Jane Austen
Persuasione
Volume I - capitolo 1 (1)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Persuasion


Volume I - Chapter 1 (1)


Sir Walter Elliot, of Kellynch-hall, in Somersetshire, was a man who, for his own amusement, never took up any book but the Baronetage; there he found occupation for an idle hour, and consolation in a distressed one; there his faculties were roused into admiration and respect, by contemplating the limited remnant of the earliest patents; there any unwelcome sensations, arising from domestic affairs, changed naturally into pity and contempt. As he turned over the almost endless creations of the last century - and there, if every other leaf were powerless, he could read his own history with an interest which never failed - this was the page at which the favorite volume always opened:

"ELLIOT OF KELLYNCH-HALL.

"Walter Elliot, born March 1, 1760, married, July 15, 1784, Elizabeth, daughter of James Stevenson, Esq. of South Park, in the county of Gloucester, by which lady (who died 1800) he has issue Elizabeth, born June 1, 1785; Anne, born August 9, 1787; a still-born son, November 5, 1789; Mary, born November 20, 1791."

Precisely such had the paragraph originally stood from the printer's hands; but Sir Walter had improved it by adding, for the information of himself and his family, these words, after the date of Mary's birth - "married, Dec. 16, 1810, Charles, son and heir of Charles Musgrove, Esq. of Uppercross, in the county of Somerset," - and by inserting most accurately the day of the month on which he had lost his wife.

Then followed the history and rise of the ancient and respectable family, in the usual terms: how it had been first settled in Cheshire; how mentioned in Dugdale - serving the office of High Sheriff, representing a borough in three successive parliaments, exertions of loyalty, and dignity of baronet, in the first year of Charles II., with all the Marys and Elizabeths they had married; forming altogether two handsome duodecimo pages, and concluding with the arms and motto: "Principal seat, Kellynch hall, in the county of Somerset," and Sir Walter's hand-writing again in this finale:

"Heir presumptive, William Walter Elliot, Esq., great grandson of the second Sir Walter."

Vanity was the beginning and the end of Sir Walter Elliot's character; vanity of person and of situation. He had been remarkably handsome in his youth; and, at fifty-four, was still a very fine man. Few women could think more of their personal appearance than he did; nor could the valet of any new made lord be more delighted with the place he held in society. He considered the blessing of beauty as inferior only to the blessing of a baronetcy; and the Sir Walter Elliot, who united these gifts, was the constant object of his warmest respect and devotion.

His good looks and his rank had one fair claim on his attachment; since to them he must have owed a wife of very superior character to any thing deserved by his own. Lady Elliot had been an excellent woman, sensible and amiable; whose judgement and conduct, if they might be pardoned the youthful infatuation which made her Lady Elliot, had never required indulgence afterwards. - She had humoured, or softened, or concealed his failings, and promoted his real respectability for seventeen years; and though not the very happiest being in the world herself, had found enough in her duties, her friends, and her children, to attach her to life, and make it no matter of indifference to her when she was called on to quit them. - Three girls, the two eldest sixteen and fourteen, was an awful legacy for a mother to bequeath; an awful charge rather, to confide to the authority and guidance of a conceited, silly father. She had, however, one very intimate friend, a sensible, deserving woman, who had been brought, by strong attachment to herself, to settle close by her, in the village of Kellynch; and on her kindness and advice, Lady Elliot mainly relied for the best help and maintenance of the good principles and instruction which she had been anxiously giving her daughters.

This friend, and Sir Walter, did not marry, whatever might have been anticipated on that head by their acquaintance. - Thirteen years had passed away since Lady Elliot's death, and they were still near neighbours and intimate friends; and one remained a widower, the other a widow.

That Lady Russell, of steady age and character, and extremely well provided for, should have no thought of a second marriage, needs no apology to the public, which is rather apt to be unreasonably discontented when a woman does marry again, than when she does not; but Sir Walter's continuing in singleness requires explanation. - Be it known then, that Sir Walter, like a good father, (having met with one or two private disappointments in very unreasonable applications) prided himself on remaining single for his dear daughter's sake. For one daughter, his eldest, he would really have given up any thing, which he had not been very much tempted to do. Elizabeth had succeeded, at sixteen, to all that was possible, of her mother's rights and consequence; and being very handsome, and very like himself, her influence had always been great, and they had gone on together most happily. His two other children were of very inferior value. Mary had acquired a little artificial importance, by becoming Mrs. Charles Musgrove; but Anne, with an elegance of mind and sweetness of character, which must have placed her high with any people of real understanding, was nobody with either father or sister; her word had no weight, her convenience was always to give way; - she was only Anne.

