Jane Austen
Mansfield Park
Volume I - capitolo 1 (1)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Mansfield Park


Volume I - Chapter 1 (1)


About thirty years ago, Miss Maria Ward, of Huntingdon, with only seven thousand pounds, had the good luck to captivate Sir Thomas Bertram, of Mansfield Park, in the county of Northampton, and to be thereby raised to the rank of a baronet's lady, with all the comforts and consequences of an handsome house and large income. All Huntingdon exclaimed on the greatness of the match, and her uncle, the lawyer, himself, allowed her to be at least three thousand pounds short of any equitable claim to it. She had two sisters to be benefited by her elevation; and such of their acquaintance as thought Miss Ward and Miss Frances quite as handsome as Miss Maria, did not scruple to predict their marrying with almost equal advantage. But there certainly are not so many men of large fortune in the world, as there are pretty women to deserve them. Miss Ward, at the end of half a dozen years, found herself obliged to be attached to the Rev. Mr. Norris, a friend of her brother-in-law, with scarcely any private fortune, and Miss Frances fared yet worse. Miss Ward's match, indeed, when it came to the point, was not contemptible, Sir Thomas being happily able to give his friend an income in the living of Mansfield, and Mr. and Mrs. Norris began their career of conjugal felicity with very little less than a thousand a year. But Miss Frances married, in the common phrase, to disoblige her family, and by fixing on a Lieutenant of Marines, without education, fortune, or connections, did it very thoroughly. She could hardly have made a more untoward choice. Sir Thomas Bertram had interest, which, from principle as well as pride, from a general wish of doing right, and a desire of seeing all that were connected with him in situations of respectability, he would have been glad to exert for the advantage of Lady Bertram's sister; but her husband's profession was such as no interest could reach; and before he had time to devise any other method of assisting them, an absolute breach between the sisters had taken place. It was the natural result of the conduct of each party, and such as a very imprudent marriage almost always produces. To save herself from useless remonstrance, Mrs. Price never wrote to her family on the subject till actually married. Lady Bertram, who was a woman of very tranquil feelings, and a temper remarkably easy and indolent, would have contented herself with merely giving up her sister, and thinking no more of the matter; but Mrs. Norris had a spirit of activity, which could not be satisfied till she had written a long and angry letter to Fanny, to point out the folly of her conduct, and threaten her with all its possible ill consequences. Mrs. Price in her turn was injured and angry; and an answer, which comprehended each sister in its bitterness, and bestowed such very disrespectful reflections on the pride of Sir Thomas, as Mrs. Norris could not possibly keep to herself, put an end to all intercourse between them for a considerable period.

Their homes were so distant, and the circles in which they moved so distinct, as almost to preclude the means of ever hearing of each other's existence during the eleven following years, or at least to make it very wonderful to Sir Thomas, that Mrs. Norris should ever have it in her power to tell them, as she now and then did in an angry voice, that Fanny had got another child. By the end of eleven years, however, Mrs. Price could no longer afford to cherish pride or resentment, or to lose one connection that might possibly assist her. A large and still increasing family, an husband disabled for active service, but not the less equal to company and good liquor, and a very small income to supply their wants, made her eager to regain the friends she had so carelessly sacrificed; and she addressed Lady Bertram in a letter which spoke so much contrition and despondence, such a superfluity of children, and such a want of almost every thing else, as could not but dispose them all to a reconciliation. She was preparing for her ninth lying-in, and after bewailing the circumstance, and imploring their countenance as sponsors to the expected child, she could not conceal how important she felt they might be to the future maintenance of the eight already in being. Her eldest was a boy of ten years old, a fine spirited fellow who longed to be out in the world; but what could she do? Was there any chance of his being hereafter useful to Sir Thomas in the concerns of his West Indian property? No situation would be beneath him - or what did Sir Thomas think of Woolwich? or how could a boy be sent out to the East?

The letter was not unproductive. It re-established peace and kindness. Sir Thomas sent friendly advice and professions, Lady Bertram dispatched money and baby-linen, and Mrs. Norris wrote the letters.

