Jane Austen

I Watson
traduzione di Giuseppe Ierolli

indice altre opere     |     home page

Il titolo "The Watsons", non presente nel manoscritto, è quello attribuito dal nipote di JA, James-Edward Austen-Leigh, nella seconda edizione della sua biografia della zia: A Memoir of Jane Austen, 1871, dove il testo fu pubblicato per la prima volta.
Nel manoscritto non c'è né divisione in capitoli, né indicazione di capoversi; questi ultimi sono stati inseriti per facilitare la lettura. Ho inserito alcune interruzioni per rendere più agevole il confronto con il testo a fronte, vista la maggiore lunghezza della traduzione italiana.
Il manoscritto è diviso in due parti, che si trovano alla Morgan Library & Museum, a New York, e alla Bodleian Library dell'Università di Oxford; può essere consultato, insieme alla trascrizione, nel sito che raccoglie tutti i manoscritti esistenti delle opere austeniane (escluse le lettere):
Jane Austen Fiction Manuscripts


Personaggi

The Watsons


The first winter assembly in the town of D. in Surrey was to be held on Tuesday, October 13th, and it was generally expected to be a very good one; a long list of country families was confidently run over as sure of attending, and sanguine hopes were entertained that the Osbornes themselves would be there. - The Edwards's invitation to the Watsons followed, of course. The Edwardses were people of fortune who lived in the town and kept their coach; the Watsons inhabited a village about three miles distant, were poor, and had no close carriage; and ever since there had been balls in the place, the former were accustomed to invite the latter to dress, dine and sleep at their house, on every monthly return throughout the winter. - On the present occasion, as only two of Mr. Watson's children were at home, and one was always necessary as companion to himself, for he was sickly and had lost his wife, one only could profit by the kindness of their friends; Miss Emma Watson, who was very recently returned to her family from the care of an aunt who had brought her up, was to make her first public appearance in the neighbourhood; - and her eldest sister, whose delight in a ball was not lessened by a ten years enjoyment, had some merit in cheerfully undertaking to drive her and all her finery in the old chair to D. on the important morning. -

As they splashed along the dirty lane Miss Watson thus instructed and cautioned her inexperienced sister. -

"I dare say it will be a very good ball, and among so many officers, you will hardly want partners. You will find Mrs. Edwards's maid very willing to help you, and I would advise you to ask Mary Edwards's opinion if you are at all at a loss for she has a very good taste. - If Mr. Edwards does not lose his money at cards, you will stay as late as you can wish for; if he does, he will hurry you home perhaps - but you are sure of some comfortable soup. - I hope you will be in good looks -. I should not be surprised if you were to be thought one of the prettiest girls in the room, there is a great deal in novelty. Perhaps Tom Musgrave may take notice of you - but I would advise you by all means not to give him any encouragement. He generally pays attention to every new girl, but he is a great flirt and never means anything serious."

"I think I have heard you speak of him before," said Emma. "Who is he?"

"A young man of very good fortune, quite independent, and remarkably agreeable, an universal favourite wherever he goes. Most of the girls hereabout are in love with him, or have been. I believe I am the only one among them that have escaped with a whole heart, and yet I was the first he paid attention to, when he came into this country, six years ago; and very great attention indeed did he pay me. Some people say that he has never seemed to like any girl so well since, though he is always behaving in a particular way to one or another." -

"And how came your heart to be the only cold one? -" said Emma smiling.

"There was a reason for that -" replied Miss Watson, changing colour. - "I have not been very well used Emma among them. I hope you will have better luck." -

"Dear sister, I beg your pardon, if I have unthinkingly given you pain." -

"When first we knew Tom Musgrave," continued Miss Watson without seeming to hear her, "I was very much attached to a young man of the name of Purvis, a particular friend of Robert's, who used to be with us a great deal. Every body thought it would have been a match."

A sigh accompanied these words, which Emma respected in silence -; but her sister, after a short pause, went on -

"You will naturally ask why it did not take place, and why he is married to another woman, while I am still single. - But you must ask him - not me - you must ask Penelope. - Yes Emma, Penelope was at the bottom of it all. - She thinks everything fair for a husband; I trusted her, she set him against me, with a view of gaining him herself, and it ended in his discontinuing his visits and soon after marrying somebody else. - Penelope makes light of her conduct, but I think such treachery very bad. It has been the ruin of my happiness. I shall never love any man as I loved Purvis. I do not think Tom Musgrave should be named with him in the same day. -"

"You quite shock me by what you say of Penelope -" said Emma. "Could a sister do such a thing? - Rivalry, treachery between sisters! - I shall be afraid of being acquainted with her - but I hope it was not so. Appearances were against her."

"You do not know Penelope. - There is nothing she would not do to get married - she would as good as tell you so herself. - Do not trust her with any secrets of your own, take warning by me, do not trust her; she has her good qualities, but she has no faith, no honour, no scruples, if she can promote her own advantage. - I wish with all my heart she was well married. I declare I had rather have her well-married than myself." -

"Than yourself! - Yes I can suppose so. A heart, wounded like yours, can have little inclination for matrimony." -

"Not much indeed - but you know we must marry. - I could do very well single for my own part - A little company, and a pleasant ball now and then, would be enough for me, if one could be young for ever, but my father cannot provide for us, and it is very bad to grow old and be poor and laughed at. - I have lost Purvis, it is true, but very few people marry their first loves. I should not refuse a man because he was not Purvis -. Not that I can ever quite forgive Penelope. -" Emma shook her head in acquiescence. -

"Penelope however has had her troubles -" continued Miss Watson. - "She was sadly disappointed in Tom Musgrave, who afterwards transferred his attentions from me to her, and whom she was very fond of; - but he never means anything serious, and when he had trifled with her long enough, he began to slight her for Margaret, and poor Penelope was very wretched -. And since then, she has been trying to make some match at Chichester; she won't tell us with whom, but I believe it is a rich old Dr. Harding, uncle to the friend she goes to see; - and she has taken a vast deal of trouble about him and given up a great deal of time to no purpose as yet. - When she went away the other day, she said it should be the last time. - I suppose you did not know what her particular business was at Chichester - nor guess at the object that could take her away from Stanton just as you were coming home after so many years' absence." -

"No indeed, I had not the smallest suspicion of it. I considered her engagement to Mrs. Shaw just at that time as very unfortunate for me. I had hoped to find all my sisters at home; to be able to make an immediate friend of each." -

"I suspect the Doctor to have had an attack of the asthma, - and that she was hurried away on that account - the Shaws are quite on her side. - At least I believe so - but she tells me nothing. She professes to keep her own counsel; she says, and truly enough, that 'Too many cooks spoil the broth'." -

"I am sorry for her anxieties," said Emma, - "but I do not like her plans or her opinions. I shall be afraid of her. - She must have too masculine and bold a temper. - To be so bent on marriage - to pursue a man merely for the sake of situation - is a sort of thing that shocks me; I cannot understand it. Poverty is a great evil, but to a woman of education and feeling it ought not, it cannot be the greatest. - I would rather be teacher at a school (and I can think of nothing worse) than marry a man I did not like."

"I would rather do any thing than be teacher at a school -" said her sister. "I have been at school, Emma, and know what a life they lead; you never have. - I should not like marrying a disagreeable man any more than yourself, - but I do not think there are many very disagreeable men; - I think I could like any good-humoured man with a comfortable income. - I suppose my aunt brought you up to be rather refined."

"Indeed I do not know. - My conduct must tell you how I have been brought up. I am no judge of it myself. I cannot compare my aunt's method with any other person's, because I know no other."

"But I can see in a great many things that you are very refined. I have observed it ever since you came home, and I am afraid it will not be for your happiness. Penelope will laugh at you very much."

I Watson


Il primo ballo invernale nella città di D., (1) nel Surrey, era in programma per martedì 13 ottobre, e tutti si aspettavano una bellissima serata; si contava sulla partecipazione di una lunga lista di famiglie della zona, e si nutrivano fiduciose speranze sulla presenza degli stessi Osborne. Ne seguì il consueto invito degli Edwards ai Watson. Gli Edwards erano una famiglia abbiente che viveva in città e aveva una carrozza propria; i Watson abitavano in un villaggio a circa tre miglia di distanza, erano poveri e non avevano una carrozza chiusa; da quando si organizzavano balli in città, i primi erano soliti invitare i secondi per abbigliarsi, pranzare e dormire a casa loro, in ogni appuntamento mensile nel corso dell'inverno. In questo caso, dato che solo due delle figlie di Mr. Watson erano a casa, e una era sempre necessaria per fargli compagnia, poiché era di salute cagionevole e aveva perso la moglie, solo una poteva approfittare della cortesia degli amici. Miss Emma Watson, tornata di recente in famiglia dopo essere stata affidata alle cure di una zia che l'aveva cresciuta, doveva fare la sua prima apparizione pubblica nel vicinato, e la sorella maggiore, per la quale il piacere di partecipare a un ballo non era diminuito dopo averne goduto per dieci anni, si fece onore nell'impegnarsi allegramente ad accompagnare per quell'importante giornata lei e i suoi vestiti migliori a D. col vecchio calessino.

Mentre sguazzavano lungo la stradina fangosa Miss Watson istruì e mise in guardia così la sorella inesperta.

"Credo proprio che sarà una bellissima serata, e tra così tanti ufficiali sarà difficile che ti manchino cavalieri. Vedrai che la cameriera di Mrs. Edwards sarà dispostissima a darti una mano, e se ti trovassi in difficoltà ti consiglio di chiedere l'opinione di Mary Edwards, perché ha molto gusto. Se Mr. Edwards non perde soldi a carte, resterete finché ne avrete voglia; se li perde, forse vi metterà fretta per tornare a casa, ma avrai di certo un buona zuppa. Spero che ti presenterai bene; non mi sorprenderei se ti ritenessero una delle ragazze più graziose in sala, la novità fa sempre effetto. Forse Tom Musgrave ti noterà, ma ti consiglio di non dargli nessun incoraggiamento. Generalmente fa la corte a ogni ragazza nuova, ma è un gran cascamorto e non ha mai intenzioni serie."

"Mi sembra di averti già sentito parlare di lui", disse Emma. "Chi è?"

"Un giovanotto molto ricco, del tutto indipendente e notevolmente simpatico, il beniamino di tutti dovunque vada. La maggior parte delle ragazze da queste parti sono innamorate di lui, o lo sono state. Credo di essere l'unica a esserne scampata con il cuore indenne, eppure sono stata la prima a cui ha fatto la corte, quando è arrivato qui sei anni fa; e di corte me ne ha fatta davvero tanta. Qualcuno dice che da allora non gli sia mai più piaciuta tanto nessuna ragazza, anche se ha sempre particolari attenzioni per l'una o per l'altra."

"E come mai il tuo cuore è stato l'unico a rimanere insensibile?" - disse Emma sorridendo.

"Una ragione c'è stata", rispose Miss Watson, cambiando colore. "Non mi sono mai trovata bene in mezzo alle altre, Emma. Spero che tu avrai più fortuna."

"Cara sorella, ti chiedo scusa, se non volendo ti ho dato pena."

"Quando conoscemmo Tom Musgrave per la prima volta", continuò Miss Watson apparentemente senza prestarle ascolto, "ero molto affezionata a un giovanotto di nome Purvis, un intimo amico di Robert, che era solito passare molto tempo con noi. Tutti pensavano che ci sarebbe stato un matrimonio."

Le parole furono accompagnate da un sospiro, che Emma rispettò in silenzio; ma la sorella, dopo una breve pausa, proseguì.

"Naturalmente ti chiederai perché non ebbe luogo, e perché si è sposato con un'altra donna, mentre io sono ancora nubile. Ma devi chiederlo a lui, non a me, devi chiederlo a Penelope. Sì, Emma, Penelope è stata la sola responsabile di tutto. Pensa che sia tutto lecito per avere un marito; io mi fidavo di lei, e lei lo metteva contro di me, allo scopo di accaparrarselo per sé, ed è finita che lui ha diradato le visite e poco dopo si è sposato con un'altra. Penelope minimizza la sua condotta, ma io giudico malissimo un tradimento del genere. È stata la rovina della mia felicità. Non ho mai più amato un uomo come amavo Purvis. Non credo che Tom Musgrave possa essere minimamente paragonato a lui."

"Quello che dici di Penelope mi sconvolge moltissimo", disse Emma. "Può una sorella fare una cosa simile? Rivalità, tradimento tra sorelle! Avrò paura di conoscerla; ma spero che non sia andata così. Le apparenze erano contro di lei."

"Tu non conosci Penelope. Non c'è nulla che non farebbe per sposarsi, lei stessa ti direbbe così. Non confidarle mai un segreto, prendi esempio da me, non fidarti di lei; ha le sue buone qualità, ma non conosce né lealtà, né onore, né scrupoli, se può trarne vantaggio. Mi auguro con tutto il cuore che faccia un buon matrimonio. Giuro che preferirei vedere ben maritata più lei di me stessa."

"Di te stessa! Sì posso immaginarlo. Un cuore ferito come il tuo può essere poco propenso al matrimonio."

"Non molto infatti, ma lo sai che dobbiamo sposarci. Per quanto mi riguarda starei benissimo da nubile. Un po' di compagnia, e un bel ballo di tanto in tanto, mi basterebbero, se si potesse restare giovani per sempre, ma nostro padre non può provvedere a noi, ed è molto brutto diventare vecchie ed essere povere e derise. Ho perduto Purvis, è vero, ma pochissimi sposano il primo amore. Non rifiuterei un uomo perché non è Purvis. Non che io possa mai perdonare completamente Penelope." Emma scosse la testa in segno di approvazione.

"Comunque Penelope ha avuto i suoi guai", continuò Miss Watson. "Ha avuto una grossa delusione con Tom Musgrave, che in seguito aveva spostato la sua attenzione da me a lei, e che le piaceva molto; ma lui non ha mai avuto intenzioni serie, e dopo avere per un po' preso in giro lei, ha iniziato a trascurarla per Margaret, e la povera Penelope ne ha sofferto molto. E da allora, sta cercando di trovare marito a Chichester; non vuole dirci chi è, ma credo che sia un certo Dr. Harding, vecchio e ricco, zio degli amici che va a trovare; e finora si è data un gran da fare con lui, e ha sprecato un sacco di tempo senza nessun risultato. L'altro giorno, quando è andata via, ha detto che sarebbe stata l'ultima volta. Suppongo che tu non sapessi qual era la faccenda precisa che la portava a Chichester, né potessi immaginare che cosa fosse capace di condurla via da Stanton proprio quando tu stavi arrivando dopo così tanti anni di assenza."

"No davvero, non ne avevo il minimo sospetto. Ho ritenuto una vera sfortuna per me che proprio in quel periodo avesse un impegno con Mrs. Shaw. Avevo sperato di trovare tutte le mie sorelle a casa, di poter fare subito amicizia con ognuna di loro."

"Sospetto che il dottore abbia avuto un attacco d'asma, e che lei sia partita in fretta per questo motivo; gli Shaw stanno completamente dalla parte di nostra sorella. Almeno lo credo, ma lei non mi dice nulla. Afferma di voler decidere da sola; dice, e non ha tutti i torti, che «Troppi cuochi guastano la minestra»."

"Mi dispiace per le sue preoccupazioni", disse Emma, "ma non mi piacciono i suoi piani e le sue opinioni. Avrò timore di lei. Deve avere un temperamento troppo mascolino e sfacciato. Essere così fissata col matrimonio, dare la caccia a un uomo per la sua posizione, è qualcosa che mi sconvolge; non riesco a capirlo. La povertà è una brutta cosa, ma per una donna istruita e sensibile non dovrebbe, non può essere la peggiore. Preferirei insegnare in una scuola (e non riesco a pensare a nulla di peggio) piuttosto che sposare un uomo che non mi piace."

"Io preferirei fare qualsiasi altra cosa piuttosto che insegnare in una scuola", disse la sorella. "Io ci sono stata a scuola, Emma, e so che vita fanno le insegnanti; tu non ci sei mai stata. Non mi piacerebbe sposare un uomo sgradevole tanto quanto non piace a te, ma non credo che ci siano molti uomini veramente sgradevoli; credo che potrei farmi piacere qualsiasi uomo di buon carattere e con un reddito adeguato. Immagino che la zia ti abbia educata a essere piuttosto raffinata."

"Non lo so davvero. Come sono stata educata deve dirlo il mio comportamento. Non devo giudicarlo io. Non posso paragonare il metodo della zia con quello di un'altra persona, perché non ne conosco altri."

"Ma io lo vedo in una gran quantità di cose che sei molto raffinata. L'ho notato da quando sei arrivata, e temo che la cosa non farà la tua felicità. Penelope ti prenderà in giro tantissimo."

"That will not be for my happiness I am sure. - If my opinions are wrong, I must correct them - if they are above my situation, I must endeavour to conceal them. - But I doubt whether ridicule - Has Penelope much wit?"

"Yes - she has great spirits, and never cares what she says."

"Margaret is more gentle, I imagine?" -

"Yes - especially in company; she is all gentleness and mildness when anybody is by. - But she is a little fretful and perverse among ourselves. - Poor creature! - she is possessed with the notion of Tom Musgrave's being more seriously in love with her, than he ever was with any body else, and is always expecting him to come to the point. This is the second time within this twelvemonth that she has gone to spend a month with Robert and Jane on purpose to egg him on, by her absence - but I am sure she is mistaken, and that he will no more follow her to Croydon now than he did last March. - He will never marry unless he can marry somebody very great; Miss Osborne perhaps, or something in that style. -"

"Your account of this Tom Musgrave, Elizabeth, gives me very little inclination for his acquaintance."

"You are afraid of him, I do not wonder at you." -

"No, indeed - I dislike and despise him."

"Dislike and despise Tom Musgrave! No, that you never can. I defy you not to be delighted with him if he takes notice of you. - I hope he will dance with you - and I dare say he will, unless the Osbornes come with a large party, and then he will not speak to any body else. -"

"He seems to have most engaging manners!" - said Emma. - "Well, we shall see how irresistible Mr. Tom Musgrave and I find each other. - I suppose I shall know him as soon as I enter the ball-room; - he must carry some of his charm in his face."-

"You will not find him in the ball-room I can tell you. You will go early that Mrs. Edwards may get a good place by the fire, and he never comes till late; if the Osbornes are coming, he will wait in the passage, and come in with them. - I should like to look in upon you, Emma. If it was but a good day with my father, I would wrap myself up, and James should drive me over, as soon as I had made tea for him, and I should be with you by the time the dancing began."

"What! would you come late at night in this chair?" -

"To be sure I would. - There, I said you were very refined; - and that's an instance of it."

Emma for a moment made no answer - at last she said - "I wish, Elizabeth, you had not made a point of my going to this ball, I wish you were going instead of me. Your pleasure would be greater than mine. I am a stranger here, and know nobody but the Edwardses - my enjoyment therefore must be very doubtful. Yours among all your acquaintance would be certain. - It is not too late to change. Very little apology could be requisite to the Edwardses, who must be more glad of your company than of mine, and I should most readily return to my father; and should not be at all afraid to drive this quiet old creature home. Your clothes I would undertake to find means of sending to you." -

"My dearest Emma," cried Elizabeth warmly - "do you think I would do such a thing? - Not for the universe - but I shall never forget your good-nature in proposing it. You must have a sweet temper indeed! - I never met with any thing like it! - And would you really give up the ball, that I might be able to go to it? - Believe me Emma, I am not so selfish as that comes to. No; though I am nine years older than you are, I would not be the means of keeping you from being seen. - You are very pretty, and it would be very hard that you should not have as fair a chance as we have all had, to make your fortune. - No, Emma, whoever stays at home this winter, it shan't be you. I am sure I should never have forgiven the person who kept me from a ball at nineteen."

Emma expressed her gratitude, and for a few minutes they jogged on in silence. - Elizabeth first spoke. -

"You will take notice who Mary Edwards dances with." -

"I will remember her partners if I can - but you know they will be all strangers to me."

"Only observe whether she dances with Captain Hunter, more than once; I have my fears in that quarter. Not that her father or mother like officers, but if she does, you know, it is all over with poor Sam. - And I have promised to write him word who she dances with."

"Is Sam attached to Miss Edwards?" -

"Did not you know that?" -

"How should I know it? - How should I know in Shropshire, what is passing of that nature in Surrey? - It is not likely that circumstances of such delicacy should make any part of the scanty communication which passed between you and me for the last fourteen years."

"I wonder I never mentioned it when I wrote. Since you have been at home, I have been so busy with my poor father and our great wash that I have had no leisure to tell you anything - but indeed I concluded you knew it all. - He has been very much in love with her these two years, and it is a great disappointment to him that he cannot always get away to our balls - but Mr. Curtis won't often spare him, and just now it is a sickly time at Guilford -"

"Do you suppose Miss Edwards inclined to like him?"

"I am afraid not: you know she is an only child, and will have at least ten thousand pounds." -

"But still she may like our brother."

"Oh, no -. The Edwardses look much higher. Her father and mother would never consent to it. Sam is only a surgeon you know. - Sometimes I think she does like him. But Mary Edwards is rather prim and reserved; I do not always know what she would be at."

"Unless Sam feels on sure grounds with the lady herself, it seems a pity to me that he should be encouraged to think of her at all."

"A young man must think of somebody," said Elizabeth - "and why should not he be as lucky as Robert, who has got a good wife and six thousand pounds?"

"We must not all expect to be individually lucky," replied Emma. "The luck of one member of a family is luck to all. -"

"Mine is all to come I am sure -" said Elizabeth, giving another sigh to the remembrance of Purvis. - "I have been unlucky enough, and I cannot say much for you, as my aunt married again so foolishly. - Well - you will have a good ball I dare say. The next turning will bring us to the turnpike. You may see the church tower over the hedge, and the White Hart is close by it. - I shall long to know what you think of Tom Musgrave."

Such were the last audible sounds of Miss Watson's voice, before they passed through the turnpike gate, and entered on the pitching of the town - the jumbling and noise of which made farther conversation most thoroughly undesirable. - The old mare trotted heavily on, wanting no direction of the reins to take the right turning, and making only one blunder, in proposing to stop at the milliners, before she drew up towards Mr. Edwards's door. - Mr. Edwards lived in the best house in the street, and the best in the place, if Mr. Tomlinson the banker might be indulged in calling his newly erected house at the end of the town, with a shrubbery and sweep, in the country. - Mr. Edwards's house was higher than most of its neighbours, with windows on each side the door, the windows guarded by posts and chain, and the door approached by a flight of stone steps. -

"Here we are -" said Elizabeth, as the carriage ceased moving - "safely arrived; - and by the market clock, we have been only five and thirty minutes coming - which I think is doing pretty well, though it would be nothing for Penelope. - Is not it a nice town? - The Edwardses have a noble house, you see, and they live quite in stile. The door will be opened by a man in livery with a powdered head, I can tell you."

"Questo di certo non farà la mia felicità. - Se le mie idee sono sbagliate, devo correggerle; se sono al di sopra della mia situazione, devo sforzarmi di nasconderle. Ma dubito che siano ridicole. Penelope ha molto spirito?"

"Sì, è molto brillante, e non si preoccupa di quello che dice."

"Margaret è più garbata, immagino?"

"Sì, specialmente in compagnia; è tutta dolcezza e cortesia quando c'è qualcuno nei paraggi. Ma quando siamo tra di noi è un po' scontrosa e caparbia. Poverina! si è fissata con l'idea che Tom Musgrave sia innamorato di lei più seriamente di quanto lo sia mai stato con qualsiasi altra, e si aspetta sempre che arrivi al dunque. È la seconda volta quest'anno che è andata a passare un mese da Robert e Jane allo scopo di stimolarlo con la sua assenza, ma sono sicura che si sbaglia, e che lui non la seguirà a Croydon ora più di quanto non abbia fatto lo scorso marzo. Non si sposerà mai, a meno che non possa sposarsi con qualcuna molto in alto; Miss Osborne forse, o qualcosa del genere."

"La tua descrizione di questo Tom Musgrave, Elizabeth, mi fa venire pochissima voglia di conoscerlo."

