Jane Austen
Volume I - capitolo 3 (3)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     


Volume I - Chapter 3 (3)

Mr. Woodhouse was fond of society in his own way. He liked very much to have his friends come and see him; and from various united causes, from his long residence at Hartfield, and his good nature, from his fortune, his house, and his daughter, he could command the visits of his own little circle, in a great measure, as he liked. He had not much intercourse with any families beyond that circle; his horror of late hours, and large dinner-parties made him unfit for any acquaintance, but such as would visit him on his own terms. Fortunately for him, Highbury, including Randalls in the same parish, and Donwell Abbey in the parish adjoining, the seat of Mr. Knightley, comprehended many such. Not unfrequently, through Emma's persuasion, he had some of the chosen and the best to dine with him, but evening-parties were what he preferred, and, unless he fancied himself at any time unequal to company, there was scarcely an evening in the week in which Emma could not make up a card-table for him.

Real, long-standing regard brought the Westons and Mr. Knightley; and by Mr. Elton, a young man living alone without liking it, the privilege of exchanging any vacant evening of his own blank solitude for the elegancies and society of Mr. Woodhouse's drawing-room and the smiles of his lovely daughter, was in no danger of being thrown away.

After these came a second set; among the most come-at-able of whom were Mrs. and Miss Bates and Mrs. Goddard, three ladies almost always at the service of an invitation from Hartfield, and who were fetched and carried home so often that Mr. Woodhouse thought it no hardship for either James or the horses. Had it taken place only once a year, it would have been a grievance.

Mrs. Bates, the widow of a former vicar of Highbury, was a very old lady, almost past every thing but tea and quadrille. She lived with her single daughter in a very small way, and was considered with all the regard and respect which a harmless old lady, under such untoward circumstances, can excite. Her daughter enjoyed a most uncommon degree of popularity for a woman neither young, handsome, rich, nor married. Miss Bates stood in the very worst predicament in the world for having much of the public favour; and she had no intellectual superiority to make atonement to herself, or frighten those who might hate her, into outward respect. She had never boasted either beauty or cleverness. Her youth had passed without distinction, and her middle of life was devoted to the care of a failing mother, and the endeavour to make a small income go as far as possible. And yet she was a happy woman, and a woman whom no one named without good-will. It was her own universal good-will and contented temper which worked such wonders. She loved every body, was interested in every body's happiness, quick-sighted to every body's merits; thought herself a most fortunate creature, and surrounded with blessings in such an excellent mother and so many good neighbours and friends, and a home that wanted for nothing. The simplicity and cheerfulness of her nature, her contented and grateful spirit, were a recommendation to every body, and a mine of felicity to herself. She was a great talker upon little matters, which exactly suited Mr. Woodhouse, full of trivial communications and harmless gossip.

Mrs. Goddard was the mistress of a School - not of a seminary, or an establishment, or any thing which professed, in long sentences of refined nonsense, to combine liberal acquirements with elegant morality upon new principles and new systems - and where young ladies for enormous pay might be screwed out of health and into vanity - but a real, honest, old-fashioned Boarding-school, where a reasonable quantity of accomplishments were sold at a reasonable price, and where girls might be sent to be out of the way and scramble themselves into a little education, without any danger of coming back prodigies. Mrs. Goddard's school was in high repute - and very deservedly; for Highbury was reckoned a particularly healthy spot: she had an ample house and garden, gave the children plenty of wholesome food, let them run about a great deal in the summer, and in winter dressed their chilblains with her own hands. It was no wonder that a train of twenty young couple now walked after her to church. She was a plain, motherly kind of woman, who had worked hard in her youth, and now thought herself entitled to the occasional holiday of a tea-visit; and having formerly owed much to Mr. Woodhouse's kindness, felt his particular claim on her to leave her neat parlour hung round with fancy-work, whenever she could, and win or lose a few sixpences by his fireside.

These were the ladies whom Emma found herself very frequently able to collect; and happy was she, for her father's sake, in the power; though, as far as she was herself concerned, it was no remedy for the absence of Mrs. Weston. She was delighted to see her father look comfortable, and very much pleased with herself for contriving things so well; but the quiet prosings of three such women made her feel that every evening so spent, was indeed one of the long evenings she had fearfully anticipated.

