Jane Austen

Il processo a Mrs. Leigh-Perrot
traduzione di Giuseppe Ierolli

indici e testi vari     |     home page

Nell'agosto del 1799 Jane Leigh-Perrot, moglie di James Leigh-Perrot, fratello di Mrs. Austen, fu accusata di aver rubato una matassina di pizzo in un negozio di Bath, in cui si era recata il giorno prima per chiedere quali tipi di pizzo avessero. Le rigidissime norme dell'epoca prevedevano la pena di morte per un furto di quel tipo, anche se in pratica in questi casi si usava essere, per così dire, clementi, visto che la maggior parte delle volte la pena consisteva nella deportazione per quattordici anni a Botany Bay, in Australia.
Dopo alcuni mesi di detenzione nella prigione della contea a Ilchester, il processo fu celebrato nelle assise di Taunton il 29 marzo 1800, e Mrs. Leigh Perrot fu dichiarata innocente.
Deirdre Le Faye, nel suo Jane Austen: A Family Record, descrive così le persone che erano coinvolte nella gestione del negozio e i fatti accaduti: "Sebbene lei [Mrs. Leigh-Perrot] non ne fosse a conoscenza, il negozio era in difficoltà finanziarie. Smith e la moglie [i proprietari] si erano separati, lui si era reso irreperibile e aveva dichiarato bancarotta, e gli affari erano gestiti dalla cognata di Smith, Elizabeth Gregory, sotto il controllo di William Gye e Lacon Lamb, gli esecutori fallimentari per conto dei creditori. Gye aveva una tipografia nei Westgate Buildings, a Bath, e lui stesso godeva di una dubbia reputazione; a quanto sembra, lui e Miss Gregory, insieme all'amante di lei, Charles Filby, che era ufficialmente suo assistente nella gestione del negozio, decisero la sera del 7 agosto [il giorno in cui c'era stata la richiesta di informazioni in negozio] di ricattare Mrs. Leigh-Perrot quando sarebbe tornata a comprare il pizzo che aveva scelto. L'8 agosto, quindi, una volta comprato il pizzo nero scelto il giorno precedente, nel suo pacchetto venne messa anche una matassina di pizzo bianco; mentre lei e il marito passeggiavano davanti al negozio una mezzora dopo, Miss Gregory uscì, chiese a Mrs. Leigh-Perrot se fosse in suo possesso del pizzo bianco, le fece aprire il pacchetto ancora intonso e ne tolse la matassina di pizzo bianco, che riportò in negozio." (1)
Il seguito, con le testimonianze raccolte durante il processo, è descritto nel documento che segue, in pratica un resoconto del dibattimento conclusosi con l'assoluzione dell'imputata.
Non sappiamo come si svolse effettivamente la faccenda; probabilmente ci fu un tentativo di estorsione respinto da Mr. Leigh-Perrot, anche se non è da escludere un possibile caso di cleptomania. Quello che può essere interessante è avere una testimonianza diretta di una vicenda che al giorno d'oggi sarebbe considerata di lievissima entità, e che all'epoca fece rischiara una pena durissima alla zia acquisita di Jane Austen, che probabilmente si salvò perché ebbe la possibilità di ingaggiare buoni avvocati e di chiamare come testimoni della difesa diverse persone di rango sociale medio-alto.

(1) Deirdre Le Faye, Jane Austen: A Family Record, Cambridge University Press, 2004, p. 120.

The Trial of
Jane Leigh Perrot

Printed by Thomas Norris
Taunton, 1800


At the time this Trial was taken by the Editor, he had not the most distant idea of publishing its under its present form; but the many various and contradictory accounts contained in the public print respecting the transaction, the general curiosity which has been excited, and the repeated requests of his friends, who were desirous that a full and impartial account of it should be published; have induced him to commit his minutes to the press.

Unconnected, and unacquainted, with either the parties, he gives the Trial without comment or embellishment; and pledges himself that he has not intentionally either added to it, or omitted, any word which can materially affect its accuracy.

Taunton, 8th April, 1800.


CHARLES TUCKER, of Chard, Postmaster.

JOHN MITCHELL, of the same Place, Innholder.

JOHN WHITE, of the same Place, Schoolmaster.

JAMES HILL, of the same Place, Currier.

EDWARD MURLEY, of West-Chinnock, Linman.

HENRY BAKER, of West-Coker, Sailclothmaker.

JOSHUA CUFF, of Combe St. Nicholas, Soapboiler.

WILLIAM SHATTOCK, of Wellington, Baker.

WILLIAM SERCOMBE, of the same Place, Tallowchandler.

THOMAS GORE, of the same Place, Sergemaker.

JOHN NURTON, of the same Place, Sergemaker.

GEORGE HARDING, of Milverton, Miller.



   For the PRISONER


Mr. CHEESMAN, of Bath.

   For the PRISONER.
Mr. WATTS, of Bath.


Mrs. Jane Leigh Perrot being called up to the bar, the indictment was read, which was as follow, viz.

Somersetshire, to wit. The jurors of our Lord the King, upon their oath, present, that Jane Leigh Perrot, late of the parish of Saint Michael, in the city of Bath, in the county of Somerset, wife of James Leigh Perrot, of the same parish, esquire, on the eight day of August, in the thirty-ninth year of the reign of our Sovereign Lord George the Third, of Great Britain, France, and Ireland, King, Defender of the Faith, and so forth, with force and arms, at the parish of Saint James, in the said city, and in the county aforesaid, ten yards of white thread lace, and ten yards of other lace, of the value of twenty shillings, of the goods and chattels of Elizabeth Gregory, then and there being, feloniously did steal, take, and carry away, against the peace of our said Lord the King, his crown and dignity.

Secont count. Stating the lace to be the property of William Gye and Lacon Lamb.

Third count. Stating it to be the property of William Smith.

Fourth count. Stating it to be the property of Mary Smith.

The Prisoner having been arraigned and pleaded Not Guilty, the jury were then sworn, Mr. Burrogh opened the indictment, and Mr. Gibbs proceeded to address the jury to the following purport.

He began by stating the station in life of the Prisoner, and of the Prosecutor; that the Prisoner is wife of a man of considerable fortune at Bath, and that Miss Gregory keeps a haberdasher and milliner's shop, in Bath-street, in the city of Bath. In order to render what he was about to state intelligible, Mr. Gibbs said it was necessary to describe to the Court the situation of Miss Gregory's shop, which he did from a plan (an exact copy of which is here given) in the manner described in Miss Gregory's examination.

After stating the circumstances, which he observed would be proved on the part of the prosecution, Mr. Gibbs anticipated that the defence set up would in all probability be either that the witness, Filby, had by mistake inclosed the card of white lace, charged to have been stolen, in the same parcel with the black lace, purchased by the Prisoner, at the shop, or that it was a malicious prosecution, set on foot for the purpose of extorting money from the Prisoner's husband. If that be proved, (said Mr. Gibbs) there could not be a more infamous or wicked attempt. All the witnesses must, in that case, be perjured, and the crime would if possible be greater even than that wherewith the prisoner was charged. But that this could not have been the case, Mr. Gibbs inferred from the conduct of all the parties concerned in the prosecution, who did not lie by to make this charge privately, but, on the contrary; immediately after the transaction, went to the Town-Hall, to lay information before the magistrates; and that, although many days elapsed (from Thursday the 8th to Wednesday the 14th of August) before the deposition could be taken, from reason which would be assigned, yet they related all the circumstances to the town-clerk and deputy town-clerk, and to every person they met. It was then impossible to recall the report. If, therefore, the facts are proved, can it (said he) be believed that the charge is fabricated?

Elizabeth Gregory sworn, examined by Mr. Burrough, deposed that in August last she kept a haberdasher and milliner's shop in Bath-street, at Bath, that the business was carried on by her, that she had an apprentice named Sarah Raines, a shopwoman of the name of Leeson, and a shopman whose name was Charles Filby; that Filby had been with her about six months, at the yearly wages of 50l. The shop fronts Bath-street; as you enter it from Bath-street, there is a counter on the right hand; beyond the counter at a little distance from it is a desk; there is another counter on the left hand, upon the lower part of which are two upright bars of brass supporting a brass railing, on which veils and handkerchiefs are hung—it was made purposely. From the entrance of the shop to the brass rail is two yards and half—the rail is itself about two yards and half in lenght—at the bottom of this counter, on the left hand, is a door and some stairs, which lead down to the kitchen. (See the plan annexed.)

That on the 8th of August last, Ms. Leigh Perrot came to the shop between one and two o'clock, and asked Witness to let her look at the black lace which she had seen the day before—but previous to asking for that, she enquired if the lace expected from London was yet come; and being answered that it was not, she then desired to look at the other—Witness shewed it to her—it was in a box on the left hand counter, near the brass rail at the bottom of the shop—several veils and handkerchiefs were hung on the brass rail, the best part of which was covered with them, and they hung down so as to intercept the view of any perform behind them in the shop. Prisoner was standing without side the counter [B] and Witness inside [G]—there were several different parcels of black lace in the box—Prisoner fixed on part of it—Filby was then at the top part of the counter nearest the door [H] on the left hand side—he was measuring white lace when Prisoner came into the shop—we were taking stock—he was inside the counter—Witness then called Filby to her, and told him to measure the lace she had sold to Prisoner, which he did—in doing which he was at the bottom of the left hand counter withinside, and Prisoner outside—Witness then went down to the desk [D] leaving Filby measuring the black lace. Miss Gregory says she then called to Miss Raines, her apprentice, to clear away the black lace box which she had left at the bottom of the left hand counter—she did so, and Witness sat down at the desk till it was done—Witness says her face was towards the door and that she could see to the end of the counter—while Witness was so sitting there Filby came to her for change of a five pound note—Prisoner was to pay one pound nineteen shillings for the black lace—Witness heard her say to Filby, "Can you give me change for a five pound bank note?"—Witness gave him the change and he took it back to the Prisoner—as soon as Witness had given the change to Filby, she went down the stairs to dinner—when she went down she saw that the Prisoner was gone from the bottom of the left hand counter, but did not see where to—very little business is done at Bath at that time of the year—there were no goods on the counter on the right hand side the shop, nor any on the left hand counter, except the box of black lace, the box of white lace and the veils on the rail—when Witness went down to dinner as before stated, Miss Raines was at the desk—Witness came up again in about ten minutes (it appears that Filby had been down in the kitchen and told her what he had observed respecting the Prisoner) that in about a quarter of an hour after she came up, she saw Mrs. Leigh Perrot in the street—had reason to believe lace had been taken from the shop—Prisoner was passing the street on the other side the way and her husband with her [L]—Witness went across to them and addressing herself to Mrs. Leigh Perrot, said "Pray, ma'm, have not you a card of white laces as well as black?"—Mrs. Leigh Perrot answered, "No, I have no a bit of white lace about me."—Witness then said to her, "See in your pocket, ma'm."—Mrs. Leigh Perrot then took out her arm from under her cloak and gave a paper parcel to Witness, saying, "If I have your young man must have put it up in mistake." Witness then described and represented with paper the situation the paper parcel was in when Prisoner so produced it—it was rumpled, and appeared to have had something folded up in it, but the ends were then both of them open and not folded. Witness says that Prisoner trembled very much, was much frightened, and coloured as red as scarlet—that Prisoner presented to her the paper, and Witness (whether while it was in Prisoner's hand, or just when she had taken it into her own, she is not certain) pulled down the corner of the paper; "in this manner," (representing it,) and saw the card with white lace, and the black lace over it---that the black lace card was about an inch shorter than that of white lace—Witness says she took out, the white lace, and having looked at it she said, "Yes, it is mine; I'll swear to it"—knew the private mark on it —it was Filby's writing—said to Prisoner she would swear to the shop mark—Prisoner told her it was in the paper, and that the man had given it in mistake—Witness replied, "'Tis no such thing, 'tis non such thing; you stole it, you are guilty." Mr. Leigh Perrot hearing this, called after Witness and said, "She did not," or "'Tis no such thing," or something of that sort. Witness then took out the white lace, and carried it home, leaving the black lace and paper with the Prisoner. Within half an hour after, Witness went to the Town-Hall, at Bath, to go before the magistrates—Mr. Filby went with her—they were prevented from laying an information, the mayor having left the Hall—that she saw Mr. Jeffery, the town-clerk, there, and also Mr. George, the deputy town-clerk, and mentioned to them what had happened—they told Witness to come again next day—she went accordingly at eleven o'clock—thinks Filby was with her—staid two or three hours waiting at Mr. Gye's, which is opposite the Town-Hall—that she went every day until the Wednesday following—they were prevented from having their informations taken before, by the magistrates being engaged about the soldiers who were passing through Bath. (The lace was then produced in court.) The lace was in the possession of Mr. Gye one night only—he delivered it back again to Witness next day—Witness is certain it was the same lace, and on the same card, which she received from the hand of Mrs. Leigh Perrot.