"Hai paura di lui, non mi meraviglia."

"No, davvero; non mi piace e lo disprezzo."

"Non piacerti e disprezzare Tom Musgrave! No, questo non succederà mai. Ti sfido a non essere deliziata da lui se ti nota. Spero che balli con te, e credo proprio che lo farà, a meno che gli Osborne non arrivino in ampia compagnia, e allora non parlerà con nessun altro."

"Sembra che abbia modi affascinanti!" disse Emma. "Be', vedremo quanto ci troveremo irresistibili, Mr. Tom Musgrave e io. Suppongo che lo riconoscerò non appena entrata nella sala da ballo; deve portare in faccia i segni del suo fascino."

"Non lo troverai nella sala da ballo, te lo dico io. Voi andrete presto affinché Mrs. Edwards possa trovare un buon posto vicino al fuoco, e lui non arriva mai fino a tardi; se vengono gli Osborne, li aspetterà in corridoio, ed entrerà con loro. Mi piacerebbe poterti dare un'occhiata, Emma. Se solo fosse una buona giornata per il babbo, mi coprirei bene, e, non appena preparato il tè per lui, James potrebbe accompagnarmi, e sarei da te in tempo per il primo ballo."

"Ma come! andresti in giro con questo calesse la sera tardi?"

"Stai pur certa che lo farei. Ecco, l'ho detto che eri molto raffinata, e questo ne è un esempio."

Per un momento Emma non rispose, ma alla fine disse, "Vorrei, Elizabeth, che tu non avessi insistito tanto per farmi andare a questo ballo; vorrei che andassi tu al posto mio. Ti piacerebbe molto di più che a me. Qui sono un'estranea, e non conosco nessuno oltre agli Edwards, perciò il fatto che mi diverta è molto dubbio. Tu, in mezzo a tutte le tue conoscenze, ti divertiresti certamente. Non è troppo tardi per cambiare. Potrebbe essere necessaria qualche scusa con gli Edwards, che sicuramente saranno più contenti della tua compagnia che della mia, e io sarei dispostissima a tornare da nostro padre; e non avrei nessun timore a guidare fino a casa questo vecchio animale così tranquillo. Per i vestiti troverò io il modo di mandarteli."

"Mia carissima Emma", esclamò con calore Elizabeth, "pensi che farei una cosa del genere? No, per tutto l'oro del mondo; ma non dimenticherò mai la tua bontà nel propormelo. Devi avere un carattere dolce, davvero! Una cosa simile non mi è mai capitata! E veramente rinunceresti al ballo, per farci andare me? Credimi, Emma, non sono così egoista. No, anche se ho nove anni più di te, non sarò io a impedirti di farti vedere. Sei molto carina, e sarebbe molto brutto non permetterti di avere una possibilità per fare la tua fortuna, come ne abbiamo avute tutte noi. No, Emma, se qualcuno resterà a casa questo inverno, non sarai tu. Sono sicura che non avrei mai perdonato chi mi avesse negato un ballo a diciannove anni."

Emma espresse la sua gratitudine, e per qualche minuto procedettero in silenzio. Elizabeth parlò per prima.

"Devi stare attenta a chi ballerà con Mary Edwards."

"Terrò a mente i suoi cavalieri se ci riesco, ma lo sai che per me saranno tutti sconosciuti."

"Guarda solo se balla più di una volta con il Capitano Hunter; i miei timori sono in quella direzione. Non che al padre o alla madre piacciano gli ufficiali, ma se lui lo fa, capisci, è finita per il povero Sam. E ho promesso di scrivergli con chi ballerà."

"A Sam piace Miss Edwards?"

"Non lo sapevi?"

"Come avrei potuto saperlo? Come avrei potuto sapere, nello Shropshire, le cose di questo genere che stavano succedendo nel Surrey? Non è plausibile che circostanze così delicate avessero spazio nelle scarse comunicazioni che ci sono state tra voi e me negli ultimi quattordici anni."

"Mi meraviglio di non averne mai parlato quando ti scrivevo. Da quando sei a casa, sono stata così occupata col nostro povero padre e con i tanti bucati che non ho avuto mai tempo di raccontarti qualcosa; ma a dire il vero ero convinta che tu sapessi tutto. Sono due anni che è innamorato cotto di lei, e per lui è un'enorme delusione non riuscire sempre liberarsi per i nostri balli, ma Mr. Curtis spesso non può fare a meno di lui, e proprio in questo periodo c'è una recrudescenza di malattie a Guilford." (2)

"Pensi che Miss Edwards abbia un debole per lui?"

"Temo di no; come sai, è figlia unica, e avrà almeno diecimila sterline."

"Ma nostro fratello potrebbe piacerle ugualmente."

"Oh, no. Gli Edwards mirano molto più in alto. Il padre e la madre non darebbero mai il loro consenso. Sam è solo un chirurgo, lo sai. Talvolta penso che lui le piaccia. Ma Mary Edwards è piuttosto compita e riservata; non sempre capisco dove vada a parare."

"A meno che Sam non si senta su un terreno sicuro, mi sembra un vero peccato incoraggiarlo a pensare a lei."

"Un giovanotto deve pensare a qualcuna", disse Elizabeth, "e perché non dovrebbe essere fortunato come Robert, che si è preso una buona moglie e seimila sterline?"

"Non dobbiamo aspettarci di essere tutti individualmente fortunati", rispose Emma. "La fortuna di un membro della famiglia è fortuna per tutti."

"Di sicuro la mia è tutta di là da venire", disse Elizabeth, con un altro sospiro al ricordo di Purvis. "Sono stata abbastanza sfortunata, e sulla tua non c'è molto da dire, visto che la zia si è risposata in modo così avventato. Be', credo proprio che sarà un bel ballo. Alla prossima curva saremo sulla strada principale. Potrai vedere il campanile della chiesa sopra la siepe, e il Cervo Bianco è lì vicino. Sarò ansiosa di sapere che cosa ne pensi di Tom Musgrave."

Questi furono gli ultimi suoni udibili nella voce di Miss Watson, prima di passare attraverso la porta principale, e di entrare nell'atmosfera della città, dove confusione e rumore rendevano praticamente impossibile ogni ulteriore conversazione. La vecchia cavalla continuava col suo trotto pesante, senza bisogno di guidarla con le redini per farla girare nei punti giusti, e fece un solo errore, fermandosi davanti alla modista, prima di accostarsi all'ingresso della casa di Mr. Edwards. Mr. Edwards viveva nella casa più bella della strada, e la più bella del posto, se Mr. Tomlinson, il banchiere, si fosse lasciato convincere a ritenere in campagna la sua casa nuova, eretta alla fine dell'abitato, con siepi e vialetti curvilinei. La casa di Mr. Edwards era più alta della maggior parte di quelle vicine, con finestre ai lati dell'ingresso; le finestre erano protette da colonnine con catene, e alla porta si arrivava con una scalinata di pietra.

"Eccoci qui", disse Elizabeth, quando il calesse si fermò, "arrivate sane e salve; e secondo l'orologio della piazza, ci abbiamo messo solo trentacinque minuti, il che penso vada piuttosto bene, anche se per Penelope non sarebbe nulla. Non è una bella città? Gli Edwards hanno una casa imponente, lo vedi, e vivono in modo del tutto adeguato. La porta sarà aperta da un valletto in livrea con i capelli incipriati, puoi giurarci."

Emma had seen the Edwardses only one morning at Stanton, they were therefore all but strangers to her; and though her spirits were by no means insensible to the expected joys of the evening, she felt a little uncomfortable in the thought of all that was to precede them. Her conversation with Elizabeth too, giving her some very unpleasant feelings with respect to her own family, had made her more open to disagreeable impressions from any other cause, and increased her sense of the awkwardness of rushing into intimacy on so slight an acquaintance. -

There was nothing in the manner of Mrs. or Miss Edwards to give immediate change to these ideas; - the mother, though a very friendly woman, had a reserved air, and a great deal of formal civility - and the daughter, a genteel looking girl of twenty two, with her hair in papers, seemed very naturally to have caught something of the stile of her mother who had brought her up. - Emma was soon left to know what they could be, by Elizabeth's being obliged to hurry away - and some very, very languid remarks on the probable brilliancy of the ball, were all that broke at intervals, a silence of half an hour before they were joined by the master of the house. - Mr. Edwards had a much easier and more communicative air than the ladies of the family; he was fresh from the street, and he came ready to tell whatever might interest. - After a cordial reception of Emma, he turned to his daughter with "Well Mary, I bring you good news. - The Osbornes will certainly be at the ball to night. - Horses for two carriages are ordered from the White Hart, to be at Osborne Castle by nine." -

"I am glad of it -" observed Mrs. Edwards, "because their coming gives a credit to our assemblies. The Osbornes being known to have been at the first ball, will dispose a great many people to attend the second. - It is more than they deserve, for in fact, they add nothing to the pleasure of the evening, they come so late, and go so early; - but great people have always their charm." -

Mr. Edwards proceeded to relate every other little article of news which his morning's lounge had supplied him with, and they chatted with greater briskness, till Mrs. Edwards's moment for dressing arrived, and the young ladies were carefully recommended to lose no time. - Emma was shewn to a very comfortable apartment, and as soon as Mrs. Edwards's civilities could leave her to herself, the happy occupation, the first bliss of a ball began.

The girls, dressing in some measure together, grew unavoidably better acquainted; Emma found in Miss Edwards the show of good sense, a modest unpretending mind, and a great wish of obliging - and when they returned to the parlour where Mrs. Edwards was sitting respectably attired in one of the two satin gowns which went through the winter, and a new cap from the milliners, they entered it with much easier feelings and more natural smiles than they had taken away. -

Their dress was now to be examined; Mrs. Edwards acknowledged herself too old-fashioned to approve of every modern extravagance however sanctioned - and though complacently viewing her daughter's good looks, would give but a qualified admiration; and Mr. Edwards, not less satisfied with Mary, paid some compliments of good humoured gallantry to Emma at her expense. - The discussion led to more intimate remarks, and Miss Edwards gently asked Emma if she were not often reckoned very like her youngest brother. - Emma thought she could perceive a faint blush accompany the question, and there seemed something still more suspicious in the manner in which Mr. Edwards took up the subject.

"You are paying Miss Emma no great compliment I think Mary," said he hastily -. "Mr. Sam Watson is a very good sort of young man, and I dare say a very clever surgeon, but his complexion has been rather too much exposed to all weathers, to make a likeness to him very flattering."

Mary apologized, in some confusion. "She had not thought a strong likeness at all incompatible with very different degrees of beauty. - There might be resemblance in countenance; and the complexion, and even the features be very unlike." -

Emma aveva visto gli Edwards solo una mattina a Stanton, quindi per lei erano dei perfetti estranei, e anche se il suo animo non era affatto insensibile alle prevedibili gioie della serata, si sentiva un po' a disagio al pensiero di tutto ciò che l'avrebbe preceduta. Anche la sua conversazione con Elizabeth, che le aveva fatto nascere dei sentimenti spiacevoli nei confronti della sua stessa famiglia, l'aveva resa più vulnerabile a impressioni sgradevoli di qualsiasi altra origine, e aveva accresciuto il suo imbarazzo al pensiero di entrare con tanta fretta in confidenza con conoscenze così superficiali.

Non ci fu nulla nei modi di Mrs. o Miss Edwards che le facesse cambiare immediatamente idea; la madre, sebbene fosse una donna molto affabile, aveva un'aria riservata, e una cortesia molto formale, e la figlia, una ragazza di ventidue anni dalle maniere distinte, con i diavoletti tra i capelli, sembrava, com'era naturale, aver acquisito qualcosa dello stile della madre che l'aveva cresciuta. Emma fu presto lasciata da sola a conoscerle meglio, in quanto Elizabeth fu costretta ad andar via di corsa, e qualche fiacco, molto fiacco, commento sui probabili splendori del ballo, fu tutto ciò che ruppe, a intervalli, un silenzio di mezzora, prima che fossero raggiunte dal padrone di casa. Mr. Edwards aveva un'aria molto più disinvolta e comunicativa delle signore della famiglia; era appena rientrato, pronto a raccontare qualsiasi cosa potesse essere interessante. Dopo un cordiale benvenuto a Emma, si rivolse alla figlia con un "Allora, Mary, ti porto buone notizie. Gli Osborne saranno di sicuro al ballo stasera. Al Cervo Bianco sono stati ordinati i cavalli per due carrozze, per essere a Osborne Castle alle nove."

"Ne sono lieta", osservò Mrs. Edwards, "perché la loro partecipazione dà lustro alle nostre feste. Il fatto che gli Osborne vengano al primo ballo, invoglierà tantissima gente a partecipare al secondo. È più di quanto meritino, poiché, in effetti, non aggiungono nulla ai piaceri della serata, arrivano così tardi, e se ne vanno così presto; ma i grandi hanno sempre il loro fascino."

Mr. Edwards proseguì a riferire ogni minimo particolare delle notizie apprese durante la sua placida passeggiata mattutina, e chiacchierarono con maggiore vivacità, fino a quando non arrivò per Mrs. Edwards il momento di vestirsi, e alle signorine fu premurosamente raccomandato di non perdere tempo. Emma fu accompagnata in una stanza molto confortevole, e non appena le cortesie di Mrs. Edwards la lasciarono da sola, le gioiose incombenze, le gioie preliminari di un ballo, ebbero inizio.

Le ragazze, vestendosi in qualche misura insieme, fecero inevitabilmente meglio conoscenza; Emma trovò in Miss Edwards dimostrazioni di buonsenso, un animo modesto e non pretenzioso, e un grande desiderio di essere cortese, e quando tornarono in salotto, dove Mrs. Edwards sedeva dignitosamente abbigliata in uno dei due abiti di raso che usava d'inverno, e con un cappello appena arrivato dalla modista, vi entrarono con molta più disinvoltura e con sorrisi più naturali di quando l'avevano lasciato.

Ora c'era da esaminare il loro abbigliamento; Mrs. Edwards riconobbe di essere troppo antiquata per approvare tutte le stravaganze moderne, per quanto affermate fossero, e, pur osservando compiaciuta il bell'aspetto della figlia, le concesse soltanto un'ammirazione condizionata, e Mr. Edwards, non meno soddisfatto di Mary, fece con bonaria galanteria qualche complimento a Emma a spese della figlia. La discussione condusse a osservazioni più personali, e Miss Edwards chiese a Emma se non avessero spesso notato in lei una forte somiglianza con il fratello minore. Emma credette di poter percepire un leggero rossore associato alla domanda, e le sembrò che ci fosse qualcosa di ancora più sospetto nella maniera in cui Mr. Edwards riprese l'argomento.

"Credo che tu non stia facendo un gran complimento a Miss Emma, Mary", disse in fretta. "Mr. Sam Watson è un gran bel giovanotto, e credo proprio che sia un bravissimo chirurgo, ma la sua carnagione è stata un po' troppo esposta a tutte le intemperie, per rendere lusinghiera una somiglianza con lui."

Mary si scusò, un po' imbarazzata. "Non pensavo che una forte somiglianza fosse incompatibile con gradi di bellezza molto diversi. Ci possono essere fattezze simili con carnagione, e persino tratti molto dissimili."

"I know nothing of my brother's beauty," said Emma, "for I have not seen him since he was seven years old - but my father reckons us alike."

"Mr. Watson! -" cried Mr. Edwards. "Well, you astonish me. - There is not the least likeness in the world; your brother's eyes are grey, yours are brown, he has a long face and a wide mouth. - My dear, do you perceive the least resemblance?" -

"Not the least. - Miss Emma Watson puts me very much in mind of her eldest sister, and sometimes I see a look of Miss Penelope - and once or twice there has been a glance of Mr. Robert - but I cannot perceive any likeness to Mr. Samuel."

"I see the likeness between her and Miss Watson," replied Mr. Edwards, "very strongly - but I am not sensible of the others. - I do not much think she is like any of the family but Miss Watson; but I am very sure there is no resemblance between her and Sam." -

This matter was settled, and they went to dinner. -

"Your father, Miss Emma, is one of my oldest friends -" said Mr. Edwards, as he helped her to wine, when they were drawn round the fire to enjoy their desert. - "We must drink to his better health. - It is a great concern to me I assure you that he should be such an invalid. - I know nobody who likes a game of cards in a social way, better than he does; - and very few people that play a fairer rubber. - It is a thousand pities that he should be so deprived of the pleasure. For now we have a quiet little whist club that meets three times a week at the White Hart, and, if he could but have his health, how much he would enjoy it!"

"I dare say he would Sir - and I wish, with all my heart he were equal to it."

"Your club would be better fitted for an invalid," said Mrs. Edwards, "if you did not keep it up so late." -

This was an old grievance. -

"So late, my dear, what are you talking of?" cried the husband, with sturdy pleasantry -. "We are always at home before midnight. They would laugh at Osborne Castle to hear you call that late; they are but just rising from dinner at midnight." -

"That is nothing to the purpose -" retorted the lady calmly. "The Osbornes are to be no rule for us. You had better meet every night, and break up two hours sooner."

So far, the subject was very often carried; - but Mr. and Mrs. Edwards were so wise as never to pass that point; and Mr. Edwards now turned to something else. - He had lived long enough in the idleness of a town to become a little of a gossip, and having some anxiety to know more of the circumstances of his young guest than had yet reached him, he began with,

"I think, Miss Emma, I remember your aunt very well about thirty years ago; I am pretty sure I danced with her in the old rooms at Bath, the year before I married -. She was a very fine woman then - but like other people I suppose, she is grown somewhat older since that time. - I hope she is likely to be happy in her second choice."

"I hope so, I believe so, Sir -" said Emma in some agitation. -

"Mr. Turner had not been dead a great while I think?"

"About two years Sir."

"I forget what her name is now?" -

"O'Brien."

"Irish! Ah! I remember - and she is gone to settle in Ireland. - I do not wonder that you should not wish to go with her into that country Miss Emma -; but it must be a great deprivation to her, poor lady! - After bringing you up like a child of her own." -

"I was not so ungrateful Sir," said Emma, warmly, "as to wish to be any where but with her. - It did not suit them, it did not suit Captain O'Brien that I should be of the party. -"

"Captain! -" repeated Mrs. Edwards. "The gentleman is in the army then?"

"Yes Ma'am." -

"Aye - there is nothing like your officers for captivating the ladies, young or old. - There is no resisting a cockade my dear." -

"I hope there is," - said Mrs. Edwards, gravely, with a quick glance at her daughter; - and Emma had just recovered from her own perturbation in time to see a blush on Miss Edwards's cheek, and in remembering what Elizabeth had said of Captain Hunter, to wonder and waver between his influence and her brother's. -

"Elderly ladies should be careful how they make a second choice," observed Mr. Edwards. -

"Carefulness - discretion - should not be confined to elderly ladies, or to a second choice," added his wife. "It is quite as necessary to young ladies in their first." -

"Rather more so, my dear -" replied he, "because young ladies are likely to feel the effects of it longer. When an old lady plays the fool, it is not in the course of nature that she should suffer from it many years." Emma drew her hand across her eyes - and Mrs. Edwards, on perceiving it, changed the subject to one of less anxiety to all. -

With nothing to do but to expect the hour of setting off, the afternoon was long to the two young ladies; and though Miss Edwards was rather discomposed at the very early hour which her mother always fixed for going, that early hour itself was watched for with some eagerness. - The entrance of the tea things at seven o'clock was some relief - and luckily Mr. and Mrs. Edwards always drank a dish extraordinary, and ate an additional muffin when they were going to sit up late, which lengthened the ceremony almost to the wished-for moment. At a little before eight, the Tomlinsons' carriage was heard to go by, which was the constant signal for Mrs. Edwards to order hers to the door; and in a very few minutes, the party were transported from the quiet and warmth of a snug parlour, to the bustle, noise, and draughts of air of the broad entrance-passage of an inn. -

"Non so nulla della bellezza di mio fratello", disse Emma, "perché non lo vedo da quando aveva sette anni, ma mio padre ritiene che ci somigliamo."

"Mr. Watson!", esclamò Mr. Edwards. "Be', mi sorprende. Non c'è la minima somiglianza; gli occhi di vostro fratello sono grigi, i vostri marrone, lui ha il viso lungo e la bocca larga. Mia cara, voi percepite la minima somiglianza?"

"Assolutamente no. Miss Emma Watson mi ricorda moltissimo la sorella maggiore, e talvolta noto qualcosa di Miss Penelope, e una volta o due un accenno di Mr. Robert, ma non riesco a vedere nessuna somiglianza con Mr. Samuel."

"Vedo una forte somiglianza tra lei e Miss Watson", replicò Mr. Edwards, "ma non ne noto altre. Non credo che somigli a nessuno della famiglia tranne che a Miss Watson, ma sono sicurissimo che non c'è nessuna rassomiglianza con Mr. Samuel."

La faccenda era sistemata, e andarono a pranzo.

"Vostro padre, Miss Emma, è uno dei miei più vecchi amici", disse Mr. Edwards, mentre le versava del vino, una volta riuniti intorno al fuoco per gustare il dolce. "Dobbiamo bere per augurargli una salute migliore. Vi assicuro che per me è un gran dispiacere saperlo così invalido. Non conosco nessuno a cui piaccia più di lui una partita a carte in compagnia, e pochissimi che sappiano giocare così bene. È un vero peccato che debba essere privato di un tale piacere, perché adesso abbiamo un gruppo tranquillo e ristretto che si riunisce tre volte a settimana al Cervo Bianco, e, se fosse in salute, quanto si divertirebbe!"

"Credo proprio di sì, Signore, e vorrei con tutto il cuore che fosse in grado di farlo."

"Il vostro gruppo sarebbe più adatto a un invalido", disse Mrs. Edwards, "se non faceste così tardi."

Questa era una lagnanza di vecchia data.

"Così tardi, mia cara, ma di che cosa stai parlando?" esclamò il marito, con un'aria di bonaria presa in giro. "Siamo sempre a casa prima di mezzanotte. A Osborne Castle riderebbero a sentirti definirlo tardi; a mezzanotte si stanno appena alzando dalla cena."

"Questo non c'entra nulla", ribatté con calma la moglie. "Gli Osborne non fanno testo per noi. Fareste meglio a riunirvi tutte le sere, e a smettere due ore prima."

La discussione arrivava spesso a questo punto, ma Mr. e Mrs. Edwards erano così saggi da non andare mai oltre, e Mr. Edwards cambiò argomento. Era vissuto abbastanza a lungo nell'ozio di una cittadina per diventare un po' pettegolo, ed essendo impaziente di saperne di più sulla situazione della sua giovane ospite rispetto a quanto era arrivato al suo orecchio, iniziò con,

"Credo, Miss Emma, di ricordarmi molto bene di vostra zia circa trent'anni fa; sono quasi sicuro di aver ballato con lei nelle vecchie sale di Bath, l'anno prima di sposarmi. A quel tempo era una donna molto bella, ma suppongo che come tutti sia un po' invecchiata da allora. Spero che possa essere felice con il suo secondo matrimonio."

"Spero di sì, credo di sì, Signore", disse Emma un po' agitata.

"Mr. Turner non era morto da molto tempo, non è vero?"

"Da circa due anni, Signore."

"Non mi ricordo qual è il suo nome adesso."

"O'Brien."

"Irlandese! Ah! Ora ricordo, ed è andata a stabilirsi in Irlanda. Non mi meraviglio che non abbiate voluto andare con lei in quel paese Miss Emma; ma per lei dev'essere una grave perdita, poverina! Dopo avervi cresciuta come una figlia."

"Non sono stata così ingrata, Signore", disse Emma con calore, "da desiderare altro che restare con lei. È che non gradivano, che il Capitano O'Brien non gradiva la mia presenza."

"Capitano!" ripeté Mrs. Edwards. "Allora il gentiluomo è nell'esercito?"

"Sì, Signora."

"E sì, non c'è nessun altro come i vostri ufficiali per attrarre le signore, giovani o vecchie. Nessuna resiste alle mostrine mia cara."

