Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume III - capitolo 3 (45)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice

Volume III - Chapter 3 (45)

Convinced as Elizabeth now was that Miss Bingley's dislike of her had originated in jealousy, she could not help feeling how unwelcome her appearance at Pemberley must be to her, and was curious to know with how much civility on that lady's side, the acquaintance would now be renewed.

On reaching the house, they were shewn through the hall into the saloon, whose northern aspect rendered it delightful for summer. Its windows opening to the ground, admitted a most refreshing view of the high woody hills behind the house, and of the beautiful oaks and Spanish chestnuts which were scattered over the intermediate lawn.

In this room they were received by Miss Darcy, who was sitting there with Mrs. Hurst and Miss Bingley, and the lady with whom she lived in London. Georgiana's reception of them was very civil, but attended with all the embarrassment which, though proceeding from shyness and the fear of doing wrong, would easily give to those who felt themselves inferior, the belief of her being proud and reserved. Mrs. Gardiner and her niece, however, did her justice, and pitied her.

By Mrs. Hurst and Miss Bingley they were noticed only by a curtsey; and on their being seated, a pause, awkward as such pauses must always be, succeeded for a few moments. It was first broken by Mrs. Annesley, a genteel, agreeable-looking woman, whose endeavour to introduce some kind of discourse, proved her to be more truly well bred than either of the others; and between her and Mrs. Gardiner, with occasional help from Elizabeth, the conversation was carried on. Miss Darcy looked as if she wished for courage enough to join in it; and sometimes did venture a short sentence, when there was least danger of its being heard.

Elizabeth soon saw that she was herself closely watched by Miss Bingley, and that she could not speak a word, especially to Miss Darcy, without calling her attention. This observation would not have prevented her from trying to talk to the latter, had they not been seated at an inconvenient distance; but she was not sorry to be spared the necessity of saying much. Her own thoughts were employing her. She expected every moment that some of the gentlemen would enter the room. She wished, she feared that the master of the house might be amongst them; and whether she wished or feared it most, she could scarcely determine. After sitting in this manner a quarter of an hour, without hearing Miss Bingley's voice, Elizabeth was roused by receiving from her a cold enquiry after the health of her family. She answered with equal indifference and brevity, and the others said no more.

The next variation which their visit afforded was produced by the entrance of servants with cold meat, cake, and a variety of all the finest fruits in season; but this did not take place till after many a significant look and smile from Mrs. Annesley to Miss Darcy had been given, to remind her of her post. There was now employment for the whole party; for though they could not all talk, they could all eat; and the beautiful pyramids of grapes, nectarines, and peaches, soon collected them round the table.

While thus engaged, Elizabeth had a fair opportunity of deciding whether she most feared or wished for the appearance of Mr. Darcy, by the feelings which prevailed on his entering the room; and then, though but a moment before she had believed her wishes to predominate, she began to regret that he came.

He had been some time with Mr. Gardiner, who, with two or three other gentlemen from the house, was engaged by the river, and had left him only on learning that the ladies of the family intended a visit to Georgiana that morning. No sooner did he appear, than Elizabeth wisely resolved to be perfectly easy and unembarrassed; - a resolution the more necessary to be made, but perhaps not the more easily kept, because she saw that the suspicions of the whole party were awakened against them, and that there was scarcely an eye which did not watch his behaviour when he first came into the room. In no countenance was attentive curiosity so strongly marked as in Miss Bingley's, in spite of the smiles which overspread her face whenever she spoke to one of its objects; for jealousy had not yet made her desperate, and her attentions to Mr. Darcy were by no means over. Miss Darcy, on her brother's entrance, exerted herself much more to talk; and Elizabeth saw that he was anxious for his sister and herself to get acquainted, and forwarded, as much as possible, every attempt at conversation on either side. Miss Bingley saw all this likewise; and, in the imprudence of anger, took the first opportunity of saying, with sneering civility,

"Pray, Miss Eliza, are not the ----shire militia removed from Meryton? They must be a great loss to your family."