Such were its immediate effects, and within a twelvemonth a more important advantage to Mrs. Price resulted from it. Mrs. Norris was often observing to the others, that she could not get her poor sister and her family out of her head, and that much as they had all done for her, she seemed to be wanting to do more: and at length she could not but own it to be her wish, that poor Mrs. Price should be relieved from the charge and expense of one child entirely out of her great number. "What if they were among them to undertake the care of her eldest daughter, a girl now nine years old, of an age to require more attention than her poor mother could possibly give? The trouble and expense of it to them, would be nothing compared with the benevolence of the action." Lady Bertram agreed with her instantly. "I think we cannot do better," said she, "let us send for the child."

Sir Thomas could not give so instantaneous and unqualified a consent. He debated and hesitated; - it was a serious charge; - a girl so brought up must be adequately provided for, or there would be cruelty instead of kindness in taking her from her family. He thought of his own four children - of his two sons - of cousins in love, &c.; - but no sooner had he deliberately begun to state his objections, than Mrs. Norris interrupted him with a reply to them all whether stated or not.

"My dear Sir Thomas, I perfectly comprehend you, and do justice to the generosity and delicacy of your notions, which indeed are quite of a piece with your general conduct; and I entirely agree with you in the main as to the propriety of doing every thing one could by way of providing for a child one had in a manner taken into one's own hands; and I am sure I should be the last person in the world to withhold my mite upon such an occasion. Having no children of my own, who should I look to in any little matter I may ever have to bestow, but the children of my sisters? - and I am sure Mr. Norris is too just - but you know I am a woman of few words and professions. Do not let us be frightened from a good deed by a trifle. Give a girl an education, and introduce her properly into the world, and ten to one but she has the means of settling well, without farther expense to any body. A niece of our's, Sir Thomas, I may say, or, at least of your's, would not grow up in this neighbourhood without many advantages. I don't say she would be so handsome as her cousins. I dare say she would not; but she would be introduced into the society of this country under such very favourable circumstances as, in all human probability, would get her a creditable establishment. You are thinking of your sons - but do not you know that of all things upon earth that is the least likely to happen; brought up, as they would be, always together like brothers and sisters? It is morally impossible. I never knew an instance of it. It is, in fact, the only sure way of providing against the connection. Suppose her a pretty girl, and seen by Tom or Edmund for the first time seven years hence, and I dare say there would be mischief. The very idea of her having been suffered to grow up at a distance from us all in poverty and neglect, would be enough to make either of the dear sweet-tempered boys in love with her. But breed her up with them from this time, and suppose her even to have the beauty of an angel, and she will never be more to either than a sister."

"There is a great deal of truth in what you say," replied Sir Thomas, "and far be it from me to throw any fanciful impediment in the way of a plan which would be so consistent with the relative situations of each. I only meant to observe, that it ought not to be lightly engaged in, and that to make it really serviceable to Mrs. Price, and creditable to ourselves, we must secure to the child, or consider ourselves engaged to secure to her hereafter, as circumstances may arise, the provision of a gentlewoman, if no such establishment should offer as you are so sanguine in expecting."

"I thoroughly understand you," cried Mrs. Norris; "you are every thing that is generous and considerate, and I am sure we shall never disagree on this point. Whatever I can do, as you well know, I am always ready enough to do for the good of those I love; and, though I could never feel for this little girl the hundredth part of the regard I bear your own dear children, nor consider her, in any respect, so much my own, I should hate myself if I were capable of neglecting her. Is not she a sister's child? and could I bear to see her want, while I had a bit of bread to give her? My dear Sir Thomas, with all my faults I have a warm heart; and, poor as I am, would rather deny myself the necessaries of life, than do an ungenerous thing. So, if you are not against it, I will write to my poor sister to-morrow, and make the proposal; and, as soon as matters are settled, I will engage to get the child to Mansfield; you shall have no trouble about it. My own trouble, you know, I never regard. I will send Nanny to London on purpose, and she may have a bed at her cousin, the saddler's, and the child be appointed to meet her there. They may easily get her from Portsmouth to town by the coach, under the care of any creditable person that may chance to be going. I dare say there is always some reputable tradesman's wife or other going up."

