Jane Austen

To Miss Fanny Catherine Austen
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     personaggi     |     indice juvenilia     |     home page     |     

To Miss Fanny Catherine Austen

My Dear Neice

As I am prevented by the great distance between Rowling and Steventon from superintending Your Education Myself, the care of which will probably on that account devolve on your Father and Mother, I think it is my particular Duty to prevent your feeling as much as possible the want of my personal instructions, by addressing to You on paper my Opinions & Admonitions on the conduct of Young Women, which you will find expressed in the following pages. I am my dear Neice

  Your affectionate Aunt
         The Author.

A Miss Fanny Catherine Austen (1)

Mia Cara Nipote

Visto che la grande distanza tra Rowling e Steventon (2) impedisce che sia Io a sovrintendere alla Tua Educazione, che per questo motivo sarà probabilmente affidata a tuo Padre e a tua Madre, credo che sia mio precipuo Dovere evitare per quanto possibile che tu avverta la mancanza dell'istruzione impartita personalmente da me, dandoti per iscritto le mie Opinioni e le mie Esortazioni sulla condotta delle Fanciulle, che troverai espresse nelle pagine che seguono. Sono mia cara Nipote

  La tua affezionata Zia
         L'Autrice.



(1) Frances (Fanny) Austen, figlia di Edward, fratello di JA, era nata il 23 gennaio 1793 e i pezzi che seguono furono probabilmente scritti poco dopo.

(2) Edward Austen abitava a Rowling, nel Kent (poi si trasferirà a Godmersham Park, sempre nel Kent) e la distanza con Steventon era effettivamente considerevole per l'epoca: circa cento miglia, corrispondenti a due giorni di viaggio.

The female philosopher -
a Letter.


My dear Louisa

Your friend Mr Millar called upon us yesterday in his way to Bath, whither he is going for his health; two of his daughters were with him, but the oldest and the three Boys are with their Mother in Sussex. Though you have often told me that Miss Millar was remarkably handsome, You never mentioned anything of her Sisters' beauty; yet they are certainly extremely pretty. I'll give you their description. - Julia is eighteen; with a countenance in which Modesty, Sense, and Dignity are happily blended, she has a form which at once presents you with Grace, Elegance, and Symmetry. Charlotte who is just Sixteen is shorter than her Sister, and though her figure cannot boast the easy dignity of Julia's, yet it has a pleasing plumpness which is in a different way as estimable. She is fair and her face is expressive sometimes of softness the most bewitching, and at others of Vivacity the most striking. She appears to have infinite Wit and a good humour unalterable; her conversation during the half hour they set with us, was replete with humorous Sallies, Bonmots and reparteés; while the sensible, the amiable Julia uttered Sentiments of Morality worthy of a heart like her own.

Mr Millar appeared to answer the character I had always received of him. My Father met him with that look of Love, that social Shake, and Cordial Kiss which marked his gladness at beholding an old and valued friend from whom thro' various circumstances he had been separated nearly twenty Years. Mr Millar observed (and very justly too) that many events had befallen each during that interval of time, which gave occasion to the lovely Julia for making most sensible reflections on the many changes in their situation which so long a period had occasioned, on the advantages of some, and the disadvantages of others. From this subject she made a short digression to the instability of human pleasures and the uncertainty of their duration, which led her to observe that all earthly Joys must be imperfect. She was proceeding to illustrate this doctrine by examples from the Lives of great Men when the Carriage came to the Door and the amiable Moralist with her Father and Sister was obliged to depart, but not without a promise of spending five or six months with us on their return. We of course mentioned You, and I assure you that ample Justice was done to your Merits by all. "Louisa Clarke (said I) is in general a very pleasant Girl, yet sometimes her good humour is clouded by Peevishness, Envy, and Spite. She neither wants Understanding nor is without some pretensions to Beauty, but these are so very trifling, that the value she sets on her personal charms, and the adoration she expects them to be offered, are at once a striking example of her vanity, her pride, and her folly." So said I, and to my opinion every one added weight by the concurrence of their own.

your affecte. Arabella Smythe     

La filosofa -
Lettera.


