Jane Austen
Emma
Volume II - capitolo 11 (29)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Emma


Volume II - Chapter 11 (29)


It may be possible to do without dancing entirely. Instances have been known of young people passing many, many months successively, without being at any ball of any description, and no material injury accrue either to body or mind; - but when a beginning is made - when the felicities of rapid motion have once been, though slightly, felt - it must be a very heavy set that does not ask for more.

Frank Churchill had danced once at Highbury, and longed to dance again; and the last half-hour of an evening which Mr. Woodhouse was persuaded to spend with his daughter at Randalls, was passed by the two young people in schemes on the subject. Frank's was the first idea; and his the greatest zeal in pursuing it; for the lady was the best judge of the difficulties, and the most solicitous for accommodation and appearance. But still she had inclination enough for shewing people again how delightfully Mr. Frank Churchill and Miss Woodhouse danced - for doing that in which she need not blush to compare herself with Jane Fairfax - and even for simple dancing itself, without any of the wicked aids of vanity - to assist him first in pacing out the room they were in to see what it could be made to hold - and then in taking the dimensions of the other parlour, in the hope of discovering, in spite of all that Mr. Weston could say of their exactly equal size, that it was a little the largest.

His first proposition and request, that the dance begun at Mr. Cole's should be finished there - that the same party should be collected, and the same musician engaged, met with the readiest acquiescence. Mr. Weston entered into the idea with thorough enjoyment, and Mrs. Weston most willingly undertook to play as long as they could wish to dance; and the interesting employment had followed, of reckoning up exactly who there would be, and portioning out the indispensable division of space to every couple.

"You and Miss Smith, and Miss Fairfax, will be three, and the two Miss Coxes five," had been repeated many times over. "And there will be the two Gilberts, young Cox, my father, and myself, besides Mr. Knightley. Yes, that will be quite enough for pleasure. You and Miss Smith, and Miss Fairfax, will be three, and the two Miss Coxes five; and for five couple there will be plenty of room."

But soon it came to be on one side,

"But will there be good room for five couple? - I really do not think there will."

On another,

"And after all, five couple are not enough to make it worth while to stand up. Five couple are nothing, when one thinks seriously about it. It will not do to invite five couple. It can be allowable only as the thought of the moment."

Somebody said that Miss Gilbert was expected at her brother's, and must be invited with the rest. Somebody else believed Mrs. Gilbert would have danced the other evening, if she had been asked. A word was put in for a second young Cox; and at last, Mr. Weston naming one family of cousins who must be included, and another of very old acquaintance who could not be left out, it became a certainty that the five couple would be at least ten, and a very interesting speculation in what possible manner they could be disposed of.

The doors of the two rooms were just opposite each other. "Might not they use both rooms, and dance across the passage?" It seemed the best scheme; and yet it was not so good but that many of them wanted a better. Emma said it would be awkward; Mrs. Weston was in distress about the supper; and Mr. Woodhouse opposed it earnestly, on the score of health. It made him so very unhappy, indeed, that it could not be persevered in.

"Oh! no," said he; "it would be the extreme of imprudence. I could not bear it for Emma! - Emma is not strong. She would catch a dreadful cold. So would poor little Harriet. So you would all. Mrs. Weston, you would be quite laid up; do not let them talk of such a wild thing. Pray do not let them talk of it. That young man (speaking lower) is very thoughtless. Do not tell his father, but that young man is not quite the thing. He has been opening the doors very often this evening, and keeping them open very inconsiderately. He does not think of the draught. I do not mean to set you against him, but indeed he is not quite the thing!"

Mrs. Weston was sorry for such a charge. She knew the importance of it, and said every thing in her power to do it away. Every door was now closed, the passage plan given up, and the first scheme of dancing only in the room they were in resorted to again; and with such good-will on Frank Churchill's part, that the space which a quarter of an hour before had been deemed barely sufficient for five couple, was now endeavoured to be made out quite enough for ten.

"We were too magnificent," said he. "We allowed unnecessary room. Ten couple may stand here very well."

Emma demurred. "It would be a crowd - a sad crowd; and what could be worse than dancing without space to turn in?"

"Very true," he gravely replied; "it was very bad." But still he went on measuring, and still he ended with,

"I think there will be very tolerable room for ten couple."

"No, no," said she, "you are quite unreasonable. It would be dreadful to be standing so close! Nothing can be farther from pleasure than to be dancing in a crowd - and a crowd in a little room!"