Except to the attack on Nanny's cousin, Sir Thomas no longer made any objection, and a more respectable, though less economical rendezvous being accordingly substituted, every thing was considered as settled, and the pleasures of so benevolent a scheme were already enjoyed. The division of gratifying sensations ought not, in strict justice, to have been equal; for Sir Thomas was fully resolved to be the real and consistent patron of the selected child, and Mrs. Norris had not the least intention of being at any expense whatever in her maintenance. As far as walking, talking, and contriving reached, she was thoroughly benevolent, and nobody knew better how to dictate liberality to others: but her love of money was equal to her love of directing, and she knew quite as well how to save her own as to spend that of her friends. Having married on a narrower income than she had been used to look forward to, she had, from the first, fancied a very strict line of economy necessary; and what was begun as a matter of prudence, soon grew into a matter of choice, as an object of that needful solicitude, which there were no children to supply. Had there been a family to provide for, Mrs. Norris might never have saved her money; but having no care of that kind, there was nothing to impede her frugality, or lessen the comfort of making a yearly addition to an income which they had never lived up to. Under this infatuating principle, counteracted by no real affection for her sister, it was impossible for her to aim at more than the credit of projecting and arranging so expensive a charity; though perhaps she might so little know herself, as to walk home to the Parsonage after this conversation, in the happy belief of being the most liberal-minded sister and aunt in the world.

When the subject was brought forward again, her views were more fully explained; and, in reply to Lady Bertram's calm inquiry of "Where shall the child come to first, sister, to you or to us?" Sir Thomas heard, with some surprise, that it would be totally out of Mrs. Norris's power to take any share in the personal charge of her. He had been considering her as a particularly welcome addition at the Parsonage, as a desirable companion to an aunt who had no children of her own; but he found himself wholly mistaken. Mrs. Norris was sorry to say, that the little girl's staying with them, at least as things then were, was quite out of the question. Poor Mr. Norris's indifferent state of health made it an impossibility: he could no more bear the noise of a child than he could fly; if indeed he should ever get well of his gouty complaints, it would be a different matter: she should then be glad to take her turn, and think nothing of the inconvenience; but just now, poor Mr. Norris took up every moment of her time, and the very mention of such a thing she was sure would distract him.

"Then she had better come to us?" said Lady Bertram with the utmost composure. After a short pause, Sir Thomas added with dignity, "Yes, let her home be in this house. We will endeavour to do our duty by her, and she will at least have the advantage of companions of her own age, and of a regular instructress."

"Very true," cried Mrs. Norris, "which are both very important considerations: and it will be just the same to Miss Lee, whether she has three girls to teach, or only two - there can be no difference. I only wish I could be more useful; but you see I do all in my power. I am not one of those that spare their own trouble; and Nanny shall fetch her, however it may put me to inconvenience to have my chief counsellor away for three days. I suppose, sister, you will put the child in the little white attic, near the old nurseries. It will be much the best place for her, so near Miss Lee, and not far from the girls, and close by the housemaids, who could either of them help to dress her you know, and take care of her clothes, for I suppose you would not think it fair to expect Ellis to wait on her as well as the others. Indeed, I do not see that you could possibly place her any where else."

Lady Bertram made no opposition.

"I hope she will prove a well-disposed girl," continued Mrs. Norris, "and be sensible of her uncommon good fortune in having such friends."

"Should her disposition be really bad," said Sir Thomas, "we must not, for our own children's sake, continue her in the family; but there is no reason to expect so great an evil. We shall probably see much to wish altered in her, and must prepare ourselves for gross ignorance, some meanness of opinions, and very distressing vulgarity of manner; but these are not incurable faults - nor, I trust, can they be dangerous for her associates. Had my daughters been younger than herself, I should have considered the introduction of such a companion, as a matter of very serious moment; but as it is, I hope there can be nothing to fear for them, and every thing to hope for her, from the association."

"That is exactly what I think," cried Mrs. Norris, "and what I was saying to my husband this morning. It will be an education for the child, said I, only being with her cousins; if Miss Lee taught her nothing, she would learn to be good and clever from them."

"I hope she will not tease my poor pug," said Lady Bertram; "I have but just got Julia to leave it alone."

