Jane Austen
Emma
Volume I - capitolo 17 (17)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Emma


Volume I - Chapter 17 (17)


Mr. and Mrs. John Knightley were not detained long at Hartfield. The weather soon improved enough for those to move who must move; and Mr. Woodhouse having, as usual, tried to persuade his daughter to stay behind with all her children, was obliged to see the whole party set off, and return to his lamentations over the destiny of poor Isabella; - which poor Isabella, passing her life with those she doated on, full of their merits, blind to their faults, and always innocently busy, might have been a model of right feminine happiness.

The evening of the very day on which they went, brought a note from Mr. Elton to Mr. Woodhouse, a long, civil, ceremonious note, to say, with Mr. Elton's best compliments, "that he was proposing to leave Highbury the following morning in his way to Bath, where, in compliance with the pressing entreaties of some friends, he had engaged to spend a few weeks, and very much regretted the impossibility he was under, from various circumstances of weather and business, of taking a personal leave of Mr. Woodhouse, of whose friendly civilities he should ever retain a grateful sense - and had Mr. Woodhouse any commands, should be happy to attend to them."

Emma was most agreeably surprized. - Mr. Elton's absence just at this time was the very thing to be desired. She admired him for contriving it, though not able to give him much credit for the manner in which it was announced. Resentment could not have been more plainly spoken than in a civility to her father, from which she was so pointedly excluded. She had not even a share in his opening compliments. - Her name was not mentioned; - and there was so striking a change in all this, and such an ill-judged solemnity of leave-taking in his graceful acknowledgments, as she thought, at first, could not escape her father's suspicion.

It did, however. - Her father was quite taken up with the surprize of so sudden a journey, and his fears that Mr. Elton might never get safely to the end of it, and saw nothing extraordinary in his language. It was a very useful note, for it supplied them with fresh matter for thought and conversation during the rest of their lonely evening. Mr. Woodhouse talked over his alarms, and Emma was in spirits to persuade them away with all her usual promptitude.

She now resolved to keep Harriet no longer in the dark. She had reason to believe her nearly recovered from her cold, and it was desirable that she should have as much time as possible for getting the better of her other complaint before the gentleman's return. She went to Mrs. Goddard's accordingly the very next day, to undergo the necessary penance of communication; and a severe one it was. - She had to destroy all the hopes which she had been so industriously feeding - to appear in the ungracious character of the one preferred - and acknowledge herself grossly mistaken and mis-judging in all her ideas on one subject, all her observations, all her convictions, all her prophecies for the last six weeks.

The confession completely renewed her first shame - and the sight of Harriet's tears made her think that she should never be in charity with herself again.

Harriet bore the intelligence very well - blaming nobody - and in every thing testifying such an ingenuousness of disposition and lowly opinion of herself, as must appear with particular advantage at that moment to her friend.

Emma was in the humour to value simplicity and modesty to the utmost; and all that was amiable, all that ought to be attaching, seemed on Harriet's side, not her own. Harriet did not consider herself as having any thing to complain of. The affection of such a man as Mr. Elton would have been too great a distinction. - She never could have deserved him - and nobody but so partial and kind a friend as Miss Woodhouse would have thought it possible.

Her tears fell abundantly - but her grief was so truly artless, that no dignity could have made it more respectable in Emma's eyes - and she listened to her and tried to console her with all her heart and understanding - really for the time convinced that Harriet was the superior creature of the two - and that to resemble her would be more for her own welfare and happiness than all that genius or intelligence could do.

It was rather too late in the day to set about being simple-minded and ignorant; but she left her with every previous resolution confirmed of being humble and discreet, and repressing imagination all the rest of her life. Her second duty now, inferior only to her father's claims, was to promote Harriet's comfort, and endeavour to prove her own affection in some better method than by match-making. She got her to Hartfield, and shewed her the most unvarying kindness, striving to occupy and amuse her, and by books and conversation, to drive Mr. Elton from her thoughts.

Time, she knew, must be allowed for this being thoroughly done; and she could suppose herself but an indifferent judge of such matters in general, and very inadequate to sympathize in an attachment to Mr. Elton in particular; but it seemed to her reasonable that at Harriet's age, and with the entire extinction of all hope, such a progress might be made towards a state of composure by the time of Mr. Elton's return, as to allow them all to meet again in the common routine of acquaintance, without any danger of betraying sentiments or increasing them.

