Jane Austen
Sanditon
Capitolo 10
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     altre opere     |     home page     |     

Sanditon


Chapter 10


It was not a week since Miss Diana Parker had been told by her feelings, that the sea air would probably in her present state be the death of her, and now she was at Sanditon, intending to make some stay and without appearing to have the slightest recollection of having written or felt any such thing. - It was impossible for Charlotte not to suspect a good deal of fancy in such an extraordinary state of health. - Disorders and recoveries so very much out of the common way, seemed more like the amusement of eager minds in want of employment than of actual afflictions and relief. The Parkers were no doubt a family of imagination and quick feelings - and while the eldest brother found vent for his superfluity of sensation as a projector, the sisters were perhaps driven to dissipate theirs in the invention of odd complaints. - The whole of their mental vivacity was evidently not so employed; part was laid out in a zeal for being useful. - It would seem that they must either be very busy for the good of others, or else extremely ill themselves.

Some natural delicacy of constitution in fact, with an unfortunate turn for medicine, especially quack medicine, had given them an early tendency, at various times, to various disorders; - the rest of their sufferings was from fancy, the love of distinction and the love of the wonderful. - They had charitable hearts and many amiable feelings - but a spirit of restless activity, and the glory of doing more than anybody else, had their share in every exertion of benevolence - and there was vanity in all they did, as well as in all they endured. -

Mr. and Mrs. Parker spent a great part of the evening at the hotel; but Charlotte had only two or three views of Miss Diana posting over the Down after a house for this lady whom she had never seen, and who had never employed her. She was not made acquainted with the others till the following day, when, being removed into lodgings and all the party continuing quite well, their brother and sister and herself were entreated to drink tea with them. - They were in one of the Terrace houses - and she found them arranged for the evening in a small neat drawing room, with a beautiful view of the sea if they had chosen it, - but though it had been a very fair English summer-day, not only was there no open window, but the sopha and the table and the establishment in general was all at the other end of the room by a brisk fire. -

Miss Parker - whom, remembering the three teeth drawn in one day, Charlotte approached with a peculiar degree of respectful compassion - was not very unlike her sister in person or manner - though more thin and worn by illness and medicine, more relaxed in air and more subdued in voice. She talked, however, the whole evening, as incessantly as Diana - and excepting that she sat with salts in her hand, took drops two or three times from one, out of the several phials already at home on the mantelpiece, and made a great many odd faces and contortions, Charlotte could perceive no symptoms of illness which she, in the boldness of her own good health, would not have undertaken to cure, by putting out the fire, opening the window, and disposing of the drops and the salts by means of one or the other.

She had had considerable curiosity to see Mr. Arthur Parker; and having fancied him a very puny, delicate-looking young man, the smallest very materially of not a robust family, was astonished to find him quite as tall as his brother and a great deal stouter - broad made and lusty - and with no other look of an invalid, than a sodden complexion. - Diana was evidently the chief of the family; principal mover and actor; - she had been on her feet the whole morning, on Mrs. Griffiths's business or their own, and was still the most alert of the three. - Susan had only superintended their final removal from the hotel, bringing two heavy boxes herself, and Arthur had found the air so cold that he had merely walked from one house to the other as nimbly as he could, - and boasted much of sitting by the fire till he had cooked up a very good one. -

Diana, whose exercise had been too domestic to admit of calculation, but who, by her own account, had not once sat down during the space of seven hours, confessed herself a little tired. She had been too successful however for much fatigue; for not only had she by walking and talking down a thousand difficulties at last secured a proper house at eight guineas per week for Mrs. Griffiths; she had also opened so many treaties with cooks, housemaids, washerwomen and bathing women, that Mrs. Griffiths would have little more to do on her arrival, than to wave her hand and collect them around her for choice. - Her concluding effort in the cause had been a few polite lines of information to Mrs. Griffiths herself - time not allowing for the circuitous train of intelligence which had been hitherto kept up, - and she was now regaling in the delight of opening the first trenches of an acquaintance with such a powerful discharge of unexpected obligation.