"There will be some difficulty in our way, Mrs. Norris," observed Sir Thomas, "as to the distinction proper to be made between the girls as they grow up; how to preserve in the minds of my daughters the consciousness of what they are, without making them think too lowly of their cousin; and how, without depressing her spirits too far, to make her remember that she is not a Miss Bertram. I should wish to see them very good friends, and would, on no account, authorize in my girls the smallest degree of arrogance towards their relation; but still they cannot be equals. Their rank, fortune, rights, and expectations, will always be different. It is a point of great delicacy, and you must assist us in our endeavours to choose exactly the right line of conduct."

Mrs. Norris was quite at his service; and though she perfectly agreed with him as to its being a most difficult thing, encouraged him to hope that between them it would be easily managed.

It will be readily believed that Mrs. Norris did not write to her sister in vain. Mrs. Price seemed rather surprised that a girl should be fixed on, when she had so many fine boys, but accepted the offer most thankfully, assuring them of her daughter's being a very well-disposed, good-humoured girl, and trusting they would never have cause to throw her off. She spoke of her farther as somewhat delicate and puny, but was sanguine in the hope of her being materially better for change of air. Poor woman! she probably thought change of air might agree with many of her children.

Mansfield Park


Volume I - capitolo 1 (1)


Circa trent'anni or sono, Miss Maria Ward, di Huntingdon, con sole settemila sterline di dote, ebbe la fortuna di attrarre Sir Thomas Bertram, di Mansfield Park, nella contea di Northampton, e di essere così elevata al rango di moglie di un baronetto, con tutti gli agi e le prerogative di una bella casa e di una rendita cospicua. Tutta Huntingdon si dichiarò stupita dalla grandezza del matrimonio, e lo zio, l'avvocato, anche lui ammise che le mancavano almeno tremila sterline per poter legittimamente aspirare a tanto. Miss Maria aveva due sorelle che avrebbero tratto beneficio dal suo innalzamento di rango, e quelli tra i conoscenti che ritenevano Miss Ward e Miss Frances belle quanto Miss Maria, non esitarono a pronosticare che i loro matrimoni sarebbero stati quasi altrettanto vantaggiosi. Ma sicuramente al mondo gli uomini di larghi mezzi non sono tanti quante sono le donne graziose che li meriterebbero. Miss Ward, dopo una mezza dozzina di anni, si trovò costretta a unirsi al reverendo Mr. Norris, un amico del cognato, con quasi nulla di suo, e a Miss Frances andò ancora peggio. A dire il vero, il matrimonio di Miss Ward, quando si venne al dunque, non si rivelò disprezzabile, dato che Sir Thomas fu fortunatamente in grado di fornire all'amico un'entrata nel beneficio ecclesiastico di Mansfield, e Mr. e Mrs. Norris iniziarono il loro cammino di felicità coniugale con poco meno di mille sterline l'anno. Miss Frances invece si sposò, come si suol dire, per far dispetto alla famiglia, e unendosi a un tenente della polizia militare della Marina, (1) senza né istruzione, né soldi, né conoscenze, lo fece davvero fino in fondo. A malapena avrebbe potuto fare una scelta più sconveniente. Sir Thomas Bertram aveva una notevole autorità, che, per principio quanto per orgoglio, per una generica propensione a comportarsi rettamente, e per il desiderio di vedere tutti quelli a lui imparentati in una situazione di rispettabilità, avrebbe ben volentieri esercitato a vantaggio della sorella di Lady Bertram; ma la professione del marito era tale da non rientrare in nessuna delle sue sfere di influenza; e prima che avesse avuto il tempo di individuare qualche altro metodo per aiutarli, aveva avuto luogo una rottura insanabile tra le sorelle. Era stata la naturale conseguenza del comportamento di ciascuna di loro, simile a quelle quasi sempre prodotte da un matrimonio molto imprudente. Per risparmiarsi inutili rimostranze, Mrs. Price non scrisse mai alla famiglia fino a quando non fu effettivamente sposata. Lady Bertram, che era una donna di sentimenti molto pacati, e aveva un carattere notevolmente tranquillo e indolente, si sarebbe semplicemente accontentata di rinunciare alla sorella e non pensarci più; ma Mrs. Norris aveva uno spirito attivo, e non si sentì appagata fino a quando non ebbe scritto una lunga lettera indignata a Fanny, per evidenziare la follia della sua condotta, e minacciarla di tutte le possibili conseguenze negative. Mrs. Price, dal canto suo, si sentì offesa e indignata, e una risposta, che nella sua amarezza coinvolgeva entrambe le sorelle, ed elargiva riflessioni molto poco rispettose sull'orgoglio di Sir Thomas, tanto che Mrs. Norris non ritenne possibile tenersela per sé, mise fine a qualsiasi rapporto tra di loro per un considerevole periodo di tempo.

