keep them. They are not at all the less written you know, because you divide them. The couplet does not cease to be, nor does its meaning change. But take it away, and all appropriation ceases, and a very pretty gallant charade remains, fit for any collection. Depend upon it, he would not like to have his charade slighted, much better than his passion. A poet in love must be encouraged in both capacities, or neither. Give me the book, I will write it down, and then there can be no possible reflection on you."

Harriet submitted, though her mind could hardly separate the parts, so as to feel quite sure that her friend were not writing down a declaration of love. It seemed too precious an offering for any degree of publicity.

"I shall never let that book go out of my own hands," said she.

"Very well," replied Emma, "a most natural feeling; and the longer it lasts, the better I shall be pleased. But here is my father coming: you will not object to my reading the charade to him. It will be giving him so much pleasure! He loves any thing of the sort, and especially any thing that pays woman a compliment. He has the tenderest spirit of gallantry towards us all! - You must let me read it to him."

Harriet looked grave.

"My dear Harriet, you must not refine too much upon this charade. - You will betray your feelings improperly, if you are too conscious and too quick, and appear to affix more meaning, or even quite all the meaning which may be affixed to it. Do not be overpowered by such a little tribute of admiration. If he had been anxious for secrecy, he would not have left the paper while I was by; but he rather pushed it towards me than towards you. Do not let us be too solemn on the business. He has encouragement enough to proceed, without our sighing out our souls over this charade."

"Oh! no - I hope I shall not be ridiculous about it. Do as you please."

Mr. Woodhouse came in, and very soon led to the subject again, by the recurrence of his very frequent inquiry of "Well, my dears, how does your book go on? - Have you got any thing fresh?"

"Yes, papa, we have something to read you, something quite fresh. A piece of paper was found on the table this morning - (dropt, we suppose, by a fairy) - containing a very pretty charade, and we have just copied it in."

She read it to him, just as he liked to have any thing read, slowly and distinctly, and two or three times over, with explanations of every part as she proceeded - and he was very much pleased, and, as she had foreseen, especially struck with the complimentary conclusion.

"Aye, that's very just, indeed, that's very properly said. Very true. 'Woman, lovely woman.' It is such a pretty charade, my dear, that I can easily guess what fairy brought it. - Nobody could have written so prettily, but you, Emma."

Emma only nodded, and smiled. - After a little thinking, and a very tender sigh, he added,

"Ah! it is no difficulty to see who you take after! Your dear mother was so clever at all those things! If I had but her memory! But I can remember nothing; - not even that particular riddle which you have heard me mention; I can only recollect the first stanza; and there are several.

Kitty, a fair but frozen maid,
   Kindled a flame I yet deplore,
The hood-wink'd boy I called to aid,
Though of his near approach afraid,
    So fatal to my suit before.

And that is all that I can recollect of it - but it is very clever all the way through. But I think, my dear, you said you had got it."

"Yes, papa, it is written out in our second page. We copied it from the Elegant Extracts. It was Garrick's, you know."

"Aye, very true. - I wish I could recollect more of it.

Kitty, a fair but frozen maid.

The name makes me think of poor Isabella; for she was very near being christened Catherine after her grandmama. I hope we shall have her here next week. Have you thought, my dear, where you shall put her - and what room there will be for the children?"

"Oh! yes - she will have her own room, of course; the room she always has; - and there is the nursery for the children, - just as usual, you know. - Why should there be any change?"

"I do not know, my dear - but it is so long since she was here! - not since last Easter, and then only for a few days. - Mr. John Knightley's being a lawyer is very inconvenient. - Poor Isabella! - she is sadly taken away from us all! - and how sorry she will be when she comes, not to see Miss Taylor here!"

"She will not be surprized, papa, at least."

"I do not know, my dear. I am sure I was very much surprized when I first heard she was going to be married."

"We must ask Mr. and Mrs. Weston to dine with us, while Isabella is here."

"Yes, my dear, if there is time. - But - (in a very depressed tone) - she is coming for only one week. There will not be time for any thing."

"It is unfortunate that they cannot stay longer - but it seems a case of necessity. Mr. John Knightley must be in town again on the 28th, and we ought to be thankful, papa, that we are to have the whole of the time they can give to the country, that two or three days are not to be taken out for the Abbey. Mr. Knightley promises to give up his claim this Christmas - though you know it is longer since they were with him, than with us."

"It would be very hard, indeed, my dear, if poor Isabella were to be anywhere but at Hartfield."

Mr. Woodhouse could never allow for Mr. Knightley's claims on his brother, or any body's claims on Isabella, except his own. He sat musing a little while, and then said,

"But I do not see why poor Isabella should be obliged to go back so soon, though he does. I think, Emma, I shall try and persuade her to stay longer with us. She and the children might stay very well."

"Ah! papa - that is what you never have been able to accomplish, and I do not think you ever will. Isabella cannot bear to stay behind her husband."

This was too true for contradiction. Unwelcome as it was, Mr. Woodhouse could only give a submissive sigh; and as Emma saw his spirits affected by the idea of his daughter's attachment to her husband, she immediately led to such a branch of the subject as must raise them.

