Jane Austen
Sanditon
Capitolo 5
traduzione di Giuseppe Ierolli

     |     altre opere     |     home page     |     

Sanditon


Chapter 5


When they met before dinner, Mr. Parker was looking over letters. -

"Not a line from Sidney!" - said he. - "He is an idle fellow. - I sent him an account of my accident from Willingden, and thought he would have vouchsafed me an answer. - But perhaps it implies that he is coming himself. - I trust it may. - But here is a letter from one of my sisters. They never fail me. - Women are the only correspondents to be depended on. - Now, Mary, (smiling at his wife) - before I open it, what shall we guess as to the state of health of those it comes from - or rather what would Sidney say if he were here? - Sidney is a saucy fellow, Miss Heywood. - And you must know, he will have it there is a good deal of imagination in my two sisters' complaints - but it really is not so - or very little. - They have wretched health, as you have heard us say frequently, and are subject to a variety of very serious disorders. - Indeed, I do not believe they know what a day's health is; - and at the same time, they are such excellent useful women and have so much energy of character that, where any good is to be done, they force themselves on exertions which, to those who do not thoroughly know them, have an extraordinary appearance. - But there is really no affectation about them. They have only weaker constitutions and stronger minds than are often met with, either separate or together. - And our youngest brother, who lives with them, and who is not much above twenty, I am sorry to say, is almost as great an invalid as themselves. - He is so delicate that he can engage in no profession. - Sidney laughs at him - but it really is no joke - though Sidney often makes me laugh at them all in spite of myself. - Now, if he were here, I know he would be offering odds, that either Susan, Diana or Arthur would appear by this letter to have been at the point of death within the last month. -"

Having run his eye over the letter, he shook his head and began: -

"No chance of seeing them at Sanditon I am sorry to say. - A very indifferent account of them indeed. Seriously, a very indifferent account. - Mary, you will be quite sorry to hear how ill they have been and are. - Miss Heywood, if you will give me leave, I will read Diana's letter aloud. - I like to have my friends acquainted with each other - and I am afraid this is the only sort of acquaintance I shall have the means of accomplishing between you. - And I can have no scruple on Diana's account - for her letters show her exactly as she is, the most active, friendly, warm-hearted being in existence, and therefore must give a good impression."

He read. -

"My dear Tom, we were all much grieved at your accident, and if you had not described yourself as fallen into such very good hands, I should have been with you at all hazards the day after the receipt of your letter, though it found me suffering under a more severe attack than usual of my old grievance, spasmodic bile, and hardly able to crawl from my bed to the sofa. - But how were you treated? - Send me more particulars in your next. - If indeed a simple sprain, as you denominate it, nothing would have been so judicious as friction, friction by the hand alone, supposing it could be applied instantly. - Two years ago I happened to be calling on Mrs. Sheldon when her coachman sprained his foot as he was cleaning the carriage and could hardly limp into the house - but by the immediate use of friction alone, steadily persevered in (and I rubbed his ancle with my own hand for six hours without intermission) - he was well in three days. - Many thanks my dear Tom, for the kindness with respect to us, which had so large a share in bringing on your accident. - But pray: never run into peril again, in looking for an apothecary on our account, for had you the most experienced man in his line settled at Sanditon, it would be no recommendation to us. We have entirely done with the whole medical tribe. We have consulted physician after physician in vain, till we are quite convinced that they can do nothing for us and that we must trust to our own knowledge of our own wretched constitutions for any relief. - But if you think it advisable for the interest of the place, to get a medical man there, I will undertake the commission with pleasure, and have no doubt of succeeding. - I could soon put the necessary irons in the fire. - As for getting to Sanditon myself, it is quite an impossibility. I grieve to say that I dare not attempt it, but my feelings tell me too plainly that in my present state, the sea air would probably be the death of me. - And neither of my dear companions will leave me, or I would promote their going down to you for a fortnight. But in truth, I doubt whether Susan's nerves would be equal to the effort. She has been suffering much from the headache, and six leeches a day for ten days together relieved her so little that we thought it right to change our measures - and being convinced on examination that much of the evil lay in her gum, I persuaded her to attack the disorder there. She has accordingly had three teeth drawn, and is decidedly better, but her nerves are a good deal deranged. She can only speak in a whisper - and fainted away twice this morning on poor Arthur's trying to suppress a cough. He, I am happy to say, is tolerably well - though more languid than I like - and I fear for his liver. - I have heard nothing of Sidney since your being together in town, but conclude his scheme to the Isle of Wight has not taken place, or we should have seen him in his way. - Most sincerely do we wish you a good season at Sanditon, and though we cannot contribute to your beau monde in person, we are doing our utmost to send you company worth having; and think we may safely reckon on securing you two large families, one a rich West Indian from Surry, the other a most respectable girls boarding school, or academy, from Camberwell. - I will not tell you how many people I have employed in the business - Wheel within wheel. - But success more than repays. - Yours most affecly - &c."