"Spero che qualcuna ci sia", disse gravemente Mrs. Edwards, con una rapida occhiata alla figlia, ed Emma si era ripresa dal proprio turbamento giusto in tempo per notare un rossore nelle guance di Miss Edwards, e per ricordare ciò che aveva detto Elizabeth del Capitano Hunter, tanto da chiedersi, e da restare incerta, sull'influenza esercitata da quest'ultimo e dal fratello.

"Le signore anziane dovrebbero stare attente a come scegliere un secondo marito", osservò Mr. Edwards.

"Cautela, saggezza, non dovrebbero essere limitate alle signore anziane, o a un secondo marito", aggiunse la moglie. "Sono altrettanto necessarie alle giovani per la scelta del primo."

"Anche di più", replicò lui, "perché le giovani probabilmente sono destinate a subirne gli effetti più a lungo. Quando una vecchia signora si dà alla pazza gioia, non è nella natura delle cose che debba soffrirne per molti anni." Emma si portò una mano agli occhi, e Mrs. Edwards, accorgendosene, scelse un argomento meno spinoso per tutti.

Con nulla da fare se non aspettare il momento di avviarsi, il pomeriggio fu lungo per le due signorine, e sebbene Miss Edwards fosse piuttosto seccata per l'abitudine della madre di fissare sempre in anticipo l'ora di andare, quell'ora così in anticipo era attesa con una certa impazienza. L'arrivo del tè alle sette produsse un po' di sollievo, e fortunatamente Mr. e Mrs. Edwards ne bevevano sempre una tazza in più, e mangiavano un dolce supplementare, quando dovevano restare alzati fino a tardi, il che prolungò la cerimonia quasi fino al momento desiderato. Un po' prima delle otto si sentì passare la carrozza dei Tomlinson, ovvero il segnale usualmente usato da Mrs. Edwards per ordinare la sua, e in pochissimi minuti la compagnia si trovò trasportata dalla calma e dal calore di un accogliente salotto, al trambusto, al rumore e alle correnti d'aria dell'ampio atrio di una locanda.

Mrs. Edwards, carefully guarding her own dress, while she attended with yet greater solicitude to the proper security of her young charges' shoulders and throats, led the way up the wide staircase, while no sound of a ball but the first scrape of one violin blessed the ears of her followers, and Miss Edwards, on hazarding the anxious inquiry of whether there were many people come yet, was told by the waiter, as she knew she should, that "Mr. Tomlinson's family were in the room."

In passing along a short gallery to the assembly-room, brilliant in lights before them, they were accosted by a young man in a morning dress and boots, who was standing in the doorway of a bed-chamber, apparently on purpose to see them go by. -

"Ah! Mrs. Edwards - how do you do? - How do you do Miss Edwards? -" he cried, with an easy air. - "You are determined to be in good time I see, as usual. - The candles are but this moment lit. -"

"I like to get a good seat by the fire you know, Mr. Musgrave," replied Mrs. Edwards.

"I am this moment going to dress," said he - "I am waiting for my stupid fellow.- We shall have a famous ball. The Osbornes are certainly coming; you may depend upon that for I was with Lord Osborne this morning. -"

The party passed on - Mrs. Edwards's satin gown swept along the clean floor of the ball-room, to the fireplace at the upper end, where one party only were formally seated, while three or four officers were lounging together, passing in and out from the adjoining card-room. - A very stiff meeting between these near neighbours ensued - and as soon as they were all duly placed again, Emma, in the low whisper which became the solemn scene, said to Miss Edwards, "The gentleman we passed in the passage was Mr. Musgrave, then. - He is reckoned remarkably agreeable I understand. -"

Miss Edwards answered hesitatingly - "Yes - he is very much liked by many people. - But we are not very intimate." -

"He is rich, is not he?" -

"He has about eight or nine hundred pounds a year I believe. - He came into possession of it when he was very young, and my father and mother think it has given him rather an unsettled turn. - He is no favourite with them."

The cold and empty appearance of the room and the demure air of the small cluster of females at one end of it began soon to give way; the inspiriting sound of other carriages was heard, and continual accessions of portly chaperons, and strings of smartly-dressed girls were received, with now and then a fresh gentleman straggler, who if not enough in love to station himself near any fair creature seemed glad to escape into the card-room. - Among the increasing number of military men, one now made his way to Miss Edwards, with an air of empressément, which decidedly said to her companion "I am Captain Hunter" - and Emma, who could not but watch her at such a moment, saw her looking rather distressed, but by no means displeased, and heard an engagement formed for the two first dances, which made her think her brother Sam's a hopeless case. -

Emma in the mean while was not unobserved, or unadmired herself. - A new face, and a very pretty one, could not be slighted - her name was whispered from one party to another, and no sooner had the signal been given, by the orchestra's striking up a favourite air, which seemed to call the young to their duty, and people the centre of the room, than she found herself engaged to dance with a brother officer, introduced by Captain Hunter. - Emma Watson was not more than of the middle height - well made and plump, with an air of healthy vigour. - Her skin was very brown, but clear, smooth and glowing -; which with a lively eye, a sweet smile, and an open countenance, gave beauty to attract, and expression to make that beauty improve on acquaintance. - Having no reason to be dissatisfied with her partner, the evening began very pleasantly to her; and her feelings perfectly coincided with the re-iterated observation of others, that it was an excellent ball. -

The two first dances were not quite over, when the returning sound of carriages after a long interruption called general notice, and "The Osbornes are coming, the Osbornes are coming!" - was repeated round the room. - After some minutes of extraordinary bustle without, and watchful curiosity within, the important party, preceded by the attentive master of the inn to open a door which was never shut, made their appearance. They consisted of Lady Osborne, her son, Lord Osborne, her daughter Miss Osborne; Miss Carr, her daughter's friend, Mr. Howard, formerly tutor to Lord Osborne, now clergyman of the parish in which the castle stood; Mrs. Blake, a widow-sister who lived with him, her son, a fine boy of ten years old, and Mr. Tom Musgrave; who, probably, imprisoned within his own room, had been listening in bitter impatience to the sound of the music, for the last half hour. In their progress up the room, they paused almost immediately behind Emma, to receive the compliments of some acquaintance, and she heard Lady Osborne observe that they had made a point of coming early for the gratification of Mrs. Blake's little boy, who was uncommonly fond of dancing. - Emma looked at them all as they passed - but chiefly and with most interest on Tom Musgrave, who was certainly a genteel, good looking young man. - Of the females, Lady Osborne had by much the finest person; - though nearly fifty, she was very handsome, and had all the dignity of rank. -

Lord Osborne was a very fine young man; but there was an air of coldness, of carelessness, even of awkwardness about him, which seemed to speak him out of his element in a ball room. He came in fact only because it was judged expedient for him to please the Borough - he was not fond of women's company, and he never danced. - Mr. Howard was an agreeable-looking man, a little more than thirty. -

Mrs. Edwards, stando comunque molto attenta al proprio abito, mentre si preoccupava con sollecitudine ancora maggiore dell'appropriato benessere delle spalle e della gole delle giovani a lei affidate, fece strada su per l'ampia scalinata, mentre nessun rumore di ballo se non l'accordatura preliminare di un violino giungeva a deliziare le orecchie del suo seguito, e a Miss Edwars, che si era arrischiata a chiedere ansiosamente se fosse già arrivata molta gente, un cameriere ripose, come lei d'altronde già sapeva, che "la famiglia di Mr. Tomlison era in sala."

Nell'attraversare un breve corridoio verso la sala da ballo, che splendeva di luci di fronte a loro, furono avvicinate da un giovanotto in abito da mattina e stivali, che stava in davanti alla porta di una camera da letto, all'apparente scopo di vederle passare.

"Ah! Mrs. Edwards, come state? Come state Miss Edwards?" esclamò, con aria disinvolta. "Vedo che, come al solito, avete deciso di arrivare per tempo. Le candele sono state accese proprio in questo momento."

"Lo sapete che gradisco un buon posto vicino al fuoco, Mr. Musgrave", rispose Mrs. Edwards.

"Sto andando a vestirmi in questo momento", disse lui. "Sto aspettando quello stupido del mio cameriere. Avremo un ballo eccellente. Gli Osborne verranno di sicuro, su questo potete contarci, poiché stamattina sono stato con Lord Osborne."

Il gruppo passò oltre. L'abito di raso di Mrs. Edwards lambì il lucido pavimento della sala da ballo verso il camino all'altra estremità, dove c'era solo un gruppo di persone sedute in modo formale, mentre tre o quattro ufficiali gironzolavano insieme, entrando e uscendo dalla sala da gioco contigua. Seguirono saluti molto freddi tra vicine, e non appena furono tutte debitamente sistemate, Emma, bisbigliando come si addiceva alla solennità della scena, disse a Miss Edwards, "Allora il gentiluomo che abbiamo incontrato nel corridoio era Mr. Musgrave. So che è considerato estremamente simpatico."

Miss Edwards rispose esitando, "Sì, piace moltissimo a parecchie persone. Ma noi non siamo molto in confidenza con lui."

"È ricco, non è vero?"

"Credo che abbia otto o novecento sterline l'anno. Ne è venuto in possesso quando era molto giovane, e mio padre e mia madre ritengono che gli abbia fatto più male che bene. Non è un loro beniamino."

L'aspetto freddo e vuoto della sala e l'aria riservata del gruppetto di donne a una delle sue estremità si dissolse presto; si udì il rumore eccitante di altre carrozze, e fu dato il benvenuto a un costante flusso di imponenti accompagnatrici con una sfilza di ragazze vestite con eleganza, e di tanto in tanto qualche spaesato gentiluomo che, se non sufficientemente innamorato da fermarsi accanto a qualche bella figliola, sembrava lieto di cercare scampo nella sala da gioco. A quel punto, tra il numero crescente di militari, uno si fece strada verso Miss Edwards, con una cordialità che diceva chiaramente alla sua compagna "sono il Capitano Hunter", ed Emma, che in quel momento non poté fare a meno di osservarla, ne vide l'aspetto piuttosto turbato, ma in nessun modo dispiaciuto, e udì un impegno per i primi due balli, che le fece pensare a suo fratello Sam come a un caso disperato.

Nel frattempo, Emma non passava inosservata né mancava di suscitare ammirazione. Un volto nuovo, e molto grazioso per giunta, non poteva essere ignorato; il suo nome fu bisbigliato da un gruppo all'altro, e non appena l'orchestra, cominciando a suonare un pezzo famoso, diede il segnale che chiamava i giovani ai loro doveri, e i ballerini al centro della sala, si trovò impegnata a ballare con un collega ufficiale, presentato dal Capitano Hunter. Emma Watson non era più alta della media, ben fatta e rotondetta, con un'aria di perfetta salute. La carnagione era molto scura, ma luminosa, liscia e colorita, il che, insieme agli occhi vivaci, a un sorriso dolce e a un'espressione aperta, le donava una bellezza che attirava, e faceva sì che la bellezza fosse accresciuta dalla conoscenza. Non avendo motivi per essere insoddisfatta del proprio cavaliere, la serata per lei iniziò molto piacevolmente, e i suoi sentimenti coincidevano perfettamente con i ripetuti commenti degli altri sul fatto che quello fosse un ballo eccellente.

Non erano ancora terminati i primi due balli, quando il riaffacciarsi del rumore di una carrozza dopo una lunga interruzione richiamò l'interesse generale, e "Arrivano gli Osborne, arrivano gli Osborne!" si udì per tutta la sala. Dopo qualche minuto di straordinaria confusione all'esterno, e di vigile curiosità all'interno, l'importante comitiva, preceduta dal premuroso padrone della locanda intento ad aprire una porta che non era mai stata chiusa, fece il suo ingresso. Il gruppo era formato da Lady Osborne, suo figlio, Lord Osborne, sua figlia Miss Osborne, Miss Carr, amica della figlia, Mr. Howard, ex precettore di Lord Osborne e ora pastore della parrocchia del castello, Mrs. Blake, una sorella vedova che viveva con lui, suo figlio, un bel ragazzo di dieci anni, e Mr. Tom Musgrave, che, probabilmente, rinchiuso nella propria stanza, nell'ultima mezzora aveva ascoltato con amara impazienza il suono della musica. Entrando in sala, si fermarono quasi subito dietro a Emma, per ricevere gli omaggi di qualche conoscente, e lei udì Lady Osborne osservare che si erano impegnati ad arrivare presto per far piacere al bambino di Mrs. Blake, che era straordinariamente amante del ballo. Emma li osservò tutti mentre passavano, ma in particolare e con maggiore interesse Tom Musgrave, che era certamente un giovanotto distinto e di bell'aspetto. Quanto alla parte femminile, Lady Osborne aveva di gran lunga la figura più elegante; anche se vicina ai cinquanta, era molto bella, e possedeva tutta la dignità del suo rango.

Lord Osborne era un giovanotto molto bello, ma in lui c'era un'aria di freddezza, di noncuranza, persino di goffaggine, che sembrava dichiararlo fuori dal suo elemento in una sala da ballo. Infatti era venuto solo perché gli era sembrato opportuno compiacere i suoi concittadini; non amava la compagnia delle signore, e non ballava mai. Mr. Howard era un uomo dall'aspetto simpatico, poco più che trentenne.

At the conclusion of the two dances, Emma found herself, she knew not how, seated amongst the Osborne set; and she was immediately struck with the fine countenance and animated gestures of the little boy, as he was standing before his mother, wondering when they should begin. -

"You will not be surprised at Charles' impatience," said Mrs. Blake, a lively pleasant-looking little woman of five or six and thirty, to a lady who was standing near her, "when you know what a partner he is to have. Miss Osborne has been so very kind as to promise to dance the two first dances with him." -

"Oh! yes - we have been engaged this week," cried the boy, "and we are to dance down every couple." -

On the other side of Emma, Miss Osborne, Miss Carr, and a party of young men were standing engaged in very lively consultation - and soon afterwards she saw the smartest officer of the set walking off to the orchestra to order the dance, while Miss Osborne, passing before her, to her little expecting partner hastily said: - "Charles, I beg your pardon for not keeping my engagement, but I am going to dance these two dances with Colonel Beresford. I know you will excuse me, and I will certainly dance with you after tea." And without staying for an answer, she turned again to Miss Carr, and in another minute was led by Colonel Beresford to begin the set.

If the poor little boy's face had in its happiness been interesting to Emma, it was infinitely more so under this sudden reverse; - he stood the picture of disappointment, with crimsoned cheeks, quivering lips, and eyes bent on the floor. His mother, stifling her own mortification, tried to soothe his, with the prospect of Miss Osborne's second promise; but though he contrived to utter with an effort of boyish bravery "Oh! I do not mind it!" - it was very evident by the unceasing agitation of his features that he minded it as much as ever. -

Emma did not think or reflect; - she felt and acted.

"I shall be very happy to dance with you, Sir, if you like it," said she, holding out her hand with the most unaffected good-humour. -

The boy in one moment restored to all his first delight looked joyfully at his mother; and stepping forwards with an honest and simple "Thank you, Ma'am" was instantly ready to attend his new acquaintance. - The thankfulness of Mrs. Blake was more diffuse; - with a look, most expressive of unexpected pleasure and lively gratitude, she turned to her neighbour with repeated and fervent acknowledgments of so great and condescending a kindness to her boy. - Emma with perfect truth could assure her that she could not be giving greater pleasure than she felt herself - and Charles being provided with his gloves and charged to keep them on, they joined the set which was now rapidly forming, with nearly equal complacency. -

It was a partnership which could not be noticed without surprise. It gained her a broad stare from Miss Osborne and Miss Carr as they passed her in the dance. "Upon my word Charles you are in luck, (said the former, as she turned him) you have got a better partner than me" - to which the happy Charles answered "Yes." - Tom Musgrave, who was dancing with Miss Carr, gave her many inquisitive glances; and after a time Lord Osborne himself came, and under pretence of talking to Charles, stood to look at his partner. - Though rather distressed by such observation, Emma could not repent what she had done, so happy had it made both the boy and his mother; the latter of whom was continually making opportunities of addressing her with the warmest civility. -

Her little partner she found, though bent chiefly on dancing, was not unwilling to speak, when her questions or remarks gave him anything to say; and she learnt, by a sort of inevitable inquiry, that he had two brothers and a sister, that they and their mama all lived with his uncle at Wickstead, that his uncle taught him Latin, that he was very fond of riding, and had a horse of his own given him by Lord Osborne; and that he had been out once already with Lord Osborne's hounds. -

At the end of these dances Emma found they were to drink tea; - Miss Edwards gave her a caution to be at hand, in a manner which convinced her of Mrs. Edwards's holding it very important to have them both close to her when she moved into the tea-room; and Emma was accordingly on the alert to gain her proper station. It was always the pleasure of the company to have a little bustle and crowd when they adjourned for refreshment. - The tea room was a small room within the card room, and in passing through the latter, where the passage was straitened by tables, Mrs. Edwards and her party were for a few moments hemmed in. It happened close by Lady Osborne's cassino table; Mr. Howard who belonged to it spoke to his nephew; and Emma on perceiving herself the object of attention both to Lady Osborne and him, had just turned away her eyes in time, to avoid seeming to hear her young companion delightedly whisper aloud - "Oh! Uncle, do look at my partner. She is so pretty!"

Al termine dei due balli, Emma si trovò, senza sapere come, seduta in mezzo al gruppo degli Osborne, e rimase subito colpita dai bei lineamenti e dai gesti vivaci del ragazzino, che era in piedi di fronte alla madre, chiedendo quando sarebbero ricominciati i balli.

"Non vi sorprenderete dell'impazienza di Charles", disse Mrs. Blake, una donna piccola di trentacinque o trentasei anni dall'aspetto vivace e affabile, a una signora che era in piedi vicino a lei, "quando saprete quale sarà la sua dama. Miss Osborne è stata così gentile da promettergli i primi due balli."

"Oh! sì, ci siamo impegnati questa settimana", esclamò il ragazzo, "e faremo scomparire le altre coppie."

Dal lato di Emma, Miss Osborne, Miss Carr e un gruppo di giovanotti erano impegnati in un'animata discussione, e subito dopo lei vide il più bello degli ufficiali dirigersi verso l'orchestra per ordinare il ballo, mentre Miss Osborne, passandole davanti, disse di corsa al suo piccolo cavaliere in attesa: "Charles, ti prego di scusarmi se non mantengo la mia promessa, ma per i prossimi due balli sono impegnata con il Colonnello Beresford. So che mi scuserai, e sicuramente ballerò con te dopo il tè." E, senza aspettare risposta, si rivolse di nuovo a Miss Carr, e un minuto dopo si avviò ad aprire le danze al braccio del Colonnello Beresford.

Se il volto del povero ragazzino aveva attirato l'attenzione di Emma nel momento della felicità, la colpì infinitamente di più sotto l'effetto di quell'improvviso rovesciamento; era il ritratto della delusione, le guance imporporate, le labbra tremanti e gli occhi fissi al suolo. La madre, soffocando la propria mortificazione, cercò di lenire la sua con la prospettiva della seconda promessa di Miss Osborne, ma sebbene lui fosse riuscito a dire, con uno sforzo di infantile coraggio, "Oh! non m'importa!" era molto evidente, dall'incessante agitazione dei suoi lineamenti, che gli importava come non mai.

Emma, non pensò né valutò; sentì e agì.

"Sarei molto felice di ballare con voi, Signore, se vi fa piacere", disse, porgendogli la mano con spontanea giovialità.

Il ragazzo riacquistò in un attimo tutta la sua felicità, guardò con gioia la madre e, facendosi avanti con un sincero e sobrio "Grazie, Signora", fu subito pronto a dedicarsi alla sua nuova conoscenza. La riconoscenza di Mrs. Blake fu più estesa; con uno sguardo che esprimeva a pieno il piacere inaspettato e una viva gratitudine, si rivolse alla sua vicina con ripetuti e calorosi ringraziamenti per una gentilezza così grande e accondiscendente verso il suo ragazzo. Emma, con assoluta sincerità, le assicurò che non poteva concedere piacere più grande di quello che provava lei stessa, e dopo che Charles si fu messo i guanti e gli fu raccomandato di tenerli, raggiunsero, con quasi la stessa soddisfazione, il gruppo che si stava formando rapidamente. (3)

Era una coppia che non poteva essere notata senza sorpresa. La cosa procurò a lei uno sguardo esplicito da parte di Miss Osborne e Miss Carr, mentre le passavano accanto ballando; "Parola mia, Charles, sei fortunato (disse la prima mentre gli volteggiava intorno), hai una dama migliore di me" e Charles le rispose felice, "Sì." Tom Musgrave, che stava ballando con Miss Carr, le lanciò molte occhiate curiose, e dopo un po' arrivò lo stesso Lord Osborne, che, con la scusa di parlare a Charles, si fermò a guardare la sua dama. Anche se piuttosto imbarazzata dal sentirsi così osservata, Emma non si pentì di quello che aveva fatto, tanta era la felicità che aveva procurato sia al ragazzo che alla madre; quest'ultima cercava continuamente di cogliere ogni occasione per rivolgersi a lei con la più calorosa delle cortesie.

Scoprì che il suo piccolo cavaliere, sebbene impegnato soprattutto nel ballo, non era incapace di parlare, quando c'erano domande o osservazioni che gli permettevano di dire qualcosa, e apprese, dopo un'indagine praticamente inevitabile, che aveva due fratelli e una sorella, che loro e la mamma vivevano con lo zio a Wickstead, che lo zio gli insegnava il latino, che amava molto leggere e aveva un cavallo suo regalatogli da Lord Osborne, e che era già stato una volta a caccia con i cani di Lord Osborne.

Una volta terminate le danze, Emma scoprì che era l'ora del tè. Miss Edwards le consigliò di tenersi a portata di mano, in un modo che le fece capire come Mrs. Edwards ritenesse molto importante averle entrambe vicine quando si sarebbe mossa per andare nella sala da tè, ed Emma stette perciò in guardia per guadagnare una posizione appropriata. Era sempre un piacere per la compagnia concedersi un po' di trambusto e di affollamento quando ci si riuniva per i rinfreschi. La sala da tè era un piccolo spazio all'interno della sala da gioco, e attraversando quest'ultima, dove il passaggio era stretto fra i tavoli, Mrs. Edwards e il suo gruppo furono per qualche momento bloccati. Successe vicino al tavolo da cassino (4) di Lady Osborne; Mr. Howard, che partecipava al gioco, si rivolse al nipote, ed Emma, accorgendosi di essere proprio lei oggetto dell'attenzione sia di lui che di Lady Osborne, distolse gli occhi giusto in tempo per evitare di sembrare in ascolto di ciò che il suo giovane compagno stava bisbigliando deliziato a voce alta, "Oh! zio, guarda la mia dama. È così carina!"

As they were immediately in motion again however, Charles was hurried off without being able to receive his uncle's suffrage. - On entering the tea room, in which two long tables were prepared, Lord Osborne was to be seen quite alone at the end of one, as if retreating as far as he could from the ball, to enjoy his own thoughts, and gape without restraint. - Charles instantly pointed him out to Emma -

"There's Lord Osborne - let you and I go and sit by him." -

"No, no," said Emma, laughing, "you must sit with my friends."

Charles was now free enough to hazard a few questions in his turn. "What o'clock was it?" -

"Eleven." -

"Eleven! - and I am not at all sleepy. Mama said I should be asleep before ten. - Do you think Miss Osborne will keep her word with me, when tea is over?"

"Oh! yes. - I suppose so" - though she felt that she had no better reason to give than that Miss Osborne had not kept it before. -

"When shall you come to Osborne Castle?" -

"Never, probably. - I am not acquainted with the family."

"But you may come to Wickstead and see Mama, and she can take you to the Castle. - There is a monstrous curious stuffed fox there, and a badger - any body would think they were alive. It is a pity you should not see them." -

On rising from tea, there was again a scramble for the pleasure of being first out of the room, which happened to be increased by one or two of the card parties having just broken up and the players being disposed to move exactly the different way. Among these was Mr. Howard - his sister leaning on his arm - and no sooner were they within reach of Emma, than Mrs. Blake, calling her notice by a friendly touch, said

"Your goodness to Charles, my dear Miss Watson, brings all his family upon you. Give me leave to introduce my brother - Mr. Howard."