As she sat one morning, looking forward to exactly such a close of the present day, a note was brought from Mrs. Goddard, requesting, in most respectful terms, to be allowed to bring Miss Smith with her; a most welcome request: for Miss Smith was a girl of seventeen whom Emma knew very well by sight and had long felt an interest in, on account of her beauty. A very gracious invitation was returned, and the evening no longer dreaded by the fair mistress of the mansion.

Harriet Smith was the natural daughter of somebody. Somebody had placed her, several years back, at Mrs. Goddard's school, and somebody had lately raised her from the condition of scholar to that of parlour-boarder. This was all that was generally known of her history. She had no visible friends but what had been acquired at Highbury, and was now just returned from a long visit in the country to some young ladies who had been at school there with her.

She was a very pretty girl, and her beauty happened to be of a sort which Emma particularly admired. She was short, plump and fair, with a fine bloom, blue eyes, light hair, regular features, and a look of great sweetness; and, before the end of the evening, Emma was as much pleased with her manners as her person, and quite determined to continue the acquaintance.

She was not struck by any thing remarkably clever in Miss Smith's conversation, but she found her altogether very engaging - not inconveniently shy, not unwilling to talk - and yet so far from pushing, shewing so proper and becoming a deference, seeming so pleasantly grateful for being admitted to Hartfield, and so artlessly impressed by the appearance of every thing in so superior a style to what she had been used to, that she must have good sense and deserve encouragement. Encouragement should be given. Those soft blue eyes and all those natural graces should not be wasted on the inferior society of Highbury and its connections. The acquaintance she had already formed were unworthy of her. The friends from whom she had just parted, though very good sort of people, must be doing her harm. They were a family of the name of Martin, whom Emma well knew by character, as renting a large farm of Mr. Knightley, and residing in the parish of Donwell - very creditably she believed - she knew Mr. Knightley thought highly of them - but they must be coarse and unpolished, and very unfit to be the intimates of a girl who wanted only a little more knowledge and elegance to be quite perfect. She would notice her; she would improve her; she would detach her from her bad acquaintance, and introduce her into good society; she would form her opinions and her manners. It would be an interesting, and certainly a very kind undertaking; highly becoming her own situation in life, her leisure, and powers.

She was so busy in admiring those soft blue eyes, in talking and listening, and forming all these schemes in the in-betweens, that the evening flew away at a very unusual rate; and the supper-table, which always closed such parties, and for which she had been used to sit and watch the due time, was all set out and ready, and moved forwards to the fire, before she was aware. With an alacrity beyond the common impulse of a spirit which yet was never indifferent to the credit of doing every thing well and attentively, with the real good-will of a mind delighted with its own ideas, did she then do all the honours of the meal, and help and recommend the minced chicken and scalloped oysters, with an urgency which she knew would be acceptable to the early hours and civil scruples of their guests.

Upon such occasions poor Mr. Woodhouse's feelings were in sad warfare. He loved to have the cloth laid, because it had been the fashion of his youth; but his conviction of suppers being very unwholesome made him rather sorry to see any thing put on it; and while his hospitality would have welcomed his visitors to every thing, his care for their health made him grieve that they would eat.

Such another small basin of thin gruel as his own, was all that he could, with thorough self-approbation, recommend, though he might constrain himself, while the ladies were comfortably clearing the nicer things, to say:

"Mrs. Bates, let me propose your venturing on one of these eggs. An egg boiled very soft is not unwholesome. Serle understands boiling an egg better than any body. I would not recommend an egg boiled by any body else - but you need not be afraid, - they are very small, you see - one of our small eggs will not hurt you. Miss Bates, let Emma help you to a little bit of tart - a very little bit. Ours are all apple-tarts. You need not be afraid of unwholesome preserves here. I do not advise the custard. Mrs. Goddard, what say you to half a glass of wine? A small half-glass - put into a tumbler of water? I do not think it could disagree with you."

Emma allowed her father to talk - but supplied her visitors in a much more satisfactory style; and on the present evening had particular pleasure in sending them away happy. The happiness of Miss Smith was quite equal to her intentions. Miss Woodhouse was so great a personage in Highbury, that the prospect of the introduction had given as much panic as pleasure - but the humble, grateful, little girl went off with highly gratified feelings, delighted with the affability with which Miss Woodhouse had treated her all the evening, and actually shaken hands with her at last!


