Jane Austen
Fanny Burney - Cecilia
Libro I - cap. 1
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     indice letture JA     |     home page     |     

CECILIA


Advertisement.

The indulgence shewn by the Public to Evelina, which, unpatronized, unaided, and unowned, past through Four Editions in one Year, has encouraged its Author to risk this SECOND attempt. The animation of success is too universally acknowledged, to make the writer of the following sheets dread much censure of temerity; though the precariousness of any power to give pleasure, suppresses all vanity of confidence, and sends Cecilia into the world with scarce more hope, though far more encouragement, than attended her highly-honoured predecessor, Evelina.

July, 1782.

CECILIA


Avviso

L'indulgenza mostrata dal pubblico verso Evelina, che, senza sostegno economico, senza aiuti e anonimo, ha collezionato quattro edizioni in un anno, ha incoraggiato l'autore a rischiare questo SECONDO tentativo. Il fervore del successo è troppo universalmente riconosciuto per far temere a chi ha scritto le pagine che seguono l'accusa di temerarietà, anche se la precarietà di qualsiasi talento nel fornire piacere reprime ogni presuntuosa vanità, e, pur avendo ricevuto di gran lunga più incoraggiamento, manda Cecilia nel mondo con scarse speranze di fare di più di quanto abbia ottenuto colei che l'ha preceduta con tanto onore, Evelina.

Luglio 1782



Book I - Chap. 1
A Journey.

“Peace to the spirits of my honoured parents, respected be their remains, and immortalized their virtues! may time, while it moulders their frail relicks to dust, commit to tradition the record of their goodness; and Oh, may their orphan-descendant be influenced through life by the remembrance of their purity, and be solaced in death, that by her it was unsullied!”

Such was the secret prayer with which the only survivor of the Beverley family quitted the abode of her youth, and residence of her forefathers; while tears of recollecting sorrow filled her eyes, and obstructed the last view of her native town which had excited them.

Cecilia, this fair traveller, had lately entered into the one-and-twentieth year of her age. Her ancestors had been rich farmers in the county of Suffolk, though her father, in whom a spirit of elegance had supplanted the rapacity of wealth, had spent his time as a private country gentleman, satisfied, without increasing his store, to live upon what he inherited from the labours of his predecessors. She had lost him in her early youth, and her mother had not long survived him. They had bequeathed to her 10,000 pounds, and consigned her to the care of the Dean of ——— her uncle. With this gentleman, in whom, by various contingencies, the accumulated possessions of a rising and prosperous family were centred, she had passed the last four years of her life; and a few weeks only had yet elapsed since his death, which, by depriving her of her last relation, made her heiress to an estate of 3000 pounds per annum; with no other restriction than that of annexing her name, if she married, to the disposal of her hand and her riches.

But though thus largely indebted to fortune, to nature she had yet greater obligations: her form was elegant, her heart was liberal; her countenance announced the intelligence of her mind, her complexion varied with every emotion of her soul, and her eyes, the heralds of her speech, now beamed with understanding and now glistened with sensibility.

For the short period of her minority, the management of her fortune and the care of her person, had by the Dean been entrusted to three guardians, among whom her own choice was to settle her residence: but her mind, saddened by the loss of all her natural friends, coveted to regain its serenity in the quietness of the country, and in the bosom of an aged and maternal counsellor, whom she loved as her mother, and to whom she had been known from her childhood.

The Deanery, indeed, she was obliged to relinquish, a long repining expectant being eager, by entering it, to bequeath to another the anxiety and suspense he had suffered himself; though probably without much impatience to shorten their duration in favour of the next successor; but the house of Mrs. Charlton, her benevolent friend, was open for her reception, and the alleviating tenderness of her conversation took from her all wish of changing it.

Here she had dwelt since the interment of her uncle; and here, from the affectionate gratitude of her disposition, she had perhaps been content to dwell till her own, had not her guardians interfered to remove her.

Reluctantly she complied; she quitted her early companions, the friend she most revered, and the spot which contained the relicks of all she had yet lived to lament; and, accompanied by one of her guardians, and attended by two servants, she began her journey from Bury to London.

Mr. Harrel, this gentleman, though in the prime of his life, though gay, fashionable and splendid, had been appointed by her uncle to be one of her trustees; a choice which had for object the peculiar gratification of his niece, whose most favourite young friend Mr. Harrel had married, and in whose house he therefore knew she would most wish to live.

