Jane Austen
Emma
Volume I - capitolo 14 (14)
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     romanzi canonici     |     home page     |     

Emma


Volume I - Chapter 14 (14)


Some change of countenance was necessary for each gentleman as they walked into Mrs. Weston's drawing-room; - Mr. Elton must compose his joyous looks, and Mr. John Knightley disperse his ill-humour. Mr. Elton must smile less, and Mr. John Knightley more, to fit them for the place. - Emma only might be as nature prompted, and shew herself just as happy as she was. To her, it was real enjoyment to be with the Westons. Mr. Weston was a great favourite, and there was not a creature in the world to whom she spoke with such unreserve, as to his wife; not any one, to whom she related with such conviction of being listened to and understood, of being always interesting and always intelligible, the little affairs, arrangements, perplexities and pleasures of her father and herself. She could tell nothing of Hartfield, in which Mrs. Weston had not a lively concern; and half an hour's uninterrupted communication of all those little matters on which the daily happiness of private life depends, was one of the first gratifications of each.

This was a pleasure which perhaps the whole day's visit might not afford, which certainly did not belong to the present half hour; but the very sight of Mrs. Weston, her smile, her touch, her voice was grateful to Emma, and she determined to think as little as possible of Mr. Elton's oddities, or of any thing else unpleasant, and enjoy all that was enjoyable to the utmost.

The misfortune of Harriet's cold had been pretty well gone through before her arrival. Mr. Woodhouse had been safely seated long enough to give the history of it, besides all the history of his own and Isabella's coming, and of Emma's being to follow, and had indeed just got to the end of his satisfaction that James should come and see his daughter, when the others appeared, and Mrs. Weston, who had been almost wholly engrossed by her attentions to him, was able to turn away and welcome her dear Emma.

Emma's project of forgetting Mr. Elton for a while, made her rather sorry to find, when they had all taken their places, that he was close to her. The difficulty was great of driving his strange insensibility towards Harriet, from her mind, while he not only sat at her elbow, but was continually obtruding his happy countenance on her notice, and solicitously addressing her upon every occasion. Instead of forgetting him, his behaviour was such that she could not avoid the internal suggestion of "Can it really be as my brother imagined? can it be possible for this man to be beginning to transfer his affections from Harriet to me? - Absurd and insufferable!" - Yet he would be so anxious for her being perfectly warm, would be so interested about her father, and so delighted with Mrs. Weston; and at last would begin admiring her drawings with so much zeal and so little knowledge as seemed terribly like a would-be lover, and made it some effort with her to preserve her good manners. For her own sake she could not be rude; and for Harriet's, in the hope that all would yet turn out right, she was even positively civil; but it was an effort; especially as something was going on amongst the others, in the most overpowering period of Mr. Elton's nonsense, which she particularly wished to listen to. She heard enough to know that Mr. Weston was giving some information about his son; she heard the words "my son," and "Frank," and "my son," repeated several times over; and from a few other half-syllables very much suspected that he was announcing an early visit from his son; but before she could quiet Mr. Elton, the subject was so completely past that any reviving question from her would have been awkward.

Now, it so happened that in spite of Emma's resolution of never marrying, there was something in the name, in the idea of Mr. Frank Churchill, which always interested her. She had frequently thought - especially since his father's marriage with Miss Taylor - that if she were to marry, he was the very person to suit her in age, character and condition. He seemed by this connection between the families, quite to belong to her. She could not but suppose it to be a match that every body who knew them must think of. That Mr. and Mrs. Weston did think of it, she was very strongly persuaded; and though not meaning to be induced by him, or by any body else, to give up a situation which she believed more replete with good than any she could change it for, she had a great curiosity to see him, a decided intention of finding him pleasant, of being liked by him to a certain degree, and a sort of pleasure in the idea of their being coupled in their friends' imaginations.

With such sensations, Mr. Elton's civilities were dreadfully ill-timed; but she had the comfort of appearing very polite, while feeling very cross - and of thinking that the rest of the visit could not possibly pass without bringing forward the same information again, or the substance of it, from the open-hearted Mr. Weston. - So it proved; - for when happily released from Mr. Elton, and seated by Mr. Weston, at dinner, he made use of the very first interval in the cares of hospitality, the very first leisure from the saddle of mutton, to say to her,

"We want only two more to be just the right number. I should like to see two more here, - your pretty little friend, Miss Smith, and my son - and then I should say we were quite complete. I believe you did not hear me telling the others in the drawing-room that we are expecting Frank? I had a letter from him this morning, and he will be with us within a fortnight."

