Jane Austen
L'abbazia di Northanger
Volume II - capitolo 2 (17)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Northanger Abbey


Volume II - Chapter 2 (17)


The Allens had now entered on the sixth week of their stay in Bath; and whether it should be the last, was for some time a question, to which Catherine listened with a beating heart. To have her acquaintance with the Tilneys end so soon, was an evil which nothing could counterbalance. Her whole happiness seemed at stake, while the affair was in suspense, and everything secured when it was determined that the lodgings should be taken for another fortnight. What this additional fortnight was to produce to her beyond the pleasure of sometimes seeing Henry Tilney, made but a small part of Catherine's speculation. Once or twice indeed, since James's engagement had taught her what could be done, she had got so far as to indulge in a secret "perhaps," but in general the felicity of being with him for the present bounded her views: the present was now comprised in another three weeks, and her happiness being certain for that period, the rest of her life was at such a distance as to excite but little interest. In the course of the morning which saw this business arranged, she visited Miss Tilney, and poured forth her joyful feelings. It was doomed to be a day of trial. No sooner had she expressed her delight in Mr. Allen's lengthened stay, than Miss Tilney told her of her father's having just determined upon quitting Bath by the end of another week. Here was a blow! The past suspense of the morning had been ease and quiet to the present disappointment. Catherine's countenance fell, and in a voice of most sincere concern she echoed Miss Tilney's concluding words, "By the end of another week!"

"Yes, my father can seldom be prevailed on to give the waters what I think a fair trial. He has been disappointed of some friends' arrival whom he expected to meet here, and as he is now pretty well, is in a hurry to get home."

"I am very sorry for it," said Catherine dejectedly; "if I had known this before -"

"Perhaps," said Miss Tilney in an embarrassed manner, "you would be so good - it would make me very happy if -"

The entrance of her father put a stop to the civility, which Catherine was beginning to hope might introduce a desire of their corresponding. After addressing her with his usual politeness, he turned to his daughter and said, "Well, Eleanor, may I congratulate you on being successful in your application to your fair friend?"

"I was just beginning to make the request, sir, as you came in."

"Well, proceed by all means. I know how much your heart is in it. My daughter, Miss Morland," he continued, without leaving his daughter time to speak, "has been forming a very bold wish. We leave Bath, as she has perhaps told you, on Saturday se'nnight. A letter from my steward tells me that my presence is wanted at home; and being disappointed in my hope of seeing the Marquis of Longtown and General Courteney here, some of my very old friends, there is nothing to detain me longer in Bath. And could we carry our selfish point with you, we should leave it without a single regret. Can you, in short, be prevailed on to quit this scene of public triumph and oblige your friend Eleanor with your company in Gloucestershire? I am almost ashamed to make the request, though its presumption would certainly appear greater to every creature in Bath than yourself. Modesty such as yours - but not for the world would I pain it by open praise. If you can be induced to honour us with a visit, you will make us happy beyond expression. 'Tis true, we can offer you nothing like the gaieties of this lively place; we can tempt you neither by amusement nor splendour, for our mode of living, as you see, is plain and unpretending; yet no endeavours shall be wanting on our side to make Northanger Abbey not wholly disagreeable."

Northanger Abbey! - These were thrilling words, and wound up Catherine's feelings to the highest point of extasy. Her grateful and gratified heart could hardly restrain its expressions within the language of tolerable calmness. To receive so flattering an invitation! To have her company so warmly solicited! Every thing honourable and soothing, every present enjoyment, and every future hope was contained in it; and her acceptance, with only the saving clause of papa and mamma's approbation, was eagerly given. - "I will write home directly," said she, "and if they do not object, as I dare say they will not" -

General Tilney was not less sanguine, having already waited on her excellent friends in Pulteney-street, and obtained their sanction of his wishes. "Since they can consent to part with you," said he, "we may expect philosophy from all the world."

Miss Tilney was earnest, though gentle, in her secondary civilities, and the affair became in a few minutes as nearly settled, as this necessary reference to Fullerton would allow.

