Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume II - capitolo 19 (42)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice


Volume II - Chapter 19 (42)


Had Elizabeth's opinion been all drawn from her own family, she could not have formed a very pleasing picture of conjugal felicity or domestic comfort. Her father captivated by youth and beauty, and that appearance of good humour, which youth and beauty generally give, had married a woman whose weak understanding and illiberal mind, had very early in their marriage put an end to all real affection for her. Respect, esteem, and confidence, had vanished for ever; and all his views of domestic happiness were overthrown. But Mr. Bennet was not of a disposition to seek comfort for the disappointment which his own imprudence had brought on, in any of those pleasures which too often console the unfortunate for their folly or their vice. He was fond of the country and of books; and from these tastes had arisen his principal enjoyments. To his wife he was very little otherwise indebted, than as her ignorance and folly had contributed to his amusement. This is not the sort of happiness which a man would in general wish to owe to his wife; but where other powers of entertainment are wanting, the true philosopher will derive benefit from such as are given.

Elizabeth, however, had never been blind to the impropriety of her father's behaviour as a husband. She had always seen it with pain; but respecting his abilities, and grateful for his affectionate treatment of herself, she endeavoured to forget what she could not overlook, and to banish from her thoughts that continual breach of conjugal obligation and decorum which, in exposing his wife to the contempt of her own children, was so highly reprehensible. But she had never felt so strongly as now the disadvantages which must attend the children of so unsuitable a marriage, nor ever been so fully aware of the evils arising from so ill-judged a direction of talents; talents which rightly used, might at least have preserved the respectability of his daughters, even if incapable of enlarging the mind of his wife.

When Elizabeth had rejoiced over Wickham's departure, she found little other cause for satisfaction in the loss of the regiment. Their parties abroad were less varied than before, and at home she had a mother and sister whose constant repinings at the dullness of every thing around them, threw a real gloom over their domestic circle; and, though Kitty might in time regain her natural degree of sense, since the disturbers of her brain were removed, her other sister, from whose disposition greater evil might be apprehended, was likely to be hardened in all her folly and assurance, by a situation of such double danger as a watering place and a camp. Upon the whole, therefore, she found, what has been sometimes found before, that an event to which she had looked forward with impatient desire, did not in taking place, bring all the satisfaction she had promised herself. It was consequently necessary to name some other period for the commencement of actual felicity; to have some other point on which her wishes and hopes might be fixed, and by again enjoying the pleasure of anticipation, console herself for the present, and prepare for another disappointment. Her tour to the Lakes was now the object of her happiest thoughts; it was her best consolation for all the uncomfortable hours, which the discontentedness of her mother and Kitty made inevitable; and could she have included Jane in the scheme, every part of it would have been perfect.

"But it is fortunate," thought she, "that I have something to wish for. Were the whole arrangement complete, my disappointment would be certain. But here, by carrying with me one ceaseless source of regret in my sister's absence, I may reasonably hope to have all my expectations of pleasure realized. A scheme of which every part promises delight, can never be successful; and general disappointment is only warded off by the defence of some little peculiar vexation."

When Lydia went away, she promised to write very often and very minutely to her mother and Kitty; but her letters were always long expected, and always very short. Those to her mother, contained little else, than that they were just returned from the library, where such and such officers had attended them, and where she had seen such beautiful ornaments as made her quite wild; that she had a new gown, or a new parasol, which she would have described more fully, but was obliged to leave off in a violent hurry, as Mrs. Forster called her, and they were going off to the camp; - and from her correspondence with her sister, there was still less to be learnt - for her letters to Kitty, though rather longer, were much too full of lines under the words to be made public.

After the first fortnight or three weeks of her absence, health, good humour, and cheerfulness began to re-appear at Longbourn. Everything wore a happier aspect. The families who had been in town for the winter came back again, and summer finery and summer engagements arose. Mrs. Bennet was restored to her usual querulous serenity, and, by the middle of June, Kitty was so much recovered as to be able to enter Meryton without tears; an event of such happy promise as to make Elizabeth hope that by the following Christmas she might be so tolerably reasonable as not to mention an officer above once a day, unless, by some cruel and malicious arrangement at the war-office, another regiment should be quartered in Meryton.