Le loro case erano a una tale distanza, e gli ambienti nei quali si muovevano talmente diversi, da precludere quasi la possibilità di avere persino notizie sulla sopravvivenza dell'una o delle altre nel corso degli undici anni che seguirono, o perlomeno da far meravigliare molto Sir Thomas del fatto che Mrs. Norris fosse in grado di informarli, come faceva di tanto in tanto con voce indignata, che Fanny aveva avuto un altro figlio. Dopo undici anni, tuttavia, Mrs. Price non poté più permettersi di nutrire orgoglio o risentimento, o di perdere l'unico legame che potesse in qualche modo esserle d'aiuto. Una famiglia numerosa e che continuava a crescere, un marito non più abile al servizio attivo, ma non meno propenso alla compagnia e al bere, e un'entrata molto esigua per provvedere ai loro bisogni, la resero impaziente di riprendere i rapporti con quei parenti che aveva sacrificato con tanta indifferenza; e così inviò a Lady Bertram una lettera in cui parlava così tanto di rimorso e di sconforto, di un tale eccesso di figli, di penuria di qualsiasi altra cosa, da non poter non farli sentire tutti disposti a una riconciliazione. Era in procinto di avere il nono figlio, e dopo aver deplorato quella circostanza, e implorato il loro appoggio come protettori del figlio in arrivo, non poté nascondere quanto li ritenesse importanti per il futuro mantenimento degli otto già presenti. Il maggiore aveva dieci anni, un ragazzo vivace e intelligente che era impaziente di andarsene per il mondo; ma che cosa poteva fare lei? C'era una qualche possibilità che in futuro potesse essere utile a Sir Thomas negli affari della sua proprietà nelle Indie occidentali? Nessuna sistemazione sarebbe stata troppo umile per lui; e che cosa ne pensava Sir Thomas di Woolwich? (2) o altrimenti, che cosa fare per mandare un ragazzo in oriente?

La lettera non fu improduttiva. Ristabilì pace e benevolenza. Sir Thomas mandò consigli amichevoli e assicurazioni di aiuto, Lady Bertram spedì denaro e biancheria per il bambino, e Mrs. Norris scrisse le lettere.

Questi furono gli effetti immediati, ed entro un anno la lettera produsse un risultato più importante a vantaggio di Mrs. Price. Mrs. Norris diceva spesso agli altri che non riusciva a togliersi di testa la sua povera sorella e la sua famiglia, e che per quanto tutti loro avessero fatto tanto per lei, le sembrava che potesse essere fatto di più; e alla fine non poté non confessare il suo desiderio di sollevare la povera Mrs. Price dalla fatica e dalle spese di almeno uno dei numerosi figli. "E se si fossero presi cura loro della figlia maggiore, una ragazzina di nove anni, un'età che richiede più attenzioni di quante ne potesse fornire la sua povera madre? Per loro le difficoltà e le spese non sarebbero state nulla in confronto alla generosità della proposta." Lady Bertram si dichiarò immediatamente d'accordo. "Credo che non potremmo fare di meglio", disse; "mandiamo a prendere la bambina."

Sir Thomas non poteva fornire un consenso così istantaneo e incondizionato. Rifletteva ed esitava; era una cosa seria; per una ragazza da crescere si doveva provvedere in modo adeguato, altrimenti sarebbe stato crudele invece che generoso portarla via alla sua famiglia. Pensava ai suoi quattro figli... ai due figli maschi... agli innamoramenti tra cugini, ecc.; ma aveva appena iniziato a esprimere prudentemente le sue obiezioni, quando Mrs. Norris lo interruppe con una risposta che le comprendeva tutte, formulate o meno che fossero.

