Jane Austen

Lettere 131-140
traduzione di Giuseppe Ierolli

  121-130      |     indice lettere     |     home page     |      141-150 

131(C)
(Monday 11 December 1815) - no ms.
John Murray, London


Hans Place, December 11

Dear Sir

I am much obliged by yours, and very happy to feel everything arranged to our mutual satisfaction. As to my direction about the title-page, it was arising from my ignorance only, and from my having never noticed the proper place for a dedication. I thank you for putting me right. Any deviation from what is usually done in such cases is the last thing I should wish for. I feel happy in having a friend to save me from the ill effect of my own blunder.

Yours, dear Sir, &c,
J. Austen

131(C)
(lunedì 11 dicembre 1815) - no ms.
John Murray, Londra


Hans Place, 11 dicembre

Egregio Signore

Vi sono molto obbligata per la vostra, e felicissima di vedere che tutto è stato sistemato con reciproca soddisfazione. Per quanto riguarda le mie direttive circa il frontespizio, sono scaturite solo dalla mia ignoranza, e dal fatto di non aver mai notato la giusta posizione per una dedica. (1) Vi ringrazio per avermi indicato la giusta via. Qualsiasi deviazione da ciò che si fa di solito in questi casi è l'ultima cosa che desidero. Sono felice di avere un amico che mi risparmi le conseguenze negative del mio grossolano errore.

La vostra, egregio Signore, ecc.
J. Austen



(1) Vedi la nota 2 alla lettera precedente.

132(D)
(Monday 11 December 1815)
James Stanier Clarke, London


Dec: 11

Dear Sir

My Emma is now so near publication that I feel it right to assure You of my not having forgotten your kind recommendation of an early Copy for Cn H., - & that I have Mr Murray's promise of its being sent to HRH. under cover to You, three days previous to the Work being really out. -

I must make use of this opportunity to thank you, dear Sir, for the very high praise you bestow on my other Novels. - I am too vain to wish to convince you that you have praised them beyond their Merit. -

My greatest anxiety at present is that this 4th work should not disgrace what was good in the others. But on this point I will do myself the justice to declare that whatever may be my wishes for its' success, I am very strongly haunted with the idea that to those Readers who have preferred P&P. it will appear inferior in Wit, & to those who have preferred MP. very inferior in good Sense. Such as it is however, I hope you will do me the favour of accepting a Copy. Mr M. will have directions for sending one. I am quite honoured by your thinking me capable of drawing such a Clergyman as you gave the sketch of in your note of Nov: 16. But I assure you I am not. The comic part of the Character I might be equal to, but not the Good, the Enthusiastic, the Literary. Such a Man's Conversation must at times be on subjects of Science and Philosophy of which I know nothing - or at least be occasionally abundant in quotations and allusions which a Woman, who like me, knows only her own Mother-tongue & has read very little in that, would be totally without the power of giving. - A Classical Education, or at any rate, a very extensive acquaintance with English Literature, Ancient and Modern, appears to me quite Indispensable for the person who wd do any justice to your Clergyman - And I think I may boast myself to be, with all possible Vanity, the most unlearned, & uninformed Female who ever dared to be an Authoress.

Believe me, dear Sir,
Your obliged & faithl Hum. Servt.
J. A.

132(D)
(lunedì 11 dicembre 1815)
James Stanier Clarke, Londra


11 dic.

Egregio Signore

La mia Emma è ormai così vicina alla pubblicazione che mi sento in dovere di assicurarVi che non ho dimenticato la vostra cortese raccomandazione di anticiparne una Copia per C. H., - e di avere la promessa di Mr Murray che sarà spedita a SAR. in un plico indirizzato a Voi, tre giorni prima che l'Opera sia effettivamente uscita. -

Colgo questa opportunità per ringraziarvi, egregio Signore, delle grandissime lodi che avete concesso ai miei altri Romanzi. - Sono troppo presuntuosa per desiderare di convincervi di averli elogiati al di là dei loro Meriti. -

Al momento la mia maggiore preoccupazione è che il mio 4° lavoro non disonori quello che c'era di buono negli altri. Ma su questo punto mi renderò giustizia affermando che quali siano i miei desideri per il suo successo, sono fortemente ossessionata dall'idea che a quei Lettori che hanno amato P&P. apparirà inferiore in Arguzia, e a quelli che hanno amato MP. molto inferiore in sani Principi. Come che sia, comunque, spero che mi farete la cortesia di accettarne una Copia. Mr M. riceverà disposizioni per mandarvene una. Sono altamente onorata per essere da voi ritenuta in grado di ritrarre un Ecclesiastico del genere di quello da voi abbozzato nel vostro biglietto del 16 nov. (1) Ma vi assicuro che non lo sono. Del lato comico del Carattere potrei essere all'altezza, ma non di quello Buono, Fervente, Colto. La Conversazione di un Uomo del genere deve a volte vertere su argomenti di Scienza e Filosofia dei quali non so nulla - o almeno deve di tanto in tanto abbondare in citazioni e allusioni che una Donna, che come me, conosce solo la propria Madrelingua e ha letto pochissimo anche in quella, sarebbe totalmente incapace di riportare. Un'Istruzione Classica, o in ogni caso, una conoscenza molto estesa della Letteratura Inglese, Antica e Moderna, mi sembra assolutamente Indispensabile per una persona che voglia rendere giustizia al vostro Ecclesiastico - E io credo di potermi vantare di essere, con tutta la possibile Presunzione, la Donna più illetterata, e disinformata che abbia mai osato diventare un'Autrice.