"There is no denying it," he replied. "I agree with you exactly. A crowd in a little room - Miss Woodhouse, you have the art of giving pictures in a few words. Exquisite, quite exquisite! - Still, however, having proceeded so far, one is unwilling to give the matter up. It would be a disappointment to my father - and altogether - I do not know that - I am rather of opinion that ten couple might stand here very well."

Emma perceived that the nature of his gallantry was a little self-willed, and that he would rather oppose than lose the pleasure of dancing with her; but she took the compliment, and forgave the rest. Had she intended ever to marry him, it might have been worth while to pause and consider, and try to understand the value of his preference, and the character of his temper; but for all the purposes of their acquaintance, he was quite amiable enough.

Before the middle of the next day, he was at Hartfield; and he entered the room with such an agreeable smile as certified the continuance of the scheme. It soon appeared that he came to announce an improvement.

"Well, Miss Woodhouse," he almost immediately began, "your inclination for dancing has not been quite frightened away, I hope, by the terrors of my father's little rooms. I bring a new proposal on the subject: - a thought of my father's, which waits only your approbation to be acted upon. May I hope for the honour of your hand for the two first dances of this little projected ball, to be given, not at Randalls, but at the Crown Inn?"

"The Crown!"

"Yes; if you and Mr. Woodhouse see no objection, and I trust you cannot, my father hopes his friends will be so kind as to visit him there. Better accommodations, he can promise them, and not a less grateful welcome than at Randalls. It is his own idea. Mrs. Weston sees no objection to it, provided you are satisfied. This is what we all feel. Oh! you were perfectly right! Ten couple, in either of the Randalls rooms, would have been insufferable! - Dreadful! - I felt how right you were the whole time, but was too anxious for securing any thing to like to yield. Is not it a good exchange? - You consent - I hope you consent?"

"It appears to me a plan that nobody can object to, if Mr. and Mrs. Weston do not. I think it admirable; and, as far as I can answer for myself, shall be most happy - It seems the only improvement that could be. Papa, do you not think it an excellent improvement?"

She was obliged to repeat and explain it, before it was fully comprehended; and then, being quite new, further representations were necessary to make it acceptable.

"No; he thought it very far from an improvement - a very bad plan - much worse than the other. A room at an inn was always damp and dangerous; never properly aired, or fit to be inhabited. If they must dance, they had better dance at Randalls. He had never been in the room at the Crown in his life - did not know the people who kept it by sight. - Oh! no - a very bad plan. They would catch worse colds at the Crown than any where."

"I was going to observe, sir," said Frank Churchill, "that one of the great recommendations of this change would be the very little danger of any body's catching cold - so much less danger at the Crown than at Randalls! Mr. Perry might have reason to regret the alteration, but nobody else could."

"Sir," said Mr. Woodhouse, rather warmly, "you are very much mistaken if you suppose Mr. Perry to be that sort of character. Mr. Perry is extremely concerned when any of us are ill. But I do not understand how the room at the Crown can be safer for you than your father's house."

"From the very circumstance of its being larger, sir. We shall have no occasion to open the windows at all - not once the whole evening; and it is that dreadful habit of opening the windows, letting in cold air upon heated bodies, which (as you well know, sir) does the mischief."

"Open the windows! - but surely, Mr. Churchill, nobody would think of opening the windows at Randalls. Nobody could be so imprudent! I never heard of such a thing. Dancing with open windows! - I am sure, neither your father nor Mrs. Weston (poor Miss Taylor that was) would suffer it."

"Ah! sir - but a thoughtless young person will sometimes step behind a window-curtain, and throw up a sash, without its being suspected. I have often known it done myself."

"Have you indeed, sir? - Bless me! I never could have supposed it. But I live out of the world, and am often astonished at what I hear. However, this does make a difference; and, perhaps, when we come to talk it over - but these sort of things require a good deal of consideration. One cannot resolve upon them in a hurry. If Mr. and Mrs. Weston will be so obliging as to call here one morning, we may talk it over, and see what can be done."

"But, unfortunately, sir, my time is so limited -"

"Oh!" interrupted Emma, "there will be plenty of time for talking every thing over. There is no hurry at all. If it can be contrived to be at the Crown, papa, it will be very convenient for the horses. They will be so near their own stable."

"So they will, my dear. That is a great thing. Not that James ever complains; but it is right to spare our horses when we can. If I could be sure of the rooms being thoroughly aired - but is Mrs. Stokes to be trusted? I doubt it. I do not know her, even by sight."

"I can answer for every thing of that nature, sir, because it will be under Mrs. Weston's care. Mrs. Weston undertakes to direct the whole."