In Darcy's presence she dared not mention Wickham's name; but Elizabeth instantly comprehended that he was uppermost in her thoughts; and the various recollections connected with him gave her a moment's distress; but, exerting herself vigorously to repel the ill-natured attack, she presently answered the question in a tolerably disengaged tone. While she spoke, an involuntary glance shewed her Darcy with a heightened complexion, earnestly looking at her, and his sister overcome with confusion, and unable to lift up her eyes. Had Miss Bingley known what pain she was then giving her beloved friend, she undoubtedly would have refrained from the hint; but she had merely intended to discompose Elizabeth, by bringing forward the idea of a man to whom she believed her partial, to make her betray a sensibility which might injure her in Darcy's opinion, and perhaps to remind the latter of all the follies and absurdities, by which some part of her family were connected with that corps. Not a syllable had ever reached her of Miss Darcy's meditated elopement. To no creature had it been revealed, where secresy was possible, except to Elizabeth; and from all Bingley's connections her brother was particularly anxious to conceal it, from that very wish which Elizabeth had long ago attributed to him, of their becoming hereafter her own. He had certainly formed such a plan, and without meaning that it should effect his endeavour to separate him from Miss Bennet, it is probable that it might add something to his lively concern for the welfare of his friend.

Elizabeth's collected behaviour, however, soon quieted his emotion; and as Miss Bingley, vexed and disappointed, dared not approach nearer to Wickham, Georgiana also recovered in time, though not enough to be able to speak any more. Her brother, whose eye she feared to meet, scarcely recollected her interest in the affair, and the very circumstance which had been designed to turn his thoughts from Elizabeth, seemed to have fixed them on her more, and more cheerfully.

Their visit did not continue long after the question and answer above mentioned; and while Mr. Darcy was attending them to their carriage, Miss Bingley was venting her feelings in criticisms on Elizabeth's person, behaviour, and dress. But Georgiana would not join her. Her brother's recommendation was enough to ensure her favour: his judgement could not err, and he had spoken in such terms of Elizabeth, as to leave Georgiana without the power of finding her otherwise than lovely and amiable. When Darcy returned to the saloon, Miss Bingley could not help repeating to him some part of what she had been saying to his sister.

"How very ill Eliza Bennet looks this morning, Mr. Darcy," she cried; "I never in my life saw any one so much altered as she is since the winter. She is grown so brown and coarse! Louisa and I were agreeing that we should not have known her again."

However little Mr. Darcy might have liked such an address, he contented himself with coolly replying, that he perceived no other alteration than her being rather tanned, - no miraculous consequence of travelling in the summer.

"For my own part," she rejoined, "I must confess that I never could see any beauty in her. Her face is too thin; her complexion has no brilliancy; and her features are not at all handsome. Her nose wants character; there is nothing marked in its lines. Her teeth are tolerable, but not out of the common way; and as for her eyes, which have sometimes been called so fine, I never could perceive any thing extraordinary in them. They have a sharp, shrewish look, which I do not like at all; and in her air altogether, there is a self-sufficiency without fashion, which is intolerable."

Persuaded as Miss Bingley was that Darcy admired Elizabeth, this was not the best method of recommending herself; but angry people are not always wise; and in seeing him at last look somewhat nettled, she had all the success she expected. He was resolutely silent however; and, from a determination of making him speak, she continued,

"I remember, when we first knew her in Hertfordshire, how amazed we all were to find that she was a reputed beauty; and I particularly recollect your saying one night, after they had been dining at Netherfield, 'She a beauty! - I should as soon call her mother a wit.' But afterwards she seemed to improve on you, and I believe you thought her rather pretty at one time."

"Yes," replied Darcy, who could contain himself no longer, "but that was only when I first saw her, for it is many months since I have considered her as one of the handsomest women of my acquaintance."

He then went away, and Miss Bingley was left to all the satisfaction of having forced him to say what gave no one any pain but herself.

Mrs. Gardiner and Elizabeth talked of all that had occurred, during their visit, as they returned, except what had particularly interested them both. The looks and behaviour of every body they had seen were discussed, except of the person who had mostly engaged their attention. They talked of his sister, his friends, his house, his fruit, of every thing but himself; yet Elizabeth was longing to know what Mrs. Gardiner thought of him, and Mrs. Gardiner would have been highly gratified by her niece's beginning the subject.

Orgoglio e pregiudizio

Volume III - capitolo 3 (45)

Convinta com'era Elizabeth che l'antipatia di Miss Bingley nei suoi confronti avesse origine dalla gelosia, non poté fare a meno di pensare a come la sua comparsa a Pemberley le dovesse risultare sgradita, ed era curiosa di vedere con quanta cortesia da parte di quella signora sarebbe stata rinnovata la loro conoscenza.

