Jane Austen
Orgoglio e pregiudizio
Volume III - capitolo 15 (57)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Pride and Prejudice


Volume III - Chapter 15 (57)


The discomposure of spirits, which this extraordinary visit threw Elizabeth into, could not be easily overcome; nor could she for many hours, learn to think of it less than incessantly. Lady Catherine it appeared, had actually taken the trouble of this journey from Rosings, for the sole purpose of breaking off her supposed engagement with Mr. Darcy. It was a rational scheme, to be sure! but from what the report of their engagement could originate, Elizabeth was at a loss to imagine; till she recollected that his being the intimate friend of Bingley, and her being the sister of Jane, was enough, at a time when the expectation of one wedding, made every body eager for another, to supply the idea. She had not herself forgotten to feel that the marriage of her sister must bring them more frequently together. And her neighbours at Lucas Lodge, therefore (for through their communication with the Collinses, the report she concluded had reached lady Catherine) had only set that down, as almost certain and immediate, which she had looked forward to as possible at some future time.

In revolving lady Catherine's expressions, however, she could not help feeling some uneasiness as to the possible consequence of her persisting in this interference. From what she had said of her resolution to prevent their marriage, it occurred to Elizabeth that she must meditate an application to her nephew; and how he might take a similar representation of the evils attached to a connection with her, she dared not pronounce. She knew not the exact degree of his affection for his aunt, or his dependence on her judgment, but it was natural to suppose that he thought much higher of her ladyship than she could do; and it was certain, that in enumerating the miseries of a marriage with one, whose immediate connections were so unequal to his own, his aunt would address him on his weakest side. With his notions of dignity, he would probably feel that the arguments, which to Elizabeth had appeared weak and ridiculous, contained much good sense and solid reasoning.

If he had been wavering before, as to what he should do, which had often seemed likely, the advice and intreaty of so near a relation might settle every doubt, and determine him at once to be as happy as dignity unblemished could make him. In that case he would return no more. Lady Catherine might see him in her way through town; and his engagement to Bingley of coming again to Netherfield must give way.

"If, therefore, an excuse for not keeping his promise, should come to his friend within a few days," she added, "I shall know how to understand it. I shall then give over every expectation, every wish of his constancy. If he is satisfied with only regretting me, when he might have obtained my affections and hand, I shall soon cease to regret him at all."

The surprise of the rest of the family, on hearing who their visitor had been, was very great; but they obligingly satisfied it, with the same kind of supposition, which had appeased Mrs. Bennet's curiosity; and Elizabeth was spared from much teazing on the subject.

The next morning, as she was going down stairs, she was met by her father, who came out of his library with a letter in his hand.

"Lizzy," said he, "I was going to look for you; come into my room."

She followed him thither; and her curiosity to know what he had to tell her, was heightened by the supposition of its being in some manner connected with the letter he held. It suddenly struck her that it might be from lady Catherine; and she anticipated with dismay all the consequent explanations.

She followed her father to the fire place, and they both sat down. He then said,

"I have received a letter this morning that has astonished me exceedingly. As it principally concerns yourself, you ought to know its contents. I did not know before, that I had two daughters on the brink of matrimony. Let me congratulate you, on a very important conquest."

The colour now rushed into Elizabeth's cheeks in the instantaneous conviction of its being a letter from the nephew, instead of the aunt; and she was undetermined whether most to be pleased that he explained himself at all, or offended that his letter was not rather addressed to herself; when her father continued,

"You look conscious. Young ladies have great penetration in such matters as these; but I think I may defy even your sagacity, to discover the name of your admirer. This letter is from Mr. Collins."

"From Mr. Collins! and what can he have to say?"

"Something very much to the purpose of course. He begins with congratulations on the approaching nuptials of my eldest daughter, of which it seems he has been told, by some of the good-natured, gossiping Lucases. I shall not sport with your impatience, by reading what he says on that point. What relates to yourself, is as follows. "Having thus offered you the sincere congratulations of Mrs. Collins and myself on this happy event, let me now add a short hint on the subject of another; of which we have been advertised by the same authority. Your daughter Elizabeth, it is presumed, will not long bear the name of Bennet, after her elder sister had resigned it, and the chosen partner of her fate, may be reasonably looked up to, as one of the most illustrious personages in this land."

"Can you possibly guess, Lizzy, who is meant by this?" "This young gentleman is blessed in a peculiar way, with every thing the heart of mortal can most desire, - splendid property, noble kindred, and extensive patronage. Yet in spite of all these temptations, let me warn my cousin Elizabeth, and yourself, of what evils you may incur, by a precipitate closure with this gentleman's proposals, which, of course, you will be inclined to take immediate advantage of."