Whatever good-nature could dictate or politeness suggest to dispel her melancholy, Mr. Harrel failed not to urge; and Cecilia, in whose disposition sweetness was tempered with dignity, and gentleness with fortitude, suffered not his kind offices to seem ineffectual; she kissed her hand at the last glimpse a friendly hill afforded of her native town, and made an effort to forget the regret with which she lost sight of it. She revived her spirits by plans of future happiness, dwelt upon the delight with which she should meet her young friend, and, by accepting his consolation, amply rewarded his trouble.

Her serenity, however, had yet another, though milder trial to undergo, since another friend was yet to be met, and another farewell was yet to be taken.

At the distance of seven miles from Bury resided Mr. Monckton, the richest and most powerful man in that neighbourhood, at whose house Cecilia and her guardian were invited to breakfast in their journey.

Mr. Monckton, who was the younger son of a noble family, was a man of parts, information and sagacity; to great native strength of mind he added a penetrating knowledge of the world, and to faculties the most skilful of investigating the character of every other, a dissimulation the most profound in concealing his own. In the bloom of his youth, impatient for wealth and ambitious of power, he had tied himself to a rich dowager of quality, whose age, though sixty-seven, was but among the smaller species of her evil properties, her disposition being far more repulsive than her wrinkles. An inequality of years so considerable, had led him to expect that the fortune he had thus acquired, would speedily be released from the burthen with which it was at present incumbered; but his expectations proved as vain as they were mercenary, and his lady was not more the dupe of his protestations than he was himself of his own purposes. Ten years he had been married to her, yet her health was good, and her faculties were unimpaired; eagerly he had watched for her dissolution, yet his eagerness had injured no health but his own! So short-sighted is selfish cunning, that in aiming no further than at the gratification of the present moment, it obscures the evils of the future, while it impedes the perception of integrity and honour.

His ardour, however, to attain the blessed period of returning liberty, deprived him neither of spirit nor inclination for intermediate enjoyment; he knew the world too well to incur its censure by ill-treating the woman to whom he was indebted for the rank he held in it; he saw her, indeed, but seldom, yet he had the decency, alike in avoiding as in meeting her, to shew no abatement of civility and good breeding: but, having thus sacrificed to ambition all possibility of happiness in domestic life, he turned his thoughts to those other methods of procuring it, which he had so dearly purchased the power of essaying.

The resources of pleasure to the possessors of wealth are only to be cut off by the satiety of which they are productive: a satiety which the vigorous mind of Mr. Monckton had not yet suffered him to experience; his time, therefore, was either devoted to the expensive amusements of the metropolis, or spent in the country among the gayest of its diversions.

The little knowledge of fashionable manners and of the characters of the times of which Cecilia was yet mistress, she had gathered at the house of this gentleman, with whom the Dean her Uncle had been intimately connected: for as he preserved to the world the same appearance of decency he supported to his wife, he was everywhere well received, and being but partially known, was extremely respected: the world, with its wonted facility, repaying his circumspect attention to its laws, by silencing the voice of censure, guarding his character from impeachment, and his name from reproach.

Cecilia had been known to him half her life; she had been caressed in his house as a beautiful child, and her presence was now solicited there as an amiable acquaintance. Her visits, indeed, had by no means been frequent, as the ill-humour of Lady Margaret Monckton had rendered them painful to her; yet the opportunities they had afforded her of mixing with people of fashion, had served to prepare her for the new scenes in which she was soon to be a performer.

Mr. Monckton, in return, had always been a welcome guest at the Deanery; his conversation was to Cecilia a never-failing source of information, as his knowledge of life and manners enabled him to start those subjects of which she was most ignorant; and her mind, copious for the admission and intelligent for the arrangement of knowledge, received all new ideas with avidity.

Pleasure given in society, like money lent in usury, returns with interest to those who dispense it: and the discourse of Mr. Monckton conferred not a greater favour upon Cecilia than her attention to it repaid. And thus, the speaker and the hearer being mutually gratified, they had always met with complacency, and commonly parted with regret.