Arrivate alla casa, furono condotte, attraverso l'atrio, nel salone, che l'esposizione a nord rendeva incantevole d'estate. Le finestre si aprivano sul parco, con una vista molto rinfrescante sulle alte colline boscose dietro la casa, e sui bellissimi alberi di quercia e castagno sparsi nei prati.

In questa stanza furono accolte da Miss Darcy, che era in compagnia di Mrs. Hurst, di Miss Bingley e della dama di compagnia con la quale viveva a Londra. L'accoglienza di Georgiana fu molto cortese, ma accompagnata da tutto l'imbarazzo che, sebbene dovuto alla timidezza e alla paura di sbagliare, avrebbero dato a coloro che si sentivano inferiori l'impressione che fosse orgogliosa e distaccata. Mrs. Gardiner e la nipote, comunque, la capirono e la compatirono.

Da parte di Mrs. Hurst e di Miss Bingley furono degnate solo di una riverenza e, una volta accomodatesi, seguì per qualche istante una pausa, impacciata come sono sempre pause del genere. La ruppe per prima Mrs. Annesley, una donna garbata e dall'aspetto simpatico, i cui tentativi di avviare un qualche discorso dimostrarono come fosse in realtà più educata delle altre due, e lei e Mrs. Gardiner, con l'occasionale aiuto di Elizabeth, portarono avanti la conversazione. Miss Darcy sembrava desiderosa di avere il coraggio sufficiente per unirsi a loro, e talvolta azzardò qualche breve frase, quando c'era meno pericolo di essere sentita.

Elizabeth si accorse ben presto di essere attentamente controllata da Miss Bingley, e di non poter dire nemmeno una parola, specialmente a Miss Darcy, senza richiamare la sua attenzione. Questa consapevolezza non le avrebbe impedito di cercare di parlare con quest'ultima, se non fossero state sedute a una distanza scomoda; ma non le dispiacque di essere sollevata dalla necessità di dire molto. Era occupata dai propri pensieri. A ogni istante si aspettava che qualcuno dei signori entrasse nella stanza. Desiderava e temeva che il padrone di casa si unisse a loro, e non riusciva a decidere se fosse maggiore il desiderio o il timore. Dopo aver passato così un quarto d'ora, senza aver mai sentito la voce di Miss Bingley, Elizabeth fu riscossa da una fredda domanda da parte sua circa la salute della sua famiglia. Rispose con pari indifferenza e concisione, e l'altra non disse più nulla.

L'altro diversivo offerto alla loro visita fu prodotto dall'ingresso di alcuni domestici con carne fredda, dolci, e una varietà di tutti i migliori frutti di stagione, ma la cosa non si verificò se non dopo molte occhiate e sorrisi eloquenti da parte di Mrs. Annesley a Miss Darcy, per richiamarla ai suoi doveri. Ora c'era qualcosa da fare per tutta la compagnia, poiché, sebbene non tutte fossero capaci di chiacchierare, tutte erano capaci di mangiare, e le bellissime piramidi di uva, nettarine e pesche, le riunirono ben presto intorno alla tavola.

Mentre erano così impegnate, Elizabeth ebbe un'ottima opportunità per decidere se avesse più desiderio o più timore della comparsa di Mr. Darcy, offertale dalle sensazioni che prevalsero quando lui entrò nella stanza; e allora, anche se solo un istante prima aveva creduto che fosse predominante il desiderio, iniziò a rammaricarsi per la sua venuta.