"There, papa! - Now you must be satisfied - Our own dear Mrs. Weston, who is carefulness itself. Do not you remember what Mr. Perry said, so many years ago, when I had the measles? 'If Miss Taylor undertakes to wrap Miss Emma up, you need not have any fears, sir.' How often have I heard you speak of it as such a compliment to her!"

"Aye, very true. Mr. Perry did say so. I shall never forget it. Poor little Emma! You were very bad with the measles; that is, you would have been very bad, but for Perry's great attention. He came four times a day for a week. He said, from the first, it was a very good sort - which was our great comfort; but the measles are a dreadful complaint. I hope whenever poor Isabella's little ones have the measles, she will send for Perry."

"My father and Mrs. Weston are at the Crown at this moment," said Frank Churchill, "examining the capabilities of the house. I left them there and came on to Hartfield, impatient for your opinion, and hoping you might be persuaded to join them and give your advice on the spot. I was desired to say so from both. It would be the greatest pleasure to them, if you could allow me to attend you there. They can do nothing satisfactorily without you."

Emma was most happy to be called to such a council; and her father, engaging to think it all over while she was gone, the two young people set off together without delay for the Crown. There were Mr. and Mrs. Weston; delighted to see her and receive her approbation, very busy and very happy in their different way; she, in some little distress; and he, finding every thing perfect.

"Emma," said she, "this paper is worse than I expected. Look! in places you see it is dreadfully dirty; and the wainscot is more yellow and forlorn than any thing I could have imagined."

"My dear, you are too particular," said her husband. "What does all that signify? You will see nothing of it by candle-light. It will be as clean as Randalls by candle-light. We never see any thing of it on our club-nights."

The ladies here probably exchanged looks which meant, "Men never know when things are dirty or not;" and the gentlemen perhaps thought each to himself, "Women will have their little nonsenses and needless cares."

One perplexity, however, arose, which the gentlemen did not disdain. It regarded a supper-room. At the time of the ball-room's being built, suppers had not been in question; and a small card-room adjoining, was the only addition. What was to be done? This card-room would be wanted as a card-room now; or, if cards were conveniently voted unnecessary by their four selves, still was it not too small for any comfortable supper? Another room of much better size might be secured for the purpose; but it was at the other end of the house, and a long awkward passage must be gone through to get at it. This made a difficulty. Mrs. Weston was afraid of draughts for the young people in that passage; and neither Emma nor the gentlemen could tolerate the prospect of being miserably crowded at supper.

Mrs. Weston proposed having no regular supper; merely sandwiches, &c. set out in the little room; but that was scouted as a wretched suggestion. A private dance, without sitting down to supper, was pronounced an infamous fraud upon the rights of men and women; and Mrs. Weston must not speak of it again. She then took another line of expediency, and looking into the doubtful room, observed,

"I do not think it is so very small. We shall not be many, you know."

And Mr. Weston at the same time, walking briskly with long steps through the passage, was calling out,

"You talk a great deal of the length of this passage, my dear. It is a mere nothing after all; and not the least draught from the stairs."

"I wish," said Mrs. Weston, "one could know which arrangement our guests in general would like best. To do what would be most generally pleasing must be our object - if one could but tell what that would be."

"Yes, very true," cried Frank, "very true. You want your neighbours' opinions. I do not wonder at you. If one could ascertain what the chief of them - the Coles, for instance. They are not far off. Shall I call upon them? Or Miss Bates? She is still nearer. - And I do not know whether Miss Bates is not as likely to understand the inclinations of the rest of the people as any body. I think we do want a larger council. Suppose I go and invite Miss Bates to join us?"

"Well - if you please," said Mrs. Weston rather hesitating, "if you think she will be of any use."

"You will get nothing to the purpose from Miss Bates," said Emma. "She will be all delight and gratitude, but she will tell you nothing. She will not even listen to your questions. I see no advantage in consulting Miss Bates."

"But she is so amusing, so extremely amusing! I am very fond of hearing Miss Bates talk. And I need not bring the whole family, you know."

Here Mr. Weston joined them, and on hearing what was proposed, gave it his decided approbation.

"Aye, do, Frank. - Go and fetch Miss Bates, and let us end the matter at once. She will enjoy the scheme, I am sure; and I do not know a properer person for shewing us how to do away difficulties. Fetch Miss Bates. We are growing a little too nice. She is a standing lesson of how to be happy. But fetch them both. Invite them both."

"Both sir! Can the old lady?" . . .

"The old lady! No, the young lady, to be sure. I shall think you a great blockhead, Frank, if you bring the aunt without the niece."

"Oh! I beg your pardon, sir. I did not immediately recollect. Undoubtedly if you wish it, I will endeavour to persuade them both." And away he ran.