"Mio caro Sir Thomas, vi capisco perfettamente, e rendo giustizia alla generosità e alla delicatezza delle vostre idee, che in verità sono del tutto conformi al vostro modo di agire; e in linea di massima sono assolutamente d'accordo sulla necessità di fare tutto il possibile per provvedere a una bambina della quale in un certo qual modo ci si prende la responsabilità; e sarei certo l'ultima persona al mondo a negare i miei due spiccioli in un'occasione del genere. Non avendo figli miei, a chi potrei mai dare quel poco che ho, se non ai figli delle mie sorelle? e sono certa che anche Mr. Norris è troppo giusto... ma sapete che sono una donna di poche parole. Non lasciamoci intimorire da una sciocchezza nel compiere una buona azione. Diamo alla ragazza un'istruzione, introduciamola nel mondo in modo appropriato, e dieci a uno se non avrà modo di sistemarsi bene, senza ulteriori spese per nessuno. Mi sento di poter dire, Sir Thomas, che una nostra nipote, o almeno una vostra nipote, non crescerà in questo ambiente senza ricavarne molti vantaggi. Non dico che diventerà bella come le cugine. Credo proprio di no; ma sarà introdotta nell'ambiente sociale di qui con presupposti talmente favorevoli che, con tutta probabilità, le consentiranno una onorevole sistemazione. State pensando ai vostri figli maschi... ma non vi rendete conto che tra tutte le cose possibili sulla terra questa è la meno probabile, cresciuti, come saranno, sempre insieme come fratelli e sorelle? È praticamente impossibile. Non ho mai visto un caso del genere. È, in realtà, il solo modo certo per impedire queste unioni. Supponiamo che sia una ragazza graziosa, e che Tom e Edmind la vedano da qui a sette anni; credo proprio che qualche problema sorgerebbe. La semplice idea che abbia sofferto crescendo povera e negletta lontana da noi, basterebbe a far innamorare di lei due giovanotti così sensibili. Ma facciamola crescere con loro fin da ora, e supponendo pure che abbia la bellezza di un angelo, per loro non sarà mai nulla di più di una sorella."

"C'è molto di vero in quello che dite", replicò Sir Thomas, "e lungi da me frapporre un qualche immaginario impedimento a un piano così coerente con le rispettive situazioni di ciascuno. Intendevo solo osservare che non va preso alla leggera, e che per renderlo davvero utile a Mrs. Price, e onorevole per noi, dobbiamo assicurare alla bambina, o almeno sentirci impegnati ad assicurarle da qui in avanti, quali che siano le circostanze che si presenteranno, i mezzi adatti a una gentildonna, se non dovesse presentarsi quella sistemazione che voi vi attendete con tanto ottimismo."

"Vi capisco perfettamente", esclamò Mrs. Norris; "siete molto generoso e pieno di riguardo, e sono certa che in questo non saremo mai in disaccordo. Qualsiasi cosa io possa fare, lo sapete benissimo, sarò sempre pronta a farlo per il bene di quelli che amo; e, sebbene non possa certo provare per questa ragazzina la centesima parte della considerazione che nutro per i vostri cari figli, né considerarla, da ogni punto di vista, altrettanto mia, mi odierei se fossi capace di trascurarla. Non è forse figlia di una sorella? e potrei sopportare di vederla in miseria, quando sono in grado di offrirle un pezzo di pane? Mio caro Sir Thomas, con tutti i miei difetti ho buon cuore; e, povera come sono, mi priverei del necessario piuttosto che fare qualcosa di meschino. Così, se non avete nulla in contrario, scriverò domani alla mia povera sorella, e le farò la proposta; e, non appena la faccenda sarà stabilita, mi darò da fare io per far arrivare la bambina a Mansfield; voi non dovete preoccuparvi di nulla. Sapete bene che non mi tiro mai indietro quando si tratta di accollarmi qualcosa. Manderò apposta Nanny a Londra, e potrà stare con il cugino, il sellaio, e la bambina la incontrerà lì. Potranno facilmente metterla sulla diligenza da Portsmouth a Londra, affidandola a qualche persona degna di fiducia che si trovi a dover partire. Credo proprio che ci sia sempre qualche rispettabile moglie di commerciante che va in città."