Mr. and Mrs. Parker and Charlotte had seen two post chaises crossing the Down to the hotel as they were setting off - a joyful sight - and full of speculation. - The Miss Parkers and Arthur had also seen something; - they could distinguish from their window that there was an arrival at the hotel, but not its amount. Their visitors answered for two hack chaises. - Could it be the Camberwell seminary? - No - No. - Had there been a third carriage, perhaps it might; but it was very generally agreed that two hack chaises could never contain a seminary. - Mr. Parker was confident of another new family. -

When they were all finally seated, after some removals to look at the sea and the hotel, Charlotte's place was by Arthur, who was sitting next to the fire with a degree of enjoyment which gave a good deal of merit to his civility in wishing her to take his chair. - There was nothing dubious in her manner of declining it, and he sat down again with much satisfaction. She drew back her chair to have all the advantage of his person as a screen, and was very thankful for every inch of back and shoulders beyond her pre-conceived idea.

Arthur was heavy in eye as well as figure, but by no means indisposed to talk; - and while the other four were chiefly engaged together, he evidently felt it no penance to have a fine young woman next to him, requiring in common politeness some attention - as his brother, who felt the decided want of some motive for action, some powerful object of animation for him, observed with considerable pleasure. - Such was the influence of youth and bloom that he began even to make a sort of apology for having a fire.

"We should not have had one at home," said he, "but the sea air is always damp. I am not afraid of anything so much as damp. -"

"I am so fortunate," said Charlotte, "as never to know whether the air is damp or dry. It has always some property that is wholesome and invigorating to me. -"

"I like the air too, as well as anybody can," replied Arthur; "I am very fond of standing at an open window when there is no wind, - but unluckily a damp air does not like me. - It gives me the rheumatism. - You are not rheumatic, I suppose? -"

"Not at all."

"That's a great blessing. - But perhaps you are nervous."

"No - I believe not. I have no idea that I am." -

"I am very nervous. - To say the truth - nerves are the worst part of my complaints in my opinion. - My sisters think me bilious, but I doubt it."

"You are quite in the right, to doubt it as long as you possibly can, I am sure."

"If I were bilious," he continued, "you know wine would disagree with me, but it always does me good. - The more wine I drink (in moderation) the better I am. - I am always best of an evening. - If you had seen me today before dinner, you would have thought me a very poor creature. -"

Charlotte could believe it -. She kept her countenance however, and said -

"As far as l can understand what nervous complaints are, I have a great idea of the efficacy of air and exercise for them, - daily, regular exercise; - and I should recommend rather more of it to you than I suspect you are in the habit of taking. -"

"Oh! I am very fond of exercise myself," - he replied - "and mean to walk a great deal while I am here, if the weather is temperate. I shall be out every morning before breakfast - and take several turns upon the Terrace, and you will often see me at Trafalgar House." -

"But you do not call a walk to Trafalgar House much exercise? -"

"Not as to mere distance, but the hill is so steep! - Walking up that hill, in the middle of the day, would throw me into such a perspiration! - You would see me all in a bath, by the time I got there! - I am very subject to perspiration, and there cannot be a surer sign of nervousness. -"

They were now advancing so deep in physics, that Charlotte viewed the entrance of the servant with the tea things as a very fortunate interruption. - It produced a great and immediate change. The young man's attentions were instantly lost. He took his own cocoa from the tray, - which seemed provided with almost as many tea-pots &c as there were persons in company, Miss Parker drinking one sort of herb-tea and Miss Diana another - and turning completely to the fire, sat coddling and cooking it to his own satisfaction and toasting some slices of bread, brought up ready-prepared in the toast rack - and till it was all done, she heard nothing of his voice but the murmuring of a few broken sentences of self-approbation and success. - When his toils were over however, he moved back his chair into as gallant a line as ever, and proved that he had not been working only for himself, by his earnest invitation to her to take both cocoa and toast. - She was already helped to tea - which surprised him - so totally self-engrossed had he been. -

"l thought I should have been in time," said he, "but cocoa rakes a great deal of boiling. -"

"I am much obliged to you," replied Charlotte - "but I prefer tea."

"Then I will help myself," said he. - "A large dish of rather weak cocoa every evening agrees with me better than anything." -

It struck her however, as he poured out this rather weak cocoa, that it came forth in a very fine, dark-coloured stream - and at the same moment, his sisters both crying out - "Oh! Arthur, you get your cocoa stronger and stronger every evening" -, with Arthur's somewhat conscious reply of "Tis rather stronger than it should be tonight" - convinced her that Arthur was by no means so fond of being starved as they could desire, or as he felt proper himself. - He was certainly very happy to turn the conversation on dry toast, and hear no more of his sisters. -