"Have you any idea, Lizzy, who this gentleman is? But now it comes out."

"My motive for cautioning you, is as follows. We have reason to imagine that his aunt, lady Catherine de Bourgh, does not look on the match with a friendly eye."

"Mr. Darcy, you see, is the man! Now, Lizzy, I think I have surprised you. Could he, or the Lucases, have pitched on any man, within the circle of our acquaintance, whose name would have given the lie more effectually to what they related? Mr. Darcy, who never looks at any woman but to see a blemish, and who probably never looked at you in his life! It is admirable!"

Elizabeth tried to join in her father's pleasantry, but could only force one most reluctant smile. Never had his wit been directed in a manner so little agreeable to her.

"Are you not diverted?"

"Oh! yes. Pray read on."

"After mentioning the likelihood of this marriage to her ladyship last night, she immediately, with her usual condescension, expressed what she felt on the occasion; when it became apparent, that on the score of some family objections on the part of my cousin, she would never give her consent to what she termed so disgraceful a match. I thought it my duty to give the speediest intelligence of this to my cousin, that she and her noble admirer may be aware of what they are about, and not run hastily into a marriage which has not been properly sanctioned." "Mr. Collins moreover adds," "I am truly rejoiced that my cousin Lydia's sad business has been so well hushed up, and am only concerned that their living together before the marriage took place, should be so generally known. I must not, however, neglect the duties of my station, or refrain from declaring my amazement, at hearing that you received the young couple into your house as soon as they were married. It was an encouragement of vice; and had I been the rector of Longbourn, I should very strenuously have opposed it. You ought certainly to forgive them as a christian, but never to admit them in your sight, or allow their names to be mentioned in your hearing." "That is his notion of Christian forgiveness! The rest of his letter is only about his dear Charlotte's situation, and his expectation of a young olive-branch. But, Lizzy, you look as if you did not enjoy it. You are not going to be Missish, I hope, and pretend to be affronted at an idle report. For what do we live, but to make sport for our neighbours, and laugh at them in our turn?"

"Oh!" cried Elizabeth, "I am excessively diverted. But it is so strange!"

"Yes - that is what makes it amusing. Had they fixed on any other man it would have been nothing; but his perfect indifference, and your pointed dislike, make it so delightfully absurd! Much as I abominate writing, I would not give up Mr. Collins's correspondence for any consideration. Nay, when I read a letter of his, I cannot help giving him the preference even over Wickham, much as I value the impudence and hypocrisy of my son-in-law. And pray, Lizzy, what said Lady Catherine about this report? Did she call to refuse her consent?"

To this question his daughter replied only with a laugh; and as it had been asked without the least suspicion, she was not distressed by his repeating it. Elizabeth had never been more at a loss to make her feelings appear what they were not. It was necessary to laugh, when she would rather have cried. Her father had most cruelly mortified her, by what he said of Mr. Darcy's indifference, and she could do nothing but wonder at such a want of penetration, or fear that perhaps, instead of his seeing too little, she might have fancied too much.

Orgoglio e pregiudizio


Volume III - capitolo 15 (57)


Il turbamento provocato in Elizabeth da quella straordinaria visita non poteva essere superato facilmente; né lei poté, per molte ore, pensarci meno che ininterrottamente. Lady Catherine, a quanto sembrava, si era in effetti presa il disturbo di quel viaggio da Rosings al solo scopo di rompere il suo presunto fidanzamento con Mr. Darcy. Un progetto davvero razionale! ma su quale fosse l'origine delle voci sul loro fidanzamento, Elizabeth non riusciva a immaginarlo; finché non si rese conto che il fatto di essere lui amico intimo di Bingley, e lei sorella di Jane, sarebbe bastato, in un momento in cui l'attesa di un matrimonio rendeva tutti desiderosi che ce ne fosse un altro, a giustificare l'ipotesi. Lei stessa non aveva omesso di pensare che il matrimonio della sorella li avrebbe portati a stare più spesso insieme. E i vicini di Lucas Lodge, quindi (poiché si era convinta che quella voce fosse arrivata a Lady Catherine attraverso la loro corrispondenza con i Collins) avevano solo messo per iscritto, come quasi certo e imminente, quello che lei aveva sperato possibile in un ipotetico futuro.

