Jane Austen

Lord Edward Brabourne
Lettere di Jane Austen (Introduzione)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     i memoir familiari     |     home page     |     

Letters of Jane Austen


TO THE QUEEN'S MOST
EXCELLENT MAJESTY


Madam,

It was the knowledge that your Majesty so highly appreciated the works of Jane Austen which emboldened me to ask permission to dedicate to your Majesty these volumes, containing as they do numerous letters of that authoress, of which, as her great-nephew, I have recently become possessed. These letters are printed, with the exception of a very few omissions which appeared obviously desirable, just as they were written, and if there should be found in them, or in the chapters which accompany them, anything which may interest or amuse your Majesty, I shall esteem myself doubly fortunate in having been the means of bringing them under your Majesty's notice.
I am, Madam,
Your Majesty's very humble
and obedient subject,

Brabourne.

Lettere di Jane Austen


ALL'ECCELLENTISSIMA
SUA MAESTÀ LA REGINA


Signora,

È stata la consapevolezza di come vostra Maestà apprezzi così tanto le opere di Jane Austen a incoraggiarmi a chiedere il permesso di dedicare a vostra Maestà questi volumi, contenenti numerose lettere di quell'autrice, delle quali, come suo pronipote, sono recentemente venuto in possesso. Le lettere sono pubblicate, con l'eccezione di pochissime omissioni che sono sembrate sicuramente opportune, proprio come furono scritte, e se in esse, o nei capitoli che le accompagnano, si dovesse trovare qualcosa che possa interessare o divertire vostra Maestà, mi riterrei doppiamente fortunato per essere stato il tramite per portarle all'attenzione di vostra Maestà.
Sono, Signora,
L'umilissimo e obbediente
suddito di vostra Maestà,

Brabourne



INTRODUCTION


It is right that some explanation should be given of the manner in which the letters now published came into my possession.

The Rev. J. E. Austen Leigh, nephew to Jane Austen, and first cousin to my mother Lady Knatchbull, published in 1869 'a Memoir' of his aunt, and supplemented it by a second and enlarged edition in the following year, to which he added the hitherto unpublished tale, 'Lady Susan,' for the publication of which he states in his preface that he had 'lately received permission from the author's niece, Lady Knatchbull, of Provender, in Kent, to whom the autograph copy was given.' It seems that the autograph copy of another unpublished tale, 'The Watsons,' had been given to Mr. Austen Leigh's half-sister, Mrs. Lefroy, and that each recipient took a copy of what was given to the other, by which means Mr. Austen Leigh became acquainted with the existence and contents of 'Lady Susan,' and knowing that it was the property of my mother, wrote to ask her permission to attach it to, and publish it with, the second edition of his 'Memoir.' My mother was at that time unable to attend to business, and my youngest sister, who lived with her, replied to the request, giving the desired permission on her behalf, but stating at the same time that the autograph copy had been lost for the last six years, that any letters which existed could not be found, and that my mother was not in a fit state to allow of any search being made. It so happened that no reference was made to me, and I only knew of the request having been made and granted when I saw the tale in print. But on my mother's death, in December 1882, all her papers came into my possession, and I not only found the original copy of 'Lady Susan' in Jane Austen's own handwriting—among the other books in the Provender library, but a square box full of letters, fastened up carefully in separate packets, each of which was endorsed 'For Lady Knatchbull,' in the handwriting of my great-aunt, Cassandra Austen, and with which was a paper endorsed in my mother's handwriting, 'Letters from my dear Aunt Jane Austen, and two from Aunt Cassandra after her decease,' which paper contained the letters written to my mother herself. The box itself had been endorsed by my mother as follows:—

'Letters from Aunt Jane to Aunt Cassandra at different periods of her life—a few to me and—some from Aunt Cass. to me after At. Jane's death.'