Emma curtsied, the gentleman bowed - made a hasty request for the honour of her hand in the two next dances, to which as hasty an affirmative was given, and they were immediately impelled in opposite directions. - Emma was very well pleased with the circumstance; - there was a quietly-cheerful, gentlemanlike air in Mr. Howard which suited her - and in a few minutes afterwards, the value of her engagement increased when as she was sitting in the card-room somewhat screened by a door, she heard Lord Osborne, who was lounging on a vacant table near her, call Tom Musgrave towards him and say,

"Why do not you dance with that beautiful Emma Watson? - I want you to dance with her - and I will come and stand by you." -

"I was determining on it this very moment, my Lord; I'll be introduced and dance with her directly. -"

"Aye do - and if you find she does not want much talking to, you may introduce me by and by." -

"Very well my Lord -. If she is like her sisters, she will only want to be listened to. - I will go this moment. I shall find her in the tea room. That stiff old Mrs. Edwards has never done tea." -

Away he went - Lord Osborne after him - and Emma lost no time in hurrying from her corner, exactly the other way, forgetting in her haste that she left Mrs. Edwards behind. -

"We had quite lost you -" said Mrs. Edwards - who followed her with Mary, in less than five minutes. - "If you prefer this room to the other, there is no reason why you should not be here, but we had better all be together."

Emma was saved the trouble of apologizing, by their being joined at the moment by Tom Musgrave, who, requesting Mrs. Edwards aloud to do him the honour of presenting him to Miss Emma Watson, left that good lady without any choice in the business, but that of testifying by the coldness of her manner that she did it unwillingly. The honour of dancing with her, was solicited without loss of time - and Emma, however she might like to be thought a beautiful girl by lord or commoner, was so little disposed to favour Tom Musgrave himself that she had considerable satisfaction in avowing her prior engagement. - He was evidently surprised and discomposed. - The stile of her last partner had probably led him to believe her not overpowered with applications. -

"My little friend Charles Blake," he cried, "must not expect to engross you the whole evening. We can never suffer this - it is against the rules of the assembly - and I am sure it will never be patronised by our good friend here Mrs. Edwards; she is by much too nice a judge of decorum to give her license to such a dangerous particularity" -

"I am not going to dance with Master Blake Sir."

The gentleman, a little disconcerted, could only hope he might be fortunate another time - and seeming unwilling to leave her - though his friend Lord Osborne was waiting in the doorway for the result, as Emma with some amusement perceived - he began to make civil inquiries after her family. -

"How comes it, that we have not the pleasure of seeing your sisters here this evening? - Our assemblies have been used to be so well treated by them, that we do not know how to take this neglect." -

"My eldest sister is the only one at home - and she could not leave my father -"

"Miss Watson the only one at home! - You astonish me! - It seems but the day before yesterday that I saw them all three in this town. But I am afraid I have been a very sad neighbour of late. I hear dreadful complaints of my negligence wherever I go, - and I confess it is a shameful length of time since I was at Stanton. - But I shall now endeavour to make myself amends for the past." -

Emma's calm courtsey in reply must have struck him as very unlike the encouraging warmth he had been used to receive from her sisters, and gave him probably the novel sensation of doubting his own influence, and of wishing for more attention than she bestowed. -

Dato che si erano rimessi immediatamente in movimento, Charles fu spinto via senza poter avere l'approvazione dello zio. Entrando nella sala da tè, nella quale erano stati preparati due lunghi tavoli, si poteva vedere Lord Osborne completamente solo all'estremità di uno di essi, come se si fosse allontanato il più possibile dal ballo, per godersi i propri pensieri, e sbadigliare liberamente. Charles lo indicò subito a Emma.

"Ecco Lord Osborne, andiamo a sederci vicino a lui."

"No, no", disse Emma ridendo, "venite voi a sedervi con i miei amici."

Ormai Charles si sentiva a suo agio, abbastanza per azzardare a sua volta qualche domanda. "Che ore sono?"

"Le undici."

"Le undici! e non ho per niente sonno. Mamma ha detto che mi sarei addormentato prima delle dieci. Credete che Miss Osborne manterrà la parola, una volta finito il tè?"

"Oh! sì. Immagino di sì", anche se si rendeva conto di non avere motivi migliori da offrire se non quello che Miss Osborne prima non l'aveva mantenuta.

"Quando verrete a Osborne Castle?"

"Mai, probabilmente. Non conosco la famiglia."

"Ma potete venire a Wickstead a trovare mamma, e lei può portarvi al Castello. C'è una strana ed enorme volpe impagliata là, e un tasso; chiunque direbbe che sono vivi. È un peccato che non li vediate."

Quando si alzarono dopo il tè, ci fu di nuovo trambusto per il piacere di essere i primi a uscire dalla sala, accresciuto da uno o due gruppi ai tavoli da gioco che avevano appena smesso di giocare e si stavano accingendo a muoversi esattamente nella direzione opposta. Tra loro c'era Mr. Howard, che dava il braccio alla sorella, ed erano appena giunti a portata di Emma che Mrs. Blake, richiamando la sua attenzione con un colpetto amichevole, disse,

"La vostra bontà con Charles, mia cara Miss Watson, ha conquistato tutta la sua famiglia. Permettetemi di presentarvi mio fratello, Mr. Howard."

Emma fece una riverenza, il signore s'inchinò, le chiese rapidamente di fargli l'onore dei due balli successivi, la richiesta fu altrettanto rapidamente accettata, e furono immediatamente spinti in direzioni opposte. Emma ne fu molto soddisfatta; Mr. Howard aveva un aspetto signorile e pacatamente cordiale che le piaceva, e nei pochi minuti successivi il valore di quell'invito crebbe quando, seduta nella sala da gioco parzialmente nascosta da una porta, sentì Lord Osborne, che poltriva a un tavolo libero vicino a lei, chiamare Tom Musgrave e dirgli,

"Perché non ballate con quella bella Emma Watson? Voglio che balliate con lei, e io verrò a mettermi accanto a voi."

"Mi stavo decidendo a farlo proprio in questo momento, milord; mi farò presentare e ballerò subito con lei."

"Sì, fatelo, e se scoprite che non ama sentire chiacchierare molto, dopo un po' potete presentarmi."

"Benissimo, milord. Se è come le sorelle, vorrà solo essere ascoltata. Andrò subito. La troverò nella sala da tè. Quella vecchia scontrosa di Mrs. Edwards non la finisce mai con il tè."

Se ne andò, Lord Osborne dietro di lui, e Emma non perse tempo ad allontanarsi dal suo nascondiglio, esattamente dalla parte opposta, dimenticando nella fretta che si stava lasciando dietro Mrs. Edwards.

"Vi avevamo persa del tutto", disse Mrs. Edwards, che la seguì con Mary, meno di cinque minuti dopo. "Se preferite questa sala all'altra, non c'è motivo per non restare qui, ma è meglio se restiamo tutte insieme."

A Emma fu risparmiato il fastidio delle scuse dall'arrivo di Tom Musgrave, che, chiedendo a voce alta a Mrs. Edwards l'onore di essere presentato a Miss Emma Watson, non lasciò scelta alla brava signora, se non quella di testimoniare con la propria freddezza che lo faceva con riluttanza. L'onore di ballare con lei fu sollecitato senza perdere tempo, e Emma, per quanto potesse piacerle essere considerata una bella ragazza da nobili e borghesi, era così poco bendisposta verso Tom Musgrave che fu oltremodo soddisfatta nel dichiarare il suo impegno precedente. Lui ne fu evidentemente sorpreso e sconcertato. Il suo ultimo cavaliere l'aveva probabilmente indotto a credere che non fosse sopraffatta dalle richieste.

"Il mio piccolo amico Charles Blake", esclamò, "non deve aspettarsi di monopolizzarvi per l'intera serata. Non potremmo mai tollerarlo, è contro le regole del ballo, e sono sicuro che non può avere l'approvazione della nostra buona amica, Mrs. Edward, che è troppo buon giudice in materia di etichetta per ammettere strappi alla norma così pericolosi."

"Non devo ballare col signorino Blake, signore."

Il gentiluomo, un po' confuso, poteva solo sperare di essere più fortunato un'altra volta e, apparentemente restio ad andarsene, anche se il suo amico Lord Osborne stava aspettando il risultato davanti alla porta, come notò Emma con un certo divertimento, cominciò a fare domande cortesi circa la sua famiglia.

"Come mai stasera non abbiamo il piacere di vedere le vostre sorelle? I nostri balli sono abituati a essere così ben giudicati da loro, che non sappiamo come prendere questa trascuratezza."

"La mia sorella maggiore è la sola a essere a casa, e non poteva lasciare mio padre."

"Miss Watson la sola a essere a casa! Mi stupite! Mi sembra di averle viste tutte e tre in città non più tardi di ieri l'altro. Ma ultimamente temo di essere stato un pessimo vicino. Ovunque vada sono terribilmente rimproverato per la mia trascuratezza, e confesso che è da un tempo vergognosamente lungo che non vado a Stanton. Ma ora farò ogni sforzo per fare ammenda del passato."

La tranquilla gentilezza della risposta di Emma dovette colpirlo per il perfetto contrasto con i calorosi incoraggiamenti che era abituato a ricevere dalle sorelle, e gli dette probabilmente la sensazione, nuova per lui, di dover dubitare del proprio ascendente, e di desiderare più attenzione di quanta lei ne concedeva.

The dancing now recommenced; Miss Carr being impatient to call, everybody was required to stand up - and Tom Musgrave's curiosity was appeased, on seeing Mr. Howard come forward and claim Emma's hand - "That will do as well for me" - was Lord Osborne's remark, when his friend carried him the news - and he was continually at Howard's elbow during the two dances. - The frequency of his appearance there, was the only unpleasant part of the engagement, the only objection she could make to Mr. Howard. - In himself, she thought him as agreeable as he looked; though chatting on the commonest topics he had a sensible, unaffected way of expressing himself, which made them all worth hearing, and she only regretted that he had not been able to make his pupil's manners as unexceptionable as his own. - The two dances seemed very short, and she had her partner's authority for considering them so. - At their conclusion the Osbornes and their train were all on the move.

"We are off at last," said his Lordship to Tom. - "How much longer do you stay in this heavenly place? - till sunrise?" -

"No, faith! my Lord, I have had quite enough of it I assure you - I shall not show myself here again when I have had the honour of attending Lady Osborne to her carriage. I shall retreat in as much secrecy as possible to the most remote corner of the house, where I shall order a barrel of oysters, and be famously snug."

"Let us see you soon at the Castle; and bring me word how she looks by daylight." -

Emma and Mrs. Blake parted as old acquaintance, and Charles shook her by the hand and wished her "good bye" at least a dozen times. From Miss Osborne and Miss Carr she received something like a jerking curtsey as they passed her; even Lady Osborne gave her a look of complacency - and his Lordship actually came back, after the others were out of the room, to "beg her pardon," and look in the window seat behind her for the gloves which were visibly compressed in his hand. -

As Tom Musgrave was seen no more, we may suppose his plan to have succeeded, and imagine him mortifying with his barrel of oysters, in dreary solitude - or gladly assisting the landlady in her bar to make fresh negus for the happy dancers above.

Emma could not help missing the party, by whom she had been, though in some respects unpleasantly, distinguished, and the two dances which followed and concluded the ball were rather flat, in comparison with the others. - Mr. Edwards having played with good luck, they were some of the last in the room -

"Here we are, back again, I declare -" said Emma sorrowfully, as she walked into the dining room, where the table was prepared, and the neat upper maid was lighting the candles - "My dear Miss Edwards - how soon it is at an end! - I wish it could all come over again! -"

A great deal of kind pleasure was expressed in her having enjoyed the evening so much - and Mr. Edwards was as warm as herself in the praise of the fullness, brilliancy and spirit of the meeting; though as he had been fixed the whole time at the same table in the same room, with only one change of chairs, it might have seemed a matter scarcely perceived. - But he had won four rubbers out of five, and everything went well. His daughter felt the advantage of this gratified state of mind, in the course of the remarks and retrospections which now ensued, over the welcome soup. -

"How came you not to dance with either of the Mr. Tomlinsons, Mary?"- said her mother.

"I was always engaged when they asked me."

"I thought you were to have stood up with Mr. James, the two last dances; Mrs. Tomlinson told me he was gone to ask you - and I had heard you say two minutes before that you were not engaged. -"

"Yes - but - there was a mistake - I had misunderstood - I did not know I was engaged - I thought it had been for the two dances after, if we stayed so long - but Captain Hunter assured me it was for those very two. -"

"So, you ended with Captain Hunter Mary, did you?" said her father. "And who did you begin with?"

"Captain Hunter" was repeated, in a very humble tone. -

"Hum! That is being constant however. But who else did you dance with?"

"Mr. Norton, and Mr. Styles."

"And who are they?"

"Mr. Norton is a cousin of Captain Hunter's." -

"And who is Mr. Styles?"

"One of his particular friends." -

"All in the same regiment," added Mrs. Edwards. - "Mary was surrounded by red coats all the evening. I should have been better pleased to see her dancing with some of our old neighbours I confess. -"

"Yes, yes, we must not neglect our old neighbours -. But if these soldiers are quicker than other people in a ball room, what are young ladies to do?"

"I think there is no occasion for their engaging themselves so many dances beforehand, Mr. Edwards." -

"No - perhaps not - but I remember my dear when you and I did the same." -

Mrs. Edwards said no more, and Mary breathed again. - A great deal of good-humoured pleasantry followed - and Emma went to bed in charming spirits, her head full of Osbornes, Blakes, and Howards. -

Era ormai ora di riprendere le danze; dato che Miss Carr era impaziente di dare il via, tutti erano tenuti a stare in piedi, e la curiosità di Tom Musgrave fu soddisfatta vedendo Mr. Howard che si dirigeva verso Emma porgendole la mano. "Per me va bene lo stesso", fu il commento di Lord Osborne quando l'amico gli riferì la notizia, e nel corso dei due balli successivi rimase continuamente alle costole di Howard. La frequenza delle sue apparizioni fu la sola parte spiacevole di quell'impegno, la sola obiezione che avrebbe potuto muovere a Mr. Howard. Quanto a lui, lo giudicò simpatico come le era sembrato; pur chiacchierando sui più comuni degli argomenti, aveva un modo così ragionevole e spontaneo di esprimerli che li rendeva degni di essere ascoltati, e lei rimpianse soltanto che non fosse riuscito a rendere i modi del suo allievo altrettanto ineccepibili. I due balli sembrarono molto brevi, e ne ebbe un'autorevole conferma anche dal suo cavaliere. Una volta conclusi, gli Osborne e il loro seguito si misero in movimento.

"Ce ne andiamo, finalmente", disse sua Signoria a Tom. "Per quanto tempo resterete in questo luogo celestiale? fino all'alba?"

"Parola mia no! milord, Vi assicuro che ne ho abbastanza. Non mi farò rivedere una volta avuto l'onore di accompagnare Lady Osborne alla carrozza. Mi ritirerò nel modo più discreto possibile nell'angolo più remoto della casa, dove ordinerò un bel piatto di ostriche e me ne starò a meraviglia."

"Fatevi vedere presto al castello, e ditemi com'è la signorina alla luce del giorno."

Emma e Mrs. Blake si separarono come vecchie amiche, e Charles le strinse la mano e le disse "arrivederci" almeno una dozzina di volte. Da Miss Osborne e Miss Carr ebbe qualcosa di simile a uno sbrigativo inchino mentre le passavano davanti; persino Lady Osborne le concesse uno sguardo compiaciuto, e sua Signoria tornò addirittura indietro, dopo che gli altri erano usciti, per scusarsi e cercare nel sedile della finestra dietro di lei dei guanti che stringeva visibilmente in mano.

Dato che Tom Musgrave non riapparve più, dobbiamo supporre che il suo piano ebbe successo, e immaginarlo mortificato col suo bel piatto di ostriche, in tetra solitudine, o lieto di aiutare la padrona di casa a preparare dell'altro negus (5) per i felici ballerini del piano di sopra.

Emma non poté fare a meno di sentire la mancanza del gruppo in cui si era trovata coinvolta, anche se per certi aspetti in modo sgradevole, e i due balli che seguirono e conclusero la festa furono piuttosto fiacchi a paragone degli altri. Mr. Edwards era stato fortunato al gioco, e quindi furono tra gli ultimi ad andarsene.

"Eccoci qui, di ritorno", disse Emma tristemente, mentre si avviavano verso la sala da pranzo, dove era stata apparecchiata la tavola, e l'impeccabile prima cameriera stava accendendo le candele. "Mia cara Miss Edwards, com'è finito presto! Avrei voluto che ricominciasse tutto da capo!"

Ci fu una generale e cortese soddisfazione nel sentire che la serata le fosse piaciuta così tanto, e Mr. Edwards fu altrettanto entusiasta nel lodare l'abbondanza, lo splendore e lo spirito della festa, sebbene, essendo stato per tutto il tempo incollato allo stesso tavolo nella stessa sala, cambiando solo una volta la sedia, si sarebbe potuto pensare che non se ne fosse nemmeno accorto. Ma aveva vinto quattro mani su cinque, e perciò tutto era andato bene. Sua figlia colse il vantaggio di quello stato d'animo soddisfatto nel corso dei commenti sulla serata, che seguirono mentre gustavano la zuppa.

"Come mai non hai ballato con nessuno dei due Tomlinson, Mary?", disse la madre.

"Ero sempre impegnata quando me l'hanno chiesto."

"Credevo che fossi impegnata con Mr. James, per gli ultimi due balli; Mrs. Tomlinson mi ha detto che lui ti aveva invitata, e due minuti prima ti avevo sentito dire che non eri impegnata."

"Sì... ma... c'era stato un errore. Mi ero confusa, non mi ero resa conto di essere impegnata. Pensavo che fosse per i due balli successivi, se fossimo restati, ma il Capitano Hunter mi ha assicurata che era proprio per quei due."

"E così, Mary, hai terminato con il Capitano Hunter, no?", disse il padre. "E con chi hai cominciato?"

"Col Capitano Hunter", fu la risposta, in tono molto umile.

"Ah! Questo, comunque, significa essere costanti. Ma con chi altro hai ballato?"

"Mr. Norton, e Mr. Styles."

"E chi sono?"

"Mr. Norton è un cugino del Capitano Hunter."

"E Mr. Styles chi è?"

"Un suo intimo amico."

"E sono tutti nello stesso reggimento", aggiunse Mrs. Edwards. "Mary è stata circondata da uniformi per tutta la serata. Mi sarebbe piaciuto di più se avesse ballato con qualcuno dei nostri vecchi vicini, lo confesso."

"Sì, sì, non dobbiamo trascurare i nostri vecchi vicini. Ma se questi militari sono più svelti degli altri in una sala da ballo, che cosa devono fare le signorine?"

"Credo che non ci fosse motivo di impegnarsi in anticipo per così tanti balli, Mr. Edwards."

"No, forse no, ma ricordo, mia cara, quando voi e io facevamo lo stesso."

Mrs. Edwards non disse altro, e Mary ricominciò a respirare. Seguirono un bel po' di allegre facezie, e Emma andò a dormire di ottimo umore, con la testa piena di Osborne, Blake e Howard.

The next morning brought a great many visitors. It was the way of the place always to call on Mrs. Edwards the morning after a ball, and this neighbourly inclination was increased in the present instance by a general spirit of curiosity on Emma's account, as everybody wanted to look again at the girl who had been admired the night before by Lord Osborne -.

Many were the eyes, and various the degrees of approbation with which she was examined. Some saw no fault, and some no beauty -. With some her brown skin was the annihilation of every grace, and others could never be persuaded that she were half so handsome as Elizabeth Watson had been ten years ago. -

The morning passed quietly away in discussing the merits of the ball with all this succession of company - and Emma was at once astonished by finding it two o'clock, and considering that she had heard nothing of her father's chair. After this discovery she had walked twice to the window to examine the street, and was on the point of asking leave to ring the bell and make inquiries, when the light sound of a carriage driving up to the door set her heart at ease. She stepped again to the window - but instead of the convenient though very un-smart family equipage perceived a neat curricle. - Mr. Musgrave was shortly afterwards announced; - and Mrs. Edwards put on her very stiffest look at the sound. - Not at all dismayed however by her chilling air, he paid his compliments to each of the ladies with no unbecoming ease, and continuing to address Emma, presented her a note, which he had "the honour of bringing from her sister; but to which he must observe that a verbal postscript from himself would be requisite." -

The note, which Emma was beginning to read rather before Mrs. Edwards had entreated her to use no ceremony, contained a few lines from Elizabeth importing that their father in consequence of being unusually well had taken the sudden resolution of attending the visitation that day, and that as his road lay quite wide from R. it was impossible for her to come home till the following morning, unless the Edwardses would send her, which was hardly to be expected, or she could meet with any chance conveyance, or did not mind walking so far. - She had scarcely run her eye through the whole, before she found herself obliged to listen to Tom Musgrave's farther account.

"I received that note from the fair hands of Miss Watson only ten minutes ago," said he - "I met her in the village of Stanton, whither my good stars prompted me to turn my horses' heads - she was at that moment in quest of a person to employ on the errand, and I was fortunate enough to convince her that she could not find a more willing or speedy messenger than myself -. Remember, I say nothing of my disinterestedness. - My reward is to be the indulgence of conveying you to Stanton in my curricle. - Though they are not written down, I bring your sister's orders for the same. -"

Emma felt distressed; she did not like the proposal - she did not wish to be on terms of intimacy with the proposer - and yet fearful of encroaching on the Edwardses, as well as wishing to go home herself, she was at a loss how entirely to decline what he offered -. Mrs. Edwards continued silent, either not understanding the case, or waiting to see how the young lady's inclination lay. Emma thanked him - but professed herself very unwilling to give him so much trouble. "The trouble was of course, honour, pleasure, delight. What had he or his horses to do?" - Still she hesitated. "She believed she must beg leave to decline his assistance - She was rather afraid of the sort of carriage -. The distance was not beyond a walk." -

Mrs. Edwards was silent no longer. She inquired into the particulars - and then said, "We shall be extremely happy, Miss Emma, if you can give us the pleasure of your company till tomorrow - but if you can not conveniently do so, our carriage is quite at your service, and Mary will be pleased with the opportunity of seeing your sister." -

This was precisely what Emma had longed for, and she accepted the offer most thankfully, acknowledging that as Elizabeth was entirely alone, it was her wish to return home to dinner. - The plan was warmly opposed by their visitor.

"I cannot suffer it indeed. I must not be deprived of the happiness of escorting you. I assure you there is not a possibility of fear with my horses. You might guide them yourself. Your sisters all know how quiet they are; they have none of them the smallest scruple in trusting themselves with me, even on a race-course. - Believe me -" added he lowering his voice -, "You are quite safe, the danger is only mine." - Emma was not more disposed to oblige him for all this. - "And as to Mrs. Edwards's carriage being used the day after a ball, it is a thing quite out of rule, I assure you - never heard of before - the old coachman will look as black as his horses -. Won't he Miss Edwards?" - No notice was taken. The ladies were silently firm, and the gentleman found himself obliged to submit. -

"What a famous ball we had last night! -" he cried, after a short pause. "How long did you keep it up, after the Osbornes and I went away?" -

"We had two dances more." -

"It is making it too much of a fatigue I think, to stay so late. - I suppose your set was not a very full one." -

"Yes, quite as full as ever, except the Osbornes. There seemed no vacancy anywhere - and everybody danced with uncommon spirit to the very last." - Emma said this - though against her conscience. -

"Indeed! perhaps I might have looked in upon you again, if I had been aware of as much; - for I am rather fond of dancing than not. - Miss Osborne is a charming girl, is not she?"

"I do not think her handsome," replied Emma, to whom all this was chiefly addressed.

"Perhaps she is not critically handsome, but her manners are delightful. And Fanny Carr is a most interesting little creature. You can imagine nothing more naive or piquante; and what do you think of Lord Osborne, Miss Watson?"