The time fixed for the beginning of their Northern tour was now fast approaching, and a fortnight only was wanting of it, when a letter arrived from Mrs. Gardiner, which at once delayed its commencement and curtailed its extent. Mr. Gardiner would be prevented by business from setting out till a fortnight later in July, and must be in London again within a month; and as that left too short a period for them to go so far, and see so much as they had proposed, or at least to see it with the leisure and comfort they had built on, they were obliged to give up the Lakes, and substitute a more contracted tour, and, according to the present plan, were to go no farther northward than Derbyshire. In that county, there was enough to be seen, to occupy the chief of their three weeks; and to Mrs. Gardiner it had a peculiarly strong attraction. The town where she had formerly passed some years of her life, and where they were now to spend a few days, was probably as great an object of her curiosity, as all the celebrated beauties of Matlock, Chatsworth, Dovedale, or the Peak.

Elizabeth was excessively disappointed; she had set her heart on seeing the Lakes; and still thought there might have been time enough. But it was her business to be satisfied - and certainly her temper to be happy; and all was soon right again.

With the mention of Derbyshire, there were many ideas connected. It was impossible for her to see the word without thinking of Pemberley and its owner. "But surely," said she, "I may enter his county without impunity, and rob it of a few petrified spars without his perceiving me."

The period of expectation was now doubled. Four weeks were to pass away before her uncle and aunt's arrival. But they did pass away, and Mr. and Mrs. Gardiner, with their four children, did at length appear at Longbourn. The children, two girls of six and eight years old, and two younger boys, were to be left under the particular care of their cousin Jane, who was the general favourite, and whose steady sense and sweetness of temper exactly adapted her for attending to them in every way - teaching them, playing with them, and loving them.

The Gardiners stayed only one night at Longbourn, and set off the next morning with Elizabeth in pursuit of novelty and amusement. One enjoyment was certain - that of suitableness as companions; a suitableness which comprehended health and temper to bear inconveniences - cheerfulness to enhance every pleasure - and affection and intelligence, which might supply it among themselves if there were disappointments abroad.

It is not the object of this work to give a description of Derbyshire, nor of any of the remarkable places through which their route thither lay; Oxford, Blenheim, Warwick, Kenelworth, Birmingham, &c. are sufficiently known. A small part of Derbyshire is all the present concern. To the little town of Lambton, the scene of Mrs. Gardiner's former residence, and where she had lately learned some acquaintance still remained, they bent their steps, after having seen all the principal wonders of the country; and within five miles of Lambton, Elizabeth found from her aunt that Pemberley was situated. It was not in their direct road, nor more than a mile or two out of it. In talking over their route the evening before, Mrs. Gardiner expressed an inclination to see the place again. Mr. Gardiner declared his willingness, and Elizabeth was applied to for her approbation.

"My love, should not you like to see a place of which you have heard so much?" said her aunt. "A place too, with which so many of your acquaintances are connected. Wickham passed all his youth there, you know."

Elizabeth was distressed. She felt that she had no business at Pemberley, and was obliged to assume a disinclination for seeing it. She must own that she was tired of seeing great houses; after going over so many, she really had no pleasure in fine carpets or satin curtains.

Mrs. Gardiner abused her stupidity. "If it were merely a fine house richly furnished," said she, "I should not care about it myself; but the grounds are delightful. They have some of the finest woods in the country."

Elizabeth said no more - but her mind could not acquiesce. The possibility of meeting Mr. Darcy, while viewing the place, instantly occurred. It would be dreadful! She blushed at the very idea; and thought it would be better to speak openly to her aunt, than to run such a risk. But against this, there were objections; and she finally resolved that it could be the last resource, if her private enquiries to the absence of the family, were unfavourably answered.

Accordingly, when she retired at night, she asked the chambermaid whether Pemberley were not a very fine place, what was the name of its proprietor, and with no little alarm, whether the family were down for the summer. A most welcome negative followed the last question - and her alarms being now removed, she was at leisure to feel a great deal of curiosity to see the house herself; and when the subject was revived the next morning, and she was again applied to, could readily answer, and with a proper air of indifference, that she had not really any dislike to the scheme.