To Lady Russell, indeed, she was a most dear and highly valued god-daughter, favourite and friend. Lady Russell loved them all; but it was only in Anne that she could fancy the mother to revive again.

A few years before, Anne Elliot had been a very pretty girl, but her bloom had vanished early; and as even in its height, her father had found little to admire in her, (so totally different were her delicate features and mild dark eyes from his own); there could be nothing in them now that she was faded and thin, to excite his esteem. He had never indulged much hope, he had now none, of ever reading her name in any other page of his favourite work. All equality of alliance must rest with Elizabeth; for Mary had merely connected herself with an old country family of respectability and large fortune, and had therefore given all the honour, and received none: Elizabeth would, one day or other, marry suitably.

It sometimes happens, that a woman is handsomer at twenty-nine than she was ten years before; and, generally speaking, if there has been neither ill health nor anxiety, it is a time of life at which scarcely any charm is lost. It was so with Elizabeth; still the same handsome Miss Elliot that she had begun to be thirteen years ago; and Sir Walter might be excused, therefore, in forgetting her age, or, at least, be deemed only half a fool, for thinking himself and Elizabeth as blooming as ever, amidst the wreck of the good looks of every body else; for he could plainly see how old all the rest of his family and acquaintance were growing. Anne haggard, Mary coarse, every face in the neighbourhood worsting; and the rapid increase of the crow's foot about Lady Russell's temples had long been a distress to him.

Elizabeth did not quite equal her father in personal contentment. Thirteen years had seen her mistress of Kellynch Hall, presiding and directing with a self-possession and decision which could never have given the idea of her being younger than she was. For thirteen years had she been doing the honours, and laying down the domestic law at home, and leading the way to the chaise and four, and walking immediately after Lady Russell out of all the drawing-rooms and dining-rooms in the country. Thirteen winters' revolving frosts had seen her opening every ball of credit which a scanty neighbourhood afforded; and thirteen springs shewn their blossoms, as she travelled up to London with her father, for a few weeks annual enjoyment of the great world. She had the remembrance of all this; she had the consciousness of being nine-and-twenty, to give her some regrets and some apprehensions. She was fully satisfied of being still quite as handsome as ever; but she felt her approach to the years of danger, and would have rejoiced to be certain of being properly solicited by baronet-blood within the next twelvemonth or two. Then might she again take up the book of books with as much enjoyment as in her early youth; but now she liked it not. Always to be presented with the date of her own birth, and see no marriage follow but that of a youngest sister, made the book an evil; and more than once, when her father had left it open on the table near her, had she closed it, with averted eyes, and pushed it away.

She had had a disappointment, moreover, which that book, and especially the history of her own family, must ever present the remembrance of. The heir presumptive, the very William Walter Elliot, Esq. whose rights had been so generously supported by her father, had disappointed her.

She had, while a very young girl, as soon as she had known him to be, in the event of her having no brother, the future baronet, meant to marry him; and her father had always meant that she should. He had not been known to them as a boy, but soon after Lady Elliot's death, Sir Walter had sought the acquaintance, and though his overtures had not been met with any warmth, he had persevered in seeking it, making allowance for the modest drawing back of youth; and, in one of their spring excursions to London, when Elizabeth was in her first bloom, Mr. Elliot had been forced into the introduction.

He was at that time a very young man, just engaged in the study of the law; and Elizabeth found him extremely agreeable, and every plan in his favour was confirmed. He was invited to Kellynch Hall; he was talked of and expected all the rest of the year; but he never came. The following spring he was seen again in town, found equally agreeable, again encouraged, invited and expected, and again he did not come; and the next tidings were that he was married. Instead of pushing his fortune in the line marked out for the heir of the house of Elliot, he had purchased independence by uniting himself to a rich woman of inferior birth.

