Jane Austen
Emma
Volume III - capitolo 10 (46)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Emma


Volume III - Chapter 10 (46)


One morning, about ten days after Mrs. Churchill's decease, Emma was called down stairs to Mr. Weston, who "could not stay five minutes, and wanted particularly to speak with her." - He met her at the parlour-door, and hardly asking her how she did, in the natural key of his voice, sunk it immediately, to say, unheard by her father,

"Can you come to Randalls at any time this morning? - Do, if it be possible. Mrs. Weston wants to see you. She must see you."

"Is she unwell?"

"No, no, not at all - only a little agitated. She would have ordered the carriage, and come to you, but she must see you alone, and that you know - (nodding towards her father) - Humph! - Can you come?"

"Certainly. This moment, if you please. It is impossible to refuse what you ask in such a way. But what can be the matter? - Is she really not ill?"

"Depend upon me - but ask no more questions. You will know it all in time. The most unaccountable business! But hush, hush!"

To guess what all this meant, was impossible even for Emma. Something really important seemed announced by his looks; but, as her friend was well, she endeavoured not to be uneasy, and settling it with her father, that she would take her walk now, she and Mr. Weston were soon out of the house together, and on their way at a quick pace for Randalls.

"Now," - said Emma, when they were fairly beyond the sweep gates, - "now Mr. Weston, do let me know what has happened."

"No, no," - he gravely replied. - "Don't ask me. I promised my wife to leave it all to her. She will break it to you better than I can. Do not be impatient, Emma; it will all come out too soon."

"Break it to me," cried Emma, standing still with terror. - "Good God! - Mr. Weston, tell me at once. - Something has happened in Brunswick Square. I know it has. Tell me, I charge you tell me this moment what it is."

"No, indeed you are mistaken." -

"Mr. Weston do not trifle with me. - Consider how many of my dearest friends are now in Brunswick Square. Which of them is it? - I charge you by all that is sacred, not to attempt concealment."

"Upon my word, Emma." -

"Your word! - why not your honour! - why not say upon your honour, that it has nothing to do with any of them? Good Heavens! - What can be to be broke to me, that does not relate to one of that family?"

"Upon my honour," said he very seriously, "it does not. It is not in the smallest degree connected with any human being of the name of Knightley."

Emma's courage returned, and she walked on.

"I was wrong," he continued, "in talking of its being broke to you. I should not have used the expression. In fact, it does not concern you - it concerns only myself, - that is, we hope. - Humph! - In short, my dear Emma, there is no occasion to be so uneasy about it. I don't say that it is not a disagreeable business - but things might be much worse. - If we walk fast, we shall soon be at Randalls."

Emma found that she must wait; and now it required little effort. She asked no more questions therefore, merely employed her own fancy, and that soon pointed out to her the probability of its being some money concern - something just come to light, of a disagreeable nature in the circumstances of the family, - something which the late event at Richmond had brought forward. Her fancy was very active. Half a dozen natural children, perhaps - and poor Frank cut off! - This, though very undesirable, would be no matter of agony to her. It inspired little more than an animating curiosity.

"Who is that gentleman on horse-back?" said she, as they proceeded - speaking more to assist Mr. Weston in keeping his secret, than with any other view.

"I do not know. - One of the Otways. - Not Frank; - it is not Frank, I assure you. You will not see him. He is half way to Windsor by this time."

"Has your son been with you, then?"

"Oh! yes - did not you know? - Well, well, never mind."

For a moment he was silent; and then added, in a tone much more guarded and demure,

"Yes, Frank came over this morning, just to ask us how we did."

They hurried on, and were speedily at Randalls, - "Well, my dear," said he, as they entered the room -"I have brought her, and now I hope you will soon be better. I shall leave you together. There is no use in delay. I shall not be far off, if you want me." - And Emma distinctly heard him add, in a lower tone, before he quitted the room, - "I have been as good as my word. She has not the least idea."

Mrs. Weston was looking so ill, and had an air of so much perturbation, that Emma's uneasiness increased; and the moment they were alone, she eagerly said,

"What is it my dear friend? Something of a very unpleasant nature, I find, has occurred; - do let me know directly what it is. I have been walking all this way in complete suspense. We both abhor suspense. Do not let mine continue longer. It will do you good to speak of your distress, whatever it may be."