Long before he re-appeared, attending the short, neat, brisk-moving aunt, and her elegant niece, - Mrs. Weston, like a sweet-tempered woman and a good wife, had examined the passage again, and found the evils of it much less than she had supposed before - indeed very trifling; and here ended the difficulties of decision. All the rest, in speculation at least, was perfectly smooth. All the minor arrangements of table and chair, lights and music, tea and supper, made themselves; or were left as mere trifles to be settled at any time between Mrs. Weston and Mrs. Stokes. - Every body invited, was certainly to come; Frank had already written to Enscombe to propose staying a few days beyond his fortnight, which could not possibly be refused. And a delightful dance it was to be.

Most cordially, when Miss Bates arrived, did she agree that it must. As a counsellor she was not wanted; but as an approver, (a much safer character,) she was truly welcome. Her approbation, at once general and minute, warm and incessant, could not but please; and for another half-hour they were all walking to and fro, between the different rooms, some suggesting, some attending, and all in happy enjoyment of the future. The party did not break up without Emma's being positively secured for the two first dances by the hero of the evening, nor without her overhearing Mr. Weston whisper to his wife, "He has asked her, my dear. That's right. I knew he would!"

Emma


Volume II - capitolo 11 (29)


Può essere possibile fare completamente a meno di ballare. Si conoscono esempi di giovani che hanno trascorso molti mesi di fila senza partecipare a nessun ballo di nessun tipo, senza aver riportato danni concreti sia al corpo che allo spirito; ma una volta cominciato, una volta provate, sia pure fuggevolmente, le delizie del rapido movimento, si deve avere una corporatura molto pesante per non chiederne di più. (1)

Frank Churchill aveva ballato una volta a Highbury, e desiderava molto ballare di nuovo; e l'ultima mezzora di una serata che Mr. Woodhouse si era lasciato convincere a passare con la figlia a Randalls, i due giovani la trascorsero nel fare progetti sull'argomento. La prima idea era stata di Frank, e suo lo zelo maggiore nel perseguirla, poiché la signorina era un giudice migliore rispetto alle difficoltà, e la più attenta a comodità e apparenze. Ma era comunque abbastanza propensa a mostrare di nuovo alla gente quanto ballassero bene Mr. Frank Churchill e Miss Woodhouse, poiché in quello non aveva bisogno di vergognarsi nel paragonare se stessa a Jane Fairfax, e anche semplicemente per il gusto di ballare in sé, senza nessuno dei perversi stimoli della vanità, per aiutarlo a misurare a grandi passi la stanza dove si trovavano e vedere quante persone potesse contenere, e poi nel prendere le dimensioni dell'altro salotto, nella speranza di scoprire, nonostante tutto quello che potesse dire Mrs. Weston sulla loro grandezza perfettamente uguale, che era un po' più spazioso.

La prima proposta e la prima richiesta di lui, che il ballo cominciato da Mr. Cole si concludesse da loro, che dovesse essere riunito lo stesso gruppo, e utilizzata la stessa musicista, incontrò un immediato consenso. Mr. Weston aderì all'idea con immenso piacere, e Mrs. Weston si impegnò volentieri a suonare fino a quando avessero desiderato di ballare; e ne era seguita l'interessante occupazione di contare con esattezza chi avrebbe dovuto esserci, e di assegnare l'indispensabile porzione di spazio a ogni coppia.

"Voi e Miss Smith, e Miss Fairfax, e sono tre, più le due Miss Cox fanno cinque," era stato ripetuto più volte. "E ci saranno i due Gilbert, il giovane Cox, mio padre e io, oltre a Mr. Knightley. Sì, sarà del tutto sufficiente per divertirsi. Voi e Miss Smith, e Miss Fairfax, e sono tre, più le due Miss Cox fanno cinque; e per cinque coppie ci sarà spazio a volontà."

Ma presto da una parte ci fu,

"Ma ci sarà abbastanza spazio per cinque coppie? Non credo proprio."

Da un'altra,

"E dopo tutto, cinque coppie non sono sufficienti perché valga la pena di mettersi a ballare. Cinque coppie non sono nulla, se ci si riflette seriamente. Non si possono invitare cinque coppie. Può essere concesso solo per un'idea improvvisata."