Credetemi, egregio Signore,
La Vostra grata e devota Umile Serva
J. A.



(1) Vedi la lettera 125(A).

132(A)
(Thursday ?21 December 1815)
From James Stanier Clarke, London


Carlton House Thursday, 1815

My dear Madam,

The Letter you were so obliging as to do me the Honour of sending, was forwarded to me in Kent, where in a Village, Chiddingstone near Sevenoaks, I had been hiding myself from all bustle and turmoil - and getting Spirits for a Winter Campaign - and Strength to stand the sharp knives which many a Shylock is wetting to cut more than a Pound of Flesh from my heart, on the appearance of James the Second.

On Monday I go to Lord Egremonts at Petworth - where your Praises have long been sounded as they out to be. I shall then look in on the Party at the Pavilion for a couple of nights - and return to preach at Park Street Chapel Green St. on the Thanksgiving Day.

You were very good to send me Emma - which I have in no respect deserved. It is gone to the Prince Regent. I have read only a few Pages which I much admired - there is so much nature - and excellent description of Character in every thing you describe.

Pray continue to write, & make all your friends send Sketches to help you - and Memoires pour servir - as the French term it. Do let us have an English Clergyman after your fancy - much novelty may be introduced - shew dear Madam what good would be done if Tythes were taken away entirely, and describe him burying his own mother - as I did - because the High Priest of the Parish in which she died - did not pay her remains the respect he ought to do. I have never recovered the Shock. Carry your Clergyman to Sea as the Friend of some distinguished Naval Character about a Court - you can then bring foreward like Le Sage many interesting Scenes of Character & Interest.

But forgive me, I cannot write to you without wishing to elicit your Genius; - & I fear I cannot do that, without trespassing on your Patience and Good Nature.

I have desired Mr Murray to procure, if he can, two little Works I ventured to publish from being at Sea - Sermons which I wrote & preached on the Ocean - & the Edition which I published of Falconers Shipwreck.

Pray, dear Madam, remember, that besides My Cell at Carlton House, I have another which Dr Barne procured for me at N° 37, Golden Square - where I often hide myself. There is a small Library there much at your Service - and if you can make the Cell render you any service as a sort of Half-way House, when you come to Town - I shall be most happy. There is a Maid Servant of mine always there.

I hope to have the honour of sending you James the 2d when it reaches a second Ed: - as some few Notes may possibly be then added.

Yours Dear Madam, very sincerely

J. S. Clarke.

132(A)
(giovedì 21? dicembre 1815)
Da James Stanier Clarke, Londra


Carlton House giovedì, 1815

Mia cara Signora,

La Lettera che siete stata così cortese di farmi l'Onore di inviare, mi è stata inoltrata nel Kent, dove in un Villaggio, Chiddingstone vicino a Sevenoaks, mi ero sottratto a tutto il trambusto e la confusione - a ritemprare lo Spirito per la Campagna Invernale - e a trovare la Forza per affrontare gli acuminati coltelli che molti Shylock stanno affilando per tagliare più di una Libbra di Carne dal mio cuore, (1) non appena apparirà James the Second. (2)

Lunedì andrò da Lord Egremont a Petworth - dove da tempo risuonano le vostre Lodi com'è giusto che sia. Farò poi una breve visita di un paio di giorni al Gruppo del Pavilion (3) - e tornerò a predicare nella Park Street Chapel a Green Street per il Giorno del Ringraziamento. (4)

Siete stata molto buona a mandarmi Emma - cosa che non meritavo affatto. Quella per il Principe Reggente è partita. Ho letto solo poche Pagine che ho ammirato molto - c'è così tanta naturalezza - e un'eccellente descrizione dei Personaggi in tutto ciò che descrivete.