Mia cara Louisa

Ieri il vostro amico Mr Millar è passato da noi mentre era diretto a Bath, dove va per ragioni di salute; due delle sue figlie erano con lui, mentre la maggiore e i tre Ragazzi sono con la Madre nel Sussex. Benché mi abbiate spesso detto di come Miss Millar sia estremamente attraente, non avete mai accennato alla bellezza delle sue Sorelle; eppure esse sono notevolmente graziose. Ve le descriverò. - Julia ha diciotto anni; insieme a un'espressione in cui Modestia, Buonsenso, e Dignità sono felicemente fuse, ha un aspetto che rivela subito Grazia, Eleganza, e Armonia. Charlotte che ha appena Sedici anni è più bassa della Sorella, e benché la sua figura non possa vantare la spontanea dignità di Julia, possiede tuttavia una piacevole rotondità che pur in modo diverso è altrettanto apprezzabile. È bionda e il suo viso esprime in alcuni casi un'estrema e affascinante dolcezza, e in altri colpisce per la straordinaria Vivacità. Sembra dotata di un'Arguzia infinita e di un inalterabile buon umore; la sua conversazione durante la mezz'ora che sono state con noi, è stata colma di divertenti Freddure, Battute e risposte argute; mentre la sensibile, l'amabile Julia esprimeva Sentimenti Morali degni di un cuore come il suo.

Mr Millar mi è sembrato conforme al carattere di cui avevo sempre sentito parlare. Mio Padre l'ha accolto con quell'espressione di Affetto, quell'amichevole Stretta di mano, e quel Bacio Cordiale che testimoniavano la sua gioia nel rivedere un vecchio e stimato amico dal quale per svariate circostanze era stato separato per quasi venti Anni. Mr Millar ha osservato (e molto giustamente anche) che in quell'intervallo di tempo dovevano essere accadute molte cose, il che ha dato modo alla leggiadra Julia di fare riflessioni piene di buonsenso sui molti cambiamenti della loro situazione avvenuti in un periodo così lungo, sui vantaggi di alcuni, e sugli svantaggi di altri. Partendo da questo argomento ha fatto una breve digressione sull'instabilità dei piaceri umani e sull'incertezza circa la loro durata, cosa che l'ha condotta a osservare come tutte le Gioie terrene siano imperfette. Stava proseguendo a illustrare questa teoria attraverso degli esempi tratti dalle Vite di grandi Uomini quando è arrivata la Carrozza e l'amabile Moralista con il Padre e la Sorella è stata obbligata a partire, ma non senza la promessa di passare cinque o sei mesi da noi al ritorno. Naturalmente abbiamo parlato di Voi, e vi assicuro che ai vostri Meriti è stata resa ampia Giustizia da parte di tutti. "Louisa Clarke (ho detto) è nel complesso una Ragazza molto piacevole, ma talvolta il suo buon umore è oscurato da Malignità, Invidia, e Rancore. Non manca d'Intelligenza né è priva di qualche pretesa di Bellezza, ma in misura talmente irrilevante, che il valore da lei attribuito al fascino della sua persona, e l'adorazione che si aspetta le sia tributata, sono un esempio lampante della sua vanità, del suo orgoglio, e della sua stupidità." Questo è quanto ho detto, e la mia opinione è stata avvalorata da quelle aggiunte da tutti gli altri.

con affetto, la vostra Arabella Smythe     

The first Act of a Comedy -


   Characters
Popgun
Charles
Postillon
Chorus of ploughboys
and
Strephon

Maria
Pistoletta
Hostess
Cook
and
Chloe




Scene - an Inn -
Enter Hostess, Charles, Maria, and Cook.

Hostss. to Maria) If the gentry in the Lion should want beds, shew them number 9. -

Maria) Yes Mistress.

exit Maria -     

Hostess to Cook) If their Honours in the Moon ask for the bill of fare, give it them.

Cook) - I wull, I wull.

exit Cook -     

Hostss. to Charles) If their Ladyships in the Sun ring their Bell - answer it.

Charles) Yes Ma'am. -

Exeunt Severally.     

Scene changes to the Moon, and discovers
Popgun and Pistoletta.

Pistoltta.) Pray papa how far is it to London?

Popgun) My Girl, my Darling, my favourite of all my Children, who art the picture of thy poor Mother who died two months ago, with whom I am going to Town to marry to Strephon, and to whom I mean to bequeath my whole Estate, it wants seven Miles.