Nel ripensare alle affermazioni di Lady Catherine, tuttavia, non poté fare a meno di sentirsi a disagio sulle possibili conseguenze del persistere in quella sua intromissione. Da ciò che aveva detto circa la sua determinazione nell'impedire il loro matrimonio, a Elizabeth venne in mente che doveva aver pensato di rivolgersi al nipote; e su come lui avrebbe potuto reagire a una simile descrizione dei mali connessi a un legame con lei, non osava pronunciarsi. Non conosceva esattamente quanto fosse affezionato alla zia, o quanto dipendesse dal suo giudizio, ma era naturale supporre che lui nutrisse per la zia una stima più alta di quanta ne potesse avere lei; ed era certo che, nell'enumerare le disgrazie di un matrimonio con qualcuno i cui parenti più stretti erano così inferiori ai suoi, la zia avrebbe toccato il suo punto più debole. Con le sue idee sulla dignità, lui avrebbe probabilmente ritenuto che quegli argomenti, che a Elizabeth erano apparsi deboli e ridicoli, contenessero molto buonsenso e solide ragioni.

Se prima lui aveva esitato sul da farsi, come spesso era sembrato, i consigli e le preghiere di una parente così stretta avrebbero potuto fugare ogni dubbio, e farlo decidere una volta per tutte a scegliere la felicità che avrebbe potuto dargli una dignità senza macchie. In quel caso non sarebbe più tornato. Lady Catherine avrebbe potuto incontrarlo durante il suo viaggio verso Londra, e l'impegno con Bingley di ritornare a Netherfield sarebbe stato cancellato.

"Se, quindi, entro qualche giorno dovesse arrivare all'amico una scusa per non mantenere la sua promessa", aggiunse tra sé, "saprò come interpretarla. Allora abbandonerò ogni speranza, ogni desiderio sulla sua costanza. Se si accontenterà solo di rimpiangermi, quando avrebbe potuto avere il mio affetto e la mia mano, io smetterò subito di avere qualsiasi rimpianto per lui."

La sorpresa del resto della famiglia, nel venire a sapere chi fosse stata la visitatrice, fu davvero grande; ma si limitarono a spiegarla con lo stesso genere di ipotesi che avevano appagato la curiosità di Mrs. Bennet; e a Elizabeth fu risparmiato di avere troppi fastidi al riguardo.

Il giorno dopo, mentre scendeva le scale, si imbatté nel padre, che usciva dalla biblioteca con in mano una lettera.

"Lizzy", disse lui, "stavo venendo a cercarti; vieni in camera mia."

Lei lo seguì, e la sua curiosità di sapere che cosa avesse da dirle fu accresciuta dal supporre che fosse in qualche modo collegata alla lettera che aveva in mano. All'improvviso le venne in mente che potesse essere di Lady Catherine, e si figurò con sgomento tutte le conseguenti spiegazioni.

Seguì il padre accanto al camino, ed entrambi si sedettero. Poi egli disse,

"Stamattina ho ricevuto una lettera che mi ha estremamente stupito. Dato che riguarda soprattutto te, devi conoscerne il contenuto. Non sapevo di avere due figlie in procinto di sposarsi. Lascia che mi congratuli con te, per una conquista così importante."

Il rossore avvampò le guance di Elizabeth, nell'immediata certezza che la lettera fosse del nipote, invece che della zia; e non riusciva a decidersi se essere più contenta che si fosse finalmente dichiarato, o più offesa per la lettera indirizzata al padre anziché a lei, quando il padre proseguì,

"Sembri aver capito. Su argomenti come questi le signorine hanno una grande perspicacia, ma credo di poter persino sfidare la tua sagacia nello scoprire il nome del tuo ammiratore. La lettera è di Mr. Collins."

"Di Mr. Collins! e che cosa può avere da dire lui?"

"Qualcosa di molto pertinente, ovviamente. Comincia con le congratulazioni per le nozze imminenti della mia figlia maggiore, delle quali sembra sia venuto a conoscenza da qualcuna di quelle care pettegole delle Lucas. Non giocherò con la tua impazienza, leggendoti ciò che dice su questo punto. Quello che ti riguarda è la parte che segue. «Avendovi perciò offerto le sincere congratulazioni mie e di Mrs. Collins per questo felice evento, lasciatemi ora aggiungere un breve accenno su un altro argomento, del quale siamo stati informati dalla stessa fonte. Vostra figlia Elizabeth, a quanto sembra, non porterà a lungo il nome dei Bennet, dopo che vi avrà rinunciato la sorella maggiore, e il compagno prescelto per il suo futuro può essere ragionevolmente considerato come uno dei più illustri personaggi della nazione.»

"Riesci a indovinare, Lizzy, di che cosa si tratta?" «Questo giovane gentiluomo è baciato dalla fortuna in modo particolare, con tutto ciò che ogni cuore mortale può desiderare: una splendida proprietà, una nobile famiglia e ampi poteri di nomina. Eppure, nonostante tutte queste tentazioni, lasciate che io metta in guardia mia cugina Elizabeth, e voi stesso, sui mali in cui potreste incorrere con una precipitosa accettazione delle proposte del gentiluomo, delle quali, naturalmente, sarete propensi ad approfittare immediatamente.»