Vi prego di continuare a scrivere, e di farvi mandare da tutti i vostri amici dei Bozzetti per aiutarvi - e Memoires pour servir - come li chiamano i francesi. Dateci un Ecclesiastico inglese secondo la vostra fantasia - possono essere introdotte molte novità - mostrate cara Signora quante cose buone deriverebbero dalla totale abolizione delle Decime, e descrivetelo mentre seppellisce la madre - come ho fatto io - poiché il Titolare della Parrocchia in cui morì - non tributava ai suoi resti il rispetto dovuto. Non mi sono mai ripreso dal Colpo. Portate il vostro Ecclesiastico in Mare come Amico di un qualche Personaggio famoso della Marina vicino a una Corte - potreste allora introdurre come Le Sage (5) molte Scene interessanti su Personaggi e Interessi.

Ma perdonatemi, non riesco a scrivervi senza il desiderio di sollecitare il vostro Genio; - e temo di non poterlo fare, senza abusare della vostra Pazienza e della vostra Benevolenza.

Ho pregato Mr Murray di procurarvi, se può, due piccoli Lavori che ho avuto l'ardire di pubblicare mentre ero in Mare - i Sermoni che ho scritto e pronunciato sull'Oceano (6) - e l'edizione da me curata di Shipwreck di Falconer. (7)

Vi prego, cara Signora, di ricordare, che oltre alla Mia Cella a Carlton House, ne ho un'altra procuratami dal Dr Barne al N. 37 di Golden Square - dove spesso mi rifugio. Là c'è una piccola Biblioteca a vostra completa disposizione - e se la Cella potesse esservi utile come una sorta di pied-à-terre, quando venite a Londra - ne sarei felicissimo - C'è sempre una Domestica.

Spero di avere l'onore di mandarvi James the second quando sarà alla seconda Ediz. - dato che forse aggiungerò alcune Note. (8)

Molto sinceramente Vostro, Cara Signora,

J. S. Clarke.



(1) Clarke si riferisce al patto tra Shylock e Antonio nel Mercante di Venezia di Shakespeare.

(2) Stava per uscire un libro di Clarke su Giacomo II, Life of the King James II.

(3) Il Pavilion era il palazzo fatto costruire a Brighton dal principe reggente.

(4) Questo "Thanksgiving Day" non ha nulla a che vedere con la festa che si celebra negli Stati Uniti il terzo giovedì di novembre; si tratta della "festa di ringraziamento" per la vittoria nella battaglia di Waterloo (18 giugno 1815), che si tenne il 18 gennaio 1816.

(5) Alain-René Lesage (1668-1747); probabile che Clarke si riferisca al suo capolavoro, Histoire de Gil Blas de Santillana (1715/1747), tradotto in inglese nel 1749 da Tobias Smollett.

(6) James Stanier Clarke, Sermons preached in the Western Squadron during its service off Brest, on board H M ship Impetueux (1798).

(7) The Shipwrek (Il naufragio), poema di William Falconer, pubblicato nel 1804 a cura del rev. Clarke.

(8) Non si hanno notizie circa una seconda edizione di questo lavoro del rev. Clarke.

133
(Thursday 14 December 1815)
Charles Thomas Haden, London


Dear Sir

We return these volumes with many Thanks. They have afforded us great amusement. - As we were out ourselves yesterday Eveng we were glad to find you had not called - but shall depend upon your giving us some part of this Eveng. - I leave Town early on Saturday, & must say "Good bye" to you. -

Yr obliged & faithful
J. Austen

Thursday.

C. Haden Esqr

133
(giovedì 14 dicembre 1815)
Charles Thomas Haden, Londra


Egregio Signore

Vi restituiamo i volumi con molte Grazie. Ci hanno procurato grande svago. - Visto che ieri Sera eravamo fuori siamo stati lieti di scoprire che non eravate passato - ma contiamo sul fatto che ci accordiate almeno parte di questa Serata. - Lascerò Londra sabato, e devo dirvi "Arrivederci". -

La vostra grata e fedele
J. Austen

Giovedì.

134(A)
(Wednesday 27 December 1815)
From the Countess of Morley, Saltram


Saltram
27th Decr

Madam -

I have been most anxiously waiting for an introduction to Emma, & am infinitely obliged to you for your kind recollection of me, which will procure me the pleasure of her acquaintance some days sooner than I should otherwise have had it - I am already become intimate with the Woodhouse family, & feel that they will not amuse & interest me less than the Bennetts, Bertrams, Norrises & all their admirable predecessors - I can give them no higher praise -

I am
Madam
Yr much obliged
F. Morley -

To
Miss J. Austin [sic]
Chawton
Alton
Hants.

134(A)
(mercoledì 27 dicembre 1815)
Dalla contessa di Morley, Saltram


Saltram
27 dic.