Sir Walter has resented it. As the head of the house, he felt that he ought to have been consulted, especially after taking the young man so publicly by the hand: "For they must have been seen together," he observed, "once at Tattersal's, and twice in the lobby of the House of Commons." His disapprobation was expressed, but apparently very little regarded. Mr. Elliot had attempted no apology, and shewn himself as unsolicitous of being longer noticed by the family, as Sir Walter considered him unworthy of it: all acquaintance between them had ceased.

This very awkward history of Mr. Elliot, was still, after an interval of several years, felt with anger by Elizabeth, who had liked the man for himself, and still more for being her father's heir, and whose strong family pride could see only in him, a proper match for Sir Walter Elliot's eldest daughter. There was not a baronet from A to Z, whom her feelings could have so willingly acknowledged as an equal. Yet so miserably had he conducted himself, that though she was at this present time, (the summer of 1814,) wearing black ribbons for his wife, she could not admit him to be worth thinking of again. The disgrace of his first marriage might, perhaps, as there was no reason to suppose it perpetuated by offspring, have been got over, had he not done worse; but he had, as by the accustomary intervention of kind friends they had been informed, spoken most disrespectfully of them all, most slightingly and contemptuously of the very blood he belonged to, and the honours which were hereafter to be his own. This could not be pardoned.

Such were Elizabeth Elliot's sentiments and sensations; such the cares to alloy, the agitations to vary, the sameness and the elegance, the prosperity and the nothingness, of her scene of life - such the feelings to give interest to a long, uneventful residence in one country circle, to fill the vacancies which there were no habits of utility abroad, no talents or accomplishments for home, to occupy.

But now, another occupation and solicitude of mind was beginning to be added to these. Her father was growing distressed for money. She knew, that when he now took up the Baronetage, it was to drive the heavy bills of his tradespeople, and the unwelcome hints of Mr. Shepherd, his agent, from his thoughts. The Kellynch property was good, but not equal to Sir Walter's apprehension of the state required in its possessor. While Lady Elliot lived, there had been method, moderation, and economy, which had just kept him within his income; but with her had died all such right-mindedness, and from that period he had been constantly exceeding it. It had not been possible for him to spend less; he had done nothing but what Sir Walter Elliot was imperiously called on to do; but blameless as he was, he was not only growing dreadfully in debt, but was hearing of it so often, that it became vain to attempt concealing it longer, even partially, from his daughter. He had given her some hints of it the last spring in town; he had gone so far even as to say, "Can we retrench? does it occur to you that there is any one article in which we can retrench?" - and Elizabeth, to do her justice, had, in the first ardour of female alarm, set seriously to think what could be done, and had finally proposed these two branches of economy: to cut off some unnecessary charities, and to refrain from new-furnishing the drawing-room; to which expedients she afterwards added the happy thought of their taking no present down to Anne, as had been the usual yearly custom. But these measures, however good in themselves, were insufficient for the real extent of the evil, the whole of which Sir Walter found himself obliged to confess to her soon afterwards. Elizabeth had nothing to propose of deeper efficacy. She felt herself ill-used and unfortunate, as did her father; and they were neither of them able to devise any means of lessening their expenses without compromising their dignity, or relinquishing their comforts in a way not to be borne.

There was only a small part of his estate that Sir Walter could dispose of; but had every acre been alienable, it would have made no difference. He had condescended to mortgage as far as he had the power, but he would never condescend to sell. No; he would never disgrace his name so far. The Kellynch estate should be transmitted whole and entire, as he had received it.

Their two confidential friends, Mr. Shepherd, who lived in the neighbouring market town, and Lady Russell, were called to advise them; and both father and daughter seemed to expect that something should be struck out by one or the other to remove their embarrassments and reduce their expenditure, without involving the loss of any indulgence of taste or pride.

Persuasione


Volume I - capitolo 1 (1)


Sir Walter Elliot, di Kellynch Hall, nel Somersetshire, era un uomo che, per suo diletto, non prendeva mai in mano altro libro che il Baronetage; lì trovava occupazione per un'ora d'ozio e consolazione in una di tristezza; lì il suo animo si accendeva di ammirazione e rispetto, contemplando le scarse vestigia delle nomine più antiche; lì qualsiasi spiacevole sensazione suscitata da questioni domestiche si trasformava in modo naturale in compassione e disprezzo. Quando scorreva le quasi infinite concessioni dell'ultimo secolo - e lì, se ogni altra pagina si fosse rivelata fiacca, poteva leggere la propria storia con un interesse che non veniva mai meno - questa era la pagina alla quale si apriva sempre il volume prediletto:

"ELLIOT DI KELLYNCH HALL

"Walter Elliot, nato il 1° marzo 1760, sposato, il 15 luglio 1784, con Elizabeth, figlia di James Stevenson, Esquire di South Park, nella contea di Gloucester, dalla quale signora (morta nel 1800) ebbe Elizabeth, nata il 1° giugno 1785; Anne, nata il 9 agosto 1787; un figlio maschio nato morto, il 5 novembre 1789; Mary, nata il 20 novembre 1791."

