Jane Austen

James -Edward Austen-Leigh
Ricordo di Jane Austen (Lady Susan)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     i memoir familiari     |     home page     |     

A Memoir of Jane Austen


LADY SUSAN

Preface


I have lately received permission to print the following tale from the author's niece, Lady Knatchbull, of Provender, in Kent, to whom the autograph copy was given. I am not able to ascertain when it was composed. Her family have always believed it to be an early production. Perhaps she wrote it as an experiment in conducting a story by means of letters. It was not, however, her only attempt of that kind; for 'Sense and Sensibility' was first written in letters; but as she afterwards re-wrote one of these works and never published the other, it is probable that she was not quite satisfied with the result. The tale itself is scarcely one on which a literary reputation could have been founded: but though, like some plants, it may be too slight to stand alone, it may, perhaps, be supported by the strength of her more firmly rooted works. At any rate, it cannot diminish Jane Austen's reputation as a writer; for even if it should be judged unworthy of the publicity now given to it, the censure must fall on him who has put it forth, not on her who kept it locked up in her desk.


[LADY SUSAN]

Ricordo di Jane Austen


LADY SUSAN

Prefazione


Ho di recente avuto il permesso di pubblicare il racconto che segue dalla nipote dell'autrice, Lady Knatchbull, di Provender, nel Kent, che è in possesso della copia autografa. (1) Non sono in grado si accertare quando è stato scritto. (2) La famiglia l'ha sempre ritenuto una produzione giovanile. Forse lo scrisse per sperimentare come sviluppare una storia in forma epistolare. Non è stato, tuttavia, il suo solo tentativo in tal senso, poiché la prima stesura di "Ragione e sentimento" era scritta in forma epistolare; dato che, però, lei riscrisse successivamente uno di questi lavori e non pubblicò mai l'altro, è probabile che non fosse completamente soddisfatta del risultato. Il racconto in sé è difficilmente uno di quelli sul quale si possa basare una reputazione letteraria, ma, sebbene, come alcune piante, sia forse troppo esile per stare in piedi da solo, può forse essere sostenuto dalla forza dei suoi lavori più saldamente radicati. A ogni modo, non può certo ridurre la reputazione di Jane Austen come scrittrice, poiché, anche se dovesse essere giudicato indegno della pubblicità che gli è data qui, la condanna deve cadere su colui che lo ha portato alla luce, non su colei che lo ha tenuto chiuso in una cassetto.


[LADY SUSAN]



(1) Si tratta di Fanny Austen, la figlia di Edward (la famiglia assunse nel 1812 il cognome Knight, dopo aver ereditato le proprietà di un lontano cugino, Thomas Knight II, che aveva adottato Edward), che nel 1820 aveva sposato Sir Edward Knatchbull, vedovo con sei figli. Il manoscritto era stato ereditato da Fanny Knatchbull dopo la morte di Cassandra Austen nel 1845. Passò poi al figlio di quest'ultima, Lord Brabourne, e, dopo diverse vendite all'asta, fu acquistato nel 1933 dalla Morgan Library di New York, dove si trova tuttora. La prima edizione critica dal manoscritto è del 1925, a cura di R. W. Chapman.

(2) Secondo l'ultima ricostruzione cronologica di tutte le opere di JA (Kathryn Sutherland, "Chronology of composition and publication" in Jane Austen in Context, a cura di Janet Todd, Cambridge University Press, 2005, pagg. 20-22), Lady Susan fu scritto negli anni 1794/95, con una probabile revisione nel 1805.

     |     i memoir familiari     |     home page     |