The circumstances of the morning had led Catherine's feelings through the varieties of suspense, security, and disappointment; but they were now safely lodged in perfect bliss; and with spirits elated to rapture, with Henry at her heart, and Northanger Abbey on her lips, she hurried home to write her letter. Mr. and Mrs. Morland, relying on the discretion of the friends to whom they had already entrusted their daughter, felt no doubt of the propriety of an acquaintance which had been formed under their eye, and sent therefore by return of post their ready consent to her visit in Gloucestershire. This indulgence, though not more than Catherine had hoped for, completed her conviction of being favoured beyond every other human creature, in friends and fortune, circumstance and chance. Every thing seemed to cooperate for her advantage. By the kindness of her first friends the Allens, she had been introduced into scenes, where pleasures of every kind had met her. Her feelings, her preferences had each known the happiness of a return. Wherever she felt attachment, she had been able to create it. The affection of Isabella was to be secured to her in a sister. The Tilneys, they, by whom above all, she desired to be favourably thought of, outstripped even her wishes in the flattering measures by which their intimacy was to be continued. She was to be their chosen visitor, she was to be for weeks under the same roof with the person whose society she mostly prized - and, in addition to all the rest, this roof was to be the roof of an abbey! - Her passion for ancient edifices was next in degree to her passion for Henry Tilney - and castles and abbies made usually the charm of those reveries which his image did not fill. To see and explore either the ramparts and keep of the one, or the cloisters of the other, had been for many weeks a darling wish, though to be more than the visitor of an hour, had seemed too nearly impossible for desire. And yet, this was to happen. With all the chances against her of house, hall, place, park, court, and cottage, Northanger turned up an abbey, and she was to be its inhabitant. Its long, damp passages, its narrow cells and ruined chapel, were to be within her daily reach, and she could not entirely subdue the hope of some traditional legends, some awful memorials of an injured and ill-fated nun.

It was wonderful that her friends should seem so little elated by the possession of such a home, that the consciousness of it should be so meekly borne. The power of early habit only could account for it. A distinction to which they had been born gave no pride. Their superiority of abode was no more to them than their superiority of person.

Many were the inquiries she was eager to make of Miss Tilney; but so active were her thoughts, that when these inquiries were answered, she was hardly more assured than before, of Northanger Abbey having been a richly-endowed convent at the time of the Reformation, of its having fallen into the hands of an ancestor of the Tilneys on its dissolution, of a large portion of the ancient building still making a part of the present dwelling although the rest was decayed, or of its standing low in a valley, sheltered from the north and east by rising woods of oak.

L'abbazia di Northanger


Volume II - capitolo 2 (17)


Gli Allen erano ormai arrivati alla sesta settimana del loro soggiorno a Bath, e per qualche tempo fu in discussione se dovesse essere l'ultima, questione che a Catherine faceva venire il batticuore. Veder concludere così preso la sua conoscenza con i Tilney era una sciagura che nulla avrebbe potuto compensare. Sembrava che fosse in gioco tutta la sua felicità, mentre la questione era ancora incerta, ma tutto si aggiustò quando fu deciso che l'alloggio sarebbe stato affittato per altri quindici giorni. Che cosa potessero produrre questi ulteriori quindici giorni, al di là del piacere di vedere qualche volta Henry Tilney, costituiva solo una piccola parte delle speculazioni di Catherine. In effetti, una volta o due, da quando il fidanzamento di James le aveva insegnato che cosa potesse accadere, si era spinta talmente lontano da indulgere in un intimo "forse", ma in generale la gioia di essere al momento con lui delimitava i suoi orizzonti; il presente era adesso racchiuso in altre tre settimane, e dato che all'interno di quel periodo la felicità era assicurata, il resto della sua vita era a una distanza tale da non suscitare in lei che un interesse minimo. Nel corso della mattinata in cui la faccenda fu sistemata, fece visita a Miss Tilney, e rese manifesti i propri gioiosi sentimenti. Ma era destino che quella giornata l'avrebbe messa a dura prova. Subito dopo avere espresso la sua contentezza per il prolungamento del soggiorno di Mr. Allen, Miss Tilney le disse che il padre aveva appena deciso di lasciare Bath entro la fine della settimana successiva. Era davvero una batosta! L'incertezza della mattinata era stata rose e fiori rispetto alla delusione di quel momento. Catherine impallidì, e con un tono sinceramente ansioso fece eco alle parole conclusive di Miss Tilney, "Entro la fine della prossima settimana!"

"Sì, raramente si riesce a convincere mio padre a dare alle acque il tempo che meritano. È rimasto deluso dal mancato arrivo di alcuni amici che si aspettava di incontrare qui, e dato che ora si sente abbastanza bene, ha fretta di tornare a casa."