Salvo che per l'inizio sul cugino di Nanny, Sir Thomas non fece più obiezioni, e dopo aver di conseguenza individuato un più rispettabile, anche se meno economico, punto di incontro, tutto fu considerato sistemato, e si cominciò già a pregustare il piacere derivante da un progetto così generoso. La suddivisione di quelle gratificanti sensazioni non avrebbe dovuto, a onor del vero, essere uguale per tutti, poiché Sir Thomas era fermamente deciso a essere il vero e costante benefattore della bambina scelta, e Mrs. Norris non aveva la minima intenzione di partecipare a qualsivoglia spesa per il suo mantenimento. Fin quando c'era da camminare, da chiacchierare e da organizzare era pienamente disponibile, e nessuno meglio di lei sapeva come imporre la generosità agli altri; ma il suo amore per il denaro era pari a quello per il comando, e sapeva risparmiare i suoi soldi tanto bene quanto sapeva spendere quelli dei suoi amici. Essendosi sposata con una rendita più esigua di quella che aveva sperato, aveva dapprima ritenuto necessario attenersi a una linea di strettissima economia; e ciò che era cominciato come atto di prudenza divenne presto una scelta, come se fosse l'obiettivo di quella indispensabile sollecitudine che non aveva figli sui quali riversarsi. Se avesse avuto una famiglia a cui provvedere, Mrs. Norris non avrebbe mai risparmiato il suo denaro; ma non avendo preoccupazioni di quel genere, non c'era nulla a impedire la sua frugalità, o a diminuire il piacere di aumentare annualmente una rendita che non era mai stata intaccata. Sulla base di questi edificanti principi, non contrastati da un reale affetto per la sorella, per lei era impossibile aspirare a qualcosa di più del merito di aver progettato e organizzato una carità così dispendiosa, sebbene forse conoscesse così poco se stessa da tornare alla canonica, dopo quella conversazione, con la serena certezza di essere la più generosa sorella e zia del mondo.

Quando l'argomento fu affrontato di nuovo, i suoi piani furono spiegati più estesamente, e, in risposta alla pacata domanda di Lady Bertram su "Dove verrà a stare all'inizio la bambina, sorella, da voi o da noi?" Sir Thomas udì, con qualche sorpresa, che sarebbe stato assolutamente impossibile per Mrs. Norris condividere anche solo parte delle spese necessarie. Lui aveva ritenuto che la bambina avrebbe potuto essere un'aggiunta particolarmente piacevole alla canonica, una compagnia desiderabile per una zia che non aveva figli; ma scoprì di essersi completamente sbagliato. Mrs. Norris era spiacente di dire che far stare la ragazzina da loro, almeno per come erano messe le cose al momento, era assolutamente fuori questione. Il precario stato di salute del povero Mr. Norris lo rendeva impossibile; non avrebbe potuto sopportare il chiasso di una bambina più di quanto fosse in grado di volare; se in effetti la sua gotta fosse mai migliorata, sarebbe stata tutt'altra cosa: lei allora sarebbe stata felice di fare la sua parte, senza far caso al disturbo; ma proprio in quel periodo, il povero Mr. Norris assorbiva tutto il suo tempo, e solo il menzionare una cosa del genere l'avrebbe sicuramente sconvolto.

"Allora sarà meglio farla venire da noi?" disse Lady Bertram con la massima calma. Dopo una breve pausa, Sir Thomas aggiunse con dignità, "Sì, che la sua casa sia questa. Cercheremo di fare il nostro dovere con lei, e avrà almeno il vantaggio di compagni della sua età, e di una istitutrice a tempo pieno."

"Giustissimo", esclamò Mrs. Norris; "sono entrambe considerazioni molto importanti; e per Miss Lee sarà lo stesso avere tre ragazze da istruire invece di due, non può certo esserci differenza. Vorrei solo rendermi più utile; ma sapete che faccio tutto il possibile. Non sono una di quelle persone che cerca di evitare fastidi; e Nanny andrà a prenderla, per quanto possa essere disagevole per me privarmi per tre giorni della mia principale collaboratrice. Suppongo, sorella, che metterai la bambina nella piccola mansarda bianca, vicino alle vecchie camere dei bambini. Sarà il posto migliore per lei, così vicina a Miss Lee, non lontana dalle ragazze e accanto alle domestiche, che potranno a turno aiutarla a vestirsi e prendersi cura dei suoi abiti, perché immagino tu non ritenga giusto che Ellis si occupi di lei come delle altre. In effetti, non vedo come sarebbe possibile metterla da qualche altra parte."