Tale era esattamente il paragrafo originale prodotto dalle mani dello stampatore, ma Sir Walter l'aveva migliorato aggiungendo, per informazione sua e della propria famiglia, queste parole, dopo la data di nascita di Mary: "sposata, il 16 dicembre 1810, con Charles, figlio ed erede di Charles Musgrove, Esquire di Uppercross, nella contea di Somerset", e inserendo con maggiore accuratezza il giorno e il mese in cui aveva perso la moglie.

Seguiva poi la storia e l'ascesa dell'antica e rispettabile famiglia, nei termini consueti: come si fosse dapprima stabilita nel Cheshire; come, dalla menzione nel Dugdale, (1) le fosse stata assegnata la carica di Primo Magistrato, rappresentante del distretto elettorale in tre successive legislature, le prove di lealtà, il titolo di baronetto nel primo anno di regno di Carlo II, con tutte le Mary e le Elizabeth che avevano sposato, occupando interamente due belle pagine in dodicesimo, che si concludevano con lo stemma e il motto: "Residenza principale, Kellynch Hall, nella contea di Somerset", e con la calligrafia di Sir Walter in questa frase finale:

"Erede presunto, William Walter Elliot, Esquire, pronipote del secondo Sir Walter."

La vanità era l'alfa e l'omega del carattere di Sir Walter Elliot; vanità personale e di posizione sociale. In gioventù era stato notevolmente bello, e, a cinquantaquattro anni, era ancora un uomo attraente. Poche donne potevano pensare al loro aspetto esteriore più di quanto facesse lui; e nemmeno il valletto di un qualche lord nominato di recente poteva gioire di più del posto occupato in società. Considerava la benedizione della bellezza seconda solo a quella del titolo di baronetto, e il Sir Walter Elliot che univa in sé questi due doni era l'oggetto costante del suo più fervente rispetto e della sua più accesa devozione.

Il bell'aspetto e il rango avevano un giusto diritto alla sua considerazione, dato che grazie ad essi aveva avuto una moglie con un carattere superiore a quello che avrebbe meritato il suo. Lady Elliot era stata una donna eccellente, intelligente e amabile, le cui facoltà di giudizio e la cui condotta, una volta perdonata l'infatuazione giovanile che l'aveva resa Lady Elliot, non ebbero mai bisogno da allora di nessuna indulgenza. Aveva assecondato, mitigato, nascosto i difetti del marito, e ne aveva promosso la rispettabilità per diciassette anni; e sebbene non fosse la creatura più felice al mondo, aveva trovato abbastanza nei suoi doveri, nei suoi amici e nei figli per essere attaccata alla vita, e per non considerare con indifferenza il momento in cui fu chiamata a lasciarli. Tre ragazze, le due maggiori di sedici e quattordici anni, erano per una madre un legato tremendo da lasciare in eredità; una responsabilità tremenda affidarle all'autorità e alla guida di un padre sciocco e pieno di sé. Aveva, tuttavia, un'amica molto intima, una donna assennata e degna di stima, che era stata indotta, dal forte affetto che aveva per lei, a stabilirsi nel vicinato, nel villaggio di Kellynch; e Lady Elliot contava soprattutto sulla sua bontà e sui suoi consigli per aiutare a mantenere nel modo migliore i buoni principi e l'istruzione che era stata ansiosa di offrire alle figlie.

Questa amica, e Sir Walter, non si sposarono, quali che fossero state le previsioni in base alla loro amicizia. Tredici anni erano trascorsi dalla morte di Lady Elliot, ed erano ancora buoni vicini e intimi amici; vedovo l'uno, vedova l'altra.