On her cross-examination, by Mr. Dallas, Witness said she had been in the shop nearly five years—kept it two years herself—is sister to Mrs. Smith, who kept it before—Mr. Smith in London 8th August—Mrs. Smith in Cornwall—carried on business on her own account, not for benefit of Smith and wife—Prisoner had been at the shop the day before—don't know who there besides, bur believes Miss Leeson was—impossible to recollect exactly who besides—Prisoner looked at the black lace the day before—the shop is very light—no person came into the shop all the time Prisoner was there—Filby about six or seven yards from Witness, measuring white lace—he came from the top to bottom of the counter to measure black lace—was about four yards from Witness when he measured and put up black lace in the paper parcel—Prisoner gave Filby a Bank note after he had measured the black lace—the lace was folded up in a paper when delivered to Prisoner—Filby brought Witness the bill—Prisoner had a black cloak on—Witness was about ten minutes in the kitchen before Filby came to her, then went up and left him in the kitchen—Witness did not then know Prisoner's name—the shop is generally open till dark—it was about five minutes after Witness came up from dinner, before the saw Prisoner in the street—cannot exactly say how long it was—never has since, at any moment, been able to say exactly what time had elapsed—Prisoner was walking publicly in the street—when Witness took the parcel from Prisoner in the street, the paper was in a rumpled state—there were several persons near at the time, but they could not hear the conversation—the name over the shop is William Smith—Witness said she knew of an advertisement having been made in Smith's name, for selling off the stock—Smith does not receive the profit.

Being re-examined, Witness said she was certain no other person had been in the shop after Prisoner came in—that one lady was there when Prisoner came in first, an old lady who staid about three minutes.

On her second cross-examination she said Mrs. Smith was not entitled to more of the profits than Witness chose to give her—that when Smith left her shop, Mr. Gye and Mr. Lamb were trustees of the property for the creditors of Smith—that the trustees gave it up to Witness, who was to pay them the amount by instalments, and they were to be answerable to the creditors for fifteen shillings in the pound—that since then she had bought and sold upon her own account, and in her own name—that it is customary and advantageous that the old name should be continued on shops, and it was sometimes done for years after a person had given up trade—that Smith's name was continued over the door with this view only—that she neither saw nor heard of the Prisoner from Thursday the 8th until Wednesday the 14th August.

Charles Filby sworn, examined by Mr. Gibbs, deposed that on the 8th of August last, he lived with Miss Gregory as a shopman—that he has been in trade for himself—lived with Miss Gregory about six months—Witness has been twice a bankrupt—remembers Mrs. Leigh Perrot coming into the shop the 8th of August—never saw her before as he recollects—Witness was measuring a box of white lace behind the left hand counter near the end of it [H]—the lace in the box was folded up upon cards of a light blue colour—that he took off the lace from the cards, and having measured it put it on again, and affixed a ticket to it—that the bottom part of the box was on his right hand, on the counter nearest the street, and the lid of the box was on his left hand, the unmeasured cards of lace were in the lid of it on his left hand, and those which he had measured he had placed in the bottom of the box on his right hand—the private shop mark was made on the cards themselves, the tickets which were affixed denoted the number of yards that each card contained—there was no other customer in the shop when Prisoner came in—a person came in afterwards, staid four or five minutes, was served and went away—the Prisoner went to the bottom of the right hand counter [opposite A] and asked Miss Gregory if the laces were come from London which she expected—Miss Gregory said they were not—Prisoner then asked to see the lace which she had seen the day before—Miss Gregory crossed the shop to the inside of the bottom of the left hand counter [G] and took down a box of black lace—Prisoner was then on the opposite side of the counter [B]—Prisoner looked over part of it, and Miss Gregory looked over part—Prisoner made choice of one which she had seen the day before—Witness then about four yards from her—could not hear their, agreement for the lace—Miss Gregory called Witness from where he was fitting [H] and desired he would come and measure the black lace over which Prisoner bad made choice of—Witness had measured six pieces of the white lace, and placed them in the box [I] when Miss Gregory called him—the lace on the last of which having been on an old card which was much defaced, he did not use that card again, but took a new card from behind him, wound the lace upon it and marked the card with the shop mark—about four of those cards would lie in the bottom of the box without being over each other—that card was put in the left hands corner of the box furthest from him [K]—he was measuring the seventh card when Miss Gregory called him, which he then put upon the unmeasured pieces in the lid of the box, and placed the lid upon the chair on which he had been fitting—the bottom part of the box he left in the same situation that it was in—he then went and measured the black lace for the Prisoner—Miss Gregory called Sarah Raines at the same time to come and put up the rest of the black lace into the box—she did it—it was at the further part of the counter—Prisoner was the opposite side—Witness wrapped the Prisoner's black lace round a small card and put it in a piece of whited brown paper which he took from under the counter close by him—he wrapped it up in the usual way (Witness then shewed to the Court the manner in which it was done up, which was by first folding it in the paper lengthways, then turning inwards the two corners at each end to meet, and then doubling the ends down twice to make the parcel square)—swears that he delivered it to Mrs. Leigh Perrot so folded, and she gave him in return a five pound bank note, and desired to have change for it—Miss Gregory was then at the desk at the bottom of the shop, about four yards from where the Prisoner stood—from the time Witness left the white lace box, and went and measured the black lace for the Prisoner and delivered it to her, he swears he never once moved from the place—when he was carrying the five pound note to Miss Gregory at the desk [from G to D] his back was towards the Prisoner—the desk was four yards from where the black lace was delivered to her—after Miss Gregory had given Witness the change, she went down the stairs to the kitchen, and he turned round and observed that Prisoner had moved from the place where he had left her to the further end of the shop, and was standing with her face towards the desk, and her left hand towards the box of white lace [C]—Witness passed up inside the counter when he went to carry her the change—as he was going behind the shawls and handkerchiefs, Prisoner was obscured by them from his sight—when he got far enough on to see Mrs. Leigh Perrot, he saw her left hand come out of the box with a card of the lace in her hand—she drew her left hand under her cloak—she did not so conceal her hand under the cloak as to prevent him from seeing what she had in it—he saw the corner of the card—in drawing her hand so quick under her cloak she rather drew her cloak on one side, and Witness saw the card under it—the corner of the blue card—the card was partly concealed by the cloak—the black lace was in her right hand—he gave her the change at that end the counter nearest the door—laid it down on the counter and Prisoner took it up with her right hand, in which the black lace was—she then asked him where Mrs. Smith was, when she would be at home, and some other questions, and then left the shop—Miss Gregory was then down stairs, Miss Raines and Miss Leeson were in the shop when Prisoner left it—Witness after staying in the shop two or three minutes and, conversing with them, went down to Miss Gregory in the kitchen—he did not examine the white lace box at that time—Witness was then asked by Counsel whether he had any doubt about having seen Prisoner take the lace; and again swore positively that he saw her take it out of the box—certain that he saw it under her left arm—having had some conversation with Miss Gregory in the kitchen she went up stairs—Witness some time afterwards went up and found Miss Gregory there with the card of white lace in her hand—Witness had put the shop mark on one card, but don't recollect he did on any other—(the card was then produced and Filby swore it was the same on which he had so put the shop mark and measured the lace)—he then went out to look for Mrs. Leigh Perrot, and saw her and her husband on turning the corner of the Abbey Church-yard—they were then together but soon separated, and Witness ran after prisoner, on observing which, she ran back to her husband—Witness came up to them and asked Mr. Leigh Perrot his name—he answered that he lived at No. 1, Paragon Buildings, and that his name was on the door—Witness went there directly and saw the name—he then went to Gye's, and afterwards went with Miss Gregory to the' Town Hall—it was about half an hour after he quitted Mrs. Leigh Perrot that he went to the Town Hall—he found Mr. Jeffery and Mr. George there—he went there to speak of the business, and to lay his complaint, but the magistrates were all gone—that Mr. Jeffery and Mr. George appointed the following day for them to come again—that he did not go with Miss Gregory the next day, but that he afterwards went with her—the magistrates were at that time much occupied in attending to the soldiers who were passing through Bath—Witness there on two or three days, Miss Gregory there once when he was not—the information was laid on the Wednesday following (14th of August).

Cross-examined by Mr. Bond.—Was hired by Mrs. Smith six months before August—cannot say how long it was before he was hired, that Mr. Smith absconded—did not enquire particularly—he had left Bath before Witness was hired—the goods belonged to Miss Gregory—Mrs. Smith was in the house at the time Witness was hired—don't know where her husband was—Witness brought up in the haberdashery line—eight years ago was journeyman at a shop in St. Paul's Churchyard, London—had no dealings with a person named Crouch at that time—was very intimate with him, but never had dealings with him—he was a pawn-broker—never brought goods to him—after that was partner with one Terry—Terry went to Lisbon—sent goods to Lisbon—all kinds of goods—hats, gloves, and hardware—don't know what kind of hardware—did not look them out—never saw any bill of lading—there was an entry in the books—Witness never observed particularly—had nothing to do with the books—supposed that hardware was a good thing to be sold—bartered for goods—sent goods and not money—don 't know any person of the name of Cordwall—has heard of the name of Colvill—never dealt with him—there might have been goods sent by Colvill, from Birmingham—don't know there were—Terry had the whole management of the books—Witness never looked in them only in the waste book—all three of the partners became bankrupts—Terry, Witness, and his brother—that they had been two years and three quarters in trade—Witness afterwards went into partnership with one Crout—about five months after the first bankruptcy.—Crout supplied all the money, and that business lasted eighteen months, when the money being all gone he and Crout became bankrupts—the assignees all signed his certificate—seven out of ten of the creditors have signed it—and they all signed in their own hand writing—don't know that they ever refused to sign his certificate, as he never asked them for it before—the names were all put to the certificate within three or four days of Christmas last, but it was about August two years ago he last became bankrupt—says he might have had his certificate before if he had asked for it, as it was never refused by any person—Witness's misconduct was never complained of and his certificate denied—that he never heard his creditors were dissatisfied, believes that the commissioners were satisfied, but don't think the solicitor was—says he had about eighteen pounds in his pocket, at the time of his last examination; but that the assignees knew of it—Witness business at Miss Gregory's shop was to keep the goods to rights, and to serve the customers, and after having served them to put up the goods again—that he is always as careful as he can be—don't know that he ever did put up more things than were purchased, but might perhaps have done so—has heard of a lady of the name of Blagrave—she bought a veil at the shop—it was after the affair of the Prisoner—she took it home in her hand—says he don't know that she found two veils in the parcel, though she came the next morning and asked of Witness if he, recollected serving her with a black veil which he told her he did, and she then said that Witness ought to be very careful, considering what bad lately happened with Mrs. Leigh Perrot—she brought back a veil and delivered it into his hand. Witness was then reminded by Counsel of having said that he never put up more things than were purchased, to which he replied, "I don't know of this, I received the veil brought back, but I was not obliged to believe it merely because the lady told me so—I did not believe 'twas put up by me." Being asked if he would have received back the veil if he had not believed it belonged to the shop, Witness said he should not, and that he knew that veil did belong to that shop—Witness did not tell the lady he had not put it up—don't recollect what he said to her—thinks he recollects saying he did not know of having put it up—don't know of another instance—know several persons named Kent—don't recollect any one of that name dealing in Miss Gregory's shop—don't remember a lady buying gloves a few days before Mrs. Leigh Perrot came there, nor that any lady came and complained there were more gloves than she had bought—no such circumstance ever happened according to his recollection—cannot swear positively—says he does not remember a lady coming two days before Mrs. Leigh Perrot was there and making such a complaint—there are very few customers in general at that time of the year—has no recollection of the circumstance—so many customers in general that he cannot recollect it—there were not a great many at that time. Being taxed by the Prisoner's Counsel with contradicting himself in first saying there were few customers and then talking of so many, Witness added that though there were not a great many at that time, yet there were so many at that time as for him not to be able to recollect—says he marked the card of white lace, and upon coming back and looking in the box, he found a vacancy in that corner where he had left it—therefore recollected having put it there—certain it was in the left hand corner—when he saw Prisoner's left hand in the box, Miss Raines and Miss Leeson were in the shop—Miss Gregory gone out—Miss Raines at the bottom of the shop working with her needle—no customer in the shop—Miss Leeson behind some muslin the bottom of the shop with her back towards Prisoner.