"Harriet must give us as much of her company as she can while my brother and sister are here. I am sure she will be pleased with the children. We are very proud of the children, are not we, papa? I wonder which she will think the handsomest, Henry or John?"

"Aye, I wonder which she will. Poor little dears, how glad they will be to come. They are very fond of being at Hartfield, Harriet."

"I dare say they are, sir. I am sure I do not know who is not."

"Henry is a fine boy, but John is very like his mamma. Henry is the eldest, he was named after me, not after his father. John, the second, is named after his father. Some people are surprized, I believe, that the eldest was not, but Isabella would have him called Henry, which I thought very pretty of her. And he is a very clever boy, indeed. They are all remarkably clever; and they have so many pretty ways. They will come and stand by my chair, and say, 'Grandpapa, can you give me a bit of string?' and once Henry asked me for a knife, but I told him knives were only made for grandpapas. I think their father is too rough with them very often."

"He appears rough to you," said Emma, "because you are so very gentle yourself; but if you could compare him with other papas, you would not think him rough. He wishes his boys to be active and hardy; and if they misbehave, can give them a sharp word now and then; but he is an affectionate father - certainly Mr. John Knightley is an affectionate father. The children are all fond of him."

"And then their uncle comes in, and tosses them up to the ceiling in a very frightful way!"

"But they like it, papa; there is nothing they like so much. It is such enjoyment to them, that if their uncle did not lay down the rule of their taking turns, which ever began would never give way to the other."

"Well, I cannot understand it."

"That is the case with us all, papa. One half of the world cannot understand the pleasures of the other."

Later in the morning, and just as the girls were going to separate in preparation for the regular four o'clock dinner, the hero of this inimitable charade walked in again. Harriet turned away; but Emma could receive him with the usual smile, and her quick eye soon discerned in his the consciousness of having made a push - of having thrown a die; and she imagined he was come to see how it might turn up. His ostensible reason, however, was to ask whether Mr. Woodhouse's party could be made up in the evening without him, or whether he should be in the smallest degree necessary at Hartfield. If he were, every thing else must give way; but otherwise his friend Cole had been saying so much about his dining with him - had made such a point of it, that he had promised him conditionally to come.

Emma thanked him, but could not allow of his disappointing his friend on their account; her father was sure of his rubber. He re-urged - she re-declined; and he seemed then about to make his bow, when taking the paper from the table, she returned it -

"Oh! here's the charade you were so obliging as to leave with us; thank you for the sight of it. We admired it so much, that I have ventured to write it into Miss Smith's collection. Your friend will not take it amiss I hope. Of course I have not transcribed beyond the first eight lines."

Mr. Elton certainly did not very well know what to say. He looked rather doubtingly - rather confused; said something about "honour," - glanced at Emma and at Harriet, and then seeing the book open on the table, took it up, and examined it very attentively. With the view of passing off an awkward moment, Emma smilingly said,

"You must make my apologies to your friend; but so good a charade must not be confined to one or two. He may be sure of every woman's approbation while he writes with such gallantry."

"I have no hesitation in saying," replied Mr. Elton, though hesitating a good deal while he spoke; "I have no hesitation in saying - at least if my friend feels at all as I do - I have not the smallest doubt that, could he see his little effusion honoured as I see it, (looking at the book again, and replacing it on the table,) he would consider it as the proudest moment of his life."

After this speech he was gone as soon as possible. Emma could not think it too soon; for with all his good and agreeable qualities, there was a sort of parade in his speeches which was very apt to incline her to laugh. She ran away to indulge the inclination, leaving the tender and the sublime of pleasure to Harriet's share.

Emma


Volume I - capitolo 9 (9)


Mr. Knightley poteva anche litigare con lei, ma Emma non poteva certo litigare con se stessa. Lui era talmente scontento, che ci volle più tempo del solito prima che tornasse a Hartfield; e quando si incontrarono, il suo sguardo grave rivelò che lei non era stata perdonata. Le dispiaceva, ma non poteva certo pentirsi. Al contrario, i suoi piani e il suo modo di agire le apparvero sempre più giustificati e lusinghieri, alla luce di quanto successe nei giorni seguenti.

Il quadro, elegantemente incorniciato, tornò sano e salvo nelle sue mani subito dopo il ritorno di Mr. Elton, e non appena fu appeso sul caminetto del soggiorno lui si alzò per osservarlo, pronunciando, con un sospiro, le sue mezze frasi di ammirazione, proprio come dovuto; e quanto ai sentimenti di Harriet, si stavano evidentemente modellando in un affetto forte e costante, almeno per quanto consentito dalla sua età e dalla natura della sua mente. Emma si sentì presto totalmente appagata dal fatto che Mr. Martin non fosse più ricordato se non per paragonarlo a Mr. Elton, a tutto vantaggio di quest'ultimo.

L'idea di migliorare la sua piccola amica con una profusione di letture e di conversazioni utili, non era mai andata al di là di qualche capitolo introduttivo, e dell'intenzione di proseguire l'indomani. Era molto più facile chiacchierare che studiare; più piacevole lasciar correre e lavorare la propria immaginazione a beneficio di Harriet, che sforzarsi di allargare le sue capacità di comprensione o farle esercitare più sobriamente su fatti concreti; e al momento la sola occupazione letteraria di Harriet, la sola scorta mentale che stava mettendo da parte per la sera della vita, era raccogliere e trascrivere tutti gli indovinelli, di qualsiasi genere, che le capitavano a tiro, in un sottile in-quarto di carta patinata, messo insieme dalla sua amica e ornato da cifre e cartigli.