"That he would be handsome, even though he were not a Lord - and perhaps - better bred; more desirous of pleasing, and shewing himself pleased in a right place. -"

"Upon my word, you are severe upon my friend! - I assure you Lord Osborne is a very good fellow." -

"I do not dispute his virtues - but I do not like his careless air." -

"If it were not a breach of confidence," replied Tom, with an important look, "perhaps I might be able to win a more favourable opinion of poor Osborne. -"

Emma gave him no encouragement, and he was obliged to keep his friend's secret. - He was also obliged to put an end to his visit - for Mrs. Edwards having ordered her carriage, there was no time to be lost on Emma's side in preparing for it. - Miss Edwards accompanied her home; but as it was dinner-hour at Stanton, staid with them only a few minutes. -

Il mattino seguente portò moltissimi visitatori. Era usanza del posto fare sempre visita a Mrs. Edwards il mattino dopo un ballo, e in questo caso quell'abitudine di buon vicinato fu incrementata dalla generale curiosità riguardo a Emma, dato che tutti volevano dare un'ulteriore occhiata alla ragazza che era stata ammirata la sera prima da Lord Osborne.

Molti furono gli occhi, e diversi i gradi di approvazione, con i quali fu esaminata. Qualcuno non vide difetti, e qualcuno nessuna bellezza. Per qualcuno la sua carnagione scura era la negazione di ogni grazia, e altri non avrebbero mai ammesso che fosse bella nemmeno la metà di quanto lo era stata Elizabeth Watson dieci anni prima.

La mattinata trascorse tranquillamente discutendo dei meriti del ballo con tutto quel succedersi di ospiti, e Emma rimase stupita allo stesso modo scoprendo che erano le due e rendendosi conto di non avere ancora saputo nulla del calessino del padre. Dopo questa scoperta, andò due volte alla finestra per guardare in strada, ed era sul punto di suonare il campanello per avere qualche informazione, quando il debole rumore di una carrozza che si accostava all'ingresso la tranquillizzò. Si avvicinò di nuovo alla finestra, ma invece del comodo, anche se molto dimesso, equipaggio di famiglia, scorse un elegante calesse. Subito dopo, fu annunciato Mr. Musgrave, e al suono di quel nome Mrs. Edwards assunse il suo aspetto più scostante. Tuttavia, assolutamente incurante dell'aria gelida della padrona di casa, lui rivolse i propri omaggi a tutte le signore con perfetta disinvoltura, e proseguì rivolgendosi a Emma e porgendole un biglietto, che aveva avuto l'onore di portarle per conto della sorella, e per il quale aveva il dovere di precisare che sarebbe stato necessario un poscritto da parte sua.

Il biglietto, che Emma aveva cominciato a leggere un po' prima che Mrs. Edwards l'avesse pregata di non fare complimenti, conteneva poche righe di Elizabeth, che la informavano di come il padre, sentendosi insolitamente bene, aveva preso l'improvvisa decisione di partecipare quel giorno alla periodica visita del vescovo, e dato che la strada da fare era da tutt'altra parte rispetto a R. (6) per lei era impossibile tornare a casa prima del mattino successivo, a meno che non ci pensassero gli Edwards, il che non c'era da aspettarselo, oppure riuscisse a trovare per caso un mezzo di trasporto o non le pesasse camminare così tanto. Aveva a malapena scorso la lettera, quando si trovò costretta ad ascoltare il resto da parte di Tom Musgrave.

"Ho avuto questo biglietto dalle incantevoli mani di Miss Watson solo dieci minuti fa", disse. "L'ho incontrata a Stanton, dove la mia buona stella mi aveva spinto a dirigere i cavalli; in quel momento stava cercando una persona a cui affidare quella commissione, e io sono stato così fortunato da convincerla che non avrebbe potuto trovare un messaggero più disponibile e veloce di me. Rammentate, non ho parlato di disinteresse da parte mia. La mia ricompensa sarà il piacere di portarvi a Stanton con il mio calesse. Anche se non sono scritte, le istruzioni di vostra sorella sono state queste."

Emma era turbata; la proposta non le piaceva, non voleva entrare in confidenza con chi la suggeriva, ma il timore di abusare degli Edwards, insieme al desiderio di tornare a casa, la rendevano perplessa su come rifiutare del tutto l'offerta. Mrs. Edwards restava in silenzio, o perché non capiva il problema, o perché aspettava di vedere quale fosse la tendenza della signorina. Emma lo ringraziò, ma si dichiarò molto restia a procurargli un tale disturbo. Il disturbo, naturalmente, era un onore, un piacere, una gioia. Che cosa avevano da fare lui o i suoi cavalli? Lei esitava ancora. Si sentiva in dovere di rifiutare il suo aiuto; aveva un po' paura di quel tipo di calesse; la distanza non era proibitiva per una passeggiata.

Mrs. Edwards non rimase più a lungo in silenzio. Si informò dei particolari e poi disse, "Saremo felicissimi, Miss Emma, se ci concederete il piacere della vostra compagnia fino a domani, ma se non lo ritenete opportuno, la nostra carrozza è a vostra completa disposizione, e per Mary sarà un piacere avere l'opportunità di far visita a vostra sorella."

Questo era esattamente quello che Emma aveva sperato, e accettò l'offerta con estrema gratitudine, ammettendo che, essendo Elizabeth completamente da sola, era suo desiderio tornare a casa per il pranzo. Il loro ospite si oppose con ardore al progetto.

"Non posso davvero accettarlo. Non devo essere privato della gioia di accompagnarvi. Vi assicuro che con i miei cavalli non c'è nessuna ragione di aver paura. Potete guidarli voi stessa. Tutte le vostre sorelle sanno quanto siano tranquilli; nessuna di loro prova il minimo scrupolo ad affidarsi a me, persino in una corsa. Credetemi", aggiunse abbassando la voce, "voi sarete perfettamente al sicuro, il pericolo è solo mio." Anche dopo tutto questo, Emma non si sentì più disponibile a essere in obbligo con lui. "E quanto all'usare la carrozza di Mrs. Edwards il giorno dopo un ballo, è contro ogni regola, ve l'assicuro, una cosa mai sentita, il vecchio cocchiere sarà nero come i suoi cavalli. Non è vero Miss Edwards?" Nessuna risposta. Le signore restavano ferme nel loro silenzio, e il signore si trovò costretto a subire.

"Che magnifico ballo abbiamo avuto ieri sera!" esclamò lui, dopo una breve pausa. "Quanto vi siete trattenuti, dopo che gli Osborne e io ce ne siamo andati?"

"Ci sono stati altri due balli."

"Credo che diventi troppo faticoso restare fino a così tardi. Immagino che non foste rimasti in molti."

"Ma sì, quanti eravamo prima, salvo gli Osborne. Non sembravano esserci vuoti da nessuna parte, e tutti hanno ballato fino alla fine con molto brio." Questo lo disse Emma, anche se le rimordeva la coscienza.

"Davvero! forse avrei potuto fare di nuovo un salto da voi, se l'avessi saputo, perché in realtà sono molto amante del ballo. Miss Osborne è una ragazza incantevole, non è vero?"

"Non mi sembra bella", rispose Emma, a cui era indirizzato questo discorso.

"Forse non è esattamente bella, ma i suoi modi sono deliziosi. E Fanny Carr è una creaturina molto interessante. Non si può immaginare nulla di più spontaneo o pungente; e che cosa ne pensate di Lord Osborne, Miss Watson?"

"Che sarebbe un bell'uomo, anche se non fosse un Lord, e, forse, sarebbe più educato, più desideroso di riuscire simpatico e di far vedere che si diverte al momento giusto."

"Parola mia, siete severa sul conto del mio amico! vi assicuro che Lord Osborne è un gran bravo ragazzo."

"Non metto in dubbio le sue virtù, ma non mi piace quell'aria indifferente."

"Se non fosse un abuso di confidenza", replicò Tom, con uno sguardo significativo, "forse potrei ottenere un'opinione più favorevole sul povero Osborne."

Emma non gli concesse nessun incoraggiamento, e lui fu costretto a mantenere il segreto del suo amico. Fu anche costretto a mettere fine alla visita, poiché Mrs. Edwards aveva ordinato la carrozza e da parte di Emma non c'era tempo da perdere nel prepararsi. Miss Edwards l'accompagnò a casa, ma dato che a Stanton era ora di pranzo, restò solo pochi minuti.

"Now my dear Emma," said Miss Watson, as soon as they were alone, "you must talk to me all the rest of the day, without stopping, or I shall not be satisfied. But first of all Nanny shall bring in the dinner. Poor thing! - You will not dine as you did yesterday, for we have nothing but some fried beef. - How nice Mary Edwards looks in her new pelisse! - And now tell me how you like them all, and what I am to say to Sam. I have begun my letter, Jack Stokes is to call for it tomorrow, for his uncle is going within a mile of Guilford the next day. -"

Nanny brought in the dinner. -

"We will wait upon ourselves," continued Elizabeth, "and then we shall lose no time. - And so, you would not come home with Tom Musgrave?" -

"No. You had said so much against him that I could not wish either for the obligation, or the intimacy which the use of his carriage must have created -. I should not even have liked the appearance of it." -

"You did very right; though I wonder at your forbearance, and I do not think I could have done it myself. - He seemed so eager to fetch you, that I could not say no, though it rather went against me to be throwing you together, so well as I knew his tricks; - but I did long to see you, and it was a clever way of getting you home; besides - it won't do to be too nice. - Nobody could have thought of the Edwardses letting you have their coach, - after the horses being out so late. - But what am I to say to Sam?" -

"If you are guided by me, you will not encourage him to think of Miss Edwards. - The father is decidedly against him, the mother shews him no favour, and I doubt his having any interest with Mary. She danced twice with Captain Hunter, and I think shews him in general as much encouragement as is consistent with her disposition, and the circumstances she is placed in. - She once mentioned Sam, and certainly with a little confusion - but that was perhaps merely owing to the consciousness of his liking her, which may very probably have come to her knowledge." -

"Oh! dear! yes - she has heard enough of that from us all. Poor Sam! - He is out of luck as well as other people. - For the life of me, Emma, I cannot help feeling for those that are crossed in love. - Well - now begin, and give me an account of every thing as it happened. -"

Emma obeyed her - and Elizabeth listened with very little interruption till she heard of Mr. Howard as a partner. -

"Dance with Mr. Howard - Good heavens! You don't say so! - Why - he is quite one of the great and grand ones. - Did you not find him very high? -"

"His manners are of a kind to give me much more ease and confidence than Tom Musgrave's."

"Well - go on. I should have been frightened out of my wits, to have had anything to do with the Osbornes' set." - Emma concluded her narration. - "And so you really did not dance with Tom Musgrave at all? - But you must have liked him, you must have been struck with him altogether." -

"I do not like him, Elizabeth -. I allow his person and air to be good - and that his manners to a certain point - his address rather - is pleasing. - But I see nothing else to admire in him. - On the contrary, he seems very vain, very conceited, absurdly anxious for distinction, and absolutely contemptible in some of the measures he takes for becoming so. - There is a ridiculousness about him that entertains me - but his company gives me no other agreeable emotion."

"My dearest Emma! - You are like nobody else in the world. - It is well Margaret is not by. - You do not offend me, though I hardly know how to believe you. But Margaret would never forgive such words."

"I wish Margaret could have heard him profess his ignorance of her being out of the country; - he declared it seemed only two days since he had seen her. -"

"Aye - that is just like him. And yet this is the man, she will fancy so desperately in love with her. - He is no favourite of mine, as you well know, Emma; - but you must think him agreeable. Can you lay your hand on your heart, and say you do not?" -

"Indeed I can. Both hands; and spread to their widest extent. -"

"I should like to know the man you do think agreeable."

"His name is Howard."

"Howard! Dear me. I cannot think of him, but as playing cards with Lady Osborne, and looking proud. - I must own however that it is a relief to me, to find you can speak as you do, of Tom Musgrave; my heart did misgive me that you would like him too well. You talked so stoutly beforehand, that I was sadly afraid your brag would be punished. - I only hope it will last; - and that he will not come on to pay you much attention; it is a hard thing for a woman to stand against the flattering ways of a man, when he is bent upon pleasing her. -"

As their quietly-sociable little meal concluded, Miss Watson could not help observing how comfortably it had passed.

"It is so delightful to me," said she, "to have things going on in peace and good-humour. Nobody can tell how much I hate quarrelling. Now, though we have had nothing but fried beef, how good it has all seemed. - I wish everybody were as easily satisfied as you - but poor Margaret is very snappish, and Penelope owns she had rather have quarrelling going on, than nothing at all." -

"Adesso mia cara Emma", disse Miss Watson non appena furono sole, "devi raccontarmi tutto per il resto della giornata, senza fermarti, altrimenti non sarò soddisfatta. Ma prima di tutto Nanny porterà il pranzo. Poverina! Il pranzo non sarà come quello di ieri sera, perché non abbiamo altro che del manzo fritto. Come sta bene Miss Edwards col mantello nuovo! E ora dimmi quanto ti piacciono tutti loro, e che cosa devo dire a Sam. Ho cominciato la mia lettera, Jack Stokes verrà a prenderla domattina, perché suo zio il giorno dopo deve andare a circa un miglio da Guilford."

Nanny portò il pranzo.

"Ci serviremo da sole, "proseguì Elizabeth, "per non perdere tempo. E così, non sei voluta tornare a casa con Tom Musgrave?"

"No. Mi avevi parlato talmente male di lui che non potevo fare altrimenti, sia per non dovergli un favore che per la confidenza che si sarebbe creata usando il suo calesse. Non lo gradivo nemmeno per le apparenze."

"Hai fatto benissimo, anche se la tua rinuncia mi meraviglia, e non credo che io mi sarei comportata così. Sembrava così ansioso di accompagnarti che non ho potuto dire di no, anche se ero piuttosto restia a sapervi insieme, conoscendo bene i suoi trucchi; ma desideravo tanto vederti, ed era un modo ingegnoso di riportarti a casa, e poi... non bisogna fare troppo i difficili. Nessuno poteva pensare che gli Edwards ti avrebbero prestato la loro carrozza, dopo che i cavalli avevano fatto così tardi. Ma che cosa devo dire a Sam?"

"Se mi vuoi dar retta, non incoraggiarlo a pensare a Miss Edwards. Il padre è decisamente contrario, la madre non si dimostra affatto favorevole, e io dubito che Mary abbia un qualche interesse per lui. Ha ballato due volte con il Capitano Hunter, e penso che in generale lo incoraggi quanto può, considerando il suo carattere e la situazione in cui si trova. Una volta ha menzionato Sam, e sicuramente con un qualche imbarazzo, che forse però era solo dovuto al fatto che sa di piacergli, cosa che molto probabilmente le è giunta all'orecchio."

"Oh! mia cara! sì, ne ha sentito parlare abbastanza da tutte noi. Povero Sam! È sfortunato come tanti altri. Ti giuro, Emma, che non posso fare a meno di commuovermi per chi è contrastato in amore. Be', ora comincia, e fammi un resoconto di tutto quello che è successo."

Emma obbedì, e Elizabeth ascoltò con pochissime interruzioni finché non sentì parlare di Mr. Howard come cavaliere.

"Ballare con Mr. Howard, buon Dio! Non dirmelo! Caspita! è di sicuro uno di quelli più in alto loco. Non l'hai trovato molto altezzoso?"

"I suoi modi sono di quel genere che mi mette molto più a mio agio e mi ispira molta più fiducia, rispetto a quelli di Tom Musgrave."

"Be', vai avanti. Io mi sarei sentita terrorizzata ad avere a che fare con qualcuno della cerchia degli Osborne." Emma concluse il suo racconto. "E così, davvero non hai mai ballato con Tom Musgrave? Ma dev'esserti piaciuto, deve averti colpita, tutto considerato."

"Non mi piace, Elizabeth. Riconosco che ha un bell'aspetto e un bel portamento, e che i suoi modi, fino a un certo punto... più che altro come si presenta, sono piacevoli. Ma non vedo altro da ammirare. Al contrario, sembra molto vanitoso, molto pieno di sé, assurdamente attento a darsi importanza, e assolutamente spregevole per alcuni dei mezzi che usa per farlo. Ha un che di ridicolo che mi diverte, ma la sua compagnia non mi suscita nessun'altra emozione gradevole."

"Mia carissima Emma! Sei unica al mondo. Meno male che non c'è Margaret. Io non mi offendo, anche se faccio davvero fatica a crederti. Ma Margaret non ti perdonerebbe mai parole del genere."

"Vorrei che Margaret lo avesse sentito fingere di ignorare il fatto che fosse fuori; ha affermato che gli sembrava di averla vista solo due giorni prima."

"Sì, è proprio da lui. Eppure è questo l'uomo che Margaret vuole immaginare disperatamente innamorato di lei. Non è un mio beniamino, come tu ben sai, Emma, ma di sicuro lo consideri simpatico. Puoi metterti una mano sul cuore, e dire che non lo è?"

"Certo che posso, anche tutte e due le mani, e ben aperte oltretutto."

"Mi piacerebbe sapere qual è l'uomo che trovi simpatico."

"Il suo nome è Howard."

"Howard! Povera me. Non riesco a pensare a lui se non mentre gioca a carte con Lady Osborne, pieno d'orgoglio. Tuttavia devo riconoscere che per me è un sollievo scoprire che puoi parlare in questo modo di Tom Musgrave; dal profondo del cuore mi era sorto il dubbio che potesse piacerti troppo. Ne avevi parlato in modo così risoluto prima, da farmi deprimere per paura che la tua boria sarebbe stata punita. Spero solo che duri, e che non si metta a riempirti di attenzioni; per una donna è difficile resistere alle lusinghe di un uomo, quando è deciso a piacerle."

Una volta concluso con calma e piacevolmente il loro piccolo pasto, Miss Watson non poté fare a meno di osservare come si fosse svolto in armonia.

"Per me è così delizioso", disse, "quando le cose vanno avanti tranquillamente e in allegria. Nessuno sa quanto odio litigare. Adesso, anche se non avevamo nulla di più di manzo fritto, è sembrato tutto così buono. Vorrei che tutti si accontentassero facilmente come te, ma la povera Margaret è molto aggressiva, e Penelope ammette lei stessa di preferire una bella litigata a niente del tutto."

Mr. Watson returned in the evening, not the worse for the exertion of the day, and, consequently pleased with what he had done, and glad to talk of it, over his own fireside. - Emma had not foreseen any interest to herself in the occurrences of a visitation - but when she heard Mr. Howard spoken of as the preacher, and as having given them an excellent sermon, she could not help listening with a quicker ear. -

"I do not know when I have heard a discourse more to my mind -" continued Mr. Watson - "or one better delivered. - He reads extremely well, with great propriety and in a very impressive manner; and at the same time without any theatrical grimace or violence. - I own, I do not like much action in the pulpit - I do not like the studied air and artificial inflexions of voice, which your very popular and most admired preachers generally have. - A simple delivery is much better calculated to inspire devotion, and shews a much better taste. - Mr. Howard read like a scholar and a gentleman." -

"And what had you for dinner Sir?" said his eldest daughter. -

He related the dishes and told what he had ate himself. "Upon the whole," he added, "I have had a very comfortable day; my old friends were quite surprised to see me amongst them - and I must say that everybody paid me great attention, and seemed to feel for me as an invalid. - They would make me sit near the fire, and as the partridges were pretty high, Dr. Richards would have them sent away to the other end of the table, that they might not offend Mr. Watson - which I thought very kind of him. - But what pleased me as much as anything was Mr. Howard's attention. - There is a pretty steep flight of steps up to the room we dine in - which do not quite agree with my gouty foot - and Mr. Howard walked by me from the bottom to the top, and would make me take his arm. - It struck me as very becoming in so young a man, but I am sure I had no claim to expect it; for I never saw him before in my life. - By the bye, he inquired after one of my daughters; but I do not know which. I suppose you know among yourselves." -


On the third day after the ball, as Nanny, at five minutes before three, was beginning to bustle into the parlour with the tray and the knife-case, she was suddenly called to the front door, by the sound of as smart a rap as the end of a riding-whip could give - and though charged by Miss Watson to let nobody in, returned in half a minute, with a look of awkward dismay, to hold the parlour door open for Lord Osborne and Tom Musgrave. - The surprise of the young ladies may be imagined. No visitors would have been welcome at such a moment; but such visitors as these - such a one as Lord Osborne at least, a nobleman and a stranger, was really distressing. - He looked a little embarrassed himself, - as, on being introduced by his easy, voluble friend, he muttered something of doing himself the honour of waiting upon Mr. Watson. -

Though Emma could not but take the compliment of the visit to herself, she was very far from enjoying it. She felt all the inconsistency of such an acquaintance with the very humble stile in which they were obliged to live; and having in her aunt's family been used to many of the elegancies of life, was fully sensible of all that must be open to the ridicule of richer people in her present home. - Of the pain of such feelings, Elizabeth knew very little; - her simple mind, or juster reason, saved her from such mortification - and though shrinking under a general sense of inferiority, she felt no particular shame. - Mr. Watson, as the gentlemen had already heard from Nanny, was not well enough to be down stairs. - With much concern they took their seats - Lord Osborne near Emma, and the convenient Mr. Musgrave in high spirits at his own importance, on the other side of the fireplace with Elizabeth. He was at no loss for words; - but when Lord Osborne had hoped that Emma had not caught cold at the ball, he had nothing more to say for some time, and could only gratify his eye by occasional glances at his fair neighbour. - Emma was not inclined to give herself much trouble for his entertainment - and after hard labour of mind, he produced the remark of its being a very fine day, and followed it up with the question of, "Have you been walking this morning?"

Mr. Watson tornò in serata, senza essere peggiorato per le fatiche della giornata e quindi contento di quello che aveva fatto e felice di parlarne davanti al caminetto. Emma non aveva previsto che la visita del vescovo sarebbe stata per lei motivo di interesse, ma quando sentì che il sermone era stato pronunciato da Mr. Howard, e che era stato eccellente, non poté fare a meno di ascoltare con orecchio più attento.

"Non so se ho mai sentito un'orazione più nelle mie corde", proseguì Mr. Watson, "o una meglio tenuta. Legge estremamente bene, con grande proprietà e in un modo che colpisce molto, e allo stesso tempo senza pose o esagerazioni teatrali. Lo confesso, non amo troppi gesti sul pulpito, non amo l'aria studiata e l'inflessione artificiale della voce che in genere hanno i vostri predicatori più popolari e ammirati. Una lettura semplice è molto più adatta a ispirare devozione, e dimostra un gusto migliore. Mr. Howard legge come uno studioso e un gentiluomo."

"E che cosa avete mangiato a pranzo, signore?", chiese la figlia maggiore.

Mr. Watson descrisse le portate e precisò quelle che aveva mangiato lui. "Tutto sommato", aggiunse, "è stata una giornata molto piacevole; i miei vecchi amici erano proprio sorpresi di vedermi, e devo dire che mi hanno dedicato tutti molte attenzioni e sembravano dispiaciuti nel vedermi come un invalido. Mi hanno fatto sedere vicino al fuoco, e dato che le pernici erano piuttosto frolle, il Dr. Richards le ha fatte portare dall'altro lato del tavolo, affinché non disturbassero Mr. Watson, cosa che ho considerato molto gentile da parte sua. Ma quello che mi ha fatto più piacere di tutto è stata la premura di Mr. Howard. C'è una scala piuttosto ripida per salire nella sala dove abbiamo pranzato, che non va molto d'accordo con la mia gotta, e Mr. Howard mi è stato accanto dall'inizio alla fine e ha voluto che mi appoggiassi al suo braccio. Un comportamento così a modo mi ha colpito in un giovanotto, anche perché sono sicuro di non aver avuto motivo di aspettarmelo, dato che non l'avevo mai visto prima in vita mia. A proposito, ha chiesto di una delle mie figlie, ma non ho capito quale. Presumo che voi lo sappiate."