This reciprocation of pleasure had, however, produced different effects upon their minds; the ideas of Cecilia were enlarged, while the reflections of Mr. Monckton were embittered. He here saw an object who to all the advantages of that wealth he had so highly prized, added youth, beauty, and intelligence; though much her senior, he was by no means of an age to render his addressing her an impropriety, and the entertainment she received from his conversation, persuaded him that her good opinion might with ease be improved into a regard the most partial. He regretted the venal rapacity with which he had sacrificed himself to a woman he abhorred, and his wishes for her final decay became daily more fervent. He knew that the acquaintance of Cecilia was confined to a circle of which he was himself the principal ornament, that she had rejected all the proposals of marriage which had hitherto been made to her, and, as he had sedulously watched her from her earliest years, he had reason to believe that her heart had escaped any dangerous impression. This being her situation, he had long looked upon her as his future property; as such he had indulged his admiration, and as such he had already appropriated her estate, though he had not more vigilantly inspected into her sentiments, than he had guarded his own from a similar scrutiny.

The death of the Dean her Uncle had, indeed, much alarmed him; he grieved at her leaving Suffolk, where he considered himself the first man, alike in parts and in consequence, and he dreaded her residing in London, where he foresaw that numerous rivals, equal to himself in talents and in riches, would speedily surround her; rivals, too, youthful and sanguine, not shackled by present ties, but at liberty to solicit her immediate acceptance. Beauty and independence, rarely found together, would attract a crowd of suitors at once brilliant and assiduous; and the house of Mr. Harrel was eminent for its elegance and gaiety; but yet, undaunted by danger, and confiding in his own powers, he determined to pursue the project he had formed, not fearing by address and perseverance to ensure its success.



Libro I - cap. 1
Un viaggio

"Pace allo spirito dei miei onorati genitori, siano rispettati i loro resti e rese immortali le loro virtù! Possa il tempo, mentre rende polvere le loro spoglie mortali, consegnare ai posteri il ricordo della loro bontà, e Oh!, possa la loro orfana essere accompagnata per tutta la vita dal ricordo della loro purezza, e consolata nell'ora della morte dal pensiero di non averla mai contaminata!"

Tale era la preghiera segreta con la quale l'unica sopravvissuta della famiglia Beverley abbandonò la dimora della sua giovinezza e la residenza dei suo antenati, mentre il ricordo le colmava gli occhi di lacrime e le impediva di guardare per l'ultima volta la città natia che le aveva provocate.

Cecilia, la bella viaggiatrice, aveva di recente compiuto ventun anni. I suoi antenati erano stati ricchi agricoltori nella contea del Suffolk, anche se il padre, nel quale l'idea dell'eleganza aveva soppiantato la rapacità della ricchezza, aveva trascorso la sua vita come un gentiluomo di campagna, senza accrescere le sue sostanze, vivendo di ciò che aveva ereditato dal lavoro dei suoi predecessori. Cecilia lo aveva perduto nella prima giovinezza, e la madre non gli era sopravvissuta a lungo. Le avevano lasciato in eredità diecimila sterline, consegnate alle cure dello zio, il decano di *. Con questo gentiluomo, nelle cui mani, per svariate circostanze, si erano accentrate le proprietà accumulate da una famiglia prospera e fiorente, aveva trascorso gli ultimi quattro anni, ed erano trascorse solo poche settimane dalla morte dello zio, che, privandola dell'ultimo parente, l'aveva resa erede di una proprietà che rendeva tremila sterline l'anno, con nessun vincolo se non quello di aggiungere il proprio nome, se si fosse sposata, a quello di colui che avrebbe potuto disporre della sua mano e delle sue ricchezze.

Ma anche se così largamente in debito con la fortuna, verso la natura aveva obblighi ancora maggiori; aveva un aspetto elegante e un cuore generoso, il volto dichiarava l'intelligenza della mente, la carnagione mutava a ogni emozione dell'animo, e gli occhi, gli araldi della parola, ora irradiavano acume ora brillavano di sensibilità.

Per il breve periodo della sua minore età, la sua educazione e la gestione del suo patrimonio erano stati affidati dal decano a tre tutori, tra i quali Cecilia doveva scegliere la sua residenza; ma la sua mente, afflitta dalla perdita dei parenti, bramava di recuperare la serenità nella quiete della campagna e nel seno di una anziana e materna consigliera, che amava come una madre e che la conosceva fin dall'infanzia.

Fu quindi costretta ad abbandonare il decanato, dato che chi aveva a lungo sofferto l'attesa di occuparlo era ansioso di lasciare a qualcun altro l'ansia e l'incertezza di cui lui stesso era stato preda, sebbene non fosse probabilmente molto ansioso di abbreviarne la durata per il suo successore; ma la casa di Mrs. Charlton, la sua affettuosa amica, era aperta per accoglierla, e la consolante tenerezza delle loro conversazioni le tolse ogni desiderio di cambiamento.