Emma spoke with a very proper degree of pleasure; and fully assented to his proposition of Mr. Frank Churchill and Miss Smith making their party quite complete.

"He has been wanting to come to us," continued Mr. Weston, "ever since September: every letter has been full of it; but he cannot command his own time. He has those to please who must be pleased, and who (between ourselves) are sometimes to be pleased only by a good many sacrifices. But now I have no doubt of seeing him here about the second week in January."

"What a very great pleasure it will be to you! and Mrs. Weston is so anxious to be acquainted with him, that she must be almost as happy as yourself."

"Yes, she would be, but that she thinks there will be another put-off. She does not depend upon his coming so much as I do: but she does not know the parties so well as I do. The case, you see, is - (but this is quite between ourselves: I did not mention a syllable of it in the other room. There are secrets in all families, you know) - The case is, that a party of friends are invited to pay a visit at Enscombe in January; and that Frank's coming depends upon their being put off. If they are not put off, he cannot stir. But I know they will, because it is a family that a certain lady, of some consequence, at Enscombe, has a particular dislike to: and though it is thought necessary to invite them once in two or three years, they always are put off when it comes to the point. I have not the smallest doubt of the issue. I am as confident of seeing Frank here before the middle of January, as I am of being here myself: but your good friend there (nodding towards the upper end of the table) has so few vagaries herself, and has been so little used to them at Hartfield, that she cannot calculate on their effects, as I have been long in the practice of doing."

"I am sorry there should be any thing like doubt in the case," replied Emma; "but am disposed to side with you, Mr. Weston. If you think he will come, I shall think so too; for you know Enscombe."

"Yes - I have some right to that knowledge; though I have never been at the place in my life. - She is an odd woman! - But I never allow myself to speak ill of her, on Frank's account; for I do believe her to be very fond of him. I used to think she was not capable of being fond of any body, except herself: but she has always been kind to him (in her way - allowing for little whims and caprices, and expecting every thing to be as she likes). And it is no small credit, in my opinion, to him, that he should excite such an affection; for, though I would not say it to any body else, she has no more heart than a stone to people in general; and the devil of a temper."

Emma liked the subject so well, that she began upon it, to Mrs. Weston, very soon after their moving into the drawing-room: wishing her joy - yet observing, that she knew the first meeting must be rather alarming. - Mrs. Weston agreed to it; but added, that she should be very glad to be secure of undergoing the anxiety of a first meeting at the time talked of: "for I cannot depend upon his coming. I cannot be so sanguine as Mr. Weston. I am very much afraid that it will all end in nothing. Mr. Weston, I dare say, has been telling you exactly how the matter stands."

"Yes - it seems to depend upon nothing but the ill-humour of Mrs. Churchill, which I imagine to be the most certain thing in the world."

"My Emma!" replied Mrs. Weston, smiling, "what is the certainty of caprice?" Then turning to Isabella, who had not been attending before - "You must know, my dear Mrs. Knightley, that we are by no means so sure of seeing Mr. Frank Churchill, in my opinion, as his father thinks. It depends entirely upon his aunt's spirits and pleasure; in short, upon her temper. To you - to my two daughters, I may venture on the truth. Mrs. Churchill rules at Enscombe, and is a very odd-tempered woman; and his coming now, depends upon her being willing to spare him."

"Oh, Mrs. Churchill; every body knows Mrs. Churchill," replied Isabella: "and I am sure I never think of that poor young man without the greatest compassion. To be constantly living with an ill-tempered person, must be dreadful. It is what we happily have never known any thing of; but it must be a life of misery. What a blessing, that she never had any children! Poor little creatures, how unhappy she would have made them!"

Emma wished she had been alone with Mrs. Weston. She should then have heard more: Mrs. Weston would speak to her, with a degree of unreserve which she would not hazard with Isabella; and, she really believed, would scarcely try to conceal any thing relative to the Churchills from her, excepting those views on the young man, of which her own imagination had already given her such instinctive knowledge. But at present there was nothing more to be said. Mr. Woodhouse very soon followed them into the drawing-room. To be sitting long after dinner, was a confinement that he could not endure. Neither wine nor conversation was any thing to him; and gladly did he move to those with whom he was always comfortable.