This endorsement bears the date August, 1856, and was probably made the last time my mother looked at the letters. At all events, a comparison of these letters with some quoted by Mr. Austen Leigh makes it abundantly clear that they have never been in his hands, and that they are now presented to the public for the first time. Indeed, it is much to be regretted that the 'Memoir' should have been published without the additional light which many of these letters throw upon the Life, though of course no blame attaches to Mr. Austen Leigh in the matter.

The opportunity, however, having been lost, and 'Lady Susan' already published, it remained for me to consider whether the letters which had come into my possession were of sufficient public interest to justify me in giving them to the world. They had evidently, for the most part, been left to my mother by her Aunt Cassandra Austen; they contain the confidential outpourings of Jane Austen's soul to her beloved sister, interspersed with many family and personal details which, doubtless, she would have told to no other human being. But to-day, more than seventy long years have rolled away since the greater part of them were written; no one now living can, I think, have any possible just cause of annoyance at their publication, whilst, if I judge rightly, the public never took a deeper or more lively interest in all that concerns Jane Austen than at the present moment. Her works, slow in their progress towards popularity, have achieved it with the greater certainty, and have made an impression the more permanent from its gradual advance. The popularity continues, although the customs and manners which Jane Austen describes have changed and varied so much as to belong in a great measure to another age. But the reason of its continuance is not far to seek. Human nature is the same in all ages of the world, and 'the inimitable Jane' (as an old friend of mine used always to call her) is true to Nature from first to last. She does not attract our imagination by sensational descriptions or marvellous plots; but, with so little 'plot' at all as to offend those who read only for excitement, she describes men and women exactly as men and women really are, and tells her tale of ordinary, everyday life with such truthful delineation, such bewitching simplicity, and, moreover, with such purity of style and language, as have rarely been equalled, and perhaps never surpassed.

This being the case, it has seemed to me that the letters which show what her own 'ordinary, everyday life' was, and which afford a picture of her such as no history written by another person could give so well, are likely to interest a public which, both in Great Britain and America, has learned to appreciate Jane Austen. It will be seen that they are ninety-four in number, ranging in date from 1796 to 1816—that is to say, over the last twenty years of her life. Some other letters, written to her sister Cassandra, appear in Mr. Austen Leigh's book, and it would seem that at Cassandra's death, in 1845, the correspondence must have been divided, and whilst the bulk of it came to my mother, a number of letters passed into the possession of Mr. Austen Leigh's sisters, from whom he obtained them. These he made use of without being aware of the existence of the rest.

However this may be, it is certain that I am now able to present to the public entirely new matter, from which may be gathered a fuller and more complete knowledge of Jane Austen and her 'belongings' than could otherwise have been obtained. Miss Tytler, indeed, has made a praiseworthy effort to impart to the world information respecting the life and works of her favourite authoress, but her 'Life' is little more than a copy of Mr. Austen Leigh's Memoir. I attempt no 'Memoir' that can properly be so called, but I give the letters as they were written, with such comments and explanations as I think may add to their interest. I am aware that in some of the latter I have wandered somewhat far away from Jane Austen, having been led aside by allusions which awaken old memories and recall old stories. But whilst my 'addenda' may be read or skipped as the reader pleases, they do not detract from the actual value of the genuine letters which I place before him. These, I think, can hardly fail to be of interest to all who desire to know more of the writer; and, although they form no continuous narrative and record no stirring events, it will be remarked that, amid the most ordinary details and most commonplace topics, every now and then sparkle out the same wit and humour which illuminate the pages of 'Pride and Prejudice,' 'Mansfield Park,' 'Emma,' &c., and which have endeared the name of Jane Austen to many thousands of readers in English-speaking homes.

Brabourne

May 1884



INTRODUZIONE


È giusto che sia fornita qualche spiegazione sul modo in cui le lettere ora pubblicate sono venute in mio possesso.