"Well" - said Mr. Parker as he finished. "Though I dare say Sidney might find something extremely entertaining in this letter and make us laugh for half an hour together, I declare I by myself can see nothing in it but what is either very pitiable or very creditable. - With all their sufferings, you perceive how much they are occupied in promoting the good of others! - So anxious for Sanditon! Two large families - one, for Prospect House probably, the other for No. 2 Denham Place - or the end house of the Terrace, - and extra beds at the hotel. - I told you my sisters were excellent women, Miss Heywood -."

"And I am sure they must be very extraordinary ones," - said Charlotte. "I am astonished at the cheerful style of the letter, considering the state in which both sisters appear to be. - Three teeth drawn at once! - frightful! - Your sister Diana seems almost as ill as possible, but those three teeth of your sister Susan's are more distressing than all the rest. -"

"Oh! - they are so used to the operation - to every operation - and have such fortitude! -"

"Your sisters know what they are about, I dare say, but their measures seem to touch on extremes. - I feel that in any illness, I should be so anxious for professional advice, so very little venturesome for myself, or anybody I loved! - But then, we have been so healthy a family, that I can be no judge of what the habit of self-doctoring may do. -"

"Why to own the truth," said Mrs. Parker - "I do think the Miss Parkers carry it too far sometimes - and so do you my love, you know. - You often think they would be better, if they would leave themselves more alone - and especially Arthur. I know you think it a great pity they should give him such a turn for being ill. -"

"Well, well - my dear Mary - I grant you, it is unfortunate for poor Arthur, that at his time of life he should be encouraged to give way to indisposition. It is bad; - it is bad that he should be fancying himself too sickly for any profession - and sit down at one and twenty, on the interest of his own little fortune, without any idea of attempting to improve it, or of engaging in any occupation that may be of use to himself or others. - But let us talk of pleasanter things. These two large families are just what we wanted. - But - here is something at hand, pleasanter still - Morgan with his 'Dinner on Table.' " -

Sanditon


Capitolo 5


Quando si riunirono prima del pranzo, Mr. Parker stava esaminando la posta.

"Non un rigo da Sidney!" disse. "Che pigrizia. Gli ho mandato un resoconto del mio incidente da Willingden, e pensavo che si sarebbe degnato di una risposta. Ma forse significa che verrà di persona. Spero che sia così. Ma ecco una lettera da una delle mie sorelle. Loro non mi trascurano. Le donne sono le sole corrispondenti sulle quali si può contare. Allora, Mary (con un sorriso alla moglie), prima che l'apra, che cosa possiamo presumere sullo stato di salute di coloro che la mandano, o piuttosto, che direbbe Sidney se fosse qui? Sidney è uno sfacciato, Miss Heywood, e dovete sapere che ritiene che ci sia un bel po' d'immaginazione nei disturbi delle mie due sorelle; ma in realtà non è così, o lo è in minima parte. Hanno una pessima salute, come ci avrete sentito dire di frequente, e sono soggette a ogni sorta di gravi malanni. In effetti, non credo che sappiano che cosa vuol dire una giornata in buona salute, e, allo stesso tempo, sono donne capacissime, e hanno un carattere talmente energico che, se c'è da fare del bene, si costringono a sforzi che, per coloro che non le conoscono bene, fanno un'impressione straordinaria. Ma in loro non c'è mai affettazione. Hanno solo una costituzione più debole e uno spirito più forte di quelli in cui spesso ci si imbatte, insieme o separatamente. E il nostro fratello minore, che vive con loro, e che ha poco più di vent'anni, mi dispiace dirlo, è infermo quasi quanto loro. È così delicato che non può intraprendere nessuna professione. Sidney lo prende in giro, ma in realtà non c'è nulla da scherzare, anche se spesso Sidney mi porta a ridere di loro, contro la mia volontà. So che in questo momento, se fosse qui, affermerebbe che probabilmente la lettera dirà che nell'ultimo mese sono stati in punto di morte."