While he talked to Isabella, however, Emma found an opportunity of saying,

"And so you do not consider this visit from your son as by any means certain. I am sorry for it. The introduction must be unpleasant, whenever it takes place; and the sooner it could be over, the better."

"Yes; and every delay makes one more apprehensive of other delays. Even if this family, the Braithwaites, are put off, I am still afraid that some excuse may be found for disappointing us. I cannot bear to imagine any reluctance on his side; but I am sure there is a great wish on the Churchills' to keep him to themselves. There is jealousy. They are jealous even of his regard for his father. In short, I can feel no dependence on his coming, and I wish Mr. Weston were less sanguine."

"He ought to come," said Emma. "If he could stay only a couple of days, he ought to come; and one can hardly conceive a young man's not having it in his power to do as much as that. A young woman, if she fall into bad hands, may be teazed, and kept at a distance from those she wants to be with; but one cannot comprehend a young man's being under such restraint, as not to be able to spend a week with his father, if he likes it."

"One ought to be at Enscombe, and know the ways of the family, before one decides upon what he can do," replied Mrs. Weston. "One ought to use the same caution, perhaps, in judging of the conduct of any one individual of any one family; but Enscombe, I believe, certainly must not be judged by general rules: she is so very unreasonable; and every thing gives way to her."

"But she is so fond of the nephew: he is so very great a favourite. Now, according to my idea of Mrs. Churchill, it would be most natural, that while she makes no sacrifice for the comfort of the husband, to whom she owes every thing, while she exercises incessant caprice towards him, she should frequently be governed by the nephew, to whom she owes nothing at all."

"My dearest Emma, do not pretend, with your sweet temper, to understand a bad one, or to lay down rules for it: you must let it go its own way. I have no doubt of his having, at times, considerable influence; but it may be perfectly impossible for him to know beforehand when it will be."

Emma listened, and then coolly said, "I shall not be satisfied, unless he comes."

"He may have a great deal of influence on some points," continued Mrs. Weston, "and on others, very little: and among those, on which she is beyond his reach, it is but too likely, may be this very circumstance of his coming away from them to visit us."

Emma


Volume I - capitolo 14 (14)


Un qualche mutamento di contegno fu necessario da parte di entrambi i gentiluomini, quando entrarono nel salotto di Mrs. Weston; Mr. Elton doveva ricomporre il suo aspetto gioioso, e Mr. John Knightley dissipare il suo malumore. Mr. Elton doveva sorridere di meno, e Mr. John Knightley di più, per adeguarsi all'ambiente. Solo Emma poteva essere naturale, e mostrarsi felice come in effetti era. Per lei, essere con i Weston era un vero piacere. Mr. Weston era un suo beniamino, e non c'era creatura al mondo alla quale potesse parlare tanto apertamente quanto alla moglie; nessuna, alla quale riferire, con la stessa certezza di essere ascoltata e capita, di essere sempre ritenuta interessante e comprensibile, le piccole faccende, decisioni, dubbi e piaceri del padre e di se stessa. Non poteva dire nulla di Hartfield, per cui Mrs. Weston non provasse un vivo interesse; e una mezzora di ininterrotte informazioni su tutte quelle piccole faccende dalle quali dipende la felicità quotidiana della vita privata, fu una delle principali gratificazioni di entrambe.

Era un piacere che forse nemmeno una visita di una giornata intera avrebbe potuto soddisfare, che sicuramente non si esauriva in quella mezzora; ma la sola vista di Mrs. Weston, il suo sorriso, il contatto con lei, la sua voce, era gradevole per Emma, che decise di pensare il meno possibile alle stranezze di Mr. Elton, o a qualunque altra cosa spiacevole, e di godere appieno tutto ciò che vi era da godere.

La sfortuna del raffreddore di Harriet era stata ampiamente trattata prima del suo arrivo. Mr. Woodhouse era comodamente seduto da tempo bastante per raccontarne le vicende, oltre a tutte le vicende sulla venuta sua e di Isabella e sul prossimo arrivo di Emma; ed era arrivato giusto alla fine della sua soddisfazione per la possibilità che aveva James di incontrare la figlia, quando apparvero gli altri, e Mrs. Weston, che era stata quasi interamente occupata a dargli retta, fu in grado di voltarsi per accogliere la sua cara Emma.