Il terzo giorno dopo il ballo, mentre Nanny, alle tre meno cinque, stava cominciando a darsi da fare in salotto con vassoi e posate, fu improvvisamente richiamata alla porta d'ingresso da un rumore che sembrava come quello di un colpo dato con il manico di un frustino, e anche se Miss Watson l'aveva incaricata di non lasciare entrare nessuno, tornò mezzo minuto dopo, con uno sguardo di imbarazzata costernazione, per aprire la porta del salotto a Lord Osborne e Tom Musgrave. Si può immaginare la sorpresa delle signorine. Nessun visitatore sarebbe stato il benvenuto in un momento come quello, ma visitatori del genere, uno come Lord Osborne almeno, un nobile e un estraneo, era davvero un grosso problema. Lui stesso sembrava un po' imbarazzato, visto che, una volta presentato dal suo disinvolto e ciarliero amico, mormorò qualcosa sull'essersi permesso l'onore di far visita a Mr. Watson.

Anche se Emma non poteva non considerare quella visita come un omaggio fatto a lei, era ben lungi dall'esserne contenta. Avvertita tutta la contraddizione tra una tale conoscenza e il tenore di vita nel quale erano costrette a vivere, ed essendosi abituata, nella famiglia della zia, a molti dei lussi della vita, era pienamente consapevole di tutto ciò che in casa loro poteva esporle al ridicolo di gente ricca. Di sentimenti del genere Elizabeth aveva pochissima consapevolezza; il suo animo semplice, o un più legittimo buonsenso, le risparmiò una mortificazione del genere e, anche se intimidita da un generico complesso di inferiorità, non provava nessuna particolare vergogna. Mr. Watson, come i signori avevano già appreso da Nanny, non stava bene abbastanza per scendere. Con aria molto contrita si sedettero. Lord Osborne vicino a Emma, e il servizievole Mr. Musgrave, di ottimo umore per l'importanza che si attribuiva, dall'altro lato del caminetto, con Elizabeth. A lui le parole non mancavano, ma una volta che Lord Osborne ebbe espresso la speranza che Emma non avesse preso freddo al ballo, non ebbe altro da dire per un po', e poté solo appagare gli occhi con fuggevoli sguardi alla sua bella vicina. Emma non era propensa a darsi molta pena per intrattenerlo, e, dopo un faticoso lavorio della mente, lui riuscì a elaborare un'osservazione sul fatto che fosse una bella giornata, e la fece seguire dalla domanda, "Avete fatto una passeggiata stamattina?"

"No, my Lord. We thought it too dirty."

"You should wear half-boots." -

After another pause, "Nothing sets off a neat ancle more than a half-boot; nankin galoshed with black looks very well. - Do not you like half-boots?"

"Yes - but unless they are so stout as to injure their beauty, they are not fit for country walking. -"

"Ladies should ride in dirty weather. - Do you ride?"

"No my Lord."

"I wonder every lady does not. - A woman never looks better than on horseback. -"

"But every woman may not have the inclination, or the means."

"If they knew how much it became them, they would all have the inclination - and I fancy Miss Watson - when once they had the inclination, the means would soon follow." -

"Your Lordship thinks we always have our own way. - That is a point on which ladies and gentlemen have long disagreed. - But without pretending to decide it, I may say that there are some circumstances which even women cannot controul. - Female economy will do a great deal my Lord, but it cannot turn a small income into a large one." -

Lord Osborne was silenced. Her manner had been neither sententious nor sarcastic, but there was a something in its mild seriousness, as well as in the words themselves, which made his Lordship think; - and when he addressed her again, it was with a degree of considerate propriety, totally unlike the half-awkward, half-fearless stile of his former remarks. - It was a new thing with him to wish to please a woman; it was the first time that he had ever felt what was due to a woman, in Emma's situation. -But as he wanted neither sense nor a good disposition, he did not feel it without effect. -

"You have not been long in this country I understand," said he in the tone of a gentleman. "I hope you are pleased with it." -

He was rewarded by a gracious answer, and a more liberal full view of her face than she had yet bestowed. Unused to exert himself, and happy in contemplating her, he then sat in silence for some minutes longer, while Tom Musgrave was chattering to Elizabeth, till they were interrupted by Nanny's approach, who half-opening the door and putting in her head, said, "Please, Ma'am, master wants to know why he be'nt to have his dinner" -

The gentlemen, who had hitherto disregarded every symptom, however positive, of the nearness of that meal, now jumped up with apologies, while Elizabeth called briskly after Nanny "to tell Betty to take up the fowls." -

"I am sorry it happens so -" she added, turning good humouredly towards Musgrave - "but you know what early hours we keep. -"

Tom had nothing to say for himself, he knew it very well, and such honest simplicity, such shameless truth rather bewildered him. - Lord Osborne's parting compliments took some time, his inclination for speech seeming to increase with the shortness of the term for indulgence. - He recommended exercise in defiance of dirt - spoke again in praise of half-boots - begged that his sister might be allowed to send Emma the name of her shoemaker - and concluded with saying,

"My hounds will be hunting this country next week - I believe they will throw off at Stanton Wood on Wednesday - at nine o'clock. - I mention this, in hopes of your being drawn out to see what's going on. - If the morning's tolerable, pray do us the honour of giving us your good wishes in person."

"No, milord. Pensavamo che ci fosse troppo fango."

"Dovreste mettere gli stivaletti."

Dopo un'altra pausa, "Nulla mette in risalto una bella caviglia più di uno stivaletto; il nanchino sta benissimo con le galosce nere. Non vi piacciono gli stivaletti?"

"Sì, ma, a meno che non siano così robusti da comprometterne la bellezza, non sono adatti alle passeggiate in campagna."

"Quando c'è fango le signore dovrebbero cavalcare. Andate a cavallo?"

"No, milord."

"Mi meraviglia che non lo facciano tutte le signore. Una donna è al suo meglio quando è a cavallo."

"Ma qualcuna potrebbe non essere propensa a farlo, o non avere i mezzi."

"Se sapessero quanto gli dona, sarebbero tutte propense, e immagino, Miss Watson, che una volta propense a farlo i mezzi si troverebbero subito."

"Vostra signoria crede che si possa sempre fare ciò che si vuole. Questo è un punto sul quale donne e uomini hanno discusso a lungo. Ma senza pretendere di risolvere la questione, posso dire che ci sono circostanze che nemmeno le donne sono in grado di controllare. L'economia femminile può fare moltissimo, milord, ma non può trasformare un'entrata piccola in una grande."

Lord Osborne fu azzittito. I modi di Emma non erano stati né sentenziosi né sarcastici, ma c'era qualcosa nella sua pacata serietà, come pure nelle parole stesse, che fece riflettere sua signoria, e quando le si rivolse di nuovo, fu con una certa composta premura, totalmente diversa dal tono, a metà tra imbarazzato e sfrontato, delle sue precedenti osservazioni. Per lui il desiderio di piacere a una donna era una cosa nuova; era la prima volta che si rendeva conto di ciò che era dovuto a una donna, nella situazione di Emma. Ma dato che non era privo né di buonsenso né di bontà, quella sensazione non passò senza produrre effetti.

"So che non siete da molto da questi parti", disse in tono cortese. "Spero che il posto vi piaccia."

Fu ricompensato con una risposta benevola, e con la possibilità di guardare per intero quel viso, cosa che non gli era stata ancora concessa. Non avvezzo a fare troppi sforzi, e felice di contemplarla, stette in silenzio per alcuni minuti, mentre Tom Musgrave chiacchierava con Elizabeth, finché non furono interrotti dall'arrivo di Nanny, che, socchiudendo la porta e infilando la testa, disse, "Mi scusi, signora, il padrone vuole sapere perché il pranzo non è ancora pronto."

I signori, che fino a quel momento avevano ignorato tutti i segnali, per quanto concreti, dell'avvicinarsi del pasto, balzarono in piedi scusandosi, mentre Elizabeth gridava dietro a Nanny di "dire a Betty di portare su i polli."

"Mi dispiace", aggiunse, rivolgendosi allegramente a Musgrave, "ma sapete come sono anticipati i nostri orari."

Tom non aveva nulla da dire da parte sua, lo sapeva benissimo, e quell'onesta semplicità, quella sincerità priva di imbarazzo, lo sconcertarono alquanto. Gli omaggi di congedo di Lord Osborne occuparono un po' di tempo, la sua propensione a parlare sembrava essere accresciuta dalla brevità del tempo a disposizione. Raccomandò esercizio nonostante il fango, fece di nuovo l'elogio degli stivaletti, chiese che la sorella potesse avere l'onore di mandare a Emma il nome del suo calzolaio, e concluse dicendo,

"I miei segugi cacceranno qui la settimana prossima. Credo che saranno liberati a Stanton Wood mercoledì, alle nove. Lo dico nella speranza che vogliate uscire per vedere come procede la caccia. Se la giornata sarà discreta, vi prego di concederci l'onore di venire di persona a farci gli auguri."

The sisters looked on each other with astonishment when their visitors had withdrawn.

"Here's an unaccountable honour!" cried Elizabeth at last. "Who would have thought of Lord Osborne's coming to Stanton. - He is very handsome; - but Tom Musgrave looks, all to nothing, the smartest and most fashionable man of the two. I am glad he did not say anything to me; I would not have had to talk to such a great man for the world. Tom was very agreeable, was not he? - But did you hear him ask where Miss Penelope and Miss Margaret were, when he first came in? - It put me out of patience. - I am glad Nanny had not laid the cloth however, it would have looked so awkward; - just the tray did not signify. -"

To say that Emma was not flattered by Lord Osborne's visit, would be to assert a very unlikely thing, and describe a very odd young lady; but the gratification was by no means unalloyed; his coming was a sort of notice which might please her vanity, but did not suit her pride; and she would rather have known that he wished the visit without presuming to make it, than have seen him at Stanton. - Among other unsatisfactory feelings it once occurred to her to wonder why Mr. Howard had not taken the same privilege of coming, and accompanied his Lordship - but she was willing to suppose that he had either known nothing about it, or had declined any share in a measure which carried quite as much impertinence in its form as good-breeding. -

Mr. Watson was very far from being delighted, when he heard what had passed; - a little peevish under immediate pain, and ill-disposed to be pleased, he only replied - "Phoo! phoo! - what occasion could there be for Lord Osborne's coming. I have lived here fourteen years without being noticed by any of the family. It is some foolery of that idle fellow, Tom Musgrave. I cannot return the visit. - I would not if I could." And when Tom Musgrave was met with again, he was commissioned with a message of excuse to Osborne Castle, on the too-sufficient plea of Mr. Watson's infirm state of health. -

A week or ten days rolled quietly away after this visit, before any new bustle arose to interrupt, even for half a day, the tranquil and affectionate intercourse of the two sisters, whose mutual regard was increasing with the intimate knowledge of each other which such intercourse produced. - The first circumstance to break in on this security was the receipt of a letter from Croydon to announce the speedy return of Margaret, and a visit of two or three days from Mr. and Mrs. Robert Watson, who undertook to bring her home, and wished to see their sister Emma. - It was an expectation to fill the thoughts of the sisters at Stanton, and to busy the hours of one of them at least - for as Jane had been a woman of fortune, the preparations for her entertainment were considerable, and as Elizabeth had at all times more good will than method in her guidance of the house, she could make no change without a bustle. - An absence of fourteen years had made all her brothers and sisters strangers to Emma, but in her expectation of Margaret there was more than the awkwardness of such an alienation; she had heard things which made her dread her return; and the day which brought the party to Stanton seemed to her the probable conclusion of almost all that had been comfortable in the house. -

Robert Watson was an attorney at Croydon, in a good way of business; very well satisfied with himself for the same, and for having married the only daughter of the attorney to whom he had been clerk, with a fortune of six thousand pounds. - Mrs. Robert was not less pleased with herself for having had that six thousand pounds, and for being now in possession of a very smart house in Croydon, where she gave genteel parties and wore fine clothes. - In her person there was nothing remarkable; her manners were pert and conceited. -

Margaret was not without beauty; she had a slight pretty figure, and rather wanted countenance than good features; - but the sharp and anxious expression of her face made her beauty in general little felt. - On meeting her long-absent sister, as on every occasion of shew, her manner was all affection and her voice all gentleness; continual smiles and a very slow articulation being her constant resource when determined on pleasing. -

Una volta che gli ospiti si furono ritirati le due sorelle si guardarono stupite.

"Davvero un onore inspiegabile!" esclamò Elizabeth alla fine. "Chi l'avrebbe immaginato che Lord Osborne venisse a Stanton. È molto bello, ma Tom Musgrave resta, non c'è paragone, il più elegante e il più brillante dei due. Sono contenta che non mi abbia rivolto la parola; per nulla al mondo avrei voluto chiacchierare con un grand'uomo come lui. Tom è stato molto simpatico, non è vero? Ma hai sentito quando ha chiesto dove fossero Miss Penelope e Miss Margaret, non appena arrivato? Mi fa perdere la pazienza. Comunque, sono contenta che Nanny non avesse messo la tovaglia, sarebbe stato così imbarazzante; solo il vassoio non significava nulla."

Dire che Emma non si sentisse lusingata dalla visita di Lord Osborne sarebbe come affermare qualcosa di molto improbabile, e descrivere una giovane donna molto strana; ma la gratificazione non era per nulla autentica; la sua venuta era un'attenzione che poteva solleticare la sua vanità, ma non soddisfare il suo orgoglio, e avrebbe preferito sapere del suo desiderio di fare quella visita, senza che si prendesse la libertà di farla, più che vederlo a Stanton. Tra i vari sentimenti spiacevoli le capitò una volta di chiedersi perché Mr. Howard non si fosse concesso lo stesso privilegio, accompagnando sua signoria, ma preferiva immaginare che lui o non ne sapesse nulla, o avesse rifiutato di prendere parte a un gesto che rivelava tanta insolenza pur nella forma di un atto di buona educazione.

Mr. Watson fu ben lungi dall'esserne piacevolmente colpito, quando seppe quello che era successo; un po' irritabile per effetto di un improvviso dolore, e mal disposto a essere compiaciuto, replicò soltanto, "Mah! mah! che motivo aveva Lord Osborne per venire. Sono vissuto qui per quattordici anni senza nessuna considerazione da parte di quella famiglia. È una qualche trovata di quel perdigiorno di Tom Musgrave. Non posso ricambiare la visita, e se potessi non lo farei." E quando Tom Musgrave ricapitò da quelle parti, gli fu affidato un messaggio di scuse per Osborne Castle, con la giustificazione, più che adeguata, del malfermo stato di salute di Mr. Watson.

Dopo quella visita trascorse placidamente una settimana, o una decina di giorni, prima che spuntasse una nuova fonte di agitazione a interrompere, anche se solo per mezza giornata, il tranquillo e affettuoso rapporto tra le due sorelle, la cui stima reciproca era cresciuta con l'intima conoscenza prodotta da tale rapporto. La prima circostanza che ruppe quella serenità fu l'arrivo di una lettera da Croydon, che annunciava l'imminente ritorno di Margaret e una visita di due o tre giorni da parte di Mr. e Mrs. Watson, che, visto l'impegno di riaccompagnarla a casa, desideravano conoscere Emma. Era una prospettiva che assorbì i pensieri delle sorelle a Stanton, e impegnò tutto il tempo di almeno una di loro, poiché, dato che Jane era una donna di famiglia ricca, i preparativi per intrattenerla erano considerevoli e Elizabeth, che aveva sempre più buona volontà che metodo nell'organizzare la conduzione della casa, non riusciva a fare nulla senza creare trambusto. Un'assenza di quattordici anni aveva reso estranei per Emma tutti i suoi fratelli e sorelle, ma nell'aspettare Margaret c'era di più dell'imbarazzo dovuto a quell'allontanamento; aveva sentito cose che le facevano temere il suo ritorno, e il giorno in cui arrivarono a Stanton le sembrò la probabile fine di quasi tutto ciò che vi era stato di positivo in casa.

Robert Watson era avvocato a Croydon, con un buon giro d'affari; era molto soddisfatto di sé per questo e per aver sposato l'unica figlia dell'avvocato per il quale aveva lavorato come impiegato, con una dote di seimila sterline. Mrs. Robert Watson non era meno compiaciuta con se stessa, per aver avuto quelle seimila sterline e per essere ora in possesso in una bellissima casa a Croydon, dove organizzava eleganti ricevimenti e indossava abiti raffinati. Nel suo aspetto fisico non c'era nulla degno di nota, e si comportava in modo insolente e presuntuoso.

Margaret non era priva di bellezza, aveva una figura esile e graziosa, forse più carente in espressività che in bei lineamenti, ma l'espressione energica e inquieta del viso metteva generalmente in ombra la sua bellezza. Nell'incontrare la sorella assente da tanto, i suoi modi e le sue parole, come in ogni occasione utile per mettersi in mostra, furono tutto affetto e gentilezza; i continui sorrisi e un modo di parlare molto lento erano le risorse a cui ricorreva costantemente quando era determinata a rendersi piacevole.

She was now so "delighted to see dear, dear Emma" that she could hardly speak a word in a minute. - "I am sure we shall be great friends -" she observed, with much sentiment, as they were sitting together.

Emma scarcely knew how to answer such a proposition - and the manner in which it was spoken, she could not attempt to equal. Mrs. Robert Watson eyed her with much familiar curiosity and triumphant compassion; - the loss of the aunt's fortune was uppermost in her mind, at the moment of meeting; - and she could not but feel how much better it was to be the daughter of a gentleman of property in Croydon, than the niece of an old woman who threw herself away on an Irish captain. - Robert was carelessly kind, as became a prosperous man and a brother; more intent on settling with the post-boy, inveighing against the exorbitant advance in posting, and pondering over a doubtful halfcrown, than on welcoming a sister, who was no longer likely to have any property for him to get the direction of. -

"Your road through the village is infamous, Elizabeth," said he; "worse than ever it was. By heaven! I would endite it if I lived near you. Who is surveyor now?" -

There was a little niece at Croydon, to be fondly inquired after by the kind-hearted Elizabeth, who regretted very much her not being of the party. -

"You are very good -" replied her mother - "and I assure you it went very hard with Augusta to have us come away without her. I was forced to say we were only going to church and promise to come back for her directly. - But you know it would not do, to bring her without her maid, and I am as particular as ever in having her properly attended to."

"Sweet little darling!" - cried Margaret. - "It quite broke my heart to leave her. -"

"Then why was you in such a hurry to run away from her?" cried Mrs. Robert. - "You are a sad shabby girl. - I have been quarrelling with you all the way we came, have not I? - Such a visit as this, I never heard of! - You know how glad we are to have any of you with us - if it be for months together. - And I am sorry, (with a witty smile) we have not been able to make Croydon agreeable this Autumn." -

"My dearest Jane - do not overpower me with your raillery. - You know what inducements I had to bring me home. - Spare me, I entreat you - I am no match for your arch sallies." -

"Well, I only beg you will not set your neighbours against the place. - Perhaps Emma may be tempted to go back with us, and stay till Christmas, if you don't put in your word." - Emma was greatly obliged. "I assure you we have very good society at Croydon. - I do not much attend the balls, they are rather too mixed, - but our parties are very select and good. - I had seven tables last week in my drawing-room. - Are you fond of the country? How do you like Stanton?" -

"Very much" - replied Emma, who thought a comprehensive answer most to the purpose. - She saw that her sister in law despised her immediately. - Mrs. Robert Watson was indeed wondering what sort of a home Emma could possibly have been used to in Shropshire, and setting it down as certain that the aunt could never have had six thousand pounds. -

"How charming Emma is! -" whispered Margaret to Mrs. Robert in her most languishing tone. -

Emma was quite distressed by such behaviour; - and she did not like it better when she heard Margaret five minutes afterwards say to Elizabeth in a sharp quick accent, totally unlike the first -

"Have you heard from Penelope since she went to Chichester? - I had a letter the other day. - I don't find she is likely to make anything of it. I fancy she'll come back 'Miss Penelope' as she went." -

Such, she feared would be Margaret's common voice, when the novelty of her own appearance were over; the tone of artificial sensibility was not recommended by the idea. - The ladies were invited upstairs to prepare for dinner.

"I hope you will find things tolerably comfortable Jane" - said Elizabeth as she opened the door of the spare bedchamber. -

"My good creature," replied Jane, "use no ceremony with me, I entreat you. I am one of those who always take things as they find them. I hope I can put up with a small apartment for two or three nights, without making a piece of work. I always wish to be treated quite 'en famille' when I come to see you - and now I do hope you have not been getting a great dinner for us. - Remember, we never eat suppers." -

"I suppose," said Margaret rather quickly to Emma, "you and I are to be together; Elizabeth always takes care to have a room to herself." -

"No - Elizabeth gives me half hers." -

"Oh! - (in a softened voice, and rather mortified to find that she was not ill-used) I am sorry I am not to have the pleasure of your company - especially as it makes me nervous to be much alone." -

Ora era così "felice di vedere la cara, cara Emma" che riusciva a malapena a pronunciare una parola al minuto. "Sono sicura che saremo grandi amiche" osservò, con molto sentimento, mentre sedevano vicine.

Emma non sapeva come rispondere a un'affermazione del genere, e quanto al modo in cui era stata pronunciata, non poteva certo tentare di eguagliarlo. Mrs. Robert Watson la squadrò con una confidenza molto incuriosita e una esultante compassione; nel momento del loro incontro aveva in mente soprattutto la perdita della fortuna della zia, e non poté fare a meno di avvertire quanto fosse meglio essere la figlia di un possidente di Croydon, invece della nipote di un'anziana signora che si era rovinata con un capitano irlandese. Robert fu di una cortesia distratta, come si addiceva a un uomo ricco e a un fratello, più intento a contrattare con il postiglione, inveendo contro gli esorbitanti aumenti delle vetture e riflettendo su una mezza corona un po' dubbia, che a salutare una sorella che non aveva più la possibilità di avere una proprietà da affidare alla sua amministrazione.

"La strada che attraversa il paese è pessima, Elizabeth", disse; "peggio che mai. Per l'amor del cielo! Se vivessi qui ci penserei io. Chi è l'ispettore adesso?"

C'era una nipotina a Croydon, della quale chiedere notizie da parte di quell'animo gentile di Elizabeth, che rimpianse molto di non vederla nel gruppo.

"Sei molto buona", replicò la madre, "e ti assicuro che per Augusta è stato molto duro vederci partire senza di lei. Sono stata costretta a dirle che stavamo solo andando in chiesa e a prometterle di tornare subito. Ma capisci che non sarebbe stato il caso di portarla senza la sua cameriera, e io sono sempre attenta a far sì che venga trattata in modo appropriato."

"Povero tesorino!, esclamò Margaret. "Mi si è quasi spezzato il cuore a lasciarla."

"Allora perché eri così ansiosa di andartene lontano da lei?" esclamò Mrs. Robert. "Sei proprio una ragazzaccia. Abbiamo litigato per tutta la strada, non è così? Si è mai sentito di una visita del genere? Sai quanto siamo contenti di avere una di voi, per mesi interi. E mi dispiace (con un sorrisetto) di non essere stata capace di renderti Croydon gradevole questo autunno."

"Mia carissima Jane, non mi schiacciare con le tue prese in giro. Lo sai qual è il motivo che mi ha indotta a tornare a casa. Risparmiami, te ne scongiuro. Non sono all'altezza delle tue battute così ben architettate."

"Va bene, ti prego soltanto di non mettere le altre contro il posto. Forse Emma potrebbe essere tentata di tornare con noi, e restare fino a Natale, se non ti sta a sentire." Emma era molto riconoscente. "Ti assicuro che a Croydon godiamo di ottime relazioni. Io non vado molto ai balli, sono un po' troppo promiscui, ma i nostri ricevimenti sono molto esclusivi e piacevoli. La settimana scorsa avevo sette tavoli in salotto. Ami la campagna? Ti piace Stanton?"

"Moltissimo", rispose Emma, che ritenne più adatta una risposta onnicomprensiva. Si rendeva conto di come la cognata l'avesse immediatamente disprezzata. Mrs. Robert Watson in effetti si stava chiedendo in che razza di casa fosse vissuta Emma nello Shropshire, e dava per certo che la zia non avesse mai avuto seimila sterline di dote.

"Com'è incantevole Emma!" sussurrò Margaret a Mrs. Robert nel suo tono più languido.