Volume I - capitolo 3 (3)

Mr. Woodhouse era amante della compagnia a modo suo. Gradiva moltissimo che gli amici andassero a trovarlo, e per vari motivi, la lunga permanenza a Hartfield, la bontà d'animo, il patrimonio, la casa e sua figlia, era in grado, in larga misura, di disporre a suo piacimento delle visite della sua piccola cerchia. Non aveva molti rapporti con famiglie al di là di quella cerchia; il suo orrore per le ore piccole e i grandi pranzi lo rendeva inadatto a qualsiasi conoscenza che non fosse disposta a fargli visita alle sue condizioni. Fortunatamente per lui, a Highbury, inclusa Randalls, nella stessa parrocchia, e Donwell Abbey, nella parrocchia confinante e residenza di Mr. Knightley, ce n'erano molte di quel tipo. Non di rado, dopo le insistenze di Emma, invitava qualcuno degli eletti e dei migliori a pranzo da lui, ma i ricevimenti serali erano quelli che preferiva, e, a meno che non si immaginasse impossibilitato a stare in compagnia, non c'era quasi serata della settimana in cui Emma non riuscisse a organizzare un tavolo di carte per lui.

Un riguardo autentico e di lunga data vi conduceva i Weston e Mr. Knightley, e quanto a Mr. Elton, un giovanotto che viveva da solo suo malgrado, non c'era nessun rischio che si lasciasse scappare il privilegio di sostituire una serata vuota della sua grigia solitudine con l'eleganza e la compagnia del salotto di Mr. Woodhouse, e i sorrisi della sua incantevole figlia.

Dopo questi c'era un secondo gruppo, nel quale le più disponibili erano Mrs. e Miss Bates e Mrs. Goddard, tre signore quasi sempre pronte a obbedire a un invito a Hartfield, e che erano mandate a prendere e riaccompagnate a casa tanto spesso che Mr. Woodhouse non riteneva ci fosse alcuna difficoltà sia per James che per i cavalli. Se fosse successo solo una volta all'anno, sarebbe stato un vero problema.

Mrs. Bates, vedova del precedente pastore di Highbury, era una signora molto anziana, quasi disinteressata a tutto tranne che a prendere il tè e a giocare a quadriglia. Viveva molto modestamente con la figlia nubile, ed era trattata con tutto il riguardo e il rispetto che può suscitare una innocua vecchia signora in circostanze così sfavorevoli. La figlia godeva di un livello di popolarità molto insolito per una donna né giovane, né bella, né ricca, né sposata. Miss Bates era nella situazione peggiore possibile per attirare il pubblico favore, e non aveva nessuna superiorità intellettuale che potesse redimerla da se stessa, o impaurire quelli che avrebbero potuto detestarla, tanto da indurli a un rispetto esteriore. Non aveva mai vantato né bellezza né intelligenza. Aveva trascorso la giovinezza senza minimamente distinguersi, e la sua mezza età era dedicata ad assistere una madre in declino e a sforzarsi di far durare il più possibile un'entrata esigua. Eppure era una donna felice, e una donna della quale nessuno pronunciava il nome senza simpatia. Era un miracolo dovuto alla sua simpatia verso tutti e a un carattere sempre appagato. Voleva bene a tutti, si interessava alla felicità di tutti, era pronta a riconoscere i meriti di tutti; si riteneva una creatura molto fortunata, circondata da gioie come una madre eccellente, così tanti buoni vicini e amici, e una casa in cui non mancava nulla. La semplicità e l'allegria della sua indole, l'animo grato e sempre appagato, la raccomandavano a tutti, e per lei erano una fonte di felicità. Chiacchierava moltissimo di inezie, piene di informazioni banali e innocui pettegolezzi, il che si confaceva perfettamente a Mr. Woodhouse.