"Have you indeed no idea?" said Mrs. Weston in a trembling voice. "Cannot you, my dear Emma - cannot you form a guess as to what you are to hear?"

"So far as that it relates to Mr. Frank Churchill, I do guess."

"You are right. It does relate to him, and I will tell you directly;" (resuming her work, and seeming resolved against looking up.) "He has been here this very morning, on a most extraordinary errand. It is impossible to express our surprise. He came to speak to his father on a subject, - to announce an attachment -"

She stopped to breathe. Emma thought first of herself, and then of Harriet.

"More than an attachment, indeed," resumed Mrs. Weston; "an engagement - a positive engagement. - What will you say, Emma - what will anybody say, when it is known that Frank Churchill and Miss Fairfax are engaged; - nay, that they have been long engaged!"

Emma even jumped with surprise; - and, horror-struck, exclaimed,

"Jane Fairfax! - Good God! You are not serious? You do not mean it?"

"You may well be amazed," returned Mrs. Weston, still averting her eyes, and talking on with eagerness, that Emma might have time to recover - "You may well be amazed. But it is even so. There has been a solemn engagement between them ever since October - formed at Weymouth, and kept a secret from everybody. Not a creature knowing it but themselves - neither the Campbells, nor her family, nor his. - It is so wonderful, that though perfectly convinced of the fact, it is yet almost incredible to myself. I can hardly believe it. - I thought I knew him."

Emma scarcely heard what was said. - Her mind was divided between two ideas - her own former conversations with him about Miss Fairfax; and poor Harriet; - and for some time she could only exclaim, and require confirmation, repeated confirmation.

"Well," said she at last, trying to recover herself; "this is a circumstance which I must think of at least half a day, before I can at all comprehend it. What! - engaged to her all the winter - before either of them came to Highbury?"

"Engaged since October, - secretly engaged. - It has hurt me, Emma, very much. It has hurt his father equally. Some part of his conduct we cannot excuse."

Emma pondered a moment, and then replied, "I will not pretend not to understand you; and to give you all the relief in my power, be assured that no such effect has followed his attentions to me, as you are apprehensive of."

Mrs. Weston looked up, afraid to believe; but Emma's countenance was as steady as her words.

"That you may have less difficulty in believing this boast, of my present perfect indifference," she continued, "I will farther tell you, that there was a period in the early part of our acquaintance, when I did like him, when I was very much disposed to be attached to him - nay, was attached - and how it came to cease, is perhaps the wonder. Fortunately, however, it did cease. I have really for some time past, for at least these three months, cared nothing about him. You may believe me, Mrs. Weston. This is the simple truth."

Mrs. Weston kissed her with tears of joy; and when she could find utterance, assured her, that this protestation had done her more good than any thing else in the world could do.

"Mr. Weston will be almost as much relieved as myself," said she. "On this point we have been wretched. It was our darling wish that you might be attached to each other - and we were persuaded that it was so. - Imagine what we have been feeling on your account."

"I have escaped; and that I should escape, may be a matter of grateful wonder to you and myself. But this does not acquit him, Mrs. Weston; and I must say, that I think him greatly to blame. What right had he to come among us with affection and faith engaged, and with manners so very disengaged? What right had he to endeavour to please, as he certainly did - to distinguish any one young woman with persevering attention, as he certainly did - while he really belonged to another? - How could he tell what mischief he might be doing? - How could he tell that he might not be making me in love with him? - very wrong, very wrong indeed."

"From something that he said, my dear Emma, I rather imagine -"

"And how could she bear such behaviour! Composure with a witness! to look on, while repeated attentions were offering to another woman, before her face, and not resent it. - That is a degree of placidity, which I can neither comprehend nor respect."

"There were misunderstandings between them, Emma; he said so expressly. He had not time to enter into much explanation. He was here only a quarter of an hour, and in a state of agitation which did not allow the full use even of the time he could stay - but that there had been misunderstandings he decidedly said. The present crisis, indeed, seemed to be brought on by them; and those misunderstandings might very possibly arise from the impropriety of his conduct."

"Impropriety! Oh! Mrs. Weston - it is too calm a censure. Much, much beyond impropriety! - It has sunk him, I cannot say how it has sunk him in my opinion. So unlike what a man should be! - None of that upright integrity, that strict adherence to truth and principle, that disdain of trick and littleness, which a man should display in every transaction of his life."