Signora -

Stavo aspettando con estrema impazienza di essere presentata a Emma, e vi sono infinitamente grata per esservi gentilmente ricordata di me, il che mi ha procurato il piacere di fare la sua conoscenza qualche giorno prima di quanto avrei fatto altrimenti - Sono già diventata intima della famiglia Woodhouse, e sento che non mi divertiranno e non mi interesseranno meno dei Bennet, dei Bertram, dei Norris e di tutti i loro ammirabili predecessori (1) - Non potrei far loro un elogio migliore -

Sono
Signora
La vostra molto grata
F. Morley -



(1) Il riferimento è a Pride and Prejudice (Bennet) e a Mansfield Park (Bertam e Norris); il 29 dicembre 1815 Lady Morley scrisse alla cognata, Theresa Villiers, di stare ancora leggendo Emma, che però le sembrava inferiore a Mansfield Park e a Pride and Prejudice.

134
(Sunday 31 December 1815)
Countess of Morley, Saltram


Chawton Dec: 31.

Madam

Accept my Thanks for the honour of your note & for your kind disposition in favour of Emma. In my present state of doubt as to her reception in the World, it is particularly gratifying to receive so early an assurance of your Ladyship's approbation. It encourages me to depend on the same share of general good opinion which Emma's Predecessors have experienced, & to beleive that I have not yet - as almost every Writer of Fancy does sooner or later - overwritten myself.

I am Madam
Your Obliged & faithful Servt
J. Austen

134 (1)
(domenica 31 dicembre 1815)
Contessa di Morley, Saltram


Chawton 31 dic.

Signora

Accettate i miei Ringraziamenti per l'onore del vostro biglietto e per il cortese interesse a favore di Emma. Nel mio attuale stato di dubbio su come verrà accolta dal Mondo, è particolarmente gratificante ricevere così presto l'assicurazione che vostra Signoria l'approva. Mi incoraggia a contare sullo stesso numero di giudizi positivi che hanno incontrato i Predecessori di Emma, e a credere di non essere ancora diventata, come accade prima o poi a quasi tutti gli Scrittori di Narrativa, troppo prolifica.

Sono Signora
La vostra grata e fedele Serva
J. Austen


(1) Esiste anche il manoscritto della brutta copia di questa lettera, sostanzialmente uguale e numerata 134(D) nell'edizione Le Faye. Nell'edizione Chapman è riportata solo quest'ultima versione, con il numero 123.

135
(Early January 1816)
Anna Lefroy, Wyards


My dear Anna

As I wish very much to see your Jemima, I am sure you will like to see my Emma, & have therefore great pleasure in sending it for your perusal. Keep it as long as you chuse; it has been read by all here. -

135
(inizio gennaio 1816)
Anna Lefroy, Wyards


Mia cara Anna

Poiché desidero molto vedere la tua Jemima, (1) sono certa che gradirai vedere la mia Emma, e mi fa perciò molto piacere mandartela a leggere. Tienila per il tempo che vuoi; qui l'hanno letta tutti. -



(1) Anna-Jemima, figlia di Anna e Benjamin Lefroy, era nata il 20 ottobre 1815 ma JA ancora non la conosceva.

136
(?late January/early February 1816) - no ms.
Catherine Ann Prowting, Chawton


My dear Miss Prowting

Had our poor friend lived these volumes would have been at her service, & as I know you were in the habit of reading together & have had the gratification of hearing that the Works of the same hand had given you pleasure, I shall make no other apology for offering you the perusal of them, only begging that, if not immediately disposed for such light reading, you would keep them as long as you like, as they are not wanted at home.

Yours very sincerely
J. Austen

Sunday Night -

136
(fine gen.-inizio feb.? 1816) - no ms.
Catherine Ann Prowting, Chawton


Mia cara Miss Prowting

Se la nostra povera amica (1) fosse ancora viva questi volumi (2) sarebbero stati a sua disposizione, e visto che so che avevate l'abitudine di leggere insieme e ho avuto la soddisfazione di sentire che le Opere della stessa mano vi sono state gradite, non cercherò altre scuse per offrirveli in lettura, pregandovi soltanto, se non siete subito propensa a fare a una lettura così leggera, di tenerli a vostro piacimento, dato che a casa non ne abbiamo bisogno.

Sinceramente vostra
J. Austen

Domenica Sera -



(1) Probabilmente si trattava di Mary Benn, sorella nubile del rev John Benn e vicina di case delle Austen a Chawton, il cui funerale era stato celebrato il 3 gennaio 1816.

(2) JA sta parlando di Emma e scrive "questi volumi" in quanto l'opera, come si usava all'epoca, era stata pubblicata in tre volumi. Probabile che la copia offerta a Miss Prowting fosse la stessa che JA aveva mandato a Anna Lefroy (vedi la lettera precedente).

137
(Wednesday 13 March 1816)
Caroline Austen, Steventon


Chawton Wednesday
March 13.