Dopo aver scorso rapidamente la lettera, scosse la testa e ricominciò:

"Mi dispiace dire che non c'è nessuna possibilità di vederli a Sanditon. Davvero pessime notizie, sul serio, proprio pessime notizie. Mary, ti dispiacerà sicuramente sentire come sono state, e stanno, male. Miss Heywood, se permettete vi leggerò ad alta voce la lettera di Diana. Mi piace che i miei amici si conoscano, e temo che questo sia il solo modo di farvi conoscere tra di voi che avrò la possibilità di mettere in atto. E quanto a Diana non mi faccio nessuno scrupolo, poiché le sue lettere la mostrano esattamente com'è, la più attiva, cordiale, affettuosa creatura che esista, e perciò vi farà certamente una buona impressione."

Lesse.

"Mio caro Tom, siamo stati tutti rattristati per il tuo incidente, e se non ci avessi informato di essere capitato in ottime mani, sarei venuta da te a ogni costo il giorno dopo aver ricevuto la tua lettera, sebbene mi abbia trovata sofferente per un attacco più grave del solito del mio vecchio malanno, gli spasmi di bile, e a malapena in grado di trascinarmi dal letto al divano. Ma come sei stato curato? Mandami più particolari con la prossima tua. Se è stata davvero una semplice storta, come l'hai chiamata, nulla sarebbe stato preferibile a un massaggio, un massaggio fatto solo con le mani, supponendo di poterlo fare all'istante. Due anni fa mi capitò di far visita a Mrs. Sheldon, proprio quando il suo cocchiere prese una storta a un piede mentre stava pulendo la carrozza e riuscì a malapena a rientrare in casa zoppicando; ma con un solo massaggio immediato, portato avanti con continuità (gli ho massaggiato la caviglia io stessa per sei ore senza interruzioni) in tre giorni era guarito. Molte grazie, mio caro Tom, per la gentilezza verso di noi, che è stata in gran parte la causa del tuo incidente, ma ti prego: non correre più rischi per cercare un farmacista a nostro beneficio, perché anche se riuscissi a far stabilire a Sanditon la persona più competente nel suo campo, per noi non sarebbe di nessun ausilio. Ormai abbiamo chiuso con l'intera razza medica. Abbiamo consultato invano un medico dopo l'altro, fino a quando non ci siamo convinti che non possono fare nulla per noi, e che per trovare sollievo dobbiamo contare sulla conoscenza che abbiamo noi della nostra pessima costituzione. Ma se credi che sia opportuno, nell'interesse del posto, far stabilire là un medico, mi accollerò con piacere l'incarico, e non ho dubbi circa il successo. Posso mettere subito la necessaria carne al fuoco. Quanto a venire io stessa a Sanditon è proprio impossibile. Mi addolora dire che non oso tentarlo, ma sento con troppa chiarezza che nel mio stato attuale l'aria di mare per me sarebbe la morte. E nessuno dei miei due cari compagni mi lascerebbe, altrimenti li incoraggerei a venire da te per un paio di settimane. Ma, in verità, dubito che i nervi di Susan siano all'altezza dello sforzo. Ha sofferto molto di mal di testa, e sei salassi al giorno per dieci giorni di seguito le hanno dato così poco sollievo che abbiamo pensato fosse giusto cambiare la cura, ed essendomi convinta, dopo un attento esame, che molto del malanno risiedesse nelle gengive, l'ho convinta ad attaccare là il disturbo. Di conseguenza, le hanno tolto tre denti, e sta decisamente meglio, ma i suoi nervi ne hanno alquanto risentito. Può parlare solo con un sussurro, e stamattina è svenuta due volte ai tentativi del povero Arthur di soffocare la tosse. Lui, sono felice di poterlo dire, sta discretamente bene, anche se è più fiacco di quanto vorrei, e temo per il suo fegato. Non ho avuto notizie di Sidney da quando eravate insieme a Londra, ma ho concluso che il suo progetto per l'Isola di Wight non si sia realizzato, altrimenti ci avrebbe fatto visita lungo la strada. Ti auguriamo sinceramente che la stagione a Sanditon sia buona, e anche se non possiamo contribuire di persona al tuo beau monde, faremo il massimo per mandarti una degna compagnia, e credo di poter contare di sicuro su due gruppi numerosi, il primo è una ricca famiglia delle Indie occidentali dal Surrey, l'altro un collegio femminile, o liceo, molto rispettabile, da Camberwell. Non ti dirò quanta gente ho coinvolto nella ricerca, è una faccenda molto ingarbugliata, ma il successo ripaga di tutto. La tua affezionatissima, ecc. ecc."