"Nay, dear Emma, now I must take his part; for though he has been wrong in this instance, I have known him long enough to answer for his having many, very many, good qualities; and -"

"Good God!" cried Emma, not attending to her. - "Mrs. Smallridge, too! Jane actually on the point of going as governess! What could he mean by such horrible indelicacy? To suffer her to engage herself - to suffer her even to think of such a measure!"

"He knew nothing about it, Emma. On this article I can fully acquit him. It was a private resolution of her's, not communicated to him - or at least not communicated in a way to carry conviction. - Till yesterday, I know he said he was in the dark as to her plans. They burst on him, I do not know how, but by some letter or message - and it was the discovery of what she was doing, of this very project of her's, which determined him to come forward at once, own it all to his uncle, throw himself on his kindness, and, in short, put an end to the miserable state of concealment that had been carrying on so long."

Emma began to listen better.

"I am to hear from him soon," continued Mrs. Weston. "He told me at parting, that he should soon write; and he spoke in a manner which seemed to promise me many particulars that could not be given now. Let us wait, therefore, for this letter. It may bring many extenuations. It may make many things intelligible and excusable which now are not to be understood. Don't let us be severe, don't let us be in a hurry to condemn him. Let us have patience. I must love him; and now that I am satisfied on one point, the one material point, I am sincerely anxious for its all turning out well, and ready to hope that it may. They must both have suffered a great deal under such a system of secresy and concealment."

"His sufferings," replied Emma dryly, "do not appear to have done him much harm. Well, and how did Mr. Churchill take it?"

"Most favourably for his nephew - gave his consent with scarcely a difficulty. Conceive what the events of a week have done in that family! While poor Mrs. Churchill lived, I suppose there could not have been a hope, a chance, a possibility; - but scarcely are her remains at rest in the family vault, than her husband is persuaded to act exactly opposite to what she would have required. What a blessing it is, when undue influence does not survive the grave! - He gave his consent with very little persuasion."

"Ah!" thought Emma, "he would have done as much for Harriet."

"This was settled last night, and Frank was off with the light this morning. He stopped at Highbury, at the Bates's, I fancy, some time - and then came on hither; but was in such a hurry to get back to his uncle, to whom he is just now more necessary than ever, that, as I tell you, he could stay with us but a quarter of an hour. - He was very much agitated - very much, indeed - to a degree that made him appear quite a different creature from any thing I had ever seen him before. - In addition to all the rest, there had been the shock of finding her so very unwell, which he had had no previous suspicion of - and there was every appearance of his having been feeling a great deal."

"And do you really believe the affair to have been carrying on with such perfect secresy? - The Campbells, the Dixons, did none of them know of the engagement?"

Emma could not speak the name of Dixon without a little blush.

"None; not one. He positively said that it had been known to no being in the world but their two selves."

"Well," said Emma, "I suppose we shall gradually grow reconciled to the idea, and I wish them very happy. But I shall always think it a very abominable sort of proceeding. What has it been but a system of hypocrisy and deceit, - espionage, and treachery? - To come among us with professions of openness and simplicity; and such a league in secret to judge us all! - Here have we been, the whole winter and spring, completely duped, fancying ourselves all on an equal footing of truth and honour, with two people in the midst of us who may have been carrying round, comparing and sitting in judgment on sentiments and words that were never meant for both to hear. - They must take the consequence, if they have heard each other spoken of in a way not perfectly agreeable!"

"I am quite easy on that head," replied Mrs. Weston. "I am very sure that I never said any thing of either to the other, which both might not have heard."

"You are in luck. - Your only blunder was confined to my ear, when you imagined a certain friend of our's in love with the lady."

"True. But as I have always had a thoroughly good opinion of Miss Fairfax, I never could, under any blunder, have spoken ill of her; and as to speaking ill of him, there I must have been safe."

At this moment Mr. Weston appeared at a little distance from the window, evidently on the watch. His wife gave him a look which invited him in; and, while he was coming round, added, "Now, dearest Emma, let me intreat you to say and look every thing that may set his heart at ease, and incline him to be satisfied with the match. Let us make the best of it - and, indeed, almost every thing may be fairly said in her favour. It is not a connexion to gratify; but if Mr. Churchill does not feel that, why should we? and it may be a very fortunate circumstance for him, for Frank, I mean, that he should have attached himself to a girl of such steadiness of character and good judgment as I have always given her credit for - and still am disposed to give her credit for, in spite of this one great deviation from the strict rule of right. And how much may be said in her situation for even that error!"