Il reverendo J. E. Austen Leigh, nipote di Jane Austen, e cugino primo di mia madre, Lady Knatchbull, ha pubblicato nel 1869 un "Memoir" su sua zia, seguito nell'anno successivo da una seconda e accresciuta edizione, alla quale ha aggiunto il racconto "Lady Susan", fino a qual momento inedito, per la cui pubblicazione precisa nella sua prefazione di avere "di recente avuto il permesso della nipote dell'autrice, Lady Knatchbull, di Provender, nel Kent, che è in possesso della copia autografa." (1) Sembra che l'autografo di un altro racconto inedito, "I Watson", sia stato fornito dalla sorellastra di Mr. Austen Leigh, Mrs. Lefroy, e che tutte e due le destinatarie avessero ricevuto una copia di ciò che era stato dato all'altra, e in questo modo Mr. Austen Leigh era venuto a conoscenza dell'esistenza e del contenuto di "Lady Susan", e sapendolo di proprietà di mia madre, le scrisse per avere il permesso di aggiungerlo e pubblicarlo con la seconda edizione del suo "Memoir". A quel tempo mia madre non era in grado di provvedere alla faccenda, e la mia sorella più piccola, che viveva con lei, rispose dando per conto della madre il permesso richiesto, precisando però allo stesso tempo che l'autografo era andato smarrito sei anni prima, che non era rintracciabile alcuna lettera, e che mia madre non era in grado di fare ulteriori ricerche. All'epoca non fui consultato, e seppi della richiesta, fatta ed esaudita, quando vidi il racconto pubblicato. Ma alla morte di mia madre, nel dicembre 1882, tutte le sue carte vennero in mio possesso, e non solo trovai la copia originale di "Lady Susan" di mano di Jane Austen - tra gli altri libri della biblioteca di Provender, ma una scatola quadrata piena di lettere, accuratamente legate in pacchetti separati, in ciascuno dei quali c'era la frase "Per Lady Knatchbull" con la calligrafia della mia prozia Cassandra Austen, insieme a un foglio con la calligrafia di mia madre con scritto "Lettere della mia cara zia Jane Austen, e due di zia Cassandra dopo il suo decesso", che conteneva le lettere scritte a mia madre. Sulla scatola c'era anche quello che segue, scritto da mia madre:

"Lettere di zia Jane a zia Cassandra in diversi periodi della sua vita - alcune a me e altre di zia Cass. a me dopo la morte di zia Jane."

Queste parole portano la data agosto 1856, e probabilmente furono scritte l'ultima volta in cui mia madre prese in mano le lettere. In ogni caso, un confronto tra queste lettere e alcune citate da Mr. Austen Leigh rende perfettamente chiaro come non siano mai state in mano sua, e che sono adesso presentate al pubblico per la prima volta. In effetti, è proprio un peccato che il "Memoir" sia stato pubblicato senza le informazioni che molte di queste lettere avrebbero aggiunto alla biografia, anche se naturalmente Mr. Austen Leigh non ne ha affatto colpa.

Avendo tuttavia perso quell'occasione, e visto che "Lady Susan" risulta già pubblicato, mi restava da considerare se le lettere venute in mio possesso fossero sufficientemente di pubblico interesse per farmi ritenere giusto farle conoscere al mondo. Sono state evidentemente, in gran parte, lasciate a mia madre dalla zia Cassandra Austen; contengono le confidenze dell'animo di Jane Austen alla sua amata sorella, inframmezzate da molti dettagli familiari e personali che, senza dubbio, lei non avrebbe confidato a nessun altro. Ma oggi, più di settanta lunghi anni sono trascorsi da quando gran parte di esse è stata scritta; nessuno ora vivente credo possa avere una qualche possibile giusta causa di offesa per la loro pubblicazione, mentre, se il mio giudizio è corretto, il pubblico non ha mai avuto un interesse più vivo e profondo verso tutto ciò che riguarda Jane Austen come nel momento attuale. Le sue opere, lente nel loro progresso verso la popolarità, l'hanno raggiunta con assoluta certezza, e hanno ormai prodotto un'impressione permanente nel loro graduale affermarsi. La popolarità prosegue, anche se gli usi e costumi descritti da Jane Austen sono cambiati così tanto da appartenere in larga misura ad altri tempi. Ma il perché queste opere continuino a essere popolari non è difficile da trovare. La natura umana è la stessa in ogni età del mondo, e "l'inimitabile Jane" (come un mio vecchio amico è sempre solito chiamarla) è fedele a quella natura dall'inizio alla fine. Non attira la nostra immaginazione con descrizioni sensazionali di intrecci meravigliosi, ma, con "intrecci" così scarni tali da infastidire chi legge solo per elettrizzarsi, descrive uomini e donne esattamente come sono uomini e donne nella realtà, e scrive i suoi racconti di vita di tutti i giorni delineandoli con una tale veridicità, una tale incantevole semplicità, e, oltre a ciò, con una tale purezza di stile e linguaggio che raramente sono state eguagliata, e forse mai superate.