Mrs. Goddard era la padrona di una scuola; non un collegio o un istituto femminili, o qualsiasi cosa che dichiarasse, in lunghe frase ricercate e prive di senso, di unire un'abbondante istruzione a un'elegante moralità basate su principi e sistemi nuovi, e dove, pagando rette enormi, le signorine avrebbero perso in salute e guadagnato in vanità, ma un vero, onesto, convitto all'antica, dove una ragionevole quantità di istruzione era venduta a un prezzo ragionevole, dove poter mandare le ragazze per togliersele dai piedi e far loro acquisire un minimo di educazione senza alcun rischio di vederle tornare pozzi di scienza. La scuola di Mrs. Goddard era molto stimata, e molto meritatamente, poiché Highbury era reputato un posto particolarmente salubre; lei aveva una grande casa con un bel giardino, dava alle allieve un cibo sano e abbondante, le lasciava scorrazzare liberamente in estate, e in inverno curava loro i geloni con le proprie mani. Non c'era quindi da meravigliarsi che un corteo di venti coppie di ragazze la seguisse in chiesa. Era una donna semplice e materna, che aveva lavorato sodo in gioventù, e ora riteneva di potersi concedere di tanto in tanto la distrazione di una visita per il tè; e dovendo molto nel passato alla bontà di Mr. Woodhouse, si rendeva conto di come lui avesse un diritto speciale nel chiederle di lasciare, ogni volta che poteva, il lindo salotto con appesi tanti lavoretti decorativi, per andare a vincere o a perdere qualche mezzo scellino al suo focolare.

Erano queste le signore che Emma riusciva a riunire molto spesso; ed era felice di poterlo fare, per amore del padre, anche se, per quanto la riguardava, non c'era rimedio all'assenza di Mrs. Weston. Era deliziata nel vedere il padre così a suo agio, e si sentiva molto soddisfatta di saper organizzare le cose tanto bene, ma il tranquillo chiacchiericcio di tre donne del genere la rendeva consapevole che ogni serata trascorsa in quel modo era in effetti una delle lunghe serate che lei aveva tanto paventato.

Un mattino, mentre se ne stava seduta aspettandosi esattamente una conclusione del genere per quella giornata, arrivò un biglietto di Mrs. Goddard, che chiedeva, in termini molto rispettosi, di concederle di portare con sé Harriet Smith; una richiesta molto ben accetta, poiché Miss Smith era una ragazza di diciassette anni che Emma conosceva benissimo di vista e per la quale provava interesse da molto tempo, a causa della sua bellezza. La risposta fu un invito molto cortese, e la serata non metteva più paura alla bella padrona di casa.

Harriet Smith era la figlia naturale di qualcuno. Qualcuno l'aveva sistemata, diversi anni prima, nella scuola di Mrs. Goddard, e qualcuno l'aveva di recente innalzata dalla condizione di allieva a quella di residente fissa nella scuola. (1) Questo era tutto quello che si sapeva in generale della sua storia. Non le si conoscevano amici oltre a quelli che si era fatta a Highbury, ed era appena tornata da una lunga visita in campagna da alcune signorine che erano state sue compagne di scuola.

Era una ragazza molto carina, con un tipo di bellezza particolarmente ammirata da Emma. Era bassa, paffuta e di carnagione chiara, con un bel colorito roseo, occhi azzurri, capelli biondi, lineamenti regolari e un aspetto estremamente dolce; e, prima della fine della serata, Emma si sentì molto soddisfatta sia dei modi che della persona, e fermamente decisa a conoscerla meglio.

Non era rimasta colpita da nulla di particolarmente intelligente nella conversazione di Miss Smith, ma nel complesso l'aveva trovata molto attraente, non esageratamente timida, per niente restia a chiacchierare, eppure così lontana dal voler mettersi in mostra, con una deferenza così appropriata e adatta al luogo, con un'aria così piacevolmente grata di essere stata ammessa a Hartfield, e così spontaneamente impressionata dall'aspetto di ogni cosa, da uno stile così superiore a quello a cui era abituata, che doveva certo essere una ragazza assennata, che meritava incoraggiamento. E incoraggiamento avrebbe avuto. Quei dolci occhi azzurri e tutte quelle grazie naturali non dovevano andare sprecate nel rango sociale più basso di Highbury e nelle sue ramificazioni. Le conoscenze già fatte erano indegne di lei. Gli amici dai quali si era appena separata, sebbene fossero bravissime persone, non potevano che danneggiarla. Era una famiglia di nome Martin, della quale Emma conosceva bene la reputazione, in quanto affittuari di una grande fattoria di Mr. Knightley, e residenti nella parrocchia di Donwell; molto rispettabili, riteneva, e sapeva che Mr. Knightley aveva molta stima di loro; ma dovevano essere rozzi e volgari, e certamente inadatti a essere intimi di una ragazza a cui mancava solo un po' più di cultura e di eleganza per essere perfetta. Lei se ne sarebbe interessata, l'avrebbe migliorata, l'avrebbe distolta da amicizie negative e introdotta nella buona società; avrebbe modellato le sue opinioni e i suoi modi. Sarebbe stato un compito interessante, e sicuramente molto meritevole, estremamente consono alla sua posizione sociale, al tempo libero e alle capacità che aveva.