"Much, indeed!" cried Emma feelingly. "If a woman can ever be excused for thinking only of herself, it is in a situation like Jane Fairfax's. - Of such, one may almost say, that 'the world is not their's, nor the world's law.'"

She met Mr. Weston on his entrance, with a smiling countenance, exclaiming,

"A very pretty trick you have been playing me, upon my word! This was a device, I suppose, to sport with my curiosity, and exercise my talent of guessing. But you really frightened me. I thought you had lost half your property, at least. And here, instead of its being a matter of condolence, it turns out to be one of congratulation. - I congratulate you, Mr. Weston, with all my heart, on the prospect of having one of the most lovely and accomplished young women in England for your daughter."

A glance or two between him and his wife, convinced him that all was as right as this speech proclaimed; and its happy effect on his spirits was immediate. His air and voice recovered their usual briskness: he shook her heartily and gratefully by the hand, and entered on the subject in a manner to prove, that he now only wanted time and persuasion to think the engagement no very bad thing. His companions suggested only what could palliate imprudence, or smooth objections; and by the time they had talked it all over together, and he had talked it all over again with Emma, in their walk back to Hartfield, he was become perfectly reconciled, and not far from thinking it the very best thing that Frank could possibly have done.

Emma


Volume III - capitolo 10 (46)


Un mattino, circa dieci giorni dopo il decesso di Mrs. Churchill, Emma fu chiamata di sotto da Mr. Weston, che "non poteva restare più di cinque minuti, e voleva parlare personalmente con lei." Si incontrarono in salotto, e, dopo averle a malapena chiesto come stava, con un tono naturale di voce, l'abbassò immediatamente per dire, senza farsi sentire dal padre,

"Potete venire a Randalls stamattina, a qualsiasi ora? Venite, se vi è possibile. Mrs. Weston vuole vedervi. Deve vedervi."

"Non sta bene?"

"No, no, nient'affatto, è solo un po' agitata. Avrebbe voluto ordinare la carrozza e venire da voi, ma vuole vedervi da sola, e questo, sapete... (accennando al padre). Ehm! Potete venire?"

"Certo. In questo momento, se volete. È impossibile rifiutare quello che state chiedendo in questo modo. Ma che cosa è successo? Davvero non è ammalata?"

"Credetemi... ma non fatemi altre domande. Saprete tutto a suo tempo. Una faccenda davvero inspiegabile! Ma silenzio, silenzio!"

Indovinare che cosa significasse tutto questo era impossibile persino per Emma. Il suo sguardo denunciava qualcosa di realmente importante, ma dato che l'amica stava bene lei si sforzo di non sentirsi a disagio, e, stabilito con il padre che sarebbe andata subito a fare la sua passeggiata, lei e Mr. Weston uscirono immediatamente insieme, e si avviarono di buon passo verso Randalls.

"Ora", disse Emma, una volta arrivati a distanza di sicurezza dal cancello, "ora, Mr. Weston, ditemi che cosa è successo."

"No, no", rispose lui con gravità. "Non chiedetemelo. Ho promesso a mia moglie di lasciare tutto a lei. Ve lo rivelerà meglio di quanto possa fare io. Non siate impaziente, Emma; verrà fuori tutto fin troppo presto."

"Rivelarmelo!", esclamò Emma, fermandosi terrorizzata. "Buon Dio! Mr. Weston, ditemelo subito. È successo qualcosa a Brunswick Square. So che è così. Ditemelo, vi prego di dirmi immediatamente di che si tratta."

"Ma no, davvero, vi state sbagliando."

"Mr. Weston, non scherzate con me. Pensate a quante tra le persone che mi sono più care sono a Brunswick Square in questo momento. Di chi si tratta? Vi prego, su tutto ciò che è sacro, di non cercare di nascondermelo."

"Parola mia, Emma..."

"La vostra parola! perché non il vostro onore! perché non dire sul vostro onore che la faccenda non ha nulla a che fare con loro? Santo cielo! Che cosa può essermi mai rivelato che non riguardi qualcuno della mia famiglia?"

"Sul mio onore", disse lui molto serio, "non è così. Non c'è nessuna relazione con qualsiasi essere umano che porti il nome dei Knightley."