Il progetto di Emma di dimenticare per un po' Mr. Elton, fece sì che restasse piuttosto male nello scoprire, una volta che tutti ebbero preso posto, che le era seduto vicino. Le fu molto difficile togliersi dalla mente il pensiero della sua strana insensibilità nei confronti di Harriet, mentre lui non solo le stava gomito a gomito, ma le imponeva di continuo la sua espressione gioiosa, e le si rivolgeva premurosamente in ogni occasione. Invece di dimenticarlo, il suo comportamento era tale che lei non poté sfuggire alla suggestione interiore di chiedersi "Può davvero essere come ha immaginato mio cognato? può essere possibile che quest'uomo stia cominciando a trasferire il suo affetto da Harriet a me? Assurdo e intollerabile!" Eppure era così preoccupato che lei si sentisse perfettamente al caldo, era così interessato al padre, e così deliziato da Mrs. Weston; e alla fine cominciò ad ammirare i suoi disegni con un tale zelo e una tale mancanza di senso critico da somigliare terribilmente a un aspirante innamorato, e lei dovette fare qualche sforzo per mantenere le buone maniere. Per amor proprio non poteva mostrarsi villana, e per amore di Harriet, nella speranza che tutto potesse tornare a posto, fu comunque assolutamente cortese; ma fu una fatica, specialmente quando gli altri, nel pieno delle sciocchezze di Mr. Elton, discussero di qualcosa che avrebbe desiderato particolarmente ascoltare. Sentì abbastanza per capire che Mr. Weston stava fornendo delle informazioni circa il figlio; sentì le parole "mio figlio", "Frank" e "mio figlio" ripetersi più volte; e da qualche altra mezza parola sospettò fortemente che stesse annunciando una visita imminente del figlio; ma prima di riuscire a zittire Mr. Elton, l'argomento era ormai così completamente esaurito che qualsiasi domanda da parte sua per riproporlo sarebbe stata inopportuna.

In effetti, succedeva che, nonostante la decisione di Emma di non sposarsi mai, c'era qualcosa in quel nome, nell'idea di Mr. Frank Churchill, che l'attirava sempre. Aveva spesso pensato, specialmente dopo il matrimonio del padre con Miss Taylor, che se lei si fosse sposata, l'uomo adatto per età, carattere e condizione sarebbe stato proprio lui. Sembrava come se il legame tra le loro famiglie lo destinasse inevitabilmente a lei. Non poteva non supporre che fosse un matrimonio a cui sicuramente pensavano tutti quelli che li conoscevano. Che Mr. e Mrs. Weston ci pensassero ne era fortemente convinta; e sebbene non fosse disposta a essere indotta da lui, o da chiunque altro, a rinunciare a una situazione che riteneva più soddisfacente di qualsiasi altra le potesse essere offerta in cambio, aveva molta curiosità di conoscerlo, la ferma intenzione di trovarlo simpatico, di andargli a genio, almeno fino a un certo punto, e provava una sorta di piacere all'idea che la fantasia degli amici vedesse in loro una coppia.

Con sensazioni del genere, le cortesie di Mr. Elton erano terribilmente intempestive; ma ebbe la consolazione di sembrare molto educata, mentre si sentiva molto contrariata, e di ritenere impossibile che il resto della visita sarebbe trascorso senza che la schiettezza di Mr. Weston non reiterasse quelle informazioni, almeno nella sostanza. Così avvenne, poiché, una volta felicemente liberatasi di Mr. Elton, e sedutasi accanto a Mr. Weston per la cena, lui approfittò della prima pausa delle cerimonie dell'ospitalità, del primissimo momento concesso dalla lombata di montone, per dirle,

"Ne mancano solo due per essere del numero giusto. Vorrei vederne due di più, la vostra graziosa piccola amica, Miss Smith, e mio figlio, e allora potrei dire che saremmo proprio al completo. Credo che in salotto non mi abbiate sentito dire agli altri che stiamo aspettando Frank. Stamattina ho ricevuto una sua lettera, e sarà qui entro un paio di settimane."