Q. You not only say then that you saw Mrs. Leigh Perrot's hand in the box, but that you also saw the card in her hand under her cloak?

A. Yes, I did—I saw it distinctly hanging down under the cloak.

Prisoner had on a black mode cloak—is quite certain—it was not a long cloak, but one that reached just below her elbows—she was a stranger to Witness—it was about twenty minutes or half an hour afterwards before he saw her again—Mrs. Leigh Perrot did not put the change, which Witness brought to her, into a purse—he is certain of this. Being asked if in answer to Prisoner's enquiries when Mrs. Smith would come home, he had told her that was not her home, Witness says he did not tell her so. The distance from Paragon Buildings (where Prisoner lived) to Bath-street is about a quarter of a mile—Witness saw Prisoner soon after this happened in the street by the Abbey Church-yard—don't know but that there was time for her to have gone home if me had chosen to do so—Witness says that when he went into the kitchen to Miss Gregory, he stayed there four or five minutes, and that when he came up again he met Miss Gregory with the card in her hand—that she called him up—he says he was in the kitchen from the time he went down till Miss Gregory called him.

Upon his re-examination, by Mr. Gibbs, Witness said that he cannot speak positively as to the space of time between one circumstance and another—that he was at dinner in the kitchen and that when he came up he found Miss Gregory with the card in her hand—don't know that he ever put up two veils for Miss Blagrave—nor that she received two from the shop—the veil which Miss Blagrave bought was purchased after Mrs. Leigh Perrot's business—Miss Blagrave came in just in the evening to buy the veil—one only was brought back and given to him—says he has no recollection of ever having put up five pair of gloves instead of four—that he recollects the card being put into the lefthand corner of the box—that it was the new card, and he knew it by its being the last card put into the box—is certain that he left the card of white lace in the corner of the box which he found vacant—and is certain that be left it there when he went to measure the black lace for the Prisoner—is certain that from the time he went to serve Mrs. Leigh Perrot with the black lace he had never been nearer to the place where the white lace was left—says he is also certain that while the Prisoner remained in the shop she did not put the money which she received in change for the note into a purse—that the only two persons then remaining in the shop were Raines and Leeson.

Sarah Raines sworn, examined by Mr. Burrough. Was apprenticed to Miss Gregory—remembers that on the 8th August, Mrs. Leigh Perrot came into the shop—and went to the bottom of the shop—Miss Gregory was with Witness—Filby was at the top of the shop—Mrs. Leigh Perrot came to the bottom of the shop [opposite A] towards the desk [D] by right hand counter—she came to Miss Gregory and asked to look at the black lace she had seen the day before—Miss Gregory went to take down the lace—which was at the bottom of the counter on the lefthand side—Witness could not hear the bargain—that she cleared away the black laces and put the box back herself—Witness then stood at the bottom of the left hand counter behind it and below the brass railing—Filby was close upon her right hand—Witness was putting away the lace, and he was measuring over the black lace Prisoner had bought—Witness staid till he had measured it over—he put what he had measured on a small çard and put it in paper—that she does not know where he took the paper from, but that it was very near him, as he did not go from the place where he was standing to get it—Witness saw him put it up as he continued on her right hand—that he wrapped it up in paper—Witness saw him do it—there was not any thing else in the paper—Witness did not observe how he folded it up—that he was in the act of delivering it into Prisoner's hand when Witness saw him—Witness then went to the bottom of the shop and sat down to work—Filby did not stir from her all the time she was putting up the black lace, and was not half a yard apart from her—before she left Filby they were about four yards from the white lace box—Filby did not go so far as to the end of the rails—Witness saw Mrs. Leigh Perrot go out of the shop, but did not see Filby give her the change for the note—saw Miss Gregory go down the stairs as soon as she had given the change to Filby—as soon as Filby had spoken to Witness he went down stairs, which was as soon as Prisoner went out of the shop—Miss Gregory then came up and stood at the door, and soon afterwards she went out—it might be about ten minutes before Miss Gregory came up from the kitchen—Filby did not come up to the shop till after the lace had been taken away from the Prisoner—that Witness saw the paper of white lace in Miss Gregory's hand after she came from the street—Witness swears she is certain that Filby only put up black lace in the parcel—that Filby is always particularly careful in putting up parcels.

Cross examined by Mr. Jekyll.—Has been apprenticed about a year—was bound to Mr. Lamb (one of the assignees of Smith)—was at work when Mrs. Leigh Perrot came into the shop—as soon as the lace was put away Witness returned to work—that all the time she was absent from work she was employed in putting away the black lace which her attention was principally engaged in—admits that there was nothing particular to draw her attention in the manner of Filby's putting up the black lace, and that she sees him every day putting up parcels—that she did not then pay any particular attention to him, nor did she observe particularly from whence he took the paper to wrap up the parcel in—that Witness went before the mayor and was examined by him, but believes that he did not take her examination in writing—says she did not see the change delivered to Mrs. Leigh Perrot, nor did she see any purse in her hand while she was in the shop—that she was in the service of Miss Gregory, but had not been assigned to her.

Q. by the Judge. You say he did not put any white lace in the parcel with the black, how could you know that not being particularly observant?

A. I saw that he put in the black lace only.

Q. Are you certain of that?

A. Yes, my lord, I am.

The evidence on the part of the prosecution being closed, the Judge addressed the Prisoner and told her that then was the proper time to make her a defence.—After a short pause Mrs. Leigh Perrot attempted to address the Court, but after speaking a few sentences she became so much agitated that her voice failed her, and Mr. Jekyll, one of her Counsel, was requested to repeat to the Court what she wished to address to them. She then dictated as follows:

My Lord and Gentlemen of the Jury,

I am informed by my Counsel, that they cannot be permitted to offer any observations to you on my case. The circumstances of it do not render it necessary to detain you long, I shall therefore take this opportunity of troubling you with a few words.

Placed in a situation the most eligible that any woman could desire, with supplies so ample that I was left rich after every wish was gratified—blessed in the affections of the most generous man as a husband, what could induce me to commit such a crime? Depraved indeed must that mind be that under such circumstances could be so culpable.

You will hear from my noble and truly respectable friends what has been my conduct and character for a long series of years; you will hear what has been, and what is now their opinion of me. Can you suppose that disposition so totally altered, as to lose all recollection of the situation I held in society—to hazard for this meanness my character and reputation, or to endanger the health and peace of mind, of a husband whom I would die for.

You have heard their evidence against me, I shall make no comment upon it—I shall leave that talk where I am certain it will be executed with justice and mercy. I know my own oath in this case is inadmissible, but I call upon that God whom we all adore to attest that I am innocent of this charge, and may he reward or punish me as I speak true or false in denying it. I call that God to witness that I did not know that I had the lace in my possession, nor did I know it when Miss Gregory accosted me in the street. I have nothing more to add.

Evidence for the Prisoner.

John Crouch sworn, examined by Mr. Bond. Says he is a pawn-broker and silver-smith, and lives in Cripplegate, London—that he knows Filby and his brother, and that they have both done business at his house in the years 1793 and 1794, supposes Filby was a haberdasher as it was haberdashery goods that he had of him—that he has never had any dealings with him since, and that he believes Charles Filby (the Witness) might not have been with him on business more that once.

Miss Blagrave sworn, examined by Mr. Bond. Says the was at Bath in August last—knows Smith's shop—went on the 19th of September last, at five o'clock in the evening, to buy a veil, and received it folded in paper—paid for one veil—received it from a tall shop-man—says she knows Filby if she sees him—she put the parcel in her pocket, and did not open it till she got home—found there were two veils in the paper when she came to her lodgings—that she went back to the shop the next day at two o'clock, returned the veil to Filby, and asked him if he recollected her buying a veil, which he said he did—says that she then returned the veil to him, and told him that he had delivered her two—that he took it and said he was obliged to her and that he had not missed it.

Being cross-examined by Mr. Gibbs, Witness said that she was not acquainted with Mrs. Leigh Perrot, that she never saw her but once, and that she never spoke to her—Witness says that she herself was never accused of having stolen the veil.

Mrs. Mary Kent sworn, examined by Mr. Jekyll. Says the resides sometimes at Bath—that in the beginning of August last she went to Miss Gregory's shop—bought four pair of gloves and paid for them—that she is not sure who served her, but thinks it was Mrs. Smith's sister—that they were put in a parcel and she carried them home herself, but did not open them till the day after she came home—that she then returned to the shop and saw the same person.

George Vansittart, esq. M .P. for Berkshire, sworn, examined by Mr. Pell. Says that he has known the Prisoner from the autumn of 1776, that for several years he resided within a few miles of Mrs. Leigh Perrot, who then lived in Berkshire—that there was frequent intercourse between their families, and that from all he saw or heard of her conduct and character during the time that he knew her, he conceived her to be a person of honourable and religious principles, and incapable of any act of dishonesty—that he believed Mr. Leigh Perrot, to be a man of considerable property.

Lord Braybroke sworn, examined by Mr. Bond. Has been acquainted with the Prisoner ever since the first lived in Berkshire, which is thirty years ago—that he lived within a few miles of them, visited the family and knew them well—that he always considered Mrs. Leigh Perrot's character strictly honourable and unimpeachable, and that he knew no family in the neighbourhood that was more respected—he always considered Mr. Leigh Perrot as a man of fortune, and believes they never had any children.

Francis Annefley, esq; M. P. for Reading in Berkshire, sworn, examined by Mr. Dallas. Has been acquainted with Mr. and Mrs. Leigh Perrot thirty years—used to dine four or five times with them every summer—lived about six miles from them—her general character the neighbourhood was respectable—she was much beloved and no one could have supposed that she could do any thing dishonourable.

John Grant, esq; sworn, examined by Mr. Jekyyll. Has known Mr. Leigh Perrot, and his wife twenty-six years—first in Berkshire, about four miles from his house—in constant habits of visiting and frequently dined with each other—she bore a most remarkable good character and they were looked on both husband and wife, as the most affectionate pair in the neighbourhood—and Witness really conceived that there was not a neighbour in all that part of the county that could have the least suspicion of Mrs. Leigh Perrot being capable of doing a dishonest act. Their fortune was ample, and there was no occasion for any appearance of meanness in her conduct.

Rev. Mr. Nind, sworn, examined by Mr. Pell.—Is vicar of Wargrave, in Berkshire, in the same parish as Mr. Leigh Perrot's house, and about two miles and a quarter from it—Witness came there in the year 1784, and was in habits of intimacy with Prisoner and her husband for twelve or thirteen years—that he saw her frequently—that no people attended the church more regularly than they did, and Witness always had an opinion that she was a lady of the greatest respectability—that he always considered her and her husband as examples for his parishioners in moral and religious duties—that he never could have suspected the Prisoner to have been guilty of such an action.