"Mi dispiace molto", disse Catherine avvilita; "se l'avessi saputo prima..."

"Forse", disse Miss Tilney con un tono imbarazzato, "potreste essere così buona da... sarei felicissima se..."

L'ingresso del padre mise fine a quella gentilezza, che Catherine stava cominciando a sperare potesse significare un desiderio di restare in corrispondenza. Dopo essersi rivolto a lei con la solita cortesia, lui si girò verso la figlia e disse, "Be', Eleanor, posso congratularmi con te per aver avuto successo nella richiesta alla tua bella amica?"

"Stavo cominciando a chiederglielo, signore, proprio quando siete entrato."

"Be', allora puoi senz'altro procedere. So quanto ci tieni. Mia figlia, Miss Morland", proseguì, senza lasciare alla figlia il tempo di parlare, "ha formulato un desiderio molto audace. Come forse vi ha detto, lasceremo Bath sabato, da qui a una settimana. Il mio amministratore mi dice in una lettera che c'è bisogno della mia presenza a casa e, dato che sono andate deluse le mie speranze di poter incontrare qui il marchese di Longtown e il generale Courteney, due dei miei più vecchi amici, non c'è nulla che mi trattenga ancora a Bath. E se potessimo soddisfare il nostro egoistico desiderio, partiremmo senza nessun rimpianto. Possiamo, in breve, convincervi ad abbandonare questa scena di pubblico trionfo e a favorire la vostra amica Eleanor con la vostra compagnia nel Gloucestershire? Quasi mi vergogno a fare questa richiesta, anche se apparirebbe di certo più presuntuosa a chiunque qui a Bath rispetto a voi. Una modestia come la vostra... ma non voglio per nulla al mondo mettervi in imbarazzo elogiandovi apertamente. Se poteste essere indotta a farci l'onore di una visita, ci fareste felicissimi. È vero, non possiamo offrirvi nulla che somigli alle attrazioni di questo posto così vivace; non possiamo tentarvi né con divertimenti, né con sfarzo, poiché il nostro tenore di vita, come vedete, è semplice e senza pretese; ma non ci risparmieremo nessuno sforzo per rendere l'abbazia di Northanger non del tutto sgradevole." (1)

L'abbazia di Northanger! Erano parole davvero eccitanti, e Catherine si sentì all'apice dell'estasi. Il suo cuore pieno di gioia e gratitudine riusciva a malapena a contenersi in un linguaggio di accettabile tranquillità. Ricevere un invito così lusinghiero! La sua compagnia sollecitata con tanto calore! Era qualcosa che racchiudeva in sé tutto ciò che poteva essere considerato un onore e una consolazione, ogni gioia presente e ogni speranza futura; e il suo assenso, con la sola clausola dell'approvazione di papà e mamma, fu dato con ardore. "Scriverò subito a casa", disse, "e se non avranno obiezioni, come sono convinta che sarà..."

Il generale Tilney non era meno ottimista, dato che si era già recato dagli eccellenti amici di Pulteney Street, e aveva ottenuto il loro assenso ai suoi desideri. "Visto che loro possono sopportare di separarsi da voi", disse, "possiamo aspettarci una pari filosofia dal resto del mondo."

Miss Tilney fu calorosa, anche se con garbo, nei convenevoli che seguirono, e la faccenda fu quasi sistemata, per quanto poteva essere possibile data la necessità di rivolgersi a Fullerton.