Lì aveva abitato dal funerale dello zio, e lì, per l'affettuosa gratitudine del suo carattere, sarebbe forse stata felice di continuare ad abitare, se i suoi tutori non fossero intervenuti per farla trasferire.

Acconsentì con riluttanza, lasciò le compagne dell'infanzia, l'amica che venerava di più e il luogo che accoglieva i resti di tutti quelli che erano ancora così vivi nella sua memoria, e, accompagnata da uno dei tutori e scortata da due servitori, cominciò il suo viaggio da Bury a Londra.

Mr. Harrel, il suddetto gentiluomo, nonostante fosse nel fiore degli anni, vivace, alla moda e amante del lusso, era stato nominato dallo zio come uno dei tutori, una scelta che aveva lo scopo peculiare di gratificare la nipote, la cui più intima amica aveva sposato Mr. Harrel, e nella cui casa egli sapeva quindi che lei avrebbe preferito vivere.

Sia che fosse dettato dalla bontà o suggerito dall'educazione, in Mr. Harrel non mancò il tentativo di farle dimenticare la sua malinconia, e Cecilia, nella quale il temperamento dolce era temperato dalla dignità, e la gentilezza dalla forza d'animo, non permise che quei gentili uffici apparissero inefficaci; soffocò l'emozione quando un'amichevole collina le permise di lanciare un'ultima occhiata alla città natia, e si sforzò di dimenticare il rimpianto di un ultimo sospiro. Si riprese d'animo pensando alla felicità futura, indugiò sulla gioia con la quale avrebbe incontrato la sua giovane amica, e, accettando i tentativi di consolarla, ripagò ampiamente il disturbo di Mr. Harrel.

La sua serenità, tuttavia, aveva ancora uno scoglio da superare, anche se più limitato, visto che c'era un altro amico da incontrare, e un altro addio da dare.

A distanza di sette miglia da Bury risiedeva Mr. Monckton, l'uomo più ricco e potente di quel distretto, in casa del quale Cecilia e il suo tutore furono invitati per fare colazione durante il viaggio.

Mr. Monckton, il minore dei figli di una famiglia nobile, era un uomo dalle molte risorse, ben informato e accorto; a una innata solidità di mente aveva aggiunto un'acuta conoscenza del mondo, e alla capacità di capire a fondo i caratteri degli altri la grande abilità di nascondere il proprio. Nel fiore della gioventù, impaziente di diventare ricco e con l'ambizione del potere, si era unito a una ricca vedova di alto rango, la cui età, sebbene avesse sessantasette anni, era il male minore tra le sue caratteristiche negative, dato che aveva un carattere di gran lunga più disgustoso delle sue rughe. Una differenza d'età così marcata aveva condotto lui ad aspettarsi che il patrimonio acquisito in quel modo sarebbe stato rapidamente liberato dal peso che al momento lo gravava; ma le sue aspettative si dimostrarono vane quanto erano mercenarie, e la sua signora non si lasciava ingannare dalle sue solenni asserzioni più di quanto facesse lui stesso nei confronti dei propri scopi. Erano sposati da dieci anni, ma la salute di lei era ottima, e le sue facoltà mentali inalterate; lui aveva guardato con impazienza alla scomparsa della moglie, ma quell'impazienza non aveva fatto altro che minare la sua di salute! L'astuzia egoista è così miope che offusca i mali del futuro, impedendo allo stesso tempo l'esatta percezione dell'integrità e dell'onore.

Comunque, l'ansia di conseguire quel beato periodo di ritrovata libertà non lo aveva privato né dello spirito né dell'inclinazione a divertirsi; conosceva troppo bene il mondo per attirarsi il suo biasimo trattando male la donna con la quale era in debito per la posizione sociale che aveva; in realtà la vedeva raramente, ma aveva la decenza, allo stesso modo in cui evitava di incontrarla, di non palesare nessuna diminuzione di civiltà e buona educazione, ma, avendo sacrificato all'ambizione tutte le possibilità di felicità nella vita domestica, aveva rivolto i suoi pensieri ad altri metodi per procurarsela, per i quali aveva comprato a caro prezzo la facoltà di utilizzarli.

Le risorse a disposizione per i piaceri di un uomo ricco sono limitate soltanto dalla sazietà che producono, una sazietà che la mente vigorosa di Mr. Monckton non aveva ancora sperimentato; il suo tempo era quindi dedicato sia ai dispendiosi svaghi della metropoli, sia a risiedere in campagna godendone le gioie.