Rev. Mr. Wake, sworn, examined by Mr. Bond.—Says he is curate of the parish in Bath, in which Mr. Leigh Perrot resides—that he has been intimate with him eight or nine years—that Mr. Leigh Perrott left his country house on account of his health—that from the time Witness became curate of the parish, Mr. and Mrs. Leigh Perrot were constant attendants at the church—that he was particularly pleased at their being generally at church in the afternoon, when very few people except tradesmen and servants attend the church—he was much pleased with the serious conduct of Mrs. Leigh Perrot at church, and has often said that she would be the last person whom he should have fixed upon in the parish, to have committed such an action.

Winthorpe Baldwin, esq. sworn, examined by Mr. Dallas. Lives at Bath, and has been acquainted with the Prisoner several years, has seen her frequently, and is well acquainted both with her and her husband—has never heard any thing but the most exemplary good conduct in her—that she was affectionate to her husband, not at all given to levity or extravagance, and the last person of whom he should have believed a circumstance of this kind.

William Hayward Winstone, esq. sworn, examined by Mr. Jekyll. Lives at Bath—has known Prisoner five years, and been intimate in the family—that he always apprehended her to be a woman of the highest honour, and that there is no person of his acquaintance whom he should less suspect of doing an action of this sort.

Doctor Mapleton sworn, examined by Mr. Pell. Has known the Prisoner near thirty years, she always bore a very respectable character from every quarter that he has been in.

Mrs. Winstone, wife of W. H. Winstone, efq; sworn, examined by Mr. Bond. Lives at Bath, has known the Prisoner four or five years, and has been in habits of strict intimacy with her; does not know a more discreet and respectable person, and that if she had not been of that opinion she should not have appeared in the public situation she was now standing in. (1)

Mrs. Cholmondeley sworn, examined by Mr. Dallas. Has known the Prisoner intimately for forty years, and says that she has always borne the most respectable character.

Mr. Thomas Coward sworn, examined by Mr. Jekyll. Is a linen draper at Bath—has known the Prisoner eight or nine years—she lodged at his house six months—has been a customer at his shop, and he believes her to be a woman of integrity and good character.

Mr. Willian Lonsdale sworn, examined by Mr. Pell. He is a mercer at Bath—has known Prisoner four years, says she has dealt many times at his shop, and that he believes her to be a woman of the highest honor.

Mr. Wright sworn, examined by Mr. Bond. Is a jeweller at Bath—has known the Prisoner five years—has the highest opinion of her character, and believes her to be very honest, and very strict in her dealings.

The Prisoner here ended her defence.

Mr. Justice Lawrence previous to summing up the evidence to the Jury, observed to them, that though the first count in the indictment stated the lace to be the property of Elizabeth Gregory—though the second count stated it to be the property of William Gye and Lacon Lamb (assignees of William Smith)—the third count, the property of William Smith,—and the fourth count stated it to be the property of Mary Smith; yet, that, he said, was not material, it having been clearly proved to have been the property of Miss Gregory. His Lordship then proceeded to sum up the evidence to the Jury, with the greatest accuracy and precision; in the course of which he dwelt particularly on some material parts of the testimony given by the witnesses. He observed to them that the case on the part of the prosecution was fully proved, if they believed the testimony of the witnesses called in support of it. On the good character of Filby, his Lordship observed there hung some doubt, but that the evidence given by him stood uncontradicted, except in one point of trivial consequence, namely, his having sworn that he never had any dealings with Crouch, the pawnbroker, whereas it afterwards appears from Crouch's evidence that Filby was once or perhaps twice at his house on business, which was eight or nine years ago.

His Lordship here particularly pointed out the corroboration of Filby's evidence by the testimony of Elizabeth Gregory the prosecutrix, and Sarah Raines her apprentice; the former of whom swore that she observed Mrs. Leigh Perrot's having quitted her situation in the shop before Miss Gregory had gone down to dinner, and Miss Raines having sworn positively that she took particular notice of Filby's putting up the parcel of black lace, and delivering it into the Prisoner's hand, and that there was nothing but the black lace put into it by him.

It was impossible, his Lordship said, that any person could have a higher character than the Prisoner—from Lord Braybroke—from Mr. Vansittart, member for Berks—from Mr. Annesley, member for Reading—from a number of other persons of the greatest respectability, and from the tradesmen with whom she had had dealings at Bath; but that if the Jury were satisfied with the evidence, and believed the witnesses for the prosecution, that character ought not to avail her; and however exemplary her former conduct might have been, they were bound to pronounce her guilty.

On the part of the Prisoner, his Lordship observed, that her returning and passing by Miss Gregory's shop, with the parcel containing the lace in her hand, so soon after she had left it, when it was proved by the witness Filby that sufficient time had elapsed for her to have gone home and concealed it, had she chosen so to do, certainly did not appear to be the conduct of a guilty person, for that thieves are wont to hide away and conceal the property they have stolen. The agitation of the Prisoner, when accosted in the street by Miss Gregory, and her having "turned as red as scarlet," should not, he observed, be construed by them into an indication of guilt, for that, if any person were to be suddenly stopped in the public street, and taxed with the commission of so heinous a crime, such a charge, however conscious of innocence the party might be, would, in all probability, be productive of effects similar to those described by the witness.

It appeared from Miss Blagrave's evidence that Filby had once by mistake put up two veils in a parcel for her, when she had only bought one.

Mrs. Mary Kent, his Lordship said, had also been called and spoke of having had five pair of gloves delivered to her instead of four, but as it appeared that she was served by some woman in the shop, and not by Filby, he should leave her evidence totally out of question.

If upon taking all the of the circumstances of the case into consideration, the Jury should see any reason to disbelieve the witnesses for the prosecution, or which led them to doubt of the Prisoner's guilt, they should recollect the very excellent character which had been given her, and in that case it ought to have great weight with them towards an acquittal.

The Jury having consulted for about fifteen minutes returned a verdict of Not Guilty.


P. 7. l. 20 after with her, add the letter of reference [L].

   11   22 for again examined in chief, read re-examined.

   13   22 for [A] read [opposite A]

[corretti nel testo]

Thomas Norris, Printer,
White-lion-court, Taunton.

(1) Mrs. Winstone and Mrs. Cholmondeley attended the Prisoner at the bar, during the whole time of her trial.

Il processo a
Jane Leight Perrot

Stampato da Thomas Norris
Taunton, 1800


Quando questo processo fu seguito dall'editore, egli non aveva la più pallida idea di pubblicarlo nella forma presente; ma i molti e contraddittori resoconti contenuti nei giornali circa il suo svolgimento, la generale curiosità suscitata e le ripetute richieste dei suoi amici, desiderosi di veder pubblicato un resoconto completo e imparziale, lo hanno indotto a dare alle stampe i suoi appunti.

Senza alcun legame o relazioni di conoscenza con entrambe le parti, egli fornisce il processo senza commenti o inutili orpelli, e garantisce di non aver intenzionalmente aggiunto od omesso nemmeno una parola che potesse concretamente inficiarne l'accuratezza.

Taunton, 8 aprile 1800


CHARLES TUCKER, di Chard, Direttore dell'Ufficio Postale.

JOHN MITCHELL, dello stesso luogo, Locandiere.

JOHN WHITE, dello stesso luogo, Insegnante.

JAMES HILL, dello stesso luogo, Conciatore.

EDWARD MURLEY, di West-Chinnock, Negoziante di tessuti.

HENRY BAKER, di West-Coker, Fabbricante di vele.

JOSHUA CUFF, di Combe St. Nicholas, Fabbricante di saponi.

WILLIAM SHATTOCK, di Wellington, Panettiere.

WILLIAM SERCOMBE, dello stesso luogo, Fabbricante di candele.

THOMAS GORE, dello stesso luogo, Fabbricante di tessuti.

JOHN NURTON, dello stesso luogo, Fabbricante di tessuti.

GEORGE HARDING, di Milverton, Mugnaio.



   Per la DETENUTA


Mr. CHEESMAN, di Bath.

   Per la DETENUTA
Mr. WATTS, di Bath.


Dopo aver chiamato alla sbarra Mrs. Jane Leigh Perrot è stato letto l'atto d'accusa, come segue, ovvero,

Somersetshire. I giurati del nostro Signore il Re, sotto giuramento, sappiano che Jane Leigh Perrot, da ultimo della parrocchia di Saint Michael, nella città di Bath, nella contea del Somerset, moglie di James Leigh Perrot, della stessa parrocchia, esquire, l'otto di agosto, nel trentanovesimo anno di regno del nostro Sovrano Lord Giorgio III di Gran Bretagna, Francia e Irlanda, Re, Difensore della Fede e così via, con destrezza, nella parrocchia di Saint James, nella città suddetta e nella contea summenzionata, dieci iarde di pizzo bianco, e dieci iarde di altro pizzo, del valore di venti scellini, beni mobili di Elizabeth Gregory, rubò all'istante in modo criminoso, e portò via, in spregio dell'ordine costituito del suddetto Re, della sua corona e della sua dignità.

Secondo atto d'accusa. Stante la proprietà del pizzo essere di William Gye e Lacon Lamb.

Terzo atto d'accusa. Stante la proprietà di esso essere di William Smith.

Quarto atto d'accusa. Stante la proprietà di esso essere di Mary Smith.

Dopo che la Detenuta è stata chiamata in giudizio e si è dichiarata Non Colpevole, e la giuria ha prestato giuramento, Mr. Burrogh ha aperto il dibattimento, e Mr. Gibbs si è rivolto alla giuria come segue.

Ha iniziato stabilendo la condizione sociale della Detenuta e della Querelante; la Detenuta è la moglie di un uomo di considerevoli mezzi a Bath, e Miss Gregory gestisce un negozio di merceria e abbigliamento, in Bath Street, nella città di Bath. Allo scopo di rendere comprensibile ciò che avrà da dire, Mr. Gibbs ha ritenuto necessario descrivere alla Corte la situazione logistica del negozio, cosa che ha fatto con una piantina (della quale si fornisce qui una copia conforme) disegnata così come descritto durante l'interrogatorio di Miss Gregory.

Dopo aver specificato le circostanze che, ha osservato, avrebbero provato ciò che afferma la querelante, Mr. Gibbs ha anticipato che la difesa avrebbe con tutta probabilità affermato che il testimone, Filby, aveva per errore inserito il pizzo bianco, oggetto dell'accusa di furto, nello stesso pacchetto del pizzo nero, comprato dalla Detenuta nel negozio, oppure che si è trattato di una querela falsa, messa in piedi allo scopo di estorcere denaro al marito della Detenuta. Se ciò fosse provato (ha detto Mr. Gibbs) non ci sarebbe un tentativo più vile e malvagio. In questo caso, tutti i testimoni dovrebbero essere spergiuri, e il crimine sarebbe se possibile maggiore di quello del quale è stata accusata la detenuta. Ma che non sia stato questo il caso, Mr. Gibbs lo arguisce dalla condotta di tutte le parti in causa, che non hanno cercato di tenere nascosta l'accusa, ma, al contrario, immediatamente dopo l'accaduto, sono andate al Municipio per informare i magistrati, e dal fatto che, sebbene siano trascorsi diversi giorni (da giovedì 8 a mercoledì 14 agosto) prima di poter rendere la deposizione, per motivi che saranno chiariti, essi hanno riferito tutte le circostanze all'impiegato del comune e al suo sostituto, e a chiunque abbiano incontrato. Sarebbe stato quindi impossibile ritrattare il resoconto. Se dunque i fatti saranno provati, come si può credere a un'accusa prefabbricata?