Emma riprese coraggio, e riprese a camminare.

"Ho sbagliato", proseguì lui, "a parlare di rivelarvelo. Non avrei dovuto usare quell'espressione. In effetti, la cosa non riguarda voi, riguarda solo me... cioè, lo speriamo. Ehm! In breve, mia cara Emma, non c'è nessun motivo per essere così preoccupata. Non dico che non sia una faccenda sgradevole... ma poteva anche andare molto peggio. Se camminiamo veloci, saremo presto a Randalls."

Emma capì che avrebbe dovuto aspettare, e ora la cosa richiedeva meno sforzo. Non fece quindi più domande, limitandosi a esercitare la fantasia, che la portò ben presto a immaginare che forse poteva trattarsi di qualcosa riguardante il denaro, qualcosa venuto appena alla luce, di natura sgradevole per la situazione familiare, qualcosa provocato dal recente evento a Richmond. La sua fantasia lavorava a pieno ritmo. Una mezza dozzina di figli naturali, forse, e il povero Frank tagliato fuori! Una cosa del genere, anche se molto spiacevole, non sarebbe stata per lei fonte di dolore. Le suscitava al più una viva curiosità.

"Chi è qual signore a cavallo?" disse lei, mentre procedevano, parlando più per aiutare Mr. Weston a mantenere il segreto che per altro.

"Non lo so. Uno degli Otway. Non Frank; non è Frank, ve l'assicuro. Non lo vedrete. In questo momento è a mezza strada per Windsor."

"Ma allora, vostro figlio è stato da voi?"

"Oh! sì, non lo sapevate? Be', be', non importa."

Per un istante lui rimase in silenzio, e poi aggiunse, con un tono di voce più controllato e dimesso,

"Sì, Frank è venuto stamattina, giusto per chiederci come stavamo."

Si affrettarono, e furono rapidamente a Randalls. "Be', mia cara", disse lui mentre entravano nella stanza, "te l'ho portata, e ora spero che ti sentirai meglio. Vi lascerò sole. Non c'è motivo di rimandare. Non sarò lontano, se avrete bisogno di me." Ed Emma lo sentì distintamente aggiungere, con un tono più basso, prima di lasciare la stanza, "Sono stato di parola. Non ne ha la minima idea."

Mrs. Weston aveva un aspetto talmente abbattuto, e un'aria così tanto turbata, che l'inquietudine di Emma crebbe, e nello stesso istante in cui rimasero da sole, disse con fervore,

"Che c'è, amica mia? Vedo che è successo qualcosa di natura molto spiacevole; ditemi subito che cosa. Ho fatto tutta la strada in totale incertezza. Entrambe detestiamo l'incertezza. Non fate continuare a lungo la mia. Vi farà bene parlare della cosa che vi angustia, quale che sia."

"Non ne hai davvero idea?" disse Mrs. Weston con voce tremante. "Non riesci, mia cara Emma... non riesci a fare nessuna ipotesi su quello che stai per sentire?"

"Devo limitarmi a supporre che riguardi Mr. Frank Churchill."

"Hai ragione. Riguarda lui, e te lo dirò subito", riprendendo il lavoro, e con l'aria di aver deciso di non alzare lo sguardo; "È stato qui proprio stamattina, con una notizia davvero straordinaria. È impossibile esprimere la nostra sorpresa. È venuto per parlare al padre di una faccenda... per annunciare un legame sentimentale..."

Si fermò con un sospiro. Emma pensò dapprima a se stessa, e poi a Harriet.

"Più di un legame sentimentale, in verità", riprese Mrs. Weston; "un fidanzamento, un vero e proprio fidanzamento. Che dirai, Emma... che cosa diranno tutti, quando si saprà che Frank Churchill e Miss Fairfax sono fidanzati; anzi, che sono da tempo fidanzati!"

Emma sobbalzò dalla sorpresa, e, inorridita, esclamò,

"Jane Fairfax! Buon Dio! Dite sul serio? Non intenderete proprio questo?"