To Pemberley, therefore, they were to go.


END OF VOLUME II


Orgoglio e pregiudizio


Volume II - capitolo 19 (42)


Se il giudizio di Elizabeth si fosse basato esclusivamente sulla propria famiglia, non avrebbe potuto delineare un ritratto molto piacevole della felicità coniugale o del benessere domestico. Il padre, ammaliato dalla gioventù e dalla bellezza, e da quella parvenza di giovialità prodotta generalmente da gioventù e bellezza, aveva sposato una donna la cui scarsa intelligenza e la cui mente ristretta avevano, fin dall'inizio del matrimonio, messo fine a ogni affetto reale per lei. Rispetto, stima e fiducia erano svaniti per sempre, e tutti i suoi progetti di felicità domestica erano venuti a cadere. Ma Mr. Bennet non era incline a cercare conforto, per una delusione provocata dalla sua stessa imprudenza, in nessuno di quei piaceri che troppo spesso consolano gli infelici dalle loro follie o dai loro vizi. Era amante della campagna e dei libri, e da queste passioni aveva tratto le sue gioie principali. Verso la moglie provava un'unica e molto scarsa gratitudine, quella di aver contribuito a divertirlo con la sua ignoranza e la sua stupidità. Non è certo questa la felicità che in generale un uomo si aspetta dalla propria moglie, ma quando mancano altri motivi di interesse, il vero filosofo trarrà beneficio da quelli che gli sono forniti.

Elizabeth, tuttavia, non era mai stata cieca di fronte alla sconvenienza del comportamento del padre come marito. L'aveva sempre osservato con dispiacere ma, rispettando le sue qualità, e grata per l'affetto che le dimostrava, si era sforzata di dimenticare ciò che non poteva non vedere, e di bandire dai propri pensieri quella continua violazione dei doveri coniugali e del decoro che, nell'esporre la moglie al disprezzo delle figlie, diventava così altamente riprovevole. Ma non aveva mai avvertito con la stessa forza di ora gli svantaggi che avrebbero di certo subito le figlie di un matrimonio così male assortito, né era mai stata così pienamente consapevole del danno che derivava da qualità così mal indirizzate; qualità che, se correttamente usate, avrebbero almeno potuto preservare la rispettabilità delle figlie, pur se incapaci di ampliare la mente della moglie.

Dopo essersi rallegrata per la partenza di Wickham, Elizabeth trovò ben pochi altri motivi di soddisfazione dall'assenza del reggimento. I ricevimenti fuori casa erano meno vari di prima, e a casa aveva una madre e una sorella i cui costanti lamenti sulla noia di tutto quello che le circondava spargevano una concreta tristezza nella cerchia familiare, e, sebbene Kitty fosse ancora in tempo per ritrovare la sua naturale quota di buonsenso, dato che coloro che avevano turbato la sua mente si erano allontanati, l'altra sorella, dalle cui inclinazioni ci si potevano aspettare i mali peggiori, si sarebbe presumibilmente rafforzata in tutta la sua stupidità e sfacciataggine, in una situazione in cui c'era il doppio rischio di un posto di mare e di un accampamento. Tutto sommato, quindi, si accorse, cosa di cui talvolta si era già accorta prima, che un evento a cui aveva guardato con desiderio impaziente, una volta verificatosi non arrecava tutta quella soddisfazione che si era ripromessa. Di conseguenza, fu necessario stabilire un altro momento da cui far iniziare una effettiva felicità, trovare qualche altro obiettivo sul quale poter fissare i propri desideri e le proprie speranze, attraverso il quale godere nuovamente del piacere dell'attesa, consolarsi del presente e prepararsi a un'altra delusione. Il giro dei laghi era in quel momento l'obiettivo dei suoi pensieri più allegri; era la consolazione migliore per tutte le ore sgradevoli, che la scontentezza della madre e di Kitty rendevano inevitabili, e se avesse potuto includere Jane nel progetto, ogni particolare sarebbe stato perfetto.