Qualcuno disse che Miss Gilbert era aspettata dal fratello, e bisognava invitarla con il resto della famiglia. Qualcun altro riteneva che Mrs. Gilbert avrebbe ballato volentieri dai Cole, se qualcuno l'avesse invitata. Fu spesa una parola in favore di un secondo giovane Cox, e alla fine, visto che Mr. Weston nominò una famiglia di cugini che doveva essere inclusa, e un'altra di amici di vecchia data che non si poteva lasciar fuori, divenne una certezza che le cinque coppie sarebbero state almeno dieci, e una discussione molto interessante capire in che modo sarebbe stato possibile disporle.

Le porte delle due stanze erano proprio una di fronte all'altra. "Non avrebbero potuto usare entrambe le stanze e ballare attraverso il corridoio?" Sembrava la soluzione migliore, eppure non sembrava così buona da evitare che molti ne volessero una ancora migliore. Emma disse che sarebbe stato scomodo, Mrs. Weston era a disagio per la cena, e Mr. Woodhouse si oppose con fervore, per ragioni di salute. In realtà, ne era talmente scontento che non fu possibile insistere oltre.

"Oh! no", disse; "sarebbe il massimo dell'imprudenza. Non posso tollerarlo per Emma! Emma non è robusta. Prenderebbe un terribile raffreddore. E così la povera piccola Harriet. E così tutti voi. Mrs. Weston, voi di certo vi ammalereste; non permettete che parlino di una cosa tanto sconsiderata. Vi prego di far sì che non ne parlino neppure. Quel giovanotto (parlando a voce più bassa) è troppo avventato. Non ditelo al padre, ma quel giovanotto non ha la testa a posto. È stato per tutta la serata ad aprire porte, lasciandole aperte in modo molto sconsiderato. Non pensa alle correnti. Non voglio mettervi contro di lui, ma davvero non ha la testa a posto!"

Mrs. Weston si sentì dispiaciuta per un'accusa del genere. Ne conosceva l'importanza, e disse tutto ciò che poteva per sminuirla. Adesso le porte erano tutte chiuse, l'idea del corridoio venne abbandonata, e fu ripreso il progetto iniziale di ballare solo in quella stanza; e con una disponibilità del genere da parte di Frank Churchill, si cercò in tutti i modi di rendere adeguato per dieci coppie lo spazio che un quarto d'ora prima era stato ritenuto a malapena sufficiente per cinque.

"Volevamo fare le cose troppo in grande", disse. "Avevamo previsto spazio non necessario. Dieci coppie qui posso starci benissimo."

Emma dissentì. "Ci sarebbe troppa ressa, una deplorevole ressa; e che cosa ci può essere di peggio di ballare senza spazio per girarsi?"

"Verissimo", rispose lui gravemente; "non va assolutamente bene." Ma continuò a misurare, e concluse comunque con,

"Credo che ci sarà spazio più che a sufficienza per dieci coppie."

"No, no", disse lei, "siete proprio irragionevole. Sarebbe tremendo essere così pigiati! Nulla è più lontano dal divertimento che ballare in mezzo a una ressa, e una ressa in una piccola sala!"

"Non si può negarlo", replicò lui. "Sono completamente d'accordo con voi. Una ressa in una piccola sala. Miss Woodhouse, voi avete la capacità di evocare un'immagine con pochissime parole. Ammirevole, proprio ammirevole! Però, una volta che ci si è spinti così lontano, si è restii a rinunciare. Sarebbe una delusione per mio padre, e, tutto sommato, non so se... sono più dell'opinione che dieci coppie potrebbero starci benissimo."

Emma si rese conto che la natura della sua galanteria era un po' troppo testarda, e che avrebbe preferito opporsi, piuttosto che rinunciare al piacere di ballare con lei; ma accettò il complimento, e dimenticò il resto. Se mai le fosse venuta voglia di sposarlo, sarebbe valsa la pena di fermarsi a riflettere, e cercare di capire il valore dell'ammirazione che aveva per lei e la natura del suo carattere, ma per quanto riguardava la semplice amicizia, la sua simpatia era più che sufficiente.

Nella prima metà del giorno successivo, lui era a Hartfield; ed entrò con un sorriso talmente gradevole da far capire che il progetto aveva avuto un seguito. Apparve subito chiaro che veniva ad annunciare un miglioramento.

"Be', Miss Woodhouse," cominciò immediatamente, "spero che la vostra propensione per il ballo non sia stata del tutto cancellata dal terrore per l'esiguità delle stanze di mio padre. Vengo con un nuova proposta, un'idea di mio padre, che è solo in attesa della vostra approvazione per essere messa in pratica. Posso sperare nell'onore della vostra mano per il primo giro di danze del nostro piccolo progetto di festa da ballo, da tenere non a Randalls, ma al Crown Inn?"

"Al Crown?"