"Puoi ben essere sbalordita", replicò Mrs. Weston, sempre evitando il suo sguardo, e parlando con fervore, affinché Emma potesse avere il tempo di riprendersi. "Puoi ben essere sbalordita. Ma è proprio così. Tra loro c'è un formale fidanzamento sin da ottobre, a Weymouth, e tenuto segreto a tutti. Nessuno lo sapeva tranne loro; né i Campbell, né la famiglia di lei, né quella di lui. È così straordinario che, sebbene io ne sia ormai perfettamente convinta, mi sembra ancora quasi incredibile. Non riesco quasi a crederci. Credevo di conoscerlo."

Emma riusciva a stento a sentire ciò che stava dicendo l'amica. La sua mente si divideva tra due pensieri, le precedenti conversazioni avute con lui riguardo a Miss Fairfax, e la povera Harriet; e per un po' riuscì solo a esclamare qualcosa e a chiedere conferme, ripetute conferme.

"Be'", disse alla fine, cercando di riprendersi, "è una circostanza alla quale dovrò pensare almeno mezza giornata, prima di poterla comprendere appieno. Ma come! fidanzato con lei per tutto l'inverno, da prima che entrambi venissero a Highbury?"

"Fidanzati da ottobre, fidanzati in segreto. Mi ha ferito moltissimo, Emma. Allo stesso modo ha ferito il padre. Ci sono parti della sua condotta che non possiamo giustificare."

Emma rifletté per un istante, e poi rispose, "Non posso fingere di non capirvi, e, per fornirvi tutto il sollievo possibile, state certa che le sue attenzioni verso di me non hanno avuto nessun effetto per il quale dobbiate preoccuparvi."

Mrs. Weston alzò lo sguardo, esitando a crederci, ma l'espressione di Emma era ferma quanto le sue parole.

"Affinché abbiate meno difficoltà a credere alla pretesa circa la mia totale indifferenza attuale", proseguì Emma, "vi dirò anche che c'è stato un periodo, nei primi tempi della nostra amicizia, in cui mi sentivo molto incline a innamorarmi di lui, anzi ne ero innamorata, e forse la domanda da farsi è perché sia poi finito qual periodo. Comunque, per fortuna è finito. È da diverso tempo, da almeno da tre mesi, che non penso più a lui. Potete credermi, Mrs. Weston. È la pura verità."

Mrs. Weston la baciò tra lacrime di gioia; e quando riuscì a ritrovare la parola, le assicurò che quella solenne affermazione le aveva fatto più bene di qualsiasi altra cosa al mondo.

"Mr. Weston si sentirà sollevato quasi quanto me", disse. "È questo il punto che ci turbava così tanto. Che vi innamoraste l'uno dell'altra era il nostro desiderio prediletto, ed eravamo convinti che fosse così. Immagina quali sono stati i nostri sentimenti pensando a te."

"L'ho scampata, e che l'abbia scampata può essere materia di un grato stupore per voi e per me. Ma questo non assolve lui, Mrs. Weston; e devo dire che lo ritengo molto da biasimare. Che diritto aveva di venire tra noi con affetto e fedeltà impegnati, e con modi così tanto disimpegnati? Che diritto aveva di sforzarsi di piacere, come certamente ha fatto, di circondare una ragazza di continue attenzioni, come certamente ha fatto, quando in realtà apparteneva a un'altra? Come poteva ignorare i danni che avrebbe potuto causare? Come poteva sapere che non mi sarei innamorata di lui? Molto scorretto, davvero molto scorretto."

"Da qualcosa che ha detto, mia cara Emma, immagino piuttosto...

"E come ha potuto lei sopportare un comportamento del genere! Una compostezza straordinaria! Stare a guardare mentre venivano tributate ripetute attenzioni a un'altra donna, davanti a lei, e non fare una piega. È un livello di placidità che non posso né comprendere né rispettare."

"Ci sono stati dei malintesi tra di loro, Emma; lui l'ha detto chiaramente. Non ha avuto il tempo di fornire molte spiegazioni. È rimasto solo per un quarto d'ora, ed era in uno stato di agitazione che non gli ha permesso nemmeno di usare appieno il tempo in cui è potuto restare; ma che ci fossero stati dei malintesi l'ha detto chiaramente. La crisi attuale, in realtà, sembra che sia stata provocata da quei malintesi, che molto probabilmente erano nati a causa della sua condotta inappropriata."