Elizabeth Gregory, prestato giuramento, interrogata da Mr. Burrough, ha deposto che lo scorso agosto ha preso una merceria e negozio di abbigliamento in Bath Street, a Bath, che l'attività era condotta da lei stessa, che aveva un'apprendista di nome Sarah Raines, una commessa di nome Leeson, e un commesso il cui nome era Charles Filby; che Filby era con lei da circa sei mesi, con un salario annuo di 50 sterline. Il negozio si apre su Bath Street; non appena entrati da Bath Street, c'è un bancone sulla destra; oltre il bancone, a poca distanza da esso, c'è un tavolo; c'è un altro bancone sulla sinistra, sulla cui parte più bassa ci sono due sbarre dritte di ottone che reggono una traversa di ottone, sul quale sono appesi veli e fazzoletti - è stato fatto appositamente. Dall'entrata del negozio alla traversa di ottone ci sono due iarde e mezza - anche la traversa misura due iarde e mezza in lunghezza - all'estremità di questo bancone, sulla sinistra, c'è una porta e delle scale, che conducono in basso alla cucina. (Vedi piantina acclusa).

Che lo scorso 8 agosto, Mrs. Leigh Perrot era venuta nel negozio tra l'una e le due, e aveva chiesto alla Testimone di farle vedere il pizzo nero che aveva visto il giorno prima - ma prima di chiedere questo, aveva domandato se fosse poi arrivato il pizzo da Londra, ed essendole stato risposto di no, chiese di vedere l'altro - la Testimone glielo mostrò - era in una scatola nel bancone a sinistra, vicino alla traversa di ottone del negozio - alcuni veli e fazzoletti erano appesi alla traversa di ottone, la maggior parte della quale ne era ricoperta, ed erano appeso in modo tale da impedire la vista di qualsiasi cosa si facesse in negozio dietro di essi. La Detenuta stava dalla parte esterna del bancone [B] e la Testimone da quella interna [G] - nella scatola c'erano diversi pacchetti di pizzo nero - la Detenuta ne osservava alcuni - Filby era in quel momento all'estremità del bancone a sinistra più vicina alla porta [H] - stava misurando il pizzo bianco quando la Detenuta era entrata in negozio - noi prendevamo la merce - lui stava dentro il bancone - la Testimone poi aveva chiamata Filby, e gli aveva detto di misurare il pizzo che aveva venduta alla Detenuta, cosa che egli fece - nel farla stava dalla parte interna del bancone a sinistra, e la Detenuta in quella esterna - la Testimone poi andò a sedersi al tavolo [D] lasciando Filby a misurare il pizzo nero. Miss Gregory dice che poi chiamò Miss Raines, l'apprendista, per portare via la scatola di pizzi neri che aveva lasciato sul bancone di sinistra - lei lo fece, e la Testimone rimase al tavolo fino a quando non ebbe finito - la Testimone dice che guardava verso la porta e che poteva vedere fino alla fine del bancone - mentre la Testimone era lì Filby andò da lei per farsi dare il resto di una banconota da cinque sterline - la Detenuta doveva pagare una sterlina e diciannove scellini per il pizzo nero - la Testimone la sentì dire a Filby, "Potete darmi il resto di una banconota da cinque sterline?" - la Testimone gli diede il resto che lui portò alla Detenuta - non appena la Testimone ebbe dato il resto a Filby, scese per le scale per andare a pranzo - mentre scendeva vide che la Detenuta si era allontanata dal bancone di sinistra, ma non vide verso dove - in quel periodo dell'anno gli affari sono scarsi a Bath - non c'erano articoli sul bancone di destra del negozio, né su quello di sinistra, salvo la scatola dei pizzi neri, quella dei pizzi bianchi e i veli sulla traversa - quando la Testimone andò di sotto a pranzo come detto sopra, Miss Raines era al tavolo - la Testimone tornò dopo circa dieci minuti (sembra che Filby sia andato in cucina e le abbia raccontato ciò che aveva visto riguardo alla Detenuta) e dopo circa un quarto d'ora da quando era venuta su, vide Mrs. Leigh Perrot in strada - avendo motivo di credere che fosse stato preso del pizzo dal negozio - la Detenuta stava passando dall'altro lato della strada insieme al marito [L] - la Testimone andò loro incontro e rivolgendosi a Mrs. Leigh Perrot disse, "Scusi, signora, avete del pizzo bianco oltre a quello nero?" - Mrs. Leigh Perrot rispose, "No, non ho alcun pizzo bianco con me." - la Testimone allora le disse, "Guardatevi in tasca, signora." - Mrs. Leigh Perrot allora tirò fuori un braccio da sotto il mantello e diede alla Testimone un pacchetto di carta, dicendo, "Se ce l'ho il vostro giovanotto deve avercelo messo per errore." La Testimone ha poi descritto e illustrato con della carta in che stato fosse il pacchetto quando la Detenuta lo aveva tirato fuori - era stropicciato, e sembrava che qualcosa vi fosse stato avvolto, ma le estremità erano entrambe aperte e non avvolte. La Testimone dice che la Detenuta tremava moltissimo, era molto impaurita ed era arrossita fino a diventare scarlatta - che la Detenuta le diede il pacchetto, e la Testimone (se mentre era nelle mani della Detenuta, o non appena l'aveva avuto in mano sua non lo rammenta) aprì meglio l'angolo della carta, "in questo modo", (facendolo vedere), e vide il cartoncino con il pizzo bianco - la Testimone dice di averlo tirato fuori, il pizzo bianco, e che dopo averlo osservato disse, "Sì, è mio; posso giurarlo" - avendo riconosciuto su di esso il marchio del negozio - era la calligrafia di Filby - aveva detto alla Detenuta che avrebbe potuto giurare sul marchio - la Detenuta le disse che era nell'involto, e che il commesso ce l'aveva messo per sbaglio - la Testimone replicò, "Non è così, non è così; l'avete rubato, siete voi la colpevole." Sentendo questo Mrs. Leigh Perrot si era avvicinata alla Testimone e aveva detto, "No, per niente", oppure, "Non è così", o qualcosa del genere. Allora la Testimone tirò fuori il pizzo bianco, e lo riportò in negozio, lasciando il pizzo nero e la carta alla Detenuta. Una mezzora dopo, la Testimone andò al Municipio, a Bath, dai magistrati - Mr. Filby andò con lei - fu loro impedito di dare la notizia, visto che il sindaco era uscito - lei parlò lì con Mr. Jeffery, impiegato del municipio, e anche con Mr. George, il vice-impiegato, e raccontò loro ciò che era accaduto - essi dissero alla Testimone di tornare il giorno successivo - di conseguenza lei andò alle undici - crede che Filby fosse con lei - aspettò per due o tre ore da Mr. Gye, che sta di fronte al Municipio - vi tornò ogni giorno fino al mercoledì successivo - fu loro impedito di comunicare la notizia, dato che i magistrati erano impegnati con i soldati che erano in transito a Bath. (Il pizzo fu allora prodotto in tribunale). Il pizzo rimase in possesso di Mr. Gye per una sola notte - lui lo restituì alla Testimone il giorno dopo - la Testimone è certa che fosse lo stesso pizzo, sullo stesso cartoncino che aveva avuto dalle mani di Mrs. Leigh Perrot.

Durante il controinterrogatorio con Mr. Dallas, la Testimone ha detto di essere che: è nel negozio da circa cinque anni - lo gestisce da due - è sorella di Mrs. Smith, che lo gestiva in precedenza - l'8 agosto Mr. Smith era a Londra - Mrs. Smith in Cornovaglia - porta avanti l'attività per conto proprio, e non a beneficio di Smith e della moglie - la Detenuta era stata in negozio il giorno precedente - non sapeva chi altro, ma crede che ci fosse Miss Leeson - è impossibile rammentare chi altro - il giorno precedente la Detenuta aveva esaminato il pizzo nero - il negozio è molto luminoso - nessuno era entrato nel negozio mentre c'era la Detenuta - Filby era a cinque o sei iarde dalla Testimone, intento a misurare il pizzo bianco - era venuto a un'estremità del bancone all'altra per misurare il pizzo nero - era a circa quattro iarde dalla Testimone quando aveva misurato e messo il pizzo nero nel pacchetto - la Detenuta aveva dato a Filby una banconota dopo che egli aveva misurato il pizzo nero - il pizzo era avvolto nella carta quando era stato consegnato alla Detenuta - Filby aveva portato il conto alla Testimone - la Detenuta aveva un mantello nero - la Testimone era rimasta circa dieci minuti in cucina prima che Filby andasse da lei, poi era salita lasciandolo in cucina - la Testimone non conosceva il nome della Detenuta - il negozio è generalmente aperto fino a quando si fa buio - erano passati circa cinque minuti dopo che la Testimone era venuta su dal pranzo, e prima che vedesse la Detenuta in strada - non poteva dire con esattezza quando tempo fosse trascorso - da quel momento non era mai stata in grado di dire, per qualsiasi momento, quanto tempo fosse passato - la Detenuta stava passeggiando tranquillamente in strada - quando la Testimone aveva avuto il pacchetto dalla Detenuta in strada la carta era stropicciata - in quel momento lì vicino c'erano diverse persone, ma non erano in grado di udire la conversazione - il nome del negozio è William Smith - la Testimone ha detto di sapere che era stato messo un annuncio pubblicitario a nome di Smith, per la liquidazione della merce in magazzino - Smith non riceveva i profitti.

Interrogata nuovamente, la Testimone ha detto di essere certa che non ci fosse nessuno in negozio dopo l'ingresso della Detenuta - che c'era una signora quando la Detenuta era venuta la prima volta, una signora anziana che era rimasta per circa tre minuti.

Nel secondo controinterrogatorio ha detto che Mrs. Smith non aveva diritto a più profitti di quanti la Testimone riteneva di darle - che quando Smith aveva lasciato il negozio, Mr. Gye e Mr. Lamb erano gli amministratori fiduciari della proprietà per i creditori di Smith - che gli amministratori avevano rinunciato a favore della Testimone, che li stava pagando a rate, e che essi erano responsabili verso i creditori per quanto dovuto - che da allora lei aveva comprato e venduto per proprio conto, e a proprio nome - che è abituale e vantaggioso lasciare il vecchio nome a un negozio, e talvolta viene fatto per anni dopo che una persona ha lasciato il commercio - che il nome Smith era rimasto sulla porta d'ingresso solo da questo punto di vista - che lei non aveva visto né sentito la Detenuta da giovedì 8 agosto fino a mercoledì 14 agosto.