Scene changes to the Sun -
Enter Chloe and a chorus of ploughboys.

Chloe) Where am I? At Hounslow. - Where go I? To London - What to do? To be married -. Unto whom? Unto Strephon. Who is he? A Youth. Then I will sing a Song.

Song

I go to Town

And when I come down,

I shall be married to Stree-phon

And that to me will be fun.

Chorus) Be fun, be fun, be fun,
And that to me will be fun,

Enter Cook

Cook) Here is the bill of fare.

Chloe reads) 2 Ducks, a leg of beef, a stinking partridge, and a tart. - I will have the leg of beef and the partridge.

exit Cook.     

And now I will sing another Song.

Song -

I am going to have my dinner,

After which I shan't be thinner,

I wish I had here Strephon

For he would carve the partridge if it

   should be a tough one

Chorus)

Tough one, tough one, tough one,

For he would carve the partridge if it

   should be a tough one.

Exit Chloe and Chorus -.

Scene changes to the inside of the Lion.

Enter Strephon and Postilion

Streph.) You drove me from Staines to this place, from whence I mean to go to Town to marry Chloe. How much is your due?

Post.) Eighteen pence.

Streph.) Alas, my freind, I have but a bad guinea with which I mean to support myself in Town. But I will pawn to you an undirected Letter that I received from Chloe.

Post.) Sir, I accept your offer.

End of the first Act. -

Primo Atto di una Commedia -


   Personaggi
Popgun
Charles
Postiglione
Coro di contadinelli
e
Strephon

Maria
Pistoletta
Locandiera
Cuoca
e
Chloe




Scena - una Locanda -
Entrano la Locandiera, Charles, Maria, e la Cuoca.

Locandiera a Maria) - Se i signori del Leone volessero dei letti, mostra loro la numero 9. -

Maria) Si Padrona.

Maria esce -     

Locandiera alla Cuoca) Se le onorevoli Persone della Luna chiedono il menu, daglielo.

Cuoca) - Va bene, va bene.

la Cuoca esce -     

Locandiera a Charles) Se le Dame del Sole suonano il Campanello - rispondi.

Charles) Sì Signora. -

Escono Separatamente.     

La scena si sposta alla Luna, e rivela
Popgun e Pistoletta.

Pistoletta) Scusate papà quanto è lontana Londra?

Popgun) Ragazza mia, mia Cara, mia prediletta fra tutti i miei Figli, che sei il ritratto della tua povera Madre morta due mesi fa, tu con cui sto andando a Londra per farti sposare Strephon, e alla quale intendo lasciare tutti i miei Averi, mancano sette Miglia.

La scena si sposta al Sole -
Entrano Chloe e un coro di contadinelli.

Chloe) Dove sono? A Hounslow. - Dove vado? A Londra - A fare cosa? A sposarmi -. Con chi? Con Strephon. Chi è? Un Giovane. Allora canterò una Canzone.

Canzone

Vado in Città

E quando sarò là,

Strephon sposerò

E che spasso mi godrò.

Coro) Godrò, godrò, godrò,
E che spasso mi godrò,

Entra la Cuoca

Cuoca) Ecco il menu.

Chloe legge) 2 Anatre, un cosciotto di manzo, una pernice puzzolente, e una torta. - Prenderò il cosciotto di manzo e la pernice.

la Cuoca esce.     

E ora canterò un'altra Canzone.

Song -

Un pranzo sto per consumare,

Che magra non mi farà restare,

Vorrei che Strephon fosse qui

Perché mi trincerebbe la pernice se

   dovesse essere un po' dura

Coro)

Un po' dura, un po' dura, un po' dura,

Perché mi trincerebbe la pernice se

   dovesse essere un po' dura.

Chloe e il Coro escono -.

La scena si sposta all'interno del Leone.

Entrano Strephon e il Postiglione

Strephon) Mi avete portato da Staines a qui, da dove intendo recarmi a Londra per sposare Chloe. Quanto vi devo?

Postiglione) Diciotto pence.

Strephon) Ahimè, amico mio, ho solo una ghinea falsa che intendo usare per mantenermi a Londra. Ma vi darò in pegno una Lettera senza indirizzo che ho ricevuto da Chloe.