Lady Bertram non fece obiezioni.

"Spero che si dimostrerà una ragazza di buon carattere", proseguì Mrs. Norris, "e che sia consapevole della fortuna non comune di avere parenti del genere."

"Se la sua indole fosse davvero cattiva", disse Sir Thomas, "non dovremmo, per riguardo ai nostri figli, continuare a tenerla in famiglia; ma non c'è nessun motivo per aspettarci una cosa del genere. Probabilmente avremo molto da cambiare in lei, e dobbiamo prepararci a una grossolana ignoranza, a una certa ristrettezza di vedute e a una spiacevole volgarità di modi; ma non sono difetti incurabili, né, sono certo, potranno essere pericolosi per le sue compagne. Se le mie figlie fossero state più giovani di lei, avrei riflettuto con molta maggiore attenzione sull'opportunità di una tale compagnia; ma per come stanno le cose, spero che non ci sia nulla da temere per loro, e tutto da sperare per lei, da questa compagnia."

"È esattamente quello che penso io", esclamò Mrs. Norris, "e quello che ho detto a mio marito stamattina. Per la bambina sarà educativo, ho detto, il solo stare con le cugine; se Miss Lee non le insegnasse nulla, imparerebbe da loro a essere buona e intelligente."

"Spero che non dia fastidio al mio povero cagnolino", disse Lady Bertram; "sono appena riuscita a far sì che Julia lo lasci in pace."

"Qualche difficoltà l'avremo, Mrs. Norris", osservò Sir Thomas, "nel mantenere un'appropriata distinzione tra le ragazze man mano che si faranno grandi; su come far tenere bene a mente alla mie figlie la consapevolezza di ciò che sono, senza farle disprezzare troppo la cugina; e su come, senza deprimere troppo il suo animo, far rammentare a lei che non è una Miss Bertram. Vorrei vederle diventare buone amiche, e non asseconderei, in nessun caso, il minimo grado di arroganza nelle mie ragazze riguardo a questa parente; eppure non potranno essere considerate delle eguali. Il rango, i mezzi, i diritti e le prospettive, saranno sempre differenti. È un punto molto delicato, e voi dovete aiutarci nei nostri sforzi di scegliere la giusta linea di condotta."

Mrs. Norris era interamente al suo servizio; e sebbene fosse assolutamente d'accordo con lui sul fatto che fosse una cosa molto difficile, lo incoraggiò a sperare che l'avrebbero gestita facilmente.

Non ci saranno difficoltà a credere che Mrs. Norris non scrisse invano alla sorella. Mrs. Price sembrò piuttosto sorpresa che fosse stata scelta una ragazza, quando c'erano così tanti bravi ragazzi, ma accettò l'offerta con gratitudine, assicurando loro che la figlia era una ragazza di buon carattere e allegra, e dichiarandosi certa che non avrebbero mai avuto nessun motivo per mandarla via. Ne parlò poi come di una bambina delicata e gracile, ma era ottimista nello sperare che il cambiamento d'aria le avrebbe fatto senz'altro bene. Povera donna! probabilmente pensava che un cambio d'aria avrebbe giovato a molti dei suoi figli.



(1) Il corpo dei "Royal Marines", ovvero i "fanti della marina", era anche incaricato, nel porto di Portsmouth, di compiti di polizia militare, sia a terra che a bordo. Mentre per un brevetto di ufficiale nella Royal Navy erano necessari almeno sei anni di servizio in mare, quello di ufficiale dei "Marines" era ottenibile molto più facilmente e permetteva una progressione di carriera molto limitata; di conseguenza, il loro rango era considerato inferiore, sia dal punto di vista sociale che professionale, a quello degli ufficiali di marina.

(2) A Woolwich, sulle rive del Tamigi a sud di Londra, c'erano il Royal Arsenal, dove avrebbe potuto esserci un lavoro per il ragazzo, e la Royal Militar Academy, dove poteva iscriversi per intraprendere la carriera militare.

     |     romanzi canonici     |     home page     |