"Sì, se voi e Mr. Woodhouse non avete obiezioni, e confido che non ne abbiate, mio padre spera che i suoi amici saranno così gentili di fargli visita lì. Può promettere loro più comodità, e un'accoglienza non meno grata che a Randalls. È stata un'idea sua. Mrs. Weston non ha obiezioni, a patto che voi vi riteniate soddisfatti. Ed è quello che pensiamo tutti. Oh! avevate perfettamente ragione! Dieci coppie, in qualunque sala di Randalls, sarebbe stato insopportabile! Spaventoso! Me ne sono sempre reso conto che avevate ragione, ma ero troppo ansioso di fare qualsiasi cosa per essere disposto a cedere. Non è un cambio vantaggioso? Ho il vostro consenso... posso sperare di avere il vostro consenso?"

"Mi sembra un progetto a cui nessuno possa obiettare nulla, se sono d'accordo Mr. e Mrs. Weston. Lo ritengo eccellente, e, per quanto mi riguarda, ne sarò felicissima. Mi sembra l'unico miglioramento possibile. Papà, non pensate che sia un eccellente miglioramento?"

Fu costretta a ripetere e a spiegare, prima di essere pienamente compresa; e poi, essendo una cosa del tutto nuova, furono necessari ulteriori chiarimenti per rendere la cosa accettabile.

"No; lui riteneva che fosse ben lungi dall'essere un miglioramento... un pessimo progetto... molto peggio dell'altro. Le sale delle locande erano sempre umide e pericolose, mai appropriatamente areate, o adatte a essere abitate. Se proprio dovevano ballare, avrebbero fatto meglio a ballare a Randalls. In vita sua non era mai stato nella sala del Crown, non conosceva nemmeno di vista le persone che lo gestivano. Oh! no, un pessimo progetto. Al Crown avrebbero preso freddo più che da qualsiasi altra parte."

"Stavo giusto per osservare, signore", disse Frank Churchill, "che una delle maggiori cose positive di questo cambiamento è proprio nel fatto che ci sono pochissime probabilità di prendere freddo, molte meno probabilità al Crown che a Randalls! Mr. Perry potrebbe anche avere qualche motivo per rammaricarsi di questa modifica, ma nessun altro lo farebbe."

"Signore", disse Mr. Woodhouse, piuttosto accalorato, "vi sbagliate di grosso se credete che Mr. Perry abbia una carattere del genere. Mr. Perry si preoccupa molto quando chiunque di noi si ammala. Ma non riesco a capire come possiate considerare la sala del Crown più sicura della casa di vostro padre."

"Per il fatto che è più grande, signore. Non avremo nessuna necessità di aprire le finestre, facendo entrare aria fredda su persone accaldate, il che (come ben sapete, signore) è proprio quello che fa male."

"Aprire le finestre! ma di certo, Mr. Churchill, a nessuno verrebbe in mente di aprire le finestre a Randalls. Nessuno potrebbe essere così imprudente! Non ho mai sentito una cosa del genere. Ballare con le finestre aperte! Sono sicuro che né vostro padre né Mrs. Weston (la povera Miss Taylor, una volta) potrebbero tollerarlo."

"Sì, signore, ma a qualche giovane sbadato potrebbe capitare di trovarsi dietro a una tenda, e socchiudere una finestra, senza che nessuno se ne accorga. Mi è capitato spesso di sapere che è successo."

"Davvero signore? Povero me! Non l'avrei mai immaginato. Ma io vivo fuori dal mondo, e spesso mi stupisco di quello che sento. Comunque, questo fa vedere le cose in modo diverso, e, forse, parlandone un po'... ma questo tipo di problemi richiede molta riflessione. Non si può decidere in fretta. Se Mr. e Mrs. Weston saranno così gentili da farci visita una mattina, potremmo parlarne, e vedere che cosa si può fare."

"Ma, sfortunatamente, signore, il mio tempo è così limitato..."

"Oh!" lo interruppe Emma, "ci sarà tempo in abbondanza per parlare di tutto. Non c'è nessuna fretta. Se si potesse combinare al Crown, papà, sarebbe molto conveniente per i cavalli. Sarebbero così vicini alla loro stalla."

"Certo, mia cara. Questa è una gran cosa. Non che James si lamenti mai, ma è giusto risparmiare i propri cavalli, se possibile. Se potessi essere certo che le sale siano ben arieggiate... ma ci si può fidare di Mrs. Stokes? Ne dubito. Non la conosco, nemmeno di vista."

"Posso rispondere io per qualsiasi cosa del genere, signore, perché se ne incaricherà Mrs. Weston. Mrs. Weston ha intenzione di sovrintendere a tutto."