In questa età letteraria, collezioni del genere su grande scala non sono fuori del comune. Miss Nash, direttrice della scuola di Mrs. Goddard, ne aveva trascritti almeno trecento; e Harriet, che aveva preso l'idea da lei, sperava, con l'aiuto di Miss Woodhouse, di procurarsene molti di più. Emma l'aiutava con l'inventiva, la memoria e il buongusto; e dato che Harriet aveva una bellissima calligrafia, la raccolta sarebbe stata probabilmente di prim'ordine, sia nella forma che nella quantità.

Mr. Woodhouse se ne interessava quasi quanto le ragazze, e cercava molto spesso di ricordare qualcosa degno di farne parte. "C'erano talmente tanti indovinelli intelligenti quando lui era giovane... si stupiva di non riuscire a ricordarli! ma sperava che col tempo ce l'avrebbe fatta." E il tutto finiva sempre con "Kitty, bella ma gelida fanciulla". (1)

Anche il suo buon amico Perry, al quale ne aveva parlato, al momento non ricordava nessun indovinello; ma aveva chiesto a Perry di stare all'erta, e dato che andava molto in giro, riteneva che da quella fonte potesse scaturire qualcosa.

La figlia non desiderava affatto che tutti gli intelletti di Highbury fossero chiamati a raccolta. Mr. Elton fu l'unico a cui chiese aiuto. Lo invitò a contribuire con qualsiasi enigma, sciarada o rebus davvero buoni che gli venisse in mente; ed ebbe il piacere di vederlo alle prese con la propria memoria con molto fervore, e allo stesso tempo, per quanto potesse percepire, impegnato con molta diligenza a non farsi uscire dalla labbra nulla che non fosse galante, nulla che non facesse trapelare un complimento per il bel sesso. A lui furono debitrici di due o tre rompicapo estremamente garbati; e la gioia e l'esultanza con cui alla fine ricordò, e recitò con un tono piuttosto sentimentale, la ben nota sciarada,

    Il mio primo denota il tormento,
       Che il secondo è destinato a patire;
    E l'intero è il miglior lenimento
       Che il tormento può alleviare e guarire. (2)

le rese davvero spiacevole confessare che l'avevano già trascritta qualche pagina prima.

"Perché non ne scrivete voi stesso una per noi, Mr. Elton?", disse; "solo così ci sarebbe la certezza che sia originale; e non può esserci nulla di più facile per voi."

"Oh, no! non aveva mai scritto, davvero mai, nulla del genere in vita sua. Che sciocco! Temeva che nemmeno Miss Woodhouse..." - si bloccò per un istante - "o Miss Smith avrebbero potuto ispirarlo."

Ma il giorno immediatamente successivo produsse un qualche segno di ispirazione. Fece una visita brevissima, solo per lasciare sul tavolo un pezzo di carta contenente, come disse, una sciarada che un amico aveva dedicato a una signorina oggetto della sua ammirazione, ma che Emma capì subito, da come si comportava, che doveva essere di suo pugno.

"Non la offro per la raccolta di Miss Smith", disse. "Dato che è di un mio amico, non ho il diritto di farla diventare di dominio pubblico, ma forse non vi dispiacerà darle un'occhiata."

Il discorso era rivolto più a Emma che a Harriet, cosa che Emma comprese benissimo. Era molto imbarazzato, e per lui era più facile affrontare il suo sguardo piuttosto che quello della sua amica. Un istante dopo se n'era andato; dopo un altro istante di pausa,

"Prendetelo", disse Emma, sorridendo, e spingendo il foglio verso Harriet, "è per voi. Prendete ciò che è vostro."

Ma Harriet tremava tutta, e non riuscì a toccarlo; ed Emma, mai riluttante a essere la prima, fu costretta a esaminarlo lei stessa.

A Miss ----

SCIARADA

Il mio primo mostra ricchezza e sfarzo dei regnanti,
   Signori della terra! i lussi e gli agi a loro riservati.
Un altro tipo d'uomo, col secondo avete davanti,
   Ecco, dal monarca dei mari vi ha portati!

Ma, ah! uniti, che rovescio abbiamo!
   Il vantato potere e la liberta dell'uomo, tutto è vano;
Da signori della terra e dei mari schiavi diventiamo,
   Ed è la donna, l'incantevole donna, il solo sovrano.

   Il tuo pronto acume la parola saprà subito trovare,
   E possa il consenso in quei teneri occhi brillare! (3)

Vi posò lo sguardo, meditò, afferrò il significato, la rilesse con attenzione per essere del tutto certa, del tutto padrona dei versi, e poi la passò a Harriet, si sedette con un sorriso felice, e si disse, mentre Harriet si scervellava sul foglio in tutta la confusione di una mente speranzosa e ottusa, "Molto bravo, Mr. Elton, davvero molto bravo. Ho letto sciarade peggiori. Courtship... un'ottima allusione. Ve ne rendo merito. Questo è saper tastare il terreno. È come dire in modo molto schietto, «Vi prego, Miss Smith, permettetemi di farvi la corte. Dite di sì alla mia sciarada e alle mie intenzioni con un solo sguardo.»"