"Hai qualche idea, Lizzy, su chi sia questo gentiluomo? Ma ora ci arriviamo."

«Il motivo per cui vi metto in guardia è il seguente. Abbiamo ragione di immaginare che la zia, Lady Catherine de Bourgh, non veda di buon occhio questo matrimonio.»

"Capito? si tratta di Mr. Darcy! Ora, Lizzy, credo di averti sorpreso. Avrebbero potuto, lui o i Lucas, scegliere un uomo, all'interno della cerchia delle nostre conoscenze, il cui nome potesse smentire con più efficacia ciò che hanno riportato? Mr. Darcy, che non guarda mai una donna se non per vederne i difetti, e che probabilmente in vita sua non ti ha mai degnata di uno sguardo! È straordinario!"

Elizabeth cercò di unirsi all'allegria del padre, ma riuscì soltanto ad abbozzare un sorriso stentato. Il suo spirito non si era mai espresso in modo così poco gradevole per lei.

"Non sei divertita?"

"Oh! sì. Vi prego, continuate a leggere."

«Ieri sera, dopo aver accennato alla probabilità di questo matrimonio a sua signoria, lei ha immediatamente espresso, con la sua abituale condiscendenza, la sua opinione al riguardo, dalla quale è emerso chiaramente che, a causa di alcune obiezioni nei confronti della famiglia di mia cugina, non avrebbe mai dato il suo consenso a quella che ha definito un'unione vergognosa. Ho pensato fosse mio dovere informarne mia cugina con la massima urgenza, affinché lei e il suo nobile ammiratore possano essere consapevoli di quello a cui vanno incontro, e non si affrettino a contrarre un matrimonio che non è stato appropriatamente autorizzato.» "Oltre a ciò, Mr. Collins aggiunge", «Sono sinceramente lieto che la triste faccenda di mia cugina Lydia sia stata messa a tacere in modo così soddisfacente, e mi rincresce solo che la loro convivenza prima del matrimonio sia stata resa di dominio pubblico. Non posso tuttavia non tenere conto dei doveri connessi alla mia posizione, o astenermi dal dichiarare il mio stupore, nel sapere che avete ricevuto la giovane coppia in casa vostra subito dopo le nozze. È stato un incoraggiamento al vizio, e se fossi stato il rettore di Longbourn, mi sarei strenuamente opposto. Come cristiano dovevate certamente perdonarli, ma non ammetterli al vostro cospetto, o permettere che i loro nomi fossero pronunciati in vostra presenza.» "Questo è il suo concetto di carità cristiana! Il resto della lettera riguarda solo lo stato della cara Charlotte, e l'attesa di un nuovo virgulto. Ma, Lizzy, sembra come se tu non ti stia divertendo. Non starai facendo la svenevole, spero, che fa finta di essere offesa da una sciocca diceria. Perché di che cosa viviamo, se non per farci prenderci in giro dai nostri vicini, e per ridere di loro quando tocca a noi?"

"Oh" esclamò Elizabeth, "mi sono molto divertita. Ma è così strano!"

"Sì... ed è questo che lo rende divertente. Se avessero puntato su un altro non sarebbe stato nulla; ma la sua totale indifferenza, e la tua acuta antipatia, rende il tutto così deliziosamente assurdo! Per quanto io detesti scrivere, non rinuncerei per niente al mondo alla corrispondenza con Mr. Collins. Anzi, quando leggo una lettera delle sue, non posso fare a meno di preferirlo persino a Wickham, per quanto apprezzi l'impudenza e l'ipocrisia di mio genero. E ti prego Lizzy, che cosa ha detto Lady Catherine di questa voce? È venuta per rifiutare il suo consenso?"

A questa domanda la figlia rispose solo con una risata, e poiché era stata fatta senza il minimo sospetto, non ebbe il fastidio di sentirsela ripetere. Per Elizabeth non era mai stato così difficile far apparire i propri sentimenti per ciò che non erano. Era necessario ridere, quando avrebbe invece voluto piangere. Il padre l'aveva crudelmente mortificata, con quello che aveva detto dell'indifferenza di Mr. Darcy, e lei non poteva fare nulla se non meravigliarsi di una tale mancanza di perspicacia, o temere che forse, invece di essere lui a capire troppo poco, fosse stata lei ad aver fantasticato troppo.

     |     romanzi canonici     |     home page     |