Postiglione) Accetto la vostra offerta, Signore.

Fine del primo Atto. -

A Letter from a Young Lady, whose feelings being too Strong for her Judgement led her into the commission of Errors which her Heart disapproved. -


Many have been the cares and vicissitudes of my past life, my beloved Ellinor, and the only consolation I feel for their bitterness is that on a close examination of my conduct, I am convinced that I have strictly deserved them. I murdered my father at a very early period of my Life, I have since murdered my Mother, and I am now going to murder my Sister. I have changed my religion so often that at present I have not an idea of any left. I have been a perjured witness in every public tryal for these past twelve Years; and I have forged my own Will. In short there is scarcely a crime that I have not committed. - But I am now going to reform. Colonel Martin of the Horseguards has paid his Addresses to me, and we are to be married in a few days. As there is something Singular in our Courtship, I will give you an account of it. Col. Martin is the second Son of the late Sir John Martin, who died immensely rich, but bequeathing only one hundred thousand pound apeice to his three younger Children, left the bulk of his fortune, about eight Million, to the present Sir Thomas. Upon his Small pittance the Colonel lived tolerably contented for nearly four months, when he took it into his head to determine on getting the whole of his eldest Brother's Estate. A new will was forged and the Colonel produced it in Court - but nobody would swear to it's being the right Will except himself, and he had sworn so much that Nobody beleived him. At that moment I happened to be passing by the door of the Court, and was beckoned in by the Judge who told the Colonel that I was a Lady ready to witness anything for the cause of Justice, and advised him to apply to me. In short the Affair was soon adjusted. The Colonel and I swore to its' being the right will, and Sir Thomas has been obliged to resign all his illgotten Wealth. The Colonel in gratitude waited on me the next day with an offer of his hand. - I am now going to murder my Sister.

Yours Ever,               

Anna Parker     

Lettera di una Signorina, i cui sentimenti troppo Violenti per la sua capacità di Giudizio l'hanno condotta a commettere Errori che il suo Cuore ha disapprovato. -


Molte sono state le preoccupazioni e le vicissitudini della mia vita passata, mia amata Ellinor, e la sola consolazione che provo per le pene che mi hanno procurato è che dopo un approfondito esame della mia condotta, mi sono convinta di averle pienamente meritate. Ho assassinato mio padre a un'età molto precoce, in seguito ho assassinato mia Madre, e ora mi accingo ad assassinare mia Sorella. Ho cambiato religione così tante volte che al momento non ho idea se ne sia rimasta qualcuna. Ho testimoniato il falso in tutti i pubblici processi degli ultimi dodici Anni; e ho falsificato il mio stesso Testamento. In breve non esiste praticamente crimine che io non abbia commesso. - Ma ora mi sto avviando verso la redenzione. Il Colonnello Martin della Guardie a cavallo mi ha rivolto le sue Attenzioni, e ci sposeremo tra pochi giorni. Visto che la nostra storia d'amore è piuttosto singolare, te la racconterò. Il Col. Martin è il secondo Figlio del fu Sir John Martin, che è morto immensamente ricco, ma ha lasciato solo centomila sterline a testa ai suoi tre Figli minori, assegnando il grosso della sua fortuna, circa otto Milioni, all'attuale Sir Thomas. Di questa Esigua elemosina il Colonnello è vissuto passabilmente soddisfatto per quasi quattro mesi, passati i quali ha concepito il fermo proposito di assicurarsi l'intero Patrimonio del Fratello maggiore. È stato fatto un nuovo testamento falso e il Colonnello lo ha prodotto in Tribunale - ma nessuno era disposto a giurare che fosse il vero Testamento salvo lui stesso, e aveva giurato così tante volte che Nessuno gli credeva più. In quel momento mi capitò di passare per caso davanti al Tribunale, e fui chiamata con un cenno dal Giudice che spiegò al Colonnello come io fossi una Signora pronta a testimoniare qualsiasi cosa per la causa della Giustizia, e lo consigliò di rivolgersi a me. In breve la Faccenda è stata subito sistemata. Il Colonnello e io abbiamo giurato che si trattava del vero testamento, e Sir Thomas è stato obbligato a rinunciare alle Ricchezze male acquisite. Il giorno dopo il Colonnello riconoscente è venuto da me e mi ha offerto la sua mano. - Ora vado ad assassinare mia Sorella.