"I hope you will eat some of this toast," said he. "I reckon myself a very good toaster; I never burn my toasts - I never put them too near the fire at first - and yet, you see, there is not a corner but what is well browned. - I hope you like dry toast. -"

"With a reasonable quantity of butter spread over it, very much" - said Charlotte - "but not otherwise. -"

"No more do I" - said he, exceedingly pleased. - "We think quite alike there. - So far from dry toast being wholesome, I think it a very bad thing for the stomach. Without a little butter to soften it, it hurts the coats of the stomach. I am sure it does. - I will have the pleasure of spreading some for you directly - and afterwards I will spread some for myself. - Very bad indeed for the coats of the stomach - but there is no convincing some people. - It irritates and acts like a nutmeg grater. -"

He could not get command of the butter however, without a struggle, his sisters accusing him of eating a great deal too much, and declaring he was not to be trusted; - and he maintaining that he only ate enough to secure the coats of his stomach; - and besides, he only wanted it now for Miss Heywood. - Such a plea must prevail; he got the butter and spread away for her with an accuracy of judgement which at least delighted himself; but when her toast was done, and he took his own in hand, Charlotte could hardly contain herself as she saw him watching his sisters, while he scrupulously scraped off almost as much butter as he put on, and then seize an odd moment for adding a great dab just before it went into his mouth. - Certainly, Mr. Arthur Parker's enjoyments in invalidism were very different from his sisters' - by no means so spiritualized. - A good deal of earthy dross hung about him. Charlotte could not but suspect him of adopting that line of life, principally for the indulgence of an indolent temper - and to be determined on having no disorders but such as called for warm rooms and good nourishment. - In one particular however, she soon found that he had caught something from them. -

"What!" said he. "Do you venture upon two dishes of strong green tea in one evening? - What nerves you must have! - How I envy you. - Now, if I were to swallow only one such dish - what do you think its effect would be upon me? -"

"Keep you awake perhaps all night" - replied Charlotte, meaning to overthrow his attempts at surprise, by the grandeur of her own conceptions. -

"Oh! if that were all! -" he exclaimed. - "No - it would act on me like poison and would entirely take away the use of my right side, before I had swallowed it five minutes. - It sounds almost incredible - but it has happened to me so often that I cannot doubt it. - The use of my right side is entirely taken away for several hours!"

"It sounds rather odd to be sure" - answered Charlotte coolly - "but l dare say it would be proved to be the simplest thing in the world, by those who have studied right sides and green tea scientifically and thoroughly understand all the possibilities of their action on each other." -

Soon after tea, a letter was brought to Miss Diana Parker from the hotel. - "From Mrs. Charles Dupuis" - said she. - "Some private hand." - And having read a few lines, exclaimed aloud, "Well, this is very extraordinary! very extraordinary indeed! - That both should have the same name. Two Mrs. Griffiths! - This is a letter of recommendation and introduction to me, of the lady from Camberwell - and her name happens to be Griffiths too." -

A few lines more however, and the colour rushed into her cheeks, and with much perturbation she added - "The oddest thing that ever was! - A Miss Lambe too! - a young West Indian of large fortune. - But it cannot be the same. - Impossible that it should be the same." -

She read the letter aloud for comfort. - It was merely to "introduce the bearer, Mrs. Griffiths from Camberwell, and the three young ladies under her care, to Miss Diana Parker's notice. - Mrs. Griffiths being a stranger at Sanditon, was anxious for a respectable introduction - and Mrs. Charles Dupuis therefore, at the instance of the intermediate friend, provided her with this letter, knowing that she could not do her dear Diana a greater kindness than by giving her the means of being useful. - Mrs. Griffiths's chief solicitude would be for the accommodation and comfort of one of the young ladies under her care, a Miss Lambe, a young West Indian of large fortune, in delicate health." - "It was very strange! - very remarkable! - very extraordinary, " but they were all agreed in determining it to be impossible that there should not be two families; such a totally distinct set of people as were concerned in the reports of each made that matter quite certain. There must be two families. - Impossible to be otherwise. - "Impossible" and "Impossible", was repeated over and over again with great fervour. - An accidental resemblance of names and circumstances, however striking at first, involved nothing really incredible - and so it was settled. -

Miss Diana herself derived an immediate advantage to counterbalance her perplexity. She must put her shawl over her shoulders, and be running about again. Tired as she was, she must instantly repair to the hotel, to investigate the truth and offer her services. -