Emma rispose con un grado di piacere molto appropriato, e si mostrò totalmente d'accordo con l'affermazione che Mr. Frank Churchill e Miss Smith avrebbero reso la compagnia davvero completa.

"È da settembre che aveva il desiderio di venire da noi", proseguì Mr. Weston; ogni lettera ne era piena; ma non è padrone del proprio tempo. Deve accontentare coloro che devono essere accontentati, e che (tra sé) talvolta possono essere accontentati solo con una buona dose di sacrificio. Ma ormai non ho alcun dubbio di vederlo qui all'incirca nella seconda settimana di gennaio."

"Che grandissimo piacere sarà per voi! e Mrs. Weston è così impaziente di conoscerlo, che dev'essere felice quasi quanto voi."

"Sì, lo è, ma pensa che ci sarà un altro rinvio. Non ha la mia stessa fiducia nel suo arrivo; ma non conosce le parti in causa bene come le conosco io. Il fatto, vedete, è... (ma questo rimanga tra noi; non ne ho fatto parola con nessuno dei presenti. Ci sono segreti in tutte le famiglie, lo sapete). Il fatto è, che degli amici sono stati invitati a fare visita a Enscombe a gennaio, e che l'arrivo di Frank dipende dalla disdetta di questo invito. Se non sarà disdetto, lui non potrà muoversi. Ma so che succederà, perché è una famiglia che una certa signora, di una certa importanza a Enscombe, ha particolarmente in antipatia, e anche se è ritenuto necessario invitarli una volta ogni due o tre anni, quando si arriva al punto l'invito è sempre disdetto. Non ho il minimo dubbio sulla faccenda. Ho fiducia di vedere Frank qui prima di metà gennaio, quanta ne ho di esserci io stesso; ma la vostra buona amica laggiù (accennando verso l'altro capotavola) ha così poche stravaganze lei stessa, e ne era così poco avvezza a Hartfield, che non è in grado di calcolarne gli effetti come la mia lunga pratica permette di fare a me."

"Mi dispiace che ci sia qualche ombra di dubbio in questo caso", rispose Emma; "ma sono propensa a parteggiare per voi, Mr. Weston. Se pensate che verrà, lo penserò anch'io, visto che voi conoscete Enscombe."

"Sì, ho qualche diritto per quella conoscenza, anche se non sono mai stato sul posto in vita mia. È una donna strana! Ma non mi permetto mai di parlarne male, per via di Frank; credo che sia molto affezionata a lui. Ero solito pensare che non fosse capace di affezionarsi a qualcuno se non a se stessa, ma con lui è stata sempre buona (a suo modo, concedendosi piccole manie e capricci, e aspettandosi che tutto fosse fatto come vuole lei). E secondo me non fa poco onore a Frank il fatto che riesca a suscitare un affetto del genere, poiché, anche se non lo direi a nessun altro, lei non ha più cuore di una pietra per la gente in generale, e ha un carattere infernale."

Emma gradiva talmente l'argomento, che ci tornò su con Mrs. Weston, subito dopo essersi spostate in salotto; si congratulò con lei, ma osservò che a suo avviso il primo incontro l'avrebbe sicuramente messa un po' a disagio. Mrs. Weston si mostrò d'accordo, ma aggiunse che sarebbe stata contentissima di dover subire le ansie di un primo incontro nel momento previsto, "poiché non ho fiducia nel suo arrivo. Non posso essere ottimista come Mr. Weston. Temo moltissimo che finirà tutto in nulla. Immagino che Mr. Weston ti abbia detto esattamente come stanno le cose."

"Sì, sembra che dipenda da null'altro che dal cattivo carattere di Mrs. Churchill, che immagino sia la cosa più certa che esista al mondo."

"Emma mia!", rispose Mrs. Weston, sorridendo, "quale certezza può esserci in un capriccio?" Poi, rivolgendosi a Isabella, che fino a quel momento non aveva prestato attenzione, "Dovete sapere, mia cara Mrs. Knightley, che secondo me non siamo affatto così certi di vedere Mr. Frank Churchill come ritiene il padre. Dipende interamente dall'umore e dal volere della zia; in breve, dal suo carattere. A voi, alle mie due figlie, posso azzardarmi a dire la verità. A Enscombe Mrs. Churchill detta legge, ed è una donna con un carattere strano; e la venuta del nipote dipende da quanto è disposta a privarsene."