My dear Caroline

I am very glad to have an opportunity of answering your agreable little Letter. You seem to be quite my own Neice in your feelings towards Mde de Genlis. I do not think I could even now, at my sedate time of Life, read Olimpe et Theophile without being in a rage. It really is too bad! - Not allowing them to be happy together, when they are married. - Don't talk of it, pray. I have just lent your Aunt Frank the 1st vol. of Les Veillees du Chateau, for Mary Jane to read. It will be some time before she comes to the horror of Olympe. - We have had sad weather lately, I hope you have liked it. - Our Pond is brimfull & our roads are dirty & our walls are damp, & we sit wishing every bad day may be the last. It is not cold however. Another week perhaps may see us shrinking & shivering under a dry East Wind.

I had a very nice Letter from your Brother not long ago, & I am quite happy to see how much his Hand is improving. - I am convinced that it will end in a very gentlemanlike Hand, much above Par. - We have had a great deal of fun lately with Post-chaises stopping at the door; three times within a few days, we had a couple of agreable Visitors turn in unexpectedly - your Uncle Henry & Mr Tilson, Mrs Heathcote & Miss Bigg, your Uncle Henry and Mr Seymour. Take notice, that it was the same Uncle Henry each time.

I remain my dear Caroline
Your affec: Aunt
J. Austen

Miss C. Austen
Steventon

137
(mercoledì 13 marzo 1816)
Caroline Austen, Steventon


Chawton mercoledì
13 marzo.

Mia cara Caroline

Sono molto contenta di avere l'opportunità di rispondere alla tua bella Letterina. Sei proprio mia Nipote nei tuoi sentimenti verso Madame de Genlis. Non credo che potrei nemmeno adesso, alla mia età così posata, leggere Olimpe et Theophile senza andare in collera. È davvero troppo brutto! - Non permettere loro di essere felici insieme, nel momento in cui si sono sposati. - Non parlarmene, ti prego. Ho appena prestato a tuo Zio Frank il 1° vol. di Les Veillees du Chateau, per farlo leggere a Mary Jane. Le ci vorrà un po' prima di arrivare agli orrori di Olympe. (1) - Di recente abbiamo avuto cattivo tempo, spero che tu l'abbia gradito. - Lo Stagno è pieno fino all'orlo, le strade sono sporche, i muri umidi, e noi restiamo in casa desiderando che ogni brutta giornata sia l'ultima. Tuttavia non fa freddo. Un'altra settimana forse potrebbe vederci rattrappite e intirizzite per il Vento secco da Est.

Ho ricevuto una Lettera molto bella da tuo Fratello non molto tempo fa, e sono proprio felice di vedere come stia migliorando la sua Calligrafia. - Sono convinta che finirà per diventare una Calligrafia da vero Gentiluomo, molto superiore alla media. - Ultimamente abbiamo avuto un bel po' di svago con le Diligenze che si sono fermate alla porta; tre volte nell'arco di pochi giorni, abbiamo avuto tre coppie di graditi Visitatori arrivati inaspettatamente - tuo Zio Henry e Mr Tilson, Mrs Heathcote e Miss Bigg, tuo Zio Henry e Mr Seymour. Fai attenzione, perché si trattava ogni volta dello stesso Zio Henry.

Resto mia cara Caroline
La tua affezionata Zia
J. Austen



(1) Veillées du Château (1784) era una raccolta di racconti di Madame de Genlis, che comprendeva Olympe et Théophile (vedi anche la nota 1 alla lettera 25).

138(A)
(Wednesday 27 March 1816)
From James Stanier Clarke, Brighton


Pavilion - March 27th 1816.

Dear Miss Austen,

I have to return you the Thanks of His Royal Highness the Prince Regent for the handsome Copy you sent him of your last excellent Novel - pray dear Madam soon write again and again. Lord St Helens and many of the Nobility who have been staying here, paid you the just tribute of their Praise.

The Prince Regent has just left us for London; and having been pleased to appoint me Chaplain and private English Secretary to the Prince of Cobourg, I remain here with His Serene Highness & a select Party until the Marriage. Perhaps when you again appear in print you may chuse to dedicate your Volumes to Prince Leopold: any Historical Romance illustrative of the History of the august house of Cobourg, would just now be very interesting.

Believe me at all times
Dear Miss Austen
Your obliged friend
J. S. Clarke

Miss Jane Austen
at Mr Murrays
Albemarle Street
London

138(A)
(mercoledì 27 marzo 1816)
Da James Stanier Clarke, Brighton


Pavilion (1) - 27 marzo 1816.

Cara Miss Austen,

Devo trasmettervi i Ringraziamenti di Sua Altezza Reale il Principe Reggente per la bella Copia che gli avete inviato del vostro ultimo eccellente Romanzo - vi prego cara Signora di rimettervi a scrivere presto e di continuare a farlo sempre di più. Lord St Helens e molti degli Aristocratici che sono stati qui, vi hanno pagato il giusto tributo delle loro Lodi.