Sanditon


Capitolo 10


Nemmeno una settimana prima Miss Diana Parker aveva avuto la sensazione che l'aria di mare, nello stato in cui era in quel momento, sarebbe stata la morte per lei, e adesso era a Sanditon, intenzionata a restarci per un po', e non sembrava avere il minimo ricordo di aver scritto o provato una cosa del genere. Per Charlotte era impossibile non sospettare un bel po' di fantasia in uno stato di salute così straordinario. Malanni e guarigioni così tanto fuori dal comune sembravano più lo svago di una mente ansiosa, in cerca di qualcosa a cui pensare, che indisposizioni e risanamenti reali. I Parker erano senza dubbio una famiglia ricca di immaginazione e di sentimenti esuberanti, e mentre il fratello maggiore dava sfogo al suo eccesso di energie dandosi ai progetti, le sorelle erano forse inclini a disperdere le loro inventandosi strani disturbi. Dato che la loro mente vivace non se ne sentiva totalmente appagata, una parte si esprimeva nello zelo di rendersi utili. Sembrava che dovessero essere o impegnatissime per il bene degli altri oppure molto malate.

In effetti, una costituzione un po' delicata, insieme a un'infelice propensione per le medicine, specialmente quelle auto-prescritte, avevano dato origine, in varie occasioni, a vari malesseri; il resto dei loro patimenti era dovuto alla fantasia, alla voglia di distinguersi e di stupire. Avevano un cuore caritatevole e molti amabili sentimenti, ma la tendenza a un'attività frenetica, e al vanto di fare più di qualsiasi altro, avevano la loro parte in tutti i loro sforzi di fare del bene, e la vanità aveva parte sia in tutto ciò che facevano, sia in tutto ciò che sopportavano.

Mr. e Mrs. Parker passarono gran parte della serata all'albergo; Charlotte invece poté solo vedere due o tre volte Miss Diana mentre si aggirava per la collina, in cerca di una casa per una signora che non aveva mai visto e che non l'aveva mai incaricata di farlo. Non fece conoscenza con gli altri fino al giorno successivo, quando, essendosi trasferiti in un appartamento in affitto, tutti in ottima salute, invitarono lei, il fratello e la cognata a prendere il tè. Erano in una delle case del Terrace, e li trovò, sistemati per passare la serata, in un lindo salottino con una bella vista sul mare, se solo avessero deciso di notarla; ma sebbene fosse stata una bellissima giornata estiva inglese, non solo non c'erano finestre aperte, ma il divano, il tavolo e tutto il necessario era all'altro capo della stanza accanto a un fuoco scoppiettante.

Miss Parker, alla quale, ricordandosi dei tre denti estratti in un giorno solo, Charlotte si avvicinò con un grado particolare di rispettosa compassione, non era molto diversa dalla sorella, sia fisicamente che nei modi, anche se più magra e sciupata dalle malattie e dalle medicine, con un'aria più rilassata e un tono di voce più sommesso. Tuttavia, chiacchierò ininterrottamente per l'intera serata, proprio come Diana, e, salvo il fatto che tenesse in mano i sali, che avesse preso due o tre volte delle gocce da una delle diverse fiale già ben sistemate sul caminetto, e che facesse spesso smorfie e facce strane, Charlotte non rilevò nessun sintomo di malattie che lei, con la spavalderia di chi è in buona salute, non avrebbe esitato a curare spegnendo il fuoco, aprendo la finestra, e sbarazzandosi di gocce e sali usando uno o l'altra.

Aveva provato una considerevole curiosità di incontrare Mr. Arthur Parker, e avendolo immaginato come un giovanotto molto gracile e dall'aria delicata, praticamente il più fragile di una famiglia non certo robusta, fu stupita nello scoprire come fosse alto quanto il fratello e molto più corpulento, massiccio e vigoroso, e con nessuna traccia di invalidità, salvo un colorito smorto. Diana era evidentemente il capo della famiglia, quella che pensava e faceva più di tutti; era stata in movimento per l'intera mattinata, per conto proprio o di Mrs. Griffiths, ed era ancora la più vivace dei tre. Susan aveva soltanto sorvegliato il trasferimento dall'albergo, portando lei stessa due pesanti scatoloni, e Arthur aveva trovato l'aria talmente fredda che si era limitato a camminare da un posto all'altro il più velocemente possibile, e si vantava molto di stare seduto accanto al fuoco fino a quando non l'avesse sistemato per bene.