"Inappropriata! Oh! Mrs. Weston, è una critica un po' troppo blanda. Molto, molto più di inappropriata! L'ha fatto crollare, non so dire quanto lo ha fatto crollare nella mia stima. Così diverso da ciò che dovrebbe essere un uomo! Nulla di quella onesta integrità, di quella stretta aderenza alla verità e ai principi, che disdegna sotterfugi e meschinità e che un uomo dovrebbe dimostrare in ogni atto della propria vita."

"Via, cara Emma, ora devo prendere le sue parti, perché sebbene in questo caso abbia sbagliato, lo conosco da tempo sufficiente per garantire che ha molte, moltissime buone qualità; e..."

"Buon Dio!" esclamò Emma, senza badarle. "E Mrs. Smallridge, poi! Jane sul punto di andar via come istitutrice! Che cosa mai aveva intenzione di dimostrare con un'indelicatezza talmente orribile? Tollerare che lei si impegnasse... tollerare persino il pensiero di una misura del genere!"

"Lui non ne sapeva nulla, Emma. Su questo punto sono in grado di assolverlo completamente. È stata una decisione presa esclusivamente da lei, senza comunicargliela... o almeno senza comunicargliela in modo chiaro. So che ha detto di essere stato all'oscuro di quei piani fino a ieri. Gli sono piombati addosso, non so come, con una lettera o un biglietto, ed è stata la scoperta di quello che lei stava facendo, del progetto che stava mettendo in atto, che l'ha fatto decidere a farsi avanti subito, confessando tutto allo zio, rimettendosi alla sua bontà, e, in breve, mettendo fine a quel penoso stato di dissimulazione che si era trascinato così a lungo."

Emma cominciò a stare più attenta.

"Avrò presto sue notizie", proseguì Mrs. Weston. "Quando è partito, mi ha detto che avrebbe scritto presto; e lo ha detto in un modo che sembrava promettermi particolari che non potevano essere forniti in quel momento. Aspettiamo quindi la sua lettera. Potrebbe contenere delle attenuanti. Potrebbe rendere comprensibili e giustificabili molte cose che adesso non riusciamo a capire. Non mostriamoci così severe, non affrettiamoci a condannarlo. Cerchiamo di avere pazienza. Io devo volergli bene, e ora che sono soddisfatta su un punto, l'unico punto importante, sono sinceramente ansiosa che tutto vada per il meglio, e pronta a sperare che sia così. Entrambi devono aver molto sofferto il peso di questo periodo di segretezza e dissimulazione."

"A Lui", replicò Emma, "non sembra che queste sofferenze abbiano arrecato molto danno. Be', e come l'ha presa Mr. Churchill?"

"Nel modo più favorevole al nipote; ha dato il suo consenso senza difficoltà. Pensa a quali avvenimenti sono successi in quella famiglia nell'arco di una settimana! Quando la povera Mrs. Churchill era ancora viva, suppongo che non avrebbe potuto esserci una speranza, una probabilità, una possibilità; ma non appena i suoi resti sono nella tomba di famiglia, ecco che il marito si lascia convincere ad agire in modo esattamente opposto a quello che avrebbe voluto lei. Che benedizione, quando una indebita influenza non sopravvive alla morte! Lui ha dato il suo consenso praticamente subito."

"Ah!" pensò Emma, "l'avrebbe dato anche per Harriet."

"Questo è successo ieri sera, e Frank si è messo in viaggio alle prime luci dell'alba. Immagino che si sia fermato un po' a Highbury, dalle Bates, e poi è venuto qui; ma aveva una tale premura di tornare dallo zio, al quale in questo momento è più necessario che mai, che, come ti ho detto, è potuto restare solo un quarto d'ora. Era molto agitato, davvero moltissimo, a un livello che lo faceva sembrare una creatura del tutto diversa da quella che avevo sempre visto. In aggiunta a tutto il resto, c'era stato il colpo di trovarla così ammalata, cosa della quale non aveva avuto nessun sospetto in precedenza, e mi è sembrato davvero che ne fosse rimasto colpito moltissimo."

"E credete davvero che la faccenda sia stata condotta con perfetta segretezza? I Campbell, i Dixon, nessuno di loro sapeva del fidanzamento?"

Emma non poté pronunciare il nome dei Dixon senza un lieve rossore.

"Nessuno; nemmeno uno. Ha detto chiaramente che non lo sapeva nessuno se non loro due."