Emma si sentì a disagio per quel comportamento, e non le piacque di più quando, cinque minuti dopo, sentì Margaret dire a Elizabeth, con un tono secco e rapido, totalmente diverso dal primo,

"Hai avuto notizie da Penelope da quando è andata a Chichester? L'altro giorno ho ricevuto una lettera. Non credo probabile che ne esca qualcosa. Immagino che tornerà Miss Penelope come è partita."

Quella, temeva, sarebbe stata la normale voce di Margaret, una volta svanita la novità della sua ricomparsa, e l'idea non servì certo a renderle ben accetto quel tono di affettata sensibilità. Le signore furono invitate di sopra per prepararsi al pranzo.

"Spero che troverai tutto discretamente comodo, Jane", disse Elizabeth mentre apriva la porta della camera da letto degli ospiti.

"Tesoro mio", rispose Jane, "non fare cerimonie con me, ti prego, Sono una di quelle persone che prende sempre le cose come vengono. Spero di poter tollerare una stanza piccola per due o tre notti, senza farne un dramma. Ho sempre desiderato essere trattata en famille quando vengo a trovarvi, e ora spero che tu non abbia fatto preparare un pranzo speciale per noi. Ricordati, non ceniamo mai."

"Suppongo", disse piuttosto velocemente Margaret a Emma, "che tu e io staremo insieme; Elizabeth ci tiene ad avere sempre una stanza tutta per sé."

"No, Elizabeth dividerà la sua con me."

"Oh! (con un tono ammorbidito, e piuttosto mortificata nello scoprire che non era stata trattata male) mi dispiace di non avere il piacere della tua compagnia, specialmente perché stare molto da sola mi rende nervosa."

Emma was the first of the females in the parlour again; on entering it she found her brother alone. -

"So Emma," said he, "you are quite a stranger at home. It must seem odd enough for you to be here. - A pretty piece of work your aunt Turner has made of it! - By heaven! a woman should never be trusted with money. I always said she ought to have settled something on you, as soon as her husband died."

"But that would have been trusting me with money," replied Emma, "and I am a woman too. -"

"It might have been secured to your future use, without your having any power over it now. - What a blow it must have been upon you! - To find yourself, instead of heiress of eight or nine thousands pounds, sent back a weight upon your family, without a sixpence. - I hope the old woman will smart for it."

"Do not speak disrespectfully of her - she was very good to me; and if she has made an imprudent choice, she will suffer more from it herself, than I can possibly do."

"I do not mean to distress you, but you know every body must think her an old fool. - I thought Turner had been reckoned an extraordinarily sensible, clever man. - How the devil came he to make such a will?" -

"My uncle's sense is not at all impeached, in my opinion, by his attachment to my aunt. She had been an excellent wife to him. The most liberal and enlightened minds are always the most confiding. - The event has been unfortunate, but my uncle's memory is if possible endeared to me by such a proof of tender respect for my aunt."

"That's odd sort of talking! - He might have provided decently for his widow, without leaving every thing that he had to dispose of, or any part of it, at her mercy."

"My aunt may have erred -" said Emma, warmly - "she has erred - but my uncle's conduct was faultless. I was her own niece, and he left to herself the power and the pleasure of providing for me." -

"But unluckily she has left the pleasure of providing for you, to your father, and without the power. - That's the long and the short of the business. After keeping you at a distance from your family for such a length of time as must do away all natural affection among us, and breeding you up (I suppose) in a superior stile, you are returned upon their hands without a sixpence."

"You know," replied Emma, struggling with her tears, "my uncle's melancholy state of health. - He was a greater invalid than my father. He could not leave home."

"I do not mean to make you cry -" said Robert rather softened - and after a short silence, by way of changing the subject, he added - "I am just come from my father's room, he seems very indifferent. It will be a sad break-up when he dies. Pity, you can none of you get married! - You must come to Croydon as well as the rest, and see what you can do there. - I believe if Margaret had had a thousand or fifteen hundred pounds, there was a young man who would have thought of her."

Emma was glad when they were joined by the others; it was better to look at her sister in law's finery, than listen to Robert, who had equally irritated and grieved her. - Mrs. Robert, exactly as smart as she had been at her own party, came in with apologies for her dress -

"I would not make you wait," said she, "so I put on the first thing I met with. - I am afraid I am a sad figure. - My dear Mr. Watson - (to her husband) you have not put any fresh powder in your hair." -

"No - I do not intend it. - I think there is powder enough in my hair for my wife and sisters." -

"Indeed you ought to make some alteration in your dress before dinner when you are out visiting, though you do not at home."

"Nonsense. -"

"It is very odd you should not like to do what other gentlemen do. Mr. Marshall and Mr. Hemmings change their dress every day of their lives before dinner. And what was the use of my putting up your last new coat, if you are never to wear it." -

"Do be satisfied with being fine yourself, and leave your husband alone." -

To put an end to this altercation, and soften the evident vexation of her sister in law, Emma, (though in no spirits to make such nonsense easy) began to admire her gown. - It produced immediate complacency. -

"Do you like it? -" said she. - "I am very happy. - It has been excessively admired; - but sometimes I think the pattern too large. - I shall wear one tomorrow that I think you will prefer to this. - Have you seen the one I gave Margaret?" -

Emma fu la prima delle donne a tornare in salotto; entrando, trovò il fratello da solo.

"E così, Emma", disse lui, "sei proprio un'estranea a casa tua. Ti sembrerà piuttosto strano ritrovarti qui. Tua zia Turner ha combinato proprio un bel pasticcio! In nome del cielo! i soldi non dovrebbero mai essere affidati a una donna. Ho sempre detto che avrebbe dovuto intestarti qualcosa, non appena morto il marito."

"Ma così avrebbe affidato dei soldi a me", replicò Emma, "e anche io sono una donna."

"Avrebbe potuto vincolarli per un uso futuro, senza lasciarti la possibilità di disporne nell'immediato. Che colpo dev'essere stato per te! Trovarti, invece di ereditare otto o novemila sterline, a essere rispedita a casa a pesare sulla tua famiglia, senza un soldo. Spero che la vecchia signora la paghi cara."

"Non parlare di lei in modo irrispettoso, con me è stata buona, e se ha fatto una scelta avventata, ne soffrirà le conseguenze più di quanto possa soffrirne io."

"Non ho intenzione di farti sentire in pena, ma lo sai che tutti la ritengono una vecchia sciocca. Pensavo che Turner fosse reputato un uomo straordinariamente assennato e intelligente. Come diavolo ha fatto a lasciare un testamento del genere?"

"Il buonsenso di mio zio non è affatto da mettere in dubbio, secondo me, a causa dell'affetto che provava per la zia. Lei è stata una moglie eccellente. Le menti più generose e illuminate sono sempre quelle che si fidano di più. La scelta è stata infelice, ma il ricordo di mio zio mi è se possibile più caro per questa prova di tenero rispetto verso la zia."

"Che strano modo di parlare! Avrebbe potuto provvedere decentemente per la vedova, senza lasciare tutto il suo patrimonio, o anche una parte, alla sua mercé."

"La zia può aver sbagliato", disse Emma con calore, "ha sbagliato, ma la condotta dello zio è stata ineccepibile. Io ero la nipote di lei, e lui le ha lasciato la possibilità e il piacere di provvedere a me."

"Ma sfortunatamente lei ha lasciato a tuo padre il piacere di provvedere a te, e senza la possibilità. Questo è il succo della faccenda. Dopo averti tenuta lontana dalla tua famiglia per così tanto tempo da far svanire tutto l'affetto naturale tra di noi, e averti cresciuta (immagino) con un tenore di vita superiore, sei stata rimandata a pesare sulle sue spalle senza un soldo."

"Tu conosci", replicò Emma, lottando contro le lacrime, "l'infelice stato di salute dello zio. Era molto più infermo del babbo. Non era in grado di uscire di casa."

"Non ho intenzione di farti piangere", disse Robert addolcendosi alquanto, e dopo un breve silenzio, per cambiare argomento, aggiunse, "Vengo appena adesso dalla stanza del babbo, sembra molto sofferente. Sarà un brutto colpo quando morirà. Che peccato che nessuna di voi sia sposata! Devi venire a Croydon come le altre, e vedere che cosa puoi fare là. C'era un giovanotto che, se Margaret avesse avuto mille o millecinquecento sterline, un pensierino ce l'avrebbe fatto."

Emma fu contenta quando furono raggiunti dalle altre; era meglio mettersi a rimirare lo sfarzoso abbigliamento della cognata, che stare a sentire Robert, che l'aveva insieme irritata e addolorata. Mrs. Robert, elegante come lo sarebbe stata a uno dei suoi ricevimenti, entrò scusandosi per come era vestita.

"Non volevo farvi aspettare", disse, "e così ho messo la prima cosa che mi è capitata. Temo di fare una ben magra figura. Mio caro Mr. Watson (al marito) non ti sei nemmeno cambiato la cipria nei capelli."

"No, e non intendo farlo. Penso di avere abbastanza cipria nei capelli per mia moglie e le mie sorelle."

"Dovresti proprio cambiarti d'abito per il pranzo quanto siamo fuori in visita, anche se a casa non lo fai."

"Sciocchezze."

"È molto strano che a te non piaccia fare quello che fanno gli altri gentiluomini. Mr. Marshall e Mr. Hemmings si cambiano immancabilmente d'abito ogni giorno prima di pranzare. E che cosa l'ho portata a fare la tua nuova giacca, se non l'indossi mai."

"Accontentati di essere elegante tu, e lascia in pace tuo marito."

Per mettere fine a questa discussione, e placare l'evidente irritazione della cognata, Emma (anche se non dell'umore giusto per stare a sentire quelle sciocchezze) cominciò ad ammirare il suo vestito. La cosa produsse un'immediata soddisfazione.

"Ti piace?", disse lei. "Ne sono felice. È stato molto ammirato, ma qualche volta mi viene da pensare che il disegno sia troppo grande. Domani ne metterò uno che credo preferirai a questo. Hai visto quello che ho regalato a Margaret?"

Dinner came, and except when Mrs. Robert looked at her husband's head, she continued gay and flippant, chiding Elizabeth for the profusion on the table, and absolutely protesting against the entrance of the roast turkey - which formed the only exception to "You see your dinner." -

"I do beg and entreat that no turkey may be seen to day. I am really frightened out of my wits with the number of dishes we have already. Let us have no turkey I beseech you." -

"My dear," replied Elizabeth, "the turkey is roasted, and it may just as well come in, as stay in the kitchen. Besides, if it is cut, I am in hopes my father may be tempted to eat a bit, for it is rather a favourite dish."

"You may have it in my dear, but I assure you I shan't touch it." -

Mr. Watson had not been well enough to join the party at dinner, but was prevailed on to come down and drink tea with them. -

"I wish we may be able to have a game of cards tonight," said Elizabeth to Mrs. Robert after seeing her father comfortably seated in his arm-chair. -

"Not on my account my dear, I beg. You know I am no card player. I think a snug chat infinitely better. I always say cards are very well sometimes, to break a formal circle, but one never wants them among friends."

"I was thinking of its being something to amuse my father," said Elizabeth - "if it was not disagreeable to you. He says his head won't bear whist - but perhaps if we make a round game he may be tempted to sit down with us." -

"By all means my dear creature. I am quite at your service. Only do not oblige me to chuse the game, that's all. Speculation is the only round game at Croydon now, but I can play any thing. - When there is only one or two of you at home, you must be quite at a loss to amuse him - why do you not get him to play at cribbage? - Margaret and I have played at cribbage most nights that we have not been engaged." -

A sound like a distant carriage was at this moment caught; every body listened, it became more decided; it certainly drew nearer. - It was an unusual sound in Stanton at any time of the day, for the village was on no very public road, and contained no gentleman's family but the rector's. - The wheels rapidly approached; - in two minutes the general expectation was answered; they stopped beyond a doubt at the garden-gate of the parsonage. "Who could it be? - it was certainly a postchaise. - Penelope was the only creature to be thought of. She might perhaps have met with some unexpected opportunity of returning." - A pause of suspense ensued. - Steps were distinguished, first along the paved footway which led under the windows of the house to the front door, and then within the passage. They were the steps of a man. It could not be Penelope. It must be Samuel. - The door opened, and displayed Tom Musgrave in the wrap of a traveller. - He had been in London and was now on his way home, and he had come half a mile out of his road merely to call for ten minutes at Stanton. He loved to take people by surprise, with sudden visits at extraordinary seasons; and in the present instance had had the additional motive of being able to tell the Miss Watsons, whom he depended on finding sitting quietly employed after tea, that he was going home to an eight o'clock dinner. -

As it happened however, he did not give more surprise than he received, when instead of being shewn into the usual little sitting room, the door of the best parlour a foot larger each way than the other was thrown open, and he beheld a circle of smart people whom he could not immediately recognise arranged with all the honours of visiting round the fire, and Miss Watson sitting at the best pembroke table, with the best tea things before her. He stood a few seconds, in silent amazement. -

"Musgrave!" - ejaculated Margaret, in a tender voice. -

He recollected himself, and came forward, delighted to find such a circle of friends, and blessing his good fortune for the unlooked-for indulgence. - He shook hands with Robert, bowed and smiled to the ladies, and did everything very prettily; but as to any particularity of address or emotion towards Margaret, Emma, who closely observed him, perceived nothing that did not justify Elizabeth's opinion though Margaret's modest smiles imported that she meant to take the visit to herself. -

He was persuaded without much difficulty to throw off his great coat, and drink tea with them. "For whether he dined at eight or nine, as he observed, was a matter of very little consequence" - and without seeming to seek, he did not turn away from the chair close by Margaret which she was assiduous in providing him. - She had thus secured him from her sisters - but it was not immediately in her power to preserve him from her brother's claims, for as he came avowedly from London, and had left it only four hours ago, the last current report as to public news, and the general opinion of the day must be understood, before Robert could let his attention be yielded to the less national, and important demands of the women. - At last however he was at liberty to hear Margaret's soft address, as she spoke her fears of his having had a most terrible, cold, dark, dreadful journey. -

"Indeed you should not have set out so late. -"

"I could not be earlier," he replied. "I was detained chatting at the Bedford, by a friend. - All hours are alike to me. - How long have you been in the country Miss Margaret?" -

"We came only this morning - My kind brother and sister brought me home this very morning. - 'Tis singular is not it?"

"You were gone a great while, were not you? a fortnight I suppose?" -

"You may call a fortnight a great while Mr. Musgrave," said Mrs. Robert smartly - "but we think a month very little. I assure you we bring her home at the end of a month, much against our will."

"A month! have you really been gone a month? 'tis amazing how time flies. -"

"You may imagine," said Margaret in a sort of whisper, "what are my sensations in finding myself once more at Stanton. You know what a sad visitor I make. - And I was so excessively impatient to see Emma; - I dreaded the meeting, and at the same time longed for it. - Do you not comprehend the sort of feeling?" -

"Not at all," cried he aloud. "I could never dread a meeting with Miss Emma Watson, - or any of her sisters." It was lucky that he added that finish. -

"Were you speaking to me? -" said Emma, who had caught her own name.-

"Not absolutely -" he answered - "but I was thinking of you, - as many at a greater distance are probably doing at this moment. - Fine open weather Miss Emma! - Charming season for hunting."

"Emma is delightful, is not she? -" whispered Margaret. "I have found her more than answer my warmest hopes. - Did you ever see any thing more perfectly beautiful? - I think even you must be a convert to a brown complexion." -

He hesitated; Margaret was fair herself, and he did not particularly want to compliment her; but Miss Osborne and Miss Carr were likewise fair, and his devotion to them carried the day.

"Your sister's complexion," said he at last, "is as fine as a dark complexion can be, but I still profess my preference of a white skin. You have seen Miss Osborne? - She is my model for a truly feminine complexion, and she is very fair." -

"Is she fairer than me?" -

Tom made no reply. -

"Upon my honour, ladies," said he, giving a glance over his own person, "I am highly indebted to your condescension for admitting me, in such dishabille, into your drawing room. I really did not consider how unfit I was to be here, or I hope I should have kept my distance. Lady Osborne would tell me that I were growing as careless as her son, if she saw me in this condition." -

The ladies were not wanting in civil returns, and Robert Watson, stealing a view of his own head in an opposite glass, said with equal civility,

"You cannot be more in dishabille than myself. - We got here so late, that I had not time even to put a little fresh powder in my hair." -

Emma could not help entering into what she supposed her sister in law's feelings at the moment. -

Arrivò il pranzo, e salvo quando guardava alla testa di suo marito, Mrs. Robert continuò allegra e frivola, rimproverando Elizabeth per la profusione sulla tavola, e rifiutando decisamente il tacchino arrosto, che era la sola eccezione al "Il pranzo è servito." (7)

"Ti prego e ti supplico di non farci nemmeno vedere il tacchino oggi. Sono davvero tramortita dal numero di portate che già abbiamo. Risparmiaci il tacchino, te ne prego."

"Mia cara", replicò Elizabeth, "il tacchino è arrostito, ed è esattamente la stessa cosa che venga portato o che resti in cucina, D'altronde, se è tagliato, spero che mio padre si lasci tentare a mangiarne un pezzetto, visto che è uno dei suoi piatti preferiti."

"Puoi farlo portare mia cara, ma ti assicuro che io non lo toccherò.

Mr. Watson non era abbastanza in forze da unirsi a loro per il pranzo, ma si lasciò convincere a scendere per il tè.

"Mi piacerebbe fare una partita a carte stasera", disse Elizabeth a Mrs. Robert dopo aver visto il padre comodamente seduto nella sua poltrona.

"Non contare su di me, te ne prego. Sai che non sono una giocatrice. Credo che una bella chiacchierata sia infinitamente meglio. Dico sempre che le carte talvolta vanno anche bene per rompere il ghiaccio tra estranei, ma tra amici non ce n'è bisogno."

"Era per distrarre un po' mio padre", disse Elizabeth, "se a voi non dispiaceva. Dice di non sopportare il whist quando ha mal di testa, ma forse se facciamo una partita potrebbe essere tentato di mettersi a sedere con noi."

"Ma certo, tesoro mio. Sono a tua completa disposizione. Solo non obbligarmi a scegliere il gioco, tutto qui. In questo periodo a Croydon si gioca soltanto a speculation, ma posso farne qualsiasi altro. Quando siete solo una o due a casa, dev'essere difficile distrarlo; perché non lo fate giocare a cribbage? Margaret e io abbiamo giocato a cribbage la maggior parte delle sere in cui non avevamo impegni. (8)

In quel momento si sentì un suono simile a quello di una carrozza lontana; tutti prestarono ascolto; divenne più distinto, e si stava certamente avvicinando. Era un suono insolito a Stanton, in qualsiasi ora del giorno, poiché nel villaggio non c'era nessuna strada di passaggio e nemmeno famiglie signorili, se non quella del pastore. Le ruote si avvicinarono rapidamente, e in due minuti l'aspettativa generale fu soddisfatta; si erano fermate, al di là di ogni dubbio, al cancello del giardino della canonica. Chi poteva essere? di certo era una diligenza. Penelope era l'unica a cui pensare. Forse aveva trovato un'occasione inaspettata per tornare. Seguì una pausa di incertezza. Si udirono distintamente dei passi, prima sul viottolo lastricato che conduceva al'ingresso passando sotto le finestre, e poi nel corridoio. Erano i passi di un uomo. Non poteva essere Penelope. Doveva essere Samuel. La porta si aprì, e rivelò Tom Musgrave, in mantello da viaggio. Era stato a Londra, ora era diretto a casa, e aveva deviato di mezzo miglio dalla sua strada solo per fare una visita di dieci minuti a Stanton. Amava cogliere le persone di sorpresa, con visite improvvise in momenti inusuali, e in questo caso aveva avuto un motivo in più, quello di poter dire alle signorine Watson, sicuro di trovarle tranquillamente intente alle loro occupazioni dopo il tè, che stava tornando a casa per pranzare alle otto.

Stavolta, tuttavia, la sorpresa che procurò non fu maggiore della sua, quando, invece di essere introdotto nel solito salottino, fu spalancata la porta del salotto buono, mezzo metro più larga dell'altra, e vide una cerchia di persone eleganti, che non riuscì a riconoscere immediatamente, sistemate intorno al caminetto con tutti gli onori riservati agli ospiti, e Miss Watson seduta al bel tavolo pembroke (9) con il servizio da tè più bello di fronte a lei. Rimase immobile per qualche secondo, in silenzioso stupore.

"Musgrave!" esclamò Margaret, con voce affettuosa.

Lui si ricompose e si fece avanti, deliziato di trovare una tale cerchia di amici e benedicendo la sua buona stella per il piacere inatteso. Strinse la mano a Robert, si inchinò e sorrise alle signore, e fece tutto con molta eleganza, ma, quanto a una qualche differenza di emozione nel rivolgersi a Margaret, Emma, che lo stava osservando attentamente, non percepì nulla che non giustificasse l'opinione di Elizabeth, anche se i sorrisetti modesti di Margaret indicavano chiaramente la certezza che quella visita fosse per lei.

Lo convinsero, senza molta difficoltà, a sbarazzarsi del soprabito e a prendere il tè con loro, tanto per lui pranzare alle otto o alle nove, osservò, aveva ben poca importanza, e senza sembrare di sceglierlo, non si sottrasse dal prendere posto vicino a Margaret, sulla sedia che lei gli aveva sollecitamente procurato. L'aveva perciò messo al sicuro dalle sorelle, ma non fu subito in grado di salvarlo dal fratello, poiché, avendo dichiarato di venire da Londra, e avendola lasciata solo quattro ore prima, era necessario essere messi al corrente sulle ultime notizie pubbliche e sugli orientamenti del momento, prima che Robert potesse concedergli di prestare attenzione alle richieste femminili, meno patriottiche e importanti. Finalmente, comunque, fu libero di dedicarsi ai teneri discorsi di Margaret, che temeva avesse fatto un viaggio terribile, con quel freddo e quel buio.

"Davvero, non dovevate partire così tardi."

"Non ho potuto fare prima", replicò lui. "Sono stato trattenuto al Bedford (10) da un amico. Per me tutte le ore sono uguali. Da quanto siete tornata, Miss Margaret?"

"Siamo arrivati solo stamattina. Mio fratello e mia cognata mi hanno gentilmente accompagnata a casa proprio stamattina. È singolare, non è vero?"

"Eravate via da parecchio, non è così? una quindicina di giorni forse?"

"Voi potete considerare una quindicina di giorni un periodo molto lungo, Mr. Musgrave," disse Mrs. Robert con brio, "ma noi riteniamo un mese molto breve. Vi assicuro che l'abbiamo riportata a casa dopo un mese molto malvolentieri."

"Un mese! davvero siete stata via per un mese? è incredibile come vola il tempo."

"Potete immaginare", disse Margaret in una specie di sussurro, "quali siano le mie sensazioni nel ritrovarmi ancora una volta a Stanton. Sapete che sono una pessima ospite, ed ero molto impaziente di vedere Emma; temevo questo incontro, e allo stesso tempo lo desideravo tanto. Non comprendete questo genere di sentimenti?"

"Niente affatto", esclamò lui a voce alta. "Non potrei mai temere un incontro con Miss Emma Watson, o con qualcuna delle sue sorelle." Fu una fortuna che aggiungesse quel finale.

"State parlando a me?" disse Emma, che aveva afferrato il suo nome.

"No, assolutamente", rispose lui, "ma stavo pensando a voi, come altri a distanza molto maggiore stanno probabilmente facendo in questo momento. Che bel tempo sereno Miss Emma! Una stagione incantevole per la caccia."

"Emma è deliziosa, vero?" sussurrò Margaret. "Ho scoperto che supera le mie più rosee aspettative. Avete mai visto qualcosa di più perfettamente bello? Credo che persino voi dobbiate convertirvi a una carnagione scura."

Lui esitava; Margaret era bionda, e lui non aveva nessuna particolare voglia di farle dei complimenti, ma anche Miss Osborne e Miss Carr erano bionde, e la sua devozione per loro prevalse.

"La carnagione di vostra sorella", disse alla fine, "è bella quanto può esserlo una carnagione scura, ma confesso la mia preferenza per la pelle chiara. Avete visto Miss Osborne? È il mio modello di carnagione femminile, ed è molto bionda."