Charles Filby prestato giuramento, interrogato da Mr. Gibbs, ha deposto che lo scorso 8 agosto, viveva come commesso con Miss Gregory - che era stato nel commercio per conto proprio - viveva con Miss Gregory da circa sei mesi - il Testimone è stato due volte in bancarotta - rammenta che l'8 agosto Mrs. Leigh Perrot era entrata in negozio - per quanto potesse ricordare non l'aveva mai vista - il Testimone stava misurando una scatola di pizzo bianco a una estremità dietro al bancone di sinistra [H] - il pizzo nella scatola era arrotolato su cartoncini azzurri - che aveva separato il pizzo dai cartoncini, e dopo averlo misurato l'aveva rimesso a posto, e vi aveva applicato un biglietto - che la parte bassa della scatola era alla sua destra, sul bancone più vicino alla strada, e il coperchio della scatola alla sua sinistra - i pizzi non misurati erano nel coperchio della scatola alla sua sinistra, e quelli che aveva misurato li aveva messi in fondo alla scatola alla sua destra - il marchio del negozio stava sui cartoncini e i biglietti che erano stati applicati indicavano quante iarde conteneva ciascun cartoncino - quando era arrivata la Detenuta non c'era nessun altro in negozio - una persona era arrivata successivamente, era rimasta quattro o cinque minuti, era stata servita e se n'era andata - la Detenuta era andata alla fine del bancone di destra [di fronte ad A] e aveva chiesto a Miss Gregory se erano arrivati i da Londra i pizzi che aspettava - Miss Gregory aveva detto di no - la Detenuta allora aveva chiesto di vedere il pizzo che aveva visto il giorno precedente - Miss Gregory aveva attraversato il negozio verso la parte interna dell'estremità del bancone di sinistra [G] e aveva tirato già una scatola di pizzo nero - in quel momento la Detenuta era dalla parte opposta del bancone [B] - la Detenuta ne passò in rassegna una parte, e Miss Gregory una parte - la Detenuta ne aveva scelto uno che aveva visto il giorno precedente - poi il Testimone a circa quattro iarde da lei - non riuscì a sentire quale decisione avvero preso circa il pizzo - Miss Gregory aveva fatto venire il Testimone da dove stava lavorando [H] e gli aveva chiesto di misurare il pizzo nero che la Detenuta aveva scelto - quando Miss Gregory l'aveva chiamato il Testimone aveva misurato sei pezzi di pizzo bianco e li aveva messi nella scatola [I] - visto che l'ultimo pizzo era su un cartoncino molto rovinato, non aveva usato quel cartoncino, ma ne aveva preso uno nuovo dietro a lui, aveva avvolto il pizzo intorno a esso e ci aveva messo il marchio del negozio - circa quattro di quei cartoncini entravano nel fondo della scatola senza sovrapporsi - quel cartoncino l'aveva messo nell'angolo sinistro della scatola più distante da lui [K] - stava misurando il settimo quando Miss Gregory l'aveva chiamato, al che lui aveva poggiato i pezzi non misurati sul coperchio della scatola, e messo il coperchio sulla sedia su cui stava lavorando - il fondo della scatola l'aveva lasciato com'era - poi era andato a misurare il pizzo nero per la Detenuta - nello stesso momento Miss Gregory aveva chiamato Sarah Raines per farla venire a mettere il resto del pizzo nero nella scatola - lei lo aveva fatto - nella parte più lontana del bancone - la Detenuta era dalla parte opposta - il Testimone aveva avvolto il pizzo nero della Detenuta intorno a un cartoncino e l'aveva messo in un pezzo di carta marrone chiaro che aveva preso da sotto il bancone vicino a lui - l'aveva avvolto nel solito modo (il Testimone aveva allora mostrato alla Corte il modo in cui era stato fatto, ovvero prima stenderlo secondo la lunghezza del foglio, poi girare in dentro i due angoli opposti per unirli, e poi fare lo stesso agli altri due angoli per rendere quadrato il pacchetto) - giura di averlo consegnato a Mrs. Leigh Perrot così avvolto, e lei gli aveva dato in cambio una banconota da cinque sterline, e chiesto di avere il resto - Miss Gregory era in quel momento al tavolo in fondo al negozio, a circa quattro iarde da dove stava la Detenuta - dal momento in cui il Testimone aveva lascato la scatola di pizzo bianco, era andato a misurare il pizzo nero per la Detenuta e gliel'aveva consegnato, giura di non essersi mosso da lì nemmeno una volta - mentre andava a portare la banconota da cinque sterline a Miss Gregory al tavolo [da G a D] aveva la schiena rivolta alla Detenuta - il tavolo era a quattro iarde da dove il pizzo nero le era stato consegnato - dopo che Miss Gregory aveva dato il resto al Testimone, era scesa in cucina, e lui si era girato e aveva visto che la Detenuta si era mossa da dove l'aveva lasciata verso l'altra estremità del negozio, e stava con la faccia rivolta al tavolo, con la mano sinistra verso la scatola di pizzo bianco [C] - il Testimone era passato dalla parte interna del bancone per portarle il resto - mentre passava dietro gli scialli e i fazzoletti, la Detenuta era nascosta alla sua vista da essi - quando era andato avanti abbastanza da vedere Mrs. Leigh Perrot, aveva visto la sua mano sinistra venire fuori dalla scatola con un cartoncino di pizzo in mano - aveva messo la mano sinistra sotto il mantello - non aveva nascosto la mano sotto il mantello tanto da impedirgli di vedere che cosa aveva in essa - aveva visto l'angolo del cartoncino - nel mettere la mano così rapidamente sotto il mantello lo aveva scostato da una parte, e il Testimone aveva il cartoncino lì sotto - l'angolo del cartoncino azzurro - il cartoncino era parzialmente nascosto dal mantello - aveva il pizzo nero nella mano destra - lui le aveva dato il resto all'estremità del bancone più vicina alla porta - lo aveva messo sul bancone e la Detenuta l'aveva preso con la mano destra, quella dove aveva il pizzo nero, e poi era uscita dal negozio - in quel momento Miss Gregory era di sotto, Miss Raines e Miss Leeson erano in negozio quando la Detenuta era uscita - il Testimone era rimasto due o tre minuti in negozio, parlando con loro, e poi era sceso in cucina da Miss Gregory - in quel momento non aveva controllato la scatola del pizzo bianco - al Testimone fu poi chiesto dal patrocinante se avesse qualche dubbio sul fatto di aver visto la Detenuta prendere il pizzo, e giurò di nuovo in modo deciso che l'aveva vista prenderlo dalla scatola - che era certo di averlo visto sotto il suo braccio sinistro - dopo aver parlato un po' con Miss Gregory in cucina lei era risalita - dopo un po' il Testimone era salito e aveva trovato Miss Gregory lì con il cartoncino del pizzo bianco in mano - il Testimone aveva messo il marchio del negozio su un cartoncino, ma non ricorda se l'aveva messo su altri - (fu poi prodotto il cartoncino e Filby giurò che fosse lo stesso sul quale aveva messo il marchio e misurato il pizzo) - poi era uscito per cercare Mrs. Leigh Perrot, e aveva visto lei e il marito girare l'angolo del cimitero dell'Abbazia - erano insieme ma subito si separarono, e il Testimone era corso dietro alla detenuta, che avendolo visto tornò subito indietro verso il marito - il Testimone si era avvicinato e aveva chiesto il nome a Mr. Leigh Perrot - lui aveva risposto che abitava al numero 1 dei Paragon Buildings, e che il nome era sulla porta - il Testimone ci era andato subito e aveva visto il nome - poi era andato da Gye, e successivamente con Miss Gregory in Municipio - era passato circa un quarto d'ora dopo aver lasciato Mrs. Leigh Perrot quando era andato in Municipio - lì aveva trovato Mr. Jeffery e Mr. George - ci era andato per parlare della faccenda, e per lasciare una denuncia, ma in quel momento i magistrati erano occupatissimi con i soldati di passaggio a Bath - il Testimone aveva continuato per due o tre giorni, Miss Gregory era andata una volta quando lui non poteva - l'informazione fu comunicato il mercoledì successivo (14 agosto).

Controinterrogato da Mr. Bond. - È stato assunto da Mrs. Smith sei mesi prima di agosto - non sa dire quanto tempo prima di essere assunto Mr. Smith era sparito - non aveva chiesto nello specifico - aveva lasciato Bath prima che il Testimone fosse assunto - le merci appartenevano a Miss Gregory - Mrs. Smith era nella casa nel periodo in cui il Testimone era stato assunto - non sa dove fosse il marito - il Testimone era esperto di merceria - otto anni prima era stato lavoratore a giornata in un negozio di St. Paul's Churchyard, a Londra - a quel tempo non aveva rapporti d'affari con una persona di nome Crouch - era un suo amico intimo, ma non aveva mai avuto rapporti d'affari con lui - era un prestatore su pegno - lui non gli aveva mai portato nulla - dopo era stato socio di un certo Terry - Terry era andato a Lisbona - aveva spedito della merce a Lisbona - ogni genere di merce - cappelli, guanti e ferramenta - non sa che genere di ferramenta - non aveva controllato - non aveva mai visto bollette di carico - c'erano delle annotazioni nei registri - il Testimone non aveva mai controllato nello specifico - non aveva nulla a cha fare con i registri - presumeva che la ferramenta fosse buona da vendere - barattata con delle merci - spediva merci e non denaro - non conosce nessuno che si chiama Cordwall - ha sentito nominare Colvill - mai avuto rapporti con lui - potrebbero esserci state merci spedite da Colvill, da Birmingham - non lo sapeva - Terry aveva l'intera gestione dei registri - il Testimone non li aveva mai letti, solo i registri delle perdite - tutti e tre i soci avevano fatto bancarotta - Terry, il Testimone, e il fratello - erano stati due anni e otto mesi in affari - successivamente il Testimone era entrato in società con un certo Crout - circa cinque mesi dopo la prima bancarotta. - Crout aveva procurato tutto il denaro, e quegli affari erano durati diciotto mesi, poi i soldi erano finiti e lui e Crout avevano fatto bancarotta - tutti i curatori fallimentari avevano firmato il suo attestato - l'avevano firmato sette su dieci creditori - e tutti avevano firmato di loro pugno - non è a conoscenza che abbiano rifiutato di firmare l'attestato, dato che non gliel'ha mai chiesto - i nomi erano tutti nell'attestato tre o quattro giorni prima dello scorso Natale, ma era stato più o meno ad agosto di due anni prima che aveva fatto bancarotta per l'ultima volta - dice che avrebbe potuto avere prima l'attestato se l'avesse chiesto, visto che non è mai stato rifiutato a nessuno - nessuno si è mai lagnato della cattiva condotta del Testimone, e non gli è stato negato l'attestato - mai nessuno dei suoi creditori è rimasto insoddisfatto, ritiene che la commissione sia stata soddisfatta, ma non pensa che lo furono i procuratori legali - dice che aveva circa diciotto sterline in tasca, l'ultima volta che è stato esaminato, ma che gli assegnatari lo sapevano - i compiti del Testimone nel negozio di Miss Gregory erano di tenere bene la merce, di servire i clienti, e dopo averli serviti di rimettere a posto la merce - che usa sempre la massima attenzione possibile - non gli risulta di aver mai incartato più merce di quanta ne avesse venduta, ma che forse potrebbe averlo fatto - ha sentito parlare di una signore di nome Blagrave - aveva comprato un velo al negozio - era successo dopo la faccenda della Detenuta - aveva portato a casa il pacchetto con le sue mani - dice di non sapere che aveva trovato due veli neri nel pacchetto, anche se era venuta il giorno dopo e chiesto al Testimone se rammentava di averle venduta un velo nero al che lui aveva risposto di sì, e lei poi aveva detto che il Testimone doveva fare molta attenzione, considerato quello che era successo di recente a Mrs. Leigh Perrot - aveva portato indietro un velo e gliel'aveva consegnato. Il Collegio di difesa rammentò poi al Testimone di aver detto che non aveva mai incartato merce in più di quanta ne aveva venduta, al che lui aveva replicò, "Di questo non so nulla, ho avuto indietro il velo nero, ma non ero obbligato a crederlo solo perché la signora mi aveva detto così - non credevo di avercelo messo io." Quando gli fu chiesto se avrebbe preso indietro il velo se non fosse stato del negozio, il Testimone disse di no, e che sapeva che il velo era del negozio - il Testimone non aveva detto alla signora che lui non l'aveva incartato - non ricorda quello che le ha detto - pensa di ricordare che le aveva detto di non essere stato lui a incartarlo - non sa altro - conosce diverse persone di nome Kent - non ne ricorda nessuna con quel nome in affari con il negozio di Miss Gregory - non ricorda una signora che aveva acquistato dei guanti qualche giorno prima che venisse Mrs. Leigh Perrot, né che qualche signora fosse venuta a lamentare di aver avuto più guanti di quanti ne aveva comprati - né per quanto riguarda era mai successa una cosa del genere - non può giurarlo con certezza - dice di non ricordarsi di una signora venuta due giorni prima di Mrs. Leigh Perrot per fare una lamentela del genere - Ci sono pochi clienti in quel periodo dell'anno - non ricorda quella circostanza - in generale ci sono così tanti clienti che è difficile ricordarsi - in quel periodo non ce n'erano moltissimi. Dopo che il Collegio di difesa gli aveva fatto notare la contraddizione di aver detto prima che c'erano pochi clienti e poi di aver parlato di così tanti, il Testimone aveva aggiunto che sebbene in quel periodo non ne new fossero moltissimi, ce n'erano così tanti da non permettergli di rammentare - dice di aver messo il marchio al pizzo bianco, e una volta tornato indietro e guardato nella scatola, aveva notato un vuoto nell'angolo in cui l'aveva lasciato - quindi ricordava di avercelo messo - sicuramente era nell'angolo sinistro - quando aveva visto la mano sinistra della Detenuta nella scatola, Miss Raines e Miss Leeson erano in negozio - Miss Gregory era uscita . Miss Raines a un'estremità del negozio stava lavorando con l'ago - non c'era alcun cliente in negozio - Miss Leeson stava dietro a della mussolina a un'estremità del negozio con le spalle alla Detenuta.