Stando così le cose, mi è sembrato che le lettere, che mostrano quale fosse la sua "vita ordinaria, di tutti i giorni", e che offrono un ritratto di se stessa che nessuna storia scritta da qualcun altro potrebbe fare così bene, possano probabilmente interessare un pubblico che, sia in Gran Bretagna che in America, ha imparato ad apprezzare Jane Austen. Si potrà constatare come siano in numero di novantaquattro, con date che vanno dal 1796 al 1816, (2) ovvero, più degli ultimi vent'anni della sua vita. Alcune altre, scritte alla sorella Cassandra, sono nel libro di Mr. Austen Leigh, e sembra che alla morte di Cassandra, nel 1845, la corrispondenza sia stata divisa, e mentre la maggior parte sia andata a mia madre, alcune siano venute in possesso delle sorelle di Mr. Austen Leigh, dalle quali le ha avute. Lui ne ha fatto uso senza sapere dell'esistenza delle altre.

Come che sia, è certo come io sia attualmente in grado di presentare al pubblico qualcosa di completamente nuovo, da cui si può trarre una conoscenza più completa e approfondita di Jane Austen e di ciò che la riguarda rispetto a quanto sia stato ottenuto in altro modo. Miss Tytler, in effetti, ha fatto un lodevole sforzo per far conoscere al mondo le informazioni circa la vita e le opere della sua autrice preferita, ma la sua "Vita" (3) è poco più di una copia del Memoir di Mr. Austen Leigh. Io non voglio scrivere un "Memoir" propriamente detto, ma fornisco le lettere così come sono state scritte, con dei commenti e spiegazioni che ritengo possano aggiungere qualcosa. Sono consapevole che in alcuni casi mi sono spinto abbastanza lontano da Jane Austen, dato che vi sono stato condotto da accenni che hanno risvegliato vecchi ricordi e mi hanno riportato alla mente vecchie storie. Ma comunque, le mie "aggiunte" possono essere lette o saltate a piacere dal lettore, e non tolgono nulla all'effettivo valore delle lettere che leggerà. Quelle, credo che non possano mancare di destare l'interesse di chiunque voglia saperne di più su chi le ha scritte, e, sebbene non ci sia una compiuta continuità e non riportino avvenimenti sensazionali, c'è da notare come, tra i dettagli più comuni e gli argomenti più banali, qua e là brillino della stessa arguzia e dello stesso umorismo che illuminano le pagine di "Orgoglio e pregiudizio", "Mansfield Park", "Emma" ecc., e che hanno reso caro il nome di Jane Austen a molte migliaia di lettori di lingua inglese.

Brabourne

Maggio 1884



(1) James Edward Austen-Leigh, Ricordo di Jane Austen, seconda edizione, 1871, prefazione a Lady Susan

(2) Le ultime lettere sono datate 1816 da Brabourne, mentre le ultime edizioni a cura di Deirdre Le Faye le attribuiscono al 1817.

(3) Sarah Tytler, Jane Austen and Her Works, Cassell, Petter Galpin & Co., London, 1880.

     |     i memoir familiari     |     home page     |