"Più bionda di me?"

Tom non rispose.

"Sul mio onore, signore", disse, dandosi un'occhiata di sfuggita, "sono molto in debito con voi per la vostra condiscendenza nell'ammettermi nel vostro salotto così malmesso. Non mi ero davvero reso conto di come fossi abbigliato in modo improprio per venire qui, altrimenti mi sarei tenuto ben lontano. Lady Osborne direbbe che sto diventando trascurato come suo figlio, se mi vedesse in queste condizioni."

Le signore non fecero mancare gentili rassicurazioni, e Robert Watson, dando un'occhiata alla sua capigliatura nello specchio di fronte, disse con pari gentilezza,

"Non potete essere più malmesso di me. Siamo arrivati talmente tardi che non ho avuto nemmeno il tempo di darmi una rinfrescata di cipria ai capelli."

Emma non poté fare a meno di figurarsi i sentimenti della cognata in quel momento.

When the tea-things were removed, Tom began to talk of his carriage - but the old card table being set out, and the fish and counters with a tolerably clean pack brought forward from the buffet by Miss Watson, the general voice was so urgent with him to join their party, that he agreed to allow himself another quarter of an hour. Even Emma was pleased that he would stay, for she was beginning to feel that a family party might be the worst of all parties; and the others were delighted. -

"What's your game?" - cried he, as they stood round the table. -

"Speculation I believe," said Elizabeth. - "My sister recommends it, and I fancy we all like it. I know you do, Tom." -

"It is the only round game played at Croydon now," said Mrs. Robert -"we never think of any other. I am glad it is a favourite with you." -

"Oh, me!" cried Tom. "Whatever you decide on, will be a favourite with me. I have had some pleasant hours at Speculation in my time - but I have not been in the way of it now for a long while. - Vingt-un is the game at Osborne Castle; I have played nothing but Vingt-un of late. You would be astonished to hear the noise we make there. - The fine old, lofty drawing-room rings again. Lady Osborne sometimes declares she cannot hear herself speak. - Lord Osborne enjoys it famously and he makes the best dealer without exception that I ever beheld - such quickness and spirit! he lets nobody dream over their cards. - I wish you could see him overdraw himself on both his own cards - it is worth any thing in the world!" -

"Dear me! -" cried Margaret, "why should not we play at Vingt-un? - I think it is a much better game than Speculation. I cannot say I am very fond of Speculation." Mrs. Robert offered not another word in support of the game. - She was quite vanquished, and the fashions of Osborne Castle carried it over the fashions of Croydon. -

"Do you see much of the Parsonage-family at the Castle, Mr. Musgrave? -" said Emma, as they were taking their seats. -

"Oh! yes - they are almost always there. Mrs. Blake is a nice little good-humoured woman, she and I are sworn friends; and Howard's a very gentlemanlike good sort of fellow! - You are not forgotten I assure you by any of the party. I fancy you must have a little cheek-glowing now and then Miss Emma. Were not you rather warm last Saturday about nine or ten o'clock in the evening -? I will tell you how it was. - I see you are dying to know. - Says Howard to Lord Osborne" -

At this interesting moment he was called on by the others, to regulate the game and determine some disputable point; and his attention was so totally engaged in the business and afterwards by the course of the game as never to revert to what he had been saying before; - and Emma, though suffering a good deal from curiosity, dared not remind him. -

He proved a very useful addition to their table; without him, it would have been a party of such very near relations as could have felt little interest, and perhaps maintained little complaisance; but his presence gave variety and secured good manners. - He was in fact excellently qualified to shine at a round game; and few situations made him appear to greater advantage. He played with spirit, and had a great deal to say, and though with no wit himself, could sometimes make use of the wit of an absent friend; and had a lively way of retailing a commonplace, or saying a mere nothing, that had great effect at a card-table. The ways, and good jokes, of Osborne Castle were now added to his ordinary means of entertainment; he repeated the smart sayings of one lady, detailed the oversights of another, and indulged them even with a copy of Lord Osborne's stile of overdrawing himself on both cards. -

The clock struck, nine while he was thus agreeably occupied; and when Nanny came in with her master's basin of gruel, he had the pleasure of observing to Mr. Watson that he should leave him at supper, while he went home to dinner himself. - The carriage was ordered to the door - and no entreaties for his staying longer could now avail, - for he well knew, that if he staid he must sit down to supper in less than ten minutes - which to a man whose heart had been long fixed on calling his next meal a dinner, was quite insupportable. -

On finding him determined to go, Margaret began to wink and nod at Elizabeth to ask him to dinner for the following day; and Elizabeth at last not able to resist hints, which her own hospitable, social temper more than half seconded, gave the invitation. "Would he give Robert the meeting, they should be very happy?"

"With the greatest pleasure" - was his first reply. In a moment afterwards - "That is if I can possibly get here in time - but I shoot with Lord Osborne, and therefore must not engage. - You will not think of me unless you see me." - And so he departed, delighted with the uncertainty in which he had left it. -


Una volta tolto di mezzo l'occorrente per il tè, Tom cominciò a parlare di carrozza, ma visto che era stato sistemato il vecchio tavolo da gioco, e Miss Watson aveva tirato fuori dall'armadio i gettoni e il contapunti, insieme a un mazzo di carte quasi nuovo, si unirono talmente tutti nell'insistere affinché si unisse a loro, che lui si concesse un altro quarto d'ora. Persino a Emma faceva piacere che restasse, perché stava cominciando a rendersi conto di come non ci fosse nulla di peggio di una riunione familiare, e gli altri ne furono felicissimi.

"Qual è il gioco?", esclamò, quando furono intorno al tavolo.

"Speculation, credo", disse Elizabeth. "Mia cognata lo raccomanda, e immagino che piaccia a tutti. So che a voi piace, Tom."

"In questo periodo è l'unico gioco che si fa a Croydon", disse Mrs. Robert, "non ne prendiamo in considerazione nessun altro. Sono lieta che sia il vostro preferito."

"Oh, per me!" esclamò Tom. "Qualunque decidiate voi, per me sarà il preferito. Ai miei tempi ho passato ore piacevoli a giocare a Speculation, ma è da molto che non lo faccio. Il gioco a Osborne Castle è Ventuno; ultimamente non ho giocato che a Ventuno. Sareste stupiti nel sentire il chiasso che facciamo. Il salotto, quello bello, nobile e antico, risuona di nuovo. Talvolta Lady Osborne giura che non riesce nemmeno a sentirsi da sola. È notorio che a Lord Osborne piace moltissimo e che è, senza eccezioni, il miglior mazziere che abbia mai visto; che velocità, che spirito! non permette a nessuno di dormire sulle carte. Vorrei che lo vedeste quando sballa con le sue due carte, non c'è nulla di meglio al mondo!"

"Buon Dio!" esclamò Margaret, "perché non dovremmo giocare a Ventuno? Credo che sia molto meglio di Speculation. Non posso dire di amare molto Speculation." Mrs. Robert non disse altro a favore del gioco. Ormai era sconfitta, e la moda di Osborne Castle spazzò via la moda di Croydon.

"Vedete spesso la famiglia della canonica al castello, Mr. Musgrave?" disse Emma, mentre prendevano posto.

"Oh! sì, sono quasi sempre lì. Mrs. Blake è una donnetta graziosa e gioviale, lei e io siamo amici per la pelle, e Howard è un bravo ragazzo, molto signorile! Non siete stata dimenticata, ve l'assicuro, da nessuno di loro. Immagino che di tanto in tanto debbano fischiarvi le orecchie, Miss Emma. Non vi hanno alquanto fischiato sabato scorso, tra le nove e le dieci di sera? Vi dirò com'è andata. Vedo che state morendo dalla voglia di saperlo. Howard dice a Lord Osborne..."

In quel momento così interessante fu chiamato dagli altri, per precisare le regole del gioco e chiarire qualche punto controverso, e la sua attenzione fu così totalmente assorbita dalla faccenda, e in seguito dallo svolgersi della partita, che non tornò più su ciò che stava dicendo, e Emma, anche se rosa dalla curiosità, non osò ricordarglielo.

Si dimostrò un'ottima aggiunta al tavolo da gioco; senza di lui sarebbe stata una partita tra persone così strettamente legate dalla parentela da suscitare in loro ben poco interesse, e forse ci sarebbe stata poca condiscendenza, mentre la sua presenza apportò varietà e assicurò le buone maniere. In effetti era ottimamente qualificato per brillare al tavolo da gioco, e poche situazioni gli avrebbero fatto fare una figura migliore. Giocava con spirito, aveva tantissimo da dire, e sebbene non fosse molto dotato quanto ad arguzia, poteva di tanto in tanto far uso dell'arguzia di un amico assente, e aveva molto brio nello spargere banalità, o nel dire sciocchezze, con ottimi effetti su un tavolo da gioco. I modi di fare e le battute di Osborne Castle si aggiungevano ai suoi usuali mezzi per divertire; ripeteva i motti pungenti di una signora, descriveva nei particolari gli svarioni di un'altra, e si concesse persino di imitare Lord Osborne quando sballava con le sue due carte.

L'orologio batté le nove mentre era così gradevolmente occupato, e quando Nanny entrò con la zuppa d'avena per il suo padrone, ebbe il piacere di far osservare a Mr. Robert che li avrebbe lasciati a cena, mentre lui sarebbe andato a casa a pranzare. Fu ordinata la carrozza, e nessuna preghiera di restare ancora valse a qualcosa, poiché sapeva bene che se fosse rimasto avrebbe dovuto sedersi per cena nel giro di dieci minuti, il che, per un uomo che era fermamente deciso dal profondo del cuore a chiamare pranzo il suo prossimo pasto, era assolutamente intollerabile.

Vedendo che era deciso ad andarsene, Margaret cominciò ad ammiccare e a far cenni a Elizabeth affinché gli chiedesse di pranzare con loro il giorno dopo, e alla fine Elizabeth, incapace di resistere a quella sollecitazione, che il suo temperamento ospitale e socievole le faceva in fin dei conti condividere, fece l'invito. Gli disse che sarebbero state felicissime se avesse concordato l'appuntamento con Robert.

"Con grandissimo piacere", fu la sua prima risposta. E un momento dopo "Se mi fosse possibile venire in tempo, ma vado a caccia con Lord Osborne, e quindi non posso impegnarmi. Non pensate a me, a meno che non mi vediate." E così se ne andò, deliziato dall'incertezza che aveva lasciato dietro di sé.


Margaret, in the joy of her heart under circumstances which she chose to consider as peculiarly propitious, would willingly have made a confidante of Emma when they were alone for a short time the next morning; and had proceeded so far as to say - "The young man who was here last night my dear Emma and returns to day, is more interesting to me, than perhaps you may be aware -" but Emma, pretending to understand nothing extraordinary in the words, made some very inapplicable reply, and jumping up, ran away from a subject which was odious to her feelings. -

As Margaret would not allow a doubt to be repeated of Musgrave's coming to dinner, preparations were made for his entertainment much exceeding what had been deemed necessary the day before; - and taking the office of superintendance entirely from her sister, she was half the morning in the kitchen herself, directing and scolding. - After a great deal of indifferent cooking and anxious suspense, however, they were obliged to sit down without their guest. - Tom Musgrave never came, and Margaret was at no pains to conceal her vexation under the disappointment, or repress the peevishness of her temper -.

The peace of the party for the remainder of that day, and the whole of the next, which comprised the length of Robert and Jane's visit, was continually invaded by her fretful displeasure, and querulous attacks. - Elizabeth was the usual object of both. Margaret had just respect enough for her brother's and sister's opinion to behave properly by them, but Elizabeth and the maids could never do any thing right - and Emma, whom she seemed no longer to think about, found the continuance of the gentle voice beyond her calculation short. Eager to be as little among them as possible, Emma was delighted with the alternative of sitting above, with her father, and warmly entreated to be his constant companion each evening - and as Elizabeth loved company of any kind too well, not to prefer being below, at all risks, as she had rather talk of Croydon to Jane, with every interruption of Margaret's perverseness, than sit with only her father, who frequently could not endure talking at all, the affair was so settled, as soon as she could be persuaded to believe it no sacrifice on her sister's part. - To Emma, the exchange was most acceptable, and delightful. Her father, if ill, required little more than gentleness and silence; and, being a man of sense and education, was, if able to converse, a welcome companion. - In his chamber, Emma was at peace from the dreadful mortifications of unequal society, and family discord - from the immediate endurance of hard-hearted prosperity, low-minded conceit, and wrong-headed folly, engrafted on an untoward disposition. - She still suffered from them in the contemplation of their existence; in memory and in prospect, but for the moment, she ceased to be tortured by their effects. - She was at leisure, she could read and think, - though her situation was hardly such as to make reflection very soothing. The evils arising from the loss of her uncle were neither trifling, nor likely to lessen; and when thought had been freely indulged, in contrasting the past and the present, the employment of mind, the dissipation of unpleasant ideas which only reading could produce, made her thankfully turn to a book. -

The change in her home society and stile of life in consequence of the death of one friend and the imprudence of another had indeed been striking. - From being the first object of hope and solicitude to an uncle who had formed her mind with the care of a parent, and of tenderness to an aunt whose amiable temper had delighted to give her every indulgence, from being the life and spirit of a house, where all had been comfort and elegance, and the expected heiress of an easy independence, she was become of importance to no one, a burden on those, whose affections she could not expect, an addition in a house, already overstocked, surrounded by inferior minds with little chance of domestic comfort, and as little hope of future support. - It was well for her that she was naturally cheerful; - for the change had been such as might have plunged weak spirits in despondence. -

She was very much pressed by Robert and Jane to return with them to Croydon, and had some difficulty in getting a refusal accepted; as they thought too highly of their own kindness and situation to suppose the offer could appear in a less advantageous light to anybody else. - Elizabeth gave them her interest, though evidently against her own, in privately urging Emma to go -

"You do not know what you refuse Emma -" said she - "nor what you have to bear at home. - I would advise you by all means to accept the invitation; there is always something lively going on at Croydon. You will be in company almost every day, and Robert and Jane will be very kind to you. - As for me, I shall be no worse off without you, than I have been used to be; but poor Margaret's disagreeable ways are new to you, and they would vex you more than you think for, if you stay at home. -"

Emma was of course un-influenced, except to greater esteem for Elizabeth, by such representations - and the visitors departed without her. -

Margaret, con la gioia nel cuore per una circostanza che aveva deciso di considerare particolarmente propizia, l'avrebbe volentieri condivisa con Emma quando furono da sole per breve tempo il mattino successivo, ed era arrivata al punto di dire "Il giovanotto che è stato qui ieri sera e che tornerà oggi, mia cara Emma, mi interessa molto di più di quanto forse tu possa immaginare..." ma Emma, fingendo di non vedere nulla di straordinario in quelle parole, rispose in modo molto generico e, alzandosi di scatto, sfuggì a un argomento che le ripugnava.

Dato che Margaret non voleva che ci fosse il minimo dubbio sull'arrivo di Musgrave per il pranzo, i preparativi per riceverlo andarono ben al di là di quelli che erano stati ritenuti necessari il giorno precedente, e prendendo interamente su di sé l'onere di organizzarli al posto della sorella, passò metà della mattinata in cucina, a dare ordine e a rimproverare. Dopo un notevole dispiegamento di mediocre arte culinaria e di ansiosa incertezza, tuttavia, furono costretti a sedersi a tavola senza il loro ospite. Tom Musgrave non venne, e Margaret non fece nessuno sforzo per nascondere il fastidio per quella delusione, o per reprimere il suo temperamento irascibile.

La pace del resto di quella giornata, e di tutta la successiva, che includeva la fine della vista di Robert e Jane, fu continuamente rotta dal suo nervoso scontento e dai suoi queruli attacchi di nervi. Elizabeth fu l'usuale bersaglio di entrambi. Margaret teneva abbastanza alla stima del fratello e della cognata per comportarsi correttamente con loro, ma Elizabeth e le cameriere non ne facevano una giusta, e Emma, alla quale sembrava non fare più caso, scoprì che il tono gentile era molto più breve di quanto avesse calcolato. Desiderosa di restare il meno possibile con loro, Emma fu felice di poter restare di sopra, con il padre, e insistette con calore per fargli costantemente compagnia tutte le sere, e dato che Elizabeth amava troppo la compagnia, qualunque fosse, per non scegliere di restare di sotto, a suo rischio e pericolo, e che preferiva chiacchierare di Croydon con Jane, pur con le continue maligne interruzioni di Margaret, piuttosto che stare da sola col padre, che spesso non sopportava neppure di parlare, la questione fu sistemata non appena riuscì a convincersi che per la sorella non era affatto un sacrificio. Per Emma lo scambio era più che accettabile, e molto piacevole. Il padre, quando si sentiva male, non chiedeva altro che gentilezza e silenzio, ed essendo un uomo assennato e colto, era, se disposto a conversare, un ottimo interlocutore. In quella stanza Emma era in pace, lontana dalle terribili mortificazioni di una compagnia non alla sua altezza e dalle discordie familiari, oltre che dalla momentanea necessità di sopportare un benessere insensibile, una volgare presunzione e una testarda stupidità, inculcate in un temperamento deplorevole. Ripensandoci ancora soffriva nel ricordo e nelle prospettive future, ma per il momento aveva cessato di esserne tormentata. Era libera, poteva leggere e pensare, anche se la sua situazione era ben lontana dal suscitare riflessioni molto consolanti. I danni derivanti dalla perdita dello zio non erano né trascurabili, né suscettibili di essere mitigati, e quando si abbandonava liberamente ai propri pensieri, paragonando il passato e il presente, il bisogno di occupare la mente e scacciare le idee sgradevoli, che solo la lettura poteva soddisfare, la faceva rivolgere con gratitudine a un libro.

Il cambiamento di famiglia e di tenore di vita dovuto alla morte di un parente e alla sventatezza di un altro erano stati davvero un grosso colpo. Dall'essere stata lo scopo principale delle speranze e delle premure di uno zio che le aveva forgiato la mente con l'affetto di un genitore, della tenerezza di una zia la cui indole affettuosa gioiva nel concederle ogni soddisfazione; dall'essere stata la linfa vitale e l'essenza di una casa dove tutto era comodità ed eleganza, e la prevista ereditiera di una agiata indipendenza, era diventata una persona che non contava per nessuno, un peso per coloro dai quali non poteva aspettarsi alcun affetto, un'aggiunta in una casa già sovraffollata, circondata da menti mediocri, con poche possibilità di comodità domestiche e altrettante poche speranze di supporti futuri. Era un bene per lei che fosse di natura allegra poiché il cambiamento era stato tale da riuscire a gettare nello sconforto uno spirito più debole.

Robert e Jane insistettero molto per farla andare con loro a Croydon, e lei ebbe qualche difficoltà a far accettare il suo rifiuto, dato che avevano un'opinione troppo alta della loro gentilezza e della loro posizione, per supporre che l'offerta potesse apparire in una luce meno vantaggiosa per chiunque altro. Elizabeth li appoggiò, anche se evidentemente contro il proprio interesse, insistendo in privato con Emma affinché andasse.

"Non sai che cosa stai rifiutando, Emma", le disse, "né che cosa dovrai sopportare a casa. Ti consiglio caldamente di accettare il loro invito; c'è sempre qualcosa da fare a Croydon. Sarai in compagnia quasi ogni giorno, e Robert e Jane saranno molto gentili con te. Quanto a me, senza di te non starò peggio di quanto sono stata abituata a stare, ma il pessimo carattere di Margaret per te è una novità, e ne soffrirai più di quanto pensi se resterai a casa."

Emma naturalmente non si lasciò influenzare da uno scenario del genere, salvo nutrire maggiore stima per Elizabeth, e gli ospiti partirono senza di lei. (11)



(1) Si ritiene che "D." stia per Dorking, la principale città del Surrey il cui nome inizi con "D"; JA aveva scritto, "L.", ma la sostituzione con "D." dovrebbe essere stata quasi immediata, visto che subito dopo, nella stessa pagina, la troviamo senza correzioni; l'identificazione è in un certo modo confermata dal fatto che alcune pagine dopo, quando Elizabeth Watson parla del fratello Sam, JA scrive "Dorking" e poi corregge in "Guilford" (vedi la nota successiva).

(2) JA aveva scritto "Dorking", poi corretto in "Guilford" (vedi la nota precedente).

(3) Su questa scena Virginia Woolf ha scritto parole molto interessanti: "Quali ne sono le componenti? Un ballo in una città di provincia; alcune coppie che si incontrano e si tengono per mano in una sala dove si mangia e si beve un po'; e, come 'catastrofe', un ragazzo che viene umiliato da una signorina e trattato con bontà da un'altra. Nessuna tragedia, nessun eroismo. Eppure, per qualche motivo, la scenetta ci commuove in modo del tutto sproporzionato all'apparente banalità. Il comportamento di Emma nella sala da ballo ci ha permesso di capire quanto riguardosa, tenera e spinta da sentimenti sinceri si sarebbe rivelata nelle crisi più gravi della vita che inevitabilmente, mentre la seguiamo, si dispiegano ai nostri occhi. Jane Austen padroneggia un'emozione molto più profonda di quanto non emerga in superficie. Ci stimola a fornire quel che manca. Lei pare offrire solo un'inezia che però si espande nella mente del lettore arricchendo certe scene a prima vista insignificanti di una vitalità quanto mai duratura." (Virginia Woolf, "Jane Austen", in: Il lettore comune, trad. di Daniela Guglielmino, il melangolo, Genova, 1995, vol. I, pagg. 156-57).

(4) "Casino" (o "cassino") era un gioco di carte che si svolgeva in tre giri, con delle regole che mi sembra si possano avvicinare alla nostra "scopa". È citato anche nel cap. 23 di Ragione e sentimento, come "cassino" nella prima edizione e "casino" nella seconda.

(5) Il "negus" (o "mulled wine") era vino, ma anche porto o sherry, con acqua calda e zucchero, aromatizzato con delle spezie, e generalmente servito durante balli e ricevimenti; qualcosa di molto simile al "vin brulé". Prendeva il nome dall'inventore, il colonnello Francis Negus (morto nel 1732).

(6) Qui probabilmente JA ha scritto "R." per errore, intendendo "D."

(7) Nei pranzi familiari in genere si serviva un solo "giro" ("course") di pietanze, tutte messe in tavola contemporaneamente; in questo caso, evidentemente, il tacchino era l'unico piatto a essere stato proposto dopo.

(8) "Speculation" è un gioco in cui si comprano e vendono le carte e la vittoria va a chi riesce a mantenere quella di valore più alto; "cribbage" ha delle regole che mi sembra assomiglino al poker.

(9) Un tipo di tavolo con due cassetti per ogni lato, che prende il nome da Henry Hebert, nono Conte di Pembroke (1693-1751).

(10) La Bedford Coffee House, vicino al teatro Covent Garden, era un locale aperto nei primi del Settecento; il suo periodo d'oro era stato intorno alla metà di quel secolo, ma all'epoca era ancora un luogo d'incontro molto popolare. In Northanger Abbey è qui che John Thorpe incontra il gen. Tilney (vol. I, cap. 12, nota 1).

(11) Qui finisce il manoscritto. Nella seconda edizione della sua biografia della zia (A Memoir of Jane Austen), James-Edward Austen-Leigh scrisse, dopo il testo: "Quando la sorella dell'autrice, Cassandra, mostrò il manoscritto di questo lavoro a qualcuna delle sue nipoti, disse loro anche qualcosa sul seguito della storia, dato che con questa cara sorella - anche se, credo, con nessun altro - sembra che Jane abbia parlato liberamente di ogni lavoro che avesse tra le mani. Mr. Watson sarebbe morto presto e Emma costretta a dipendere per una casa dalla meschinità del fratello e della cognata. Avrebbe rifiutato la proposta di matrimonio di Lord Osborne, e molto dell'interesse del racconto sarebbe derivato dall'amore di Lady Osborne per Mr. Howard, innamorato invece di Emma, che alla fine avrebbe sposato."

indice altre opere     |     home page