Jane Austen
Ragione e sentimento
Volume I - capitolo 3 (3)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Sense and Sensibility


Volume I - Chapter 3 (3)


Mrs. Dashwood remained at Norland several months; not from any disinclination to move when the sight of every well known spot ceased to raise the violent emotion which it produced for a while; for when her spirits began to revive, and her mind became capable of some other exertion than that of heightening its affliction by melancholy remembrances, she was impatient to be gone, and indefatigable in her inquiries for a suitable dwelling in the neighbourhood of Norland; for to remove far from that beloved spot was impossible. But she could hear of no situation that at once answered her notions of comfort and ease, and suited the prudence of her eldest daughter, whose steadier judgment rejected several houses as too large for their income, which her mother would have approved.

Mrs. Dashwood had been informed by her husband of the solemn promise on the part of his son in their favour, which gave comfort to his last earthly reflections. She doubted the sincerity of this assurance no more than he had doubted it himself, and she thought of it for her daughters' sake with satisfaction, though as for herself she was persuaded that a much smaller provision than 7000l. would support her in affluence. For their brother's sake too, for the sake of his own heart she rejoiced; and she reproached herself for being unjust to his merit before, in believing him incapable of generosity. His attentive behaviour to herself and his sisters convinced her that their welfare was dear to him, and, for a long time, she firmly relied on the liberality of his intentions.

The contempt which she had, very early in their acquaintance, felt for her daughter-in-law, was very much increased by the farther knowledge of her character, which half a year's residence in her family afforded; and perhaps in spite of every consideration of politeness or maternal affection on the side of the former, the two ladies might have found it impossible to have lived together so long, had not a particular circumstance occurred to give still greater eligibility, according to the opinions of Mrs. Dashwood, to her daughters' continuance at Norland.

This circumstance was a growing attachment between her eldest girl and the brother of Mrs. John Dashwood, a gentlemanlike and pleasing young man, who was introduced to their acquaintance soon after his sister's establishment at Norland, and who had since spent the greatest part of his time there.

Some mothers might have encouraged the intimacy from motives of interest, for Edward Ferrars was the eldest son of a man who had died very rich; and some might have repressed it from motives of prudence, for, except a trifling sum, the whole of his fortune depended on the will of his mother. But Mrs. Dashwood was alike uninfluenced by either consideration. It was enough for her that he appeared to be amiable, that he loved her daughter, and that Elinor returned the partiality. It was contrary to every doctrine of her's that difference of fortune should keep any couple asunder who were attracted by resemblance of disposition; and that Elinor's merit should not be acknowledged by every one who knew her, was to her comprehension impossible.

Edward Ferrars was not recommended to their good opinion by any peculiar graces of person or address. He was not handsome, and his manners required intimacy to make them pleasing. He was too diffident to do justice to himself; but when his natural shyness was overcome, his behaviour gave every indication of an open affectionate heart. His understanding was good, and his education had given it solid improvement. But he was neither fitted by abilities nor disposition to answer the wishes of his mother and sister, who longed to see him distinguished - as - they hardly knew what. They wanted him to make a fine figure in the world in some manner or other. His mother wished to interest him in political concerns, to get him into parliament, or to see him connected with some of the great men of the day. Mrs. John Dashwood wished it likewise; but in the mean while, till one of these superior blessings could be attained, it would have quieted her ambition to see him driving a barouche. But Edward had no turn for great men or barouches. All his wishes centered in domestic comfort and the quiet of private life. Fortunately he had a younger brother who was more promising.

Edward had been staying several weeks in the house before he engaged much of Mrs. Dashwood's attention; for she was, at that time, in such affliction as rendered her careless of surrounding objects. She saw only that he was quiet and unobtrusive, and she liked him for it. He did not disturb the wretchedness of her mind by ill-timed conversation. She was first called to observe and approve him farther, by a reflection which Elinor chanced one day to make on the difference between him and his sister. It was a contrast which recommended him most forcibly to her mother.

"It is enough," said she; "to say that he is unlike Fanny is enough. It implies everything amiable. I love him already."

"I think you will like him," said Elinor, "when you know more of him."

"Like him!" replied her mother with a smile. "I feel no sentiment of approbation inferior to love."

"You may esteem him."

"I have never yet known what it was to separate esteem and love."

Mrs. Dashwood now took pains to get acquainted with him. Her manners were attaching and soon banished his reserve. She speedily comprehended all his merits; the persuasion of his regard for Elinor perhaps assisted her penetration; but she really felt assured of his worth: and even that quietness of manner which militated against all her established ideas of what a young man's address ought to be, was no longer uninteresting when she knew his heart to be warm and his temper affectionate.