Sempre Tua,               

Anna Parker     

A Tour through Wales -
in a Letter from a young Lady -


My dear Clara

I have been so long on the ramble that I have not till now had it in my power to thank you for your Letter -. We left our dear home on last Monday Month; and proceeded on our tour through Wales, which is a principality contiguous to England and gives the title to the Prince of Wales. We travelled on horseback by preference. My Mother rode upon our little pony and Fanny and I walked by her side or rather ran, for my Mother is so fond of riding fast that She galloped all the way. You may be sure that we were in a fine perspiration when we came to our place of resting. Fanny has taken a great Many Drawings of the Country, which are very beautiful, tho' perhaps not such exact resemblances as might be wished, from their being taken as she ran along. It would astonish you to see all the Shoes we wore out in our Tour. We determined to take a good Stock with us and therefore each took a pair of our own besides those we set off in. However we were obliged to have them both capped and heelpeiced at Carmarthen, and at last when they were quite gone, Mama was so kind as to lend us a pair of blue Sattin Slippers, of which we each took one and hopped home from Hereford delightfully -

I am your ever affectionate     

Elizabeth Johnson.     

Una Gita nel Galles -
in una Lettera da una Signorina -


Mia cara Clara

Sono stata così tanto in giro che finora non ho avuto modo di ringraziarti per la tua Lettera -. Abbiamo lasciato la nostra amata casa l'ultimo lunedì del Mese scorso; e abbiamo cominciato il nostro giro attraverso il Galles, che è un principato contiguo all'Inghilterra e dà il titolo al Principe di Galles. Abbiamo preferito viaggiare a cavallo. Mia Madre ha montato il nostro piccolo pony e Fanny e io le camminavamo accanto o piuttosto correvamo, perché mia Madre ama così tanto cavalcare veloce che ha galoppato per tutto il tragitto. Puoi star certa che quando siamo arrivate dove dovevamo fermarci a riposare eravamo elegantemente sudate. Fanny ha fatto una gran Quantità di Disegni del Paesaggio, che sono molto belli, benché forse non così esattamente fedeli come si potrebbe desiderare, visto che sono stati fatti mentre correva. Rimarresti stupita nel vedere tutte le Scarpe che abbiamo consumato nel corso del Giro. Avevamo deciso di portarcene una bella Scorta e perciò ognuna di noi ne aveva portato un paio oltre a quelle che ci eravamo messe per partire. Tuttavia siamo state costrette a rifare tacco e punta a entrambe a Carmarthen, e alla fine quando erano ormai da buttare, Mamma è stata così gentile da prestarci un paio di Pantofole di Raso azzurro, che abbiamo messo una per ciascuna saltellando piacevolmente da Hereford a casa -

Sono la tua sempre affezionata     

Elizabeth Johnson.     

A Tale.


A Gentleman whose family name I shall conceal, bought a small Cottage in Pembrokeshire about two Years ago. This daring Action was suggested to him by his elder Brother who promised to furnish two rooms and a Closet for him, provided he would take a small house near the borders of an extensive Forest and about three Miles from the Sea. Wilhelminus gladly accepted the Offer and Continued for some time searching after such a retreat when he was one morning agreably releived from his Suspence by reading this advertisement in a Newspaper.

To be Lett

A Neat Cottage on the borders of an extensive forest and about three Miles from the Sea. It is ready furnished except two rooms and a Closet.