Lui era stato per un po' con Mr. Gardiner, che, con due o tre altri signori della casa, era impegnato sul fiume, e l'aveva lasciato solo quando aveva appreso che le signore della sua famiglia avevano intenzione di far visita a Georgiana quella mattina. Non appena apparve, Elizabeth prese la saggia decisione di restare perfettamente calma e a proprio agio; una decisione molto opportuna da prendere, ma forse non altrettanto facile da mantenere, poiché si rendeva conto che i sospetti di tutti erano rivolti su di loro, e che non c'era uno sguardo che non fosse diretto a osservare il comportamento di lui quando entrò nella stanza. In nessuno la curiosità era così fortemente accentuata come in quello di Miss Bingley, nonostante i sorrisi che le si diffondevano in volto ogniqualvolta si rivolgeva a uno dei due interlocutori che le interessavano, poiché la gelosia non l'aveva ancora resa priva di speranza, e le sue attenzioni verso Mr. Darcy non erano affatto cessate. Miss Darcy, dopo l'arrivo del fratello, fece sforzi molto maggiori per parlare, ed Elizabeth capì che lui era molto ansioso che lei e la sorella entrassero in confidenza, e favoriva il più possibile ogni tentativo di conversazione tra loro due. Anche Miss Bingley lo capì, e, con l'imprudenza della collera, colse la prima occasione per dire, con beffarda cortesia,

"Di grazia, Miss Eliza, è vero che la milizia del ----shire ha lasciato Meryton? Dev'essere una grande perdita per la vostra famiglia."

In presenza di Darcy non osò pronunciare il nome di Wickham, ma Elizabeth comprese immediatamente che in cima ai suoi pensieri c'era lui, e i vari ricordi legati a quel nome gli procurarono un istante di angoscia; ma, sforzandosi con vigore di respingere quell'attacco maligno, ripose subito alla domanda con un tono di passabile indifferenza. Mentre parlava, un'occhiata involontaria le rivelò un Darcy con un colorito molto acceso, con lo sguardo ardente rivolto verso di lei, mentre la sorella era sopraffatta dall'imbarazzo e incapace di sollevare lo sguardo. Se Miss Bingley avesse saputo quale angoscia stesse provocando nel suo beneamato amico, si sarebbe senza dubbio trattenuta dal fare quell'allusione, ma la sua intenzione era solo quella di mettere in imbarazzo Elizabeth, parlando di un uomo del quale la credeva infatuata, per far trapelare in lei un sentimento che potesse farla scadere nella stima di Darcy, e forse ricordare a quest'ultimo tutte le sciocchezze e le assurdità che avevano legato parte della sua famiglia a quel reggimento. Non una sillaba le era giunta all'orecchio della premeditata fuga d'amore di Miss Darcy. A nessuno era stata rivelata, laddove era stato possibile mantenere il segreto, salvo a Elizabeth; e a tutta la parentela di Bingley il fratello era particolarmente ansioso di nasconderla, per quel desiderio, che Elizabeth da tempo gli aveva attribuito, di far diventare lei stessa loro parente. Che avesse formulato un piano del genere era certo, e senza aver avuto intenzione che la cosa influenzasse i suoi sforzi di separarlo da Miss Bennet, è probabile che avesse aggiunto qualcosa al suo vivo interessamento per il benessere dell'amico.

La compostezza di Elizabeth, tuttavia, acquietò presto la sua emozione, e dato che Miss Bingley, irritata e delusa, non osò alludere più da vicino a Wickham, anche Georgiana si riprese in breve tempo, anche se non abbastanza da essere in grado di dire altro. Il fratello, del quale temeva di incrociare lo sguardo, aveva quasi dimenticato il ruolo da lei avuto in quella storia, (1) e proprio ciò che era stato concepito per distogliere i suoi pensieri da Elizabeth, sembrò concentrarli su di lei ancora di più, e con maggiore trasporto.

La visita non si protrasse a lungo dopo la domanda e la risposta summenzionata, e mentre Mr. Darcy le accompagnava alla carrozza, Miss Bingley diede sfogo ai suoi sentimenti criticando l'aspetto, il comportamento e l'abbigliamento di Elizabeth. Ma Georgiana non si volle unire a lei. L'opinione del fratello era sufficiente ad assicurarle il suo favore, il suo giudizio non poteva essere sbagliato, e lui aveva parlato di Elizabeth in termini tali da non lasciare a Georgiana nessun'altra possibilità se non quella di considerarla incantevole e simpatica. Quando Darcy tornò nel salone, Miss Bingley non poté fare a meno di ripetere qualcosa di quello che aveva detto alla sorella.

"Che brutto aspetto aveva Eliza Bennet stamattina, Mr. Darcy", esclamò; "in vita mia non ho mai visto nessuno cambiare così tanto come lei dall'inverno passato. È diventata talmente scura e volgare! Louisa e io ci stavamo dicendo che non l'avremmo riconosciuta."