"Be'", disse Mr. Parker una volta finito. "Anche se immagino che Sidney potrebbe trovare qualcosa di estremamente divertente in questa lettera e farci ridere per mezz'ora di seguito, giuro, per quanto mi riguardo, che io non ci vedo nulla se non che sia molto degna di compassione e davvero encomiabile. Malgrado tutte le loro sofferenze, si vede come si preoccupino di fare del bene agli altri! Così in ansia per Sanditon! Due gruppi numerosi, uno probabilmente per Prospect House, l'altro per il numero 2 di Denham Place, o per l'ultima casa del Terrace, e letti extra per l'albergo. Ve l'avevo detto che le mie sorelle erano donne eccellenti, Miss Heywood."

"E sono certa che debbano essere davvero straordinarie", disse Charlotte. "Sono rimasta stupita dall'allegria della lettera, considerato lo stato in cui sembrano essere entrambe le sorelle. Tre denti tolti tutti in una volta! Terribile! Vostra sorella Diana sembra davvero molto malata, ma quei tre denti di vostra sorella Susan sono più angoscianti di tutto il resto."

"Oh! sono talmente avvezze all'intervento, a qualsiasi intervento, e hanno una tale forza d'animo!"

"Le vostre sorelle sanno il fatto loro, immagino, ma i loro provvedimenti sembrano un po' drastici. Credo che se fossi malata, io sarei ansiosa di chiedere il parere di un medico, non mi azzarderei a fare da sola, per me o per qualcuno che amo! Ma d'altronde, noi siamo sempre stati così bene in famiglia che non posso giudicare l'abitudine di curarsi da soli."

"A dire la verità", disse Mrs. Parker, "credo che le signorine Parker talvolta passino un po' il segno, e anche tu lo credi amore mio, lo sai. Spesso pensi che farebbero meglio se si lasciassero più in pace, e specialmente Arthur. So che ritieni sia un gran peccato che gli trasmettano una tale propensione a stare male."

"Sì, sì, mia cara Mary, lo ammetto che è una sfortuna per il povero Arthur, essere incoraggiato, alla sua età, a lasciarsi andare ai malesseri. È un male, è un male che debba sentirsi troppo cagionevole per intraprendere una professione, e che a ventun anni se ne stia in ozio, contando sulla rendita del suo piccolo patrimonio, senza nemmeno provare a incrementarlo, o a impegnarsi in una qualsiasi occupazione che possa essere utile a lui o agli altri. Ma parliamo di cose più piacevoli. Questi due gruppi numerosi sono proprio ciò che ci voleva. Ma... ecco qualcosa più a portata di mano, ancora più piacevole... Morgan con il suo «Il pranzo è servito.»"

     |     altre opere     |     home page     |