The delighted Wilhelminus posted away immediately to his brother, and shewed him the advertisement. Robertus congratulated him and sent him in his Carriage to take possession of the Cottage. After travelling for three days and Six Nights without Stopping, they arrived at the Forest and following a track which led by it's side down a steep Hill over which ten Rivulets meandered, they reached the Cottage in half an hour. Wilhelminus alighted, and after knocking for some time without receiving any answer or hearing anyone stir within, he opened the door which was fastened only by a wooden latch and entered a small room, which he immediately perceived to be one of the two that were unfurnished - From thence he proceeded into a Closet equally bare. A pair of Stairs that went out of it led him into a room above, no less destitute, and these apartments he found composed the whole of the House. He was by no means displeased with this discovery, as he had the comfort of reflecting that he should not be obliged to lay out anything on furniture himself -. He returned immediately to his Brother, who took him the next day to every Shop in Town, and bought what ever was requisite to furnish the two rooms and the Closet. In a few days everything was completed, and Wilhelminus returned to take possession of his Cottage. Robertus accompanied him, with his Lady the amiable Cecilia and her two lovely Sisters Arabella and Marina to whom Wilhelminus was tenderly attached, and a large number of Attendants. - An ordinary Genius might probably have been embarrassed, in endeavouring to accomodate so large a party, but Wilhelminus with admirable presence of Mind gave orders for the immediate erection of two noble Tents in an open Spot in the Forest adjoining to the house. Their Construction was both simple and elegant - A Couple of old blankets, each supported by four Sticks, gave a striking proof of that Taste for Architecture and that happy ease in overcoming difficulties which were some of Wilhelminus's most striking Virtues.

F I N I S

End of the Second Volume.

Racconto.


Un Gentiluomo di cui tacerò il cognome, comprò circa due Anni fa un piccolo Cottage nel Pembrokshire. Questo Gesto audace gli era stato suggerito dal Fratello maggiore che aveva promesso di arredargli due stanze e una Cameretta, a condizione che avesse preso una casa piccola vicino ai bordi di una estesa Foresta e a circa tre Miglia dal Mare. Wilhelminus accettò di buon grado l'Offerta e Continuò per un po' a cercare un ritiro di tal fatta quando un mattino fu piacevolmente liberato da quell'Incertezza leggendo su un Giornale questo annuncio.

Affittasi

Un Bel Cottage ai bordi di una estesa foresta e a circa tre Miglia dal Mare. Completamente arredato salvo due stanze e una Cameretta.

Wilhelminus ne fu beato e corse immediatamente dal fratello, per mostrargli l'annuncio. Robertus si congratulò con lui e lo mandò con la sua Carrozza a prendere possesso del Cottage. Dopo un viaggio di tre giorni e Sei Notti senza Soste, arrivarono nella Foresta e seguendo un sentiero che da un lato scendeva per una ripida Collina dove serpeggiavano decine di Ruscelletti, raggiunsero il Cottage in mezzora. Wilhelminus scese, e dopo aver bussato per un po' senza ricevere risposta o sentire qualche movimento in casa, aprì la porta che era chiusa solo con un saliscendi di legno ed entrò in una piccola stanza, che immediatamente intuì essere una di quelle non ammobiliate - Da lì proseguì in una Cameretta ugualmente spoglia. Due rampe di Scale lo condussero in una stanza al piano superiore, non meno disadorna, e scoprì che quei locali costituivano l'intera Casa. Non fu minimamente dispiaciuto da questa scoperta, data la consolante riflessione che non sarebbe stato costretto a fare nulla a spese sue per il mobilio -. Tornò immediatamente dal Fratello, che lo condusse in tutti i Negozi della Città, e comprò qualunque cosa fosse necessaria per arredare le due stanze e la Cameretta. In pochi giorni fu tutto sistemato, e Wilhelminus tornò per prendere possesso del Cottage. Robertus lo accompagnò, con la Moglie l'amabile Cecilia e le due incantevoli Sorelle di lei Arabella e Marina da cui Wilhelminus era teneramente attratto, e un gran numero di Servitori. - Un Ingegno normale si sarebbe probabilmente trovato in imbarazzo, nel dover disporre l'alloggio per una compagnia così numerosa, ma Wilhelminus con ammirabile presenza di Spirito diede immediatamente l'ordine di erigere due grandi Tende in uno Spazio aperto della Foresta contiguo alla casa. La Struttura era a un tempo semplice ed elegante - Un Paio di vecchie coperte, ognuna sorretta da quattro Bastoni, che davano una prova lampante di quel Gusto per l'Architettura e di quella felice disinvoltura nel superare le difficoltà che erano alcune delle più impressionanti Virtù di Wilhelminus.

F I N I S

Fine del Secondo Volume.

     |     personaggi     |     indice juvenilia     |     home page     |