Che Lady Russell, matura in età e carattere, ed estremamente agiata, non avesse pensato a un secondo matrimonio non ha bisogno di giustificazioni nei confronti dell'opinione pubblica, che è più incline a sentirsi irragionevolmente scontenta quando una donna si risposa, più che quando non lo fa; ma il fatto che Sir Walter continuasse a restare da solo richiede una spiegazione. Si sappia, quindi, che Sir Walter, da buon padre (e avendo subìto un paio di delusioni private a seguito di dichiarazioni molto irragionevoli) era fiero di restare da solo per amore della figlia diletta. (2) Per una figlia, la maggiore, avrebbe davvero rinunciato a qualsiasi cosa non gli fosse stata particolarmente a cuore. Elizabeth, a sedici anni, era subentrata, per quanto possibile, in tutti i diritti e le prerogative della madre, ed essendo molto attraente, e molto simile al padre, aveva sempre esercitato una grande influenza, e i due erano sempre andati d'amore e d'accordo. Le altre due figlie erano considerate molto meno. Mary aveva acquisito un'importanza artificiale diventando Mrs. Charles Musgrove, ma Anne, dalla mente raffinata e con un carattere dolce, che avrebbero dovuto collocarla in alto nella stima di persone davvero intelligenti, non era nessuno sia per il padre che per la sorella; la sua voce non aveva alcun peso, il suo benessere doveva sempre cedere il passo; era soltanto Anne.

Per Lady Russell, in verità, era una carissima e altamente apprezzata figlioccia, beniamina e amica. Lady Russell amava tutti loro, ma era solo in Anne che poteva immaginarsi di veder rivivere la madre.

Qualche anno prima, Anne Elliot era stata una ragazza molto graziosa, ma il rigoglio giovanile era svanito presto, e anche quando era al culmine, il padre aveva trovato poco da ammirare in lei (così totalmente diversi erano i suoi delicati lineamenti e i teneri occhi scuri rispetto ai suoi); non poteva esserci nulla in essi a suscitare la sua stima, ora che lei era sfiorita e smagrita. Sir Walter non aveva mai nutrito molte speranze, e ormai non ne aveva nessuna, di leggere il suo nome in qualche altra pagina del suo libro prediletto. Per un matrimonio adeguato poteva contare solo su Elizabeth, poiché Mary si era semplicemente unita a un'antica famiglia di campagna rispettabile e di notevoli mezzi, e aveva quindi fornito tutto l'onore, non ricevendone nessuno. Elizabeth si sarebbe, un giorno o l'altro, sposata in modo appropriato.

Talvolta succede che una donna sia più attraente a ventinove anni di quanto lo fosse stata dieci anni prima, e, parlando in generale, se non ci sono state né malattie né preoccupazioni, è un periodo della vita in cui è raro che il fascino sia andato perduto. Così era per Elizabeth; sempre la stessa attraente Miss Elliot di quando aveva cominciato a esserlo dieci anni prima; e Sir Walter poteva quindi essere scusato nel dimenticare l'età della figlia, o, almeno, essere considerato sciocco solo a metà, per ritenere se stesso ed Elizabeth in fiore come sempre, in mezzo alle devastazioni del bell'aspetto di chiunque altro, poiché era in grado di osservare come stessero tutti facendosi vecchi, nella sua famiglia e tra i suoi amici. Anne smunta, Mary involgarita, ogni faccia del vicinato sempre peggio; e il rapido incremento delle zampe di gallina vicino alle tempie di Lady Russell l'aveva da tempo messo a disagio.