Le scarse conoscenze dei comportamenti alla moda e delle usanze del tempo che Cecilia possedeva, le aveva acquisite nella casa di questo gentiluomo, con il quale lo zio decano intratteneva rapporti molto stretti; poiché Mr. Monckton si mostrava al mondo con la stessa apparenza di decenza usata per la moglie, era ben accolto dappertutto, e, visto che di lui si aveva una conoscenza solo parziale, era estremamente rispettato. Il mondo, con la facilità che gli è consueta, ripagava la sua attenzione alle leggi che lo regolano zittendo le voci critiche, proteggendo il suo carattere dal dubbio e il suo nome dal biasimo.

Cecilia l'aveva frequentato per metà della sua vita; aveva ricevuto in casa sua le carezze riservate a una bella bambina, e la sua presenza era sollecitata come quella di un'amabile conoscenza. Le sue visite, in verità, non erano mai state frequenti, dato che il pessimo carattere di Lady Margaret Monckton gliele aveva rese penose, ma le opportunità che le avevano dato di frequentare gente alla moda, erano servite per prepararla ai nuovi scenari nei quali sarebbe stata presto una protagonista.

Mr. Monckton, in compenso, era sempre stato un ospite benvenuto al decanato; la sua conversazione era per Cecilia un'inesauribile fonte di informazioni, dato che la sua conoscenza del mondo lo rendeva capace di introdurre argomenti sui quali lei era molto ignorante; la sua mente, aperta alle novità e perspicace nel mettere ordine in ciò che apprendeva, assorbiva tutte le idee nuove con avidità.

Lo svago offerto alla società, come il denaro prestato a usura, torna con gli interessi a coloro che lo dispensano, e i discorsi di Mr. Monckfort non concedevano a Cecilia un favore maggiore di quanto fosse il compenso ricavato dalla sua attenzione. In questo modo, essendo chi parlava e chi ascoltava reciprocamente gratificati, si incontravano sempre con soddisfazione, e di solito si separavano con rammarico.

Questo reciproco piacere aveva tuttavia prodotto effetti diversi; le idee di Cecilia si erano ampliate, mentre le riflessioni di Mr. Monckton si erano inasprite. Egli vedeva che in lei, a tutti i vantaggi di quella ricchezza da lui acquisita a così caro prezzo, si aggiungevano la giovinezza, la bellezza e l'intelligenza; sebbene fosse molto più anziano, non era affatto in un'età che avrebbe reso inappropriato nutrire delle speranze, e il piacere che le dava la sua conversazione lo convinse che la buona opinione che aveva di lui si sarebbe potuta trasformare con facilità in una stima più profonda. Si rammaricava della venale rapacità con la quale aveva sacrificato se stesso a una donna che detestava, e il desiderio di vederla finalmente scomparire divenne di giorno in giorno più ardente. Sapeva che le conoscenze di Cecilia erano confinate a una cerchia che vedeva in lui il personaggio principale, che aveva rifiutato tutte le proposte di matrimonio che le erano state rivolte fino a quel momento, e, dato che l'aveva osservata con assiduità fin dall'infanzia, aveva ragione di credere che il suo cuore fosse sfuggito a qualsiasi sentimento pericoloso. Essendo questa la situazione, da tempo la guardava come a una sua futura proprietà; per questo aveva continuato a indugiare nella propria ammirazione, e sempre per questo considerava già come sue le proprietà di Cecilia, anche se la vigile attenzione sui sentimenti di lei non era stata maggiore della cautela nel non far trapelare i propri verso chi avesse indagato in modo simile al suo.

La morte dello zio decano lo aveva, in verità, messo in forte allarme; era doloroso vederla andar via dal Suffolk, dove si considerava il personaggio più illustre, per risorse e importanza, e aveva paura di quel trasferimento a Londra, dove prevedeva che numerosi rivali, uguali a lui in talenti e ricchezze, l'avrebbero presto circondata; rivali, per di più, giovani e sanguigni, non ostacolati da legami presenti, ma liberi di sollecitare un consenso immediato. Bellezza e indipendenza economica, che è raro trovare insieme, avrebbero attratto una folla di corteggiatori insieme brillanti e assidui, e la casa di Mr. Harrel era famosa per eleganza e allegria; eppure, incurante del pericolo e confidando nelle proprie forze, decise di continuare nel piano che aveva predisposto, senza dubitare che le capacità e la perseveranza gli avrebbero assicurato il successo.

     |     indice letture JA     |     home page     |