E possa il consenso in quei teneri occhi brillare!

"È proprio Harriet. Teneri, è la parola giusta per i suoi occhi; fra tutti gli aggettivi, il più azzeccato che si potesse trovare."

Il tuo pronto acume la parola saprà subito trovare.

"Mmh... il pronto acume di Harriet! Tanto meglio. Un uomo dev'essere davvero molto innamorato per descriverla così. Ah! Mr. Knightley, quanto vorrei farvela vedere; credo che vi convincerebbe. Per una volta nella vita sareste costretto ad ammettere di avere sbagliato. Davvero un'eccellente sciarada! e adattissima allo scopo. Ormai le cose dovrebbero essere vicine al momento culminante."

Fu costretta a interrompere queste piacevoli riflessioni, che altrimenti sarebbero andate per le lunghe, dall'insistenza delle disorientate domande di Harriet.

"Che cosa può essere, Miss Woodhouse? che cosa può essere? non ne ho idea. Non riesco proprio a indovinare. Che cosa mai può essere? Cercate di risolverla, Miss Woodhouse. Aiutatemi. Non ho mai visto nulla di così difficile. È regno? Mi chiedo chi sia l'amico... e chi possa essere la signorina! Credete che sia una bella sciarada? Può essere donna?

È la donna, l'incantevole donna, il solo sovrano.

Può essere Nettuno?

Ecco, dal monarca dei mari vi ha portati!

O un tridente? o una sirena? o uno squalo? Oh, no squalo è troppo corta. Dev'essere più difficile, o non l'avrebbe portata. Oh! Miss Woodhouse, credete che riusciremo mai a risolverla?"

"Sirene e squali! Sciocchezze! Mia cara Harriet, ma che vi viene in mente? Quale sarebbe l'utilità di portarci una sciarada fatta da un amico su una sirena o uno squalo? Datemi il foglio e statemi a sentire.

Per Miss----, leggete Miss Smith.

    Il mio primo mostra ricchezza e sfarzo dei regnanti,
       Signori della terra! i lussi e gli agi a loro riservati.

Questo è court.

    Un altro tipo d'uomo, col secondo avete davanti,
       Ecco, dal monarca dei mari vi ha portati!

Questo è ship; più chiaro di così. E adesso la ciliegina sulla torta.

  Ma, ah! uniti, (courtship, ovvio) che rovescio abbiamo!
     Il vantato potere e la liberta dell'uomo, tutto è vano.
  Da signori della terra e dei mari schiavi diventiamo,
     Ed è la donna, l'incantevole donna, il solo sovrano.

Un complimento molto appropriato! E poi segue il corollario, che credo, mia cara Harriet, non troverete molta difficoltà a capire. Leggetelo da sola con calma. Non c'è alcun dubbio che sia stata scritta per voi e a voi."

Harriet non poteva resistere a lungo a un tentativo di persuasione così delizioso. Lesse le righe conclusive, e fu tutta tremori e felicità. Non riusciva a parlare. Ma non le si chiedeva di parlare. Ciò che provava era sufficiente. Era Emma a parlare per lei.

"C'è un significato così preciso, così particolare, in questo complimento", disse, "che non posso nutrire alcun dubbio sulle intenzioni di Mr. Elton. Siete voi il suo obiettivo... e presto ne avrete la più evidente delle prove. Ritenevo che dovesse essere così. Ritenevo di non potermi ingannare a tal punto; ma ora, è chiaro, il suo stato d'animo è chiaro e risoluto quanto lo sono stati i miei desideri fin da quando vi ho conosciuta. Sì, Harriet, è da tutto questo tempo che volevo avvenisse ciò che è avvenuto. Non sono mai riuscita a decidere se un legame tra voi e Mr. Elton fosse più desiderabile o più naturale. Era probabile e opportuno in misura talmente simile! Sono felicissima. Mi congratulo con voi, mia cara Harriet, con tutto il cuore. È un affetto che una donna può ben essere fiera di aver suscitato. È un legame che può promettere solo bene. Vi darà tutto quello di cui avete bisogno: rispetto, indipendenza, una casa appropriata; vi porrà al centro di tutti i vostri amici veri, vicina a Hartfield e a me, e confermerà per sempre la nostra intimità. Questa. Harriet, è un'unione che non potrà mai creare imbarazzo a nessuna di noi due."

"Cara Miss Woodhouse", e "Cara Miss Woodhouse", fu tutto quello che Harriet, tra teneri abbracci, riuscì ad articolare in un primo momento; ma quando giunsero a qualcosa di più simile a una conversazione, all'amica fu sufficientemente chiaro come lei vedesse, percepisse, prevedesse e ricordasse proprio come avrebbe dovuto fare. La superiorità di Mr. Elton ebbe ampio riconoscimento.