D. Dunque affermate non solo di aver visto la mano di Mrs. Leigh Perrot nella scatola, ma di averle anche visto il cartoncino in mano sotto il mantello?

R. Sì, è così - l'ho visto distintamente pendere da sotto il mantello.

La Detenuta aveva un mantello nero - è sicuro - non un mantello lungo, ma che le arrivava appena ai gomiti - era sconosciuta al Testimone - passarono circa venti minuti o mezzora prima che la rivedesse - Mrs. Leigh Perrot non aveva messo il resto, portatole dal Testimone, nella borsa - di questo egli ne è certo. Quando gli è stato chiesto se in risposta alla domanda della Detenuta se Mrs. Smith sarebbe venuta in negozio, egli avesse detto che quello non era il suo negozio, il Testimone dice di non aver detto questo. La distanza tra i Paragon Buildings (dove abitava la Detenuta) e Bath Street è di circa un quarto di miglio - quando era successo tutto ciò il Testimone aveva visto la Detenuta in una strada vicino all'Abbey Church - non sa altro che c'era stato tutto il tempo per essere arrivata a casa se l'avesse voluto - il Testimone dice che quando era andato in cucina da Miss Gregory, ci era rimasto per quattro o cinque minuti, e che quando era risalito aveva visto Miss Gregory con il cartoncino in mano - che lei l'aveva chiamato - dice che era rimasto in cucina da quando era sceso fino a quando Miss Gregory l'aveva chiamato.

Durante il riesame, da parte di Mr. Gibbs, il Testimone ha detto che non era in grado di precisare il periodo di tempo trascorso tra una circostanza e l'altra - che stava mangiando in cucina e che quando era salito aveva trovato Miss Gregory con il cartoncino in mano - non ricorda di aver mai tirato fuori due veli per Miss Belgrave - né che lei ne aveva avuti due in negozio - il velo comprato da Miss Belgrave era stato acquistato dopo la faccenda di Mrs. Leigh Perrot - Miss Belgrave era venuta a comprare il velo nel pomeriggio - solo uno era stato restituito ed era stato dato a lui - dice di non ricordare di aver mai tirato fuori cinque paia di guanti invece di quattro - di ricordare che il cartoncino era stato messo nell'angolo sinistro della scatola - che era un cartoncino nuovo, e lo sapeva perché era stato l'ultimo messo nella scatola - è certo di aver lasciato il cartoncino di pizzo bianco nell'angolo della scatola che aveva trovato vuoto - ed è certo di averlo lasciato lì quando era andato a misurare il pizzo nero per la Detenuta - è certo che dal momento in cui era andato a servire Mrs. Leigh Perrot con il pizzo nero non era mai stato vicino al posto in cui era stato lasciato il pizzo bianco - dice di essere anche certo che mentre la Detenuta era rimasta in negozio non aveva messo in un borsellino il denaro che aveva ricevuto di resto per la banconota - che le sole due persone rimaste in negozio erano Raines e Leeson.

Sarah Raines, prestato giuramento, interrogata da Mr. Burrough. Era apprendista da Miss Gregory - ricorda che l'8 agosto Mrs. Leigh Perrot era venuta in negozio - ed era andata a un'estremità del negozio - Miss Gregory era con la Testimone - Filby era all'altra estremità del negozio - Mrs. Leigh Perrot era arrivata all'estremità del negozio [di fronte ad A] dietro al tavolo [D] del bancone di destra - si era rivolta a Miss Gregory e aveva chiesto di guardare il pizzo nero che aveva visto il giorno prima - Miss Gregory era andata a prendere il pizzo - che era a un'estremità del bancone sul lato sinistro - la Testimone non aveva sentito che cosa si erano dette - aveva messo via i pizzi neri e messo la scatola dietro di sé - la Testimone poi era rimasta a un'estremità del bancone di sinistra, dietro di esso, e sotto la traversa di ottone - Filby era vicino a lei sulla destra - la Testimone stava mettendo via i pizzi, e lui misurava il pizzo nero comprato dalla Detenuta - la Testimone era rimasta fino a quando lui aveva finito di misurare - egli aveva messo quello che aveva misurato in un cartoncino e l'aveva avvolto nella carta - lei non sapeva il posto da dove lui avesse preso la carta, ma solo che gli era molto vicino, dato che non si era mosso dal posto in cui stava per prenderla - la Testimone l'aveva visto sistemarlo mentre proseguiva sulla sua destra - l'aveva avvolto nella carta - la Testimone l'aveva visto fare così - nella carta non c'era nient'altro - la Testimone non aveva fatto caso a come l'avesse avvolto - lui stava per consegnarlo nelle mani della Detenuta quando la Testimone l'aveva visto - poi la Testimone era andata in fondo al negozio e si era messa seduta a cucire - Filby non si era scostato da lei per tutto il tempo in cui lei stava sistemando il pizzo nero, ed era a meno di mezza iarda da lei - prima che lei si allontanasse da Filby erano a circa quattro iarde dalla scatola del pizzo bianco - Filby non si era spostato nemmeno fino alla fine della traversa - la Testimone aveva visto Mrs. Leigh Perrot uscire dal negozio, ma non aveva visto Filby darle il resto della banconota - aveva visto Miss Gregory scendere non appena consegnato il resto a Filby - subito dopo aver parlato con la Testimone Filby era sceso, il che era avvenuto subito dopo che la Detenuta era uscita dal negozio - poi Miss Gregory era salita ed era andata alla porta, e subito dopo era uscita - potevano essere passati circa dieci minuti prima che Miss Gregory salisse dalla cucina - Filby non era salito in negozio fino a quando il pizzo non era stato preso alla Detenuta - la Testimone aveva visto la carta del pizzo bianco in mano a Miss Gregory dopo che era stata in strada - la Testimone giura di essere certa che Filby aveva messo solo il pizzo nero nel pacchetto - che Filby era sempre particolarmente nel fare i pacchetti.

Controinterrogata da Mr. Jeckyll. - Era apprendista da circa un anno - era in rapporto con Mr. Lamb (uno dei curatori fallimentari di Smith) - stava lavorando quando Mrs. Leigh Perrot era entrata nel negozio - non appena il pizzo venne messo via la Testimone era tornata al lavoro - che per tutto il tempo che era stata lontana dal lavoro era stata impegnata nel mettere via il pizzo nero il che aveva assorbito quasi tutta la sua attenzione - ammette che non c'era stato nulla che avesse attratto la sua attenzione nel modo in cui Filby aveva sistemato il pizzo nero, e che lo vede tutti i giorni sistemare pacchetti - che in quel momento non aveva fatto particolare attenzione a lui, né in particolare aveva visto da dove aveva preso la carta per avvolgere il pacchetto - che la Testimone era comparsa davanti al sindaco che l'aveva interrogata, ma non crede che lui abbia trascritto l'interrogatorio - dice di non aver visto il resto consegnato a Mrs. Leigh Perrot, né le ha visto in mano un borsellino mentre era in negozio - che era al servizio di Miss Gregory, ma non in pianta stabile.

D. del Giudice. Dite che egli non mise alcun pizzo bianco nel pacchetto insieme a quello nero, come potevate saperlo visto che non l'avevate osservato in modo particolare?

R. L'avevo visto metterci solo il pizzo nero.

D. Di questo ne siete certa?

R. Sì, milord.

Chiusa così la parte riservata all'accusa, il Giudice si era rivolto alla Detenuta e le aveva detto che era arrivato il momento giusto per parlare a sua difesa. - Dopo una breve pausa Mrs. Leigh Perrot aveva provato a rivolgersi alla Corte, ma dopo aver pronunciato alcune frasi si era talmente agitata che le era mancata la voce, e a Mr. Jeckyll, uno dei suoi patrocinanti, fu chiesto di ripetere alla Corte ciò che ella voleva comunicare. Lei allora dettò quanto segue:

Milord e Signori della Giuria,

sono stata informata dai miei avvocati, che non è loro permesso di esporvi delle osservazioni sul mio caso. Le circostanze di esso non rendono necessario intrattenervi a lungo, coglierò quindi questa occasione per disturbarvi con poche parole.

Collocata in una delle più vantaggiose posizioni a cui ogni donna possa ambire, con mezzi talmente ampi da restare facoltosa anche dopo aver soddisfatto ogni desiderio - benedetta dall'affetto di un marito che è il più generoso degli uomini, che cosa avrebbe potuto indurmi a commettere un crimine del genere? Dev'essere davvero corrotto un animo che in tali circostanze può rendersi così colpevole.

Sentirete dai miei nobili e rispettabili amici quale sia stata la mia condotta e la mia reputazione per una lunga serie di anni; sentirete quale è stata, e quale è ora la loro opinione su di me. Potete forse immaginare una mente così completamente alterata, tanto da perdere ogni memoria della mia condizione nella società, da compromettere per questa piccolezza il mio nome e la mia reputazione, o di mettere a repentaglio la salute e la tranquillità di un marito per il quale morire?

Avete ascoltato le testimonianze contro di me. Non le commenterò - lascerò quei discorsi dove sono certa che saranno trattati con giustizia e misericordia. So che in questo caso il mio giuramento è inammissibile, ma mi chiamo quel Dio che tutti noi adoriamo a certificare la mia innocenza da questa accusa, e possa egli ricompensarmi o punirmi se dico il vero o il falso nel negarla. Chiamo quel Dio a testimoniare che non sapevo di avere in mio possesso quel pizzo, né lo sapevo quando Miss Gregory mi si è avvicinata in strada. Non ho null'altro da aggiungere.

Testimonianze a favore della Detenuta.

John Crouch prestato giuramento, interrogato da Mr. Bond. Dice di essere prestatore su pegno e argentiere, e di vivere a Cripplegate, Londra - che conosce Filby e il fratello, e che hanno entrambi fatto affari con la sua ditta negli anni 1793 e 1794, immagina che Filby fosse un merciaio dato che da lui prendeva merceria - che da allora non aveva più rapporti con lui, e che ritiene che Charles Filby (il Testimone) non abbia fatto affari con lui più di una volta.

Miss Blagrave prestato giuramento, interrogata da Mr. Bond. Dice che lo scorso agosto era a Bath - conosce il negozio di Smith - ci è andata il 19 settembre scorso, alle cinque del pomeriggio, per comprare un velo, e lo aveva avuto avvolto nella carta - aveva pagato per un velo - l'aveva avuto da un commesso alto - dice di riconoscere Filby se lo vede - lei aveva messo il pacchetto in tasca, e non l'aveva aperto fino all'arrivo a casa - una volta nel suo alloggio aveva scoperto che nella carta c'erano due veli - era tornato nel negozio il giorno dopo alle due, aveva restituito il velo a Filby, e gli aveva chiesto se si ricordava che lei aveva comprato un velo, al che lui aveva detto di sì - dice che poi gli aveva restituito il velo, e gli aveva detto che gliene aveva dati due - che lui l'aveva preso e aveva detto di esserle grato e che non si era accorto che mancava.

Controinterrogata da Mr. Gibbs, la Testimone ha detto che non conosceva Mrs. Leigh Perrot, che non l'aveva mai vista e non aveva mai parlato con lei - la Testimone dice che non è mai stata accusata di aver rubato il velo.