Elizabeth non era affatto pari al padre nella soddisfazione personale. Tredici anni l'avevano vista padrona di casa a Kellynch Hall, a presiedere e dirigere con una padronanza di sé e una determinazione che non avrebbero mai potuto dare l'impressione che fosse più giovane di quanto lo fosse in realtà. Da tredici anni faceva gli onori di casa, dettava legge nella conduzione domestica, saliva per prima nel tiro a quattro e usciva immediatamente dietro Lady Russell da tutti i salotti e le sale da pranzo dei dintorni. Tredici ricorrenti gelate invernali l'avevano vista aprire tutti i balli importanti forniti dallo scarso vicinato; e tredici primavere avevano mostrato le loro fioriture, mentre lei viaggiava verso Londra con il padre per le poche settimane di svago nel gran mondo che si concedevano ogni anno. Rammentava tutto questo; la consapevolezza di avere ventinove anni le suscitava qualche rimpianto e qualche timore. Era pienamente soddisfatta di essere ancora attraente come sempre, ma sentiva avvicinarsi il pericolo degli anni, e avrebbe voluto godere della certezza di essere appropriatamente chiesta in moglie da un baronetto nell'arco di uno o due anni. Allora avrebbe potuto riprendere in mano il libro dei libri con la stesso piacere della prima giovinezza; ma ora non lo gradiva. Vedersi sempre davanti la sua data di nascita, senza nessun matrimonio che la seguiva se non quello di una sorella più giovane, rendeva irritante quel libro; e più di una volta, quando il padre l'aveva lasciato aperto sul tavolo accanto a lei, l'aveva chiuso, distogliendo lo sguardo e spingendolo via.

Aveva inoltre patito una delusione, che quel libro, e specialmente la storia della propria famiglia, le riportava sempre alla memoria. L'erede presunto, proprio il William Walter Elliot, Esquire, i cui diritti erano stati così generosamente sostenuti dal padre, l'aveva delusa.

Giovanissima, non appena saputo che, non avendo lei fratelli, lui sarebbe diventato il futuro baronetto, aveva desiderato di sposarlo; e il padre aveva sempre desiderato che lo facesse. Non l'avevano conosciuto da ragazzo, ma, subito dopo la morte di Lady Elliot, Sir Walter aveva cercato d fare conoscenza, e sebbene i suoi approcci non fossero stati accolti con molto calore, aveva perseverato nel cercarlo, tenendo conto della modesta ritrosia della gioventù; e, in uno dei loro viaggi primaverili a Londra, quando Elizabeth era nel fiore degli anni, Mr. Elliot era stato costretto a una presentazione.

A quel tempo era molto giovane, da poco impegnato a studiare legge; Elizabeth lo aveva trovato estremamente gradevole, e tutti i progetti in suo favore vennero confermati. Fu invitato a Kellynch Hall; si parlò di lui e lo si attese per tutto il resto dell'anno, ma non venne mai. La primavera successiva lo rividero in città, lo trovarono ugualmente gradevole, ancora una volta lo incoraggiarono, lo invitarono e lo attesero, e ancora una volta non venne; e la notizia successiva fu che si era sposato. Invece di spingere la sua fortuna nella direzione tracciata per l'erede della casata degli Elliot, aveva acquisito l'indipendenza economica unendosi a una donna ricca di nascita inferiore.

Sir Walter si sentì offeso. Come capo della casata, riteneva di dover essere consultato, specialmente dopo aver preso così pubblicamente per mano il giovanotto. "Dato che erano stati sicuramente visti insieme", osservò, "una volta da Tattersal (3) e due nell'atrio della Camera dei Comuni." La sua disapprovazione fu espressa, ma apparentemente molto poco considerata. Mr. Elliot non aveva nemmeno cercato di scusarsi, e si dimostrò tanto incurante di essere ancora considerato della famiglia, quanto Sir Walter lo riteneva indegno di esserlo; tutti i rapporti tra loro cessarono.

Questa faccenda di Mr. Elliot, così imbarazzante, era ancora, a distanza di diversi anni, vissuta con irritazione da Elizabeth, alla quale lui era piaciuto di per sé, e ancora di più come erede del padre, e il cui forte orgoglio familiare poteva vedere solo in lui un matrimonio appropriato per la figlia maggiore di Sir Walter Elliot. Non c'era nessun baronetto, dalla A alla Z, che sarebbe stata così disposta a riconoscere come suo pari. Eppure si era comportato in modo così spregevole che, sebbene in quel periodo (l'estate del 1814) vestisse i panni del lutto per la moglie, lei non poteva ammettere che fosse di nuovo degno di considerazione. La disgrazia del suo primo matrimonio poteva, forse, dato che non c'era motivo di supporre che fosse stato perpetuato da discendenza, essere messa da parte, se lui non avesse fatto di peggio; ma aveva, come erano stati informati dal consueto intervento di amici gentili, parlato di tutti loro con la massima mancanza di rispetto, insultando e disprezzando il suo stesso sangue e le prerogative che in seguito sarebbero state le sue. Questo non poteva essere perdonato.