No sooner did she perceive any symptom of love in his behaviour to Elinor, than she considered their serious attachment as certain, and looked forward to their marriage as rapidly approaching.

"In a few months, my dear Marianne," said she, "Elinor will in all probability be settled for life. We shall miss her; but she will be happy."

"Oh! mama, how shall we do without her?"

"My love, it will be scarcely a separation. We shall live within a few miles of each other, and shall meet every day of our lives. You will gain a brother, a real, affectionate brother. I have the highest opinion in the world of Edward's heart. But you look grave, Marianne; do you disapprove your sister's choice?"

"Perhaps," said Marianne, "I may consider it with some surprise. Edward is very amiable, and I love him tenderly. But yet - he is not the kind of young man - there is something wanting - his figure is not striking; it has none of that grace which I should expect in the man who could seriously attach my sister. His eyes want all that spirit, that fire, which at once announce virtue and intelligence. And besides all this, I am afraid, mama, he has no real taste. Music seems scarcely to attract him, and though he admires Elinor's drawings very much, it is not the admiration of a person who can understand their worth. It is evident, in spite of his frequent attention to her while she draws, that in fact he knows nothing of the matter. He admires as a lover, not as a connoisseur. To satisfy me, those characters must be united. I could not be happy with a man whose taste did not in every point coincide with my own. He must enter into all my feelings; the same books, the same music must charm us both. Oh! mama, how spiritless, how tame was Edward's manner in reading to us last night! I felt for my sister most severely. Yet she bore it with so much composure, she seemed scarcely to notice it. I could hardly keep my seat. To hear those beautiful lines which have frequently almost driven me wild, pronounced with such impenetrable calmness, such dreadful indifference!" -

"He would certainly have done more justice to simple and elegant prose. I thought so at the time; but you would give him Cowper."

"Nay, mama, if he is not to be animated by Cowper! - but we must allow for difference of taste. Elinor has not my feelings, and therefore she may overlook it, and be happy with him. But it would have broke my heart, had I loved him, to hear him read with so little sensibility. Mama, the more I know of the world, the more am I convinced that I shall never see a man whom I can really love. I require so much! He must have all Edward's virtues, and his person and manners must ornament his goodness with every possible charm."

"Remember, my love, that you are not seventeen. It is yet too early in life to despair of such a happiness. Why should you be less fortunate than your mother? In one circumstance only, my Marianne, may your destiny be different from her's!"

Ragione e sentimento


Volume I - capitolo 3 (3)


Mrs. Dashwood rimase a Norland per diversi mesi; non per la riluttanza a trasferirsi, ora che la vista di tutti quei luoghi ben conosciuti aveva cessato di suscitare la violenta emozione prodotta per un po'; anzi, da quando il suo spirito aveva cominciato a riprendersi, e la mente era ridiventata capace di qualche altra cosa oltre ad accentuare la pena con ricordi malinconici, era impaziente di andarsene, e infaticabile nella ricerca di una residenza adatta nelle vicinanze di Norland, poiché riteneva impossibile allontanarsi troppo da quel luogo così amato. Ma non riusciva a trovare nessuna sistemazione che rispondesse alle sue idee di benessere e comodità, e allo stesso tempo fosse soddisfacente per la prudenza della figlia maggiore, il cui fermo giudizio aveva respinto, perché troppo grandi per le loro entrate, diverse case che la madre avrebbe approvato.

Mrs. Dashwood era stata messa al corrente dal marito della solenne promessa, che aveva consolato i suoi ultimi pensieri terreni, fatta dal figlio in loro favore. Lei non dubitava della sincerità di queste assicurazioni così come non ne aveva dubitato il marito, e ci pensava con soddisfazione per amore verso le figlie, poiché per quanto la riguardava era convinta che anche molto meno di settemila sterline le sarebbero comodamente bastate. Ne gioiva anche per il loro fratello, per il bene del suo animo, e si rimproverava per essere stata ingiusta in precedenza verso di lui, credendolo incapace di generosità. Il suo comportamento premuroso verso di lei e le sue figlie l'aveva persuasa che il loro benessere gli stesse a cuore, e, per molto tempo, credette fermamente alla liberalità delle sue intenzioni.