"Ma è una fortuna", pensò, "che io abbia qualcosa da desiderare. Se fosse tutto completamente stabilito la mia delusione sarebbe certa. Ma qui, avendo una perenne fonte di rimpianto per l'esclusione di mia sorella, posso ragionevolmente sperare che le mie piacevoli aspettative si realizzino. Un progetto che promette godimento in ogni sua parte non può mai avere successo, e una totale delusione può essere tenuta lontana solo difendendosi con qualche piccola e specifica seccatura."

Quando Lydia era partita, aveva promesso di scrivere molto spesso e in modo dettagliato alla madre e a Kitty; ma le sue lettere si facevano sempre aspettare a lungo, ed erano sempre molto brevi. Quelle alla madre contenevano poco di più del fatto che erano appena tornate dalla biblioteca, dove questo o quell'ufficiale le aveva accompagnate, e dove aveva visto degli ornamenti talmente belli da mandarla in visibilio; (1) che aveva un vestito nuovo, o un nuovo parasole, dei quali avrebbe fornito tutti i particolari, ma era costretta a uscire di gran fretta, dato che Mrs. Forster la chiamava, e sarebbero andate nell'accampamento; e dalla corrispondenza con la sorella c'era ancora meno da apprendere, poiché le lettere a Kitty, anche se discretamente più lunghe, erano troppo piene di parole sottolineate per renderle pubbliche.

Dopo le prime due o tre settimane della sua assenza, salute, buon umore e allegria cominciarono a riapparire a Longbourn. Tutto assumeva un aspetto più gioioso. Le famiglie che erano state a Londra per l'inverno tornavano, e ci si preparava ai bei vestiti e agli impegni dell'estate. Mrs. Bennet era tornata alla sua solita querula serenità e, verso la metà di giugno, Kitty si era talmente ristabilita da essere in grado di andare a Meryton senza piangere, un evento che prometteva talmente bene da far sperare a Elizabeth che per Natale avrebbe potuto raggiungere una tollerabile ragionevolezza, tale da non farle menzionare un ufficiale più di una volta al giorno, a meno che, per una qualche crudele e maligna disposizione del ministero della guerra, un altro reggimento non fosse inviato ad acquartierarsi a Meryton.

La data fissata per l'inizio del loro giro nel nord si avvicinava rapidamente, e mancavano solo due settimane quando arrivò una lettera da Mrs. Gardiner, che ne ritardava l'inizio e contemporaneamente ne riduceva la durata. Mr. Gardiner aveva degli affari che gli avrebbero impedito di partire prima delle ultime due settimane di luglio, e doveva tornare a Londra entro un mese, e dato che restava a disposizione un periodo troppo breve per andare così lontano, e vedere tutto quello che avevano progettato, o almeno per vederlo con la calma e le comodità che si erano prefissi, erano costretti a rinunciare alla regione dei laghi e a sostituirla con un giro più ristretto, e, secondo il nuovo programma, non sarebbero andati più in là del Derbyshire. In quella contea c'era abbastanza da vedere per occupare la maggior parte delle tre settimane previste, e per Mrs. Gardiner c'era un'attrattiva forte e particolare. La città dove aveva in passato trascorso alcuni anni della sua vita, e dove sarebbero rimasti per alcuni giorni, stuzzicava la sua curiosità, probabilmente quanto tutte le celebrate bellezze di Matlock, Chatsworth, Dovedale, o del Peak.

Elizabeth rimase estremamente delusa; ci teneva molto a vedere la regione dei laghi, e continuava a pensare che il tempo a disposizione sarebbe stato sufficiente. Ma era suo dovere mostrarsi soddisfatta, e nel suo carattere stare allegra; e presto tutto fu di nuovo a posto.

Nominare il Derbyshire suscitava molte riflessioni. Per lei era impossibile leggere quella parola senza pensare a Pemberley e al suo proprietario. "Ma sicuramente", si disse, "posso andare in quella contea senza salvacondotto, e sottrarre qualche pietruzza (2) senza che lui se ne accorga."

Ora il periodo di attesa era raddoppiato. Dovevano passare quattro settimane prima dell'arrivo degli zii. Ma passarono, e Mr. e Mrs. Gardiner, con i loro quattro figli, alla fine fecero la loro comparsa a Longbourn. I bambini, due femmine di sei e otto anni e due maschi più piccoli, sarebbero stati affidati alle cure della cugina Jane, che era la preferita di tutti, e il cui fermo buonsenso e la dolcezza di carattere rendevano perfetta per occuparsene in ogni senso: fare da insegnante, giocare con loro e trattarli con affetto.