Era così intenta ad ammirare quei dolci occhi azzurri, a parlare e ad ascoltare, dando forma a tutti questi progetti negli intervalli, che la serata volò via con una rapidità insolita, e la tavola per la cena, che concludeva sempre quei ricevimenti, e della quale era solita controllare la puntualità, fu avvicinata al fuoco, apparecchiata e approntata prima che se ne rendesse conto. Con una solerzia che andava oltre il comune impulso di uno spirito che non era mai stato indifferente alla fama di fare tutto bene e con attenzione, con la sincera buona volontà di una mente deliziata dalle proprie idee, fece allora tutti gli onori della cena, servì e consigliò il pollo tritato e le ostriche impanate con una sollecitudine che sapeva sarebbe stata ben accetta ai suoi ospiti, avvezzi a non far tardi e preoccupati dell'etichetta.

In tali occasioni i sentimenti del povero Mr. Woodhouse erano preda di penosi conflitti. Amava vedere la tavola apparecchiata con la tovaglia, (2) perché era un'usanza della sua gioventù, ma la sua convinzione che le cene fossero molto nocive gli rendeva invece penoso vederci sopra qualcosa; e mentre il suo senso dell'ospitalità avrebbe offerto di tutto ai commensali, la preoccupazione per la loro salute gli rendeva doloroso vederli mangiare.

Un'altra scodellina di pappa d'avena, acquosa come la sua, era tutto quello che, rispettando alla lettera la propria coscienza, si sentiva di raccomandare, anche se, mentre le signore spazzolavano tranquillamente i bocconi migliori, si costringeva a dire,

"Mrs. Bates, permettetemi di proporvi di rischiare con una di queste uova. Un uovo bollito molto leggermente non è nocivo. Serle sa bollire le uova meglio di chiunque altro. Non raccomanderei mai un uovo bollito da qualcun altro... ma non dovete aver paura... sono molto piccoli, vedete... una delle nostre uova non vi farà male. Miss Bates, permettete che Emma vi serva un pezzetto di torta... un pezzettino. Le nostre sono torte di mele. Non dovete aver paura di conserve andate a male, qui. Non consiglio il budino. Mrs. Goddard, che ne dite di mezzo bicchiere di vino? Un mezzo bicchiere scarso, in un bel bicchierone d'acqua? Non credo che vi possa nuocere."

Emma lasciava parlare il padre, ma serviva gli ospiti in modo molto più soddisfacente, e quella sera provò un piacere particolare nel mandarli via felici. La felicità di Miss Smith era perfettamente adeguata a quanto si fosse proposta. Miss Woodhouse era un personaggio così importante a Highbury, che la prospettiva di esserle presentata aveva fornito tanto panico quanto piacere, ma la ragazza, umile, grata e tremante, se ne andò con sentimenti estremamente gratificati, deliziata dall'affabilità con cui era stata trattata per tutta la serata da Miss Woodhouse, che alla fine le aveva persino stretto la mano! (3)

(1) Nel testo originale si legge: "and somebody had lately raised her from the condition of scholar to that of parlour-boarder." La definizione di "parlour-border" nell'Oxford English Dictionary è: "allieva di un convitto che vive in famiglia con la direttrice e ha dei privilegi in più rispetto alle allieve normali." La retta era naturalmente maggiore, e questo spiega il perché Emma, nel cap. 8, la consideri figlia di un ricco gentiluomo. Il fatto poi che il cambiamento fosse avvenuto di recente, fa pensare che Harriet avesse ormai terminato gli studi e fosse stata lasciata da Mrs. Goddard in pratica come pensionante.

(2) La presenza della tovaglia indicava che a cena sarebbero stati serviti anche piatti caldi, un'usanza che andava scemando a favore di un pasto più veloce, con solo piatti freddi.

(3) Salutare stringendo la mano, anziché limitarsi a un più freddo inchino, era in effetti un segno di affabilità da parte di una persona di rango superiore.

     |     romanzi canonici     |     home page     |