Il disprezzo che provava per la nuora, sin da quando si erano conosciute, si era molto accentuato attraverso una maggiore conoscenza del suo carattere, consentita dai sei mesi di convivenza in famiglia; e forse, nonostante il rispetto per la buona educazione e, da parte sua, per l'affetto materno, le due signore avrebbero ritenuto impossibile convivere così a lungo, se non fosse capitata una particolare circostanza a rendere ancora più desiderabile, secondo l'opinione di Mrs. Dashwood, la permanenza a Norland delle sue figlie.

La circostanza era un crescente attaccamento tra la sua figlia maggiore e il fratello di Mrs. John Dashwood, un giovanotto distinto e simpatico, che avevano avuto modo di conoscere subito dopo l'insediamento a Norland della sorella, e che da allora aveva passato là gran parte del suo tempo.

Alcune madri avrebbero incoraggiato quell'intimità per motivi d'interesse, poiché Edward Ferrars era il primogenito di un uomo che era morto molto ricco; e altre l'avrebbero repressa per motivi di prudenza, poiché, salvo per una somma irrilevante, tutte le sue fortune dipendevano dal volere della madre. Ma Mrs. Dashwood non era influenzata da nessuna di queste due considerazioni. Per lei bastava la sua aria garbata, il fatto che amasse la figlia, e che Elinor ricambiasse questa predilezione. Era contro ogni suo principio che la differenza di condizioni finanziarie potesse tenere separata una coppia che era attratta dall'affinità dei sentimenti; e che i meriti di Elinor non fossero riconosciuti da tutti coloro che la conoscevano, era qualcosa di inconcepibile per lei.

Edward Ferrars non era assurto alla loro stima per particolari doti nell'aspetto o nel comportamento. Non era bello, e i suoi modi avevano bisogno di una conoscenza intima per risultare piacevoli. Era troppo insicuro per rendere giustizia a se stesso; ma quando riusciva a superare una connaturata timidezza, il suo comportamento rivelava pienamente un cuore aperto e affettuoso. La sua intelligenza, già buona di per sé, era stata saldamente valorizzata dall'Istruzione. Ma non era dotato né di talenti né di aspirazioni che potessero rispondere ai desideri della madre e della sorella, che desideravano ardentemente vederlo distinguersi... come, non lo sapevano nemmeno loro. In una maniera o nell'altra volevano che facesse bella figura nel mondo. La madre desiderava che si interessasse di politica, per entrare in parlamento, o per vederlo legato a qualcuno dei grandi personaggi del momento. Mrs. John Dashwood desiderava le stesse cose; ma nello stesso tempo, in attesa che fosse raggiunto uno di questi portentosi traguardi, avrebbe messo da parte le sue ambizioni per vederlo almeno alla guida di un lussuoso calesse. (1) Ma Edward non era portato né per i grandi personaggi né per i calessi lussuosi. Tutti i suoi desideri erano incentrati sulle comodità domestiche e la tranquillità della vita privata. Fortunatamente aveva un fratello minore che era più promettente.

Edward era rimasto diverse settimane con loro prima di attirare l'attenzione di Mrs. Dashwood, poiché, in quel periodo, il suo dolore era tale da renderla indifferente a ciò che la circondava. Si accorgeva soltanto del fatto che era tranquillo e discreto, e le piaceva per questo. Non disturbava l'infelicità del suo animo con conversazioni inopportune. Fu indotta per la prima volta a osservarlo con attenzione e a farsene un'opinione ancora migliore, da una casuale riflessione di Elinor sulla diversità che c'era tra lui e la sorella. Era un confronto che lo raccomandava fortemente alla madre.

"Basta questo", disse, "basta affermare che non somiglia a Fanny. Implica tutto ciò che è amabile. Gli voglio già bene."

"Credo che ti piacerà", disse Elinor, "quando lo conoscerai meglio."

"Piacermi!" rispose la madre con un sorriso. "Io non provo sentimenti di approvazione inferiori all'affetto."

"Potresti stimarlo."

"Non ho mai capito che cosa separi la stima dall'affetto."

Mrs. Dashwood a quel punto si dedicò a conoscerlo meglio. I suoi modi erano cordiali e presto scacciarono le sue riserve. Comprese rapidamente i suoi meriti; la certezza del suo interesse per Elinor forse aiutò la sua analisi, ma si sentì davvero certa dei suoi meriti, e persino quella pacatezza di modi, che si opponeva a tutte le sue idee radicate su come dovesse essere il comportamento più appropriato per un giovanotto, non fu più considerata noiosa quando si rese conto del suo cuore d'oro e del suo carattere affettuoso.