I Gardiner si fermarono solo una notte a Longbourn, e si misero in viaggio il mattino dopo con Elizabeth in cerca di novità e svaghi. Uno dei piaceri era sicuramente l'affiatamento della compagnia; un affiatamento che comprendeva buona salute e carattere adatto a sopportare gli inconvenienti, allegria per valorizzare tutte le piacevolezze, e affetto e intelligenza, che potevano scambiarsi a vicenda se il viaggio avesse riservato qualche delusione.

Non è lo scopo di quest'opera fornire una descrizione del Derbyshire, né di altri luoghi degni di nota attraverso i quali li avrebbe condotti il loro itinerario; Oxford, Blenheim, Warwick, Kenelworth, Birmingham, ecc, sono sufficientemente noti. Tutto quello che ci interessa al momento è una piccola porzione del Derbyshire. Verso la cittadina di Lambton, il luogo in cui era vissuta in passato Mrs. Gardiner, e dove aveva recentemente saputo che abitava ancora qualche vecchia conoscenza, diressero i loro passi, dopo aver visto tutte le principali meraviglie della regione; e a meno di cinque miglia da Lambton, così Elizabeth apprese dalla zia, era situata Pemberley. Non era proprio di strada, ma la deviazione non era di più di un miglio o due. Parlando dell'itinerario la sera prima, Mrs. Gardiner espresse il desiderio di rivedere il luogo. Mr. Gardiner dichiarò la propria disponibilità, e fu chiesto l'assenso di Elizabeth.

"Tesoro mio, non ti piacerebbe vedere un posto del quale hai sentito parlare così tanto? disse la zia. "Un posto, per di più, al quale sono legate così tante tue conoscenze. Wickham, come sai, ha trascorso qui tutta la sua giovinezza."

Elizabeth era turbata. Sentiva di non aver nulla a che spartire con Pemberley, e fu costretta a mostrarsi riluttante ad andarci. Doveva riconoscere di essere stanca di vedere dimore signorili; dopo averne viste così tante, non provava più alcun piacere nei tappeti pregiati o nelle tende di raso.

Mrs. Gardiner le giudicò sciocchezze. "Se fosse solo una casa elegante, ammobiliata sfarzosamente", disse, "non me ne importerebbe nemmeno a me; ma i terreni sono deliziosi. Ci sono alcuni dei più bei boschi della regione."

Elizabeth non disse altro, ma non riusciva a convincersi. Le venne subito in mente la possibilità, mentre visitava il luogo, di incontrare Mr. Darcy. Sarebbe stato terribile! La sola idea la faceva arrossire, e pensò che sarebbe stato meglio parlarne apertamente alla zia, piuttosto che correre un rischio del genere. Ma anche su questo c'erano delle obiezioni, e alla fine decise che sarebbe stata l'ultima risorsa, se le sue indagini personali sull'assenza della famiglia avessero avuto una risposta sfavorevole.

Di conseguenza, quando si ritirò per la notte, chiese alla cameriera se Pemberley fosse davvero un bel posto, quale fosse il nome del proprietario e, con non poca apprensione, se la famiglia fosse a casa per l'estate. Un assai benvenuto diniego fece seguito all'ultima domanda, e i suoi allarmi furono allora rimossi; e quando l'argomento fu ripreso il mattino dopo, e lei fu di nuovo chiamata in causa, fu in grado di rispondere prontamente, e con un'appropriata aria indifferente, che non aveva nulla in contrario.

A Pemberley, perciò, si accinsero ad andare.


FINE DEL VOLUME II



(1) Le biblioteche dei posti di mare non si limitavano alla loro funzione specifica di prestare libri, ma erano una sorta di empori dove si vendevano gli articoli più svariati.

(2) L'originale "petrified spars" si riferisce a dei minerali cristallizzati dai colori vivaci, che si trovano nelle sorgenti calde di Matlock (citata poco prima).

     |     romanzi canonici     |     home page     |