Harriet did think him all perfection, and maintained the non-existence of any body equal to him in person or goodness - and did, in truth, prove herself more resolutely in love than Emma had foreseen; but yet it appeared to her so natural, so inevitable to strive against an inclination of that sort unrequited, that she could not comprehend its continuing very long in equal force.

If Mr. Elton, on his return, made his own indifference as evident and indubitable as she could not doubt he would anxiously do, she could not imagine Harriet's persisting to place her happiness in the sight or the recollection of him.

Their being fixed, so absolutely fixed, in the same place, was bad for each, for all three. Not one of them had the power of removal, or of effecting any material change of society. They must encounter each other, and make the best of it.

Harriet was farther unfortunate in the tone of her companions at Mrs. Goddard's; Mr. Elton being the adoration of all the teachers and great girls in the school; and it must be at Hartfield only that she could have any chance of hearing him spoken of with cooling moderation or repellent truth. Where the wound had been given, there must the cure be found if anywhere; and Emma felt that, till she saw her in the way of cure, there could be no true peace for herself.

Emma


Volume I - capitolo 17 (17)


Mr. e Mrs. Knightley non si trattennero a lungo a Hartfield. Ben presto il tempo migliorò abbastanza per far partire quelli che dovevano partire; e Mr. Woodhouse, che come al solito aveva cercato di convincere la figlia a restare con tutti i suoi figli, fu costretto a veder partire l'intera compagnia, e a tornare ai suoi lamenti sul destino della povera Isabella; la quale povera Isabella, passando la vita con coloro che adorava, certa dei loro meriti, cieca ai loro difetti, e sempre innocentemente indaffarata, poteva ben essere presa a modello di legittima felicità femminile.

Nel pomeriggio dello stesso giorno della loro partenza, arrivò un biglietto di Mr. Elton a Mr. Woodhouse; un biglietto lungo, garbato e cerimonioso, per dire, con i più fervidi omaggi, "che aveva intenzione di lasciare Highbury il mattino successivo per recarsi a Bath, dove, a seguito delle insistenti preghiere di alcuni amici, si era impegnato a trascorrere qualche settimana, e che si rammaricava moltissimo dell'impossibilità in cui si trovava, a causa di varie circostanze riguardanti il tempo e le cose da fare, di prendere congedo personalmente da Mr. Woodhouse, delle cui amichevoli cortesie sarebbe stato perennemente grato; e se Mr. Woodhouse avesse avuto qualche commissione da affidargli sarebbe stato felice di occuparsene."

Emma rimase molto gradevolmente sorpresa. L'assenza di Mr. Elton in quel momento era proprio la cosa che ci voleva. Lo apprezzò per averci pensato, anche se non poteva concedergli molto credito per il modo in cui l'aveva resa nota. Il risentimento non avrebbe potuto essere esposto in modo più chiaro di quella cortesia rivolta al padre, dalla quale lei era così deliberatamente esclusa. Lei non era nemmeno citata negli omaggi iniziali. Il suo nome non era menzionato; e in tutto questo c'era un cambiamento così palese, una tale inopportuna solennità nel prendere congedo con quei garbati riconoscimenti, da farle pensare, in un primo momento, che non potesse sfuggire ai sospetti del padre.

E invece sfuggì. Il padre era tutto preso dallo stupore per un viaggio così improvviso, e dal timore che Mr. Elton non riuscisse a concluderlo sano e salvo, e non vide nulla di straordinario nel suo modo di esprimersi. Fu un biglietto molto utile, poiché fornì loro un nuovo argomento per riflettere e conversare durante il resto di quella solitaria serata. Mr. Woodhouse parlava di suoi timori, ed Emma era in grado di scacciarli con tutta la sua usuale prontezza.

Decise di non tenere più a lungo Harriet all'oscuro. Aveva motivo di credere che fosse quasi guarita dal suo raffreddore, ed era auspicabile che avesse tutto il tempo possibile per avere la meglio sull'altro malanno prima del ritorno del gentiluomo. Di conseguenza, il giorno successivo si recò da Mrs. Goddard, per sottoporsi alla pena necessaria di quella comunicazione; e fu una pena severa. Doveva distruggere tutte le speranze che aveva alimentato in modo così ingegnoso, assumere la sgradita veste di rivale preferita, e riconoscere i suoi grossolani errori di giudizio in tutte le idee che si era fatta sulla faccenda, in tutte le sue osservazioni, le sue convinzioni e i suoi pronostici delle ultime sei settimane.