Mrs. Mary Kent prestato giuramento, interrogata da Mr. Jekyll. Dice di risiedere talvolta a Bath - che all'inizio dello scorso agosto è andata nel negozio di Miss Gregory - ha comprato quattro paia di guanti e li ha pagati - che non è sicura di chi l'abbia servita, ma ritiene che fosse la sorella di Mrs. Smith - che erano in un pacchetto che aveva portato lei stessa a casa, ma non l'aveva aperto fino al giorno successivo al suo ritorno a casa - che poi era tornata nel negozio e aveva visto la stessa persona.

George Vansittart, esquire, Membro del Parlamento per il Berkshire, prestato giuramento, interrogato da Mr. Pell. Dice di conoscere la Detenuta dall'autunno del 1776, che per diversi anni ha abitato a poche miglia da Mrs. Leigh Perrot, che allora viveva nel Berkshire - che c'erano rapporti frequenti tra le loro famiglie, e che da tutto ciò che egli aveva saputo o sentito dire della sua condotta e della sua reputazione durante il periodo in cui l'aveva frequentata, la riteneva essere una persona di principi onorevoli e religiosi, e incapace di qualsiasi atto disonesto - che credeva che Mr. Leigh Perrot fosse una persona con proprietà considerevoli.

Lord Braybroke prestato giuramento, interrogato da Mr. Bond. Conosceva la Detenuta fin dall'inizio in cui era vissuta nel Berkshire, ovvero trent'anni addietro - che egli viveva a poche miglia da loro, faceva visita alla famiglia e li conosceva bene - che aveva sempre considerato il carattere di Mrs. Leigh Perrot del tutto onorevole e irreprensibile, e che non conosceva alcuna famiglia nei dintorni che fosse più rispettata - aveva sempre considerato Mr. Leigh Perrot un uomo abbiente, e credeva che non avessero mai avuto figli.

Francis Annefley, esquire, Membro del Parlamento per Reading nel Berkshire, prestato giuramento, interrogato da Mr. Dallas. Conosce Mr. e Mrs. Leigh Perrot da trent'anni - era solito pranzare da loro quattro o cinque volte ogni estate - viveva a circa sei miglia da loro - la sua reputazioni nel vicinato era rispettabile - era molto amata e nessuno avrebbe mai immaginato che potesse fare qualcosa di disonorevole.

John Grant, esquire, prestato giuramento, interrogato da Mr. Jekyll. Conosce Mr. Leigh Perrot e la moglie da ventisei anni - prima nel Berkshire, a circa quattro miglia da casa sua - c'era la costante abitudine di fare visita e di pranzare spesso dall'uno o dall'altro - lei aveva un ottimo carattere e tutti loro consideravano sia la moglie che il marito come la coppia più affezionata del vicinato - e il Testimone pensa davvero che non ci fosse nemmeno un vicino nell'intera contea che potesse avere il minimo sospetto che Mrs. Leigh Perrot fosse capace di commettere un'azione disonesta. Avevano un considerevole patrimonio, e nel loro modo di vivere non c'era mai stata una qualche apparenza di meschinità.

Rev. Mr. Nind, prestato giuramento, interrogato da Mr. Pell. - È vicario a Wargrave, Berkshire, nella stessa parrocchia della residenza di Mr. Leigh Perrot, e a circa due miglia e un quarto da essa - il Testimone si è stabilito lì nell'anno 1784, ed è stato in stretti rapporti con la Detenuta e il marito per dodici o tredici anni - che li frequentava spesso - che nessuno veniva in chiesa con più regolarità di loro, e il Testimone ha sempre pensato che lei fosse una signora estremamente rispettabile - che ha sempre considerato lei e il marito come un esempio per i suoi parrocchiani circa i doveri morali e religiosi - che non ha mai ritenuto possibile che potesse rendersi colpevole di azioni del genere.

Rev. Mr. Wake, prestato giuramento, interrogato da Mr. Bond. - Dice di essere curato nella parrocchia in cui abita Mr. Leigh Perrot - che ha avuto stretti rapporti con lui per otto o nove anni - che Mr. Leigh Perrot ha lasciato la sua casa di campagna a causa di problemi di salute - che dal momento in cui il Testimone è diventato curato della parrocchia, Mr. e Mrs. Leigh Perrot hanno frequentato costantemente la chiesa - che è sempre stato particolarmente lieto di vederli in chiesa nel pomeriggio, quando pochissime persone salvo commercianti e servitori frequentano la chiesa - è stato sempre molto soddisfatto dell'impeccabile condotta in chiesa di Mrs. Leigh Perrot, e ha spesso detto che sarebbe stata l'ultima persona della parrocchia che avrebbe ritenuto capace di commettere un'azione del genere.

Winthorpe Baldwin, esquire, prestato giuramento, interrogato da Mr. Dallas. Vive a Bath, e conosce la Detenuta da diversi anni, l'ha frequentata spesso, e conosce bene sia lei che il marito - di lei non ha mai sentito dire altro se non circa il suo modo esemplare di comportarsi - che era affezionata al marito, non era affatto incline a leggerezze o stravaganza, e sarebbe l'ultima persona che riterrebbe capace di qualcosa del genere.

William Hayward Winstone, esquire, prestato giuramento, interrogato, da Mr. Jekyll. Vive a Bath - conosce la Detenuta da cinque anni, e ha stretti rapporti con la famiglia - che ha sempre saputo come fosse una donna della massima onorabilità, e che non c'è nessuno di sua conoscenza che riterrebbe meno probabile possa fare un'azione di quel tipo.

Dottor Mapleton prestato giuramento, interrogato da Mr. Pell. Conosce la Detenuta da circa trent'anni, ha sempre goduto di una eccellente reputazione dovunque sia stata.

Mrs. Winstone, moglie di W. H. Winstone, esquire, prestato giuramento, interrogata da Mr. Bond. Vive a Bath, conosce la Detenuta da quattro o cinque anni, ed è in stretti rapporti con lei; non conosce una persona più discreta e rispettabile, e che se non fosse stata di questa opinione non sarebbe apparsa in pubblico nel posto in cui stava. (1)

Mrs. Cholmondeley prestato giuramento, interrogata da Mr. Dallas. Conosce intimamente la Detenuta da quarant'anni, e dice che ha sempre goduto di una eccellente reputazione.

Mr. Thomas Coward prestato giuramento, interrogato da Mr. Jekyll. È negoziante di tessuti a Bath - conosce la Detenuta da otto o nove anni - ha alloggiato per sei mesi in casa sua - è cliente del suo negozio, ed egli la ritiene una persona con una reputazione ottima e impeccabile.

Mr. William Lansdale prestato giuramento, interrogato da Mr. Pell. È merciaio a Bath - conosce la Detenuta da quattro anni, dice che è stata molte volte nel suo negozio, e che la ritiene una persona della massima onorabilità.

Mr. Wright prestato giuramento, interrogata sa Mr. Bond. È gioielliere a Bath - conosce la Detenuta da cinque anni - ha un'ottima opinione della sua reputazione, e la ritiene onestissima e irreprensibili nella sua condotta.

Qui è terminata la difesa della Detenuta.

Il Magistrato Mr. Lawrence prima di riepilogare le prove alla Giuria, ha precisato loro che sebbene il primo atto d'accusa dichiarasse il pizzo di proprietà di Elizabeth Gregory - sebbene il secondo fosse lo dichiarasse di proprietà di William Gye e Lacon Lamb (curatori fallimentari di William Smith) - il terzo di proprietà di William Smith - e il quarto lo dichiarasse di proprietà di Mary Smith, pure, ciò, ha detto, non era rilevante, essendo stato chiaramente provato essere di proprietà di Miss Gregory. Sua Signoria poi ha proceduto a riepilogare le testimonianze alla Giuria, con la massima accuratezza e precisione; nl corso di ciò si è soffermato in modo particolare su alcune parti rilevanti delle deposizioni dei testimoni. Ha osservato che erano state interamente provate le asserzioni dell'accusa, se si prestava fede a quanto era stato detto nelle deposizioni dei testimoni a sostegno della stessa. Sulla buona reputazione di Filby, sua Signoria ha osservato come ci fossero dei dubbi, ma le prove da lui fornite non erano state smentite, salvo in un punto di poca importanza, ovvero, l'aver egli giurato di non aver mai avuto rapporti con Crouch, il prestatore su pegno, laddove in seguito dalla deposizione di Crouch era emerso che Filby era stato una volta o forse due a casa sua per affari, otto o nove anni addietro.

Sua Signoria ha messo in luce in modo particolare la conferma della deposizione di Filby attraverso la testimonianza di Elizabeth Gregory, la querelante, e di Sarah Raines, la sua apprendista; la prima delle quali aveva giurato di aver visto Mrs. Leigh Perrot spostarsi nel negozio prima che Miss Gregory scendesse per il pranzo, e Miss Raines aveva giurato con certezza di aver notato in modo particolare il fatto che Filby avesse confezionato il pacchetto del pizzo nero, e lo avesse consegnato nelle mani della Detenuta, e che in esso non aveva messo null'altro che il pizzo nero.

Era impossibile, ha detto sua Signoria, che chiunque potesse avere una reputazione migliore della Detenuta - come detto da Lord Braybroke - da Mr. Vansittart, deputato del Berks - da Mr. Annesley, deputato di Reading - da una serie di altre persone della massima rispettabilità, e dai negozianti con i quali ella aveva avuto rapporti a Bath; ma questo se i membri della Giuria fossero soddisfatti dalle prove, e credessero ai testimoni dell'accusa, questa reputazione non le dovrebbe giovare; e per quanto potesse essere stata esemplare la sua condotta passata, sarebbero tenuti a dichiararla colpevole.

Da parte della Detenuta, sua Signoria ha osservato, che il fatto di essere tornato indietro passando vicino al negozio di Miss Gregory, con in mano il pacchetto contenente il pizzo, dopo così poco tempo da quando se ne era andata, quando era accertato attraverso la testimonianza di Filby che era trascorso abbastanza tempo perché lei tornasse a casa a nasconderlo, se avesse voluto farlo, non sembra certo il modo di fare di una persona colpevole, poiché i ladri sono soliti celare e mettere al sicuro i beni che hanno rubato. L'agitazione della Detenuta, quando avvicinata in strada da Miss Gregory, e il suo "arrossita fino a diventare scarlatta" non dovrebbe, ha osservato, essere interpretata come un segno di colpevolezza, poiché ove chiunque fosse all'improvviso fermato nella pubblica via, e tacciato di aver commesso un crimine così atroce, un'accusa del genere, per quanto consapevole si possa essere della propria innocenza, produrrebbe, con tutta probabilità, un effetto simile a quanto descritto dalla testimone.

Dalla deposizione di Mrs. Blagrave si evince come Filby avesse una volta sbagliato nel mettere due veli nel pacchetto a lei destinato, quando lei ne aveva comprato solo uno.

Mrs. Mary Kent, ha detto sua Signoria, ha anche dichiarato di aver ricevuto cinque paia di guanti invece di quattro, ma visto che nel negozio fu servita da una commessa, e non da Filby, la sua deposizione lo mette fuori questione.

Se prendendo in considerazione tutte le circostanze del caso i membri della Giuria dovessero trovare qualche motivo per non credere ai testimoni dell'accusa, o che li portasse a dubitare della colpevolezza della Detenuta, dovrebbero rammentare l'ottima reputazione che le è stata riconosciuta, e in questo caso ciò dovrebbe farli pendere molto verso un'assoluzione.

La Giuria dopo essersi consultata per circa quindici minuti ha emesso un verdetto di Non Colpevolezza.

Thomas Norris, Tipografo,
White-lion-court, Taunton.

(1) Mrs. Winstone e Mrs. Cholmondeley sono rimaste alla sbarra insieme alla Detenuta per tutta la durata del processo.

indici e testi vari     |     home page