Per quanto poco un discorso del genere potesse fargli piacere, Mr. Darcy si accontentò di una fredda replica, dicendo di non aver notato altri cambiamenti se non il fatto che fosse piuttosto abbronzata, una conseguenza non straordinaria del viaggiare d'estate.

"Da parte mia", insistette lei, "devo confessare di non aver mai visto nessuna bellezza in lei. Il viso è troppo magro, la carnagione non ha brillantezza, e i lineamenti non sono affatto belli, Il naso manca di carattere, non c'è nulla che lo faccia risaltare. I denti sono passabili, ma nulla di particolare; e quanto agli occhi, che talvolta sono stati ritenuti così belli, non sono mai riuscita a notare nulla di straordinario in loro. Hanno un'espressione acuta e penetrante che non mi piace affatto; e nell'insieme ha un'aria di presunzione priva di stile che è intollerabile."

Persuasa com'era Miss Bingley che Darcy provasse ammirazione per Elizabeth, non era certo questo il metodo migliore di rendersi gradita; ma le persone in collera non sempre sono sagge, e tutto il successo che si era aspettata, alla fine fu di vederlo piuttosto infastidito. Lui comunque rimase risolutamente in silenzio, e, decisa a farlo parlare, lei continuò,

"Mi ricordo, quando l'abbiamo conosciuta per la prima volta nell'Hertfordshire, quanto ci siamo stupiti venendo a sapere che era considerata una bellezza; e rammento in modo particolare quello che avete detto una sera, dopo che erano stati a pranzo a Netherfield, «Lei una bellezza! Sarebbe come dire che la madre è un genio.» (2) Ma in seguito è sembrata migliorare ai vostri occhi, e credo che un tempo l'abbiate ritenuta piuttosto graziosa."

"Sì", replicò Darcy, che non riuscì a contenersi oltre, "ma questo è successo solo quando l'ho vista per la prima volta, poiché sono ormai molti mesi che la considero come una delle più belle donne di mia conoscenza."

Poi se ne andò, e Miss Bingley fu lasciata a tutta la soddisfazione di averlo costretto a dire qualcosa che non arrecava pena a nessuno se non a lei.

Al ritorno, Mrs. Gardiner ed Elizabeth parlarono di tutto quello che era successo durante la visita, salvo di ciò che interessava in modo particolare tutte e due. Fu discusso l'aspetto e il comportamento di tutti quelli che avevano incontrato, con l'eccezione della persona che più di tutte aveva attirato la loro attenzione. Parlarono di sua sorella, dei suoi amici, della sua casa, della sua frutta, di tutto tranne che di lui; eppure Elizabeth avrebbe tanto voluto sapere quello che Mrs. Gardiner pensava di lui, e Mrs. Gardiner sarebbe stata ben contenta se la nipote avesse dato il via a quell'argomento.

(1) Può sembrare strano che Darcy avesse dimenticato il ruolo attivo, anche se subalterno, avuto da Georgiana nella fuga d'amore con Wickham, visto che nella lettera inviata a Elizabeth dopo la dichiarazione di matrimonio respinta aveva scritto: "riuscì a rendersi talmente gradito a Georgiana, il cui animo affettuoso aveva mantenuto un forte ricordo della gentilezza che le aveva dimostrato quando era una bambina, che lei si lasciò convincere a credersi innamorata, e ad acconsentire a una fuga d'amore. Allora era appena quindicenne, il che può giustificarla;" (cap. 35). È probabile però che qui JA abbia voluto evidenziare come Darcy considerasse con benevolenza la lieve colpa della sorella rispetto alla condotta di Wickham, oppure, leggendo la frase come più riferita alla vicenda in sé che al ruolo di Georgiana, che Darcy in quel momento avesse la mente talmente piena di Elizabeth da fargli quasi dimenticare quella faccenda per lui così importante.

(2) Il pranzo a Netherfield a cui avevano partecipato i Bennet, e la frase pronunciata da Darcy in quell'occasione, non sono citati esplicitamente in precedenza. Nel cap. 6 c'è però, in un colloquio tra Charlotte Lucas ed Elizabeth riguardante Jane e Bingley, una frase di Charlotte: "da allora ha partecipato a quattro pranzi in cui c'era anche lui", che fa presumere si tratti di uno di questi quattro pranzi.

     |     romanzi canonici     |     home page     |