"Be'", disse Emma, "suppongo che man mano ci adatteremo all'idea, e auguro loro di essere molto felici. Ma penserò sempre che è stato un modo di procedere assolutamente abominevole. Che cosa è stata, se non una rete di ipocrisie e inganni, di stratagemmi e slealtà? Venire tra noi professando franchezza e semplicità; e una simile alleanza in segreto per giudicarci tutti! Per tutto l'inverno e la primavera siamo stati completamente imbrogliati, pensando di essere su un terreno comune di verità e onore, con tra noi due persone che se ne andavano in giro facendo confronti ed ergendosi a giudici su sentimenti e parole che non erano intesi per le orecchie di entrambi. Dovranno subirne le conseguenze, se hanno sentito parlare l'uno dell'altra in un modo non del tutto piacevole!"

"Su questo sono perfettamente tranquilla", replicò Mrs. Weston. "Sono sicurissima di non aver mai detto all'uno o all'altra nulla che non avrebbero potuto sentire entrambi."

"Siete fortunata. La vostra unica cantonata è rimasta confinata alle mie orecchie, quando avete immaginato che un certo nostro amico fosse innamorato della signorina."

"Vero. Ma dato che ho sempre avuto piena stima di Miss Fairfax, non avrei mai potuto, per quanto in errore, parlare male di lei, e quanto al parlare male di lui, non correvo certo questo rischio."

In quel momento Mr. Weston apparve a breve distanza dalla finestra, evidentemente in ansiosa attesa. La moglie gli lanciò un'occhiata per invitarlo a entrare, e, mentre lui faceva il giro, aggiunse, "Ora, carissima Emma, ti supplico di dire e fare tutto ciò che possa tranquillizzarlo e convincerlo a essere contento di questa unione. Cerchiamo di prendere la cosa nel verso migliore, e, in effetti, sul conto di lei quasi tutto quello che si può dire e a suo favore. Non è un legame che soddisfi in pieno, ma se non ci fa caso Mr. Churchill perché dovremmo farlo noi? E per lui, per Frank intendo, può essere una fortuna essersi innamorato di una ragazza con quella fermezza di carattere e buonsenso che ho sempre riconosciuto in lei, e sono ancora disposta a farlo, nonostante questa unica grande deviazione dalla retta via. E quanto si potrebbe dire sulla sua situazione per attenuare la portata di quell'errore!"

"Molto, davvero!" esclamo Emma con passione. "Se una donna può mai essere scusata per pensare solo a se stessa, è una nella situazione di Jane Fairfax. Di persone simili si può quasi dire che «il mondo non è dalla loro parte, né la legge del mondo.»" (1)

Andò alla porta ad accogliere Mr. Weston, esclamando con espressione sorridente

"Mi avete giocato un bel tiro, parola mia! Suppongo che sia stato un modo per stuzzicare la mia curiosità, ed esercitare le mie qualità di indovina. Ma mi avete davvero spaventata. Pensavo che aveste perso almeno metà delle vostre proprietà. Ed ecco che, invece di compiangervi, devo farvi le mie congratulazioni. Mi congratulo con voi, Mr. Weston, con tutto il cuore, della prospettiva di avere come nuora una delle più amabili e colte giovani donne d'Inghilterra."

Un paio di occhiate tra lui e la moglie lo convinsero, mentre veniva fatto questo discorso, che era tutto a posto, e l'effetto positivo sul suo spirito fu immediato. Aspetto e voce recuperarono l'usuale vivacità; le strinse la mano con cordialità e riconoscenza, e affrontò l'argomento in un modo che dimostrava come ormai avesse solo bisogno di tempo e persuasione per ritenere che quel fidanzamento non fosse una cosa molto brutta. Le sue compagne suggerirono solo ciò che poteva mitigare l'imprudenza o minimizzare le obiezioni, e una volta che ne ebbero parlato tutti insieme, e che lui ne ebbe parlato con Emma mentre la riaccompagnava a Hartfield, si sentì pienamente riconciliato con quella situazione, e non era lontano dal pensare che fosse la cosa migliore che avrebbe potuto fare Frank.



(1) La citazione è liberamente tratta da Romeo e Giulietta, dove la frase è pronunciata da Romeo, rivolto allo speziale che deve fornirgli il veleno (V,i,71). Il verso originale della tragedia shakespeariana è "The world is not thy friend, nor the world's law." ("Il mondo non ti è amico, né la legge del mondo.")

     |     romanzi canonici     |     home page     |