Il Principe Reggente ci ha appena lasciati per Londra; e poiché si è compiaciuto di nominarmi Cappellano e Segretario particolare inglese del Principe di Cobourg, (2) resterò qui con Sua Altezza Serenissima e un Gruppo scelto di ospiti fino al Matrimonio. Forse quando darete nuovamente qualcosa alle stampe potreste dedicare i vostri volumi al Principe Leopold: un Romanzo Storico che illustri la Storia dell'augusta casa di Cobourg, in questo momento susciterebbe molto interesse.

Credetemi sempre
Cara Miss Austen
Il vostro grato amico
J. S. Clarke (3)



(1) Il Pavilion era il palazzo fatto costruire a Brighton dal principe reggente.

(2) Leopoldo di Sassonia-Coburgo, quando era ormai Leopoldo I re del Belgio, rievocherà questo episodio in una lettera alla nipote, la regina Vittoria, del 28 dicembre 1838: "Sono contento di sapere che Brighton vi piace più dell'anno scorso. Credo che in questa stagione dell'anno sia un soggiorno veramente gradevole, finché non cominciano i venti di levante. Il padiglione inoltre è assai comodo, non si può negarlo. Prima del mio matrimonio proprio lì mi incontrai col Reggente, e poi venne Carlotta con la vecchia regina Carlotta. Quanto lontani sono ormai questi fatti, eppure come sono sempre presenti nella memoria!" (Cit. in: Lytton Strachey, La Regina Vittoria, trad. di Santino Caramella, il Saggiatore, Milano, 1982, pagg. 72-73)

(3) La lettera, indirizzata dal rev. Clarke a Albemarle Street, Londra, presso Mr Murray (l'editore di Emma) fu reindirizzata a Henrietta Street (dove era la sede londinese della banca di Henry Austen) e poi a Chawton.

138(D)
(Monday 1 April 1816)
James Stanier Clarke, Brighton


My dear Sir

I am honoured by the Prince's thanks, and very much obliged to yourself for the kind manner in which You mention the Work. I have also to acknowledge a former Letter forwarded to me from Hans Place. I assure You I felt very grateful for the friendly Tenor of it, & hope my silence will have been considered as it was truly meant, to proceed only from an unwillingness to tax your Time with idle Thanks. -

Under every interesting circumstance which your own Talents & literary Labours have placed you in, or the favour of the Regent bestowed, you have my best wishes. Your recent appointments I hope are a step to something still better. In my opinion, The service of a Court can hardly be too well paid, for immense must be the sacrifice of Time & feeling required by it.

You are very, very kind in your hints as to the sort of Composition which might recommend me at present, & I am fully sensible that an Historical Romance, founded on the House of Saxe Cobourg might be much more to the purpose of Profit or Popularity, than such pictures of domestic Life in Country Villages as I deal in - but I could no more write a Romance than an Epic Poem. - I could not sit seriously down to write a serious Romance under any other motive than to save my Life, & if it were indispensable for me to keep it up & never relax into laughing at myself or other people, I am sure I should be hung before I had finished the first Chapter. - No - I must keep to my own style & go on in my own Way; And though I may never succeed again in that, I am convinced that I should totally fail in any other. -

I remain my dear Sir,
Your very much obliged & and very sincere friend
J. Austen

Chawton, near Alton, April 1st -
1816 -

138(D)
(lunedì 1° aprile 1816)
James Stanier Clarke, Brighton


Mio caro Signore

Sono onorata dai ringraziamenti del Principe, e molto obbligata con voi per la cortesia con cui menzionate il mio Lavoro. Devo anche accusare ricevuta di una Lettera precedente inoltratami da Hans Place. Vi assicuro di essere profondamente grata per il suo Tenore amichevole, e spero che il mio silenzio sia considerato come realmente intendeva essere, solo il frutto della riluttanza a sprecare il vostro Tempo con oziosi Ringraziamenti. -

In merito alla favorevole posizione che il vostro Talento e le vostre Fatiche letterarie vi hanno permesso di raggiungere, o sul favore concessovi dal Reggente, vi faccio i miei migliori auguri. Le vostre recenti nomine spero siano un passo verso qualcosa di ancora migliore. Secondo me, Il servizio a Corte può difficilmente essere ben ripagato, poiché il sacrificio di Tempo e la dedizione che richiede devono essere immensi.