"Lo vedete, papà! Ora potete ritenervi soddisfatto. La nostra cara Mrs. Weston, che è la prudenza personificata. Non vi ricordate quello che disse Mr. Perry, tanti anni fa, quando ho avuto il morbillo? «Se Miss Taylor s'incarica di coprire bene Miss Emma, non dovete avere nessun timore, signore.» Quante volte vi ho sentito parlarne come di un complimento a lei!"

"Sì, verissimo. Mr. Perry disse proprio così. Non lo dimenticherò mai. Povera piccola Emma! Stavi malissimo con il morbillo, o meglio, saresti stata malissimo, se non fosse stato per la costante assistenza di Mr. Perry. È venuto quattro volte al giorno per una settimana. L'aveva detto dall'inizio che era una forma molto benigna, il che è stata la nostra grande consolazione, ma il morbillo è una malattia terribile. Spero che se mai i figli della povera Isabella prendessero il morbillo, lei mandi a chiamare Perry."

"In questo momento mio padre e Mrs. Weston sono al Crown", disse Frank Churchill, "a controllare le caratteristiche della casa. Li ho lasciati là e sono venuto a Hartfield, impaziente di sentire la vostra opinione, e sperando di riuscire a convincervi a raggiungerli per dar loro dei consigli sul posto. Me l'hanno chiesto tutti e due. Per loro sarebbe un gradissimo piacere se mi permettete di accompagnarvi lì. Non possono fare nulla di soddisfacente senza di voi."

Emma fu felicissima di essere chiamata a una consultazione del genere, e dopo che il padre si fu impegnato a riflettere su tutta la faccenda mentre lei era via, i due giovani si avviarono insieme senza indugio verso il Crown. Lì trovarono Mr. e Mrs. Weston, felici di vederla e di avere la sua approvazione, molto indaffarati e molto allegri, ciascuno a suo modo; lei un po' perplessa, e lui pronto a trovare tutto perfetto.

"Emma", disse lei, "la carta da parati è peggio di quanto mi aspettassi. Guarda! come vedi, in certi punti è terribilmente sporca; e il rivestimento in legno è più giallo e squallido di quanto mi ero immaginata."

"Mia cara, sei troppo difficile", disse il marito. "Che importanza ha? Non vedrai nulla di tutto questo al lume di candela. A lume di candela sembrerà pulito come Randalls. Di sera non vediamo mai queste cose al nostro circolo."

Qui le signore probabilmente si scambiarono un'occhiata che significava, "Gli uomini non si accorgono mai se le cose sono o non sono sporche", e i signori forse pensarono ognuno per conto proprio, "Le donne ci tengono alle loro piccole sciocchezze, e non bisogna farci caso."

Tuttavia sorse un problema, che i signori non disdegnarono. Riguardava la sala per la cena. Quando era stata costruita la sala da ballo, non si parlava di cene, e una piccola sala da gioco adiacente era stata l'unica aggiunta. Che cosa si poteva fare? La sala da gioco poteva ancora essere usata come sala da gioco, oppure, se giocare a carte fosse stato convenientemente ritenuto non necessario da loro quattro, non era forse troppo piccola per cenare comodamente? C'era la possibilità di ottenere allo scopo un'altra sala di maggiori dimensioni, ma era dall'altro capo dell'edificio, e per arrivarci bisognava attraversare un corridoio lungo e malmesso. Era un problema. Mrs. Weston temeva le correnti in quel corridoio per i giovani, e né Emma né i signori potevano tollerare di stare a cena tutti pigiati.

Mrs. Weston propose di non offrire una vera e propria cena, solo panini, ecc. serviti nella sala piccola; ma fu scartata come suggerimento meschino. Un ballo privato senza sedersi a cena, fu dichiarata una turpe frode nei confronti dei diritti di uomini e donne, e Mrs. Weston doveva astenersi dal riparlarne. Lei allora escogitò un altro espediente, e dando un'occhiata alla sala incriminata, osservò,

"Non credo che sia poi così piccola. Come sapete, non saremo in molti."

Nello stesso tempo, Mr. Weston, percorrendo rapidamente a lunghi passi il corridoio, esclamò,

"Parli tanto della lunghezza di questo corridoio, mia cara. In fin dei conti è un nonnulla, e dalle scale non arriva la minima corrente."

"Vorrei", disse Mrs. Weston, "che si potesse capire quale soluzione gradirebbero di più i nostri ospiti. Il nostro obiettivo dovrebbe essere fare ciò che risulta più gradito ai più, se solo si sapesse che cos'è."