Diana, le cui attività erano state troppo usuali per tenerne conto, ma che, a quanto diceva lei stessa, non si era seduta una sola volta nello spazio di sette ore, ammise di essere un po' stanca. Comunque, tutta quella fatica aveva avuto successo, poiché non solo, a forza di andare in giro e dopo aver appianato mille difficoltà, alla fine si era assicurata una casa adatta per Mrs. Griffiths a otto ghinee la settimana, ma aveva anche avviato così tante trattative con cuoche, cameriere, lavandaie e donne addette ai bagni di mare, che Mrs. Griffiths, una volta arrivata, avrebbe avuto ben poco da fare, se non raccoglierle intorno a sé con un gesto e scegliere. Lo sforzo finale per la causa erano state alcune cortesi righe informative per la stessa Mrs. Griffiths, dato che non si poteva perdere tempo con il tortuoso giro fatto fino a quel momento, e Miss Diana si stava godendo il piacere di aprire il primo varco in una conoscenza con un tale poderoso adempimento di servigi inaspettati.

I Parker e Charlotte, uscendo di casa, avevano visto due carrozze attraversare la collina verso l'albergo; un'allegra visione, e fonte di molteplici ipotesi. Anche le signorine Parker e Arthur avevano visto qualcosa; avevano potuto distinguere dalla finestra che c'era stato un arrivo in albergo, ma non in quanti fossero. I loro ospiti parlavano di due carrozze; poteva essere l'istituto di Camberwell? No, no; se ci fosse stata una terza carrozza, avrebbe anche potuto essere, ma l'opinione generale era che due carrozze non avrebbero mai potuto contenere un istituto scolastico. Mr. Parker era fiducioso che fosse un altro gruppo, del tutto diverso.

Quando finalmente si sedettero, dopo diversi andirivieni per guardare il mare e l'albergo, a Charlotte toccò il posto vicino a Arthur, che era seduto accanto al fuoco con una gioia così evidente da far molto onore alla cortesia di offrire a lei la sua sedia. Nel suo modo di rifiutare non ci furono incertezze, e lui sedette di nuovo, molto soddisfatto. Lei tirò indietro la sedia per godere di tutto il vantaggio di averlo come schermo dal fuoco, e fu molto riconoscente per ogni centimetro di schiena e spalle, che andavano oltre quanto aveva previsto.

Arthur aveva uno sguardo pesante quanto la sua corporatura, ma non era affatto riluttante a chiacchierare, e mentre gli altri quattro parlavano più che altro tra loro, lui non avvertiva certo come una penitenza avere vicino una signorina, che richiedeva, secondo la normale cortesia, qualche attenzione, come il fratello, che sentiva il bisogno per lui di un qualche incentivo ad agire, un qualche valido obiettivo per animarlo, notò con considerevole piacere. Tanta fu l'influenza della gioventù in fiore che egli cominciò persino a scusarsi per il fuoco.

"A casa non l'avremmo acceso", disse, "ma l'aria di mare è sempre umida. Nulla mi fa più paura dell'umidità."

"Io sono così fortunata", disse Charlotte, "da non aver mai avvertito se l'aria è umida o secca. Ha sempre qualche proprietà salubre e corroborante per me."

"Anche a me piace l'aria, così come a tutti", rispose Arthur; "mi piace molto stare davanti a una finestra aperta quando non c'è vento, ma sfortunatamente all'aria umida non piaccio io. Mi provoca i reumatismi. Voi non soffrite di reumatismi, immagino."

"Assolutamente no."

"È una gran benedizione. Ma forse soffrite di nervi."

"No, non credo. Non me ne sono mai accorta."

"Io ne soffro molto. A dire la verità, secondo me i nervi sono il più grave dei miei malanni. Le mie sorelle credono che io soffra di disturbi biliari, ma io ne dubito."

"Avete perfettamente ragione a dubitarne quanto più possibile, ne sono sicura."

"Se soffrissi di disturbi biliari", proseguì lui, "il vino, sapete, mi farebbe male, e invece mi fa sempre bene. Più vino bevo (con moderazione) meglio sto. Sto sempre meglio di sera. Se mi aveste visto oggi prima di pranzo, mi avreste ritenuto una ben misera creatura."

Charlotte non stentava a crederci, tuttavia non batté ciglio, e disse,

"Per quanto ne so di disturbi nervosi, sono convinta dell'efficacia dell'aria aperta e dell'esercizio per combatterli; esercizio regolare e giornaliero, e a voi ne raccomanderei molto di più di quanto sospetto abbiate l'abitudine di farne."