"Oh, Mrs. Churchill; tutti conoscono Mrs. Churchill", rispose Isabella, "e di certo non ho mai pensato a quel povero giovanotto senza la massima compassione. Vivere costantemente con una persona di cattivo carattere dev'essere terribile. È quello che noi fortunatamente non abbiamo mai sperimentato, ma dev'essere una vita di sofferenze. Che benedizione, il fatto che lei non abbia mai avuto figli! Povere piccole creature, come le avrebbe rese infelici!"

Emma avrebbe voluto essere da sola con Mrs. Weston. Ne avrebbe saputo di più; Mrs. Weston le avrebbe parlato con una franchezza che non si sarebbe azzardata a usare con Isabella; e, ne era convinta, non avrebbe cercato di nasconderle nulla riguardo ai Churchill, salvo quei punti di vista sul giovanotto dei quali l'immaginazione le aveva già fornito un'istintiva consapevolezza. Ma al momento non c'era altro da dire. Mr. Woodhouse le raggiunse ben presto in salotto. Restare a lungo seduto dopo pranzo era una costrizione che non poteva sopportare. Il vino e la conversazione non significavano nulla per lui, e si unì con gioia alle persone con le quali si trovava sempre a proprio agio.

Mentre lui parlava con Isabella, tuttavia, Emma trovò modo di dire,

"E così non considerate affatto certa la visita di vostro figlio. Me ne dispiace. Essere presentata a lui sarà sempre spiacevole, in qualsiasi momento accadrà, e più presto si fa meglio è."

"Sì, e ogni ritardo porta a temere altri ritardi. Persino se l'invito a quella famiglia, i Braitwaite, sarà disdetto, avrò ancora paura che possa essere trovata qualche scusa per deluderci. Non posso immaginare nessuna riluttanza da parte di lui, ma sono sicura che da parte dei Churchill c'è un forte desiderio di tenerselo tutto per sé. C'è gelosia. Sono gelosi persino del suo rispetto per il padre. In breve, non posso sentirmi fiduciosa sul suo arrivo, e vorrei che Mr. Weston fosse meno ottimista."

"Dovrebbe venire", disse Emma. "Anche se dovesse restare per un paio di giorni, dovrebbe venire; e non può essere concepibile che un giovanotto non sia in grado di fare almeno questo. Una giovane donna, se capita in cattive mani, può essere tormentata, e tenuta alla larga da quelli che vorrebbe frequentare; ma non si capisce come un giovane uomo possa sottoporsi a tali restrizioni, tanto da non essere in grado di passare una settimana con il padre, se gli fa piacere."

"Dovremmo essere a Enscombe, e conoscere le abitudini della famiglia, prima di decidere quello che può fare", replicò Mrs. Weston. "Forse dovremmo usare la stessa cautela nel giudicare la condotta di qualsiasi individuo in qualsiasi famiglia; ma credo che Enscombe non possa sicuramente essere giudicata applicando regole generali; lei è talmente irragionevole; e tutto è messo da parte se c'è lei di mezzo."

"Ma è così affezionata al nipote; è davvero il suo beniamino. Quindi, secondo l'idea che mi sono fatta di Mrs. Churchill, sarebbe perfettamente naturale che mentre non fa nessun sacrificio per il benessere del marito, al quale deve tutto, mentre fa valere i suoi incessanti capricci verso di lui, sia spesso tenuta a freno dal nipote, al quale non deve nulla."

"Mia carissima Emma, non pretendere, con il tuo buon carattere, di capirne uno cattivo, o di stabilire delle regole che valgano per esso; devi lasciare che faccia a modo suo. Non ho alcun dubbio che lui abbia, talvolta, una considerevole influenza; ma può darsi che gli sia assolutamente impossibile sapere in anticipo quando l'avrà."

Emma ascoltò, e poi disse freddamente, "Non sarò soddisfatta, a meno che non venga."

"Potrebbe avere una grande influenza su certe cose", proseguì Mrs. Weston, "e su altre pochissima; e tra quelle che sono oltre le sue possibilità, è più che probabile ci sia proprio la circostanza di allontanarsi da loro per far visita a noi."

     |     romanzi canonici     |     home page     |