Siete molto, molto gentile nei vostri suggerimenti circa il tipo di Componimento che al momento potrebbe portarmi a dei riconoscimenti, e io sono pienamente consapevole che un Romanzo Storico, basato sulla Casa di Saxe Cobourg potrebbe servire molto di più a raggiungere Profitti o Popolarità, rispetto ai ritratti di Vita domestica in Villaggi di Campagna di cui mi occupo io - ma non potrei mai scrivere un Romanzo Storico più di quanto potrei farlo con un Poema Epico. Non potrei mettermi a scrivere un Romanzo serio per qualunque altro motivo se non quello di salvarmi la Vita, e se fosse indispensabile farlo e non lasciarmi mai andare a ridere di me stessa o degli altri, sono certa che mi impiccherei prima di aver terminato il primo Capitolo. - No - devo mantenere il mio stile e andare avanti a Modo mio; E anche se non dovessi mai avere successo in quello, sono convinta che fallirei totalmente in qualunque altro. -

Resto mio caro Signore,
La vostra molto grata e sincera amica
J. Austen

Chawton, vicino a Alton, 1° aprile -
1816 -

139
(Sunday 1 April 1816)
John Murray, London


Dear Sir

I return you the Quarterly Reveiw with many Thanks. The Authoress of Emma has no reason I think to complain of her treatment in it - except in the total omission of Mansfield Park. - I cannot but be sorry that so clever a Man as the Reveiwer of Emma should consider it as unworthy of being noticed. - You will be pleased to hear that I have received the Prince's Thanks for the handsome Copy I sent him of Emma. Whatever he may think of my share of the Work, Yours seems to have been quite right. -

In consequence of the late sad Event in Henrietta St - I must request that if you should at any time have anything to communicate by Letter, you will be so good as to write by the post, directing to me (Miss J. Austen) Chawton near Alton - and that for anything of a larger bulk, you will add to the same direction, by Collier's Southampton Coach. -

I remain, dear Sir,
Yours very faithfully
J. Austen

Chawton April 1.
1816.

139
(domenica 1° aprile 1816)
John Murray, Londra


Egregio Signore

Vi restituisco la Quarterly Review con molti Ringraziamenti. (1) L'Autrice di Emma credo non abbia ragione di lamentarsi del trattamento ricevuto - salvo per la totale omissione di Mansfield Park. - Non può non dispiacermi che un Uomo così intelligente come il Recensore di Emma lo consideri talmente indegno di nota. - Vi farà piacere sapere che ho ricevuto i Ringraziamenti del Principe per la bella Copia di Emma che gli ho mandato. Qualunque cosa possa pensare della mia parte nell'Opera, la Vostra sembra sia stata fatta estremamente bene.

A causa del recente increscioso Evento a Henrietta Street (2) - devo chiedervi, se in qualsiasi momento ci fosse qualcosa da comunicarmi per Lettera, di essere così buono da scrivere tramite il servizio postale, indirizzando a me (Miss J. Austen) Chawton vicino a Alton - e se ci fosse qualcosa di maggiori dimensioni, vogliate aggiungere allo stesso indirizzo, tramite Collier's Southampton Coach. -

Resto, egregio Signore,
La vostra devotissima
J. Austen

Chawton 1° aprile.
1816.



(1) Si trattava della recensione anonima, ma redatta da Walter Scott, di Emma, uscita sulla Quarterly Review, vol. 14, n. 27, ottobre 1815 (il numero fu pubblicato nel marzo 1816). Scott in effetti cita, oltre naturalmente a Emma, solo Sense and Sensibility e Pride and Prejudice, e a un certo punto scrive: "L'autrice è già nota al pubblico per i due romanzi citati nel frontespizio..."; in realtà, però, nel frontespizio della prima edizione di Emma (vedi immagine sotto) al posto del nome dell'autore si legge: «BY THE / AUTHOR OF "PRIDE AND PREJUDICE," / &c. &c.»

(2) Il 16 marzo 1816 era stato ufficialmente dichiarato il fallimento della banca di Henry, la cui sede centrale era a Henrietta Street, dove c'era la spedizione giornaliera di un plico per la sede di Alton che evidentemente JA utilizzava per farsi spedire la posta da Murray.