Gli avvenimenti della mattinata avevano condotto i sentimenti di Catherine attraverso diverse fasi di incertezza, sicurezza e delusione; ma ora si sentiva saldamente attestata in una perfetta beatitudine; e con l'animo esaltato fino all'estasi, con Henry nel cuore, e l'abbazia di Northanger sulle labbra, corse a casa per scrivere la sua lettera. Mr. e Mrs. Morland, certi della saggezza di amici ai quali avevano già affidato la figlia, non ebbero nessun dubbio sull'appropriatezza di una conoscenza che si era formata davanti al loro occhi, e mandarono quindi a stretto giro di posta il loro pronto assenso alla visita nel Gloucestershire. Questa indulgenza, sebbene non fosse nulla di diverso da quanto Catherine avesse sperato, la convinse ancora di più di essere stata favorita più di qualsiasi altra creatura al mondo quanto agli amici e alla sorte, alle circostanze e al caso. Tutto sembrava andare a suo vantaggio. La gentilezza dei suoi primi amici, gli Allen, l'aveva introdotta in ambienti in cui aveva goduto di piaceri di ogni genere. I suoi sentimenti, le sue predilezioni avevano avuto la gioia di essere ricambiati. Ovunque avesse provato un'attrazione, era stata in grado di suscitarla. L'affetto di Isabella se l'era ormai assicurato come cognata. I Tilney, loro, dai quali sopra tutti gli altri aveva desiderato di essere stimata, erano andati al di là dei suoi desideri nel modo lusinghiero con il quale avevano permesso di far continuare la loro intimità. Avevano scelto lei come ospite, sarebbe stata per settimane sotto lo stesso tetto con la persona la cui compagnia apprezzava di più, e, in aggiunta a tutto il resto, il tetto sarebbe stato quello di un'abbazia! La sua passione per gli edifici antichi era quella che veniva subito dopo la passione per Henry Tilney, e castelli e abbazie erano di solito l'incanto di quei sogni a occhi aperti non esauriti dall'immagine di lui. Vedere ed esplorare i bastioni e i torrioni degli uni, o i chiostri delle altre, era stato per molte settimane il suo desiderio prediletto, anche se esserne più della visitatrice di un'ora era sembrato quasi impossibile da sperare. E invece, stava per accadere. Con tutte le possibilità contrarie che aveva avuto, che fosse una casa, un palazzo, una residenza, una villa di campagna, un maniero o un cottage, Northanger si era rivelata un'abbazia, e lei l'avrebbe abitata. I suoi lunghi e umidi corridoi, le celle strette e la cappella in rovina, sarebbero state quotidianamente a portata di mano, e lei non riusciva a frenare la speranza di una qualche antica leggenda, di orribili cronache di una suora offesa e sventurata.

Era sorprendente come i suoi amici fossero così poco eccitati dal possesso di una casa del genere, che una tale consapevolezza dovesse essere riconosciuta con tanta modestia. Solo la forza dell'abitudine poteva giustificarlo. Un privilegio di cui si gode dalla nascita non produce orgoglio. La superiorità della dimora non era per loro nulla di più della loro stessa superiorità come persone.

Molte erano le domande che era ansiosa di fare a Miss Tilney; ma i suoi pensieri erano così agitati, che quando ebbe risposte a quelle domande, fu per nulla di più che essere informata che l'abbazia di Northanger era stato un convento molto prospero al tempo della Riforma, che una volta sconsacrata era finita nelle mani di un antenato dei Tilney, che una notevole porzione dell'edificio antico faceva ancora parte della dimora attuale, anche se il resto era andato distrutto, o che si trovava in fondo a una valle, riparata a nord e a est da pendici ricoperte di boschi di querce.



(1) Qui e in seguito, così come nel titolo, ho preferito tradurre letteralmente "Northanger Abbey", che in realtà è il nome di una dimora che ha mantenuto "Abbey" solo perché era una vecchia abbazia secolarizzata, per lasciare inalterato anche in italiano il fascino di antico e misterioso che il nome "abbazia" ha su Catherine.
Con il "First Suppression Act" del 1536 e il "Second Suppression Act" del 1539, emanati dopo la separazione della Chiesa d'Inghilterra da quella di Roma durante il regno di Enrico VIII, tutti gli istituti monastici vennero soppressi e le loro ricchezze accorpate dalla Corona; in seguito, molti edifici, in molti casi quello che ne restava dopo anni di abbandono, vennero via via venduti a ricchi proprietari terrieri. Nella parte dedicata a Enrico VIII della sua "History of England", JA, con lo stile parodico di questo esilarante excursus nella storia inglese, ne parla in questi termini "I Crimini e i Misfatti di questo Principe, sono stati troppo numerosi per essere menzionati (come questo testo credo abbia pienamente dimostrato); e nulla può dirsi in sua discolpa, se non che l'abolizione degli Edifici Religiosi e il loro abbandono al rovinoso saccheggio del tempo è stato qualcosa di infinitamente utile al paesaggio Inglese nel suo complesso, il che è stato probabilmente il motivo principale per cui lo fece, altrimenti perché un Uomo che non aveva Religione si sarebbe preso la briga di abolirne una che da Secoli era radicata nel Regno?"

     |     romanzi canonici     |     home page     |