"Qualunque cosa diciate è sempre giusta", esclamò Harriet, "e quindi suppongo, credo e spero che sia così; ma altrimenti non me lo sarei mai immaginato. È talmente al di là di quanto merito. Mr. Elton, che potrebbe sposare chi vuole! Non possono esserci opinioni contrastanti su di lui. È talmente superiore. Solo a pensare a quei versi così dolci, «A Miss ----». Povera me, che intelligenza! Possono davvero riferirsi a me?"

"Su questo non posso ammettere dubbi, o dare ascolto a dubbi. È una certezza. Fidatevi del mio giudizio. È una sorta di prologo teatrale, un'epigrafe a un capitolo; e sarà presto seguita da una prosa concreta."

"È una di quelle cose che nessuno si sarebbe mai aspettato. Di certo, un mese fa io stessa non ne avevo la più pallida idea! Succedono le cose più strane!"

"Quando le signorine Smith e i signori Elton si conoscono... succedono davvero... e in verità è proprio strano; è fuori dal comune che qualcosa così evidentemente, così palpabilmente desiderabile, che suscita le aspettative degli altri, si modelli così immediatamente nella forma più appropriata. Voi e Mr. Elton siete destinati dalla situazione a riunirvi; appartenete l'una all'altro per ogni circostanza delle vostre rispettive vite. Le vostre nozze saranno pari a quelle di Randalls. Ci dev'essere qualcosa nell'aria di Hartfield che indica all'amore la giusta direzione, e lo conduce nell'alveo giusto in cui scorrere.

Il flusso del vero amore non scorre mai liscio. (4)

Un'edizione Hartfield di Shakespeare avrebbe bisogno di una lunga nota a questo passo."

"Che Mr. Elton si dovesse innamorare di me... fra tutte proprio di me, che non lo conoscevo abbastanza da rivolgergli la parola, a San Michele! (5) Lui, l'uomo più bello che sia mai esistito, un uomo che tutti guardano con ammirazione, proprio come Mr. Knightley! Lui, talmente ricercato che, lo dicono tutti, non ha bisogno di fare un solo pasto da solo, se non ne ha voglia; che riceve più inviti di quanti giorni ci sono in una settimana. E così eccellente in chiesa! Miss Nash ha annotato tutti i testi dei suoi sermoni fin da quando è arrivato a Highbury. Povera me! Quando ripenso alla prima volta che l'ho visto! Non ci pensavo davvero! Le due Abbot e io corremmo in soggiorno e spiammo da dietro le persiane quando sentimmo che stava passando, e Miss Nash venne a rimproverarci e a mandarci via, e si mise lei a guardare; però, poi mi richiamò subito, e lasciò guardare anche me, il che fu molto gentile. E come lo ritenevamo bello! Era a braccetto con Mr. Cole."

"Questa è un'unione che i vostri parenti, chiunque siano... quali che siano, riterranno sicuramente adeguata, almeno se hanno un po' di buonsenso; e noi non dobbiamo certo regolare la nostra condotta sugli sciocchi. Se sono ansiosi di vedervi felicemente sposata, ecco l'uomo il cui carattere amabile fornisce loro ogni assicurazione in proposito; se desiderano vedervi sistemata nella stessa contea e nella stessa cerchia in cui hanno deciso di collocarvi, ecco il desiderio realizzato; e se il loro unico obiettivo è quello che voi vi sposiate bene, come si suol dire, ecco il benessere, la posizione rispettabile, l'ascesa nel mondo che li soddisferà."

"Sì, verissimo. Come parlate bene; amo ascoltarvi. Voi capite tutto. Voi e Mr. Elton avete la stessa intelligenza. Questa sciarada! Se mi ci fossi messa per un anno intero non sarei mai riuscita a fare nulla di simile."

"L'avevo immaginato che intendesse mettere alla prova la sua abilità, dal modo in cui ieri si è tirato indietro."

"Credo che sia senza dubbio la migliore sciarada che abbia mai letto."

"Di certo non ne ho mai letta una più a proposito."

"Ed è più lunga di quasi tutte quelle che già avevamo."

"Non considero la lunghezza come un particolare a suo favore. Queste cose in generale non sono mai troppo corte."

Harriet era troppo intenta ai versi per sentirla. Le venne in mente il più soddisfacente dei paragoni.

"Una cosa", disse subito dopo, con le guance in fiamme, "è avere molto buonsenso comune, come quello di tutti, e se c'è qualcosa da dire, mettersi seduti a scrivere una lettera e dire in breve quello che si deve, e un'altra scrivere versi e sciarade come questa."

Emma non avrebbe potuto desiderare una più fervida ricusazione della prosa di Mr. Martin.

"Che dolcezza di versi!" proseguì Harriet, "e gli ultimi due! Ma come potrò mai restituire il foglio, o dire che ho indovinato? Oh! Miss Woodhouse, come possiamo fare?"

"Ci penso io. Voi non fate nulla. Credo proprio che stasera sarà qui, e allora glielo restituirò io, ci scambieremo qualche sciocchezza al riguardo, e voi non sarete coinvolta. I vostri dolci occhi sceglieranno loro il momento di brillare. Fidatevi di me."

"Oh! Miss Woodhouse, che peccato non poter trascrivere questa bellissima sciarada nel mio album! Sono sicura di non averne nessuna bella nemmeno la metà di questa."

"Escludete gli ultimi due versi, e non ci sarà nessun motivo per non trascriverla nel vostro album."