"Oh! mi piace molto fare esercizio," replicò lui, "e ho intenzione di camminare molto mentre mi trovo qui, se il tempo sarà mite. Sarò fuori ogni mattina prima di colazione, farò diversi giri sul Terrace e mi vedrete spesso a Trafalgar House."

"Ma non chiamerete certo esercizio una passeggiata a Trafalgar House, no?"

"Considerando solo la distanza no, ma la collina è così ripida! Salire per quella collina, a mezzogiorno, mi farebbe talmente sudare! Mi vedreste in un bagno di sudore, una volta arrivato! Sono molto soggetto a sudare, e non può esserci un segno più certo di disturbo nervoso."

Si erano spinti così addentro nel campo della medicina, che Charlotte vide nell'ingresso del domestico con il tè una provvidenziale interruzione. La cosa produsse un cambiamento notevole e immediato. L'attenzione del giovanotto venne improvvisamente meno. Prese il suo cioccolato dal vassoio, che sembrava provvisto di quasi una teiera a persona, visto che Miss Parker beveva un tipo di tè verde e Miss Diana un altro, e, girandosi completamente verso il fuoco, si dedicò a scaldarlo e a prepararlo a suo gusto e a tostare delle fette di pane, mettendole, non appena pronte, nell'apposito cestino e, finché non ebbe finito, Charlotte non sentì altro che un mormorio di auto-soddisfazione per il bel lavoro che stava facendo, formato di brevi frasi smozzicate. Una volta terminata l'opera, tuttavia, spostò indietro la sua sedia, ridiventò galante come prima e dimostrò di non aver lavorato solo per sé, invitandola a prendere sia il cioccolato che il pane tostato. A lei era già stato servito il tè, il che lo sorprese, tanto era rimasto assorbito in se stesso.

"Pensavo che sarei stato in tempo", disse, "ma il cioccolato deve essere bollito a lungo."

"Vi sono molto grata", rispose Charlotte, "ma preferisco il tè."

"Allora mi servirò io", disse lui. "Una bella tazza di cioccolato piuttosto diluito tutte le sere mi fa meglio di qualsiasi altra cosa."

La colpì, tuttavia, mentre versava quel cioccolato piuttosto diluito, vederlo scorrere con un bel colore scuro e, nello stesso momento, sentire l'esclamazione di entrambe le sorelle, "Oh! Arthur, ogni sera il tuo cioccolato è sempre più forte", e poi la risposta alquanto impacciata di Arthur, "stasera è un po' più forte di quanto dovrebbe", la convinse che Arthur non era affatto un amante del digiuno come loro avrebbero desiderato, o come a lui stesso poteva sembrare giusto. Fu sicuramente molto contento di deviare la conversazione sul pane tostato, e di non stare a sentire le sorelle.

"Spero che mangerete un po' di questo pane tostato", disse. "Mi reputo bravissimo a tostare il pane, non lo brucio mai. Non lo metto mai troppo vicino al fuoco all'inizio, eppure, vedete, non c'è nemmeno un angolo che non sia ben dorato. Spero che il pane tostato vi piaccia."

"Con una discreta quantità di burro spalmato sopra, moltissimo", disse Charlotte, "ma solo così."

"Proprio come me", disse lui, molto compiaciuto. "In questo la pensiamo allo stesso modo. Ben lungi dall'essere salutare, credo che il pane tostato faccia male allo stomaco. Senza un po' di burro ad ammorbidirlo, danneggia le pareti dello stomaco. Ne sono certo. Avrò il piacere di spalmarne subito un po' per voi, e poi ne spalmerò un po' per me. Pessimo per le pareti dello stomaco, ma non c'è nulla che convinca certe persone. Irrita e agisce come una grattugia da noce moscata."