Non appena percepì un qualche segno di affetto nel comportamento verso Elinor, considerò certo il suo attaccamento, e guardò con impazienza al loro matrimonio come a qualcosa di molto vicino.

"In pochi mesi, mia cara Marianne", disse, "Elinor sarà con ogni probabilità sistemata per sempre. Noi sentiremo la sua mancanza, ma lei sarà felice."

"Oh! mamma, come faremo senza di lei?"

"Tesoro mio, non sarà certo una separazione. Vivremo a poche miglia di distanza, e ci vedremo tutti i giorni. Voi guadagnerete un fratello, un fratello vero, e affettuoso. Ho la più alta opinione che si possa avere del cuore di Edward. Ma hai lo sguardo serio, Marianne; disapprovi la scelta di tua sorella?"

"Forse", disse Marianne, "sono un po' sorpresa. Edward è davvero simpatico, e provo molta tenerezza per lui. Ma...non è il genere di giovanotto... gli manca qualcosa... ha un aspetto che non colpisce; non ha nessuna di quelle qualità che mi aspetterei in un uomo capace di conquistare mia sorella. I suoi occhi non hanno quello spirito, quel fuoco, che rivela allo stesso tempo virtù e intelligenza. E oltretutto, mamma, temo che non abbia davvero gusto. La musica sembra attrarlo ben poco, e anche se ammira moltissimo i disegni di Elinor, non è l'ammirazione di una persona che ne capisca il valore. È evidente, nonostante il continuo interesse che mostra quando lei disegna, che in realtà non sa nulla di questa materia. Ammira come un innamorato, non come un intenditore. Per soddisfare me, queste due caratteristiche devono essere unite. Non potrei essere felice con un uomo il cui gusto non coincidesse sotto tutti i punti di vista con il mio. Deve condividere tutte le mie emozioni; gli stessi libri, la stessa musica devono incantarci entrambi. Oh! mamma, com'è stata fiacca, com'è stata banale la maniera in cui Edward ha letto ieri sera! Ho patito molto per mia sorella. Eppure lei l'ha sopportata con molta compostezza, sembrava non accorgersene. Sono riuscita a stento a restare seduta. Sentire quei bellissimi versi che spesso mi hanno fatto quasi impazzire, pronunciati con una tale impenetrabile calma, con una così orribile indifferenza!"

"Avrebbe certamente reso più giustizia a una prosa semplice ed elegante. In quel momento l'ho pensato, ma tu hai voluto dargli Cowper." (2)

"Ma come mamma, se non riesce a scuoterlo nemmeno Cowper! Però bisogna ammettere che i gusti possono essere diversi. Elinor non ha le mie stesse emozioni, e quindi può passarci sopra, ed essere felice con lui. Ma mi avrebbe spezzato il cuore, se fossi stata io ad amarlo, sentirlo leggere con così poco sentimento. Mamma, più conosco il mondo, più mi convinco che non incontrerò mai un uomo di cui mi possa innamorare. Sono così esigente! Dovrebbe avere tutte le virtù di Edward, ma la figura e i modi dovrebbero impreziosire la sua bontà con ogni possibile incanto."

"Ricordati, tesoro mio, che non hai ancora diciassette anni. È troppo presto per abdicare a una tale felicità. Perché dovresti essere meno fortunata di tua madre? Solo in una cosa, Marianne mia, possa il tuo destino essere diverso dal suo!"



(1) L'originale "barouche" è una carrozza, aperta e molto costosa, che all'epoca era usata soprattutto da giovanotti in vena di correre e di sfoggiare le proprie ricchezze (ma anche Henry Austen aveva un "barouche" e JA ne parla in una lettera a Cassandra del 24 maggio 1813 - n. 85). Se Edward fosse un giovanotto dei giorni nostri, la sorella vorrebbe probabilmente vederlo alla guida di una Ferrari.

(2) William Cowper (1731-1800) era un poeta molto apprezzato da JA. Il nipote James-Edward Austen-Leigh, nella biografia della zia (cap. V) scrive: "Amongst her favourite writers, Johnson in prose, Crabbe in verse, and Cowper in both, stood high." ("Tra i suoi scrittori preferiti spiccavano Johnson per la prosa, Crabbe per la poesia e Cowper per entrambe.") Memoir of Jane Austen, Richard Bentley & Son, London, 1872 [Third Edition], p. 84.

     |     romanzi canonici     |     home page     |