"Oh! ma questi due versi sono..."

"I più belli di tutti. Ve lo concedo... per goderseli in privato; e teneteli per goderveli in privato. Non risulteranno certo mai scritti, se li separate dagli altri. Il couplet non cessa di esistere, né cambia il suo significato. Ma metteteli via e cessa tutta l'allusione, e resta una sciarada molto galante, adatta per qualsiasi raccolta. Credetemi, non gli farebbe piacere veder trascurata la sua sciarada, tanto quanto la sua passione. Un poeta innamorato dev'essere incoraggiato in entrambe le doti, o in nessuna delle due. Datemi l'album, la trascriverò io, così non ci sarà nessuna possibilità di conseguenze per voi."

Harriet cedette, anche se la sua mente non riusciva a separare le due parti, tanto da non sentirsi affatto certa che l'amica non stesse trascrivendo un dichiarazione d'amore. Sembrava troppo preziosa per fornirle una qualsiasi forma di pubblicità.

"Non mi separerò mai più da questo album", disse.

"Benissimo", replicò Emma, "un sentimento molto naturale; e più a lungo durerà, più mi farà piacere. Ma sta arrivando mio padre; non avrete obiezioni se gli leggo la sciarada. Gli farà talmente piacere! Ama questo genere di cose, e specialmente quelle in cui ci sono omaggi a una donna. Ha il più dolce spirito di galanteria nei confronti di tutte noi! Dovete consentirmi di leggergliela."

Harriet assentì gravemente.

"Mia cara Harriet, non dovete rimuginare troppo su questa sciarada. Tradireste i vostri sentimenti in modo inappropriato, mostrandovi troppo consapevole o troppo pronta ad attribuirle più significato, o magari tutto il significato che le si può attribuire. Non dovete sentirvi sopraffatta da un così piccolo tributo di ammirazione. Se lui fosse stato ansioso di tenerla segreta, non avrebbe lasciato il foglio mentre c'ero io lì vicino; invece l'ha spinto più verso di me che verso di voi. Non dobbiamo prendere troppo sul serio la faccenda. Ha un incoraggiamento sufficiente per procedere oltre, senza che noi ci si dedichi anima e corpo a sospirare su questa sciarada."

"Oh! no; spero di non rendermi ridicola. Fate come credete meglio."

Entrò Mr. Woodhouse, e subito riaprì l'argomento, ripetendo la domanda che faceva molto spesso: "Be', mie care, come procede il vostro album? Avete avuto nulla di nuovo?"

"Sì, papà. abbiamo qualcosa da leggervi, qualcosa di assolutamente nuovo. Stamattina è stato trovato un foglio di carta sul tavolo (fatto cadere, supponiamo, da una fata) contenente una sciarada molto graziosa, e l'abbiamo appena copiata."

Gliela lesse, proprio come lui voleva che gli fosse letta qualsiasi cosa, lentamente e con chiarezza, ripetendo due o tre volte e spiegandone ogni parte man mano che procedeva; gli piacque moltissimo, e, come lei aveva previsto, rimase particolarmente colpito dall'omaggio conclusivo.

"E sì, è giustissimo, davvero, è detto proprio bene. Verissimo. «Donna, l'incantevole donna». È una sciarada così graziosa, mia cara, che posso facilmente indovinare chi fosse la fata che l'ha portata. Nessuno potrebbe averla scritta in modo così grazioso, se non tu, Emma."

Emma si limitò ad annuire e a sorridere. Dopo una breve riflessione, e un tenero sospiro, lui aggiunse,

"Ah! non è difficile capire di chi hai preso! La tua cara madre aveva un tale ingegno per tutte queste cose! Se solo avessi la sua memoria! Ma non riesco a ricordarmi nulla; nemmeno quell'indovinello che mi hai sentito spesso menzionare; riesco a ricordarmi solo la prima strofa, e ce ne sono diverse.

Kitty, bella ma gelida fanciulla,
   Accese una fiamma che ancora deploro,
Il ragazzo col cappuccio chiamai in aiuto,
Anche se averlo vicino temevo,
    Fosse fatale al mio vestito. (6)

E questo è tutto ciò che riesco a ricordarmi, ma è un indovinello molto ingegnoso dall'inizio alla fine. Ma credo, mia cara, di averti sentito dire che ce l'hai già."

"Sì, papà, è trascritto nella seconda pagina. L'abbiamo copiato dagli Estratti eleganti. Come sai, è di Garrick." (7)

"Sì, è vero. Vorrei ricordarne di più.

Kitty, bella ma gelida fanciulla.

Il nome mi fa pensare alla povera Isabella, perché stava per essere chiamata Catherine, dal nome della nonna. Spero che la settimana prossima sia qui. Hai pensato, mia cara, a dove metterla, e quale stanza destinare ai bambini?"

"Oh! sì; avrà la sua stanza, ovviamente; la stanza che è sempre stata sua; e i bambini avranno la loro solita stanza, lo sapete. Perché dovremmo cambiare?"

"Non lo so, mia cara, ma è da così tanto che non vengono! dalla scorsa Pasqua, e anche allora solo per pochi giorni. Il fatto che Mr. John Knightley sia un avvocato è molto seccante. Povera Isabella! è triste averla così lontana da tutti noi! e, una volta arrivata, quanto le dispiacerà non vedere qui Miss Taylor!"