Tuttavia non riuscì a impadronirsi del burro senza lottare, visto che le sorelle lo accusavano di mangiare in modo spropositato e giuravano che non ci si poteva fidare di lui, mentre lui sosteneva di mangiare solo quel tanto sufficiente a proteggergli le pareti dello stomaco e, inoltre, in quel momento lo voleva solo per Miss Heywood. Una scusa del genere era inattaccabile; lui ottenne il burro e glielo spalmò con un'attenzione che alla fine lo fece sentire soddisfatto di se stesso; ma quando il pane tostato fu pronto, e lui lo mise nelle sue mani, Charlotte riuscì a malapena a contenersi, osservando come teneva d'occhio le sorelle mentre raschiava più o meno la quantità di burro necessaria, e poi coglieva il momento adatto per aggiungerne una bel pezzo subito prima di metterselo in bocca. Sicuramente Mr. Arthur Parker si divertiva a fare l'invalido in modo molto diverso dalle sorelle, un modo tutt'altro che spirituale. In lui c'erano un bel po' di scorie terrene. Charlotte non poteva non sospettare che lui adottasse quel genere di vita principalmente per assecondare un temperamento indolente, e che fosse ben deciso a non avere altri disturbi se non quelli che richiedevano stanze calde e cibi appetitosi. In un particolare, tuttavia, scoprì presto che qualcosa aveva preso da loro.

"Ma come!", disse lui. "Avete il coraggio di prendere due tazze di tè verde così forte nella stessa sera? Che nervi dovete avere! Come vi invidio. Perché se io ne mandassi giù anche solo una tazza, che effetto credete che mi farebbe?"

"Forse vi terrebbe sveglio tutta la notte", rispose Charlotte, con l'intenzione di deludere le sue speranze di sorprenderla, esprimendo un concetto così straordinario.

"Oh! se fosse tutto qui!", esclamò lui. "No, su di me agirebbe come un veleno e mi priverebbe completamente dell'uso del lato destro, nemmeno cinque minuti dopo averlo mandato giù. Sembra quasi incredibile, ma mi è accaduto talmente spesso che non posso avere dubbi. Mi priva completamente dell'uso del lato destro per diverse ore!"

"Certo che sembra piuttosto strano", rispose Charlotte freddamente, "ma immagino che coloro che hanno studiato scientificamente il lato destro e il tè verde, e hanno compreso appieno tutte le possibili azioni reciproche tra di loro, dimostrerebbero che è la cosa più naturale del mondo."

Subito dopo il tè fu recapitata una lettera dall'albergo per Miss Diana Parker. "Da Mrs. Charles Dupuis", disse. "Recapitata a mano"; e dopo aver letto qualche riga esclamò ad alta voce, "Be', ma è straordinario! davvero straordinario! che abbiano tutte e due lo stesso nome. Due Mrs. Griffiths! Questa è una lettera di presentazione per raccomandarmi la signora di Camberwell, e anche lei, guarda caso, si chiama Griffiths."

Dopo qualche ulteriore rigo, con il rossore che le salive sulle guance e con un turbamento maggiore, aggiunse, "La cosa più strana mai successa! Anche una Miss Lambe! una ragazza ricca delle Indie Occidentali. Ma non può essere la stessa. Impossibile che sia la stessa."

Per tranquillizzarsi lesse la lettera ad alta voce. Era semplicemente per "raccomandare all'attenzione di Miss Diana Parker la latrice della presente, Mrs. Griffiths di Camberwell, e le tre signorine affidate alle sue cure. Mrs. Griffiths, non conoscendo nessuno a Sanditon, desiderava molto fare la conoscenza di una persona rispettabile, e quindi Mrs. Charles Dupuis, su richiesta di un'amica comune, le aveva fornito questa lettera, sapendo che non avrebbe potuto dare alla cara Diana un piacere maggiore che quello di fornirgli il mezzo di rendersi utile. La maggiore preoccupazione di Mrs. Griffiths era quella di trovare una sistemazione confortevole per una delle signorine affidate alle sue cure, una certa Miss Lambe, una ricca giovane delle Indie occidentali, di salute delicata." "Era molto strano! incredibile! straordinario", ma erano tutti d'accordo nel ritenere impossibile che non si trattasse di due gruppi; le notizie che riguardavano due distinti gruppi di persone totalmente diversi rendevano certa quella faccenda. Doveva trattarsi di due gruppi. Impossibile che fosse altrimenti. "Impossibile" e "Impossibile", fu la parola ripetuta più volte con grande fervore. Una casuale somiglianza di nomi e situazioni, che in un primo momento poteva sorprendere, non aveva in realtà nulla di incredibile; e così la cosa fu sistemata.

Miss Diana ne approfittò immediatamente, allo scopo di controbilanciare la sua perplessità. Doveva mettersi lo scialle sulle spalle e rimettersi in movimento. Stanca com'era, doveva subito recarsi all'albergo, per scoprire la verità e offrire i propri servigi.

     |     altre opere     |     home page     |