Tali erano i sentimenti e le sensazioni di Elizabeth Elliot; queste le preoccupazioni e le inquietudini che incrinavano e rendevano più varie la monotonia e l'eleganza, la prosperità e la vacuità della sua vita; questi i pensieri che fornivano interesse a un lungo soggiorno privo di eventi in un ambiente di campagna, che riempivano i vuoti di chi non era abituata a occupazioni utili fuori casa, né aveva talenti o cultura per quelle in casa.

Ma ora, altre occupazioni e ansie si cominciavano ad aggiungere a quelle. Il padre era angustiato da problemi di soldi. Lei sapeva che quando prendeva in mano il Baronetage era per scacciare dai suoi pensieri i pesanti conti dei fornitori e le sgradite allusioni di Mr. Shepherd, il suo amministratore. Kellynch era una buona proprietà, ma non all'altezza delle convinzioni di Sir Walter circa il tenore di vita richiesto a chi la possedeva. Quando era viva Lady Elliot, c'era stato metodo, moderazione ed economia, cose che avevano mantenuto il marito nei limiti delle sue entrate; ma con lei erano morte tutte queste giuste attitudini, e da quel momento lui era costantemente andato oltre. Non gli era possibile spendere meno; non faceva nulla di più di quello che Sir Walter Elliot era imperiosamente chiamato a fare; ma incolpevole com'era, era non solo terribilmente gravato dai debiti, ma ne sentiva parlare talmente spesso che il tentativo di nasconderli alla figlia, almeno parzialmente, era diventato inutile. Le aveva accennato qualcosa la primavera precedente a Londra; si era persino spinto fino a dirle, "Possiamo risparmiare? non ti viene in mente qualche cosa di cui possiamo fare a meno?" ed Elizabeth, per renderle giustizia, si era messa a pensare, nel primo fervore dell'ansia femminile, a che cosa avrebbero potuto fare, e alla fine aveva proposto queste due possibilità per fare economia: tagliare le elemosine non indispensabili e astenersi dal comprare mobili nuovi per il salotto; a questi espedienti aggiunse in seguito la felice idea di non portare nessun regalo a Anne, com'erano sempre stati soliti fare ogni anno. Ma queste misure, pur buone in sé, erano insufficienti rispetto all'effettiva entità di un male che Sir Walter fu costretto a confessarle nella sua interezza subito dopo. Elizabeth non aveva nulla di più efficace da proporre. Si sentiva, come il padre, maltrattata e sfortunata, e nessuno dei due era capace di escogitare un modo qualsiasi per ridurre le spese senza compromettere la loro dignità, o rinunciare al loro benessere in modo insopportabile.

C'era solo una piccola parte della tenuta della quale Sir Walter potesse disporre, ma anche se ogni acro fosse stato alienabile, non avrebbe fatto nessuna differenza. Aveva acconsentito all'ipoteca fin dove possibile, ma non avrebbe mai acconsentito a vendere. No, non avrebbe disonorato il suo nome fino a quel punto. La tenuta di Kellynch sarebbe stata trasmessa completa e integra come l'aveva ricevuta lui.

I loro amici più stretti, Mr. Shepherd, che viveva nella vicina cittadina di mercato, e Lady Russell, furono chiamati a consigliarli, e padre e figlia sembravano aspettarsi che qualcosa sarebbe saltato fuori dall'uno o dall'altra per toglierli dall'imbarazzo e ridurre le spese, senza dover perdere nessuna concessione al buongusto e alla dignità.



(1) Il "Baronetage" (Albo dei baronetti) citato all'inizio si può probabilmente identificare con il Debrett's Baronetage of England, pubblicato in due volumi nel 1806; William Dugdale era invece l'autore di un annuario analogo, ma di molto precedente: The Baronetage of England: Or an Historical Account of Our English Nobility (1675/76).

(2) Nella prima edizione si legge "for his dear daughter's sake", poi spesso emendato in "for his dear daughters' sake" ("per amore delle figlie"); potrebbe essere un refuso, ma la decisa predilezione di Sir Walter per la primogenita rende plausibile anche la versione originale.

(3) Un ritrovo alla moda vicino a Hyde Park Corner, aperto nel 1776, dove ci si incontrava per comprare o vendere cavalli e per scommettere sulle corse.

     |     romanzi canonici     |     home page     |