"Almeno non sarà una sorpresa, papà."

"Non lo so, mia cara. Sicuramente io sono rimasto molto sorpreso quando ho saputo per la prima volta che si sarebbe sposata."

"Dobbiamo chiedere a Mr. e Mrs. Weston di venire a pranzo da noi, mentre Isabella è qui."

"Sì, mia cara, se ne avremo il tempo. Ma (con un tono di voce molto abbattuto) verrà solo per una settimana. Non ci sarà tempo per fare nulla."

"È una sfortuna che non possano restare di più, ma sembra proprio necessario. Mr. John Knightley dev'essere di nuovo in città il 28, e dobbiamo essere contenti, papà, del fatto che li avremo con noi per tutto il tempo che possono destinare alla campagna, che due o tre giorni non ci siano sottratti da Donwell Abbey. Mr. Knightley ha promesso di rinunciare ai suoi diritti per questo Natale, anche se sai bene che è passato più tempo da quando sono stati con lui che con noi."

"Sarebbe davvero difficile da sopportare, mia cara, se la povera Isabella dovesse stare altrove invece che a Hartfield."

Mr. Woodhouse non riusciva mai a tenere conto dei diritti di Mr. Knightley sul fratello, o dei diritti di chiunque su Isabella, salvo i propri. Rimase pensieroso per un po', e poi disse,

"Ma non vedo perché la povera Isabella debba essere costretta a tornare così presto, anche se lui deve farlo. Credo, Emma, che cercherò di convincerla a restare con noi più a lungo. Lei e i bambini possono benissimo restare."

"Ah! papà, ecco una cosa che non siete mai riuscito a fare, e non credo ci riuscirete mai. Isabella non sopporta di stare lontana dal marito."

Era troppo vero per contraddirla. Per quanto gli risultasse sgradito, Mr. Woodhouse poté solo sottomettersi con un sospiro; e dato che Emma lo vedeva turbato al pensiero dell'attaccamento della figlia al marito, si spostò immediatamente su un argomento che lo avrebbe certamente sollevato.

"Harriet deve concederci tutta la compagnia che gli sarà possibile, mentre mio cognato e mia sorella saranno qui. Sono sicura che i bambini le piaceranno. Siamo molto fieri dei bambini, non è vero, papà? Mi chiedo chi troverà più bello, Henry o John?"

"Sì, me lo chiedo anch'io. Poveri piccoli, come saranno contenti di venire. Amano molto stare a Hartfield, Harriet."

"Lo credo bene, signore. Non saprei proprio chi non lo amerebbe."

"Harry è un bel ragazzo, ma John somiglia molto alla mamma. Henry è il maggiore, porta il mio nome, non quello del padre. John, il secondo, porta il nome del padre. Alcuni si stupiscono, credo, che non sia stato dato al maggiore, ma Isabella l'ha voluto chiamare Henry, cosa che ho ritenuto molto gentile da parte sua. Ed è anche un ragazzo davvero intelligente. Sono tutti estremamente intelligenti, e hanno modi così gentili. Mi vengono vicini quando sono in poltrona e dicono, «Nonno, puoi darmi un pezzo di spago?» e una volta Henry mi ha chiesto un coltello, ma io gli ho detto che i coltelli erano fatti solo per i nonni. Credo che il padre sia molto spesso troppo rude con loro."

"Così vi sembra", disse Emma, "perché voi siete talmente garbato; ma se poteste paragonarlo ad altri papà, non lo riterreste rude. Vuole che i figli siano attivi e capaci, e se si comportano male può darsi che di tanto in tanto si rivolga a loro con qualche parola aspra; ma è un padre affettuoso, sicuramente Mr. John Knightley è un padre affettuoso. I figli gli vogliono tutti bene."

"E poi arriva lo zio, e li lancia fino al soffitto in un modo davvero spaventoso!"

"Ma a loro piace, papà; non c'è nulla che gli piaccia tanto. Per loro è un tale divertimento, che se lo zio non avesse stabilito la regola di fare a turno, il primo non lascerebbe mai il posto al secondo."

"Be', non riesco a capirlo."

"Per tutti noi è così, papà. Una metà del mondo non riesce a capire i piaceri dell'altra metà."

Più tardi, e proprio quando le ragazze si stavano separando in previsione del solito pranzo delle quattro, tornò l'eroe di quella inimitabile sciarada. Harriet si girò dall'altra parte, ma Emma lo accolse con il solito sorriso, e il suo sguardo acuto scoprì presto in lui la consapevolezza di aver fatto colpo, di aver gettato un dado; e immaginò che fosse venuto a vedere i risultati di quel lancio. Il motivo apparente, comunque, era di chiedere se il gruppo serale di Mr. Woodhouse avrebbe potuto fare a meno di lui, oppure se fosse, anche in minima parte, necessario a Hartfield. Se fosse stato così, avrebbe messo da parte qualsiasi altra cosa; ma altrimenti, il suo amico Mr. Cole aveva tanto insistito per farlo pranzare con lui, ne aveva fatto un tale punto d'onore, che lui aveva dato un assenso condizionato.