"Sì, verissimo", esclamò Frank, "verissimo. Volete l'opinione dei vostri vicini. Non mi stupisce. Se si potesse accertare che cosa i più importanti tra di loro... i Cole, per esempio. Non abitano lontano. Vado da loro? Oppure Miss Bates? È ancora più vicina. E non so se Miss Bates non sia in grado come chiunque altro di capire i desideri del resto della compagnia. Credo che ci sia bisogno di una consultazione più ampia. Che ne dite se vado a invitare Miss Bates a raggiungerci?"

"Be'... se vuoi", disse Mrs. Weston piuttosto incerta, "se credi che possa essere utile."

"Non caverete nulla da Miss Bates", disse Emma. "sarà tutta delizia e gratitudine, ma non vi dirà nulla. Non starà nemmeno a sentire le vostre domande. Non vedo nessun vantaggio nel consultare Miss Bates."

"Ma è così divertente, così straordinariamente divertente! Mi piace moltissimo sentir chiacchierare Miss Bates. E non ho certo bisogno di portare tutta la famiglia."

A quel punto furono raggiunti da Mr. Weston, che, sentendo quello che era stato proposto, diede la sua ferma approvazione.

"Sì Frank. Vai a prendere Miss Bates, e cerchiamo di definire subito la questione. Sono certo che il progetto le piacerà, e non conosco persona più appropriata per indicarci come superare le difficoltà. Porta Miss Bates. Stiamo diventando troppo schizzinosi. Lei è una costante lezione su come essere felici. Ma portale tutte e due. Invitale tutte e due."

"Tutte e due, signore! La vecchia signora potrà...?"

"La vecchia signora! No, la signorina, certo. Dovrò giudicarti uno zuccone, Frank, se porti la zia senza la nipote."

"Oh! vi chiedo scusa, signore. Non avevo subito collegato. Senza dubbio, se volete, cercherò di convincerle tutte e due." E uscì di corsa.

Molto prima che ricomparisse, accompagnando la bassa, linda e vivace zia, insieme all'elegante nipote, Mrs. Weston, da donna di carattere dolce e da buona moglie qual era, aveva esaminato di nuovo il corridoio, e aveva scoperto che gli svantaggi erano molti di meno di quanto avesse ipotizzato prima, davvero trascurabili; e qui finirono le difficoltà della decisione. Tutto il resto, almeno in teoria, era perfettamente a posto. Tutti i particolari minori riguardanti tavoli e sedie, luci e musica, tè e cena, si risolsero da soli, oppure vennero tralasciati come semplici inezie da risolvere in qualsiasi momento tra Mrs. Weston e Mrs. Stokes. Tutti gli invitati sarebbero sicuramente venuti; Frank aveva già scritto a Enscombe per proporre di restare qualche giorno in più delle sue due settimane, il che non era possibile fosse rifiutato. E sarebbe stato un ballo eccellente.

Quando Miss Bates arrivò, fu molto cordialmente d'accordo che così sarebbe stato. Non ci fu bisogno di lei per consigliare, ma per approvare (un ruolo molto meno rischioso) fu sinceramente la benvenuta. La sua approvazione, sia nel complesso che nei particolari, fu calorosa e incessante, e non poteva non fare piacere; e per un'altra mezzora andarono tutti avanti e indietro tra le diverse sale, alcuni a suggerire, altri ad accompagnare, e tutti in allegra aspettativa del futuro. Il gruppo non si sciolse senza un concreto impegno di Emma con l'eroe della serata per il primo giro di danze, né senza che lei sentisse per caso Mr. Weston sussurrare alla moglie, "L'ha invitata, mia cara. Benissimo. Sapevo che l'avrebbe fatto."



(1) Il ballo era uno dei divertimenti più amati da JA, come risulta da diverse lettere, naturalmente quasi tutte dei suoi anni giovanili. Nel dicembre 1798, quando aveva appena compiuto ventitré anni, scrisse alla sorella Cassandra (lettera 15): "Ci sono stati venti Balli, e io li ho ballati tutti, e senza nessuna fatica. - Sono stata contenta di scoprirmi capace di ballare così tanto e con così tanta soddisfazione; - dal mio scarso divertimento ai Balli di Ashford, (dato l'Assembramento per ballare) non avrei mai pensato di essere in grado di farlo, ma con il fresco e con poche coppie immagino che potrei ballare per una settimana di fila come se fosse mezzora." L'accenno all'assembramento per ballare lo ritroveremo in questo capitolo, in alcune considerazioni di Emma.

     |     romanzi canonici     |     home page     |