La confessione rinnovò per intero la vergogna iniziale, e la vista delle lacrime di Harriet le fece pensare che non sarebbe mai più stata in armonia con se stessa.

Harriet sopportò molto bene la notizia, senza biasimare nessuno, e dimostrando in tutto un'indole talmente ingenua e una così bassa opinione di se stessa, che all'amica dovettero sembrare particolarmente convenienti in quel momento.

Emma era in uno stato d'animo pronto ad apprezzare al massimo semplicità e modestia; e tutto quello che fosse amabile, tutto quello che doveva indurre all'affetto, sembrava essere dalla parte di Harriet, non dalla sua. Harriet non riteneva di avere nulla di cui lamentarsi. L'affetto di un uomo come Mr. Elton sarebbe stata una distinzione troppo grande. Non avrebbe mai potuto meritarlo, e nessuno, tranne un'amica parziale e buona come Miss Woodhouse, l'avrebbe ritenuto possibile.

Le lacrime scendevano copiose, ma il dolore era così sinceramente spontaneo che nessuna dignità avrebbe potuto renderlo più rispettabile agli occhi di Emma, che l'ascoltò e cercò di consolarla con tutto il cuore e tutta la sua comprensione, davvero convinta, in quel momento, che tra loro due fosse Harriet la creatura superiore, e che somigliarle avrebbe fatto di più per il suo benessere e la sua felicità di quanto avrebbero potuto fare l'ingegno o l'intelletto.

Era piuttosto tardi quel giorno per accingersi a diventare sempliciotta e ignorante; ma la lasciò mantenendo ferme tutte le precedenti decisioni di diventare umile e discreta, e di tenere a freno l'immaginazione per tutto il resto della sua esistenza. D'ora in poi il suo secondo dovere, secondo solo ai diritti del padre, sarebbe stato di promuovere il benessere di Harriet, e di dar prova del proprio affetto con qualche metodo migliore di quello di combinare matrimoni. La portò a Hartfield, e si dedicò a lei con costante attenzione, sforzandosi di tenerla occupata e di divertirla, sia con i libri che con la conversazione, per scacciare Mr. Elton dai suoi pensieri.

Certo, sapeva che ci sarebbe voluto tempo perché questo avvenisse totalmente; e immaginava di essere, in generale, un giudice mediocre su faccende del genere, e molto inadeguata, in particolare, a comprendere un amore per Mr. Elton; ma le sembrava ragionevole che all'età di Harriet, e con il crollo completo di tutte le sue speranze, si potesse arrivare a un progresso tale da permettere a tutti loro, al ritorno di Mr. Elton, di incontrarsi di nuovo nella normale routine della frequentazione, senza nessun rischio di tradire sentimenti o rafforzarli.

Harriet lo giudicava assolutamente perfetto, e ribadiva l'impossibilità che ci fosse qualcuno pari a lui in bellezza e bontà; e, in verità, si dimostrò decisamente più innamorata di quanto Emma avesse previsto; eppure, le sembrava così naturale, così inevitabile lottare contro un'inclinazione così non ricambiata, da non riuscire a credere che potesse continuare molto a lungo con la stessa forza.

Se Mr. Elton, al suo ritorno, avesse reso la sua indifferenza evidente e innegabile come non poteva dubitare che avrebbe fatto con fervore, non poteva immaginare che Harriet potesse persistere nel legare la propria felicità alla vista o al ricordo di lui.

L'essere confinati, così completamente confinati, nello stesso posto, era un male per ognuno di loro, per tutti e tre. Nessuno di loro era in grado di trasferirsi, o di realizzare un concreto cambiamento di ambiente sociale. Erano costretti a incontrarsi, e a fare buon viso a cattivo gioco.

Un'ulteriore sfortuna per Harriet erano i discorsi delle sue compagne da Mrs. Goddard, dato che nella scuola Mr. Elton era adorato da tutte le insegnanti e le ragazze più grandi; e solo a Hartfield poteva avere qualche possibilità di sentir parlare di lui con una moderazione capace di sedare e una verità capace di creare avversione. Se c'era un posto in cui trovare la cura, era lì dove la ferita era stata inferta; ed Emma si rendeva conto che, fino a quando non l'avesse vista sulla strada della guarigione, non avrebbe potuto sentirsi davvero in pace con se stessa.

     |     romanzi canonici     |     home page     |