Emma lo ringraziò, ma non poteva permettergli di deludere il suo amico a favore loro; la partita a carte del padre era al sicuro. Lui re-insistette... lei ri-declinò; e quando poi lui sembrò vicino a fare il suo inchino, lei prese il foglio dal tavolo e glielo restituì.

"Oh! ecco la sciarada che siete stato così cortese da lasciarci; grazie per avercela fatta vedere. L'abbiamo talmente apprezzata, che mi sono azzardata a trascriverla nella raccolta di Miss Smith. Spero che il vostro amico non se ne abbia a male. Naturalmente ho trascritto solo i primi otto versi."

Di certo Mr. Elton non sapeva bene che cosa dire. Sembrava piuttosto dubbioso, piuttosto confuso; disse qualcosa circa "l'onore", diede un'occhiata e Emma e a Harriet, e poi, vedendo l'album aperto sul tavolo, lo prese e lo esaminò molto attentamente. Allo scopo di superare il momento di imbarazzo, Emma disse sorridendo,

"Dovete fare le mie scuse al vostro amico; ma una sciarada così bella non deve essere confinata solo a un paio di persone. Può essere certo dell'approvazione di ogni donna, finché scrive con tale galanteria."

"Non ho alcuna esitazione a dire", replicò Mr. Elton, sebbene esitasse un bel po' mentre parlava; "Non ho alcuna esitazione a dire... almeno se il mio amico prova quello che provo io... di non avere il minimo dubbio che, se potesse vedere la sua piccola effusione poetica onorata come la vedo io (guardando di nuovo l'album, e rimettendolo sul tavolo), lo considererebbe come il momento della sua vita di cui andare più fiero."

Dopo queste parole se ne andò il più in fretta possibile. Emma non pensò che lo avesse fatto troppo in fretta, poiché con tutte le buone e gradevoli qualità che aveva, c'era una sorta di pomposa ostentazione nei suoi discorsi che la rendeva molto incline a mettersi a ridere. Corse via per dar sfogo a quella inclinazione, lasciando a Harriet la tenerezza e la sublimità del piacere.



(1) Per questo verso, vedi più avanti la strofa completa e la nota 6.

(2) Il mio primo è wo (forma arcaica di woe: dolore), il secondo è man (uomo) e l'intero è woman (donna).

(3) Il mio primo è court (corte), il secondo è ship (nave) e l'intero è courtship (corteggiamento).

(4) William Shakespeare, Sogno di una notte di mezza estate, I, i,134. Nell'edizione del romanzo da lei curata, Anna Luisa Zazo inserisce qui una nota interessante: "Si osserverà la sottile ironia, o forse qui autoironia, di Jane Austen e la sua implicita riverenza a Shakespeare; il personaggio Emma contesta la situazione shakespeariana, ma il romanzo Emma, in ultima analisi, ne dimostra la verità." (Mondadori, 2002, pag. 492).

(5) San Michele cadeva il 29 settembre, ed era uno dei quattro giorni dell'anno, uno a trimestre, in cui si regolavano i conti e gli affitti. Qui probabilmente è usato nell'accezione di inizio autunno.

(6) Come afferma Mr. Woodhouse, questa è solo la prima strofa dell'indovinello, che ne conta quattro. Le altre tre sono le seguenti: "Alla fine, in conformità alle mie preghiere, / Arrivò il piccolo monello, / Trovò in fretta la strada giusta, / E presto sgombrò abilmente / Le amare vestigia della mia fiamma. // A Kitty, Fanny è adesso succeduta, / Accende il fuoco lentamente, ma lo fa durare; / Con cura sazia il mio appetito; / Ogni giorno qualche vittima volontaria sanguina, / Per soddisfare i miei strani desideri. // Dimmi un po', con quale titolo, o con quale nome, / Devo a questo giovane rivolgermi? / Cupido e lui non sono la stessa cosa, / Anche se entrambi possono ravvivare o spegnere una fiamma. / Ti darò un bacio, se riesci a indovinare." L'indovinello gioca con i diversi significati di alcune parole, attribuibili sia a una fiamma accesa dall'amore per una fanciulla, sia a una accesa più prosaicamente in un caminetto da una cameriera: al verso 1 "maid", ovvero "fanciulla" ma anche "cameriera"; al verso 2 "flame", che può essere la fiamma del camino ma anche la fiamma d'amore; al verso 3 il ragazzo "hood-wink'd", ovvero "incappucciato" come uno spazzacamino, ma anche bendato come Cupido, e al verso 4 "suit", che vuol dire "abito, vestito" ma anche "corteggiamento". La soluzione non è il Cupido citato nell'ultima strofa ma, naturalmente, lo spazzacamino.

(7) L'indovinello è in effetti attribuito a David Garrick (1717-1779), famoso attore, impresario, e autore di testi teatrali e poesie, ma non è negli Estratti eleganti (vedi la nota 1 al cap. 4), bensì nel New Foundling Hospital for Wit (vol. II, pag. 159), una raccolta di versi, giochi di parole ecc., pubblicata in sei volumi nel 1786, dove è appunto attribuito a Garrick.

     |     romanzi canonici     |     home page     |