140
(Sunday 21 April 1816)
Caroline Austen, Steventon


Chawton Sunday April 21 -

My dear Caroline

I am glad to have an opportunity of writing to you again, for my last Note was written so long before it was sent, that it seemed almost good for nothing. The note to your Papa, is to announce the death of that excellent woman Miss Elizth Leigh; it came here this morning enclosed in a Letter to Aunt Cassandra. - We all feel that we have lost a most valued old friend; but the death of a person at her advanced age, so fit to die, & by her own feelings so ready to die, is not to be regretted. - She has been so kind as to leave a little remembrance of £20- to your Grandmama. - I have had a letter from Scarlets this morning, with a very tolerable account of health there. - We have also heard from Godmersham, & the day of your Uncle & Fanny's coming is fixed; they leave home tomorrow senight, spend two days in Town & are to be with us on Thursday May 2d - We are to see your Cousin Edward likewise, but probably not quite so soon. - Your Uncle Henry talks of being in Town again on Wednesday. He will have spent a complete fortnight at Godmersham, & no doubt it will have done him good. - Tell your Mama that he came back from Steventon much pleased with his visit to her. - Your Grandmama is not quite well, she seldom gets through the 24 hours without some pain in her head, but we hope it is lessening, and that a continuance of such weather as may allow her to be out of doors & hard at work every day will gradually remove it. - Cassy has had great pleasure in working this - whatever it may be - for you; I beleive she rather fancied it might do for a quilt for your little wax doll, but you will find a use for it if you can I am sure. - She often talks of you; & we should all be very glad to see you again - and if your Papa comes on Wednesday, as we rather hope, & it suited everybody that you should come with him, it wd give us great pleasure. - Our Fair at Alton is next Saturday, which is also Mary Jane's Birthday, & you would be thought an addition on such a great day. - I shall say no more, because I know th[ere may be?] many circumstances to make it inconvenient at home. - We are almost ashamed to include your Mama in the invitation, or to ask her to be at the trouble of a long ride for so few days as we shall be having disengaged, for we must wash before the Gm Party come & therefore Monday would be the last day that our House could be comfortable for her; but if she does feel disposed to pay us a little visit & you could all come, so much the better. - We do not like to invite her to come on Wednesday, to be turned out of the house on Monday. . . .

[Last five lines missing]

Miss Caroline Austen

140
(domenica 21 aprile 1816)
Caroline Austen, Steventon


Chawton domenica 21 aprile -

Mia cara Caroline

Sono contenta di avere l'opportunità di scriverti di nuovo, poiché il mio ultimo Biglietto era stato scritto talmente tanto tempo prima di spedirlo, che sembrava non servisse quasi a nulla. Il biglietto per il tuo Papà, è per informarlo della morte di quell'eccellente donna che è stata Miss Elizabeth Leigh; è arrivato stamattina accluso a una Lettera per Zia Cassandra. - Tutti noi ci rendiamo conto di aver perduto una vecchia amica molto stimata; ma la morte di una persona della sua veneranda età, così idonea a morire, e per sua stessa ammissione così pronta a morire, non dev'essere motivo di rammarico. - È stata così gentile da lasciare un piccolo ricordo di 20 sterline a tua Nonna. Stamattina ho ricevuto una lettera da Scarlets, con notizie abbastanza buone dello stato di salute da quelle parti. - Abbiamo anche avuto notizie da Godmersham, e il giorno dell'arrivo di tuo Zio e di Fanny è fissato; partiranno a sette giorni da domani, passeranno due giorni a Londra e saranno da noi giovedì 2 maggio - Vedremo anche tuo Cugino Edward, ma probabilmente non proprio così presto. - Tuo Zio Henry dice che sarà di nuovo a Londra mercoledì. Avrà passato due settimane intere a Godmersham, e non ho dubbi che gli avranno fatto bene. - Di' alla tua Mamma che è tornato da Steventon molto contento della visita che le aveva fatto. - Tua Nonna non sta del tutto bene, raramente passano 24 ore senza qualche dolore alla testa, ma speriamo che stiano diminuendo, e che un proseguimento di questo tempo visto che potrà permetterle di uscire e di dedicarsi al lavoro ogni giorno li eliminerà gradualmente. - A Cassy è piaciuto molto lavorare a questo - qualunque cosa sia - per te; credo che immagini possa essere usato come coperta per la tua bambolina di cera, ma sono sicura che se ti sarà possibile troverai un qualche modo per usarlo. - Lei parla spesso di te, e saremmo tutti molto contenti di rivederti - e se il tuo Papà viene mercoledì, come speriamo, e andrà a tutti bene che tu venga con lui, ci farebbe molto piacere. - La Fiera di Alton è sabato prossimo, che è anche il Compleanno di Mary Jane, e tu saresti considerata un'aggiunta a un tale gran giorno. - Non dirò di più, perché so che a casa potrebbero esserci molte circostanze per farlo ritenere inopportuno. - Quasi ci vergogniamo di includere la tua Mamma nell'invito, o di chiederle di prendersi il disturbo di un lungo viaggio per i così pochi giorni in cui saremo libere, poiché dobbiamo fare il bucato prima che arrivi il Gruppo di Godmersham e quindi lunedì sarebbe l'ultimo giorno in cui la nostra Casa potrebbe essere comoda per lei; ma se lei se la sente di farci una visitina e poteste venire tutti, meglio così. - Non ci fa piacere invitarla a venire mercoledì, per essere messa alla porta lunedì...

[Mancano le ultime cinque righe]

  121-130      |     indice lettere     |     home page     |      141-150